Pagine fisse in evidenza

venerdì 24 maggio 2013

Una proposta per il 5x1000

Roma - S.Messa a S. Caterina
La Fraternità sacerdotale San Pio X è presente in molti Paesi in via di sviluppo con attività missionarie e di promozione umana per bambini, disabili, anziani, ammalati... Essa tiene la porta aperta a qualunque specie di miseria morale o materiale, come gli ha insegnato il suo fondatore Mons. Marcel Lefebvre.

Come puoi aiutare la congregazione a fare del bene?
Con la preghiera
infatti è soltanto Dio che fa crescere e tutto e dono suo
Con l'invio di buone vocazioni
di aspiranti sacerdoti, fratelli, suore...
Col far conoscere Priorati Cappelle
della fraternità sacerdotale San Pio X a persone generose che possono aiutarla nel suo vasto campo di bene.
Col devolvere in favore di essa il 5x1000
Come fare? È semplice:
Compila la scheda del CUD o modello 730 o il modello Unico
Firma nello spazio apposito 
Associazione San Giuseppe Cafasso codice fiscale 93012970013 
Dio vi ricompensi.

15 commenti:

  1. Che siete diventati lefevriani?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. alessandra petrucciani24 maggio 2013 14:06

      Essere chiamati lefebvriani e'un onore morirvi una santa grazia

      Elimina
  2. Intanto "Lefebvriani", sta per cattolici-e-basta perché non indica nessun nuovo movimento o indirizzo ecclesiale, ma designa specificamente i seguaci di Mons. Lefebvre, che non ha fatto altro che trasmettere, innanzitutto ai suoi Sacerdoti, "ciò che ha ricevuto" dalla Chiesa.

    Inoltre, per essere solidali con la Fraternità non è necessario aderirvi formalmente. Basta essere cattolici-e-basta.

    C'è ancora qualche problema di ordina canonico. Ma speriamo che le buone volontà prevalgano e una sana pastorale (non soltanto della FSSPX) trovi presto la sua giusta collocazione nella Chiesa.

    RispondiElimina
  3. Si può destinare il 5x1000 anche all’Istituto di Cristo Re Sommo Sacerdote

    codice fiscale 04690330487.

    RispondiElimina
  4. Il 5x1000 può essere destinato anche a Sì Sì No No
    al n. 95032810582

    RispondiElimina
  5. Non lascio spazio ai troll, alla MiL, che ci bombardano con le loro deformazioni ideologiche, che nulla hanno di cristiano, prima ancora che di cattolico.

    Possono risparmiarsi la fatica di scrivere, qui non c'è spazio per loro che nutrono un'avversione 'viscerale' (il che è già un insano sintomo) per la Tradizione, in assenza della quale la Chiesa diviene un'"altra cosa"...

    Del resto di confutazioni ne abbiamo già fatte tante, motivate e serene, fornendo ogni nostra ragione a suon di Magistero. Ma non sono servite a nulla, come a nulla servirebbe imboccare ora questa china. E, dunque, rimaniamo nell'essenziale e non ci imbarchiamo in polemiche sterili.

    Piuttosto, ho visto (e pubblicato) altri messaggi analoghi.
    Ognuno è libero di decidere secondo coscienza illuminata dalla Fede...

    Per quanto mi riguarda, sono felice di poter contribuire, per quel che posso, anche con questo blog.

    RispondiElimina
  6. "C'è ancora qualche problema di ordina canonico. Ma speriamo che le buone volontà prevalgano e una sana pastorale (non soltanto della FSSPX) trovi presto la sua giusta collocazione nella Chiesa."

    mic, dov'è finito il tuo realismo?

    RispondiElimina
  7. mic, dov'è finito il tuo realismo?

    Non è finito :) cerco solo di alimentare la fiducia.
    E, poi, lo vedremo...

    RispondiElimina
  8. Grazie Alessandra hai preceduto il mio pensiero - che Dio ci assista e ci aiuti a continuare ad essere veri cattolici.
    Sempre un grazie a Mic. per questo suo impegno.
    Si Mons. Lefebvre non ha fatto altro che trasmettere cio' che aveva ricevuto, e pertanto dobbiamo dirgli grazie per cio' che abbiamo ottenuto per mezzo di Lui e delle Sue sofferenze.

    RispondiElimina
  9. Non ha senso parlare oggi di "lefebvriani", così come non avrebbe avuto senso 17 secoli fa parlare di "atanasiani". In entrambi i casi si tratta di cattolici tout court.

    RispondiElimina
  10. Sono perfettamente d'accordo.
    Tempora bona veniant...

    RispondiElimina
  11. Magari si potrebbe dare anche l'8x1000!

    RispondiElimina
  12. Se è nel senso che non ci sarebbero motivi per cui la FSSPX debba rimanere canonicamente fuori dalla chiesa, sono d'accordo.
    Sul dare anche l'8 per mille, non è da escludere. Ognuno fa quel che sente.

    RispondiElimina
  13. L'8x1000 ancora non può essere destinato alla FSSPX.

    Se non si vuole destinarlo alla Chiesa Cattolica (=CEI) per evitare di finanziare insegnamenti eretici e lo stipendeio di chi vuole uccidere la Tradizione si può sempre destinarlo allo stato.

    RispondiElimina
  14. Grazie MIC per avere ricordato ai lettori del Blog questa possibilità: personalmente già lo devolvo. Il 5/1000 è una forma di elemosina, e l'elemosina, se viene fatta a maggior gloria di Dio, porta dritti in Paradiso, insieme al digiuno e alla preghiera.

    Vorrei poi segnalarvi che santi uomini di Dio hanno bisogno di un aiuto.
    Per chi volesse fare una cristiana elemosina ...

    http://benedettini-immacolata.blogspot.it/2012_11_01_archive.html#1105341333781267533

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori del blog.