Pagine fisse in evidenza

giovedì 14 giugno 2018

E adesso BASTA!!!

Sulla TV e sui media di regime impazzano, sotto forma di vero e proprio sciacallaggio mediatico, narrazioni falsate e pretestuose della vicenda dell'Aquarius, ignorando quanto vi è connesso in termini di caos indotto e di precarietà e insicurezza sempre più diffuse.
Al nostro Ministro degli interni, all'attuale governo e agli italiani che ancora conservano un briciolo di comune buon senso insieme alla dignità e all'identità nazionale e culturale che li contraddistingue, vengono lanciati epiteti come razzista, xenofobo, fascista, di essere 'contro la civiltà' (quale?)...

Oggi Il Giornale riporta l'ennesima ossessiva non più tollerabile dichiarazione del vescovo di Roma: "Non considerare i migranti numeri ma persone, i cui diritti e dignità devono essere sempre tutelati e difesi, abbattendo il muro di una "complicità comoda e muta".".  Lo ribadisce in un messaggio inviato ai partecipanti al "Colloquio Santa Sede-Messico sulla migrazione internazionale" [qui], promosso dalla Segreteria per i Rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato e dall'Ambasciata del Messico presso la Santa Sede, con la collaborazione della Pontificia Accademia delle Scienze e della Sezione migranti e rifugiati del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale.  In apertura riprende quanto già affermato nel gennaio scorso, che corrisponde ad una irragionevole e irresponsabile accoglienza senza limiti: "A tal fine, occorre un cambiamento di mentalità: passare dal considerare l’altro come una minaccia alla nostra comodità allo stimarlo come qualcuno che con la sua esperienza di vita e i suoi valori può apportare molto e contribuire alla ricchezza della nostra società. Perciò, l’atteggiamento fondamentale è quello di «andare incontro all’altro, per accoglierlo, conoscerlo e riconoscerlo." (Omelia nella Messa per la Giornata mondiale del rifugiato). In altre sedi e a lungo si è dibattuto e si dibatte di come sia illusoria ogni possibile integrazione a certi livelli di invasione e con determinati soggetti. Ed ora ritorna il mantra:
"Nella questione della migrazione non sono in gioco solo numeri, bensì persone, con la loro storia, la loro cultura, i loro sentimenti e le loro aspirazioni - dice Francesco - Queste persone, che sono nostri fratelli e sorelle, hanno bisogno di una protezione continua, indipendentemente dal loro status migratorio. I loro diritti fondamentali e la loro dignità devono essere protetti e difesi". E ancora: "Un'attenzione speciale va riservata ai migranti bambini, alle loro famiglie, a quanti sono vittime delle reti del traffico di esseri umani e a quelli che sono sfollati a causa di conflitti, disastri naturali e persecuzioni. Tutti costoro sperano che abbiamo il coraggio di abbattere il muro di quella complicità comoda e muta che aggrava la loro situazione di abbandono e che poniamo su di loro la nostra attenzione, la nostra compassione e la nostra dedizione".
Abbiamo già espresso qui alcune essenziali considerazioni raffrontando le sue ossessive dichiarazioni con gli insegnamenti dei suoi predecessori. E ora

Qualcuno finalmente gli dica di cambiare disco, perché l'invasione di orde afroislamiche - che tale è - che stiamo subendo non è una sfida alla nostra comodità, è una sfida alla nostra civiltà che lui non conosce e non ama!

69 commenti:

  1. sinceramente mi ero anche un po' sorpreso che l'abbia utilizzata con ritardo la vicenda dell'aquarius, per rilanciare la sua ossessiva campagna pro immigrati

    RispondiElimina
  2. La verità su AQUARIUS e SAVIANO
    https://www.facebook.com/LucaDofficial/videos/612706402434448/UzpfSTg5MjI2MzE4NzYxODk5ODo5NDUwMTI0MzU2Nzc0MDY/

    RispondiElimina
  3. Condivido totalmente. Purtroppo i cattolici "perbene" non sono riusciti a elaborare una risposta organica e dottrinale al mantra luogocomunista bergogliano. Ci ha provato Danilo Quinto in un suo recente libro. Sì sì No no (la rivista) in qualche suo articolo così come Radici cristiane.
    In sostanza: l'atto di aprire le porte agli invasori, quasi sempre ostili alla nostra civiltà, non è carità cristiana.
    Carità fu quella di Leone Magno che fermò Attila, quella di Pio v che permise la vittoria di Lepanto, quella di Marco d'Aviano che organizzò la vittoria sotto le mura di Vienna.
    In sostanza: accogliere gli invasori non è carita'

    RispondiElimina
  4. Comunque ormai non se lo fila più nessuno. Ne cattolici ne non cattolici. Solo i finti cattolici. Al suo funerale ci saranno sicuramente più star, ma dubito che vi andrà nemmeno un decimo della gente che ha visitato Giovanni Paolo II.

    RispondiElimina
  5. Se San Pio V l'avesse pensata così, i mussulmani ci avrebbero conquistati senza combattere!

    RispondiElimina
  6. Ha ragione Bergoglio. I migranti non sono numeri .... gia'! Sono moneta sonante!

    RispondiElimina
  7. SCIACALLI! Lo scrittore Albinati: "Ho desiderato che morisse qualcuno sulla nave Aquarius. Ho detto: adesso, se MUORE UN BAMBINO, voglio vedere che cosa succede del nostro Governo".
    Che vergogna.

    RispondiElimina
  8. Trovo che sia un cattivo uso del Vangelo darlo in testa ai nemici, ma visto che questa è prassi anche di un principe della Chiesa, vorrei chiedere a Ravasi: Eminenza, perché il 9 giugno non ha cinguettato: "Chi scandalizza anche uno solo di questi piccoli che credono in me, sarebbe meglio per lui che gli fosse appesa al collo una macina girata da asino, e fosse gettato negli abissi del mare" (Mt 18,6)?

