Pagine fisse in evidenza

sabato 4 gennaio 2014

Sacerdote rimosso dalla Parrocchia di São Caetano do Sul (Brasile) perché celebra la Messa Antiquior

Ci scrive il nostro lettore Rafael B. dal Brasile:
Cari amici, vi trasmetto questa triste notizia del nostro parroco che è stato rimosso dalla sua parrocchia in Brasile [Parrocchia della Madonna della Prosperità, nella città brasiliana di São Caetano do Sul, Diocesi di Santo André] perché celebrava in rito tridentino! Era l’unica parrocchia dove i fedeli di questa diocesi potevano seguire la liturgia antica ogni giorno. Vi preghiamo di aiutarci a divulgare questa tragedia affinché la tradizione possa essere preservata nella nostra diocesi e il nostro diritto alla Messa in rito tridentino possa essere rispettato. Sono a vostra disposizione per qualsiasi informazione.
Questo il link che ci manda. C'è la traduzione del testo su MiL.

27 commenti:

  1. Vi preghiamo di aiutarci a divulgare questa tragedia affinché la tradizione possa essere preservata nella nostra diocesi e il nostro diritto alla Messa in rito tridentino possa essere rispettato

    Certamente è utile diffondere queste notizie. Pensiamo anche solo allo stato d'animo del sacerdote. E a quello dei fedeli.

    Però è utile diffondere queste notizie perché ci ricordano che ovunque sta capitando la stessa cosa: sacerdoti che celebrano la Messa di sempre sono messi alle strette.

    Quindi a questo punto mi sembrano più giustificate che mai le rimostranze rivolte alle autorità competenti (diocesane e vaticane).

    Al tempo stesso però dovrebbe risuonare più forte che mai anche un camapnello d'allarme! Svegliamoci, non si può ubbidire e basta quando é in gioco l'essenza stessa della vita cristiana: la santa Messa. Questo vale innanzi tutto per questi poveri sacerdoti, ma vale anche per i fedeli: sosteneteli, anche se fossero costretti a dover celebrare in un hangar!

    Ma questo coraggio purtroppo manca a tanti biritualisti...

    RispondiElimina
  2. https://www.youtube.com/watch?v=fKMM8Q-9x8Y ecco cosa si deve fare per non esser rimossi

    RispondiElimina
  3. Nella Nuova Chiesa se quel sacerdote avesse celebrato a favore di aborto, divorzio, matrimoni omo e di qualsiasi altro dogma globale politicamente corretto sarebbe tranquillamente riverito e al suo posto. Vale forse ancora di più anche per l'Italia.
    Miles

    PS: e a proposito di nuova chiesa per un nuovo ordine, avanti a passo di carica:

    http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/2014/notizia/papa-da-gay-nuove-sfide-educative-_2018986.shtml

    RispondiElimina
  4. Quando un Papa punisce un Ordine religioso per delle colpe ancora sconosciute, senza dare ai Frati accusati e indagati la possibilità di difendersi, e di essere difesi, quando in virtù del suo potere sopprime la Messa Tridentina ai religiosi e ai loro fedeli, quando un Papa non ha nessuna cura del male e delle sofferenze che il suo intervento ha provocato, possiamo solo dirci che questo è il regime dittatoriale nel quale i cattolici vivono con a capo un Pastore che non teme di tagliare e sopprimere quel che non gli va a genio.
    Non dare ai FFI la possibilità di difendersi, non averli convocati, non averli ascoltati, è un atteggiamento contrario non solo alla Misericordia ma alla giustizia.
    Papa Bergoglio, dopo aver annunciato che il 2015 sarà un anno dedicato alla vita consacrata, guardando il card. Braz de Aviz e il segretario della Congregazione per i religiosi, ha detto, sorridendo:

    "È colpa loro, è una loro proposta: quando questi due si incontrano, sono pericolosi’, provocando così l’ilarità di tutta l’assemblea”.

    Sull`ilarità evito di commentare, rischio di avere parole troppo forti, ma su una cosa papa Bergoglio ha visto giusto, quei due sono molto pericolosi, stanno semplicemente devastando, distruggendo, un Ordine religioso.
    E lo fanno con il suo accordo.

