Pagine fisse in evidenza

lunedì 25 maggio 2020

Consigliere Ratzinger: “Invasione islamica è iniziata, Bergoglio non capisce”

Articolo di un anno fa ma più che mai attuale soprattutto in ragione dei recenti sviluppi sia in ordine alla reiterata sponsorizzazione del fenomeno migratorio [qui] che in relazione alla Dichiarazione di Abu Dhahi con annessi e connessi [vedi].
Nel frattempo inquieta constatare come Politica e Chiesa siano alleate in una tragica involuzione spacciata per progresso. Abbiamo analizzato sotto varie angolazioni le conseguenze e le dinamiche sviluppate dall'incombente pandemia sul piano antropologico e filosofico per effetto dello scientismo biomedico imperante che riduce la vita umana ad una sola dimensione. L'ultimo dato di cronaca: verranno assunti 60.000 "assistenti civici" (così li chiamano ma è la nuova polizia del regime per controllare il popolo italiano e la cosiddetta "distanza sociale"). Chi accetterà di fare questo lavoro, non farà gli interessi del Paese. Farà gli interessi di chi vuole distruggerlo. Infatti non controllerà spacciatori, stupratori, clandestini, compresi quelli che continuano a sbarcare indisturbati mentre l'invasione afroislamica appare inarrestabile. E, mentre droni elicotteri uomini e mezzi, che difettavano per i controlli dei criminali, sono dispiegati per reprimere i cittadini, persiste la tolleranza vigliacca sui clandestini in bivacco permanente nelle nostre città e sulla ingravescente criminalità. (M.G.)

Consigliere Ratzinger: “Invasione islamica è iniziata, Bergoglio non capisce”

Quanto è condiviso il pensiero filoislamico di Bergoglio nella Chiesa? Di sicuro non dal suo predecessore, Benedetto XVI.
“Le città sono già occupate”. Dagli islamici, dall’islam radicale. Spiegava tempo fa Samir Khalil Samir, islamologo e consigliere di Benedetto XIV per i rapporti con l’islam. In un lungo articolo, in cui il docente al Pontificio Istituto Orientale di Roma tratteggiava l’invasione in atto dell’Europa cristiana.

“Le città sono già occupate – scrive – gli immigrati vanno a stabilirsi attorno alla città e la conseguenza più banale è che si formano dei quartieri abitati solo da immigrati”. Così si formano le Molenbeek di tutta Europa. Quartieri dove la sharia diventa legge. E dove i musulmani la fanno da padroni. Si radicalizzano, fanno proselitismo. E l’Europa, gli Stati restano a guardare. Il motivo, spiega Samir, è che gli occidentali non hanno capito che “l’Islam non è una religione nel senso cristiano della parola”. “Per noi la religione è un rapporto personale tra me e Dio – aggiunge – nel sistema islamico, la religione è tutto. È un progetto globale: spirituale, sociale, intellettuale, familistico, economico, politico e militare. Include il modo di mangiare, di vestirsi, di stare con gli altri, di vivere. L’islam entra in ogni cosa”.

Questo sistema è quello “wahabita, salafita o dei fratelli musulmani. Tutti vanno nella stella linea, e cioè di imporre un modo di essere musulmano. E questo determina che un quartiere, una città, o un paese intero divenga sempre più diretto da questo gruppuscolo che ha un progetto chiaro e determinato, nonché spesso finanziato dai ricchi paesi petroliferi”. Per riuscire a conquistare le città italiane c’è bisogno di una moschea. E così la mettono al centro del loro progetto. La pretendono dalle autorità statali. E fanno di tutto per farsela concedere. Fanno preghiere in piazza, occupano le strade per invocare Allah. Quando la ottengono, poi, la trasformano in un centro di propaganda islamista con “volumi fatti a mero scopo propagandistico”. Il problema – sentenzia l’ex consigliere di Ratzinger – “è che gli europei pensano che una moschea sia come una chiesa. Ma nella chiesa si prega, non si fa politica”.

Ecco quindi la differenza tra cristianesimo e islam: il primo “dice la sua, ma non ha la possibilità di fare pressione sulla gente”; il secondo, invece, permea tutta la vita degli aderenti alla comunità. “C’è una sorta di ricatto, uno scambio: usano tutto a fini politici”: come le proteste per le moschee troppo piccole, o il fatto che lo Stato non dia la stessa dignità al cristianesimo e all’islam. Ma è un ricatto. Il ricatto islamista. “La verità – scrive Samir – è che siamo incoscienti: se si impedisce di occupare le strade, passa l’idea che si sia anti-musulmani. Invece è solo una norma di buon senso. Gli islamisti, i fondamentalisti islamici usano tutti i mezzi per imporsi”. “I gruppi radicali – continua – hanno come scopo principale di diffondere la loro visione dell’islam, perché per loro è quello l’autentico islam. Di conseguenza questi quartieri che un tempo erano misti, diventano quartieri musulmani radicali”.

