Pagine fisse in evidenza

lunedì 26 novembre 2018

Un errore minimizzare: il Global Compact promuove immigrazione di massa

Non basta un tweet o uno slogan su Instagram, uniche comunicazioni fin qui pervenute dal nostro Ministro degli Interni e Vice Premier Matteo Salivini... Quello che mi preoccupa è il silenzio a livello governativo. Francamente mi sono stufata di vedere Salvini sulla ruspa o lanciare slogan per ogni cavolata e poi tacere su questo. Anche se di fatto sono una sostenitrice del nuovo corso, unica speranza per il futuro del nostro Paese e non solo!
L'avete capito che è una svolta epocale e che il rischio è enorme? Ne va della nostra civiltà oltre che della vanificazione del 'decreto sicurezza' (ottimo inizio per una speranza di futuro) così faticosamente ma efficacemente raggiunto? Mentre sul global compact il resto del governo (Conte, Moavero lo hanno detto pubblicamente, Di Maio non pervenuto) va nella direzione opposta!!! 
Di seguito stralcio l'ultima parte di una articolo tratto da Diplomazia italiana, invitando a leggere l'interessante e incisiva analisi che precede dal testo integrale qui

Il Global Compact contrasta con l'interesse dell'Italia, frontiera meridionale d'Europa, e non ha il consenso degli italiani. Sbaglia chi ne minimizza la portata. Il Governo batta un colpo
Il Global compact, breviario per affondare l’Europa
Tutte queste criticità mettono in luce il potenziale distruttivo del testo dell’Onu. Altro che coerenza con i valori e gli interessi europei, come vorrebbe spiegare Macron. Si tratta in pratica di un breviario per distruggere l’Europa, visto che gli Stati Uniti hanno scelto di chiamarsi fuori e che non risultano milioni di africani in partenza per la Cina.
Oggi all’Europa, guidata da una classe dirigente prevalentemente mondialista, viene negato il diritto di difendersi dall’urto migratorio. Anzi, quest’ultimo deve essere assorbito, organizzato, facilitato. Fino a che punto si permetterà questo suicidio?
È necessario risalire alle cause profonde.
Per i popoli d’Europa che voteranno nel maggio 2019 la questione non è essere pro o contro l’immigrazione. Il puerile ricatto morale razzismo-antirazzismo periodicamente riesumato da alcuni governanti e da certa stampa non ha più presa sui popoli europei.

Il problema non è l’immigrazione, ma chi la alimenta e ci lucra
Non si possono incolpare gli immigrati perché sognano una vita migliore. Si deve però avere ben chiaro chi sono i responsabili – anche europei – dell’attuale destabilizzazione di tante regioni del mondo, di cui l’immigrazione selvaggia è solo uno dei tanti volti.
Il vero tema è essere pro o contro certe élite corrotte. Si badi bene: non nel significato che la cronaca giudiziaria comunemente attribuisce al termine, ma in senso politico.
Corrotte perché avulse dai popoli di cui dovrebbero difendere gli interessi sovrani. Corrotte perché stanno scientemente disarticolando la civiltà europea. Corrotte perché impegnate a distruggere i diritti sociali, frutto del lavoro e del sacrificio di generazioni.

Sull’immigrazione, chi oggi sostiene il Patto non è sintonico con il popolo italiano
Oltre che per tutelare l’interesse nazionale, l’Italia deve chiamarsi fuori dal Global compact anche per ragioni politiche.
Va infatti ricordato che alle recenti elezioni politiche gli elettori italiani hanno bocciato senza appello la sinistra e la sua disastrosa politica migratoria.
Da questo punto di vista, chi oggi nel Governo sostiene il Patto non sembra sintonico con la volontà popolare. Sia chiaro, quest’ultima deve essere governata. La politica ha il dovere, anzi, di non assecondare pedissequamente gli umori popolari, che hanno sempre una componente irrazionale.
Nel contempo, però, la politica deve rispettare la volontà popolare, pena la dissoluzione del patto democratico fra rappresentati e rappresentanti. Quando i secondi smettono di tutelare gli interessi dei primi, l’intera architettura democratica diventa traballante.

Il Governo deve battere un colpo sul Global compact
E’ comprensibile che chi non è un politico di professione non sia uso a confrontarsi con la volontà popolare e con il controllo democratico del voto.
Tuttavia, per la stessa ragione il governo Conte, che è un esecutivo politico, non può lasciare che siano dei tecnici a determinare l’indirizzo politico su un tema così delicato come l’immigrazione.
Bene, dunque, l’endorsement di Matteo Salvini e della Lega al sottosegretario agli Esteri, Guglielmo Picchi, che ha espresso contrarietà al Patto globale. Era necessario che le forze di governo dessero un segnale politico nei tempi e nelle modalità giusti.
E bene farebbe il M5S, anche nella prospettiva di conservare il rapporto di fiducia con gli italiani, a elaborare una propria posizione sul Global compact, che tenga conto dell’interesse nazionale e della volontà del popolo italiano, che sono chiarissimi.