    RispondiElimina
  5. Che poi "quei due" abbiano avuto il coraggio di proporre a Bergoglio un anno dedicato alla vita consacrata, con quello che stanno facendo ai FFI, ma non solo, potrebbe strapparci un sorriso amaro, ma così vanno le cose in questa chiesa.

    RispondiElimina
  6. " Ma questo coraggio purtroppo manca a tanti biritualisti... "

    Biritualisti ?
    Os que não são nem carne nem peixe ?
    Ou que querem ser as duas coisas ao mesmo tempo ?
    Uma aberração.

    RispondiElimina
  7. Beh, non dico di essere contento di leggere queste cose, ma da mesi postavo su vari siti i racconti sconcertanti di fedeli sudamericani che lamentavano impedimenti di ogni genere dell'attuazione del SP, e pare che in Argentina si distinguesse parecchio il primate nella soppressione del rito tradi, usando anche parole non propriamente rispettose ed eleganti nei confronti del pontefice che tale atto aveva promulgato, solo Luisa ed io, modestamente, mandavamo richiami su video youtube delle 'celebrazioni' lecite, ma nessuno ci dava credito......adesso avranno di che riflettere, e la cosa non riguarda solo il SP, ma i 2 pontefici precedenti, perché il vdr fa sempre e soltanto riferimento a G XXIII e Paolo VI......intelligenti pauca.....mi fa sorridere amaro l'anno dedicato alla vita consacrata, l'anno sacerdotale indetto da BXVI è stato segato e boicottato in ogni modo.....sunt lacrimae rerum,hoc est terribile tempus.Lupus et Agnus.

    RispondiElimina
  8. intanto i domenicani chiudono conventi (v. Esistenzialmente periferico). Beh, almeno non saranno accusati di creare mostri con i novizi.
    ma Bergoglio conosce i metodi educativi che un tempo avevano i colleges inglesi e americani o quelli prussiani ed asburgici prima, tedeschi ed austriaci dopo ?
    Tutti i sistemi educativi, religiosi o laici, seguivano certi metodi, rigidi, duri, disumani, se vogliamo, non solo gli ordini religiosi. erano eccessivi? forse, ma ora si pecca nel senso opposto.
    Con tutte le critiche che dall' Illuminismo in poi sono state mosse alla chiesa proprio per gli ordini religiosi, sarebbe stato piu' prudente evitare certi toni e parole, perche' la riunione era si a porte chiuse, ma ne e' stato dato ampia sintesi su Civilta' cattoica, che e' diventata ora la rivista di riferimento della nostra stampa laica, anticlericale e massona. infatti ieri ne parlavano tutti i TG.
    Rosa

    RispondiElimina
  9. Lupus ed Agnus, non é che non si dà credito a quei messaggi. Dal centro Europa se ne potrebbero mandare di messaggi... Il problema é reagire. Non fare la contro-rivoluzione, ma reagire con compostezza e senza abdicare.
    Non ti danno la parrocchia, celebra dove puoi, con dignità e rispetto. La Messa il sacerdote la deve dire innanzi tutto per la gloria di Dio!
    Se poi ha forza di gridare gridi, ma prima offra come meglio riesce la Messa di sempre al Signore. E i fedeli seguano, quelli che sono coerenti.
    L'esempio é lì davanti agli occhi, guardate come sono stati trattati i preti lefebvriani subito dopo il concilio, quelli che non hanno aderito alle "riforme". E come hanno reagito? Io so di un parroco che per anni ha celebrato in un garage perché gli avevano tolto la chiesa.

    Ma arriveranno tempi peggiori, e penso non siano lontani, in cui il santo sacrificio sarà abolito. Non pensate che la profezia si riferisca alla Messa di sempre?

    RispondiElimina
  10. Quel colloquio avrebbe dovuto restare a porte chiuse ma troppo bella era l`occasione per p. Spadaro di prendere su di sè un pò dell`attenzione onnipresente su Jorge Bergoglio, e il Papa vi consente.
    Ci sarebbe molto da dire sulle parole del Papa che, dicendo che non bisogna fare psicologismo ne farcisce, ancora una volta, i suoi propositi.
    Come prevedibile i media si gettano come dei rapaci sull` esempio che ha dato di un ragazzina la cui mamma aveva una "fidanzata" che non le voleva bene, come scrive Magister :"a proposito delle coppie omosessuali (frase immediatamente gettata in Italia nella mischia politica, col papa disinvoltamente associato al “progresso”): “.

