Pagine fisse in evidenza

venerdì 21 marzo 2014

Siria: Cristiani come animali

Marco Tosatti su La Stampa - L’arcivescovo metropolitano della Chiesa apostolica ortodossa di Antiochia Antonio Chedraui Tannous, ha affermato oggi che i cristiani di Siria sono ammazzati come se si trattasse di animali, nel momento in cui la comunità internazionale “si è tappata gli occhi e non vuole sentire”.  
L’arcivescovo parlava a José Gálvez Krüger direttore dell’Enciclopedia Cattolica, che fa parte del gruppo ACI. E denuncia che “senza dubbio la chiesa ortodossa antiochena vive un martirio interminabile: sequestro dei due arcivescovi e di alcuni sacerdoti, mattanza di sacerdoti e fedeli innocenti che non hanno niente a che edere con ciò che sta accadendo. Persecuzioni, distruzione di chiese, assassini. E la cosa peggiore e più barbare e che si uccidono i cristiani come si ammazzano gli animali, e tutto questo, nel nome di Dio”. E continua il prelato: “Mi chiedo: che cosa ha a vedere questo con la lotta per la democrazia o la libertà in Siria? I criminali, nella loro maggioranza, sono stranieri, che vengono dall’Arabia Saudita, dalla Turchia, dalla Cecenia e da altri Paesi”. Se i ribelli lottassero per la democrazia “sarebbero stati siriani, e non mercenari stranieri”.  
“Se l’occidente con in testa gli Stati Uniti e altri Paesi come l’Arabia Saudita e la Turchia non fossero intervenuti mandando denaro e armi, non saremmo al punto in cui siamo in Medio Oriente; e le Nazioni Unite, che ricevono ordini dagli Stati Uniti, non si interessano dei diritti umani e ancor meno di quelli dei cristiani in Medio Oriente”. Obama, secondo il vescovo ha sviluppato una politica ancora più aggressiva e peggiore di quella di Bush nella zona.  

35 commenti:

  1. Come pecore al macello, certo 0 bama ha vinto il Nobel per la pace, intanto la guerra la fa fare agli altri, siccome tra 4 5 anni lascerà definitivamente il Medioriente, nel frattempo scatena guerre tribali in Libia, Sudan, Somalia, in Irak e Siria si è deciso di usare fortune soldiers, ivi compresi tantissimi mercenari europei = macellai anche a fianco degli israeliani.....il finale? Cacciare i pochi cristiani dopo averne ammazzati un bel po' tra l'indifferenza di una Europa boriosa e presupponente che conta meno del 2 di briscola, che è talmente cieca da non vedere che ha una guerra pendente dietro alle terga da cui dipende il suo destino energetico, perché noi e tedeschi prendiamo il 60 % del gas di Putin Bush era un genio rispetto a questo blabla di prsidente uno dei peggiori guerrafondai del mondo e che fasnno tutti? Inchini e silenzi kissass in blocco, ma quando ci sveglieranno i mln. di mussulmani che hanno invaso i nostri paesi sarà troppo tardi e intanto il vdr vincerà il prossimo Nobel e ogni giorno sbarcano a migliaia, accogliere, accogliere, periferie periferie : Libera, S. Egidio. Emergency ed altre trappole per gonzi, ma nessuno di voi ha visto il film Hotel Ruanda e visto che cosa fa l'Onu??? Ma che ce sta' a' piglia' per o'..... Anonymous.

    RispondiElimina
  2. una sola fede21 marzo 2014 10:35

    Posto due stralci di un articolo pubblicato da Tempi, ai quali ho accostato un versetto del Vangelo ciascuno, perché sia un memento PER NOI TUTTI, specie qua in Occidente e specie per tutti coloro che se la passano piuttosto bene nella vita, che cosa significhi VIVERE fino in fondo il Vangelo, e non solo parlarne o scriverne…
    http://www.tempi.it/siria-ecco-i-frutti-della-carita-di-cristo-dentro-linferno-della-guerra#.UywD7Pl5ORY

    1) “Makarios racconta la storia di Antoine, Mikhail e Sarkis. Insieme ad altri si trovavano in una casa al momento della presa della località. Riuniti in una stanza pregavano: «SE DOBBIAMO MORIRE, MORIREMO CRISTIANI». Quando i ribelli sono entrati nell’edificio ai presenti hanno detto: «Avete salva la vita». Ma appena Mikhail e Sarkis sono usciti dalla casa, sono stati abbattuti dai ribelli che sostavano fuori. Al 21enne Antoine, studente di ingegneria, i jihadisti hanno imposto: «Se non ti converti all’islam, morirai». Le sue ultime parole: «SONO NATO CRISTIANO E MORIRO’ CRISTIANO».


