Pagine fisse in evidenza

sabato 27 febbraio 2016

don Elia. Operazione “Muro di fuoco”

Rimane il fatto che il resto santo e quanti sono disposti a dissociarsi da una società in via di autodemolizione hanno comunque bisogno di protezione. Ecco allora il muro di fuoco che l’Onnipotente ci offre: la Sua presenza ardente nei nostri cuori, nelle nostre parole, nelle nostre azioni. La nostra preghiera deve trasformarsi in fiamma perenne, la nostra testimonianza farsi incendiaria, i nostri comportamenti riaccendere la brace della fede che cova sotto le ceneri di tante coscienze inebetite dalla propaganda.
Io stesso – parola del Signore –
le farò da muro di fuoco all’intorno

e sarò una gloria in mezzo ad essa 
(Zc 2, 9).
Non è una pubblicità occulta. Con queste parole il Dio d’Israele rassicurava, per bocca del profeta Zaccaria, la comunità rientrata a Gerusalemme dall’esilio babilonese, la quale era fortemente tentata di scoraggiamento di fronte alle condizioni della città distrutta. Già la ricostruzione del Tempio rischiava di arenarsi; quella delle mura era invece impensabile a causa dell’ostilità delle popolazioni circostanti, che avevano dato man forte agli invasori nel lavoro di demolizione. Il Signore promette allora di fare egli stesso da barriera invalicabile contro i nemici, perché la Sua presenza è un fuoco divoratore che gli empi non possono sopportare (cf. Dt 4, 24; Is 33, 14; Eb 12, 29). Una circostanza avversa agli occhi degli uomini è anzi da Lui considerata in modo positivo, come una condizione provvidenziale per la realizzazione dei Suoi progetti: «Gerusalemme sarà priva di mura per la moltitudine di uomini e di animali che dovrà accogliere» (Zc 2, 8).

La Città di Dio si trova oggi in una situazione molto simile: in un certo senso, abbiamo un tempio demolito dalla dissacrazione del culto; il popolo cristiano è per molti versi disperso da molteplici esperienze e “cammini” non sempre genuinamente cattolici; le mura difensive del Magistero e della disciplina ecclesiastica sembrano crollate… Il “piccolo resto” che, con la grazia divina, si mantiene fedele ha l’impressione di avere di fronte un compito impari, sentendosi oltretutto abbandonato dai Pastori, quando non sconvolto dalle loro esternazioni o rimproverato per il proprio attaccamento all’immutabile verità che salva. I pochi ministri refrattari al nuovo corso sono emarginati e derisi, ostacolati e vilipesi: la riconciliazione con il mondo non tollera questi reazionari oscurantisti che negherebbero i Sacramenti a chi è in peccato mortale pubblico e conclamato.

Anche in questo caso, però, certe condizioni avverse possono rivelarsi estremamente promettenti. Il vuoto gerarchico, di per sé dannoso per il popolo, lascia però liberi i sacerdoti fedeli – salvo rare eccezioni – di agire secondo la propria coscienza; la mancanza di vigilanza e di correzione, che da decenni consente a tristi avventurieri di seminare nel campo del Signore la zizzania dell’errore, torna in fin dei conti utile anche a chi opera in senso contrario. Rimane il fatto che il resto santo e quanti sono disposti a dissociarsi da una società in via di autodemolizione hanno comunque bisogno di protezione. Ecco allora il muro di fuoco che l’Onnipotente ci offre: la Sua presenza ardente nei nostri cuori, nelle nostre parole, nelle nostre azioni. La nostra preghiera deve trasformarsi in fiamma perenne, la nostra testimonianza farsi incendiaria, i nostri comportamenti riaccendere la brace della fede che cova sotto le ceneri di tante coscienze inebetite dalla propaganda.

Diffondete il più possibile questo messaggio. Il muro di fuoco che Dio vuole erigere per mezzo di noi servirà innanzitutto a preservarci da tre flagelli: l’apostasia, l’empietà e la guerra. L’apostasia di chi non si immischia e, così facendo, sta trascinando innumerevoli anime all’Inferno; l’empietà di chi, manovrato dagli occulti signori di questo mondo di tenebra, promuove a livello legislativo la più abominevole fra le perversioni; la guerra globale la cui miccia è già da tempo accesa in Medio Oriente e che sta ormai per scoppiare. Per intercessione del Cuore immacolato di Maria, dobbiamo chiedere al Salvatore di porre fine, in un modo o in un altro, al mandato del Suo falso vicario; di abbattere questo ignobile governo uscito da sporchi giochi di potere in aperta violazione delle regole costituzionali; di fermare la guerra o, se è inevitabile, di dare la vittoria ai Suoi eletti.

«Chi ha suscitato dall’Oriente colui che chiama la vittoria sui suoi passi? […] Dice il Signore del suo eletto, di Ciro: “Io l’ho preso per la destra per abbattere davanti a lui le nazioni […]. Io marcerò davanti a te”» (Is 41, 2; 45, 1-2). È di lontane origini venete; il suo cognome significa bambino. Gli manca soltanto una piena adesione alla verità rivelata – altra intenzione per cui pregare con ardore. È suo alleato uno sterminato popolo che, liberato dal giogo comunista e aperte le porte alla fede cristiana, potrebbe cambiare il mondo con miriadi di ardenti missionari; non vogliamo incendiare il Paradiso anche per questo scopo? Da lassù dovranno per forza muoversi con schiere di Angeli e di Santi. C’è un arcangelo che scaccia i diavoli non appena gli si rivolga un pensiero, una giovane religiosa che ha promesso di passare il suo cielo a fare del bene sulla terra, un sacerdote crocifisso che si è impegnato a far più danno da morto che da vivo… e tanti, tanti, tanti altri che aspettano soltanto di essere chiamati.