    RispondiElimina
  11. Discutir com Bergoglio ?

    Vejam:

    http://www.youtube.com/watch?v=nP54T4Rxb2U

    RispondiElimina

  12. Una Chiesa povera per i poveri :

    http://ilsismografo.blogspot.ch/2014/01/papa-gmg-rio-janeiro-donazione-per-coprire-debiti.html

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  14. anche il wall street journal ha scelto bergoglio come number one di quest' anno. ci manca il new york times e la sacra triade del giornalismo americano NWO e' completa. E ' come se ai tempi il Sinedrio e il Senato avessero accolto tra loro S.Pietro e S.Paolo con tutti gli onori !
    rosa

    RispondiElimina
  15. @ Viandante, sarebbe a dire che chi non è d'accordo colle direttive romane anche se non specificatamente tradi deve tornare nelle catacombe ? E coloro che devono per forza seguire certe 'messe' cosa devono fare? Lei mi instilla preoccupanti interrogativi.....Lupus et Agnus.

    RispondiElimina
  16. Effetti prevedibili della frenetica ipercomunicazione di e attorno papa Bergoglio: ilPapa incontra i superiori degli ordini religiosi maschili e parla con loro, padre Spadaro prende nota e pubblica, il tutto finisce sulla stampa con la consueta rilettura e le interpretazioni, e così leggiamo sui media, compreso vatican insider, che il Papa ha parlato di "unioni gay" e di figli di quelle coppie, in realtà, a meno che Spadaro abbia "censurato" il Papa, Bergoglio ha parlato di "situazioni che viviamo oggi", non ha parlato di unioni gay e di "figli" di queste unioni, un`aberrazione e una menzogna ( le"coppie " omosessuali sono per natura sterili), che un Papa non può certo legittimare o ratificare.
    Ma questo è il messaggio che sta passando sui media, si dirà che il papa rivoluzionario rivoluzionerà anche la dottrina della Chiesa, e il popolo bue ci crederà.

    RispondiElimina
  17. In Brasile, accadono cose strane. Nella mia città, il prete che dice la Messa tradizionale è un modernista, e i nomi più frequenti nelle sue omelie sono quelli di Raniero Cantalamessa e Giovanni Paolo II. La Messa Novus Ordo del vescovo, invece, è abbastanza seria e rispettosa. Tra le due, purtroppo, devo scegliere quasi sempre la seconda. Non posso neanche sentire il nome di Cantalamessa. Non riesco.

    RispondiElimina
  18. Rosa (18:14), il quartier generale della nuova chiesa è ormai praticamente omologato e subalterno, con ossequio, ai Poteri Forti del mondo.
    Così le potentissime centrali mediatiche dei suddetti poteri rilasciano all'unisono attestati di benemerenza. Una cosa è certa: li rilasciano solo a quelli che riconoscono come dei loro.
    Miles

    RispondiElimina
  19. Il Papa abolisce il titolo di Monsignore per i preti al di sotto dei 65 anni



    http://vaticaninsider.lastampa.it/vaticano/dettaglio-articolo/articolo/francesco-francis-francisco-31036/

    RispondiElimina
  20. Sarebbe utile e doveroso di fare un sommario del primo anno di Bergoglio:

    1) ha espresso se stesso in modo aperto come eretico

    2) ha bestemmiato

    3) ha mostrato se stesso pertinace

    4) è mosso per distruggere elementi essentiali della Chiesa

    5) fa il contrario del suo consiglio

    6) ha mostrato accoglienza per i nemici della Chiesa

    7) ha mostrato odio e malizia per i christifideli

    8) ha menzognata ad ongi vicenda


    Quindi, vi chiedo pubblicamente se Bergoglio è un seguace del Anticristo?

    Se è in schisma con la Chiesa Cattolica?

    Se ha perso il suo ufficio papale?

    Se è doveroso per ogni fidele, cardinale, vescovo, sacerdote ecc. di resitere a lui?

