Pagine fisse in evidenza

mercoledì 22 aprile 2020

Mons. Viganò sull'insabbiamento del Terzo segreto di Fatima

L’arcivescovo Carlo Maria Viganò ha concesso un’intervista al media portoghese Dies Irae. Di seguito la versione italiana. In questo articolo: Fatima, il terzo segreto. Permane il mistero della parte non svelata [qui] potete trovare interessanti elementi

Eccellenza, grazie mille per averci concesso questa intervista. Siamo alle prese con l’epidemia di COVID-19 che, negli ultimi mesi, ha condizionato la vita di milioni di persone e persino causando la morte di molte di loro. Alla luce di questa situazione, la Chiesa, attraverso le Conferenze Episcopali, ha deciso di chiudere praticamente tutte le chiese e privare i fedeli di accedere ai Sacramenti. Il 27 marzo, di fronte a una piazza San Pietro vuota, Papa Francesco, agendo in modo manifestamente mediatico, ha presieduto una ipotetica preghiera per l’umanità. Vi furono molte reazioni al modo in cui il Papa condusse quel momento, una delle quali cercò di associare la solitaria presenza di Francesco al Messaggio di Fatima, cioè al terzo segreto. Lei è d’accordo?
Mi permetta anzitutto di dirLe che sono lieto di rilasciare quest’intervista per i fedeli del Portogallo, che la Vergine Santissima ha promesso di preservare nella Fede anche in questi tempi di grande prova. Siete un popolo con una grande responsabilità, perché potreste trovarvi presto a dover custodire il sacro fuoco della Religione mentre le altre Nazioni rifiutano di riconoscere Cristo come loro Re e Maria Santissima come loro Regina.
La terza parte del messaggio che Nostra Signora ha affidato ai pastorelli di Fatima, affinché lo consegnassero al Santo Padre, rimane a tutt’oggi segreta. La Madonna chiese di rivelarlo nel 1960, ma Giovanni XXIII fece pubblicare l’8 Febbraio di quell’anno un comunicato in cui affermava che la Chiesa “non desidera prendersi la responsabilità̀ di garantire la veridicità delle parole che i tre pastorelli dicono che la Vergine Maria avrebbe rivolto loro”. Con questa presa di distanze dal messaggio della Regina del Cielo si è dato inizio ad un’operazione di insabbiamento, evidentemente perché il contenuto del messaggio avrebbe svelato la terribile congiura contro la Chiesa di Cristo ad opera dei suoi nemici. Fino a qualche decennio fa sarebbe parso incredibile che si sia potuti arrivare ad imbavagliare anche la Madonna, ma in questi ultimi anni abbiamo assistito anche a tentativi di censurare lo stesso Vangelo, che è Parola del Suo divin Figlio.
Nell’anno 2000, durante il Pontificato di Giovanni Paolo II, il Segretario di Stato, Cardinal Sodano, presentò come Terzo Segreto una sua versione che da alcuni elementi è apparsa chiaramente incompleta. Non stupisce che il nuovo Segretario di Stato, Cardinale Bertone, abbia cercato di deviare l’attenzione su un evento del passato, pur di lasciar credere al popolo di Dio che le parole della Vergine non avessero nulla a che vedere con la crisi della Chiesa e con il connubio fra modernisti e massoneria contratto dietro le quinte del Vaticano II. Antonio Socci, che ha accuratamente indagato sul Terzo Segreto [qui], ha smascherato questo comportamento doloso da parte del Cardinale Bertone [qui]. D’altra parte, fu lo stesso Bertone a screditare pesantemente e a censurare la Madonnina delle Lacrime di Civitavecchia, il cui messaggio concorda perfettamente con quanto Ella disse a Fatima.
Non dimentichiamo l’inascoltato appello di Nostra Signora affinché il Papa e tutti i Vescovi consacrassero la Russia al Suo Cuore Immacolato, come condizione per sconfiggere il Comunismo e il materialismo ateo: consacrare non «il mondo», non «quella nazione che Tu vuoi che Ti consacriamo», ma «la Russia». Costava tanto farlo? Evidentemente sì, per chi non ha uno sguardo soprannaturale. Si è preferito percorrere la via della distensione con il regime sovietico, inaugurata proprio da Roncalli, senza comprendere che senza Dio nessuna pace è possibile. Oggi, con un Presidente della Confederazione Russa che è certamente Cristiano, quella richiesta della Vergine potrebbe esser esaudita, scongiurando ulteriori sciagure per la Chiesa e per il mondo.
Lo stesso Benedetto XVI confermò l’attualità del messaggio della Vergine, nonostante esso – secondo l’interpretazione diffusa dal Vaticano – dovesse considerarsi compiuto. Chi ha letto il Terzo Segreto ha detto chiaramente che il suo contenuto riguarda l’apostasia della Chiesa, iniziata proprio all’inizio degli anni Sessanta ed oggi giunta ad una fase talmente evidente, da esser riconosciuta addirittura da osservatori laici. Questa insistenza quasi ossessiva su temi che la Chiesa ha sempre condannato, quali il relativismo e l’indifferentismo religioso, un falso ecumenismo, l’ecologismo malthusiano, l’omoeresia e l’immigrazionismo, ha trovato nella Dichiarazione di Abu Dhabi [vedi] il compimento di un piano concepito dalle sette segrete da più̀ di due secoli.

