Pagine fisse in evidenza

domenica 2 giugno 2019

Il mese di giugno è diventato il Pride Month...

Non c'è limite all'impudenza, che diventa blasfemia, di ecclesiastici corrotti e protetti... Questo Mese di giugno, dedicato al Sacro Cuore, diventa inopinatamente il Pride Month. E dunque James Martin, SJ - meglio noto come il "gesuita pro gay" [vedi qui - qui] - formula un tweet ripreso da Taylor Marshall, meglio noto come illustre tomista autore, tra l'altro, del recente Infiltration: The Plot to Destroy the Church from Within [Il complotto per distruggere la Chiesa dall'interno]. Vedi, nell'immagine a lato.

Inserisco le immagini dei tweet originali, dei quali riporto di seguito le traduzioni. A voi l'amara sentenza.
James Martin, SJ: “A tutti i miei amici LGBTQ, cattolici e non: buon mese dell’orgoglio gay. Siate orgogliosi della vostra dignità, che vi è stata data da Dio, del vostro ruolo nel mondo e dei vostri numerosi contributi per la Chiesa. Poiché siete stati ‘fatti meravigliosamente’ da Dio (Salmo 139)”.
Taylor Marshall: “Quest’uomo è sostenuto, invitato e apprezzato da Papa Francesco, dai cardinali Dolan, Cupich e Wuerl e dall’Arcivescovo Gómez. La Chiesa cattolica ha nemici infiltrati *al suo interno*”.

29 commenti:

  1. Prendiamo nota. La chiesa è infiltrata da persone, senza il bene dell'intelletto, che trasmettono al prossimo la loro tara. E' una tragica pandemia.

    RispondiElimina
  2. Nun c'a facc' cchiu' !2 giugno 2019 16:50

    http://www.ilgiornale.it/news/cronache/papa-ai-rom-perdono-discriminazioni-e-maltrattamenti-1705121.html

    https://tenor.com/view/im-sick-of-this-icant-do-it-anymore-stop-thats-enough-koala-gif-11429922

    Non me ne frega un'acca se siete omosessuali o no , non voglio che me lo sbandierate in faccia .
    Quando mi presento a qualcuno non dico :"Piacere Caio eterosessuale/omosessuale/altro.." ne' voglio sapere l'orientamento altrui , mi interessa solo che facciano bene la professione per cui sono pagati e che rilacino la ricevuta fiscale . Il restoe' affar vostro... tenetelo per voi , non me ne frega un emerito acca !
    Quanto a quelli che alzano tanto le penne a mo' di pavone e dicono quel che dicono , vuol dire che volevano entrare nel mondo dello spettacolo e invece hanno sbagliato indirizzo ( all'epoca) ; per i nostri tempi e' un altro paio di maniche , se vuoi entrare nel mondo dello spettacolo devi professarti suora o frate o prete , o.....vattelappesca .
    Sta bene ai loro superiori Vescovi,Cardinali,Papi ?
    Ah gia' non c'e' piu' gerarchia , sono tutti uguali , tutti uguali , tutti uguali .
    D'altronde non si e' sentito dire che la dottrina e' ammuffita , ha le tarme , la parola cammina, evolve....Seeehh! Buonanotte !
    Un fatto e' certo , viene derisa la Chiesa cattolica e , come corpo mistico abbiamo il dovere di raccomandare tutta 'sta frittura alla Madre di Dio !
    Alla fine si vedra' chi se l'e' cavata .

    RispondiElimina
  3. Caro Anonimo h 16.00, temo che la pandemia in corso sia quella della PERVERSIONE...

    RispondiElimina
  4. Niente peccati, niente peccatori, tutti buoni e tutti salvi senza sforzo.

    A questo punto, se non è peccato svolgere pratiche LGBT, ed e' anche possibile ad un divorziato risposato ricevere l'Eucarestia in stato di adulterio permanente e cosciente, allora posso tradire mia moglie con una o più amanti, ricevendo l'Eucarestia nella certezza di essere "fatto meravigliosamente" da Dio, anche se adultero etero...

    Pensa che fessi i cristiani dei secoli passati, che banno seguito il.Magistero perenne.....
    Per non parlare di quei santi che si sono tanto sacrificati con digiuni estenuanti, preghiere incessanti, lotta contro le tentazioni, opere di misericordia spirituale e corporale, tribolazioni, martiri, supplizi, clausura...