    “Perché chi vorrà salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia e del vangelo, la salverà”.
    (Mc 8,35)



    2) E poi non possiamo fare a meno di mostrare a questa gente il volto di Cristo. Per questo aiutiamo tutti senza porre condizioni».
    La scelta sembra dare risultati, se è vero quello che il vescovo racconta. «A una suora, una donna sfollata di famiglia musulmana ha detto: “È LA PRIMA VOLTA CHE INCONTRIAMO DEI CRISTIANI, nella nostra zona d’origine non ce ne sono. Non siete come ci avevano detto. NOI VI STIAMO UCCIDENDO E VOI CI STATE DANDO DA MANGIARE!”»


    “Ma a voi che ascoltate, io dico: Amate i vostri nemici, fate del bene a coloro che vi odiano”
    (Lc 6,27)

    RispondiElimina
  3. Pio xii tentò su Hitler un esorcismo a distanza. Non credo che Francesco i abbia la stessa intenzione di operare sui nemici di Dio. Obama infatti necessita, come d'altronde altri capi di stato e governi, di essere esorcizzati. Ma oggi invece gli uomini di Chiesa a questi stringono le mani e sorridono sornioni, regola che hanno appreso cinti di grembiulino con squadra, compasso e triangolo.

    RispondiElimina
  4. una sola fede21 marzo 2014 10:54

    Chiedo scusa per avere erroneamente inserito questo post in un thread sbagliato (quello della Scuola in famiglia), perciò lo riposizionerei al suo giusto posto, cioè qua, ovviamente, se mi è permesso, nella speranza che nel frattempo si possa evitare di pubblicarlo nell'altro...


    Ecco alcuni estratti da un articolo pubblicato sul sito della CARITAS ITALIANA:
    http://www.caritas.it/home_page/notizie/00004595_17/03/2014___Siria__tre_anni_fa_l_inizio_del_conflitto._Caritas_sempre_accanto_alla_popolazione.html

    “I morti sono ormai oltre 140.000 e i rifugiati ufficialmente registrati alla data dell’11 marzo presso l’UNHCR, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, sono a quota 2.560.000.
    Il VESCOVO caldeo-cattolico di Aleppo, Mons. Audo, ricorda con tristezza questo inizio di quaresima, periodo che nelle chiese orientali è vissuto con grande partecipazione:
    «MOLTE CHIESE SONO VUOTE, PRESE A BERSAGLIO DALLE BOMBE E DISSACRATE».
    Aleppo, dove Mons. Audo è vescovo da 25 anni, è devastata e si è ormai abituati a vivere ogni giorno “con la sua dose giornaliera di paura e distruzione”. L’incertezza e la paura consumano le forze fisiche e spirituali. Si vive con il rumore delle bombe e delle raffiche, senza sapere dove sarà il prossimo scoppio, o dove cadrà il prossimo ordigno.

    C’ERANO 45 CHIESE CRISTIANE AD ALEPPO, ORA PER LO PIU' ABBANDONATE, poiché la maggioranza dei cristiani è fuggita. Rimangono i più poveri, ALLA CONTINUA RICERCA DI UN PO’ DI PANE nei pochi negozi aperti.
    MOLTI MEDICI SONO STATI COSTRETTI A LASCIARE GLI OSPEDALI e solo alcuni chirurghi coraggiosi hanno deciso di restare. L’ELETTRICITA’ E’ SCARSA E MANCA PERFINO L’ACQUA PER LAVARSI.

    Mons. Audo, e con lui gli operatori e i volontari di Caritas Siria, ha preferito restare «nelle strade, per capire le sofferenze del mio popolo e grazie al sostegno e alle preghiere di molte persone in tutto il mondo. Cammino fra la polvere e le macerie, ma non ho paura».


