Pagine fisse in evidenza

sabato 19 dicembre 2015

Le ragioni di una persecuzione. Spiragli nella giustizia civile.

Guardando e ascoltando i contenuti di questi video (p. Serafino M. Lanzetta e p. Paolo M. Siano sul Concilio; p. Siano è noto per i suoi studi sulla Massoneria) credo appaia evidente la ragione della brutale persecuzione dell'Ordine dei Francescani dell'Immacolata che, siamo certi, in molti religiosi tuttora fedeli al carìsma originario, mantiene il fuoco sotto le ceneri in attesa della restaurazione. La prima relazione ha un taglio filosofico-teologico, la seconda storico.
Abbiamo notizia [qui] che si è avuta giustizia se non altro presso l'Autorità civile: la Cassazione ha rigettato il ricorso dei rinnegati sui beni - del resto mai appartenuti né a Manelli né ai frati [vedi qui - qui] - che quindi restano alle associazioni che hanno sempre sostenuto l'Ordine. Anche il tribunale civile di Avellino, presso il quale era stato intentato un altro procedimento, aveva dato piena ragione a padre Manelli e rigettato la richiesta di nuovo sequestro dei beni della sua Congregazione.
Qui il nutrito elenco di articoli sulla dolorosa vicenda.

15 commenti:

  1. Massoneria, omo, luterani e altri "amici degli amici"...
    Le varie frange di potere, anche solo di ricatto, hanno trovato il loro equilibrio in una neochiesa tanto accondiscendente con loro, quanto "rigida" e "dogmatica" con chi la smaschera.
    In questi tempi di (auto)celebrazione della neochiesa, si sprecano le (auto)celebrazioni e le "fraternità" con questa e quella frangia, vuoi attorno a un documento, vuoi attraverso una commissione, oppure attraverso un evento (Godzilla sul Cupolone) che oscura presepe e Immacolata Concezione... Ciò che è "di sempre" è schifo, ciò che è di "50 anni" è bene.
    Ma adesso si largheggia: anche ciò che è di "500 anni" è bene.
    A non essere bene è credere alla Presenza Reale nel Santissimo Sacramento, l'indissolubilità del matrimonio, la necessità di conversione, l'esistenza dell'inferno...
    Tutte cose che non piacciono alla fraternità che regna a nome del principe delle tenebre.
    Cose che disturbano i sodomiti e che rovinano "il natale" (la festa dell'ipocrisia e dell'innalzamento del PIL tramite buoni sentimenti) a chi non accetta l'Incarnazione del Dio fatto uomo, nostro unico redentore, tramite la croce a cui l'uomo -così buono- Lo condannò, unendo il potere politico di Pilato, quello religioso dei sommi sacerdoti, il tradimento di un discepolo, il rinnegamento del capo dei discepoli e persino la democrazia di un bel sondaggio pilotato, con la "ggente" ad urlare compatta "crucifige"!
    Restarono Maria, qualche donna e Giovanni.
    Perchè non contano le cifre: la Verità non si costruisce attraverso il numero dei mattoni.
    Da lì ricominciò l'annuncio del vangelo. A beneficio di tutti. Proprio tutti. SE ascoltano.
    C'è chi invece crede sia più facile aggregare fraternamente, non giudicando, non dico l'errante, ma nemmeno l'errore... Non ci sono dogmi, tranne uno: "non toccare le banane".
    Che sono i totem conciliari, i loro sponsor, i loro eredi, i loro burattinai...

    RispondiElimina
  2. Come sempre, Tralcio, "sul pezzo". Bravo !

    Che s'inventeranno ora, che non possono rimpianguare le esauste casse di qualche altro Ordine con i soldi degli FFI ?

    RR

    RispondiElimina
  3. I FdI hanno il solo torto di professare (ancora) quelle verità di fede che sono state ben evidenziate da Tralcio! Purtroppo, sembra che nella Chiesa moderna queste cose non vadano più bene... Io resto fiducioso comunque, visto che Gesù in persona disse, a suo tempo ma anche oggi: "Le porte degli inferi non prevarranno". E siccome passeranno i cieli e la terra "ma la Mia Parola non passerà" - è sempre Gesù a dirlo, repetita iuvant - io resto sempre fiducioso. E, sono sicuro, la nostra Madre Immacolata sosterrà quest'ordine religioso che tanto confida in Lei!

    RispondiElimina
  4. Se la giustizia terrena di un tribunale fa mangiar polvere a quella Petrina, semo messi maluccio:(

    RispondiElimina
  5. Rinnegata sarà lei, ochetta appassita
    E non solo: è di sicuro anche rigettata da "Lui" che di gente come lei che crede di farsi chiesa da sola non sa che farsene
    Frate Felice

    RispondiElimina
  6. "Chiesa da sola"? O con una schiera di fedeli di una storia di salvezza che continua ininterrotta da 2015 anni e non parte dal 1965?