“Lo Stato – scriveva – deve spigare agli immigrati che ci sono delle condizioni necessarie da rispettare, prima di tutte la necissità d’imparare la lingua nazionale (…) e che ci si comporta non solo secondo le leggi, ma anche secondo le norme e le usanze delle nostre società”. Poi aggiunge: “È banale ricondurre l’ondata integralista nelle banlieue a problemi socio-economici. Riflettiamo sulla disoccupazione: sono disoccupati perché non hanno imparato un mestiere in modo corretto, in modo da essere ricercati e non rigettati”.

Nei musulmani c’è la “volontà di marginalizzarsi. Bisogna confrontarsi con un fatto chiaro: l’Europeo è diverso dal musulmano nella sua mentalità. La causa di ciò non è lo Stato: la causa sono io, musulmano, che rifiuto l’integrazione in nome della fede”.

“Papa Francesco viene dall’Argentina, non conosce l’Islam. Ha conosciuto a Buenos Aires un imam molto gentile e con lui ha avuto una buona relazione ma la sua ignoranza dell’Islam non giova al dialogo. Bergoglio ha detto spesso che l’Islam è una religione di pace e questo è un errore, semplicemente».

«Non posso leggere il Corano e pretendere che sia un libro il cui orientamento è la pace. E neppure la Sunna, il libro dei detti e delle gesta di Maometto». Con Francesco padre Samir si è incontrato privatamente nel giugno dello scorso anno. «Mi ha spiegato che lo scopo dell’incontro con il rettore di al-Azhar, l’imam Al Tayyeb è dovuto alla riconciliazione con lui dopo la rottura dei rapporti innescata dal discorso sull’Islam a Ratisbona di Joseph Ratzinger. Questo è necessario, è vero ma penso anche che lui non sa molto dell’Islam né di al-Azhar e proietta su di loro dei buoni intenti».

«L’imam di Al-Azhar aveva interrotto il dialogo con il Vaticano per sei anni con motivazioni ridicole. Per due volte emissari della Santa Sede non erano stati neanche ricevuti. Grazie all’atteggiamento aperto di Bergoglio, l’imam ha cambiato le sue posizioni e ora è pronto ad accoglierlo al Cairo», riconosce Samir che però ricorda anche la limitata influenza di al-Azhar. «Lo è solo sul mondo sunnita mentre il grande problema oggi dell’Islam è proprio la divisione tra sunniti e sciiti. Inoltre Al-Azhar non è un’università generalista ma un centro teologico e di diritto islamico con un insegnamento che si limita alla lettera dei testi senza analisi critica e un’interpretazione aggiornata. Su molte cose è ferma a concetti medievali». - Fonte

35 commenti:

  1. Ecco perché Luca Palamara ha tutto questo potere: interrogò Steve Piecznick sull’omicidio di Aldo Moro ed è rimasto tutto secretato.

    Dopo l’omicidio Moro è cambiato il mondo: siamo entrati nello SME ed è stato l’inizio della fine.

    Divorzio Tesoro-Banca d’Italia, esplosione del debito pubblico, privatizzazioni, entrata nell’euro.

    E ora rischiamo la svendita di interi pezzi dell’economia nazionale e una vera e propria colonizzazione.

    RispondiElimina
  2. Ma i clandestini che sbarcano a raffica da tutte le parti, nel martoriato e malgestito Sud del Paese, e che potrebbero essere infetti, chi li controlla? E soprattutto, Quis custodiet custodes? Per dirla con lo scrittore latino Giovenale..
    Mi riferisco al vertice della piramide, a questi incapaci del Governo, che stanno facendo danni incalcolabili a questa povera Italia: 'Nave senza nocchiere in gran tempesta, non donna di provincia, Ma bordello'. Dai versi del sublime Dante, deduco che da tempo immemore il nostro è un grande Paese, in grado di generare grandi uomini ed artisti, ma purtroppo quasi sempre governato dagli uomini peggiori.
    Non so se basterebbe un nuovo Robespierre, e un periodo come gli anni 1789 e seguenti in Francia, per ripulire a fondo questa Italia..

    RispondiElimina
  3. Ogni giorno si rimane sconcertati, non sanno più cosa inventarsi.... siamo arrivati alle ronde!!
    Voglio proprio vedere chi saranno questi spioni e sceriffi improvvisati... con questa bella trovata si rischia il disordine e la rivolta!!

    RispondiElimina
  4. "... con questa bella trovata si rischia il disordine e la rivolta!!"