    Non sapevano, i fessi, che non erano necessarie tutte quelle fatiche, perche' il vero cristianesimo sarebbe stato scoperto dai gesuiti del terzo millennio d.C.e dal papa Bergoglio, l'unico che ha capito tutto ...

    RispondiElimina
  5. Ma in pochi nel 2005 avrebbero pensato che molti uomini di Chiesa si fossero consegnati anima e corpo a tale progetto sociale anticristiano. In secondo luogo,
    https://campariedemaistre.blogspot.com/2019/06/martini-e-il-progetto-europeista.html

    RispondiElimina

  6. Pensa che fessi i cristiani dei secoli passati, che hanno seguito il Maestro perenne...

    Ma fessi anche quelli del secolo presente, che hanno continuato a seguirlo,
    nonostante tutto (non lo pensano in tanti, oggi?).
    Certo, una volta diventati vecchi, uomini e donne, si
    accorgono di quanto hanno fatto bene, a seguirlo, lottando duramente contro
    se stessi, per esempio per restare sempre fedeli alla moglie o al marito.
    Perché, come ci ricorda s. Paolo, le "gioie del peccato sono brevi" e ci
    conducono alla dannazione. Bello, quindi, aver resistito al richiamo della
    sensualità o comunque aver espiato cristianamente nel dovuto modo, esteriore
    ed interiore, eventuali cadute. Perché esser fedeli è bello.
    Però, la parte troppo umana di noi
    cerca sempre di compatirci e di farci pentire per le supposte gioie carnali
    e sentimentali cui avremmo (o abbiamo) a suo tempo rinunciato, l'attimo
    fuggevole stoltamente non colto, che dopo tanti anni ci appare all'improvviso
    carico di una smisurata promessa di felicità: ma ci appare così proprio
    perché non l'abbiamo colto. In questo rimpianto, costruito su
    di un'illusione, pesca senza requie il demonio, il quale
    non vuole che guardiamo in avanti e in alto,
    verso la vita eterna, lasciandoci alle spalle tutta la miseria
    dei nostri fallaci desideri e passioni.
    M.

    RispondiElimina
  7. https://www.radiospada.org/2019/06/il-comunicato-del-comitato-san-geminiano-vescovo-a-commento-della-processione/

    RispondiElimina
  8. Il mese de "l'orgoglio omosessuale" è in realtà il mese della pubblicità omosessuale per far vedere al mondo che gay è bello, moderno, attuale... Almeno un tempo si aveva il buon gusto di ritenerla una cosa personale e privata...

    RispondiElimina
  9. https://www.antoniosocci.com/bergoglio-e-il-comunismo-un-rapporto-inquietante-cosa-emerge-dalla-visita-in-romania/

    RispondiElimina
  10. "mi interessa solo che facciano bene la professione per cui sono pagati e che rilacino la ricevuta fiscale . Il restoe' affar vostro... " Io invece ho piacere a saperlo così da fare ciò che facevano i cristiani perseguitati nei primi secoli: facevano fare lavori, ed acquistavano tra di loro. Questo ci rafforzerebbe economicamente come comunità dandoci più forza nel palcoscenico del mondo e ci eviterebbe di trovarci davanti chi non é fratello!