    CARITAS ITALIANA
    c/c postale: 347013
    Causale: “Emergenza Siria”


    Insieme alla preghiera costante per questi fratelli, ricordiamoci sempre delle esortazioni che ci vengono direttamente dalla Parola di Dio:

    “Quanto poi alla colletta in favore dei fratelli, fate anche voi come ho ordinato alle Chiese della Galazia”.
    (1Cor 16,1)

    “Non scordatevi della beneficenza e di far parte dei vostri beni agli altri, perché di tali sacrifici il Signore si compiace”.
    (Eb 13,16)

    “Poiché dunque ne abbiamo l'occasione, operiamo il bene verso tutti, soprattutto verso i fratelli nella fede”.
    (Gal 6,10)

    RispondiElimina
  5. Si può capire che oggi la Santa Sede si astenga dal bandire crociate e dall'alimentare lo spirito di crociata a scopo "identitario", dal momento che le etnie e i gruppi religiosi sono così intrecciati per la mondializzazione ( vedasi soprattutto il caso di Londra ). Tuttavia di fatto nella mente dell'uomo della strada occidentale si è piantato il preconcetto secondo cui le Crociate furono "malefatte" o addirittura imprese criminali nate ESCLUSIVAMENTE dalla volontà di sopraffazione dei Cristiani e del Papato in particolare. Si tralascia completamente di dire che esse costituirono ANCHE una controffensiva della Cristianità contro invasioni di decenni e secoli ( Spagna, Sicilia, Sardegna, Corsica, Baleari, Calabria, Puglia )e attacchi che arrivarono fino alla basilica di San Pietro e all'abbazia di Montecassino ( 843 e 846 ); la pirateria musulmana continuò fino all'inizio deel'800, tanto da fornire il pretesto per la conquista francese dell'Algeria ( 1830 ).
    Tristissimi i film come "Le Crociate" del 2005 in cui i Cristiani sono brutti ( moralmente ) sporchi e cattivi, mentre gli Islamici sono saggi, equilibrati, combattenti solo a scopo di difesa.
    In realtà il retropensiero degli operatori dei media occidentali è "Voi Cristiani vi lamentate di essere oppressi? Prima di tutto esagerate i numeri; in secondo luogo la pagate oggi perché A SUO TEMPO VE LA SIETE ANDATA A CERCARE". Inoltre si vuole favorire la multiconfessionalità per spezzare quello che resta dell'antico monopolio cristiano e passare a una laicizzazione completa in senso ateistico; però con gli Islamici il gioco alla lunga si rivela pericoloso.
    Quanto alla "cultura" cattolica si dimentica che l'ideale della Crociata costituì un elemento importantissimo nell'"immaginario" del popolo cristiano medievale; basti pensare a Luigi IX di Francia, che fu un vero santo, non una figura mitizzata, e allo stesso san Francesco, che si dichiarava "L'araldo del Gran Re".

    RispondiElimina
  6. Non vorrei sbagliarmi, ma non ricordo che né BXVI, né Francesco abbiano mai condannato nello specifico quanto denunciato dall'Arcivescovo Metropolita.
    Si sono limitati a vaghi accenni alle "sofferenze dei cristiani" in Siria. Forse temevano, esprimendo la verità intera e denunciando i responsabili, di peggiorare la situazione (Pio XII insegna) e si sarebbero alienati la benevolenza dei media (ricordiamo la loro reazione dopo la lezione di Ratisbona).

    RispondiElimina
  7. Per favore, non paragoniamo quanto detto, scritto, fatto e predicato da Benedetto XV, Pio XI e Pio XII, e sottolineo Pio XII, in tempi di guerra con quanto oggi NON viene detto. Per altro ricordo ancora bene le parole chiare e dure di GPII per l'Irak. D'altro canto non altrettanto duramente e severamente aveva parlato contro le operazioni sostenute dagli USA ai tempi della Jugoslavia.
    Un'altra zona che si sta "agitando" e dove sono presenti cattolici ed italiani,è il Venezuela, novella Cuba. Ma siccome lì gli omo sono, apparentemente, non "discriminati", nessuno ne parla.
    Rosa

    RispondiElimina
  8. Nè Rienzi nè Obama farà per salvare i Cristiani di Siria, perchè in privato vogliono che tutti i Cristiani siano morti...

