Pagine fisse in evidenza

giovedì 27 novembre 2014

La lobby riformista ha funzionato.


Una biografia di Papa Francesco - dal titolo Il grande riformatore - che sarà pubblicata il mese prossimo, rivela che c'è stata una discreta, ma molto organizzata, campagna a sostegno del cardinale Bergoglio promossa da un piccolo gruppo di cardinali europei, che ne ha consentito la sorprendentemente rapida elezione. L'autore del libro, lo scrittore cattolico inglese Austen Ivereigh, lo chiama "Team Bergoglio" e rivela cene private e altri incontri di cardinali nei giorni precedenti il conclave, sotto la coltre del più assoluto silenzio. Ne parla il Telegraph [qui].

Praticamente nel 2013 i riformisti europei - una vera e propria lobby - hanno colto il loro momento, riprendendo i progetti interrotti nel 2005 con l'elezione di Ratzinger.
Ivereigh, già addetto stampa del cardinale Murphy-O'Connor, rivela che il cardinale, sebbene non più elettore per via dell'età, ha giocato un ruolo chiave nell'elezione, in collaborazione con il cardinale tedesco Walter Kasper, dai noti orientamenti rivoluzionari emersi durante il Sinodo.
I cardinali pensavano che l'età dell'eletto non avrebbe dovuto essere considerata un ostacolo, dando per scontato "che i papi hanno la possibilità di dimettersi".
Un punto di svolta fondamentale si è avuto durante la serie di riunioni a porte chiuse prima del conclave, le famose congregazioni, quando il cardinale Bergoglio ha fatto un breve ma commovente discorso sullo stato della Chiesa. 
In realtà non sono grosse rivelazioni, ma sottolineano l'arrembante azione dei progressisti più rivoluzionari ormai attestati nelle posizioni chiave della nuova gerarchia.

44 commenti:

  1. The Great Reformer?
    Io direi piuttosto: The Great Pretender, come cantavano i Platters.
    E non è una battutaccia.
    humilitas

    RispondiElimina
  2. Poverini , quanto devono aver sofferto con Benedetto XVI.. Adesso sì che c'è l'aria nuova , ah che bellezza.

    RispondiElimina
  3. Vorrei capire meglio: si tratta di un'opera critica oppure celebrativa?
    Con che spirito questo Ivereigh parla del "Team Bergoglio"?

    RispondiElimina
  4. Questo è un ottimo articolo che diffonderò adeguatamente .
    Potrei anche completarlo del mio ... ma per il momento mi attengo a quello che trovo scritto.
    Brava Mic !

    RispondiElimina
  5. E poi che la vogliono dar da bere con il fatto che sarebbe lo Spirito Santo che lo ha voluto? Da quando in qua lo Spirito Santo parla a cuori che si intrallazzano negli interessi e negli affari del mondo?

    RispondiElimina
  6. Metodi e sistemi assimilati dalla massoneria.
    "Rito scozzese antico e accettato" docet

    RispondiElimina
  7. Se andate su Amazon si può ascoltare qualche minuto della versione diciamo "audiolibro":
    http://www.amazon.com/The-Great-Reformer-Francis-Radical/dp/1627791574
    nonché leggere qualche riga di presentazione.
    Il tono non è certo critico, anche considerando che l'autore viene dall'entourage del card. indicato come il capo della lobby pro Bergoglio.
    Io non lo compro di sicuro...
    humilitas

    RispondiElimina
  8. Non ho altre indicazioni sullo spirito dell'opera né mi pare che emerga dall'articolo da cui è stata ripresa la notizia. È molto probabile sia un'opera celebrativa vista la fonte.
    Ma la rilevanza della notizia sta nella conferma dell'arrembante attività dei 'rivoluzionari' che sono poi coloro che hanno impedito e ostacolato in molti modi il pontificato di Benedetto XVI ed ora hanno raggiunto l'obbiettivo di mettere sul Soglio un riformatore della portata che stiamo vedendo.... E che non ha davanti a sé nessuno che intervenga, sia per il clima peronista instaurato che per l'eccessivo sfaldamento delle forze tradizionali, non cosí coese come i 'riformatori'. E già la parola dice tutto.
    L'unica scelta, che coltiva la speranza, sta nel "resistere" confidando nelle promesse del Signore.
    E nel fatto che "il Signore aveva altri progetti" (mi ritrovo a citare le parole della Emmerick!)... La nostra ragione illuminata dalla Fede infatti non ci fa riconoscere i progetti del Signore in quel che stiamo vedendo e ascoltando.

