Pagine fisse in evidenza

sabato 22 settembre 2018

Tutti a Roma! Per il VII Pellegrinaggio Internazionale del Populus Summorum Pontificum

Manca ormai poco più di un mese al VII pellegrinaggio internazionale a Roma del Populus Summorum Pontificum, che si terrà da venerdì 26 a domenica 28 ottobre 2018, e che sarà guidato da Mons. Czeslaw Kozon, Vescovo di Copenaghen.
Mentre ci auguriamo con tutto il cuore che i fedeli italiani vogliano essere presenti – per tutta la durata del pellegrinaggio, o almeno nella giornata di sabato 27 ottobre – per testimoniare visibilmente la grande vitalità della liturgia tradizionale, e la crescente consistenza del Populus Summorum Pontificum d’Italia, ricordiamo a tutti che:
  • il programma del pellegrinaggio si può consultare qui
  • sono aperte le iscrizioni all’incontro organizzato da Paix Liturgique, Juventutem e Una Voce all’auditorium dell’Istituto Patristico Augustinianum il venerdì 26 ottobre.
Appello ai volontari per la processione verso San Pietro 

Come sempre, anche quest’anno il CNSP si occuperà del supporto logistico dell’Adorazione Eucaristica e della Processione che si terranno sabato 27 ottobre. E come sempre, anche quest’anno abbiamo bisogno del vostro aiuto! 
Occorrono volontari per il servizio d’ordine 
e per le varie necessità organizzative 
Ci rivolgiamo soprattutto ai nostri ragazzi! Chi fosse disponibile, lo comunichi prima possibile all’indirizzo mail cnsp2007@gmail.com . Grazie!

22 commenti:

  1. Alessandri Mirabelli22 settembre 2018 20:04

    OT riguardo l'accordo del Vaticano con la Cina per la nomina dei vescovi.
    C' e' qualcuno che mi sa spiegare, in punta di diritto canonico, se c'e' qualche differenza fra la revoca della scomunica ai vescovi della Fsspx e i vescovi patriottici cinesi? Per i vescovi cinesi ormai ex patriottici si è' scritto nel.comunicato della sala stampa vaticana di riammetterli alla piena comunione ecclesiale.

    RispondiElimina
  2. Solo per Mic :
    articolo sul giornale l'Espresso , 21 righe . Non occorre commento .

    http://m.espresso.repubblica.it/attualita/2018/09/21/news/il-governo-della-reazione-all-attacco-dei-diritti-parla-il-prete-consigliere-del-ministro-fontana-1.327152?ref=RHRS-BH-I0-C6-P2-S1.6-T1

    Elena Testi chi e' costei ?
    https://www.centrogiornalismo.it/elena-testi/

    https://twitter.com/elenatesti

    RispondiElimina

  3. I vescovi della Fsspx non vengono riammessi alla c.d. "piena comunione" perché non accettano l'ortodossia dottrinale del Vaticano II. Non la accettano in modo incondizionato, come pretende da loro l'autorità vaticana stessa.
    Si tratta di una situazione paradossale.
    Essendogli stata rimessa la scomunica non posson esser considerati fuori della Chiesa.
    Tuttavia, non sarebbero "in piena comunione" per il motivo suddetto, spiegato a suo tempo anche da Benedetto XVI, per via della controversia dottrinale che impedisce loro una accettazione pubblica incondizionata del Concilio e delle sue "riforme".
    In quanto connessi alla Fsspx, i suddetti vescovi non sono in piena comunione perché non lo è la suddetta Fraternità, a suo tempo (illegittimamente) soppressa ma tuttora ben viva e vegeta e validamente operante anche se illegittimamente per via della pregressa soppressione. La Fraternità dovrebbe essere inquadrata nelle nuove figure di congregazione previste dal Diritto Canonico del 1983, cosa cui osta sempre la soluzione della questione dottrinale.
    Coi vescovi cinesi non ci sono controversie dottrinali in corso. Si tratta solo di una questione di competenza, dai risvolti disciplinari. Come al tempo della Lotta per le Investiture (lotta tra Stato e Chiesa su chi ha il potere di nominare i vescovi).
    La distinzione tra "piena comunione" e "comunione meno piena" l'ha introdotta, credo, il Vaticano II, anche per inquadrare i rapporti tra la Chiesa cattolica e i "fratelli separati", ma si tratta di una distinzione che non appare affatto chiara.

    RispondiElimina
  4. Alessandro Mirabelli23 settembre 2018 11:46

    @ anonimo delle 23,26. Grazie per la risposta.
    Noto due paradossi.
    Il primo è che in un discorso del card. Ratzinger del luglio 1988 ai vescovi cileni egli disse che il Vaticano II costituiva un unicum nella storia della Chiesa e che si collocava ad un livello basso. Se si colloca ad un livello basso perché esercitare l'intransigena verso la Fsspx?
    Secondo paradosso. Con i vescovi ex patriottici cinesi non ci sono più questioni dottrinali. L'unica che c'era era il primato papale sulla Chiesa cinese. Ora grazie all'accordo questa questione non c'è più. E va bene. Ma come può essere in comunione col Papa un vescovo che ha moglie, figli e che continua a governare una diocesi?