    RispondiElimina
  9. Quando vado a casa da qualcuno prima mi annuncio per vedere se questo qualcuno può ricevermi. Poi arrivo a casa sua, suono, dico chi sono e se lui mi apre la porta allora entro.
    Sorridente e amichevole.
    Mi sembra corretto.
    Invece oggi con questi "migranti" si assiste alla scorrettezza assunta come sistema.
    Qui gli estranei entrano spalancando la porta, pretendono di essere serviti e riveriti, se non peggio, e pretendono, insieme ai loro complici, di mettere il padrone di casa alle corde con diversi livelli di ricatti morali.
    Infatti assistiamo al ben triste spettacolo di una parte di italiani, per fortuna apparentemente sempre più piccola, che esercita un ricatto morale inaccettabile verso quella parte di italiani che alla sua casa ci tiene e vorrebbe continuare ad essere padrone a casa propria e non fare entrare per forza personaggi che ogni giorno si ammassano davanti all' uscio, per niente amichevoli e dalle dubbie intenzioni.
    E allora scatta il ricatto morale: siete fascisti, razzisti, xenofobi, non siete cristiani.
    Magari detto da gente mai stata in Chiesa e che ha presenziato una volta alla Cresima della nipote aspettando fuori, nervoso perché si faceva tardi per il pranzo.
    E non va bene.
    Ma in questa vicenda dei falsi profughi ci sono troppo cose che non vanno bene.
    Costoro sono definiti "profughi" dai loro complici per impietosire l'opinione pubblica ma non lo sono se non in percentuali attorno al 10%.
    E non va bene.
    Siamo costretti dal mainstream umanitario ad accogliere persone che arrivano da zone di guerra e per quanto ne sappiamo potrebbero essere terroristi o delinquenti.
    E non va bene.
    Questi che arrivano spesso non hanno i documenti, cosa inaudita per chi vuole entrare in qualsiasi paese, e si rendono irreperibili a casa nostra. Ma ai migranti va perdonato tutto.
    Specialmente quando commettono ogni genere di reati.
    E non va bene.
    Siamo costretti a salvare persone che partono per essere salvate. Ma si salva qualcuno che accidentalmente si trova in una situazione di pericolo e non chi il pericolo se lo va a cercare per motivare il nostro intervento.
    E non va bene.
    Se decidiamo di non intervenire presso coloro che per l'ennesima volta ci hanno attirato con l'inganno siamo fascisti, xenofobi, razzisti e i loro complici si augurano che qualche migrante muoia per farci sentire più in colpa.
    E non va bene.
    Beh. cari ricattisti, vi debbo dare una brutta notizia: se c'è in ballo la mia Patria io non sono ricattabile.
    Fausto Grassi

    RispondiElimina
  10. G. Evangelista14 giugno 2018 16:27

    Perché non li accoglie tutti in Vaticano?
    Sia di esempio!
    La carità deve essere fatta accogliendo tutti in maniera indiscriminata ,senza raziocinio?
    Ce lo dimostri!
    Non accogliere i migranti economici, ventenni, giovani, forti e rigorosamente mussulmani, è peccato mortale?
    Allora li accolga tutti lui, altrimenti è in peccato mortale.

    RispondiElimina
  11. si diceva, nei giorni scorsi dello studio della storia. L'impressione è che quanto noi italiani abbiamo studiato sui banchi del liceo e che ci ricordiamo ancora oggi anni dopo, tutto questo non abbia fatto parte del bagaglio di Bergoglio. Mentre un malinteso senso dell'ecumenismo lo ha portato a considerare il Dio islamico come se fosse il nostro Dio cristiano.
    Non dice forse il Vangelo : "li riconoscerete dai loro frutti " ? e quali sono i frutti dell'islam ? una diversa civiltà, sempre pronta all'aggressione verso la civiltà cristiana, e le cui battaglie fondamentali sono state ricordate poco fa. Una civiltà come quella iraniana che nega libertà di espressione, che impone regole di vita ai suoi sudditi, che minaccia con le sue armate, in un disegno imperialistico ad ampio raggio, i paesi vicini. Si direbbe che Bergoglio ammiri queste civiltà che civiltà non sono.
    Le dottrine cristiana ed islamica sono ben diverse : per noi del classico il fatto è semplice, ma per Bergoglio la cosa è diversa : non ha fatto il classico e non ha studiato la storia.

    RispondiElimina
  12. Quella volta che vidi Fazio e tutto il suo clan su Rai 1 dissi : " E' fatta , hanno occupato pure l'ammiraglia " .
    Nei giorni scorsi qualcuno ha detto : " Speriamo che almeno in qualche rete nazionale si dira' la verita' " .
    Illusi !

    RispondiElimina
  13. Purtroppo Mic ho dovuto leggere questa notiziola sul tuo pregiato sito.
    Non compare neppure sulla Home di facebook... lasciamolo dar fiato alle sue fissazioni... poveraccio ora non ha neppure i suoi garanti governativi che possano foraggiare i nuovi negrieri e trafficanti di persone umane...

    RispondiElimina
  14. Ovviamente.
    Nessuno dimentica che, a fronte dell'esaurente mantra papale quinquennale dell'accoglienza LA QUALSIASI a LA QUALUNQUE, lo Stato sovrano del Vaticano ha accolto e ospita- nelle sue due parrocchie - DUE (2) famiglie di immigrati extracomunitari, non so se con lo status di rifugiati, o sotto protezione internazionale, o migranti economici.
    Quello su cui si può scommettere sapendo già di vincere è che saranno 2 famiglie di religione islamica...

    In sintesi: UFFA.

    RispondiElimina
  15. " E' fatta , hanno occupato pure l'ammiraglia "

    Se non sbaglio la delega per le Telecomunicazioni ora è a Di Maio. E penso che si possa sperare che ci sia presto un'inversione di rotta, anche perché non credo che anche la destra non debba e possa avere e suoi spazi. E sarebbe anche ora. Speriamo solo che ci sia chi sa sapientemente usarli in tutti gli ambiti, non solo nell'informazione.
    Il che dovrebbe aiutare l'allargamento del circolo virtuoso che sembra essersi innescato, pur con tutti i rischi e le insidie, interne ed esterne, che non sono da poco.

