lunedì 27 settembre 2021

Video messaggio espressamente dedicato da Monsignor Viganò ai manifestanti del 26 settembre a Torino

Dopo l’estensione del certificato verde aumentano i numeri della protesta. Chi dice no scende in piazza. Testo del Video messaggio espressamente dedicato da Monsignor Viganò a chi, Domenica 26 settembre, ha manifestato in Piazza Castello a Torino. Indice di interventi precedenti e correlati.

Cari amici,
Cari fratelli e sorelle,

permettetemi di unirmi a voi per esprimervi la mia vicinanza spirituale e tutto il mio appoggio. La vostra presenza in questa piazza, come in tante piazze d’Italia, dimostra che vi sono ancora persone che non rinunciano ad esercitare la propria intelligenza e che non sono intenzionate a rinunciare alla propria libertà. 

Siete tornati a riunirvi per esprimere la vostra determinazione a non lasciarvi trarre in inganno dalle menzogne della narrazione dei media di regime, dalle censure delle piattaforme social e delle televisioni, dal terrorismo seminato ad arte per costringervi alla somministrazione di un siero genico sperimentale del quale emergono ogni giorno ulteriori gravi effetti collaterali, anche letali, assieme alla dimostrazione della sua inefficacia nel contenere il contagio. 

Abbiamo capito tutti, credo, che la pandemia è usata come mezzo per ottenere quel Great Reset che da anni era stato pianificato in tutti i suoi dettagli. È sconcertante vedere come tutte le forze politiche, anche quelle dalle quali ci si sarebbe potuti aspettare una qualche opposizione all’instaurazione di questa dittatura sanitaria, si siano rese complici di un’élite di cospiratori criminali. Governanti, magistrati, forze dell’ordine, medici e scienziati, funzionari pubblici e privati, giornalisti, ma anche Vescovi e sacerdoti, e gli stessi vertici del Vaticano: in ogni parte del mondo, tutti seguono uno stesso copione, sotto un’unica regia. Abbiamo visto fino a dove si spinge la loro furia ideologica: discriminare e criminalizzare chi sceglie di non essere parte di questa sperimentazione di massa, mossa da un piano antiumano – perché fondamentalmente anticristico – e da enormi interessi economici. 

Ma se siete tutti consapevoli dell’assurdità e dell’assoluta gravità di quanto avviene da ormai un anno e mezzo; se molti di voi comprendono che il Covid è strumentale alla limitazione delle libertà naturali dei cittadini e all’instaurazione di un regime orwelliano in cui ognuno di noi è tracciato e controllato in ogni sua attività; dall’altro lato occorre andare più a fondo, occorre cioè riconoscere che quanto vediamo accadere risponde ad un progetto disumano da parte di personaggi che odiano non solo la salute del corpo, ma anche e soprattutto la salvezza dell’anima. 

Ognuno di voi, ognuno di noi ha un’anima immortale, creata da Dio e redenta da Nostro Signore Gesù Cristo con il sacrificio della Croce. Per ognuno di noi il Signore ha versato il Suo Sangue, ed è nostro e vostro dovere custodire la vostra anima immortale nella Grazia di Dio, seguendo i Suoi Comandamenti e testimoniando con coraggio la Fede proprio nei momenti in cui essa è minacciata in modo così grave, anche da coloro che attualmente governano la Chiesa, e che si sono schierati dalla parte del Nemico. 

Dobbiamo riconoscere che, se siamo giunti a questo punto, lo dobbiamo in gran parte alla nostra infedeltà, all’aver lasciato che altri decidessero al posto di Dio cosa è giusto e cosa non lo è, all’aver consentito che in nome della tolleranza si consentisse l’omicidio dei bambini nel ventre materno, l’uccisione dei malati e degli anziani, la degenerazione della morale cristiana e la corruzione dei bambini e dei giovani. 

Quanto avviene oggi è il frutto avvelenato di decenni di dissoluzione, di ribellione alla Legge del Signore, di peccati e vizi che gridano vendetta al cospetto di Dio. 

La Provvidenza ci mostra come può diventare il mondo, quando abbandona la Signoria di Gesù Cristo e si pone sotto la schiavitù di Satana. Le mie non sono parole apocalittiche – come qualcuno sostiene – ma un severo monito, come Pastore della Chiesa Cattolica, a tornare a Dio, a riconoscere che dove non regnano Cristo Re e Maria Regina, impera la crudele e spietata tirannide del demonio, che promette fratellanza universale, mentre vuole solo la nostra dannazione.