    RispondiElimina

  11. Sulla base di false dottrine il mondo occidentale sta affondando nell'omosessualità

    Gli omosessualisti prosperano sull'incredibile decisione presa anni fa dall'Associazione Naz. degli psichiatri in America, secondo la quale l'omosessualità non dovrebbe più considerarsi una patologia.
    Sarebbe invece una tendenza innata, della quale il soggetto non avrebbe colpa. Ma già la configurazione anatomica di certi nostri organi dimostra che l'uso che ne fanno i sodomiti è contro natura.
    E come potrebbe la natura aver posto in noi come naturali tendenze omosessuali? Sarebbe come dire che la natura avrebbe programmato il proprio autoannientamento, vista la sterilità congenita di ogni rapporto omosessuale. La natura invece si mantiene nel continuo organico riprodursi, derivante dall'incontro e congiunzione dei principi contrapposti ma complementari, maschile e femminile.
    Purtroppo molti cattolici credono o fanno finta di credere che l'omosessualità sia una tendenza naturale, per cui bisognerebbe riconoscere agli omosessuali certi "diritti", poveretti (così dicono).
    Il risultato di questi cedimenti agli errori del Secolo è stato che adesso ci siamo accorti all'improvviso o quasi che tutto il mondo occidentale è diventato "omosessuale" (invece che "ariano", come ai tempi di S. Girolamo). In sostanza: che l'omosessualità dilaga e che si cerca addirittura di infeudarle l'educazione e l'istruzione sin dalla più tenera età!
    Se non si riesce in qualche modo a raddrizzare la situazione, difficile che un castigo terribile non si abbatta sull'intero Occidente, tale da far impallidire quello che è successo tanti secoli fa a Sodoma e Gomorra!
    Per questo è vitale riuscire a mettere in mora il presente pontefice, purtroppo succube di tutti questi errori. Hanno sbagliato tutti quegli intellettuali cattolici e chierici che non hanno voluto appoggiare la recenta Lettera Aperta ai Vescovi che ne denuncia apertamente le eresie, andando invece a cercare il pelo nell'uovo dentro questa stessa Lettera.
    Disertare, non paga. Né in questo mondo, né tantomeno in quello a venire.
    PP

    RispondiElimina
  12. Quando ero giovane nei libri 'scientifici' era scritto che si comincia ad entrare compiutamente, quindi anche fisicamente, in se stessi, con la pubertà. Non è un capriccio se si inizia a studiare filosofia negli ultimi tre anni delle ciclo secondario superiore. Un tempo la maturità di un essere umano era ritenuta cadere nel ventunesimo anno, non solo ma, per votare al Senato della Repubblica era necessario aver compiuto i venticinque anni, ovvero mediamente a laurea discussa e/o nel momento in cui si era ben completato il periodo di apprendistato. Benché la società non fosse così lassista si sapeva che vi erano dei passaggi 'naturali' che era giusto rispettare al fine di una crescita il più possibile armonica. Un campanello di allarme, che non poteva essere ignorato, fu quando si portò, demagogicamente, la maggiore età ai diciotto anni. Ricordo che uno degli argomenti 'forti' fu che in America la patente la si poteva prendere a sedici anni. Tre anni, nell'età 'evolutiva' sono uno spazio temporale essenziale. Ora la pedagogia americana segna il completamento della età 'evolutiva', cioè della crescita, a venticinque anni. Fatta questa breve premessa, si può vedere quale e quanta sia la malizia, la perfidia, la diabolicità, di coloro che vogliono torcere la vita dei piccoli uomini e donne ai loro esperimenti del 'caxxo', detto in senso dispregiativo di fissa mentale, non certo in spregio alla creazione divina, perché di questo e solo di questo si tratta delle loro ossessioni, delle loro patologie mentali; le quali patologie vengono riversate acriticamente sull'intera società, con l'occhio alla parte più debole di essa che non oppone resistenza. Su una società, inoltre, che è stata drogata non solo con le droghe ma, anche con una subcultura da galera, da bordello,da manicomio che si sono voluti aprire, in quanto periferie esistenziali intese come scarto, senza curare né convertire i loro frequentatori e, in modo particolare, i loro gestori.

    RispondiElimina
  13. Sul processo intentato alla d.ssa Silvana De Mari:

    https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=http://www.bastabugie.it/it/articoli.php%3Fid%3D5455&ved=2ahUKEwia2J_56MziAhWFGewKHWMVDqIQFjAZegQICRAB&usg=AOvVaw2rajC2aFVqkEfpKSbZY8vo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se il vescovo di Roma sostiene che gli omosessuali vanno amati e non gli si può dir nulla...che fine fa il suo ruolo che dovrebbe accompagnare gli uomini alla salvezza? Un prete mi ha risposto:"Dio ama tutti e salverà pure loro perché il loro difetto é solo l'amar troppo" ed io insolente:"se lei non mira al paradiso, pace; ma si attenga al vangelo altrimenti porta pure i suoi parrocchiani laggiù"

      Elimina
  14. Benjamin Spock ha già fatto i suoi danni, il resto sono correlazioni. BTW per il I giugno siccome la trashparade si è spostata, grazie ai 'buoni' uffici del ns.vescovo e alle vibranti proteste dei negozianti del centro, sul lungomare, ed è finita a mezzanotte circa con tanto di fuochi d'artificio iridati, ergo giornata rovinata per i più ché era il primo giorno di sole e di caldo dopo 3 settimane di freddo e pioggia, non ne faccio una questione personale, ma di dignità in quanto esseri umani che gli allegrotti hanno cancellato accuratamente, ma si sa, per soldi......... la settimana scorsa altre scosse di terremoto, lieve intensità,zone Modena-Reggio-Parma.........continua......Lupus et Agnus.