    RispondiElimina
  7. E' vero, non chiamamoli rinnegati: per essere rinnegati occorre che ci sia colui che li rinnega. E P. Stefano Manelli, che ne avrebbe tutti i diritti, nella sua misericordia (quella vera) non li ha rinnegati. Semmai possiamo chiamarli ribelli, in quanto si sono ribellati al carisma originale dei fondatori, magari anche peccatori disubbidienti, rinnegando loro il voto professo di obbedienza.
    E, campioni di umiltà e mansuetudine, hanno anche il coraggio di replicare astiosamente, insultando, proprio come raccomanda la decantata "misericordia" (questa falsa) testimoniata dalle varie iniziative promosse da loro (i ribelli) e dai vari commissari. Come vivono male, rancorosi come si dimostrano !
    Il Frate Felice mi sa che lo sia solo di nome ...
    Ave Maria !
    Silvano

    RispondiElimina
  8. Mettetevi nei loro panni: da quando han fatto saltare il banco, sono diventati come tutti gli altri. Perché cercarli e dar loro soldi, in elemosina, per conferenze, per libri, per omelie, se sono come i Gesuiti, i Domenicani, i Frati minori, gli altri Francescani, i Salesiani, ecc..ecc. .? Come potranno andare alla prossima GMC, potenziare le apparecchiature radiotv e giocare a fare i DJ "sacri" o i giornalisti mondani o economisti, come potranno in pratica campare ? E niente soldi del "malloppo" dei vecchi FFI. Tanto rumor per nulla !
    E potrebbero pure pagare i danni !
    Rr

    RispondiElimina
  9. 'Sto strano Frate Felice
    è come l'araba fenice:
    che lo sia lui stesso'l dice
    come/dove stia niun lo sa.

    E l'epiteto alla signora
    al "felice" non s'addice;
    semmai al di bil travaso:
    che ognun ha la sua nutrice,
    null'accade mai per caso
    e'l fra' misericordia ignora.

    Straparla di "chiesa da sola",
    ma la sua pare un po''na sòla
    che scrive "Lui" e pensa l'idea
    mica la Presenza, ma l'idolo Dea
    che un tempo era la Ragione,
    poi il sex o il vatican secondo:
    per lo frate il dogma è prigione
    meglio dialogar piacendo al mondo.
    E' felice e pure dice brutte cose;
    sapor dei frutti cresciuti a Bose
    o altre scuole della nostra aetate
    ch'in pieno inverno vedon l'estate.

    RispondiElimina
  10. Tanto per puntualizzare20 dicembre 2015 00:23

    Domani , 2 Corone del Rosario per questo frate (in)felice ! Aiutero' l'Immacolata per questo figlio ribelle .

    RispondiElimina
  11. Il "frate felice, che non dev`essere molto felice, è così presuntuoso da sapere chi "Lui" prende con sè e di chi non sa che farsene.
    Chi ha seminato vento raccoglierà tempesta, è molto triste che a fare le spese della ribellione di pochi è tutto un Ordine religioso che era fiorente in vocazioni e fedele alla Chiesa di Cristo.

    RispondiElimina
  12. Tanto per puntualizzare20 dicembre 2015 11:30

    E' per questo che dobbiamo piangere per lui e per coloro che si sono smarriti/perduti . Dio Amore soffre e li ama nonostante tutto . Qualcuno deve pagare , deve riparare , questo ci e' stato insegnato e noi che non siamo migliori , che ad ogni pie' sospinto facciamo peccati di omissione chiniamo la testa per loro . "Penitenza, penitenza,penitenza" ha chiesto la Vergine Maria a Fatima . Nella Consacrazione alla Vergine Immacolata questo abbiamo promesso :

    " Mia Signora , Madre mia , io mi dono tutto a Voi, e in fede della mia devozione, vi offro gli occhi , le orecchie , la bocca, il cuore, tutto me stesso . Giacche' dunque sono tutto Vostro, oBuona Madre , Voi guardatemi e difendetemi come cosa e possessione Vostra Amen. Amen. "

    P.S. dallo scritto si evince che trattasi di un giovane , percio' chiediamo alla Vergine di indicargli la sua vera strada dentro o fuori il monastero . Damose da fa' !
    Solo alla fine della sera sapremo quanti hanno salvato noi .

    RispondiElimina
  13. Mi hanno detto che padre Manelli è tornato a Teramo.
    Ne sapete niente?

    RispondiElimina
  14. Per l'Anonimo delle 17.56.
    Mi risulta che P. Stefano sia relegato a Frigento, nella Casa madre. Dico relegato perché a nessuno che non sia suo parente è permesso fargli visita ... né lui può muoversi quando e come vuole.
    E lì è controllato a vista dai frati ribelli, in un clima che dire astioso è ottimistico.
    Preghiamo per lui e per i suoi persecutori.
    Ave Maria !

    RispondiElimina
  15. vorrei segnalare la serie di testimonianze sui FFI che si trovano:
    http://www.allchristian.it/dinamico.asp?idsez=11&idssez=12&id=98
    interessanti da leggere per capire ...

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori del blog.