    RispondiElimina
  9. un altro approfondimento si trova qui:

    https://bergoglionate.wordpress.com/2014/11/25/what-is-the-truth-about-cardinal-murphy-oconnor-and-team-bergoglio/

    RispondiElimina
  10. Dall'epoca del conclave che elesse Roncalli, alle manovre del manipolo di padri conciliari neomodernisti al Concilio, al'elezione di Montini, si è sempre ripetuta la medesima storia: intrighi e complotti, minacce e ricatti, altro che ispirazione dello Spirito Santo !; io propendo per le parole della Madonna, che ha più volte parlato di "cardinali partigiani del diavolo"; per me quest'ultima ipotesi è un assioma da cui partire per spiegare l'autodemolizione della Chiesa in atto ed il suo "motus in fine velocior" (vedansi i saggi di Quirino Maestrello "autodemolizione della Chiesa", edito da Radio Spada, ed anche "la tesi di Coroniti", reperibile anch'essa sul Web). Adunata, quindi, di tutte le forze sane della cattolicità attorno alla Vergine Potente contro il male, Fortezza Inespugnabile, Regina delle vittorie, per combattere la buona battaglia (se invece ci sentiamo inadeguati alla battaglia, preghiamoLa di accoglierci sotto il Suo Manto Santo, dove satana non osa avvicinarsi). Ad Jesum per Mariam !

    RispondiElimina
  11. 27 Novembre : quale miglior occasione per pregare un S.Rosario in piu' alla Tutta Santa? Lei sapra' dove indirizzare queste preghiere !
    https://www.facebook.com/pages/Santuario-Madonna-del-Miracolo-SantAndrea-delle-Fratte/598547040211284

    RispondiElimina
  12. ilfocohadaardere27 novembre 2014 11:50

    @Mic:"E nel fatto che "il Signore aveva altri progetti" (mi ritrovo a citare le parole della Emmerick!)... La nostra ragione illuminata dalla Fede infatti non ci fa riconoscere i progetti del Signore in quel che stiamo vedendo e ascoltando.". Cara Mic, se guardiamo certi FATTI che stanno avvenendo essi sono ontologicamente in contrasto con la Verità e contrastano la nostra Fede cattolica. Ciò è sotto gli occhi di chi solo VUOLE vedere. Ma davvero però non dobbiamo mai scordare (e lo dico a me in primis,che a volte cado nello sconforto per quello che accade...poi ripenso alla "tempesta sedata" da Gesù ed al Suo "uomini di poca fede!" e lo sento beneficamente rivolto a me) che adesso ciò che già da tempo ERA sotto traccia, è uscito alla luce del sole, e questo può essere un bene.E' una chiamata alle "armi" chiarissima.E'l'ora della grande battaglia, della grande PROVA della Chiesa.E' l'ora preannunciata da Cristo e ricordataci a Fatima.E' il "motus in fine velocior" di cui parlava esattamente De Mattei.Veramente è visibile,quasi in una dimensione "irreale da quanto è reale" (a tratti,pare una dimensione "onirica",ma sono convinto che ciò avviene solo a causa della fede che permette di vedere le cose in modi per molti incomprensibili....per chi non ha fede!) uno scatenamento epocale delle forze anticristiche,ed un'impostura religiosa si profila al NOSTRO ORIZZONTE. Di tutto ciò parla il CCC. Nessuno di noi può sapere i tempi e i progetti di Dio, ma appare purtuttavia così chiaro che ciò che viviamo avviene all'inyterno di questa dinamica escatologica! credo che può far bene rileggere questi passi: "L'ultima prova della Chiesa