    RispondiElimina
  15. Alla vigilia di una celebrazione "interconfessionale" del 29 aprile, nella cattedrale di Cairns (Australia), quando una "Santità" Buddista ha dato una "benedizione", quindici Cattolici hanno recitato un rosario di riparazione al di fuori della Cattedrale.

    Questo ha causato la pazza ira del vescovo di Cairns, James Foley. Secondo il "Cairns Post" il vescovo ha accusato i fedeli in preghiera di incoraggiare "ignoranza e bigotteria".

    Sostenitore delle "sessualità multiple" e promotore del sacedote pro-gay, don Frank Brennan, Foley ha urlato che questi fedeli stavano agendo "chiaramente" contro l'insegnamento della Chiesa, aggiungendo che è un "enorme disturbo" quando l'insegnamento della Chiesa non è seguito.

    Foley ha proseguito contraddicendo l'insegnamento della Chiesa, affermando che questa cattedrale "appartiene a tutti, e che le Cattedrali sono sempre servite a questo".

    Ha detto che la sua cattedrale è "il luogo di venerazione più grande in città" e che era "felice" che questo fosse usato da "altri" gruppi religiosi.

    RispondiElimina
  16. Signori, signori,
    è chiaro che tutti questi prelati che fan gli auguri per il Pride Month sono semplicemente degli omosessuali nascosti, più o meno nascosti. Basta guardarli in faccia. Sec. voi, Martin ha un viso virile ?
    Avessero il coraggio di dichiararsi tali, si spretassero, ed andassero a ragazzini come tutti i lolo consimili laici.
    Non se ne può più.
    RR

    RispondiElimina
  17. Mentre i pastori rinnegano l'islam avanza:

    Non bastavano le duemila moschee. Ora in Francia risuona l’“Allahu Akbar” dell’adhan islamico anche nelle grandi cattedrali cristiane. Questo è appena successo a San Luigi degli Invalidi, la grande cattedrale militare di Parigi voluta da Luigi XIV e dove riposa Napoleone. Cento ufficiali dell’esercito francese hanno protestato contro la “profanazione”. I vertici del cattolicesimo europeo sono oggetti di ridicolo.

    RispondiElimina
  18. Il tweet del vescovo della diocesi di  Providence Thomas Tobin:

    “Come promemoria, i cattolici non dovrebbero sostenere o partecipare agli eventi del “mese dell’orgoglio” LGBTQ che si tengono a giugno. Essi promuovono una cultura e incoraggiano attività contrarie alla fede e alla morale cattolica. Sono particolarmente dannosi per i bambini”.

    RispondiElimina
  19. Dice no al Gay Pride, vescovo Usa “rieducato” in meno di 24 ore

    «Nel tempo dell’inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario». Che George Orwell, con il suo La fattoria degli animali, sia stato profetico, è chiaro ormai a chiunque sappia guardare la realtà. Certo continua a sorprendere come l’asticella si abbassi sempre di più, fino a far diventare rivoluzionario anche il ribadire la dottrina da parte di un sacerdote.

    Questa volta la verità corre su Twitter, a cinguettare è lo statunitense Thomas Tobin, vescovo di Providence, capitale dello Stato del Rhode Island. All’alba del mese di giugno, considerato dalla comunità Lgbt come il mese del cosiddetto «orgoglio omosessuale», in cui si moltiplicano parate, manifestazioni e marce, Tobin, fedele alla sua missione di successore degli apostoli, ha scritto così: «Un promemoria sul fatto che i cattolici non dovrebbero sostenere o partecipare agli eventi LGBTQ “Pride Month” che si terranno a giugno. Promuovono una cultura e incoraggiano attività contrarie alla fede e alla morale cattolica. Sono particolarmente dannosi per i bambini».