«Non temere, perché i nostri sono più numerosi dei loro» (2 Re 6, 16), rispose Eliseo al suo servo, angosciato alla vista dell’esercito arameo che aveva circondato la città per catturare il profeta. Poi egli chiese al Signore di aprirgli gli occhi al mondo invisibile, e il giovane vide il monte pieno di carri e cavalli di fuoco che circondavano l’uomo di Dio (cf. 2 Re 6, 15-17). Non temete, siamo molto più forti del nemico: il Cielo sta dalla nostra parte. Reclamiamogli a gran voce il termine di questo pontificato anomalo, la caduta dell’attuale governo, la conversione e la vittoria della Russia, la liberazione e l’evangelizzazione della Cina, nonché la grazia della perseveranza e la protezione da tutto ciò che sta per accadere. Ma non limitiamoci a pregare: cominciamo a dire apertamente che cosa aspettiamo dall’alto. Ci prenderanno per matti, ma non importa: la carità prevale su tutto. Forse qualcuno rinsavirà e si porrà con noi sulla via giusta; spesso quelli apparentemente più lontani sono i più pronti ad accogliere la verità.

Altrimenti, che cosa preannuncia Gesù a chi si ostina nell’errore? «Se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo» (Lc 13, 3.5). Certo, la resipiscenza di una cristianità degenerata è cosa ben più difficile della conversione dei pagani: se, dopo essere stato liberato dai demòni, l’Occidente ha riaperto loro la porta, la sua condizione è peggiore della precedente, perché sono tornati sette volte più numerosi (cf. Lc 11, 24-26). Ma a Dio nulla è impossibile. Riprendiamo allora con nuovo vigore la Preghiera infuocata del Montfort aggiungendovi quella (che trovate a lato) di un altro grande missionario, san Pietro Canisio, che con la sua predicazione riprese ai protestanti ampie regioni dell’Europa centrale. Applicandole alla situazione odierna, recitiamole spesso, da soli o in gruppo, senza odio né livore. Basta l’esecrazione.

Beati coloro che ascoltano la parola di Dio e la osservano (Lc 11, 28).

4 commenti:

  1. Don Elia. Uno stile che dev'essere come il suo vivere: "senza se e senza ma"...

    RispondiElimina
  2. Come recitiamo nel Magnificat: "la Sua misericordia si stende su quelli che Lo temono". "Dio ha guardato l'umiltà della Sua serva". "Ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore". "Ha innalzato gli umili".

    Dare compimento alla legge (vincolo di perfezione è la carità) è tutt'altro dal ritenere abolita la legge. La legge è stabilita dalla ragione come partecipazione alla Provvidenza del Dio vivente. Altro non è che "l'ordinamento della ragione" (leone XIII, citando S. Tommaso d'Aquino).

    Sulla via della salvezza, mentre siamo terreno di battaglia contro il nemico che vuole strapparci da Dio, abbiamo la Provvidenza per sostegno e la legge per direzione. Guai a essere zoppi, ritenendo di troppo qualcosa.

    Oggi il problema di chi ha svenduto il timor di Dio e ha ridicolizzato le esigenze della legge (e perciò non è umile, anche se fa da grancassa alla misericordia) è che non sta più aiutando il peccatore a cambiar vita. Così lo conferma nella malattia, ma dicendolo "sano", come per magia.

    In realtà il peccato può ricevere perdono nel pentimento e il pentimento richiede dolore, cioè una sensibilità viva della coscienza. E il peccato perdonato per la vita eterna è comunque accompagnato da effetti nefasti: se ho ucciso, pur perdonato, quel morto non rivivrà. Il Re Davide, compositore del Salmo 51, è un esempio bellissimo di "contrizione perfetta". Eppure, cambiata vita, il figlio avuto da Betsabea morirà e Assalonne funesterà l'intera famiglia. Davide non se ne duole, ma vive nel dolore l'avverarsi di ciò che il profeta Natan gli aveva detto.

    I veri profeti, più che prevedere il futuro, leggono il presente con gli occhi di Dio. I falsi profeti pensano di prenotare il futuro senza fare la volontà di Dio.

    Quattro peccati gridano al Cielo: contro i piccoli (aborto e pedofilia, embrioni), contro natura (sodomia e non solo, anche l'utero in affitto non scherza), contro i poveri (metà del mondo) contro la giusta paga al salariato (e il cosiddetto mondo civile non scherza...). Diciamo che il coro è possente. E il Cielo sente.

    Che fanno i pastori? Dovrebbero alzare il muro di fuoco.
    Invece annacquano... Dal costato di Cristo è uscita solo acqua? Era solo sudato? Il problema è che non c'è più sangue. Non hanno più vino.

    Che Maria santissima interceda per tutti e che Gesù faccia ancora un miracolo per gli sposi!

    RispondiElimina
  3. Rivedere le proprie posizioni , se sbagliate , non e' un difetto ma un pregio e con un po' di sacrificio ( offerta molto gradita a Nostro Signore ) , si puo' ricominciare , anche se derisi .......coraggio ! Ricordate : responsabilita' .

    "Chi non ama la sua talare resisterà ad amare il suo servizio a Dio? Il prossimo non sostituisce Dio! Non è soldato chi non ama la sua divisa." (Card. Giuseppe Siri)
    https://gloria.tv/media/WXLjkzNAiPF

    RispondiElimina
  4. Così e' e così sara'....29 febbraio 2016 10:08


    IL PECCATO, I MERITI, I CASTIGHI
    https://www.facebook.com/IstruzioneCattolica/posts/960487204006438:0

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori del blog.