    675 Prima della venuta di Cristo, la Chiesa deve passare attraverso una prova finale che scuoterà la fede di molti credenti. 637 La persecuzione che accompagna il suo pellegrinaggio sulla terra 638 svelerà il « mistero di iniquità » sotto la forma di una impostura religiosa che offre agli uomini una soluzione apparente ai loro problemi, al prezzo dell'apostasia dalla verità. La massima impostura religiosa è quella dell'Anti-Cristo, cioè di uno pseudo-messianismo in cui l'uomo glorifica se stesso al posto di Dio e del suo Messia venuto nella carne. 639

    676 Questa impostura anti-cristica si delinea già nel mondo ogniqualvolta si pretende di realizzare nella storia la speranza messianica che non può essere portata a compimento se non al di là di essa, attraverso il giudizio escatologico; anche sotto la sua forma mitigata, la Chiesa ha rigettato questa falsificazione del regno futuro sotto il nome di millenarismo, soprattutto sotto la forma politica di un messianismo secolarizzato « intrinsecamente perverso ».
    677 La Chiesa non entrerà nella gloria del Regno che attraverso quest'ultima pasqua, nella quale seguirà il suo Signore nella sua morte e risurrezione. Il Regno non si compirà dunque attraverso un trionfo storico della Chiesa secondo un progresso ascendente, ma attraverso una vittoria di Dio sullo scatenarsi ultimo del male che farà discendere dal cielo la sua Sposa.Il trionfo di Dio sulla rivolta del male prenderà la forma dell'ultimo giudizio dopo l'ultimo sommovimento cosmico di questo mondo che passa."
    http://www.vatican.va/archive/catechism_it/p1s2c2a7_it.htm

    RispondiElimina
  13. Su Amazon e' gia' scaricabile in inglese ed in formato kindle. oggi pomeriggio comincio a leggerlo..

    RispondiElimina

  14. Penso sia utile leggere Rino Cammilleri http://www.lanuovabq.it/it/articoli-papa-francesco-ha-sempre-chiesto-di-pregare-per-lui-11052.htm
    E concludere come lui propone:
    Oremus pro Pontifice nostro Francisco. A cui si risponde: Dominus conservet eum et vivificet eum et non tradat eum in animam inimicorum ejus.

    RispondiElimina
  15. Nulla che già non sapessimo e che diversi fra di noi avevano già scritto(riprendendo alcuni articoli dei rarissimi vaticanisti restati sobri) subito dopo l`elezione di Bergoglio, solo la conferma di quell`alleanza (cardinali americani, sud-americani e probabilmente tedeschi) all`opera durante le riunioni pre-conclave a Santa Maria Maggiore e altrove, volta anche a evitare l`elezione di un Italiano (Scola).
    Avevate già letto il resoconto di quel conclave fatta dall`amica di Bergoglio Elisabetta Pique?
    Viva il segreto!

    http://www.formiche.net/2013/11/23/volete-sapere-i-segreti-del-conclave-ecco-il-libro-della-vaticanista-amica-bergoglio/

    E questo lo avevate letto?

    https://www.facebook.com/gianni.toffali.7/posts/488099774646911

    RispondiElimina
  16. Dieci consigli su come soppravvivere ad un papa calamitoso e rimanere cattolico:

    http://www.adelantelafe.com/10-consejos-para-sobrevivir-a-un-papa-calamitoso-y-seguir-siendo-catolico/

    RispondiElimina
  17. https://fromrome.wordpress.com/2014/11/27/ivereigh-udg-81-a-radical-problem-for-the-pope/



    RispondiElimina
  18. Diciamola tutta: SOCCI HA TUTTE LE RAGIONI DEL MONDO e 'Non e' Francesco' e' da prendersi sul serio!

    https://fromrome.wordpress.com/2014/11/27/ivereigh-udg-81-a-radical-problem-for-the-pope/