In piena Settimana Santa e dopo il Sinodo Panamazzonico, il Papa ha deciso di istituire una commissione per discutere e studiare il diaconato femminile nella Chiesa Cattolica. Lei crede che questo abbia lo scopo di spianare la strada alla clericalizzazione delle donne o, in altre parole, al tentativo di manomettere il Sacerdozio istituito da Nostro Signore Gesù Cristo il Giovedì Santo?
L’Ordine Sacro non può̀ né potrà̀ mai essere modificato nella sua essenza. L’attacco al Sacerdozio è da sempre al centro dell’azione degli eretici e del loro ispiratore, ed è comprensibile che sia così: colpire il Sacerdozio significa distruggere la Santa Messa e la Santissima Eucaristia e tutto l’edificio sacramentale. Tra i nemici giurati dell’Ordine Sacro non mancarono nemmeno i modernisti, ovviamente, che sin dall’Ottocento teorizzavano una chiesa senza sacerdoti, o con sacerdoti e sacerdotesse. Questi deliri, anticipati da alcuni esponenti del Modernismo in Francia, riemersero subdolamente al Concilio, col tentativo di insinuare una qualche equivalenza tra il Sacerdozio ministeriale derivante dall’Ordine Sacro e il sacerdozio comune dei fedeli derivante dal Battesimo. È significativo che, proprio giocando su questo voluto equivoco, anche la liturgia riformata abbia risentito dell’errore dottrinale di Lumen gentium finendo col ridurre il Ministro ordinato a semplice presidente di un’assemblea di sacerdoti. Invece il sacerdote è alter Christus non per designazione popolare, ma per ontologica configurazione al Sommo Sacerdote, Gesù Cristo, che egli deve imitare nella santità̀ di vita e nella dedizione assoluta rappresentata anche dal Celibato.
Il passo successivo doveva necessariamente compiersi, se non con l’annullare il Sacerdozio in sé, almeno col renderlo inefficace allargandolo alle donne, che non possono essere ordinate: esattamente quello che è avvenuto nelle sette protestanti e anglicane, che oggi sperimentano anche l’imbarazzante situazione di avere vescovesse lesbiche nella cosiddetta chiesa d’Inghilterra. Ma è evidente che il “pretesto” ecumenico – ossia l’avvicinarsi alle comunità̀ dissidenti con l’acquisirne anche gli errori più recenti – ha alla base l’odio di Satana verso il Sacerdozio e porterebbe inevitabilmente la Chiesa di Cristo alla rovina. D’altra parte, anche il Celibato ecclesiastico è oggetto dello stesso attacco, perché́ esso è proprio e distintivo della Chiesa Cattolica e costituisce una preziosa difesa del Sacerdozio che la Tradizione ha gelosamente custodito attraverso i secoli.
Il tentativo di introdurre una forma di ministero ordinato femminile in seno alla Chiesa non è recente, nonostante le ripetute dichiarazioni del Magistero. Anche Giovanni Paolo II definì in modo inequivocabile, e con tutti i requisiti canonici di una dichiarazione infallibile ex Cathedra, che non è assolutamente possibile mettere in discussione la dottrina su questo argomento. Ma come si è potuto metter mano al Catechismo per dichiarare “non conforme al Vangelo” la pena di morte – cosa questa inaudita ed eretica – così si cerca oggi di creare ex novo una qualche forma di diaconato femminile, evidentemente propedeutica ad una futura introduzione del sacerdozio femminile. La prima commissione creata da Bergoglio anni fa ha dato parere negativo, confermando quello che peraltro non doveva nemmeno essere oggetto di discussione; ma se quella commissione non ha potuto obbedire ai desiderata di Francesco, questo non significa che non possa farlo un’altra commissione, i cui membri, scelti da lui, siano più “docili” e disinvolti nel demolire un altro pilastro della Fede cattolica. Non dubito che Bergoglio disponga di metodi persuasivi e che possa esercitare forme di pressione sulla commissione teologica; ma sono altrettanto certo che nella sciagurata eventualità che questo organismo consultivo dovesse dare un parere favorevole, non si dovrebbe necessariamente giungere ad una dichiarazione ufficiale del Papa per vedersi moltiplicare diaconesse nelle Diocesi della Germania o dell’Olanda, nel silenzio di Roma. Il metodo è noto, e permette da un lato di colpire il Sacerdozio e dall’altro di dare un comodo alibi a quanti, in seno alla compagine ecclesiale, potranno sempre appellarsi al fatto che “il Papa non ha permesso nulla di nuovo”. Hanno fatto altrettanto autorizzando le Conferenze Episcopali a legiferare autonomamente circa la Comunione nella mano, che, impostasi con un abuso, è oggi è diventata prassi universale.
Andrebbe detto che questa volontà di promuovere le donne nella gerarchia tradisce la smania di inseguire la mentalità moderna, che ha strappato alla donna il suo ruolo di madre e moglie per scardinare la famiglia naturale.
Teniamo presente che questo approccio nei riguardi dei dogmi della Chiesa conferma un fatto innegabile: Bergoglio ha adottato la cosiddetta teologia della situazione, i cui luoghi teologici sono fatti o soggetti accidentali: il mondo, la natura, la figura femminile, i giovani… Una teologia, questa, che non ha come proprio centro fondante la verità̀ immutabile ed eterna di Dio, ma al contrario parte dalla costatazione dell’impellenza cogente dei fenomeni per dare delle risposte coerenti con le attese del mondo contemporaneo.

