Pagine fisse in evidenza

martedì 25 giugno 2019

Misterioso vertice tedesco a Roma sul Sinodo dell'Amazzonia

Riprendo da Stilum Curiae. Prove tecniche di pilotaggio, come già riscontrato in passato [qui - qui]...

Una singolare riunione sta svolgendosi in questi giorni in Vaticano. È sicuramente collegata al Sinodo sull’Amazzonia che si svolgerà in ottobre a Roma; e conoscendo come in passato è stata gestita la preparazione dei Sinodi, in particolare quelli sulla Famiglia, da cui è nata la più che controversa Amoris Laetitia, c’è da essere incuriositi, se non preoccupati.
A questo “vertice” partecipano il Segretario generale del Sinodo, il card. Lorenzo Baldisseri. E fin qui tutto normale: Baldisseri è l’uomo di mano e di fiducia nei Sinodi del Pontefice, il grande regista (i suoi avversari dicono manipolatore) di questi eventi, che come sappiamo sono diventati sempre meno trasparenti e sempre più controllati dall’alto. Ma stupisce l’identità degli altri partecipanti. Infatti alle riunioni partecipa il vescovo emerito di Xingu Erwin Kräutler. È tedesco naturalizzato brasiliano; è uno dei fautori più accesi della necessità di avere “viri probati” in Amazzonia (e forse altrove…); è un sostenitore della TdL e della Teologia India, che l’ha in parte sostituita. Poi c’è il cardinale Walter Kasper; che certo non ha bisogno di presentazioni. Un quarto membro della compagnia è il card. Christoph Maria Michael Hugo Damian Peter Adalbert Schönborn, uomo di fiducia, anche lui, di papa Bergoglio (che demandò a lui il compito di “spiegare” Amoris Laetitia). Non poteva mancare il card. Claudio Hummes, (brasiliano, ma di famiglia tedesca, guarda caso…); mentre una certa sorpresa può venire dalla presenza del vescovo di Essen, mons. Franz-Josef Overbeck, vice-presidente della Comece, l’associazione de vescovi europei, e responsabile di “Adveniat” la Commissione per l’America Latina dei vescovi tedeschi, grande finanziatrice della Chiesa brasiliana e non solo. Infine c’è anche un laico, lo storico della Chiesa, l’ultraprogressista Huber Wolf.
Ignoriamo il tema delle conversazioni. Ma dobbiamo pensare che se fanno venire a Roma da tanti posti diversi e lontani persone così importanti e vicine al cuore del Pontefice per discutere di un Sinodo che si terrà a ottobre un motivo, o più motivi, seri, ci devono essere.
Straordinario è l’interesse che la Germania sta dando a questo Sinodo. Un vescovo tedesco ha dichiarato giorni fa che dopo ottobre la Chiesa non sarà più la stessa. E non si riferiva certamente a quella presente nelle sterminate lande di giungla e natura nel subcontinente americano. Il sospetto è che dall’Amazzonia qualcuno speri di ottenere cambiamenti esportabili altrove, e specialmente fra l’Oder-Neisse e il Reno. E da lì chissà dove…

13 commenti:

  1. Pentecoste: credono che lo Spirito Santo sia la garanzia per certe loro fantasie e voglie.
    Il giorno del Corpus Domini capisci che cosa pensano dell'eucaristia.
    La nascita di S. Giovanni Battista pensi a che cosa sia Amoris Laetitia per il matrimonio.
    Avvicinandosi il Sacro Cuore si fa largo l'agenda amazzonica che mira al sacerdozio.

    Ogni festa sacra viene snaturata, come ogni sacramento: sono metodici, determinati, spavaldi.

    Ascolta, popolo mio, ti voglio ammonire;
    Israele, se tu mi ascoltassi!

    Non ci sia in mezzo a te un altro dio
    e non prostrarti a un dio straniero.
    Sono io il Signore tuo Dio,
    che ti ho fatto uscire dal paese d'Egitto;
    apri la tua bocca, la voglio riempire.

    Ma il mio popolo non ha ascoltato la mia voce,
    Israele non mi ha obbedito.
    L'ho abbandonato alla durezza del suo cuore,
    che seguisse il proprio consiglio.

    Se il mio popolo mi ascoltasse,
    se Israele camminasse per le mie vie!

    Subito piegherei i suoi nemici
    e contro i suoi avversari porterei la mia mano.
    I nemici del Signore gli sarebbero sottomessi
    e la loro sorte sarebbe segnata per sempre;
    li nutrirei con fiore di frumento,
    li sazierei con miele di roccia".

    Si mette male... Per loro di sicuro, ma anche in generale...

    RispondiElimina
  2. Alessandro Mirabelli25 giugno 2019 20:54

    A Roma si sono radunati i congiurati per poter taroccati meglio il prossimo sinodo.

    RispondiElimina
  3. " Un vescovo tedesco ha dichiarato giorni fa che dopo ottobre la Chiesa non sarà più la stessa. "

    Ma pensa te.....da quanto tempo stanno preparando per filo e per segno questo programma che porteranno fino in fondo perche' come ben detto dall'anonimo qui sopra sono metodici, determinati, spavaldi.

    Restiamo in ginocchio...e avanti con la Madre di Dio !