    RispondiElimina
  16. Misericordia e abbracci per i nostri fratelli separati (con statua di Lutero in Vaticano), per i musulmani perché "crediamo nello stesso Dio", per tutti... Tranne che per i leghisti. Per loro sia anatema.
    "Buttiamo fuori i leghisti dalle chiese, dai consigli pastorali, dagli oratori. (...) Bisogna scatenare una guerra civile, bisogna mandare via i barbari dall’Italia, i razzisti. Fuori. Che vadano dove vogliono andare. Ma non in Italia. Una nazione che è sempre stata civile. Oggi abbiamo la disumanità, il Male. Certo tutti diciamo che esiste solo una razza, la razza umana. Tranne alcuni che non appartengono a questa razza umana, che sono i leghisti, che sono barbari. Salvini in primis."
    Mi torna in mente Huckleberry Finn che, davanti alle prediche dei pastori che usavano il Vangelo per giustificare la schiavitù, esclamava "E va bene: allora, andrò all'inferno!"

    http://m.ilgiornale.it/news/2018/06/14/don-giorgio-contro-salvini-buttiamo-fuori-i-leghisti-dalle-chiese/1540978/

    RispondiElimina
  17. Alfonso Aliberti14 giugno 2018 19:26

    Cari amici, sono in grado di assicurarvi che ci si abitua a qualsiasi cosa. Per quanto mi riguarda, se qualche troglodita o qualche opportunista di fede cattocomunista mi appella fascista, razzista e omofobo, perchè difendo la famiglia, la nazione e la Patria italiana, quale i nostri padri hanno nei secoli costruito e tramandata, non me ne sento minimamente offeso o impaurito, anzi me ne faccio un titolo di merito, anche se inizialmente me ne stupivo, considerando come è sorprendente la vita: dopo essere stato dirigente della FGCI, della FGSI e del PSI, dopo aver guidato il movimento studentesco negli anni liceali e dopo aver aderito al riformismo socialista fino al 1992, eccomi diventato "fascista" per nomina dei miserabili lestofanti che si dimenano impazziti per essere prossimi all'annientamento per mano dei patrioti che hanno risposto sì al grido dell'Italia oppressa!

    RispondiElimina
  18. Non si sa cosa dire, che ancora non sia stato detto. Legione ed esorcismo.

    RispondiElimina
  19. Lo spero con tutto il cuore .
    Al momento pago il canone " a vuoto " .

    RispondiElimina
  20. Il comunista al caviale perde le staffe...
    https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10215847542611911&set=gm.1502480553189598&type=3&theater&ifg=1

    RispondiElimina
  21. Poco meno di miliardo di Euro (in calo) è all'incirca l'otto per mille percepito annualmente dalla CEI. Ospitando circa 27500 migranti (ufficialmente) a 35 Euro l'uno al giorno, la somma ammonta a un terzo dell'otto per mille: non poco e non trascurabile. E' il caso di dire che la sinistra sa fin troppo bene quel che fa la destra? Poco evangelico, ma molto pragmatico.

    RispondiElimina
  22. https://www.maurizioblondet.it/suggeritore-bergoglio-sui-migranti-un-bilderberg-goldman-sachs/

    RispondiElimina
  23. PAROLE SACROSANTE!!!!

    RispondiElimina
  24. Pietro da Cafarnao14 giugno 2018 22:36

    Il Magistero della Chiesa sulla questione migranti non è mai stato questo
    Assistiamo a un contro-Magistero tutto piegato ai burattinai che finanziano le Onlus attraverso fondi statali o di privati cui "Anonimo" ha già citato.

    RispondiElimina
  25. Si commenta da se' .14 giugno 2018 22:59

    La metamorfosi di Delrio
    http://www.lanuovabq.it/it/la-metamorfosi-di-delrio-dal-saio-dossettiano-alleskimo

    RispondiElimina
  26. Questo e' importante :

    Il cardinale Burke ha messo in guardia dal permettere che la propria fede cattolica sia rimossa dalla sfera pubblica, tenuta in privato nelle case e negli edifici della chiesa.

    "... Le persone dovrebbero capire che la loro vita in Cristo significa anche che agiscono in Cristo anche nella sfera pubblica, e quindi nella politica, nell'educazione, nella sanità e negli affari", ha affermato. "Quando la nostra religiosità è solo privata, quando è collegata solo a ciò che facciamo a casa e in chiesa, non ha futuro. Tale religiosità non sopravviverà nel mondo moderno ".

    https://www.lifesitenews.com/news/cardinal-burke-irish-catholics-did-not-receive-support-from-rome-in-abortio

    RispondiElimina
  27. Matteo Salvini: Ridurre i costi per l'accoglienza, tagliare i tempi di esame delle domande di asilo, ricostruire i rapporti con Egitto, Libia e Tunisia.
    Questo è l’ultimo appello per salvare un’Europa che sta morendo di ipocrisia e di silenzio. Se i nostri no e la nostra voce serviranno a suonare la sveglia, per ironia della sorte un giorno potremmo scoprire che a salvare l’Europa saremo stati proprio noi.

    RispondiElimina
  28. Il leader pro-life spiega come i vescovi cattolici hanno
    distrutto la coscienza irlandese
    ( Secondo le vostre "coscienze" = fate come vi pare )

    https://www.lifesitenews.com/news/cardinal-burke-irish-catholics-did-not-receive-support-from-rome-in-abortio

    RispondiElimina
  29. «La verità genera odio; per questo alcuni, per non incorrere nell'odio degli ascoltatori, velano la bocca con il manto del silenzio. Se predicassero la verità, come verità stessa esige e la divina Scrittura apertamente impone, essi incorrerebbero nell'odio delle persone mondane, che finirebbero per estrometterli dai loro ambienti. Ma siccome camminano secondo la mentalità dei mondani, temono di scandalizzarli, mentre non si deve mai venir meno alla verità, neppure a costo di scandalo».
    (Sermoni di Sant'Antonio da Padova)