Eccellenza, secondo storici di merito riconosciuto, il Concilio Vaticano II ha rappresentato una rottura della Chiesa con la Tradizione; da qui l’apparizione di correnti di pensiero che vogliono trasformarla in una semplice associazione umanitaria che abbraccia il mondo e la sua utopia globalista. Come vede questo grave problema?
Una chiesa che si pone come nuova rispetto alla Chiesa di Cristo semplicemente non è la Chiesa di Cristo! La Religione Mosaica, ossia la “chiesa dell’antica legge” voluta da Dio per condurre il Suo popolo fino alla venuta del Messia, ha avuto il suo compimento nella Nuova Alleanza, ed è stata definitivamente revocata sul Calvario dal Sacrificio di Cristo: dal Suo costato nacque la Chiesa della Nuova ed Eterna Alleanza, che si sostituisce alla Sinagoga. Pare che anche la chiesa post-conciliare, modernista e massonica, ambisca a trasformare, a superare la Chiesa di Cristo, sostituendola con una “neo-chiesa”, creatura deforme e mostruosa che non viene da Dio.
Lo scopo di questa neo-chiesa non è quello di portare il popolo eletto a riconoscere il Messia, come per la Sinagoga; non è quello di convertire e salvare tutte le genti prima della seconda venuta di Cristo, come per la Chiesa Cattolica, ma è quello di costituirsi come braccio spirituale del Nuovo Ordine Mondiale e fautrice della Religione Universale. In questo senso la rivoluzione conciliare ha dovuto prima demolire l’eredità della Chiesa, la sua millenaria Tradizione, dalla quale traeva la propria vitalità e autorità come Corpo Mistico di Cristo, poi liberarsi degli esponenti della vecchia Gerarchia, e solo recentemente ha iniziato a proporsi senza infingimenti per quello che intende essere.
Quella che Lei chiama utopia in realtà è una distopia, perché rappresenta la concretizzazione del piano della Massoneria e la preparazione dell’avvento dell’Anticristo.
Sono altresì convinto che la maggioranza dei miei Confratelli, e a maggior ragione la quasi totalità dei sacerdoti e dei fedeli non siano assolutamente consapevoli di questo piano infernale, e che gli eventi recenti abbiano aperto gli occhi a molti. La loro fede permetterà a Nostro Signore di riunire il pusillus grex intorno al vero Pastore prima dello scontro finale.