    I communisti, i socialisti, gli islamici, sono d'accordo con questo...

    Una Sante Sede che promuovo pacifismo è il loro migliore alleato...

    Così con i Cristiani in Messico un secolo fa, così con i Cristiani in Siria, e così con tutti noi se sorge una persecuzione nei nostri paesi...

    RispondiElimina
  9. una sola fede21 marzo 2014 13:18

    SIRIA – GIOVANE CRISTIANO UCCISO, DECAPITATO E TRAFITTO CON LA CROCE CHE PORTAVA AL COLLO DA JIHADISTI

    Homs (Agenzia Fides) – Gruppi islamisti hanno ucciso e decapitato un giovane cristiano, ferendone gravemente un altro. L’episodio, avvenuto l’8 gennaio scorso, è stato riferito solo ora a Fides da un sacerdote nella diocesi di Homs. I due, Firas Nader (29 anni) e Fadi Matanius Mattah (34 anni), stavano recandosi in automobile da Homs al villaggio cristiano di Marmarita. Un gruppo di cinque jihadisti armati ha intercettato il mezzo e ha aperto il fuoco sulla vettura. Raggiunta l’auto, i miliziani, NOTANDO CHE FADI PORTAVA UNA CROCE AL COLLO, LO HANNO DECAPITATO, PIANTANDO LA CROCE NEL SUO PETTO.[...]"

    Estratto da “fides”:
    http://www.fides.org/it/news/54391-ASIA_SIRIA_Giovane_cristiano_ucciso_e_decapitato_da_jihadisti#.UywoVvl5ORY


    Avranno pensato magari di fargli un ulteriore spregio, accanendosi, dopo la decapitazione, anche sul suo petto, usando la piccola croce che portava al collo, ma non sanno invece che nel giorno del Giudizio Universale se lo ritroveranno davanti con una splendida corona di gloria PROPRIO su quella testa oramai trasfigurata e con la Croce luminosa a risplendergli per l'eternità PROPRIO su quel petto, trasfigurato anch'esso insieme al cuore che avevano pensato di avere martoriato per sempre...

    RispondiElimina
  10. “Se l’occidente con in testa gli Stati Uniti e altri Paesi come l’Arabia Saudita e la Turchia non fossero intervenuti mandando denaro e armi, non saremmo al punto in cui siamo in Medio Oriente...”

    Non soltanto denari e armi hanno mandato, ma anche mercenari.
    Quelli indicati dal Vescovo sono i veri responsabili, cui vanno aggiunti tutti quei paesi europei, Italia compresa, che hanno appoggiato queste bande di tagliagole.
    A mio parere i nemici più pericolosi per i cristiani non sono gli islamici (che arrivano migliaia e fra qualche anno saranno da noi maggioranza) ma il sionismo, la massoneria, il laicismo e i quisling che si succedono al governo.
    Inutile poi, secondo me, fare paragoni tra loro: Obama peggio di Bush, Cameron rispetto a Blair, ecc., non contano nulla, sono - come in tutti i paesi (esclusa non so per quanto la sola Russia)- lacchè messi in quei posti da chi detiene il potere economico-finanziario e li telecomanda.

    Cesare

    RispondiElimina
  11. Intanto per Fortune il vdr è il leader dell'anno....e fa incetta di premi e riconoscimenti ed applausi dai Loggioni....manca il Nobel al grande slam....

    RispondiElimina
  12. eh, beh, dopo Venezia e Torino, e Obama, e l' ONU, manca solo il Npbel e finalmente l chiesa cattolica sara' nuovamente " Magistra" . Che tristezza !
    rosa

    RispondiElimina
  13. Sono vicino con il cuore e la preghiera a questi nostri fratelli cristiani.