    RispondiElimina
  19. La deriva prosegue . ora sulla Rai.
    Sul "Foglio" Buttafuoco ci mette in guardia: "Quattro preti di strada, ovvero di moda e in voga, sono stati reclutati dalla tivù per predicare il Vangelo. “Il vento è cambiato”, dice uno dei quattro, don Vinicio Albanesi, che aggiunge: “Speriamo che duri”. Il nuovo corso incoraggiato dall’attuale vescovo di Roma, Papa Francesco, impegna la Rai ed è perciò che lo spazio televisivo della domenica sarà affidato esclusivamente a operatori religiosi impegnati nel sociale. Dio ce ne scampi, con don Albanesi, a spiegare l’Evangelo, ci saranno anche don Luigi Ciotti, don Maurizio Patriciello (quello della Terra dei Fuochi) e don Gino Rigoldi. Naturalmente non è una grande rivoluzione ¬– il lancio della presunta novità è solo una ruffianata – perché giustappunto, questi cosiddetti “preti di strada”, la cui capacità mediatica è più che potente, sono stati sempre in tivù, invitati ovunque, ospiti prediletti di Fabio Fazio e moltiplicati quindi nell’enfasi retorica dell’ideologicamente corretto che li ha proclamati testimoni dell’unico verbo a tutti loro caro, il pensiero unico." Quante ne dovremo ancora vedere?

    RispondiElimina
  20. Coloro che sono indaffarati a dirigere lo Spirito Santo dove vogliono loro, ci sono sempre stati: la storia della Chiesa ne è piena. Quante volte il papa è stato designato per imposizioni e ricatti di fazioni, partiti, famiglie o di stati. Nulla di nuovo sotto il sole, anche se adesso sono i progressisti gli attori.

    Piuttosto rendiamoci conto, che lo Spirito Santo spesso sembra dormire, ma in realtà è Lui a guidare la storia.
    E meditiamo quanto giustamente citato dal CCC riguardo alla grande purificazione della Chiesa: una grande grazia anche questa se intesa nella sua realtà soprannaturale.

    RispondiElimina
  21. Eloquente titolo di Magister oggi:

    Quando Pietro consgne le chiavi all' ONU

    http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2014/11/27/geopolitica-vaticana-quando-pietro-consegna-le-chiavi-allonu/

    RispondiElimina
  22. hanno colto il loro momento, riprendendo i progetti interrotti nel 2005 con l'elezione di Ratzinger.

    Cara Mic, interrotti? Purtroppo non ne sono sicuro.

    RispondiElimina
  23. Ettore,
    si prega sempre per il papa.
    Non ho ancora avuto il tempo di leggere il resto del testo di Cammilleri.

    RispondiElimina
  24. Anonimo 9:30
    avrebbe potuto risparmiarsi i complimenti ed essere meno criptico.

    RispondiElimina
  25. Su Riscossa cristiana un bell'articolo del prof De Mattei sulla Medaglia miracolosa(oggi è la sua festa ) . Al di là delle polemiche con don Nitoglia (stimo molto anche lui ) è ammirevole il suo coraggio :un simile scritto pare fatto apposta per attirarsi gli epiteti di bigotto , indegno di essere scienziato , affetto da puerile devozionismo . Un grazie a lui , a tutti voi ferventi cattolici ,e soprattutto una grande fiducia in Colei che tutto può presso il Figlio .

    RispondiElimina
  26. A proposito di lobbies, non è molto attinente a quella vat. ma assai potente, non so se avete letto e visto le immagini dei libretti 'informativi' di educazione sessuale forniti dalle scuole elementari tedesche e la storia del padre di 9 figli arrestato in quanto la figlia di 10 anni non voleva assistere alle lezioni in quanto la disturbavano, malmenata dalle insegnanti e poi la polizia si è recata a casa e l'ha arrestato, poi toccherà alla moglie attualmente in gravidanza ed impossibilitata, il tipo ha concesso un' intervista dove smentisce di essere cattolico estremista come spiattellato dai media e lamenta il fatto che nessun genitore,pur contrario alla dittatura lgbtt, lo abbia sostenuto per chi non si meraviglia ormai più di nulla, perché con Bonino al Quirinale, anche noi ci adegueremo : 'Io finito in carcere perché mia figlia ha saltato 2 ore di ideologia gender' www.tempi.it.Oggi alla riunione coi paolini che tutto pubblicano purché non sappia di cattolico,il vdr ha sciorinato le solite shambles, avanti così, colle riforme, siamo o non siamo membri dell'ordine mondiale?Anonymous.