    RispondiElimina
  5. Alessandro,
    un vescovo scelto da un'autorità statale, non solo laica, ma addirittura comunista ?

    Nota "a latere": in un momento storico nel quale:
    - molti geopolitologi avveduti si chiedono cosa succederà in Africa, ormai preda del colonialismo cinese (per chiamare le cose col proprio nome), che finirà per essere molto peggiore di quello europeo (e l'Africa è il continente meno decatolicizzato che c'è),
    - gli USA si confrontano finanziariamente ed economicamente con la Cina nel tentativo di frenarne l'espansione economica ottenuta con lo sfruttamento dei lavoratori, la negligenza e trascuratezza verso l'ambiente abiente e metodi e tecniche che rasentano l'illegalità (quando non lo sono chiaramente con lo spionaggio industriale)- e con tutti i vizi americani, meglio vivere là che in Cina,
    - con tutti i danni arrecati all'economia e società europea e segnatamente italiana dall'economia cinese (v. sopra),
    il Vaticano cosa fa ? Sdogana la "chiesa" di Stato e tutto ciò che vi sta dietro, incluso il marxismo leninismo in salsa cinese !
    Altro che Chiesa al passo coi tempi ! Sì, quelli di 30-40 anni fa, quelli del libretto di Mao e la Rivoluzione culturale !
    Una mossa tipica di gente per la quale l'unica istruzione ricevuta, l'unica "cultura " appresa, è quella impartitale dalle scuole di partito del PCI e simili !
    Del resto, come insegna la Storia, tra dittatori e regimo autoritari ed autocrati ci si può sempre intendere, no ?

    RispondiElimina
  6. S. PIO DA PIETRALCINA

    "“Un uomo che sta crocifisso per mezzo secolo? Cosa vuol dire tutto questo? Sapere perché Gesù Cristo è andato in croce? E’ andato in croce per i peccati degli uomini e quando, nella storia, compare qualche crocifisso… vuol dire che il peccato degli uomini è grande e che per salvarli occorre che qualcuno rivada sul Calvario, rimonti sulla croce e stia lì a soffrire per i suoi fratelli. Dio chiede agli uomini di abbracciare la croce, di diventare benefici per gli altri. Nell’applicazione della redenzione, molti possono salvare molti”

    (card. G. Siri)

    RispondiElimina
  7. https://gloria.tv/video/F64mGTjyeqSc4mPv7aaDERPMf

    L'ultima messa di Padre Pio anticipa l'avvento dell'Anticristo

    RispondiElimina
  8. Qualcuno sa se al sumpont verrà suonata di nuovo la Messa del Maestro Porfiri? Grazie

    RispondiElimina
  9. Il problema è che i vescovi patriottici sono un congerie di individui molto poco raccomandabili, alcuni sposati con prole, altri acccompagnati, per fortuna ancora con donne, ma soprattutto legati a doppio filo con l'onnipresente partito che tutto decide, mi sembra la storia del Panchem Lama, capo del buddhismo tibetano riconosciuto dal partito, ma tenuto prigioniero e ultimamente si dice avvelenato e sostituito, tanto nessuno l'ha mai visto e quindi, niente sospetti, mentre il Dalai Lama, vero capo, è esiliato dal '59 e la CC si rifiuta perfino di riceverlo privatamente, qui la lotta per le investiture c'entra niente, siamo in Asia, non in Europa, e c'entra niente anche la FSSPX, sono due cose distinte. Il vdr ha lasciato in balìa della feroce repressione partitica i fedeli a Roma e in Cina con chi si ribella non vanno certo per il sottile, gli Uiguri ne sanno sicuramente qualcosa......STANDING OVATION x RR, ricordi il detto Mao ha la testa in Cina e i c.......in Italia, vale sempre. Lupus et Agnus.

    RispondiElimina
  10. Processione solenne a Roma
    Il Centro di Fatima è lieto di invitare la S.V. a partecipare alla nostra PROCESSIONE SOLENNE in onore di Maria SS. che si terrà a Roma il 13 ottobre pv alle ore 13, in occasione del 101° Anniversario del Miracolo del Sole.
    https://gloria.tv/article/Vfv1LATbERAs4JvdNuyuE8uRA

    Non era il Centro di Padre Kramer ?