51 commenti:

  1. Ma davvero pensate che Salvini possa fare di testa sua? L'ONU ha già avviato la procedura di attuazione e finora solo 2 paesi si sono rifiutati, Svizzera e un altro di cui non ricordo il nome, per quanto riguarda il governo gialloverde, Juncker, per una volta sobrio, ha detto a Conte che se non si cambia la manovra, non potrà salvarci dai falchi UE che vogliono la nostra testa ed è facile dar loro un nome : F e D, credo non ci si possa fare niente, dispiace dirlo, anche in caso si vincessero le elezioni europee, troveranno il sistema per bloccarci ogni tentativo di libertà, già si parla di rinascite nazifasciste da soffocare subito, i Padroni lo vogliono e noi siamo solo servi della gleba, chi si ribella farà la fine di Masaniello.......

    RispondiElimina
  2. Si scopre che il Presidente Conte abbia espresso l'adesione in sede di assemblea ONU. E qui, penso, non si parli più a titolo personale!
    Il mio timore è che Salvini sia costretto ad allinearsi, ma che pensi di salvare la faccia con il tweet, potendo dire 'a posteriori': "io non ero d'accordo". Sempre su twitter c'è anche la presa di posizione di Borghi Aquilini e del Capo gruppo della Lega alla Camera.
    Tuttavia il fatto di non parlar chiaro e a livello istituzionale adesso (a meno che prima della partenza di Moavero per l'Egitto non ci debba essere una discussione in Parlamento. Qualcuno lo sa?), se può servire a fargli avere più voti e cercare quindi di lucrare il consenso nelle elezioni europee, non lascerebbe intatta la mia stima (e forse quella di altri) nei suoi confronti...
    Anche perché potrebbe essere un calcolo possibile ma non scevro di incognite, avuto riguardo delle forze in campo; mentre il global compact rischia di essere difficilmente reversibile...

    RispondiElimina
  3. Infatti. Noi vogliamo sapere quale decisione hanno preso nel consiglio dei ministri! Questo interessa a tutti noi e forse qui c'è qualcosa che non torna.

    RispondiElimina
  4. Oggi il Carroccio ha raccolto la richiesta: il capogruppo in Commissione Esteri ha presentato una risoluzione per spiegare "perché il nostro Paese, come hanno già fatto anche altri Stati europei, non deve aderire al Global Compact".

    "Nessuno può imporci un'immigrazione incontrollata", attacca il capogruppo Paolo Formentini secondo cui l'accordo internazionale nient'altro è che "l'ennesimo tentativo di ingerenza nelle politiche nazionali". Sono già diversi gli Stati che hanno annunciato il desiderio di non aderire all'accordo. Si va dagli Stati Uniti alla Polonia, passando per l'Austria, l'Ungheria e l'Australia. Ora nell'elenco potrebbe aggiungersi pure il Belpaese.
    ....
    http://www.ilgiornale.it/news/cronache/lega-contro-diritto-migrare-global-compact-non-faremo-1607511.html

    RispondiElimina
  5. Ci vuole una presa di posizione netta e ufficiale! Un tale trattato significherebbe la fine della nostra civiltà giudaico-cristiana greco-romana! La porta aperta alle mafie nigeriane, agli assassini islamici e ad ogni sorta di barbari!
    Corrado Balocco

    RispondiElimina
  6. finora solo 2 paesi si sono rifiutati, Svizzera e un altro di cui non ricordo il nome

    Finora i Paesi non sono solo due: si va dagli Stati Uniti alla Polonia, passando per l'Austria, l'Ungheria, l'Australia e la Slovacchia.

    RispondiElimina
  7. F e D, credo non ci si possa fare niente, dispiace dirlo, anche in caso si vincessero le elezioni europee, troveranno il sistema per bloccarci ogni tentativo di libertà, già si parla di rinascite nazifasciste da soffocare subito, i Padroni lo vogliono e noi siamo solo servi della gleba, chi si ribella farà la fine di Masaniello.......

    Sul fatto che lo vogliano loro e i loro padroni sovranazionali non c'era alcun dubbio. Ma non sono d'accordo con un atteggiamento totalmente rassegnato e disfattista! Pur tenendo realisticamente conto delle enormi difficoltà. A livello umano...

    RispondiElimina
  8. Riposto, perché forse ho commentato un articolo più vecchio:

    http://www.ilgiornale.it/news/politica/massimiliano-fedriga-ora-i-migranti-arrivano-terra-1607204.html

    RispondiElimina
  9. Effettivamente ha ragione mic, sui social sia Salvini che Borghi e Molinari parlano a titolo personale. Gli elettori della Lega ma anche il resto degli italiani vorrebbero vedere una dichiarazione ufficiale di Matteo Salvini sulla NON ratifica del Global Compact.
    Al momento è più coerente Giorgia Meloni, la quale peraltro in parlamento, a sua precisa domanda, si è sentita rispondere da Moavero che voterà sì.

