Pagine fisse in evidenza

venerdì 26 maggio 2017

Venerdì 26 maggio. La Preghiera di Riparazione

Ricordiamo che oggi, venerdì, è il giorno dedicato alla nostra Preghiera di Riparazione secondo le modalità, complete delle Litanie del Sacro Cuore, che trovate qui.

Altre notizie e avvisi su Riscossa Cristiana [qui].

Sabato 3 giugno a Reggio Emilia si terrà la processione in riparazione del gay-pride. Per i dettagli, cliccate qui. Invitiamo tutti a partecipare a questo importante atto di riparazione e, se impossibilitati, ad essere presenti con la preghiera. In questo Mese Mariano ricordiamoci la recita quotidiana del Rosario e preghiamo anche perché il Signore voglia presto darci Santi Pastori che possano guidare i fedeli in questa epoca di smarrimento, di confusione e di empietà e sostenga quelli che si espongono con parresìa.

Per la nostra formazione, concludiamo la lettura di alcuni brani dei Padri della Chiesa sulla Beata Vergine Maria. Anche oggi il testo potrà essere scaricato in formato pdf cliccando qui; in tal modo potrete costituire e conservare la vostra biblioteca di letture di formazione.

11 commenti:

  1. OT ma non troppo. C'è da pregare.
    Ieri, il giorno successivo alla visita di Trump al Papa ho guardato Agorà, ospite don Filippo di Giacomo, giornalista e scrittore. Commentando le foto della recente visita di Trump in Vaticano e lo smagliante sorriso di quest'ultimo in contrasto col volto truce del Papa, al minuto 01.47, così si esprime: "Per mio comune sentire e per le cose che sento dire da chi abita in Santa Marta, di Papa Francesco bisogna aver paura quando ride e fa le battute. È con un paio di battute che ha fatto al cardinale Bagnasco l'altro giorno che lo ha silurato. Quindi io sarei molto più preoccupato a vederlo così sorridente con gli occhi che ti puntano, che quando invece ha la faccia di una persona che sta parzialmente riflettendo." Poi due minuti dopo (h01.53),a proposito dei regali che si sono scambiati, l'omaggio del Papa al presidente americano "il messaggio della giornata mondiale della Pace , integralmente dedicato ai trafficanti di armi, e questo consegnato a un presidente che il giorno prima aveva firmato contratti per 120 miliardi di armi, e quindi, diciamo così, se proprio vogliamo cercare il momento critico è stato questo. E lì il Papa sorrideva."
    In pratica ci ha svelato che il Papa è una iena che i suoi sorrisi sono falsi e che è un ipocrita! E nessuno ha fatto una piega o si è accorto della gaffe.
    ( Barbara Berni su Fb)

    RispondiElimina
  2. SUPPLICA ALLA MADONNA DELLA MEDAGLIA MIRACOLOSA

    Da recitarsi alle 17 del 27 novembre, festa della Medaglia Miracolosa, in ogni 27 del mese e in ogni urgente necessità.

    O Vergine Immacolata, noi sappiamo che sempre ed ovunque sei disposta ad esaudire le preghiere dei tuoi figli esuli in questa valle di pianto, ma sappiamo pure che vi sono giorni ed ore in cui ti compiaci di spargere più abbondantemente i tesori delle tue grazie. Ebbene, o Maria, eccoci qui prostrati davanti a te, proprio in quello stesso giorno ed ora benedetta, da te prescelta per la manifestazione della tua Medaglia.

    Noi veniamo a te, ripieni di immensa gratitudine ed illimitata fiducia, in quest'ora a te sì cara, per ringraziarti del gran dono che ci hai fatto dandoci la tua immagine, affinché fosse per noi attestato d'affetto e pegno di protezione. Noi dunque ti promettiamo che, secondo il tuo desiderio, la santa Medaglia sarà il segno della tua presenza presso di noi, sarà il nostro libro su cui impareremo a conoscere, seguendo il tuo consiglio, quanto ci hai amato e ciò che noi dobbiamo fare, perché non siano inutili tanti sacrifici tuoi e del tuo divin Figlio. Sì, il tuo Cuore trafitto, rappresentato sulla Medaglia, poggerà sempre sul nostro e lo farà palpitare all'unisono col tuo.