Per ripristinare l’antico splendore della Chiesa, sarà necessario mettere in discussione molti aspetti dottrinali del Concilio. Quali punti del Vaticano II metterebbe Lei in dubbio?
Credo che non manchino personalità eminenti che hanno meglio di me espresso i punti critici del Concilio. Vi è chi ritiene che sarebbe meno complicato e certamente più saggio seguire la prassi della Chiesa e dei Papi come fu applicata con il Sinodo di Pistoia: anche in esso vi era qualcosa di buono, ma gli errori che affermava furono ritenuti sufficienti per lasciarlo cadere nel dimenticatoio.

L’attuale Pontificato rappresenta il culmine di un processo che si apre con il Concilio Vaticano II, desiderato nel cosiddetto “Patto delle Catacombe”, o è ancora in una fase intermedia?
Com’è proprio di ogni rivoluzione gli eroi della prima ora finiscono spesso per cadere vittime del loro stesso sistema, come avvenne per Robespierre. Chi ieri era giudicato portabandiera dello spirito conciliare, oggi appare quasi un conservatore: gli esempi sono sotto gli occhi di tutti. E vi è già chi, nei circoli intellettuali del progressismo (come quello frequentato da un certo Massimo Faggioli, altero nel nome e sgrammaticato nel cognome), inizia a spargere qua e là qualche dubbio circa la reale capacità di Bergoglio di compiere “scelte coraggiose” – ad esempio, di abolire il Celibato, di ammettere le donne al Sacerdozio o legittimare la communicatio in sacris con gli eretici – quasi auspicando che egli si faccia da parte per far eleggere un Papa ancora più obbediente a quelle élites che avevano nel patto delle Catacombe e nella mafia di San Gallo i propri adepti più spregiudicati e determinati.

Eccellenza, noi cattolici oggi ci sentiamo spesso isolati dalla Chiesa e quasi abbandonati dai nostri Pastori. Che cosa può dire Vostra Eccellenza ai gerarchi e ai fedeli che, nonostante la confusione e l’errore che si stanno diffondendo nella Chiesa, cercano di perseverare in questa dura battaglia di mantenere l’integrità della nostra Fede?
Le mie parole sarebbero certamente inadeguate. Quello che mi limito a fare, è ripetere le parole di Nostro Signore, Verbo eterno del Padre: Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla consumazione dei secoli. Ci sentiamo isolati, certo: ma non si sentirono così anche gli Apostoli e tutti i Cristiani? non si sentì forse abbandonato addirittura Nostro Signore, nel Getsemani? Sono i tempi della prova, forse della prova finale: dobbiamo bere l’amaro calice, e anche se è umano implorare dal Signore che lo allontani da noi, dobbiamo ripetere fiduciosi: Non come voglio io, bensì come vuoi Tu, ricordando le Sue confortanti parole: Nel mondo avrete tribolazioni, ma abbiate coraggio: Io ho vinto il mondo! Dopo la prova, per quanto dura e dolorosa, ci è preparato il premio eterno, che nessuno potrà̀ toglierci. La Chiesa tornerà a risplendere della gloria del suo Signore dopo questo terribile e prolungato Triduo Pasquale. Ma se la preghiera è certamente indispensabile, non dobbiamo esimerci dal combattere la buona battaglia, facendoci tutti testimoni di una coraggiosa militanza sotto il vessillo della Croce di Cristo. Non troviamoci ad esser additati come fece la serva con San Pietro nel cortile del sommo sacerdote: «Anche tu eri uno dei suoi seguaci», per poi rinnegare Cristo. Non lasciamoci intimidire! non permettiamo che si metta il bavaglio della tolleranza a chi vuole proclamare la Verità̀! Chiediamo alla Vergine Santissima che la nostra lingua possa proclamare con coraggio il Regno di Dio e la Sua Giustizia. Che si rinnovi il miracolo di Lapa quando Maria Santissima diede la parola alla piccola Joana nata muta. Possa Ella ridare voce anche a noi, Suoi figli, che per troppo tempo siamo rimasti muti.
Nostra Signora di Fatima, Regina delle Vittorie, Ora pro nobis.