    RispondiElimina
  27. Stalcio dall'articolo di ieri R.De Mattei su C R: "Caterina Labouré fu beatificata da Pio XI il 28 maggio 1933 e canonizzata da Pio XII il 27 luglio 1947; le sue reliquie riposano nella cappella in cui ebbe le apparizioni. Pio XI, il 19 luglio 1931, in occasione del processo di beatificazione di Caterina Labouré, accennando ai mali che affliggevano la Chiesa, disse: «In questi giorni risplende la Medaglia miracolosa, come per richiamarci in modo visibile e tangibile che alla preghiera tutto è permesso, anche i miracoli, e soprattutto i miracoli. In ciò sta la specialità magnifica della Medaglia miracolosa, e noi abbiamo bisogno di miracoli. è già un gran miracolo che i ciechi vedano… ma vi è un altro miracolo che dobbiamo domandare a Maria Regina della Medaglia, ed è che vedano quelli che non vogliono vedere…».

    Tra i tanti santi devoti della Medaglia miracolosa, fu il giovane Massimiliano Kolbe, che il 20 gennaio 1917, settantacinquesimo anniversario dell’apparizione, nell’ascoltare la rievocazione della conversione del Ratisbonne, nella Chiesa di sant’Andrea delle Fratte, concepì l’istituzione della sua Milizia dell’Immacolata, col fine di «cercare la conversione dei peccatori, eretici, scismatici, giudei ecc., e specialmente dei massoni; e la santificazione di tutti sotto il patrocinio e mediante la B.V.M. Immacolata».
    Oggi è la ricorrenza di questa, umile santa Suora. Chiediamo l'intercessione sua e della B.V.M. perchè Iddio continui a guidare la Sua Chiesa.

    RispondiElimina
  28. E' lo stesso team che dagli anni '30-'40 del secolo scorso ha cambiato nome più volte ma ha sempre la stessa sostanza.
    E' quello:
    -che voleva il Concilio con PXII
    -che lo ha fatto indire con GXXIII e lo ha manovrato attraverso la composizione delle commissioni
    -che lo ha interpretato a piacimento e messo in pratica partigianamente con PVI
    -che ha remato contro il Papa GPII nei suoi 27 anni di pontificato (ovviamente sottobanco perchè il Papa anticomunista per eccellenza era lo stesso molto amato)
    -che ha fatto dimettere BXVI attraverso manovre mediatiche e curiali
    -che nel 2013 ha finalmente portato un uomo di sinistra a sedersi sulla cattedra di Pietro.
    -che ha consacrato dopo tanti tentativi il cattocomunismo come interpretazione autentica del Vangelo.
    Ora si chiama 'team Bergoglio', domani avrà un altro nome ma la sostanza è sempre quella.

    RispondiElimina
  29. I figli delle tenebre sono più astuti dei figli della Luce.Appena saputo delle dimissioni di Benedetto è partita la campagna elettorale pro-Bergoglio ed il risultato è stato scontato.La stessa cosa successe al cv2 con risultati altrettanto nefasti.Bobo

    RispondiElimina
  30. @Ettore delle 13,00 :Don Rigoldi e don Patricello sono cattolici gli altri due .... .Bobo

    RispondiElimina
  31. Alessandro Mirabelli27 novembre 2014 17:06

    L'elezione di Bergoglio e' dovuta al fatto che nei conclavi esiste sempre una palude abbastanza grande, verosimilmente raccoglie più di un terzo dei votanti, che va' dove il vento tira più forte. Gli africani, gli asiatici, i nord americani ... all'inizio per chi avevano votato? I nord americani per Ouellet? Da chi era formato il nocciolo duro che fino alla fine ha votato per Scola? I modernisti hanno saputo vendere bene il loro prodotto, a differenza di chi ha votato Scola. Anche perché Bergoglio aveva la fama di condurre una vita austera. Scola il grosso handicap di essere un italiano e poi gli ambrosiani Coccomalperio, Ravasi e il Tetta non hanno fatto la campagna elettorale per lui. Anzi. E poi anche Ruini. Non gli ha remato contro ma con chi si schierò?