    RispondiElimina
  30. I nostri giornali, spesso finanziati da chi ha interesse a deprimere il nostro legittimo amor patrio, da anni diffondono l'idea che la classe politica italiana sia una accolita di abietti cialtroni. Eppure, basta poco per vedere che in giro per l'Europa c'è di molto peggio. Lo dimostra, su #goofynomics, un mio lettore. Non sarà una gran consolazione, direte voi. Forse. Però misurare le proprie capacità, ed esigere rispetto, è un punto di partenza imprescindibile di ogni percorso comune. Il governo del cambiamento questo importante cambiamento lo ha già realizzato. Ora resta da applicarlo a tutti gli altri ambiti, cominciando dai rapporti economici. Di questo parleremo domani (fra le altre cose) a Bolzano. 15 giugno h.15.oo..
    https://it-it.facebook.com/AlbertoBagnai/

    Aquarius e fake news
    (...dal nostro amico giurista Guidubaldo, che l'ultima volta - salvo errore - si era fatto vivo qui, ricevo e doverosamente condivido. Consoliamoci! In tutta evidenza i nostri politici non sono fra i peggiori in circolazione…)

    https://goofynomics.blogspot.com/2018/06/aquarius-e-fake-news.html

    RispondiElimina
  31. Il testo del discorso è molto più articolato rispetto a quanto riportato nei resoconti giornalistici. Mi pare tuttavia un testo monco: non c’è un cenno ai doveri del migrante, né al dovere degli Stati a conservare la sicurezza dei propri cittadini e la loro identità. Ecco, il dovere di un governante ma soorattutto di un papa è pensare anche a questi aspetti dimenticati o taciuti.

    RispondiElimina
  32. Ravasi, Minniti e i criminali

    «Il vero tweet da fare non era “Ero straniero e mi avete ospitato” ma “eri criminale e adesso ti ho fermato”. (...) Questo mondo [i cattolici "alla Ravasi", NdR] per qualche minuto al giorno deve prendere contatto con la realtà e spiegare come mai centinaia di migliaia di persone di origine straniera sono presenti nel territorio nazionale senza averne alcun titolo. Larga parte di loro riceve anche assistenza e mantenimento, siamo nell’ordine di mezzo milione di persone, mettiamo al centro il tema. Se il tema è quello dell’immigrazione allora affrontiamolo come il Magistero ha sempre insegnato. (...)
    Non c’è scritto da nessuna parte che bisogna accogliere tutti quelli che arrivano, ma bisogna vagliare e distinguere. Ci sono i rapporti con la popolazione, i costi e così via. Questo vuol dire affrontare l’immigrazione. Il caso Aquarius è un’altra cosa, non si può liquidare con un tweet. (...) Appartiene alla voce conseguenze dello sfruttamento criminale. Vogliamo interessarcene davvero e farcene carico con coraggio o siamo tutti nostalgici dell’epoca di Minniti?
    (...)
    Vogliamo tornare agli accordi che i governi precedenti hanno fatto con le organizzazioni libiche?
    (...)
    Il Corriere della Sera, sabato scorso, ha riportato la notizia che Ahmad Dabbashi è stato inserito dalle Nazioni Unite nella lista nera dei trafficanti. (...) Un uomo che l’Onu considera a capo di una organizzazione intera. L’estate scorsa è stato uno dei protagonisti con Minniti degli accordi per fermare le partenze. Ha ricevuto soldi dall’Italia, era un organizzatore di viaggi. E adesso l’Onu lo ha messo al bando. (...) Non si può bloccare una nave che trasporta clandestini illegali, ma si possono fare accordi con i capi clan del traffico di migranti?
    (...)
    All’epoca della Libia di Gheddafi ci fu un accordo che fu criticato e che contemplava la fornitura di motovedette italiane alla marina libica. Nonostante le critiche la cosa ha funzionato nella piena operatività di questo accordo sulle coste italiane nel 2010. Le persone sbarcate sulle coste italiane erano 4.000. Oggi ne sbarcano altrettante, ma in una notte. (...) L’Italia chiede da anni [centri di accoglienza per richiedenti asilo già sul suolo africano] e quando facemmo l’accordo con la Libia questo sarebbe dovuto essere il passaggio successivo. Ma la Francia e gli Usa avevano fretta di rovesciare il regime di Gheddafi…»

    RispondiElimina
  33. Poveri bambini , Dio li scampi e liberi .
    Basteranno le macine ...?
    https://www.facebook.com/groups/1923832087928441/permalink/1953386211639695/

    RispondiElimina
  34. Dopo quello che dice Ravasi e Bergoglio che hanno travisato il Vangelo per portare in errore i Cattolici, non voglio sentire più nessuno - i Vescovi ed i Preti che predicano me li scelgo - quando predicano la Vera Dottrina Cattolica ed Apostolica li ascolto e li difendo a spada tratta - quando predicano questi nominati qui sopra che ormai sono diventati un esercito, cerco di evitarli e di non farli ascoltare da altri - vogliamo capire che questi predicano solo eresie? contro Dio e contro la Chiesa e oltretutto contro l'umanità come Dio l'ha creata e voluta?

    RispondiElimina
  35. "...persone i cui diritti devono essere sempre tutelati e difesi..." Sempre la solita solfa, i nostri diritti di non vedere sconvolta la nostra vita, a casa nostra, non contano, vero?. Provasse Bergoglio a ripetere le sue insulse affermazioni alla mamma di Pamela, ai familiari delle vittime di Kabobo, alle figlie dei coniugi Solano, massacrati dal diciottenne Mamadou Kamara, Costa d'Avorio, dove non c'è nessuna "guera" e il PIL cresce l'8% all'anno... Ma chi vuol prendere in giro?