    RispondiElimina
  14. Il silenzio e l'inerzia della Chiesa Cattolica su queste sistematiche e non casuali persecuzioni hanno superato i confini della complicità nonché quelli della decenza.
    Ed è la stessa Chiesa che strepita e si batte per ogni causa politicamente corretta dettata dall'agenda progressista mondiale.
    E sono lo stesso silenzio e la stessa inerzia mostrate per lo scempio dell'eutanasia dei bimbi per esempio.
    E' chiaro che per la Nuova Chiesa la priorità è aprire al divorzio e al matrimonio omo e non certo denunciare e fermare lo sterminio dei nostri fratelli in Medio Oriente.
    Per gli aiuti occorrerebbe individuare qualche soggetto non contigua alle strategie di dominio globale.
    Miles

    RispondiElimina
  15. Qua si preferisce il tana Libera tutti, che ce vo', basta apparire con i 'preti di strada'.....io preferivo d.Puglisi e d. Diana a ciotti, gallo and co. questione di gusti....

    RispondiElimina
  16. Miles, in Francia c' e' un' associazione all' uopo. Se trovo l' indirizzo email o il sito web lo posto.
    Rosa

    RispondiElimina
  17. Grazie per la cortesia Rosa. Un po' di selezione è d'obbligo per non ritrovarsi senza saperlo ad aiutare i carnefici invece delle vittime attraverso a qualche acclamata grossa ONG politicamente corretta e conforme.
    C'è anche Aiuto alla Chiesa che Soffre che nei mesi scorsi ha condotto qualche campagna di sostegno ai cristiani di quelle aree.
    Miles

    RispondiElimina
  18. La feroce persecuzione dei Cristiani in Siria, ad opera di ribelli finanziati dagli USA e dai paesi europei, ci deve aprire gli occhi su chi è il vero "nemico principale": l'apparato demo-liberal-massonico, la cui criminale dittatura finanziaria e culturale domina su di noi e il cui fine ultimo è lo sradicamento del Cristianesimo dal mondo e dalla storia. E' l'antica incitazione del demoniaco Voltaire: " Écrasez l'infâme".

    Poi, in nome del fatto che "tous se tient" segnalo un confortante articolo su "Il Foglio" di oggi: "Perché gli evangelici americani ora si alleano con il Cremlino", dove si riferisce del fatto che i leader della destra cristiana stanno sempre di più apprezzando il ruolo di Putin nella difesa delle minoranze cristiane in Medio Oriente e nella lotta a favore della vita e contro la propaganda sodomita. Protestanti, ma non stupidi. E la Chiesa cattolica?

    Degna di nota è anche la notizia che, tra le destinatarie delle sanzioni USA nei confronti della Russia, c'è anche Yelena Mizulina, deputata della Duma e che nulla ha a che vedere con le vicende ucraine. Ma costei ha una grave colpa: è l'autrice delle, pur blande, leggi russe contro la propaganda omosessualista e contro l'adozione di bimbi russi da parte di coppie gay occidentali. (Fonte: "Tempi" del 18 marzo)

    Ripropongo la domanda: chi è il "nemico principale"?

    RispondiElimina
  19. Poi, in nome del fatto che "tous se tient" segnalo un confortante articolo su "Il Foglio" di oggi: "Perché gli evangelici americani ora si alleano con il Cremlino", dove si riferisce del fatto che i leader della destra cristiana stanno sempre di più apprezzando il ruolo di Putin nella difesa delle minoranze cristiane in Medio Oriente e nella lotta a favore della vita e contro la propaganda sodomita. Protestanti, ma non stupidi. E la Chiesa cattolica?

    Io non mi fido tanto delle "ragioni" profonde di Putin (le maschere degli altri non convincono da un pezzo), che è sempre un politico, abile quanto vuoi, ma tale resta.

    Non vedo perché la Chiesa debba aver sempre bisogno di schierarsi con qualche potenza di turno, quando si tratta di affermare dei principi...

    RispondiElimina
  20. Putin ex KGB, non è affidabile, non che gli altri leaders siano meglio, per carità, ma fidarsi è bene, non farlo meglio; riguardo al nemico principale della cc è sempre e solo quello, ma adesso visto lo sfascio attuale della stessa ha buon gioco, se la fede ed i principi cristiani non vengono riaffermati da chi di dovere (ormai senza più fede) e parlo delle gerarchie alte e basse, il gregge si disperde facilmente, poi quando non si crede più in Dio si comincia a credere a qualsiasi cosa, anche al progetto Gaia, che è così velenosamente allettante, poi dispongono di armi micidiali di convinzione di massa, i media, che usano ed abusano per controllare i cervelli della gente.....game over. Fatima ha meno di 3 anni per manifestarsi, allora si vedrà cosa è stato nascosto del messaggio, se poi uno vuole trastullarsi con Medjugorije, prego si accomodi, i 10 famosi 'segreti' stanno per essere rivelati.....Lupus et Agnus.