    RispondiElimina
  11. Anonimo 22 settembre 20:27
    Subire certe ignobili campagne stampa, leggere "alleanza trono-altare... movimenti reazionari e minaccia a divorzio, aborto e diritti civili", non fa che rafforzare il nostro sostegno al ministro Fontana e all'attuale governo.
    Quanto al sacerdote chiamato in causa, lo conosco personalmente e lo ritengo prudente tanto quanto chiaro e limpido nelle sue comunicazioni. Invischiato malauguratamente in una ignobile strumentalizzazione. Ma credo che queste scorrettezze si neutralizzino da sole.

    RispondiElimina
  12. Ho letto alcune richieste dei giovani per il Sinodo dei giovani. Simo proprio fuori strada. La Chiesa non deve stare per strada, il prete non deve essere amico. La Chiesa deve essere profezia e mistero, il prete sull'altare deve essere Cristo stesso.

    RispondiElimina
  13. Per Mic 26 settembre 2018 23:26 :
    Glielo avevo segnalato , perche' rispondesse come Lei sa fare , senza trascendere come invece avrei voluto fare io .
    Questa giovane e' gia' incatenata , ci vorrebbero i Padri Mercedari .
    Per chi leggesse per la prima volta ricordo che i segg.giornali : Repubblica , Manifesto ,Secolo XIX , e ultimamente la Stampa rispondono all'editore De Benedetti e , se non ricordo male ,ai Caracciolo parenti di Agnelli .
    Ezio Mauro è stato insignito dalla Presidenza francese della Légion d'honneur.

    RispondiElimina
  14. Mi correggo : l'Espresso non il Manifesto .

    RispondiElimina
  15. La ringrazio, mi ripromettevo di scrivere un articolo dicendo la mia in maniera equilibrata ma ferma. Poi ho pensato che servirebbe a dare visibilità a chi non lo merita. E' un fango ignobile che non può durare e rimarrà ad invischiare coloro che lo producono.
    Se dovessero insistere non tacerò.

    RispondiElimina
  16. Concordo . Meglio far cadere il tutto nel cosiddetto 'cono d'ombra' spesso menzionato da Scalfari .

    RispondiElimina
  17. Rivolta nel carcere di Busto Arsizio con bombole di gas
    La sommossa è stata sedata in un’ora: otto agenti di Polizia Penitenziaria sono finiti all’ospedale
    http://www.ilgiornale.it/news/cronache/rivolta-nel-carcere-busto-arsizio-bombole-gas-1581090.html

    Mi domando a cosa servano nel 2018 queste carceri/universita' della delinquenza quando nel passato si e' felicemente adottata la rieducazione del lavoro manuale / del sudore della fronte per il proprio e altrui sostentamento !? .

    "La località prescelta fu l’isoletta di Pianosa, al largo della costa toscana ed il successo fu tale che, in poco più di un anno, il numero dei detenuti coloni aumentò dagli iniziali 16 a 120 “corrigendi”, che lavoravano duramente nel lavoro dei campi e nell’allevamento del bestiame."

    RispondiElimina
  18. Anonimo 11:37
    Mi scuso in anticipo se la fraintendo. Ma non credo che qui si possa applicare la concezione del "cono d'ombra" di Scalfari.....

    RispondiElimina
  19. ... la mia è una semplice valutazione di buon senso.

    RispondiElimina
  20. Noo ! Nel cono d'ombra volevo gettare l'articolo , mi scusi se le ho fatto perdere tempo .
    Ribadisco che trovo giusta la Sua decisione . Buon pomeriggio.

    RispondiElimina
  21. Migranti, ora le coop buoniste vanno a processo per evasione .
    http://www.ilgiornale.it/news/cronache/laquarius-senza-bandiera-e-ora-spunta-lipotesi-vaticano-1581414.html

    Beh , perdonatemi la battutaccia , chi riscuoteva i tributi nello Stato Pontificio ?
    I marchigiani , (bravi), da cui il detto : " Meglio un morto in casa che un marchigiano dietro la porta "
    Forse ci vorrebbe Giovanni alle finanze...

    https://www.cronachemaceratesi.it/junior/2016/08/23/perche-si-dice-meglio-un-morto-in-casa-che-un-marchigiano-alla-porta/7004/

    RispondiElimina
  22. http://www.tgcom24.mediaset.it/politica/csm-nuovo-vicepresidente-ermini-chiede-a-pd-sospensione-iscrizione-ma-di-maio-attacca-sistema-contro-di-noi_3165684-201802a.shtml

    https://www.facebook.com/photo.php?fbid=486718455142973&set=p.486718455142973&type=3&theater&ifg=1

    https://www.facebook.com/photo.php?fbid=1450996628366342&set=p.1450996628366342&type=3&theater&ifg=1

    C'e' un tempo per piantare e un tempo per sradicare.
    Se l'albero che ha avuto il tempo per fruttificare fara' solo foglie , dopo il tempo assegnato sara' sradicato per essere gettato nel fuoco .

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori del blog.