    RispondiElimina
  36. Ravasi ........ ero straniero e mi avete ospitato....... prendi il vocabolario italiano, e vedi che ospite significa una persona che resta in casa tua per un soggiorno di qualche giorno poi va via - immigrato o accoglienza è ben altra cosa - è diventato cosa stabile - non rigirare la Dottrina Cattolica - perchè Cristo non voleva dire quello che volete dire tu, Bergoglio e tutti i corifei bergogliani - voi volete che la gente si allontani dalla Chiesa Cattolica, mentre la gente vuole cacciare voi dalla Chiesa Cattolica e riprendersela come voleva Nostro Signore - ognino pagherà per i suoi sacrilegi a tempo debito - quello che vogliamo fare è salvare il maggior numero di anime alle vostre grinfie e portarli sulla strada di cristo che voi avete perduto o magari mai avuto.

    RispondiElimina
  37. Dopo quello che dice Ravasi e Bergoglio che hanno travisato il Vangelo per portare in errore i Cattolici, non voglio sentire più nessuno - i Vescovi ed i Preti che predicano me li scelgo - quando predicano la Vera Dottrina Cattolica ed Apostolica li ascolto e li difendo a spada tratta - quando predicano questi nominati qui sopra che ormai sono diventati un esercito, cerco di evitarli e di non farli ascoltare da altri - vogliamo capire che questi predicano solo eresie? contro Dio e contro la Chiesa e oltretutto contro l'umanità come Dio l'ha creata e voluta?

    RispondiElimina
  38. Agghiacciante!
    http://www.marcotosatti.com/2018/06/15/quando-bergoglio-telefono-a-enrico-letta-e-parti-loperazione-mare-nostrum-una-rivelazione/

    RispondiElimina
  39. VATICANO SPA INCASSA 281.050.000 EURO OSPITANDO PROFUGHI
    allora i profughi non sono numeri, ma ci sono altri numeri che contano

    Oggi, la Cei informa nel suo manuale per il business dell’accoglienza (Vademecum), che la propria rete sul territorio ospita oltre 22mila sedicenti profughi.

    Dei circa 95mila clandestini ospitati a spese dei contribuenti nei diversi Centri di accoglienza (hotel) ordinari e straordinari, nonché nel Sistema nazionale di protezione dei richiedenti asilo e rifugiati, diocesi, parrocchie e comunità religiose se ne sono pappati, in circa 1600 strutture, oltre 22mila. Un business spaventoso.

    https://ilgiornaledellasera.blogspot.com/2017/08/vaticano-spa-incassa-281050000-euro.html?m=1

    RispondiElimina
  40. Ancora su Delrio e sulla sua metamorfosi, narrata da Zambrano sulla Nuova Bussola Quptidiana.

    Mi pare che nel racconto della transizione fra il saio e l'eskimo da agitprop (con tanto di indice accusatorio alzato in parlamento verso il nuovo premier) manchi la citazione di tutte le perle del'nostro' da ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti.

    Basta mettere nel motore di ricerca "Delrio + ......":

    a) Filtri antiparticolato (mancata presa di posizione sul loro danno sulla salute);
    b) Caschi da moto (con 'omologazione europea' che non passa i test di sicurezza);
    c) Etilometri in uso a Forze d/Ordine (loro malfunzionamento);
    d) Assunzioni irregolari in ANAS (no comment);
    e) Case popolari Ponticelli costruite con amianto (senza parole);

    per rendersi conto che il suddetto 'nostro', nei panni da ministro non ha esattamente fatto faville (eufemismo - ed è pure medico), né ha il diritto di fare teatrate con voce vibrante e sdegnata dal suo scranno, neanche se rosica di brutto.

    Ne fanno fede - per quello che eventualmente valgono - i tapiri di Striscia la Notizia e le inchieste delle Iene in proposito.

    Per carità, lo segua chi vuole. Ma almeno sapendo a chi ci si accoda.

    RispondiElimina
  41. Un faccia a faccia delicato a Parigi fra il premier Conte e il presidente francese Macron. Al centro dell’incontro l’euro e la questione migranti, dopo la vicenda Aquarius. La proposta del presidente del Consiglio di istituire hotspot nei Paesi africani d’origine - non solo la Libia ma anche quelli sahariani, come il Niger - per chiudere la rotta verso il Mediterraneo tutelando, al tempo stesso, le vite dei migranti, a quanto si apprende da fonti di governo, trova l’avallo del presidente francese Macron. «Nessuno in Europa può pensare di rimanere estraneo e lavarsi le mani verso la questione delle migrazione» ha precisato Conte al termine del bilaterale.
    https://www.corriere.it/esteri/18_giugno_15/parigi-iniziato-l-incontro-conte-macron-67fa6f86-7093-11e8-8f08-e72858c58491.shtml

    RispondiElimina
  42. https://www.maurizioblondet.it/quando-le-ong-di-soccorso-uccidono-di-piu-che-fare/

    RispondiElimina
  43. A Firenze le strade sono piene di neri e praticamente ce n'è uno davanti a ogni negozio. I bus del trasporto urbano sono altrettanto pieni di ragazzotti, sempre seduti e col cellulare in mano (mentre i vecchi autoctoni stanno in piedi), donne incinte con un bambino per mano e uno nel carrozzino che rendono difficile la discesa...e nessuno paga il biglietto, Sono molti, molti di più di quello che ci raccontano...
    (Alessandro Giorgetti)

    RispondiElimina
  44. https://www.huffingtonpost.it/2018/06/15/matteo-salvini-incontra-il-cardinale-burke-la-chiesa-mi-dice-di-andare-avanti_a_23460193/

    Matteo Salvini incontra il cardinale Burke: "La Chiesa mi dice di andare avanti"
    Il ministro dell'Interno sente l'ala più tradizionalista del Vaticano dalla sua parte sul tema dei migranti

    Papa Francesco oggi ha invitato a "non lasciare in balìa delle onde chi lascia la sua terra affamato di pane e di giustizia". Il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, sente tuttavia il Vaticano, almeno una sua 'ala', quella più tradizionalista, dalla sua parte sul tema migranti. Da parte di esponenti della Chiesa, ha detto oggi, "qualcuno mi ha contattato, ovviamente non farò i nomi neppure sotto tortura, per chiedermi di andare avanti sulla strada cominciata. Questo, al di là del fatto che si sia credenti o non credenti, mi fa piacere perché il diritto a migrare va contemperato con quello di non emigrare".

