lunedì 3 agosto 2020

Preoccupazione per la salute di Benedetto XVI, che sarebbe "gravemente malato"

Una notizia che di certo impressiona; ma secondo me è data in chiave allarmistica. Ho inserito la bellissima foto dell'incontro con Seewald.

ULTIM'ORA dalla versione tedesca di Catholic News Agency: Benedetto XVI è "gravemente malato" a causa di una infezione virale (un doloroso herpes facciale). Il suo biografo, Peter Seewald, che lo è andato a trovare nel fine settimana, dice che è "molto fragile".  
cliccare per ingrandire
Il Passauer Neue Presse riporta altre dichiarazioni di Seewald, che sabato scorso ha presentato a Benedetto XVI la sua biografia sul Papa tedesco. All'incontro, il papa emerito è apparso ottimista nonostante la malattia, dichiarandosi pronto a riprendere in mano la penna non appena gli siano tornate le forze.
Il "PNP" riporta inoltre che, sempre a detta di Seewald, il testamento spirituale del Papa emerito è già ultimato e sarà pubblicato dopo la sua morte. E ricorda che Benedetto ha scelto, come luogo del suo ultimo riposo, nella cripta di San Pietro, la vecchia tomba di Giovanni Paolo II, al quale è sempre intimamente legato e il cui sarcofago ora si trova in una cappella laterale - accanto alla Pietà di Michelangelo -  nella zona d'ingresso della Basilica di San Pietro.
[Traduzione a cura di Chiesa e post-concilio]

17 commenti:

Anonimo ha detto...

Secondo le ultime si tratterebbe di una infezione al volto che sarebbe peggiorata durante il viaggio in Germania, è dolorosa, ma non pare tale da essere classificata letale.

Anonimo ha detto...

Quello che importa veramente è che muoia in grazia di Dio, quando Dio, Uno e Trino, vorrà. Meno interviste, meno visite e più una serena revisione, in solitudine, della propria vita sotto lo sguardo del Signore Gesù Cristo.

Anonimo ha detto...

senectus ipsa est morbus

Il Corriere ha detto...

«Le sue capacità intellettuali e la sua memoria non sono influenzate, ma la sua voce è appena percettibile»

Viator ha detto...

Stridono i commenti sulle ultime volontà e sul luogo della sepoltura. Ci sarà pur tempo per saperlo e speriamo non tanto presto; a Dio piacendo.

Anonimo ha detto...

http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/

matteo ha detto...

in quel testamento spirituale ci saranno tutte quelle cose che avrebbe potuto fare e anche quelle che non avrebbe mai fatto e che ha fatto quell'altro.

ma immaginate una cosa gravissima: immaginate che nel testamento spirituale del papa emerito ci fosse una critica esplicita al magistero del papa regnante...
non mi dite che lo auspichereste, perchè la cosa va sempre letta al contrario...
i modernisti hanno sempre più seguito nel pubblico dei cattolici tiepidissimi... immaginatevi un nuovo Papa che voglia restaurare la Verità, con bergoglio che da vivo e da morto gli smonti tutto...

continuo a pensare che le dimissioni di Papa Benedetto siano state la sciagura più grande, il colpo di grazia ad un postconcilio irrecuperabile.

Anonimo ha detto...

L'articolo originale in tedesco ripreso da tutte le agenzie, con una bella fotografia scattata sabato scorso :

https://www.pnp.de/lokales/landkreis-altoetting/altoetting/Benedikt-XVI.-schwer-erkrankt-Letzte-Ruhestaette-bestimmt-3748245.html

Anonimo ha detto...

@3 agosto 2020 17:15

La Chiesa Cattolica ormai è altrove, dove non so, forse in qualche cuore, forse in qualche valle sperduta, una sorta di Shangri-La Cattolico, che molti stanno cercando e nessuno fin qui è più riuscito a ritrovare nella sua interezza.

Anonimo ha detto...

O. T. : all'inaugurazione del ponte di Genova, Bagnasco (ormai emerito) ha ottenuto la prima fila, a scapito dell'arcivescovo attuale, cui il vecchio Volpone non ha rivolto in pubblico nemmeno la parola, e che guardava con occhi fiammeggianti. Vorrei ricordare a monsignor Bagnasco che il potere terreno non è frutto di Dio, ma del maligno, ed è la cosa più labile ed illusoria che esista. Spiace vedere un uomo di Chiesa attaccato ad una età ormai veneranda, con le unghie e coi denti agli onori umani. Se me faccia una ragione e lasci operare in pace il suo successore.. tutti, su questa terra, siamo destinati a passare e andare. A maggior ragione dovrebbe capirlo un prelato. Ha fatto proprio una magra figura.

Anonimo ha detto...

Preghiamo per il Santo Padre Benedetto XVI... "Dominus conservet eum, et vivificet eum, et beatum faciat eum in terra, et non tradat eum in animam inimicorum eius."

Anonimo ha detto...

Guardi che in questo caso è semplicemente una questione di Cerimoniale di Stato. Nell’ordine di precedenza i cardinali seguono immediatamente il Presidente della Repubblica. Non l’ha deciso Bagnasco quindi.

Anonimo ha detto...

Ma che bisogno c'era che presenziasse, non avendo più legami ufficiali con la città e lasciandovi, diciamo così, un profilo con luci ed ombre, per usare un eufemismo? E poi, la cordialità mancata verso il collega... lasciamo perdere. Figura da dimenticare.

Anonimo ha detto...

Una preghiera va per il ns papa benedetto

Antonio ha detto...

Bergoglio invece l’ha fatto il testamento? Chiedo per pura curiosità. (Magari fa buttare giù l’obelisco al centro del colonnato e lo fa rimpiazzare con una matrioska-pachamama nel cui ventre si fa seppellire.)

Anonimo ha detto...

https://www.clarin.com/mundo/intriga-funeraria-vaticano-increible-historia-papa-francisco-reservo-tumba-quiere-benedicto-xvi_0_GQKhoMlxm.html

Intriga funeraria en el Vaticano: la increíble historia de cómo el papa Francisco se reservó para él la tumba que quiere Benedicto XVI

Anonimo ha detto...

Grazie per la foto, bellissima davvero, temo che a Seewald sia scappata un po' la mano nel raccontare la storia, comunque preghiere per Benedetto e un augurio di pronta guarigione.