    Apriti cielo, in pochissime ore il post è stato ritwittato oltre 6.000 volte, ha ricevuto più di 24.000 “mi piace” e oltre 80.000 commenti. Numeri da record, e nei record sicuramente figura anche l’altissimo numero di insulti, ingiurie, minacce e offese al vescovo. Leggerli in fila è impressionante. Neanche a dirlo l’accusa è stata quella di «omofobia», dove per omofobia si intende qualunque opinione espressa pubblicamente sul tema dell’omosessualità non allineata al Pensiero unico.

    Un copione già visto, che vede l’audace malcapitato immediatamente preso di mira, crivellato da un fuoco di fila, per zittirlo e rieducarlo. Ovviamente il tutto ad opera dei sedicenti democratici, i “tolleranti”, i “maestri del dialogo”. In meno di 24 ore sul sito della diocesi di Providence è apparso un comunicato stampa degno del miglior regime: «Mi dispiace che i miei commenti di ieri sul “Pride Month” si siano rivelati così controversi all’interno della nostra comunità e offensivi per alcuni, specialmente per la comunità gay. Certamente non era mia intenzione, ma capisco che un buon numero di persone si sono offese. Riconosco e apprezzo anche il diffuso sostegno che ho ricevuto in merito. La Chiesa cattolica ha rispetto e amore per i membri della comunità gay, e così anch’io. Le persone con attrazione per lo stesso sesso sono amati figli di Dio e nostri fratelli e sorelle. Come vescovo cattolico, tuttavia, il mio obbligo davanti a Dio è di guidare i fedeli alla nostra cura e fede, in modo chiaro e compassionevole, anche su questioni molto difficili e delicate. Questo è quello che ho sempre cercato di fare – su una varietà di questioni – e continuerò a farlo quando sorgono problemi contemporanei. Dal momento che la comunità gay si riunisce per una manifestazione questa sera, io mi auguro che l’evento si riveli un’esperienza sicura, positiva e produttiva per tutti. Mentre si riuniscono pregherò per una comprensione e un rispetto reciproci nella nostra comunità così varia».

    Il comunicato però non cancella la verità di quel tweet. E se il promemoria di Tobin non è stato gradito forse anche da alcuni pastori, si può sempre rispolverare il documento della Congregazione per la dottrina della fede firmato da Joseph Ratzinger nel 1986: «Dovrà essere ritirato ogni appoggio a qualunque organizzazione che cerchi di sovvertire l’insegnamento della Chiesa, che sia ambigua nei suoi confronti, o che lo trascuri completamente. Un tale appoggio, o anche l’apparenza di esso, può dare origine a gravi fraintendimenti […] Il Signore Gesù ha detto: “Voi conoscerete la verità e la verità vi farà liberi” (Gv 8, 32). La Scrittura ci comanda di fare la verità nella carità (cfr. Ef 4, 15)».

    RispondiElimina
  20. Miles Christi4 giugno 2019 10:45

    "Io prego per loro: non prego per il mondo, ma per coloro che Tu mi hai dato, perché sono tuoi". Vangelo di oggi. ( PER COLORO CHE MI HAI DATO)

    RispondiElimina
  21. Il documento del 1986, come tutti gli altri documenti umani, pur modellati sulla Verità di Cristo, sono solo carta inerte se non si alza qualcuno per proclamarli. Il vescovo Tobin, purtroppo, si è alzato e poi si è parzialmente seduto. Non è giustificabile per via dell'attacco via Twitter: paragonato ad un martirio, è una cosa ridicola. Sarei curioso di sapere se è arrivato un richiamo dall'alto.

    RispondiElimina

  22. "La Chiesa cattolica ha rispetto e amore per la comunità gay e così anch'io..."