    RispondiElimina
  21. Cara Mic,
    è ovvio che Putin persegua le sue strategie eurasiatiche. Nessun entusiasmo senza condizioni. Rimane il fatto che, ragionando come cattolici ed europei, le istanze del diritto naturale, delle identità dei popoli e delle sovranità nazionali - culturali, morali, politiche e monetarie - oggi siano meglio rappresentate dalla Russia di Putin che dalle lobby statunitensi o dagli eurocrati europei. Tutto qui.

    RispondiElimina
  22. a proposito di Putin, la Rusia e la Crimea, ho letto un articolo su Radio Spada,credo, nel quale si racconta che gia' altre volte la Russia, allora zarista, mise le mani sulla Crimea, e tutte o quasi le volte, le potenze europee, che fino al giorno prima si scannavano tra di loro, intervenivano subito contro, anche alleandosi con i Turchi !!
    Ovviamente NON per amore dei Turchi o dei Tatari o Tartari, ma solo per impedire il famoso" accesso ai mari rcaldi" della Russia. Finche' non glelo diedero con la II guerra mondiale ! Ricordiamoci che a Yalta la Jugoslavia, quondi l' Adriatico , era stata assegnata alla Russia, ora URSS.
    Beh, tanto basta per sentire puzza di bruciato.
    L' ultima e' che l' Europa UE dovrebbe ricevere gas dagli USA, a gratis?!, ottenuto con il,fracking, gas ancora da produrre, e a quali costi ?
    Cioe': ci liberiamo dalla dipendenza dal gas russo, per dipemdere da quallo americano che sta al di la' dell' oceano ?
    Putin fara' i suoi interessi, ma non e' che Obama, o meglio i supi padroni, non vogliano fare i loro !
    Rosa

    RispondiElimina
  23. "La Russia castigherà il mondo". Lo diceva, nel 1957,suor Lucia al postulatore della causa di beatificazione dei cugini Francisco e Jacinta Marto, riportando le parole della Madonna. Da qui la richiesta della Consacrazione della Russia al Cuore Immacolato di Maria.

    Non chiediamoci troppo se Putin sia un perfetto cristiano, perché i libri della Bibbia sono pieni di queste figure "imperfette" che Dio consente vengano allo scoperto per portare a realizzazione i suoi piani ovvero per scongiurare mali peggiori. Mi chiedo: può esserci un male peggiore della perdita della Fede di un intero continente - l'Europa - permessa perché l'istituzione che dovrebbe porsi a balurado difensivo - la Chiesa Cattolica - si prosterna al mondo rivelandosi sempre più quella "Donna meretrice" descritta nell'Apocalisse, mentre la "Vera Donna" appare smarrita e nascosta. Ovviamente preghiamo perché questa Donna, seppure messa all'angolo, torni a difendere ciò che ha sempre creduto e professato.

    Dunque non meravigliamoci se sarà proprio la Russia quel potere - militare soprattutto - che annienterà le potenze sataniche che appaiono preponderanti. Quando questo enorme Paese sarà effettiavemnte CONSACRATO al Cuore Immacolato di Maria, avremo quel pieno rifiorire della Vera Fede.

    Certamente questo scenario si potrà realizare solamente dopo immani sofferenze e grandi rovine materiali e spirituali. Perché così è sempre stato nel corso dei secoli.

    RispondiElimina
  24. una sola fede22 marzo 2014 18:58

    @Rosa:"ottenuto con il,fracking, gas ancora da produrre"

    https://twitter.com/fernandosolanas/status/400608571869515777/photo/1

    RispondiElimina
  25. No, Rosa, non quello americano, quello british del mare del nord, apposta il numero 8 del g8 l'ha preso la GB e la Scozia, fiutato l'affare vota per la separazione in agosto.....intelligenti pauca.

    RispondiElimina
  26. Ecco forse la Madonna è apparsa proprio a Fatima, in Portogallo, per consolarci che in quel Paese "si sarebbe conservato SEMPRE il dogma della fede" perché la terra lusitana si trova fuori della gittata dei missili russi.

