Pagine fisse in evidenza

domenica 29 ottobre 2017

Presentata a Roma la Accademia Giovanni Paolo II per la vita e la famiglia

In occasione del convegno sull’Humanae Vitae, promosso alla Pontificia Università “Angelicum” da Voice of the Family., un gruppo di membri della Pontificia Accademia per la Vita (PAV), creata nel 1994 da Giovanni Paolo II e recentemente “ripulita” e trasformata nei suoi obiettivi da papa Francesco, ha deciso di dare vita ad una John Paul II Academy for Human Life and the Family (JAHLF), che inevitabilmente si pone come contraltare della nuova accademia bergogliana.
Della nuova Accademia fanno parte, Joseph Seifert, Christine de Marcellus Vollmer, Thomas Ward, Philippe Schepens, Mercedes Arzú de Wilson, Luke Gormally, Michael Schooyans (tutti ex componenti della Pontificia Accademia per la Vitae), Paul Byrne, Judie Brown, Carlos Casanova, Roberto de Mattei, Claudio Pierantoni, John-Henri Westen. Caratteristica comune di queste personalità è l’attaccamento al Magistero della Chiesa e il rifiuto di tutti i tentativi di “rivedere” o trasformare questo insegnamento immutabile:
Il fine di questa Accademia – ha detto il prof. Seifert – è quello di rifiutare tutti gli orribili mali ed errori che caratterizzano la società moderna e sono perfino entrati all’interno del santuario della Chiesa, opponendo ad essi la chiara esposizione della verità sulla vita umana e la famiglia. Ciò comporta il chiamare l’aborto omicidio e non semplicemente interruzione di gravidanza, ed evitare di usare parole disoneste che oscurano la verità. (…) Nel testimoniare così la bontà e la difesa della vita, la nuova Accademia ritiene importante considerare ciascuno di questi aspetti alla luce della vita eterna“. Perciò, afferma il prof. Seifert: “La JAHLF non si limita a considerare la vita umana da un punto di vista meramente biologico. Riconosce altresì ed afferma la realtà dell’anima umana che è all’origine della vita. Pertanto, la JAHLF si occupa anche, parlando in termini generali, dei fondamenti metafisici ed antropologici della verità etica”. (T.M.) - [Fonte]

7 commenti:

  1. BRAVI.BRAVI.BRAVI.

    P.S. Oggi è proprio una giornata speciale!

    RispondiElimina
  2. Una iniziativa che mostra chiaramente che il Cattolicesimo è spaccato e certamente il Vdr vi ha attivamente contribuito.

    RispondiElimina
  3. Cotti a puntino..29 ottobre 2017 23:05

    Frau Gabriele (Gabriella) Kuby è una sociologa tedesca, madre di tre figli, che da decenni studia con acume e impegno la natura della cosiddetta sessualizzazione delle masse: sessualizzazione che all’inizio fu vissuta come un ideale rivoluzionario da parte dei giovani sessantottini di sinistra, ma che poi è dilagata (specie negli anni 70) come moda eterodiretta dall’alto, con la chiara volontà di sovvertire la morale cristiana e scardinare la famiglia, in nome della tolleranza, del progresso e della assoluta libertà.

    http://www.campariedemaistre.com/2017/10/rivoluzione-sessuale-globale.html

    RispondiElimina
  4. Un giorno uno chiese a Padre Pio perché insistesse nel volergli far fare la Consacrazione al Cuore di Maria, rispose il Santo: "perché è l'unico posto al mondo in cui Satana non c'ha messo piede e mai ve lo metterà per prendersi le anime che vi saranno entrate.. e vi aspetta un futuro così diabolico che l'apocalisse è nulla al confronto, mettetevi lì dentro e starete al sicuro"

    RispondiElimina
  5. Nessun ecclesiastico?

    RispondiElimina
  6. Come dice l`anonimo delle 20:03 che dei cattolici, fra i quali deigli ex-membri della neo PAV, abbiano sentito la necessità se non urgenza di creare un nuova Accademia per difendere e promuovere il Magistero immutabile, perchè quello di N.S.G.C, sulla vita e sulla famiglia, dice in modo ahinoi eclatante quanto la Chiesa sia lacerata.
    Non che quella lacerazione sia un fatto nuovo, quel che c`è di nuovo, e in particolare sui temi fondamentali della vita e della famiglia, sugli oramai defunti "valori non negoziabili" è che quella nuova Accademia se è nata PER difendere quei valori in realtà si vede costretta a lottare CONTRO quel che insegna e diffonde il nuovo corso al potere nella Chiesa, dai suoi vertici fino al parroco di una piccola comunità, si vede costretta a riaffermare la verità, a fare chiarezza laddove la confusione è alimentata da chi vuole abbattere, oltrepassare quei valori, tradire la Parola del Signore in virtù di un "dinamismo pastorale che deve incarnarsi nella vita della gente", perchè come ha detto Moia di Avvenire: " bisogna superare i “principi cristallizzati” in favore di «riflessioni e indicazioni calate in un naturale dinamismo collegato al cammino dell’uomo incarnato nella storia»...
    Come se la Chiesa, durante 2013 lunghissimi anni, avesse aspettato Bergoglio e i suoi amici per essere vicina alla gente.
    Ma a forza di leggere certe menzogne, tutte le "castr****ie" ribaltate da un media all`altro, la gente finirà per credere che quella propaganda sia la verità.

    RispondiElimina
  7. https://www.lifesitenews.com/news/its-not-dissent-to-criticize-confusing-cascade-of-papal-novelties-theologia

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori del blog.