    RispondiElimina
  32. Alessandro Mirabelli27 novembre 2014 17:44

    Dimenticavo: come mi ha scritto un ferrato tradizionalista qualche giorno fa, a Bergoglio faranno il processo al conclave. Il prossimo, ovviamente. Sia che si dimetta sia che la natura faccia il proprio corso. E la prossima volta la lezione sarà servita. Non più fretta, non più Kasper e Murphy O'Connor fra i piedi. La prossima volta la palude non ci cascherà più.

    RispondiElimina
  33. Alessandro Mirabelli27 novembre 2014 17:49

    Interessante quanto dichiarò il card. Barbarin (Lione) circa il conclave del 2005.
    Ratzinger intellettualmente superava tutti noi elettori di 4/5 volte. Tradotto in italiano: la sua intelligenza era superiore di 4/5 volte.
    Che bisogno abbiamo ancora discettare sulle capacità intellettuali del vdr? Anche lui partecipo' al conclave del 2005 e,come tutti gli altri, era 4/5 intellettualmente inferiore a Ratzinger.

    RispondiElimina
  34. Che bisogno abbiamo ancora discettare sulle capacità intellettuali del vdr? Anche lui partecipo' al conclave del 2005 e,come tutti gli altri, era 4/5 intellettualmente inferiore a Ratzinger.

    Sul Soglio di Pietro non servono solo le doti intellettuali...

    RispondiElimina
  35. Mic,
    appurata l'insussistenza di doti intellettuali del nostro, proviamo ad elencare altre sue doti:
    ehmm...
    ehmm...
    ...bah!

    RispondiElimina
  36. @ Alessandro Mirabelli
    I cardinali italiani sono mai stati uniti in qualcosa nella storia?

    Sei sicuro che al prossimo conclave faranno il "processo" a dom bergoglio e sceglieranno di conseguenza un'altra strada?

    RispondiElimina
  37. Mic. Un vero santo vale certamente più di un dotto ( qui va ricordato l'episodio della "Perfetta letizia" dai "Fioretti di san Francesco ). Però dal punto di vista umano occorre dire che la Chiesa, come tutte le grandi organizzazioni mondiali, deve essere governata con una tattica e con una strategia a medio - lungo termine, che richiede "analisti" di gran livello. Ad esempio, che fare rispetto al crescere dell'ISIS? Mettersi a muso duro oppure "accarezzare il conflitto" nella speranza che si sgonfi?

    Non credo che Pio X fosse un grande intellettuale; però chi apprezza la "Pascendi" deve anche pensare che papa Sarto seppe trovare collaboratori validi. Perfino un ex cattolico come era Giovanni Gentile affermò che l'enciclica era "magnifica" per la nitidezza con cui i problemi erano stati delineati.

    Per ciò che riguarda la spropositata superiorità intellettuale di Ratzinger: solo doti naturali oppure anche studio accanito e massacrante, fatto non per vanagloria, ma per spirito di servizio, nella percezione dei grandi problemi epocali? San Tommaso avrebbe potuto scrivere la Summa Theologica se si fosse dedicato ai poveri di periferia come san Vincebzo De' Paoli o don Orione?

    RispondiElimina
  38. Mic,
    Non servirano doti di grande intellettuale, ma almeno quelle di un buon parroco saldo nella dottrina, tipo Don Camillo, no ?
    Se poi posso dire la mia, Bergoglio non e' stato scelto nelle settimane prima del Conclave, ma prima, moolto prima, gia' nel Conclave del 2005, quando Martini rifiuto' , o non ce la fece, di essere eletto.
    E' stato scelto e " groomed" per quello, a differenza di GXXIII, " groomed" dopo. PVI non aveva bisogno di essere " groomed", lo era già di suo. GPII e BXVI non si sono fatti " groom", gli eventuali errori ed omissioni sono tutte loro.
    Rr

    RispondiElimina
  39. Mettersi a muso duro oppure "accarezzare il conflitto" nella speranza che si sgonfi?

    Né l'una cosa nell'altra. La Chiesa non fa politica anche se, attraverso alcuni organismi può oculatamente assumere un ruolo a livello politico tra le nazioni.