Vorrei far mie le parole di Giovanni Paolo II, che pronunciò all’inizio del suo Pontificato nel 1978: «Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! alla sua salvatrice potestà. Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! Gesù Cristo è Re e Signore della Storia, nelle Sue mani sono le sorti e i destini di ciascuno di noi, degli Stati e della Santa Chiesa. Egli non permetterà che soccombiamo dinanzi all’assalto del nemico del genere umano. Ritornate, ritorniamo tutti a Lui, con la fiducia del figliuol prodigo che chiede umilmente al padre di perdonarlo e di riaccoglierlo nella sua casa. Ritorniamo ad essere Cristiani, fieri della nostra Fede e della civiltà che la Religione ha edificato nel corso di duemila anni di Storia, e di cui la nostra amata Patria, l’Italia, ne è stata la culla. Ritorniamo a difendere nell’impegno civile e politico quei valori non negoziabili che oggi vediamo negati e conculcati. Ma soprattutto – vi prego, vi scongiuro: ritorniamo a vivere nella Grazia di Dio, a frequentare i Sacramenti, a praticare le virtù, ad essere Cristiani coerenti con le promesse del Battesimo, autentici testimoni di Cristo. 

E perché questo giorno in cui manifestate pubblicamente e con coraggio la vostra opposizione all’incombente tirannide non rimanga sterile e privo di luce soprannaturale, vi invito tutti a recitare con me le parole che il Signore ci ha insegnato. Facciamolo con fervore, con slancio di carità, invocando la protezione di Nostro Signore e della Sua Santissima Madre su noi tutti, sulle nostre famiglie, sulla nostra Patria e sul mondo intero: Padre nostro, che sei nei cieli, sia santificato il Tuo Nome, venga il Tuo regno, sia fatta la Tua volontà come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano, rimetti a noi i nostri debiti, come noi li rimettiamo ai nostri debitori e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal Male. Amen.

+ Carlo Maria Viganò, Arcivescovo
26 Settembre 2021
Dominica XVIII Post Pentecosten

11 commenti:

Anonimo ha detto...

"...Dobbiamo riconoscere che, se siamo giunti a questo punto, lo dobbiamo in gran parte alla nostra infedeltà, all’aver lasciato che altri decidessero al posto di Dio cosa è giusto e cosa non lo è, all’aver consentito che in nome della tolleranza si consentisse l’omicidio dei bambini nel ventre materno, l’uccisione dei malati e degli anziani, la degenerazione della morale cristiana e la corruzione dei bambini e dei giovani..."

Carlo Maria Viganò, Arcivescovo

Anonimo ha detto...

Intanto nelle chiese accadono episodi che dimostrano come l'Italia repubblicana
le forze di polizia rendono ONORE al rispetto della Costituzione e anche i parroci danno il loro attivo contributo alla libertà di culto cattolico....
-------------------
[ Video pubblicato sul canale @Liberamenteparliamo
t.me/liberamenteparliamo/339959]

Non sono immagini che vengono dalla Cina comunista o da qualche altra criminale dittatura del passato. Sono immagini che vengono dall'Italia sotto il regime di Draghi. Alcuni fedeli vengono portati via come pericolosi criminali da una chiesa a Pescara per il semplice fatto che non indossavano la mascherina.
Non portare la mascherina non costituisce un reato. Non si commette alcun delitto.
[E'casomai una violazione amministrativa, derivata dai dpcm e dl a seguire... per la quale si fa un verbale di accertamento, che non produrrà ALCUNA SANZIONE LEGITTIMA: questo per chiarire i dubbi a chi non sapesse la differenza tra sanzioni legittime e illegittime].
Entrare in chiesa e arrestare qualcuno che non porta la mascherina quello si è reato e si chiama abuso d'ufficio, ma anche VIOLENZA PRIVATA, da denunciare prima che diventi norma illegale, ma accettata supinamente da tutto il popolo, come purtroppo vediamo da 16 mesi.
Quella che stiamo vedendo nel video è la parte peggiore della polizia. Sono mercenari che disonorano la divisa, la patria e il popolo italiano e che ancora difendono questo infame regime. Questo è comunque quello che accade quando il totalitarismo mondialista prende il sopravvento. Gli abusi commessi dai tiranni al potere non vengono chiamati crimini. Vengono chiamate "regole".
-----------------------
domanda mia personale, alla quale non ho avuto risposta da vari blog cattolici:
QUESTE sono le condizioni per adempiere il PRECETTO DOMENICALE ?
cioè attualmente, è QUESTO che Dio vuole da noi circa il 3. comandamento ?