    Per la "comunità gay" in quanto tale, si ricava dal discorso. Ma questo un sacerdote
    di Cristo non lo può dire: sarebbe come dire che la Chiesa prova rispetto e amore per
    il peccato e un peccato che grida vendetta di fronte a Dio, come si deduce dalla Scrittura,
    Antico e Nuovo Testamento.
    Le persone normali hanno sempre provato una profonda ripugnanza al pensiero dei congiungimenti carnali degli omosessuali, di entrambi i sessi - v'è in essi una turpitudine che non abbisogna di descrizione, tanto è ovvia.
    La Chiesa dovrebbe incitare queste anime ottenebrate al pentimento e alla conversione, come faceva s. Paolo, perché Dio è misericordioso e non c'è peccato che non possa perdonare. Ma dal Concilio in poi, la Gerarchia sembra aver perso la nozione stessa del peccato, forse anche perché, si è alla fine capito, sono riusciti ad entrare in essa molti individui senza vocazione, addirittura dei nemici di Cristo, che del peccato hanno fatto pane quotidiano, soprattutto di quello contro natura, come ci fanno vedere le cronache.

    RispondiElimina
  23. Laogay=laobai, campi di rieducazione, visto in Cina? Accordo fatto Roma Beijing e arresti, internamenti e rieducazione, perbacco, nel libro Sodoma l'autore dichiara che solo 3 persone in Vaticano sono caste e non hanno mai tradito il voto, la terna non è difficile da indovinare, 2 neri e un bianco, riferito agli abiti.......

    RispondiElimina
  24. questo prelato parla di un certo bene che l'orgoglio gay fa alla Chiesa. Per me doveva essere più preciso, il bene non è fatto alla Chiesa, ma agli sporcaccioni, pervertiti che purtroppo vestono (forse) la talare e si divertono a fare certi festini. Per loro è questo il bene: fare sconcezze.

    RispondiElimina
  25. La commedia continua4 giugno 2019 12:59

    https://www.maurizioblondet.it/presidente-per-far-dispetto-a-salvini/

    Largo ai superman e superwomen salvatori dell'umanita' .

    Riassumiamo per coloro che non avessero seguito le puntate precedenti il perfetto quadro studiato con largo anticipo :
    - Inquinamento tramite Leggi antiCristiche dell'aria, dell'acqua, del suolo , dei cervelli ,
    - Morte ai nuovi concepiti sì da fare congruo spazio ,
    - Morte a quelli che si sono salvati , largo alle droghe ,
    - Morte ai resistenti in eta' cosiddetta avanzata , della serie " t'aiutiamo noi ",
    - Largo a omosessuali , pederasti , varie ed eventuali ,
    - Note di merito per abitare questo suolo ? Tutte le sopraelencate ed eventuali altre in divenire

    Reazioni :
    Nulle , la popolazione residua gia' mite di suo e' ridotta allo stremo per le continue vessazioni dall'interno e dall'esterno .

    RispondiElimina
  26. P.S. Ho dimenticato l'organizzazione chiamata mafia , la 'ndrangheta , la camorra , le drine e le stidde .
    La prostituzione , la pornografia (in tutte le sue declinazioni ) , i colletti bianchi che non fanno mancare il proprio contributo .
    E' arrivata la mafia nigreriana , la cinese , era in forse l'albanese .
    Che manca ?

    RispondiElimina
  27. @ Annarita : "Per loro è questo il bene: fare sconcezze." : bravissima Annarita, ha centrato in pieno l'obiettivo. Tempo fa manifestai al mio parroco il mio sdegno per quanto rivelato da mons. Viganò; ebbene, sa cosa mi rispose? che i panni sporchi bisogna lavarli in casa, e che quindi Viganò, anche se riportava fatti veri, aveva sbagliato a mettere in piazza tutte quelle sconcezze. Mi dica lei, ma sono preti questi qua? quelli messi meglio hanno la rogna; a che pro perder tempo a parlar con loro? a manifestar loro il nostro sconcerto, la nostra indignazione per come questa gerarchia, da Bergoglio in giù, sta riducendo la Chiesa di NSGC? Ma ne risponderanno a Cristo Giudice, non crederanno mica di farla franca, nè? Deus non irridetur, cari miei. Li punisca il Signore, come disse quella volta l'Angelo.

    RispondiElimina
  28. Fare sconcezze è sempre esistito anche se un tempo molto meno di oggi. L'inedito è che ora nella Chiesa le sconcezze sono una virtù e le virtù sono sconcezze! E' avvenuto un vero e proprio capovolgimento di cui i semplici fedeli che ancora credono sono letteralmente NAUSEATI!

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori del blog.