    Lo accenderà d'amore per Gesù e lo fortificherà per portar ogni giorno la propria croce dietro a Lui. Questa è l'ora tua, o Maria, l'ora della tua bontà inesauribile, della tua misericordia trionfante, l'ora in cui facesti sgorgare per mezzo della tua Medaglia, quel torrente di grazie e di prodigi che inondò la terra. Fai, o Madre, che quest'ora, che ti ricorda la dolce commozione del tuo Cuore, la quale ti spinse a venirci a visitare e a portarci il rimedio di tanti mali, fai che quest'ora sia anche l'ora nostra: l'ora della nostra sincera conversione, e l'ora del pieno esaudimento dei nostri voti.

    Tu che hai promesso, proprio in quest'ora fortunata, che grandi sarebbero state le grazie per chi le avesse domandate con fiducia: volgi benigna i tuoi sguardi alle nostre suppliche. Noi confessiamo di non meritare le tue grazie, ma a chi ricorreremo, o Maria, se non a te, che sei la Madre nostra, nelle cui mani Dio ha posto tutte le sue grazie? Abbi dunque pietà di noi.

    Te lo domandiamo per la tua Immacolata Concezione e per l'amore che ti spinse a darci la tua preziosa Medaglia. O Consolatrice degli afflitti, che già ti inteneristi sulle nostre miserie, guarda ai mali da cui siamo oppressi. Fai che la tua Medaglia sparga su di noi e su tutti i nostri cari i tuoi raggi benefici: guarisca i nostri ammalati, dia la pace alle nostre famiglie, ci scampi da ogni pericolo. Porti la tua Medaglia conforto a chi soffre, consolazione a chi piange, luce e forza a tutti.
    Ma specialmente permetti, o Maria, che in quest'ora solenne ti domandiamo la conversione dei peccatori, particolarmente di quelli, che sono a noi più cari.

    Ricordati che anch'essi sono tuoi figli, che per essi hai sofferto, pregato e pianto. Salvali, o Rifugio dei peccatori, affinché dopo di averti tutti amata, invocata e servita sulla terra, possiamo venirti a ringraziare e lodare eternamente in Cielo. Cosi sia.

    Salve Regina

    RispondiElimina
  3. “Figliuolo, siate devoto di Maria. Recitate devotamente il Santo Rosario e recitatelo spesso”. Ed ancora: “Se siete innocente, recitate devotamente il Santo Rosario con la buona volontà di conservare la vostra innocenza. Se siete penitente, recitate devotamente il Santo Rosario con la buona volontà di perseverare nella vostra penitenza. Se siete peccatore, recitate devotamente il Santo Rosario con la buona volontà di emendarvi. Non dubitate che Maria da voi invocata con la salutazione angelica, vi iscriverà fra i suoi devoti e vi aiuterà in tutti i pericoli del vostro stato”.
    San Filippo Neri

    RispondiElimina
  4. Attualissima :27 maggio 2017 20:32

    Gesù Cristo, morendo sull’altare della Croce, compì la redenzione del genere umano, e volendo indurre
    gli uomini, mercé l’osservanza dei suoi comandamenti, a guadagnarsi la vita eterna, non ricorse ad
    altro mezzo che alla voce dei suoi predicatori, affidando loro il compito di annunziare al mondo le cose
    necessarie a credere o ad operare per la salute. « Piacque a Dio di salvare i credenti per mezzo della stoltezza
    della predicazione »(1). Scelse quindi gli Apostoli, ed avendo loro infusi con lo Spirito Santo i doni
    appropriati a sì alto ufficio: « Andate — disse — per tutto il mondo e predicate il Vangelo »(2). Ed è questa
    predicazione appunto che rinnovò la faccia della terra. Poiché se la Fede cristiana convertì le menti
    degli uomini da molteplici errori alla conoscenza della verità, e le anime loro dall’indegnità dei vizi alla
    eccellenza di ogni virtù, non per altra via le convertì se non per la via della predicazione: « la Fede
    dall’udito, l’udito poi per la parola di Cristo »(3).

    http://www.fratiminoriosimo.it/s0/wp-content/uploads/2016/09/Benedetto_XV-Humani_generis_redemptionem.pdf

    Non sono rari, tra i sacri oratori, coloro dei quali si potrebbe ripetere con verità quello di cui si lagna Iddio presso
    Geremia: « Io non li avevo mandati quei profeti, eppure correvano da sé »(11).