    Ovviamente è preponderante la considerazione che quel popolo rimane e rimarrà profondamente cattolico, malgrado tutto. Ma non terrei meno da conto questioni geografiche.

    RispondiElimina
  27. andrebbe tutto verificato ma la situazione si sta facendo pericolosa.. sarebbe opportuna una voce del Papa (prima che sia troppo tardi..) m:

    - Cattolici, ebrei e tartari
    costretti a fuggire dalla Crimea "russa"
    http://www.agensir.it/sir/documenti/2014/03/00283285_cattolici_ebrei_e_tartari_costretti_a_fug.html

    - rivoluzione" ucraina
    http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=47670

    RispondiElimina
  28. no, no, AnOnymous, la Merkel ha proprio parlato del gas americano dal fracking, sentito con le mie orecchie. La Scozia il refrerendum l' ha ottenuto due anni fa circa, quindi non c' entra con l' Ucraina.
    NOn stiamo a sentire che cristiani, tatari ed ebrei van via dalla Crimea. La Crimea era gia' una repubblica molto autonoma, e da quel che leggo sulla Russia e vedo, iclusi i servizi Tv fati a Sochi, non va via nessuno dalla Russia.
    Cosi come non credo che Putin invadera' l' Ucraian. Non gli conviene. Aspettera' che l' Ucrian, piu' o meno annessa all' UE, si trovi economicamente come la Croazia, la Bulgaria, la Romania, per non parlare della Grecia e di noi stessi- un. altro suicidio oggi di un piccolo imprenditore - e poi correranno loro da Putin.
    L' Estonai e la Lettonia han chiesto l' euro, NONOSTANTE i cittadino NON volessero.
    SE la Scozia si stacca dall' Inghilterra, l' UE non la riconoscera', l' han gia' detto.
    Rosa

    RispondiElimina
  29. Anonymous,
    commenti forti i tuoi che apprezzo!

    RispondiElimina
  30. per Miles: se vai sul sito christianophobie.fr, trovi varie indicazioni su chi e come aiutare , tra i cristiani perseguitati.
    Rosa

    RispondiElimina
  31. Rosa, grazie per la segnalazione.
    Miles

    RispondiElimina
  32. Stati Uniti ed Europa patetici ipocriti da una parte sanzionano Putin e dall'altra fanno guerre ovunque. Questa è la nostra democrazia, la nostra civiltà, la nostra bontà. Non comprendo perchè l'Ucraina ci tenga tanto a far parte di questo teatrino di ipocriti che oltra a propagandare le peggiori neffandeze (aborto eutanasia, sodomia, divorzio,perversione della fanciullezza)e rubare i cittadini europei sia dei soldi che della dignità e del buon senso, non sanno fare. Se fossi ucraina vorrei restare con Putin, che almeno dice che la scuola deve crescere dei ragazzi virtuosi, al contrario Obama dice che le droghe leggere si possono usare, perchè è come ubriacarsi e lo dice ai suoi giovani. I depravati che fanno la morale a Putin, sarebbe da ridere se la gente non si bevesse tutto.
    Basterebbe la consacrazione della Russia, ma perchè questo Papa e i suoi guitti (vescovi di tutto il mondo) la facciano ci vuole un miracolo vero e proprio.

    RispondiElimina
  33. Troppi miracoli ci vorrebbero, Annarè...

    RispondiElimina
  34. Più che miracoli, la Parusia...

    RispondiElimina
  35. Annarè, molti di quelli che vediamo in piazza a Kiev NON sono ucraini, come NON sono siriani molti di quelli che combattono Assad. E molti ucraini vogliono vedere nell'UE il paese di Bengodi che non è, perchè la speranza è l'ultima a morire.
    Ma non hai visto come i soldati ucraini in Crimea si siano arresi senza sparare un colpo ? Tra un Paese che esiste ed ha un capo, ed uno che non si sa che fine farà e soprattutto da chi è veramente comandato, hanno subito fatto la loro scelta. Altro che "eroica resistenza" come diceva la nostra giornalista che più cretina non potrebbe essere. Ma lo sa almeno cosa significa "eroica resistenza" in Italiano?
    Rosa

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori del blog.