    RispondiElimina
  10. Uffa, ho sbagliato link:

    http://www.ilgiornale.it/news/cronache/lega-contro-diritto-migrare-global-compact-non-faremo-1607511.html

    Oggi il Carroccio ha raccolto la richiesta: il capogruppo in Commissione Esteri ha presentato una risoluzione per spiegare "perché il nostro Paese, come hanno già fatto anche altri Stati europei, non deve aderire al Global Compact".

    RispondiElimina
  11. @ Mic

    Sono realista, non disfattista, noi contiamo niente, pure l'indefinibile Tsipras consiglia di accettare le imposizioni UE, io so che Gentiloni è già volato a Parigi e Berlino, il mio timore è che torni la troika, Mattarella non aspetta altro per firmare, a meno di sommosse violente in Francia, la vedo gnara, tra l'altro gli sbarchi continuano, adesso arrivano con piccole imbarcazioni, yacht di medio cabotaggio, e non vanno più in Sicilia, ma Puglia, Sardegna, Calabria, Marche, e vengono tutti o quasi da Tunisia e Pakistan, senza calcolare quelli che ci scaricano gentilmente di notte dalle frontiere svizzere e francesi. Meloni conta nulla, come il sottoscritto, pare che Berlusca abbia dato l'ok per far cadere il governo in parlamento per andare alle elezioni europee a fare il presidente del PPE. Il debito ce l'hanno confezionato i 2 ultimi anni di governo Renzi e adesso passano a riscuotere, ci azzereranno i BTP, Draghi smetterà di far finta di aiutarci e il giochino è fatto. Speriamo che i santi protettori di questo sciagurato paese ci assistano, la chiesa che abbiamo no di sicuro......

    RispondiElimina
  12. Dopo le dichiarazioni un po' da Libro Cuore del ministro Moavero, la LEGA oggi in Commissione Esteri ha presentato una risoluzione contro il GLOBAL COMPACT FOR MIGRATION.

    Come vedete, sulla coerenza della Lega non c'era da temere.

    RispondiElimina
  13. Terrorismo mediatico o rischio reale?26 novembre 2018 18:17

    A Roma gira una voce spaventosa: la sinistra alleanza tra il Pd di Nicola Zingaretti e l'M5s di Alessandro Di Battista per far leva sulla volontà del presidente Sergio Mattarella di non tornare al voto in tempi brevi. Con la crisi di governo sempre più vicina, e l'incombenza delle elezioni europee del prossimo maggio, ragiona il Tempo, potremmo trovarci alle porte di un nuovo ribaltone a Palazzo Chigi, con esiti inquietanti.
    https://www.liberoquotidiano.it/news/politica/13404243/sergio-mattarella-crisi-governo-retroscena-alleanza-nicola-zingaretti-pd-alessandro-di-battista-m5s-matteo-salvini-luigi-di-maio.amp

    RispondiElimina
  14. Come al solito ho lanciato un allarme e un appello che non serviranno a nulla.
    Resta il grido di dolore e l'anelito di verità e di giustizia che di certo non resta inascoltato, anche in modi che non ci aspettiamo, se accompagnato dall'invocazione del cuore...

    RispondiElimina
  15. Come al solito ho lanciato un allarme e un appello che non serviranno a nulla.

    Perché dici questo? Vedi che anche Costanza, a modo suo, ha ripreso la questione. I vostri blog sono molto seguiti, anche dai giornali, e il "trucco" con cui cercano di infinocchiarci con questi trattati è di farli firmare mentre la gente è girata dall'altra parte; magari dando a qualche politico, tra quelli che dovrebbero fare qualcosa, l'alibi che non ne era a conoscenza, che la sua base non glielo ha chiesto...

    Nel momento in cui la gente ne parla, cade l'alibi. Dunque, è importante parlarne e fare appelli.

    RispondiElimina
  16. Frau Merkel lo disse già anni fa:
    « ...le persone sono INDIVIDUI CHE VIVONO in un paese, NON un gruppo che si definisce popolo. Ci sono [politici] che credono di poter decidere quando questi accordi non sono più validi perché rappresentano il popolo... »

    http://www.mattinonline.ch/it/article/38888/merkel-gli-stati-nazione-devono-preparsi-a-cedere-la-loro-sovranit

    RispondiElimina
  17. Ecce, ego mitto vos sicut oves in medio luporum. Estote ergo prudentes sicut serpentes, et simplices sicut columbae (Mt 10, 16).