    Se nomi il titolare del Viminale non si fa, una foto scattata ieri alla cerimonia di chiusura dell'anno accademico della Scuola di perfezionamento per le forze di polizia lo ritrae mentre mentre stringe la mano sorridente al cardinale americano Raymond Leo Burke, in prima fila tra gli invitati all'evento.

    Burke non è un porporato qualunque, ma è uno dei più assidui oppositori di Francesco. Insieme al cardinale Walter Brandmueller, ha firmato una dichiarazione pubblica, i cosiddetti 'dubia', contro l'accesso dei risposati alla comunione, per il dogma dell'indissolubilità matrimoniale, alla quale poi ha fatto seguito la "correzione filiale" del settembre scorso in cui si accusava Bergoglio di sette eresie.

    Burke è da tempo uno dei cardinali di riferimento del leader della Lega. Se nell'ottobre del 2016 dalla sua pagina Facebook Salvini rilanciava un video del cardinale nel quale si parlava di islam come "minaccia" e in cui il porporato invitava a usare "intelligenza" nella questione dei migranti perché "dobbiamo sapere chi sono e quanti possiamo realisticamente accettare", nel febbraio 2017 alcuni giornali parlarono di un lungo incontro segreto tra i due. Notizia mai smentita. Erano i tempi in cui a Pontida giravano le t-shirt anti-Bergoglio con lo slogan 'Il mio Papa è Benedetto'.

    Anche due giorni fa Salvini ha avuto modo di esprimere la sua tranquillità rispetto ad una possibile opposizione del Vaticano alla sua linea dura sui migranti. "Con la Chiesa - ha fatto sapere - ho personalmente buone e riservate relazioni". D'altra parte, nel febbraio scorso il futuro ministro in un comizio a Milano aveva giurato sul Vangelo con il rosario in mano. Gesto che non è passato inosservato: padre Antonio Spadaro, una delle persone più vicine a Papa Francesco, pur senza citare Salvini, definì "sfacciataggine" quella dei leader politici che "fanno comizi elettorali brandendo in mano Vangelo e rosario".

    Infine il ministro dell'Interno, sempre mercoledì in Senato, aveva citato la parola di Gesù: "ama il prossimo tuo come te stesso", per dire che "il prossimo tuo" non solo solo "donne e bambini che fuggono dalla guerra", ma anche "i milioni di italiani che in silenzio hanno perso casa, lavoro e speranza".
    Ansa

    RispondiElimina
  45. Burke non è un porporato qualunque, ma è uno dei più assidui oppositori di Francesco

    Vulgata errata. Burke non è un oppositore del Papa. Semplicemente riafferma la verità ogni volta e nei casi in cui è stata creata confusione e si è oltrepassato l'insegnamento costante della Chiesa.
    Il che significa fedeltà a Cristo ma anche al Papato nella sua accezione più sacra e nobile.

    Riporto le sue chiarissime affermazioni da un'intervista:
    Sento il dovere di correggere la comprensione dei fedeli sull'insegnamento della Chiesa e sulle dichiarazioni del Papa col metodo di distinguere, come ha sempre fatto la Chiesa, le parole dell'uomo che è papa dalle parole del papa come vicario di Cristo in terra. Nel Medioevo, la Chiesa ha parlato dei due 'corpi' del Papa: il corpo dell'uomo e il corpo del Vicario di Cristo. Infatti, la tradizionale vestizione papale, in particolare la mozzetta rossa con la stola raffigurante gli Apostoli San Pietro e Paolo, rappresenta in modo visibile il vero corpo del Papa quando esalta l'insegnamento della Chiesa.
    Negli ultimi tempi la Chiesa non è stata abituata a un romano pontefice che parli pubblicamente in stile colloquiale. Infatti, c'è sempre stata grande cura, nel far sì che qualsiasi parola del papa destinata alla pubblicazione sia chiaramente in accordo con il Magistero. (...) Papa Francesco ha scelto di parlare spesso nel suo primo corpo, quello dell'uomo che è Papa. Infatti, anche nei documenti che in passato hanno rappresentato un insegnamento più solenne, egli afferma chiaramente che non sta offrendo insegnamenti magisteriali ma il suo pensiero. Tuttavia coloro che sono abituati ad un diverso modo di parlare papale vogliono fare di ogni sua affermazione Magistero. Ciò è contrario alla ragione e a ciò che la Chiesa ha sempre creduto. È semplicemente sbagliato e dannoso alla Chiesa ricevere ogni dichiarazione del Santo Padre come espressione dell'insegnamento papale o magistero.
    La distinzione tra di due tipi di discorso del Romano Pontefice non è in alcun modo irrispettosa dell'Ufficio Petrino. Tanto meno costituisce inimicizia nei confronti di Papa Francesco. Infatti, al contrario, dimostra il massimo rispetto per l'Ufficio Petrino e per l'uomo a cui il Nostro Signore lo ha affidato. Senza la distinzione, potremmo facilmente perdere rispetto per il Papato o essere indotti a pensare che, se non siamo d'accordo con le opinioni personali dell'uomo che è romano pontefice, dobbiamo rompere la comunione con la Chiesa. In ogni caso, qualsiasi dichiarazione del Romano Pontefice deve essere compresa nel contesto dell'insegnamento e della pratica costante della Chiesa, affinché la confusione e la divisione dell'insegnamento e della pratica della Chiesa non entrino nel suo corpo a grande danno delle anime e grande danno dell'evangelizzazione del mondo.