18 commenti:

  1. Mons.Viganò ha chiesto le dimissioni di Bergoglio (ma è o non è, propendo per non è), Bagnai della Lega ieri ha chiesto quelle di Conte (in Parlamento), si deve fare una bella missione congiunta per farli andare altrove entrambi, e non solo quei 2.

    RispondiElimina
  2. Non è una novità: l'aveva detto prima di lui Antonio Socci, che, non a caso, parlava di "quarto segreto di Fatima" e Solideo Paolini, prima che cadesse in disgrazia .....

    RispondiElimina
  3. Certamente. Ma è interessante che lo riconosca anche lui.

    Comunque a questi due link si possono trovare interessanti riferimenti

    https://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2017/03/fatima-il-terzo-segreto-permane-il.html

    https://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2014/08/ce-una-novita-nel-giallo-del-terzo.html

    RispondiElimina
  4. Anche Tosatti anni fa, circa 10, aveva scritto un libro in cui sosteneva che di quel segreto non era stato detto tutto.
    Alessandro Mirabelli

    RispondiElimina
  5. I due segreti già noti sono costituiti da una visione che poi ha ricevuto una spiegazione. I fanciulli videro qualcosa e la Beata Vergine riferì loro che cosa significa.

    Ad esempio, la visione riportata dai pastorelli fu: "un grande mare di fuoco, che sembrava stare sotto terra. Immersi in quel fuoco, i demoni e le anime, come se fossero braci trasparenti e nere o bronzee, con forma umana che fluttuavano nell'incendio".

    Ne seguì la seguente spiegazione: “avete visto l'inferno, dove vanno le anime dei poveri peccatori. Per salvarle, Dio vuole stabilire nel mondo la devozione al mio Cuore immacolato. Se faranno quello che io vi dirò, molte anime si salveranno e ci sarà pace. La guerra finirà presto. Ma se non smettono di offendere Dio, sotto il regno di Pio XI, ne comincerà un'altra peggiore... I buoni saranno martirizzati e il santo Padre avrà molto da soffrire, parecchie nazioni saranno annientate. Alla fine il mio Cuore immacolato trionferà...”.

    Francesco e Giacinta morirono pochissimi anni dopo l'apparizione. Suor Lucia non scrisse nulla del terzo segreto fino al gennaio 1944, su ordine esplicito del vescovo preoccupato che la veggente potesse morire a seguito della pleurite sofferta nel 1943.
    Vennero redatti due testi:
    -uno in forma epistolare scritto su un solo foglio contenente venti righe manoscritte;
    -un secondo non in forma epistolare, scritto su 4 fogli, per circa 60 righe manoscritte.

    Le parole della Madonna sono quelle del primo foglio.
    La descrizione della visione è nei 4 fogli di taccuino.
    Entrambi i testi, in buste differenti, giunsero separatamente in Vaticano.
    Pio XII conservò il testo "breve" presso l'appartamento papale.
    Il secondo testo finì negli archivi della Congregazione per la Dottrina della fede.
    Il primo testo, tutt'ora segreto, è stato letto dai pontefici succedutisi.
    Il secondo è stato letto pubblicamente nel giugno 2000 a Fatima.

    Il testo che non si vuole rendere pubblico e che Suor Lucia chiese di leggere solo dopo il 1960 esiste veramente. Trattandosi della "spiegazione" ricevuta e riferita da Suor Lucia, ha avuto buon gioco chi ha ritenuto che si trattasse solo di quel che può aver capito lei.
    Invece il fatto del vescovo vestito di bianco colpito è stato attribuito ai fatti del 1981.
    Insomma: acqua passata. La "seconda metà del ventesimo secolo" è già dietro di noi...
    Questa è la linea dei Segretari di Stato vaticani.