    RispondiElimina
  18. ‪Alexandre Del Valle:
    Les manifestations des « gilets jaunes » révèlent l’existence d’une grave crise de légitimité politique qui touche en réalité l’ensemble des démocraties occidentales. ‬

    ‪https://www.alexandredelvalle.com/single-post/giletsjaunes

    RispondiElimina
  19. Caro Fabrizio, bisognerebbe riuscire a “insinuare” la verità in modo metapolitico, lavorando sulle fondamenta e non sul teatro che ci fanno vedere. In modo da promuovere l'uscita di molti dalle gabbie ideologiche. Il tutto in stile accademico e pacato.

    RispondiElimina
  20. Nuova tecnica degli scafisti ​per portare i migranti in Italia.
    L'operazione mostrata dalla procura di Agrigento,ha modalità già collaudate nell'organizzazione degli sbarchi:
    Nave madre traina alcuni barchini fino alle coste italiane,li lascia alla deriva e fugge.

    RispondiElimina
  21. Intanto in Francia26 novembre 2018 22:52

    La Francia è a ferro e fuoco non certo per i 10 centesimi sulla nafta.
    Sui cartelli è facile leggere:
    "Monsanto"
    "11 vaccini"
    "democrazia"
    "ci avete levato tutto".

    La stampa è uguale ovunque.
    Non mente solo da noi.

    Ma la verità è più forte.
    Ora, sappiamo.

    RispondiElimina
  22. Comunicato di Palazzo Chigi a chiusura del vertice di stasera

    “Non è una questione di decimali, obiettivo del Governo è rilanciare la crescita e lo sviluppo. Confermati gli obiettivi già fissati, in particolare sulle pensioni, sul reddito di cittadinanza e sulla tutela del risparmio”. È quanto dichiarano il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e i vicepresidenti Luigi Di Maio e Matteo Salvini.

    Durante l'incontro di questa sera, il Presidente Conte ha riferito dell'esito dell'incontro di Bruxelles con i vertici della Commissione europea. Sono stati valutati gli emendamenti di iniziativa parlamentare al ddl sulla legge di bilancio e concordati quelli che saranno oggetto di approvazione. Per quanto riguarda il dialogo in corso con le istituzioni europee, si è convenuto di attendere le relazioni tecniche sulle proposte di riforma che hanno più rilevante impatto sociale, al fine di quantificare con precisione le spese effettive. Le somme recuperate saranno riallocate, privilegiando la spesa per investimenti, con particolare riferimento a quelle necessarie a mettere in sicurezza il territorio e a contrastare il dissesto idrogeologico.

    RispondiElimina
  23. Questa la sapevate?27 novembre 2018 00:47

    http://www.stopeuro.news/eurogendfor-la-polizia-europea-con-totale-immunita-giudiziaria/

    RispondiElimina
  24. Informazione asservita27 novembre 2018 08:41

    Il tedesco Udo Gümpel, recentemente ripreso da Belpietro per voler dare lezioni all'Italia sull'accoglienza, è soltanto la punta dell'iceberg: in televisione si susseguono opinionisti di tutto il mondo, da Alan Friedman a Rula Jebreal, che fanno carriera con minacce e insulti. Colpa pure dell'esterofilia dei conduttori....

    RispondiElimina
  25. Stanno preparando il terreno. Qualcosa bolle in pentola. Tramano. Dicembre, da quello che capisco, dovrebbe essere il loro mese fatale. E noi lo sfateremo.

    RispondiElimina
  26. Si festeggia la nascita di Maometto, Brescia sembra Islamabad: manifestazione riservata solo agli uomini.
    (Regressione culturale e sessista. Finte femministe mute)

    RispondiElimina
  27. https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/11/27/global-migration-compact-moavero-apre-alla-ratifica-ma-la-lega-dice-no-gli-usa-e-visegrad-hanno-gia-detto-non-firmiamo/4794176/

    RispondiElimina
  28. Global Impact, la recentissima convenzione di New York (2016), fortemente voluta dai leaders ONU (e da chi ha il grande potere finanziario mondiale, le solite lobbyes), che favorisce i grandi flussi migratori, a prescindere quali siano le cause, le motivazioni, o le spinte, dei singoli e delle collettività, a livello globale, cioè mondiale. - Se l'Italia, il governo italiano, fa passare il Global Impact per i flussi migratori, nel giro di pochissimo anni ci sarebbero gravissime, forse catastrofiche, conseguenze.
    I confini degli stati, per quelli che aderiscono, non sarebbero più tali. Significa che lo stato, o nazione, che firma questo trattato, non ha più alcun potere, nessuno, per controllare e arginare i flussi migratori provenienti da ogni dove, con le inevitabili conseguenze che tutti, o quasi, già conosciamo.
    Firmare e aderire al Global Compact è pura follia.
    Il popolo italiano dovrebbe scendere in piazza, la grande maggioranza, e protestare con grande forza ed esercitare una potente pressione.