    RispondiElimina
  5. Il Vangelo dell'Ascensione (era giovedì scorso, ma oggi nel NO)

    In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte che Gesù aveva loro indicato.
    Quando lo videro, si prostrarono. Essi però dubitarono. Gesù si avvicinò e disse loro: «A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo». (Mt 28, 16-20)

    RispondiElimina
  6. http://www.ilgiornale.it/news/politica/sanit-regioni-rosso-buco-100-milioni-curare-i-clandestini-1402799.html

    RispondiElimina
  7. Ascensione : mistero dell'incarnazione del Verbo Divino , 2^ Persona della SS.Trinita' .
    Nella Chiesa Cattolica la festa dell'Ascensione è di precetto. Nei tre giorni che precedono l'Ascensione viene celebrato il triduo, noto anche come Rogazioni. La solennità è conosciuta anche con il nome di "Viri Galilaei", le parole iniziali dell'Antifona d'Ingresso alla Messa della Festività . In Italia la festività civile venne soppressa nel 1977 e il 29 aprile 2008 è stato presentato al Parlamento un disegno di legge per il ripristino delle festività soppresse . Finora sono stati presentati alla Camera e al Senato già più di 10 disegni di legge in tal senso.

    Nota :
    ^ Con la legge 5 marzo 1977, n. 54, cessarono di essere considerate festive in Italia, agli effetti civili, oltre al giorno dell'Ascensione, quello del Corpus Domini (primo giovedì successivo alla seconda domenica di Pentecoste), l'Epifania (6 gennaio), il giorno di San Giuseppe (19 marzo), il giorno dei Santi Apostoli Pietro e Paolo (29 giugno). Inoltre furono spostate rispettivamente alla prima domenica di giugno ed alla prima di novembre le celebrazioni della Festa della Repubblica (2 giugno) e dell'Unità Nazionale (ex Festa della Vittoria della prima guerra mondiale, 4 novembre). Otto anni dopo, con il D.P.R. 792/1985, veniva ripristinata, sempre agli effetti civili, la festività dell'Epifania e, limitatamente al Comune di Roma, quella dei Santi Apostoli Pietro e Paolo. Nel 2001 ridivenne festivo anche il 2 giugno, al quale fu riportata la celebrazione della Festa della Repubblica .

    Diversamente dal resto del mondo in Italia la CEI fa memoria dell'Ascensione alla Domenica . Speriamo che la Societa' attuale , Nuovamente Evangelizzata , rianimata dalla Fede , possa riportarla dove era collocata .
    Secondo il ritmo liturgico naturale della Chiesa Cattolica.
    Domenica prossima , Pentecoste , si rivelera' lo Spirito Santo - 3^ Persona della SS.Trinita'.
    La Domenica successiva 11 Giugno si celebrera'la SS.Trinita' .

    RispondiElimina
  8. ./. Bisognera' dare qualche spintarella ?

    http://www.agoravox.it/Proposta-di-legge-per-ripristinare.html
    http://www.ilgiornale.it/news/economia/proposta-parlamento-ripristinare-5-festivit-1255706.html
    http://documenti.camera.it/leg17/dossier/pdf/ac0578.pdf

    Piu' festivita' laiche , meno festivita' cattoliche .
    Bisogna lavorare !
    Della serie " come fare per non farli pensare a Dio " !

    RispondiElimina
  9. NOVENA ALLO SPIRITO SANTO
    http://www.stellamatutina.eu/novena-allo-spirito-santo/

    RispondiElimina
  10. A perenne memoria
    https://www.facebook.com/photo.php?fbid=1673571912695028&set=p.1673571912695028&type=3&theater

    RispondiElimina
  11. Compie 64 anni la Madonnina di Monte Mario: la vollero i romani con un milione di firme per celebrare la liberazione.
    È divenuta tradizione cara ai romani festeggiare e ringraziare la Madonnina proprio il 4 giugno di ogni anno, anniversario della liberazione della Città avvenuta nel 1944. Gli eventi principali dei festeggiamenti sono anticipati al sabato 3 giugno. Alle 18.30, una breve processione si snoderà dal Centro Don Orione al Piazzale della Madonnina .

    http://www.ilmessaggero.it/roma/cronaca/roma_la_madonnina_monte_mario_compie_64_anni_il_3_giugno_grande_festa-2472344.html

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori del blog.