    Richiamo le parole si San Paolo all'inizio della Lettera ai Galati, una comunità dei primi cristiani in cui si era diffusa grave confusione e divisione. Come buon pastore del gregge, San Paolo ha scritto le seguenti parole per affrontare la situazione più preoccupante:
    Mi meraviglio che così in fretta da colui che vi ha chiamati con la grazia di Cristo passiate ad un altro vangelo. In realtà, però, non ce n'è un altro; solo che vi sono alcuni che vi turbano e vogliono sovvertire il vangelo di Cristo. Orbene, se anche noi stessi o un angelo dal cielo vi predicasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo predicato, sia anàtema! L'abbiamo già detto e ora lo ripeto: se qualcuno vi predica un vangelo diverso da quello che avete ricevuto, sia anàtema! Infatti, è forse il favore degli uomini che intendo guadagnarmi, o non piuttosto quello di Dio? Oppure cerco di piacere agli uomini? Se ancora io piacessi agli uomini, non sarei più servitore di Cristo! (Gal 1, 6-10)

    RispondiElimina
  46. Qui il testo integrale dell'articolo che ne parla:
    https://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2017/08/al-correzione-o-no-canonisti-al-lavoro.html

    RispondiElimina
  47. Che il Vaticano dichiari il numero dei migranti accolti sul suo suolo sovrano.
    Che Iddio ci salvi dall'ipocrisia degli usurpatori!

    RispondiElimina
  48. Questa sera il signor Saviano, avvolto dal suo tedio patrizio e circondato dalla sua guardinga scorta, è sceso di nuovo dal suo sontuoso attico di Nuova York: su La7, senza contraddittorio, ha tenuto il suo sermone della montagna. Ha - bontà sua - ortopedizzato le masse populiste in senso liberal, cosmopolita e plusimmigrazionista. Operai egoisti, disoccupati cinici, precari viziati: ci vuole più immigrazione, più Europa, più globalizzazione, più libero mercato! E dopo aver sermoneggiato in tal guisa, il bardo del pensiero unico turbomondialista è tornato tosto al suo confortevole attico di Nuova York, lontano dai rumori del vile popolo affamato e tanto gretto da pensare ancora ai salari e non alle virtù benefiche dell'apertura di porti e frontiere.
    (Diego Fusaro)

    RispondiElimina
  49. Ho visto la 7 stasera. Il comizio di Saviano (a cui si riferisce Fusaro) e non solo. Erano anni che non seguivo un programma tv. Volevo avere il polso della situazione mediatica: una vergogna.
    Dico solo:
    1) hanno trasmesso un video brevissimo della Meloni che svergognava Saviano sui numeri dell’accoglienza immigrati. L’hanno tagliato, nonostante sia brevissimo, eliminando proprio il punto in cui lei mostra e dimostra le menzogne di Saviano. Quest’ultimo quindi si è difeso dal niente. Magnifico.
    2) Hanno svergognato Conte facendolo passare per un quaqquaraqqua, perché il pomeriggio disdiceva l’impegno in Francia, per l’offesa al governo italiano e la mattina dopo decideva di andare ed omettevano di dire che nella notte Macron chiamava Conte, piegando le corna … Omettevano anche di riferire dei complimenti ricevuti da Trump.

    Il resto coerente. E’ impressionante la capacità di queste persone di mentire in modo spudorato, mentire anche su notizie di dominio pubblico. Impressionante anche come schiumano, una rabbia enorme, straripante. Istigazione all’odio ed alla violenza all’ennesimo grado, quella vera (altro che la c.d. “omofobia”). Ho visto la copertina dell’espresso. Vergognosa. Oltre al prevedibile caso di cronaca giudiziaria (il solito tempismo impressionante), e altra ne verrà, oltre alla provocazione dei problemi finanziari, temo che tenteranno di provocare disordini.

    C’é da pregare molto.
    Anna

    RispondiElimina
  50. Una plastica immagine della dignità della Fede millenaria la cui culla in Roma.

    https://qz.com/wp-content/uploads/2016/03/pope-francis-kisses-the-foot-of-a-man-during-the-foot-washing-ritual-at-the-castelnuovo-di-porto-refugees-center-e1458888339414.jpg?quality=80&strip=all&w=1600

    RispondiElimina
  51. Matteo Salvini: Buona giornata Amici.
    Mentre la nave della Ong Aquarius naviga verso la Spagna (arrivo previsto domani mattina) altre due navi di Ong con bandiera dell’Olanda (Lifeline e Seefuchs) sono arrivate al largo delle coste della Libia, in attesa del loro carico di esseri umani abbandonati dagli scafisti.
    Sappiano questi signori che l’Italia non vuole più essere complice del business dell’immigrazione clandestina, e quindi dovranno cercarsi altri porti (non italiani) dove dirigersi.
    Da ministro e da papà, possono attaccarmi e minacciarmi quanto vogliono, ma io non mollo e lo faccio per il bene di tutti.

    RispondiElimina
  52. Per Salvini :
    Faccia quello che deve fare un Ministro dell'interno della Repubblica Italiana degno di questo ruolo .
    Lei sta amministrando in nome e per conto di tutti gli italiani un bene infinito che e' il territorio italiano , il nostro comune cortile . Buon lavoro !

    RispondiElimina

  53. Si j'avais un conseil à donner à Matteo Salvini — pour qui j'ai une très grande admiration —, ce serait celui de veiller à sa sécurité personnelle. Trop de gens sont intéressés à sa disparition, en Italie et en dehors de l'Italie.

    RispondiElimina
  54. https://www.maurizioblondet.it/il-vento-sta-cambiando-basta-merkel-martin-rothweiler-afd/

    RispondiElimina
  55. "Vergognosa copertina dell'Espresso. Da una parte un migrante, un ragazzo di colore, "un uomo", dall'altra il ministro dell'Interno, un bianco, un subumano, un animale. C'è una sinistra impazzita, suicida, autolesionista, orrendamente spocchiosa, ultra-minoritaria, che fomenta la guerra civile, lo scontro prima culturale e ora pure etnico. Questa è demonizzazione eugenetica. E ottiene l'effetto opposto a quello sperato, o forse no. Una sorta di "difesa della razza" al contrario. Per me è come la copertina dell'Espresso sulla "strage di Gaza". Giornalismo da pulircisi il didietro."