    RispondiElimina
  29. Il silenzio degli innocenti?

    Sembra che il governo stia per firmare il Global Compact, su cui non proferisce parola
    Se si aderisce al global compact, diventa tutto una barzelletta. Tragica. Ma ridicola.
    Si fa finta di reagire e di fare i duri per due sassolini, per fermare 200 invasori, e poi si firma perché precipiti per sempre la valanga senza più nessun confine e ostacolo. Poi si apre l'Italia a decine di milioni di invasori.
    Non perché si voglia la valanga (come avviene per la sinistra), ma perché nessuno può realmente opporsi alla valanga. Questa è la tragedia, su cui però si tace.
    Questa è la verità. Già solo per due sassolini è successo un putiferio con l'UE. Da mesi stanno litigando senza venirne a capo, e solo per due sassolini.
    Ora arriva l'immenso esercito. E si tace, si fa finta che non ci sia.
    E' tutta una tragedia, e nessuno se ne vuole rendere conto.
    Siamo soli dinanzi al mondo. Siamo colonia, siamo schiavi. Non c'è partito o forza politica che tenga: i nostri stessi politici meno peggiori, se vogliono sopravvivere, devono cedere quando si inizia a fare sul serio.
    Come del resto Romano Prodi ha scritto apertamente ieri su Il Messaggero: non si può tenere testa a chi comanda veramente, ha detto in sostanza Prodi (e lui se intende di zerbinaggio). Lo ha detto chiaramente, Romano Prodi: obbedire o morire.
    E se dovessimo esagerare con la resistenza, ci toccherebbe il destino della Grecia. Come già Tzipras ci sta annunciando, invitandoci a cedere subito (e lui sa bene cosa accade a chi vogliono annientare).
    Dinanzi al potere del mondo intero, solo un popolo unito e pronto a tutto, anche a perdere tutto, compresa la vita, potrebbe forse tentare una reale resistenza. Solo gli italiani pronti a morire in piazza per la libertà e la difesa della propria identità religiosa, civile, etnica e culturale, potrebbero creare un serio ostacolo alla valanga (altro sassolini e decreti legge). Ma questo popolo non esiste più, soprattutto in Italia. Il nostro popolo non capisce assolutamente più nulla che non sia calcio, sesso e soldi (e spesso neanche questi) e carriera.
    Gli italiani sono stati antropologicamente modificati da settant'anni di democristianismo e gramscismo. Siamo noi il più riuscito esperimento di mutazione antropologica mai avvenuto.
    E se non bastano moderatismo democristianista e progressismo gramscista, ci pensa il clero a manipolare le coscienze del popolo bue. E se non basta, arriva la magistratura. Infine, la sinistra in piazza e al contempo il Presidente in televisione. Come ammazzacaffè (potremmo dire, "ammazzaitaliani") lo spread.
    Come regalo di commiato, il gender.
    Non si sfugge. Siamo condannati.

    RispondiElimina
  30. ...segue

    E molti di voi che leggono nemmeno p di cosa stiamo parlando: pensano che io sia matto o disfattista. Pensano, ancora, che... "io speriamo che me la cavo"... Folli.
    Non ci sono più partiti, né strutture, né clero, di riferimento. Sono rimaste solo le persone. Solo un'unione vera di popolo può creare un ostacolo serio alla valanga in arrivo. Chi si illude ancora con i partiti è un folle. E' il vero visionario.
    Occorre ricostruire tutto d'accapo. E dobbiamo farlo noi.
    Pena la valanga. Pena il Global Compact, che questo governo, non il PD, sta firmando, nel silenzio. Perché... a un certo punto, se ci si vuole salvare e mantenere prestigio e potere, occorre inchinarsi a chi veramente comanda.
    Forse lo farei pure io al loro posto. Ed è per questo che non conto nulla e posso scrivere queste parole. Potete condividerle o meno, ma certo non potete negare che siano libere. Se ci fossero centinaia di migliaia di italiani liberi, forse fermeremmo la valanga. Se non la fermiamo, il nostro destino, come italiani e come esseri liberi, è segnato.
    Gli anni Sessanta sono finiti, amici cari. E pure gli Ottanta. E pure la nostra ridicola democrazia. Ora, il pettine arriva. Nella politica e nella società come nella Chiesa.
    La Rivoluzione sta trionfando fino in fondo. Solo una vera Contro-Rivoluzione, completa e di élites e di popolo, può salvarci (altro che partiti e politici...). Ma chi di voi ha una minima idea di cosa siano la Rivoluzione e la Controrivoluzione?
    Non vi interessano? Ve ne accorgerete tra non molto... Purtroppo non si scappa... a Matrix.
    Forse, anzi, senza forse, è da qui che dobbiamo ricominciare: dalla Rivoluzione e dalla Controrivoluzione, chiave di volta di tutta la modernità. Chi è pronto a imparare come stanno veramente le cose? (MV)