    La Chiesa è docens regens e sanctificans. E dunque la sua primaria funzione e il suo compito essenziale è quello di rendere l'autentico culto a Dio, nel quale tutto confluisce e da cui tutto riparte purificato e trasformato. Dunque la vita sacramentale in primis, veicolo della grazia santificante, con al cuore l'Eucaristia.

    Ad esempio, nelle occasioni di persecuzione che stanno eliminando intere comunità cristiane, in primo luogo un grande rispetto per la verità e per coloro che ci stanno rimettendo la vita o tutto ciò che è il loro mondo. E dunque:

    1. oltre a condannare l'aggressore e
    2. senza disconoscere le radici della barbara violenza, comprese le connivenze e le strumentalizzazioni che la fomentano,
    3. ferma ed esplicita condanna dell'errore e dei complici

    E, poi, invitare il popolo dei credenti, cioè tutto il corpo mistico di Cristo a :

    4. Messe di riparazione (è dal Soprannaturale e soprattutto dal Santo Sacrificio che vengono tutte le grazie di cui c'è bisogno),
    5. crociate di Rosari (non incongruenti e improvvide partite di calcio),
    6. indizione di preghiere non sincretistiche (che non si sa a quale dio siano rivolte)
    7. campagne di aiuti e solidarietà per chi ha dovuto abbandonare la propria casa e il proprio paese.

    Questo fanno dei veri pastori! O no?

    Quanto alle doti intellettuali, nella Chiesa ci sono molti carismi e molte funzioni. Ricordiamo San Paolo nell'Epistola ai Romani: l'apologo del capo e delle membra...

    RispondiElimina
  40. Alessandro Mirabelli27 novembre 2014 20:29

    "la' dove avviene l'attacco contro la Chiesa, la' deve essere posta la prima linea di difesa". Pio XII.
    Altro che accarezzar i conflitti.
    Mi riferisco sia all'Isis, sia all'ideologia del gender, sia agli attacchi diabolici contro la vita, sia nascente sia morente. Cosa accadrà quando codesto episcopato romani sarà finito solo Dio lo sa ma ricordiamoci che dopo Paolo VI fu eletto il card. Luciani, i cui preti - solo i modernisti - veneziani avevano chiesto a Paolo VI la sua rimozione. Anche Paolo VII accarezzo' i conflitti. Con quali risultati?

    RispondiElimina
  41. Né l'una cosa nell'altra.

    E.C. Né l'una cosa né l'altra...

    RispondiElimina
  42. Non sono incline a menzionare presunte apparizioni mariane, anche quelle che considero assai fondate, però questa frase detta di recente sembra descrivere bene la situazione:
    "Amati figli, le porte si apriranno per i nemici e ci sarà grande confusione. Chiave condivisa, vittoria dei nemici.(...)".
    Cose già note, ma sicuramente ben sintetizzate.
    (Ovvio che si parli di vittoria intermedia, la vittoria finale è di Cristo).

    RispondiElimina
  43. Ratzinger è dotato e basta, causa guerra non ha fatto neanche studi regolari, certo l'applicazione conta, ma se non ci sono doti naturali si diventa eruditi e basta.L'intelligenza superiore è altra cosa, quanto poi alla scelta dei collaboratori, beh, è stato particolarmente sfortunato,anche GP2 aveva collaboratori sciagurati, ma aveva lui alla Cdf e scusate se è poco, lui da papa non aveva nessuno e i pochi di cui si fidava hanno fatto quello che hanno fatto, il resto l'hanno fatto la sua scarsa capacità di comando inteso come quello ora in uso in vaticano,e, da non sottovalutare, i pesanti interventi dall'esterno totalmente assenti in questo periodo di honeymoon infinita. Lupus et Agnus.

    RispondiElimina

  44. https://www.youtube.com/watch?v=1ZQkx2OinVg&list=PLED225647F097EF87&index=1

    https://www.youtube.com/watch?v=-qunILnfndY

    2 esempi che trattano il tema della disubbidienza a Pietro.
    Chi deve far rispettare le regole ?

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori del blog.