    Giulio Meotti

    RispondiElimina
  56. http://www.imolaoggi.it/2018/06/16/migranti-mare-nostrum-fu-voluta-da-bergoglio-che-telefono-a-letta/

    RispondiElimina
  57. Guardate che cosa ha combinato un "richiedente protezione internazionale con il permesso di soggiorno in fase di rinnovo".
    MACERATA 15 giugno 2018
    Un richiedente asilo sorpreso a rubare picchia un poliziotto (mandandolo all'ospedale) e minaccia:
    “Io vi taglio a pezzi e vi mangio. Italiani di m…. La legge in Italia non può farmi nulla. Io ho fatto la guerra, ne ho ammazzati tanti e ammazzerò anche voi".
    .... In questura ha proseguito cercando di colpire nuovamente gli agenti con calci e sputi. È un richiedente protezione internazionale con il permesso di soggiorno in fase di rinnovo. Nei mesi scorsi era stato denunciato per detenzione di sostanze stupefacenti."

    https://www.corriereadriatico.it/macerata/macerata_furto_copisteria_richiedente_asilo_insulti_italiani-3799421.html

    RispondiElimina
  58. http://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/migranti-olanda-risponde-a-toninelli-non-si-tratta-di-nostre-ong-_3146494-201802a.shtml

    RispondiElimina
  59. "Non si tratta di Ong olandesi, né di imbarcazioni registrate in Olanda. Anche il governo dei Paesi Bassi è preoccupato per l'attività delle Ong nell'area di ricerca e salvataggio libica, in violazione del codice di condotta. Facendo così sono strumentalizzate dal cinico modello dei trafficanti di esseri umani libici". Lo fa sapere la rappresentanza olandese in Ue sul caso di Lifeline e Seefuchs, dopo la richiesta del ministro Danilo Toninelli.

    RispondiElimina
  60. La Spagna sta mostrando in mondovisione lo sbarco di 600 migranti. Da noi ne sono sbarcati 600mila nel silenzio completo del mondo.

    RispondiElimina
  61. "Il PEREGRINARE in mare per questi migranti è finalmente finito. È stata addirittura allestita una tribuna per gli operatori televisivi e per i fotografi"
    La Spagna e i media di regime stanno mostrando in mondovisione lo sbarco di 600 'migranti'.
    Da noi ne sono sbarcati 600mila nel silenzio e nel menefreghismo del mondo.

    RispondiElimina
  62. @ Anonimo
    17 giugno 2018 09:31

    Sappiamo che il mondo quando compie qualcosa, anche solo apparentemente, di buono tiene a farlo sapere a tutte le mani, destre e sinistre, del mondo appunto. Non che noi fossimo questi santi prima, lo facevano in nostro nome nel dolo, con dolo, per dolo, cioè aum aum, dopo averci raggirati con sensi di colpa, della quale, quando loro torna comodo, negano l'esistenza, perfino di quella originale.

    RispondiElimina
  63. https://www.il-cortile.it/news/nel-mondo/3381-aquarius-il-grande-equivoco-talvolta-inconsapevole-ma-spesso-in-mala-fede.html

    RispondiElimina
  64. Basta chiamarli migranti !18 giugno 2018 09:29

    A proposito della menzognera retorica dei sinistronzi sulla Spagna accogliente, ecco cosa afferma il NYT tramite corrispondenti dalla Spagna : "Ai migranti verrà concesso un permesso umanitario speciale per rimanere in Spagna per 45 giorni mentre le autorità esaminano i loro casi e prestano loro cure mediche. Il governo spagnolo ha affermato che avrebbe esaminato tutte le posizioni dei 630 migranti per decidere se concedere loro asilo. Coloro che non soddisfano i criteri dovrebbero essere espulsi."
    Rodrigo Ottavio
    https://www.facebook.com/ottavio.rodrigo/posts/1663783973669259

    https://www.nytimes.com/2018/06/17/world/europe/spain-migrant-ship-italy.html

    RispondiElimina
  65. La speranza è che la politica avanzi su questa strada, tutta in salita, della difesa del popolo, dei suoi veri interessi e delle sue migliori aspirazioni. La misericordia divina non mancherà di fare il resto.

    http://www.campariedemaistre.com/2018/06/se-fara-il-bene-del-popolo-sara.html

    RispondiElimina
  66. Socci e la tragicomica estate degli orfani dei talk show,
    "fateli parlare sotto all'ombrellone"
    http://www.liberoquotidiano.it/news/sfoglio/13351557/antonio-socci-beppe-severgnini-elsa-fornero-tragicomica-estate-orfani-talk-show.html

    RispondiElimina
  67. Per saperne di piu' :19 giugno 2018 13:56

    Quello che non ti dicono delle ONG -
    Francesca Totolo - 23 apr 2018
    https://www.youtube.com/watch?v=MEejfBYt3Q8

    Oggi ho finalmente avuto il tempo di ascoltarlo e ne so qualcosina di piu' grazie a Byoblu.

    RispondiElimina
  68. Boh ! Chi ci capisce e' bravo
    Nave Diciotti bloccata a largo con i migranti. Poi la svolta: "Sbarco a Pozzallo"
    http://www.ilgiornale.it/news/cronache/nave-diciotti-bloccata-largo-522-migranti-attendono-sbarco-1542620.html

    RispondiElimina
  69. Bergoglio è in grado o no di ragionare, riflettere e prefigurare un futuro imminente?

    E' in grado o no di valutare (o semplicemente non vuole ammettere) il pericolo rappresentato dalla bomba sociale e culturale dl una immigrazione afroislamica massiccia e destabilizzante sotto ogni aspetto?

    Comprende o no che - per la sopravvivenza stessa dei popoli europei, della loro identità cristiana e della loro civiltà, per scongiurare sanguinosi sconvolgimenti futuri - l'immigrazione va filtrata, regolamentata, contenuta il più possibile?

    E' o no in grado di capire che un'immigrazione incontrollata e continuativa è - per l'Italia e l'Europa - la peggiore delle disgrazie, un'autostrada in discesa e a quattro corsie verso la catastrofe?

    Papa, taci, sei pericoloso! Occupati della cura delle anime, non di temi politici la cui valutazione e risoluzione competono ai governi nazionali!

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori del blog.