    RispondiElimina
  31. "Non si sfugge. Siamo condannati.": caro Marcello, più chiaro di così lei non poteva essere; certo che c'è di che farsi venir la depressione, se non fosse che ... per un cattolico credente (anche se non più praticante, dato che le sedi sono occupate dal clero traditore, passato al servizio di Lucifero) valgono le parole di Maria SS.ma "quando tutto sembrerà perduto, allora Io sarò con voi ... alla fine il Mio Cuore Immacolato trionferà".
    Quindi prendano pure possesso del mondo intero, questi servi di Satana, ma poi dovranno mollarlo, e saranno spediti tutti a far compagnia al loro nuovo padrone. Forse periremo anche noi (oppure ci faranno fuori i demoni incarnati), chi lo può dire, ma certo è che noi speriamo nel dopo, loro non possono più farlo : culattoni, islamisti, protestanti, comunisti, cosa mai possono attendersi dall'altra vita?. che se la godano adesso, fin che dura, quindi...

    RispondiElimina
  32. "... ma perché nessuno può realmente opporsi alla valanga..."

    Ogni volta si parla di quello che incombe come se fosse volontà di Dio, Uno e Trino. No, non lo è.

    Chi comanda veramente è Dio.

    Lo ascoltiamo? L'abbiamo ascoltato? Ognuno di noi ha fatto spallucce e si è prostrato davanti agli altri uomini. E ora inchinatevi davanti alla ue, alla nato e a pincopallo.

    Basterebbero pochi uomini di Dio, Uno e Trino, digiuni, vestiti di sacco, in ardente e sincera preghiera. Evidentemente mancano anche quei pochi.

    Ma senza Nostro Signore Gesù Cristo, non possiamo fare nulla. Gli artefici della ue, schermati fumé, certamente loro lo sapevano e alla radici cristiane hanno detto, nein.

    E noi zitti.

    Non abbiamo voluto la libertà dei Figli di Dio? Ed ora gustiaamo la libertà degli uomini e del mercato e dei folli che guidano questa trappola dell'unione dell'umanità!

    Una sola unione dei popoli e degli uomini può essere fatta, quella con chi riconosce Gesù suo Signore e suo Dio.

    Il resto finisce sempre in tragedia.

    Evidentemente il concetto non è stato ancora assimilato.

    RispondiElimina
  33. "Sono rimaste solo le persone..."

    Senza contare che anche tra le persone c'e' da fare una bella cernita , ci vorrebbe una seria TAC .
    «Citizengo, Novae Terrae, un aiuto vero per i cristiani perseguitati» : Novae terrae ?!?

    https://www.riscossacristiana.it/se-li-conosci-li-eviti-2-volonte-faceva-il-pieno-in-azerbaijan-per-opere-di-bene-di-elisabetta-frezza-e-roberto-dal-bosco/

    RispondiElimina
  34. Giustamente l'articolista li definisce criminali in tonaca!
    https://voxnews.info/2018/11/26/vaticano-vuole-italia-firmi-patto-onu-su-migrazione-ma-loro-non-lo-firmeranno/

    RispondiElimina
  35. https://scenarieconomici.it/ecco-come-potranno-fregarci-se-il-governo-firmera-il-global-compact-di-davide-mura/

    RispondiElimina
  36. Finalmente Salvini, che cita Papa Benedetto...
    :
    ++ SALVINI: SONO ASSOLUTAMENTE CONTRARIO AL GLOBAL COMPACT ++

    "Sono assolutamente contrario al Global Compact. Ne discuteremo con gli alleati dei 5 Stelle però non vedo perché delegare ad organismi sovranazionali scelte che spettano ai singoli Paesi, non vedo perché devo mettere sullo stesso piano i migranti cosiddetti economici e i rifugiati politici. Come diceva Papa Benedetto, prima del diritto ad emigrare esiste il diritto a rimanere nel proprio Paese". Lo ha detto il vicepremier e ministro dell'Interno, Matteo Salvini, in conferenza stampa alla Camera. "Ci confronteremo con gli amici dei M5S e se non ci sarà un accordo penso che in democrazia l'unico organo che si deve esprimere è il Parlamento perché siamo una Repubblica parlamentare".

    RispondiElimina
  37. Un momento. In parlamento il rischio è serio perché c'è l'anima pidiota del m5s insieme a europeisti del cavolo (quelli di nani e ballerine per intenderci) compresi i residuati bellici del PD morente ma dal colpo di coda intriso di veleno... Povera Italia!

    Mi sarei sentita più sicura, pur con tutte le incognite, se Salvini avesse minacciato di far saltare il governo...
    L'unica speranza è che ci sia una percentuale sufficiente di grillini non appesi al Fico.