    Anche l'allora Card. Ratzinger diffuse una nota teologica a margine della versione della Segreteria di Stato, nell'alveo della linea dettata ma non senza sguardi rivolti al futuro.
    Nel 2010 da Papa disse: "sbaglierebbe chi ritenesse conclusa la profezia di Fatima".

    Ha detto la Beata Vergine: "il mio cuore immacolato trionferà".

    Anche il più incallito ottimista deve ammettere che il quadro attuale, sociale ed ecclesiale, non sta coincidendo con un trionfo del cuore immacolato di Maria, ultimamente definita postina, discepola e una di noi, mentre nostra madre è diventata la ... terra.

    L'ipotesi che nella parte taciuta del terzo segreto sia descritta una grande crisi della Chiesa, forse la sua apostasia/eresia fino ai vertici, oltre a trovare eco nel Catechismo prende corpo dalla cronaca e dalle parole che giungono dall'interno della Chiesa di Roma, registrata anche da osservatori non cattolici e non credenti.

    Il disastro contenuto nel terzo segreto potrebbe non riguardare catastrofi naturali o bombe. Ciò che sta passando il convento è già abbastanza tragico di suo. Preoccupati del crollo delle borse o delle economie, pochi si preoccupano del crollo della fede e della vita di grazia che segna il trionfo del cuore della Piena di grazia. La calamità e la corruzione non sono di là da venire: sono con noi già da un pezzo. La guerra è in atto senza carri armati e missili, ma non meno cruenta. Usa altri mezzi, non minor crudeltà.

    RispondiElimina
  6. Santa notte con la Benedizione di San Charbel dal minuto - 4:05 circa22 aprile 2020 23:52

    https://www.facebook.com/procurasancharbel/videos/162012225151823/UzpfSTEwMDAwMzkxNTAzMzcwNTpWSzoyNjAwNjIwNTg2NzA4OTE3/

    "Illuminaci o Signore nella mente e nel cuore , aumenta la nostra fede e fortifica la nostra volonta' , accresci il nostro amore verso di Te e verso il prossimo , aiutaci a fare il bene e ad evitare il male ,difendici dai nemici visibili e invisibili e soccorrici per tutta la nostra vita .
    Amen

    O San Charbel grande Santo guaritore che hai trascorso la vita in solitudine in un eremo umile e nascosto rinunciando al mondo e ai suoi vani piaceri e ora regni nello splendore della SS.Trinita', nella gloria dei Santi e con l'amatissima Vergine Maria Madre di Dio , intercedi per noi , per Roma , per tutta l'Italia e per tutto il mondo.
    Nel Nome del Padre , del Figlio e dello Spirito Santo . Amen

    RispondiElimina
  7. ATTENZIONE

    https://www.youtube.com/watch?v=Ht65DBlQAiM

    #5G #Trump #Huawei
    5G, L'ITALIA È IN PERICOLO: PERCHÉ NESSUNO PARLA DELLA GUERRA TRA USA E CINA? - Amodeo

    RispondiElimina
  8. ATTENZIONE

    https://www.youtube.com/watch?v=BFYeXoKO9Q0


    5G, I RISCHI CHE STA CORRENDO L’ITALIA CON CINA E STATI UNITI - Francesco Amodeo

    RispondiElimina
  9. GIOVEDÌ 23 APRILE, ORE 21,30
    DIRETTA FACEBOOK sulla Pagina Il Pensiero Cattolico
    #Ragionare_la_Fede_in_Tempo_di_Covid a cura di Mons. Nicola Bux

    - "CHIESA IN USCITA O IN RITIRATA?."

    Un tempo la Chiesa si ritirava dal mondo per meglio uscire a salvarlo, ora crede di uscire nel mondo ma in realtà si ritira in esso.
    Ospite: Prof. Stefano Fontana

    https://www.facebook.com/ilpensierocattolico/photos/pb.134491457274555.-2207520000../588589488531414/?type=3&theater

    RispondiElimina
  10. Ormai Bergoglio non lo ascolta nessuno.

    Perché continuare ad onorarlo con analisi, allarmi dottrinari etc? E’ forse diventato un mestiere in cui ci siamo identificati e da cui non riusciamo/vogliamo uscire?