Anonimo ha detto...


Ma la polizia è entrata in chiesa di sua iniziativa o è stata chiamata dal parroco?
Qualcuno l'avrà pur chiamata.
Il dettaglio ha la sua importanza.

mic ha detto...

Non conosco il video segnalato ma trovo irragionevole pensare ad un intervento della polizia (attendibilmente chiamata da qualche fissato) in ragione delle mascherine... Se fosse vero saremmo alla follia!
In ogni caso il degrado attuale coinvolge anche le forze dell'ordine, ma non farei di ogni erba un fascio...

Anonimo ha detto...

Circa l'episodio di Pescara è stata pubblicata su alcuni giornali una cronaca più completa da cui si evince che i personaggi, piuttosto esaltati, abbiano fatto una specie di raid per sobillare i fedeli presenti circa le maschere, in modo plateale e assolutamente irrispettoso verso celebrazione, per cui è stato inevitabile chiamare le Fdo, con arresti conseguenti.
-------------------------------------
Accadono però ormai anche fatti tristissimi in varie parrocchie, come qui riferito da un utente:
Da noi il parroco fa entrare solo quelli con il GREENPASS. Giorni fa c'è stato un funerale, per il quale ha chiuso le porte della chiesa anche alla figlia !
(sta diventanto un ricatto diffuso, analogo a quello di tutti gli ambienti di lavoro)

Anonimo ha detto...

Ascoltato su La7
L'ex min. Roberto Castelli: « ...sono una vittima del vaccino, vaccinato a fine luglio ho passato agosto e settembre con febbre e ho sempre il livello di D-dimero (rischio trombosi) elevatissimo, sono una sorta di un dead-man walking. Mia moglie invece si è presa Covid e sta benissimo. Ora sarò oscurato perché porto una narrazione diversa da quella del mainstream.
Non sono novax, tanto è vero che mi sono vaccinato ma adesso ci penserei due volte... »

Anonimo ha detto...

Disgraziatamente anche le rare persone non vaccinate che conosco, che hanno resistito finora, hanno prenotato per il vaccino perché non possono permettersi di perdere il lavoro e il sostentamento. E io le comprendo.
A questo punto, sia pure con grande ritardo, un aiuto dovrebbe venire da Gesù Cristo, ma le Sue predilezioni sembrano essere decisamente per il mondialismo. È difficile decifrare questi misteri, che, come ho potuto constatare di persona, sono causa della perdita totale della fiducia in Dio e sovente della Fede.
Anch'io ne sono spesso scosso e non chiedo più nessuna grazia particolare. Dico solo: sia fatta la Tua volontà!

Anonimo ha detto...

Renato Manzo:
A Milano un gruppo di clandestini ha occupato un edificio già occupato illegalmente da un centro sociale. Provate ad indovinare quante macchine della Polizia sono andate a ristabilire l'ordine. Ah, già che ci siete, provate ad indovinare se portavano la mascherina.

Anonimo ha detto...

Buongiorno.
Se qui è presente, come leggo nell'ultimo commento sopra, Renato Manzo, responsabile del gruppo stabile di Pescara per la Messa antica, creato grazie al MPSP di BXVI, vorrei sapere da lui se il gruppo è ancora attivo o ha dovuto soccombere agli ultimi diktat del vertice (e vescovi allineati), e se ritiene di poter creare un canale telegram per le info, più agevole per stabilire contatti e incontri tra fedeli della Tradizione.

Anonimo ha detto...

All'anonimo 22:46
ho molte cose da obiettare e consigli utili da dare e offrire a tutti i conoscenti e parenti che corrono al vax "per disperazione" o per non perdere il lavoro.
NON è affatto vero che il Signore predilige la vittoria dei satanisti del NWO.
Ci sta mettendo alla prova ? Sì! mai come in tutta la storia umana forse: e in special modo sta mettendo alla prova gli italiani !
Certo che per noi è una prova durissima di resistenza e di BATTAGLIA IN FAVORE DELLA VERITA' E DELLA GIUSTIZIA. E perchè sotrrarsi e correre inb raccio ai nemici dell'umaità, servi di satana ?
avete letto che mons. Viganò ha ribadito che il vax è un RITO SATANICO ?