    RispondiElimina
  38. Quando Salvini dice di votare in Parlamento, intende entro il 10/11? Non sono esperto, ma non credo che si riesca a calendarizzare in tempi così brevi. E forse è un modo intanto per fal saltare la firma nell'appuntamento di Marrakech, poi si vedrà...

    RispondiElimina

  39. Il c.d. Global Compact non è nel Contratto di Governo. Non c'è motivo per firmarlo.
    Non bisogna portarlo in Parlamento. Salvini deve minacciare la crisi di governo.
    Il ministro degli esteri dovrebbe esser cambiato.

    RispondiElimina
  40. Nel contratto di governo c'è il problema dei migranti28 novembre 2018 07:30

    Ma qual è la posizione della maggioranza di governo? “Quella della Lega è chiara. È uno strumento globalista e terzomondista in chiaro disaccordo con le idee della Lega. Nel Contratto di Governo è presente la nostra posizione: la pressione migratoria e la gestione del fenomeno ereditate da Renzi e Gentiloni sono giudicate ‘insostenibili’. Questo Global Compact si pone in linea di continuità con quella impostazione fallimentare, tant’è vero che è stato il passato Governo a negoziarlo e instradarci all’adesione”.
    http://www.occhidellaguerra.it/picchi-lega-global-compact/

    RispondiElimina
  41. Basta giochi di prestigio28 novembre 2018 09:28

    Giorgia Meloni ha portato alla luce un contrasto ignorato dai più: intervenendo alla Camera ha tirato fuori dalla bocca di Moavero la verità che nessuno avrebbe mai voluto ascoltare. Perché il ministro degli Esteri ha annunciato che il governo italiano è favorevole al patto scellerato da sottoscrivere il 10 e 11 dicembre a Marrakech. Una vergogna. Che rimbalza di ora in ora su tutti i social della rete. La protesta è generale.

    E la palla sta proprio in mano alla Lega, anzi a Salvini, che non può sottovalutare quanto dice larga parte del suo mondo. Già i passi falsi sull’Europa sono difficili da digerire con tutte le dichiarazioni di fedeltà che tocca ascoltare, ora pure i migranti da ogni angolo della Terra dobbiamo accogliere con tanto di inchino per volontà dell’Onu?

    I leghisti stanno in fibrillazione ed è il Capitano a dover scegliere se aprire un nuovo fronte di scontro con i Cinque stelle, a partire dalla loro ala rifondarola.

    Finora Salvini ha fatto un tweet. Pochino. Ma non si capisce che cosa deciderà il governo. Andrà al vertice mondiale? Porra’ la questione del diritto alla difesa dei confini? Rifiuterà di sottoscrivere il Global compact? E in quel caso, Moavero che farà? Se ne andrà a casa per la clamorosa smentita?

    È bene che ci sia chiarezza, che finora non c’è stata e l’Italia ha il diritto di sapere se il governo che ogni giorno parla giustamente di sovranità è poi coerente quando si tratta di dire orgogliosamente no alle Nazioni Unite.

    Se dipendesse dal premier, la risposta sarebbe pessima. Perché nel suo recente discorso al palazzo di vetro, Conte è arrivato a dire – testuale – che “sosteniamo i Global Compact su migrazioni e rifugiati”. Gentiloni non lo avrebbe saputo dire meglio. Non va affatto bene e urge una decisione seria.

    La Lega ha annunciato in commissione Esteri col proprio capogruppo Molinari una risoluzione che smentisce clamorosamente il premier. È una finta o si va avanti con tutte le conseguenze del caso?

    La portata dello scontro sul tema può essere deflagrante, ma vivaddio non si può più nascondere la polvere sotto il tappeto. I Cinque stelle pagano profonde divisioni sul tema, ma non le può scontare l’Italia.

    Alla scadenza di dicembre mancano un paio di settimane e per ora siamo fermi alle parole di Conte e Moavero. Non bastano più i sussurri per contrastare sciagurate prese di posizione.

    Stavolta la ruspa rischia di essere orientata su palazzo Chigi se non si stronca in tempo una robaccia indigeribile per il popolo italiano.

    RispondiElimina
  42. Prego Maria di far girare ovunque questo pensiero.

    Nicolas Gomez Davila, Tra poche parole, p. 117, Adelphi Edizioni, Milano, 2007.

    " Se riusciranno ad istituzionalizzare sul serio la mobilità sociale, le rivoluzioni diventeranno difficili, ma la civiltà impossibile."