    Mons Viganò dice che il CVII va semplicemente cancellato ( come fu per il Sinodo di Pistoia ). Sono assolutamente d’accordo.

    Perché allora attardarsi a discutere di ciò che non ha senso perché erroneo?

    Dobbiamo stare da un’altra parte, dalla parte dei martiri di ogni tempo e, soprattutto, di questo tempo.

    Continuiamo a tenere “Bergoglio”(distruttore ormai logoro e inutile anche per i “suoi”) al centro e non vediamo i luoghi dove la Chiesa è viva e soffre anche per noi.

    C’è una strana presunzione, da parte di molti, di poter essere una specie di “riserva della repubblica” che al momento buono potrà riprendere il comando. E’ il vero clericalismo, un “controbergoglismo” bergogliano. Un dannunzianesimo destinato al fallimento.

    Mettiamoci (ora, subito) al servizio di chi sta subendo il martirio per Cristo (sempre che siamo capaci e/o vogliamo vederli).

    Paolo Montagnese

    RispondiElimina
  11. E questo è Avvenire!23 aprile 2020 10:06

    A scanso di equivoci è bene ribadire quanto scritto più volte a proposito di Report, il programma giornalistico di Rai 3. Lo abbiamo sempre definito controcorrente, scomodo, a tratti ideologizzato, comunque capace di proporre inchieste sul campo, in modo coraggioso, intraprendente ed efficace, senza guardare in faccia a nessuno. E per questo motivo lo abbiamo sempre seguito con attenzione, cosa che abbiamo fatto anche lunedì sera per una puntata in gran parte dedicata agli oppositori di Papa Francesco con numerosi servizi che hanno spaziato dalla preghiera del 27 marzo in Piazza San Pietro a un possibile asse antibergogliano Putin–Trump. Punto di partenza, come ha detto il conduttore Sigfrido Ranucci, il “virus infame che per molti è solo una punizione divina” a causare la quale, secondo alcuni, sarebbe stato il Papa stesso. E qui su “molti” e “alcuni” ci sarebbe già da ridire, anche se Ranucci non v’è dubbio che stia dalla parte di Francesco: “Sentire che Bergoglio è la causa del virus è un’esperienza che sinceramente ci mancava”. Il problema è che quelli di cui si parla appartengono a sparute minoranze che si pongono da sole al di fuori del cattolicesimo non credendo in quella Chiesa oggetto della professione di fede. Per cui è un errore definirli, come più volte è stato fatto, “ultracattolici”. Le accuse che muovono al Papa si commentano da sole: idolatra, pagano, leader della sinistra internazionale e di contro espressione di un piano giudaico–massonico. Nessuno nega l’esistenza di una fronda contro Bergoglio, anche perché si manifesta attraverso siti internet e profili social, ma è un nulla di fronte a chi guarda al Papa, anche laicamente, come l’unica autorità morale a livello planetario. Ne è prova la moltitudine che ha seguito la diretta del 27 marzo: soltanto in Italia si sono calcolati oltre 17 milioni e 400 mila telespettatori. Così facendo Report ha dato visibilità a chi non la merita, anche perché non ha i numeri. Poi, con i servizi successivi, ha finito per mischiare un po’ troppo le cose tirando in ballo questioni politiche o presunte tali, senza negare, anche in questo caso, che una parte della destra politica stia strumentalizzando la religione e i simboli religiosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Excusatio non petita, accusatio manifesta ...il vdr arriva a manipolare la TV di stato (con che diritto?) per tentare una difesa patetica, tesa come sempre al lavaggio del cervello in perfetto stile "Arcipelago Gulag": il suo preferito.

      Elimina
  12. “LA CLOROCHINA FA MORIRE”, parola dei media. In sincronia.

    Maurizio Blondet 22 Aprile 2020 47 commenti

    https://www.maurizioblondet.it/la-clorochina-fa-morire-parola-dei-media/

    Succede questo: improvvisamente, tutti – ma proprio tutti – i media mainstream americani, nello stesso momento, si sono messi a informare che con la clorochina raccomandata da Trump si hanno “più morti, nessun beneficio” nel trattamento del CoV-19....