    RispondiElimina
  4. Ulteriori info tratte dai blog che hanno dato notizia del meeting.
    L'incontro, che dovrebbe essersi concluso oggi, non si è tenuto in Vaticano, ma in un monastero fuori Roma. Il cardinale di Vienna, pur invitato, non vi ha preso parte perché ancora alle prese con i postumi di un intervento chirurgico per l'asporto di una massa tumorale.
    Il portavoce di quest'ultimo ha dichiarato che si è trattato solo di un 'meeting teologico', non di un incontro propedeutico al sinodo sull'Amazzonia.

    RispondiElimina
  5. Teologia della liberazione per loro è ok ma nessuno tocchi Caino però Abele lo uccidiamo con l'aborto, l'eutanasia,i divorzi e le pillole,i giudizi truccati, le crisi con gli spread ecc...Gesù non ha capito nulla, ci volevano i moderni-sti per far pace col mondo, altro che croci, risurrezione...del protestantesimo, del paganesimo ….Teologia india :ma che invenzione nuova quanto il serpente dell'eden, magia e lussuria, poligamia,sacerdotesse sacre, harem e prostituzione sacra, contro natura pure, lusso, soldi e carriera, porcili aperti a tutti…. ma sappiate cari signori che avete superato ogni limite di apparente cristianità, non solo ogni limite di apparente cattolicità come fecero i vostri predecessori conciliari….fate tanta pena iniziando dal duetto del vertice…. Non date il Pane del Cielo ai cani, non date le perle ai porci che non vi si rivoltino contro e vi sbranino: ecco che ci hanno sbranati.

    RispondiElimina
  6. Bisogna essere ciechi per non vedere quello che sta accadendo: non è più la Chiesa che trasmette il suo Vangelo ai popoli ma sono i popoli che insegnano alla Chiesa e la trasformano! Vale a dire: la Chiesa non ha più il sapore di Cristo ma il sapore dei popoli dell'Amazzonia! Che ne sarà del sale che ha perso il suo sapore? Si è sostituito il mandato missionario: "andate, annunciate il Vangelo e battezzate" con il suo esatto contrario: "andate e imparate da loro lasciandovi trasformare da loro"! La conseguenza? La Chiesa assume la cultura dei popoli indigeni, diventa maestra dell'amore alla Madre Terra ma non sa più né parlare né donare la Vita vera e la Salvezza eterna e i mezzi che Cristo ci ha lasciato per riceverla da Lui! Una vera "mostruosità": da Sposa a Adultera! C'è solo da pregare e rimanere innestati a Cristo come i tralci alla vite. La Madre di Dio interceda per noi!

    RispondiElimina

  7. E possiamo aggiungere un noto, grave ammonimento della Lettera agli Ebrei, 10, 26 ss:

    "Poiché, se noi cadiamo nel peccato [di apostasia] volontariamente, dopo aver ricevuto la piena conoscenza della verità, non rimane più alcun sacrificio per tali peccati, ma solo l'attesa angosciosa del giudizio e l'ardore di un fuoco che divorerà i ribelli. Colui che ha violato la legge di Mosè, sulla deposizione di due o tre testimoni, è messo a morte senza misericordia: di qual supplizio più atroce pensate voi, non sarà degno colui che avrà calpestato il Figlio di Dio e reputa come immondo il sangue della sua alleanza, col quale è
    stato santificato, e avrà fatto oltraggio allo spirito della grazia? Noi [Ebrei] ben conosciamo quel Dio che ha detto : "A me la vendetta! Io darò la retribuzione!". E ancora: "Il Signore giudicherà il suo popolo!". È cosa terribile cadere nelle mai del Dio vivente!"

    Era cosa terribile per l'Israele della carne, non lo sarà di meno per l'Israele dello Spirito, che è la Chiesa cattolica, se continuerà sulla strada dell'attuale apostasia.

    RispondiElimina
  8. Non so a voi ma a me questa combriccola di congiurati fa venire in mente una di quelle barzellette che si raccontavano negli anni 60/70 del secolo scorso.C'erano un argentino,un italiano ,due tedeschi,un austriaco ed un tedesco-brasiliano...….E questi pischelli dovrebbero distruggere la Chiesa Cattolica? Mah……..

    RispondiElimina
  9. Il card. Burke svela l'inganno del Sinodo finto-amazzonico...
    https://www.sabinopaciolla.com/card-burke-non-e-onesto-dire-che-il-sinodo-pan-amazzonico-trattera-la-questione-del-celibato-clericale-solo-per-quella-regione/

    RispondiElimina
  10. Dov'è la sorpresa?
    È da quello sciagurato 13.03.13 che, un passo dopo l'altro, stanno trattando la Chiesa di Nostro Signore come fosse 'Cosa nostra'.
    Ipocriti, vergognosi, fanatici, spregiudicati e satanici fino all'osso.
    Ma i punti si contano sempre a fine partita.
    E Bergoglio non è eterno.

    RispondiElimina
  11. ANONIMO 22,55 QUELLE PAROLE BIBLICHE SONO LA NOSTRA Realtà TERRIBILE, SE PER NOI è DURA E NE RISPONDEREMO, POVERACCI I PRELATI, QUANTA PENA MI FANNO CON IL LORO COMPLICE SILENZIO, CON LA LORO ADESIONE AL DELITTO.

    RispondiElimina
  12. Gesuita sudamericano, figlio spirituale delle Reductiones del Paraguay sacrificate sull'altare della real politik coloniale.....

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori del blog.