Ma è deprimente vedere come tanti italiani si adagiano nel vittimismo e nelle INERZIA PASSIVA davanti alle minacce e ai ricatti dei datori di lavoro.
Quei cittadini che soccombono devono prima di tutto RIFARE LA SCALA DEI VALORI:
che cosa metto al primo posto ? il lavoro ? (come recita la Cost. italiana che non è impostata su valori cristiani, pur avendo una sua solidità giuridica)?
i soldi ? la carriera ? i beni di consumo anche superflui ?
- Io penso che al primo posto debba regnare Dio: Nostro Signore Salvatore del mondo, con la VIA che ci ha offerto, che è Lui stesso e il suo Vangelo da VIVERE con Fede, perchè non è utopia ma realtà concreta, che si fa carne.
- Poi, uniti a LUI, che salva TUTTO l'uomo c'è LA VITA !
a che giova infatti andare a vaccinarsi, se con quel veleno satanico (come ha ribadito mons. Viganò) si perdono LA VITA E LA SALUTE, restando gravemente invalidi ? come potranno lavorare se SCELGONO LA ROVINA TOTALE ? e la schiavitù satanica, visto che queste TERAPIE GENINCHE SONO FATTE PER TRACCIARE E SCHIAVIZZARE LE PERSONE, DISUMANIZZANDOLE ? è somma STOLTEZZA andare al vax sapendo che è scelta di MORTE !
----------------------------------
Altre cose UTILI potrei dirle a tutti in pvt, segnalando CANALI (telegram) DI ESPERTI DI DIRITTO, che stanno aiutando tantissimi cittadini ad OPPORSI AL RICATTO GPASS A NORMA DI LEGGE, IN AUTOTUTELA (senza pagare i noti avvocati del web, che spesso per loro interesse portano solo a ricorsi falliti, ma sempre dispendiosi).
e li salvano dalla disperazione, perchè I buoni FRUTTI già ci sono da mesi !
Il ricatto del datore di lavoro è UN REATO CHE DEVE ESSERE DENUNCIATO: una denuncia penale è gratuita e si fa secondo una procedura semplice che segue alcuni step precisi, da personalizzare secondo le diverse CATEGORIE DI LAVORATORI.
Il lavoratore che soggiace prima al ricatto del TRUFFA-TAMPONE (grande supporto della dittatura fin dal 2020) e poi fatalmente al vax, corre CON VOLONTà suicida e coi suoi piedi alla morte, e inoltre collabora alla grande con i dittatori criminali: per IGNAVIA e rinuncia a conoscere la VERITA'che rende liberi !
la maggiore tragedia degli intaliani sta in questo: IGNORANZA VOLONTARIA e superba pigrizia nel rifiutare di informarsi sulla legge che TUTELA IL DIRITTO SOGGETTIVO:
Se NOi difendiamo la legge, essa difenderà noi: chiediamo e OPERIAMO PER LA GIUSTIZIA ed ESSA ci verrà data e sarà riaffermata da noi ed altri suoi operatori LEALI
(ma occorre farlo nei modi giusti, non seguendo i tanti volponi che approfittano delle sciagure italiane...)

Da weltanschauung Italia ha detto...

Siamo una parte di popolazione inquieta, ci preoccupiamo del come fare ogni cosa dato che le maglie sono sempre più stringenti. Tutto è diventato un ostacolo, dall'accompagnare il figlio a scuola, all'andare al pronto soccorso o al lavoro.

In realtà la vita va avanti serena, siamo noi che la viviamo "male".
La stragrande maggioranza della gente sta benissimo col suo green pass. È contenta di riassaporare la nuova grottesca normalità.

Guardateli per le strade. Non gliene importa nulla di come la vivete male voi, siete un corpo estraneo. Loro parlano di altro. Si dedicano ad altro.

Domenica pomeriggio siamo passati al no paura day di Torino, poche centinaia di persone "tese" a seguire quanto si diceva sul palco, poi ci guardavano attorno e vedevamo gente che faceva shopping tranquillamente mascherata, coppie che prendevano il gelato in tranquillità, giovani che passavano vicino alla piazza guardando i presenti con sprezzo (alcuni facevano il dito medio).

Questo è.
Una società ormai scissa, divisa, dove la grande maggioranza è ligia, obbediente e vuole fare la sua vita di sempre senza scocciature. C'è poi una minoranza che invece rimane inquieta e arrabbiata.
Questi ultimi vengono percepiti ormai solo con fastidio e, al massimo, con un po' di compassione.