    N.B.Importanti anche alcuni commenti

    RispondiElimina
  13. L'ORGASMO PER 'REPORT' E LO 'SGUARDO DI CHENEY'

    Leggo post più o meno autorevoli sull'ultima puntata di Report, quella che fa della dietrologia sulla Chiesa. Fra quelle 'autorevoli' (si fa per dire) c'è quella Vito Mancuso, fra quelle meno... lasciamo perdere!

    Leggo e mi viene sempre più in mente 'Vice-l'uomo nell'ombra', il film di Adam McKay con il quale lo star system hollywoodiano ha inteso tracciare una 'biografia' di Dick Cheney, il Vice Presidente USA ai tempi di Bush Jr.

    C'è un passaggio, nel film, in cui McKay c'informa che, sotto la presidenza Cheney (pardon, Bush Jr), sarebbero sorti quei think tanks conservatori e di destra, che -appunto- pare siano stati citati da TeleKabul.

    Appena ho sentito questa cosa, ricordo bene di essere rimasto di stucco: 'ma come?!, il regista s'indigna perchè esiste un pensiero diverso da quello radical-liberal americano?! o perchè questo pensiero si organizza per approfondire, studiare e poi agire?!

    Ma, pensavo, questi sceneggiatori, registi, attori di Hollywood ci sono o ci fanno!? A quale pubblico (peraltro per un film politico, come quello!) pensano di rivolgersi?! A un gruppo di zulù o di eschimesi isolati?

    Proprio loro che hanno, da decenni, il loro think tanks liberals e usano i media, cinema compreso, per le loro campagne farlocche?!

    Leggendo questi post per come Report ha appiccicato etichette trite e ritrite a buona parte del mondo cattolico, accostandolo a certo conservatorismo americano, mi è venuto in mente John Podesta, il 'cattolico adulto', Capo di gabinetto della Casa Bianca del Presidente degli Stati Uniti d'America Bill Clinton dal 1998 al 2001; presidente della campagna elettorale alle presidenziali del 2016 di Hillary Clinton; co-presidente della fase di transizione iniziale dell'amministrazione Obama e, guarsa un po', Presidente del Center for American Progress, un think tank liberal con sede a Washington.

    Dalle famose email di questo signore con Killary, emerse che stava brigando con altri -inclusa la candidata presidenta- per un 'regime change' in Vaticano, insomma, per far eleggere un Papa che cambiasse l'indirizzo della Chiesa...

    Quindi, quando sottoponente, qui come altrove, le puttanate di Report, sappiate che io vi guardo come esattamente come fa Dick Cheney (intrepretato da un superbo Christian Bale) con Bush Jr, nel film.

    E mi chiedo perplesso: 'Ma ci fate o ci siete davvero?!'
    Sebastiano Mallia su Fb

    RispondiElimina
  14. Fatto 3 e 4. Abbiasi la cortesia di leggere che il segreto andava letto ENTRO il 1960.
    http://www.fatima.it/thirdsecret/segreto03.asp
    La pagina è di Fatima.

    RispondiElimina
  15. Un esempio di fake news diffuse dalla tv pubblica italiana
    ""La puntata di Report, il programma condotto da Sigfrido Ranucci su Rai 3, trasmessa il 20 aprile, intitolata Dio patria famiglia Spa, è un’insalata mista di spezzoni mal cuciti e giustapposti alla buona per suffragare un teorema preconcetto. Un presunto complotto di Trump contro il Papa che esiste solo nella mente degli autori""
    di Marco Respinti)
    https://lanuovabq.it/it/il-teorema-di-report-sul-complotto-immaginario

    RispondiElimina
  16. “NOI SACERDOTI, o siamo santi e possiamo salvare il mondo intero; o siamo cattivi e possiamo rovinarlo per secoli e secoli. Chi ha donato il Cristianesimo alla Terra? L’eroismo dei Pontefici, dei Vescovi, dei sacerdoti santi. Chi ha lacerato le vesti della Chiesa? Ario, Fozio, Lutero. ‘La tua nazione e i capi dei sacerdoti ti hanno consegnato a me’ (Gv. 18, 35), diceva Pilato a Gesù in catene. E’ una frase che fa tremare”. (San Giovanni Calabria al card. Ildefonso Schuster).

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori del blog.