    Romano

    RispondiElimina
  21. E quel che pensa il gesuita Georg Sporschill, secondo lui papa Betgoglio "vive la Bibbia in prima persona e per questo può riformare tutte le altre regole, leggi e dogmi della Chiesa"!

    http://www.finesettimana.org/pmwiki/uploads/Stampa201312/131231sporschill.pdf

    Gli risponde De Mattei:

    http://www.corrispondenzaromana.it/affidiamo-il-2014-a-maria-regina-della-storia/

    RispondiElimina
  22. RAOUL DE GERRX4 gennaio 2014 21:28

    Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  23. Lupus et Agnus,
    io parto dal presupposto che la Tradizione assieme alle Sacre Scritture costituiscano le fonti della Rivelazione. Una e l'altra. Quindi coloro che amano la Tradizione e le portano riguardo perché è una delle fonti della Rivelazione, ritengono che le verità che la Tradizione cattolica ha sempre credute siano ammirabilmente presenti nella Messa di sempre. Quella del Novus Ordo ne é invece carente e si presta ad ambiguità, come dissero i cardinali Ottaviani e Bacci.

    Data questa premessa mi pare evidente che chi crede e tiene in considerazione la Tradizione, non può accettare la Messa del Novus Ordo a cuor leggero.
    Non é questione di sensibilità, ma di coerenza, di verità.

    Prenda l'esempio riportato nel commento di Luis Luiz qui sopra, le sembra normale che il prete che dice la Messa di sempre sia un modernista? Ebbene il problema é proprio quello! La Messa di sempre ci deve portare alla Tradizione e difatti ci porta più facilmente dell'altra.
    Ma se il prete che la officia é un modernista, mi chiedo cosa offrirà ai fedeli nella predica. Forse il contrario di ciò che invece i riti liturgici suggerirebbero?

    Lo so, la questione é delicata, ma di compromessi negli ultimi decenni ce ne sono già stati troppi.

    E per chi deve seguire per forza certe Messe? La prima forza che ci deve spingere alla Messa é la fede in Cristo e la fedeltà ai suoi insegnamenti che Tradizione e Scritture ci hanno trasmesso. Una Messa protestante quindi non fa al caso. Le altre valuti lei da che parte stanno. Io mi faccio quasi un'ora per andare a Messa; se non avessi la patente non so cosa farei, ne parlerei sicuramente con un sacerdote che ama la Tradizione prima di avventurarmi in riti ormai divenuti in alcuni casi pseudocristiani.
    Ma d'altronde cosa fa un cattolico in un paese completamente buddista? Cerca di vivere ugualmente da buon cristiano entro i limiti che la situazione gli permette.

    RispondiElimina
  24. Ho dimenticato di mettere il link all`articolo di vatican insider( redazione = Tornielli o forse Galeazzi),

     http://vaticaninsider.lastampa.it/vaticano/dettaglio-articolo/articolo/nozze-gay-gay-marriage-matrimonio-homosexual-31023/

    Articolo emblematico della poca serietà dei media.
    L`articolo in introduzione e nel titolo parla di "coppie gay-omosessuali" e dei loro "figli" attribuendo quelle parole al Papa, salvo poi a trascrivere nella conclusione quel che ha in realtà detto Bergoglio.

    RispondiElimina
  25. Per Sacerdoti e fedeli tradizionali arriveranno a breve tempi molto difficili.Non riesco neanche a fare previsioni tanto la situazione e' diventata imprevedibile e pericolosa .Purtroppo nelle diocesi,visto quello che succede a Roma ,si scatenera' la caccia a quei giovani preti che erano usciti allo scoperto col pontificato di Papa Benedetto.Che il Signore e la Madonna aiutino la Chiesa Cattolica.Paul

    RispondiElimina
  26. luisa il papa stesso parla di una coppia gay e dei problemi con i figli!

    RispondiElimina
  27. Caro Viandante, grazie per la sua cortese risposta, ma qui non ci sono né preti che sappiano o vogliano celebrare il VO, né tantomeno esiste la volontà pratica di ovviare a questo, pertanto bisogna di necessità far virtù e dire sottovoce, come mi aveva insegnato mia madre da piccolo,"Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno".Lupus et Agnus.

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori del blog.