    RispondiElimina
  43. Matteo Salvini: L’Italia non firmerà la proposta Global Compact ONU sull'immigrazione e il governo non andrà alla riunione di Marrakesh. Avanti! #NoGlobalCompact

    RispondiElimina
  44. Salvini e i suoi sono stati letteralmente bombardati, non solo da noi...
    Intanto è una notizia confortevole, perché nel frattempo il dibattito si allargherà e la questione avrà lo scalpore e l'attenzione che merita. Ed è già un risultato che intanto Conte non vada a Marrakesh e non ci sia la firma dell'Italia...
    Ma, realisticamente, in parlamento il rischio potrebbe essere serio perché, come già osservato, c'è l'anima pidiota del m5s insieme a europeisti del cavolo (quelli di nani e ballerine per intenderci) compresi i residuati bellici del PD morente ma dal colpo di coda intriso di veleno...
    L'unica speranza è che (tolti Lega e Fratelli d'Italia, sui quali è tutta la nostra fiducia) il dibattito dia i suoi frutti su parlamentari ancora in grado di usare la ragione e di non parlare da gabbie ideologiche nonché su una percentuale sufficiente di grillini non appesi al Fico.

    RispondiElimina
  45. Prego Maria di far girare ovunque questo pensiero

    Grazie Irina. L'ho inserito, con una immagine significativa, su diverse 'bacheche'. E di solito poi si attivano le condivisioni e dunque una crescita esponenziale di attenzione...

    RispondiElimina
  46. Mic, ringraziamo il Signore. Stavo rammendando, ero un po' stanca ed ho preso in mano i due libri di Gomez Davila. Siccome li ho letti e riletti, dall'inizio alla fine e dalla fine all'inizio, mi son detta cominciamo dal mezzo e, dopo tre pagine, ecco quello che ci occorreva. Calza come una camicia di seta. Due righe invincibili. Gloria a Dio, Uno e Trino. Sempre.

    RispondiElimina
  47. Invito a riflettere bene su quanto segue... L'ONU (ma anche Amnesty e varie Associazioni Umanitarie o ONG) dovrebbe arrossire di vergogna per la sua ipocrisia!!! Si autoproclama paladina dei Diritti dell'Uomo che però vengono stabiliti e riconosciuti solo se approvati (a maggioranza) dai voti delle nazioni che vi fanno parte(!!!); promuove l'aborto definendolo nientemeno che "un diritto umano" e rendendosi così responsabile della morte di milioni di nascituri ai quali nega di fatto il Diritto alla Vita (!!!); controlla la crescita demografica delle popolazioni più povere finanziando la contraccezione (perciò considerando i loro figli un impedimento al progresso del popolo e dell'Occidente) anziché promuovendo le loro condizioni di vita e l'educazione sessuale soprattutto fra i più giovani!!! Spiace anche vedere alcuni Enti cattolici e lo stesso Vaticano affiancarsi all'ONU e Associazioni Umanitarie (p.e. Amnesty) senza mai dissentire con vigore dalle loro attività palesemente lesive dei diritti umani delle persone (e il concepito lo è anche se non viene riconosciuto tale dall'ONU) più povere e indifese. Quanto fidarsi dell'ONU?

    RispondiElimina
  48. L'ONU dovrebbe essere smantellata .

    RispondiElimina
  49. Pianificava attentato con armi chimiche in Italia. Arrestato palestinese con permesso di soggiorno. Da torchiare per arrivare ai mandanti. E non è detto che sia l'Isis, ma lorsignori di Francoforte, Bruxelles e Parigi.

    https://www.corriere.it/cronache/18_novembre_28/preparava-attentato-il-veleno-blitz-antiterrorismo-macomer-97925f20-f2fb-11e8-bf1c-39c2f2f9623f.shtml

    RispondiElimina
  50. Sacerdos quidam28 novembre 2018 20:22

    "Spiace anche vedere alcuni Enti cattolici e lo stesso Vaticano affiancarsi all'ONU e Associazioni Umanitarie (p.e. Amnesty) senza mai dissentire con vigore dalle loro attività palesemente lesive dei diritti umani delle persone (e il concepito lo è anche se non viene riconosciuto tale dall'ONU) più povere e indifese. Quanto fidarsi dell'ONU?":

    beh, se lo scopo ultimo della Chiesa è quello, come prospetta la 'Lumen gentium' del Concilio Vaticano II, della tristemente famosa "unità del genere umano", costi quel che costi ed in evidente omaggio alla gnostica ideologia teilhardiana, è ovvio che ci si accompagni ad una istituzione tipicamente massonica come l'ONU chiudendo gli occhi sulle sue malefatte.
    La Verità, la retta dottrina, la propagazione della fede e la salvezza delle anime diventano realtà obsolete, non negate apertamente ma messe gradualmente in secondo o terzo piano. Purtroppo, nulla di cui meravigliarsi.

    RispondiElimina
  51. Rev.Sacerdos quidam,

    ci ha pensato Paolo VI a stabilire rapporti con l'ONU istituendo APPOSITI "Pontifici Consigli".

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori del blog.