    Forse è proprio la rivolta, inevitabilmente, fratricida un'altra delle diaboliche opportunità da raccogliere in questa guerra strisciante, ingaggiata contro l'Italia dal capitalismo internazionale con l'appoggio del sinistro partito stato italiota. Così da poter raccogliere l'altra opportunità quella della repressione militare propriamente detta. E in questa guerra neanche il papa è a difesa degli italiani e forse è meglio che non lo sia ideologizzato com'è.

    RispondiElimina
  5. Chi vuol capire capisca25 maggio 2020 08:26

    Esistono esperti che sanno perfettamente come funziona la psiche umana, così quando da qualche tempo hanno deciso di proporre al pubblico in maniera ossessiva “l’olocausto ebraico” con una miriade di iniziative rivolte alle scuole e non solo, la maggior parte della persone, compresa buona parte degli organizzatori in buona fede di tali iniziative, si sono convinte che ciò serva affinché simili orrori “non si ripetano mai più”.

    La realtà, invece, ha smentito puntualmente in tutti questi anni tale postulato: mezzo mondo è stato massacrato da guerre, distruzioni, deportazioni e massacri, mentre la “Giornata della memoria” non pareva servire a porre alcun ostacolo a ciò che non si doveva ripetere.

    Nel frattempo, però, si è diffuso un sentimento radicato tra coloro che sono stati sempre pi.....
    https://www.maurizioblondet.it/noi-con-la-stella-gialla/

    RispondiElimina
  6. UNA PILLOLA DI ECONOMIA POLITICA DEDICATA A DIPENDENTI PUBBLICI E PENSIONATI. Siamo alle soglie di una guerra tra poveri.

    (di Giuseppe Palma)

    PREMESSA:
    In uno Stato a moneta sovrana, le tasse NON SERVONO a finanziare la spesa pubblica.
    In uno Stato privo di sovranità monetaria le tasse SERVONO (anche) a finanziare - ex post - la spesa pubblica.
    In entrambi i casi lo Stato prima spende e poi incassa.

    DOMANDA:
    cosa accade negli Stati privi di sovranità monetaria se lavoratori autonomi, imprese e partite Iva non ce la fanno (per cause a loro non imputabili) a pagare tasse e imposte?

    RISPOSTA:
    A meno che non decidi di tornare a moneta sovrana, le strade sono DUE, l'una alternativa all'altra:

    1) modifichi i trattati europei attribuendo alla BCE la funzione di prestatrice illimitata di ultima istanza (quindi garanzia illimitata sul mercato primario, ponendo la banca centrale sotto il controllo politico del Parlamento europeo), superi definitivamente gli anacronistici criteri del 3% e del 60% rispettivamente del rapporto deficit/PIL e debito pubblico/PIL, abroghi il Fiscal compact, il pareggio di bilancio e il patto di stabilità interno, e allora solo a quel punto puoi portare il rapporto debito pubblico/PIL ben oltre il 200% e il rapporto deficit/Pil ben al di sopra del 15-20%. Per fare questo occorre l'accordo politico di tutti gli Stati membri e successivamente la ratifica di ciascuno Stato secondo le proprie norme costituzionali. Ammesso vi fosse tale volontà (e non c'è), ci vogliono almeno 2-3 anni, se non di più

    OPPURE

    2) tagli gli stipendi dei 3,5 milioni di dipendenti pubblici, tagli la spesa sanitaria e quella pensionistica, fai consolidamento fiscale (ulteriore massacro degli autonomi), sospendi le nuove assunzioni nel pubblico, alzi l'età pensionabile, pignori le prime case dei morosi e, se non bastasse, una bella patrimoniale lineare del 15-20%. La lotta all'evasione fiscale sarebbe invece del tutto inefficace perché, se chi produce o chi offre servizi non lavora ovvero fattura di meno per cause ad essi non imputabili, non trovi più nemmeno l'osso, con la conseguenza che l'impresa o il lavoratore autonomo che si vedesse sotto attacco, licenzierebbe parte dei propri lavoratori dipendenti per far fronte al consolidamento fiscale in atto, con conseguenze disastrose sui consumi e sugli investimenti, quindi sulla domanda interna (vedesi formula della domanda aggregata di Keynes).

    Tertium non datur, salvo un ritorno a moneta sovrana (anche parallela all'euro).

    Dalle opzioni di cui sopra non si scappa. Ricordatevi ciò che vi ho detto perché tra qualche mese sarà guerra tra poveri.

    Giuseppe PALMA

    RispondiElimina
  7. Buon giorno a tutti. Serve altro o vi devo fare il disegnino?
    GOEBBELS:" Essere un socialista significa assoggettare l'Io al Tu; socialismo significa SACRIFICARE la personalità individuale al TUTTO" ( citato da Pellacani, Hitler e Stalin, nota numero 120 pagina 54).
    LENIN: " Tutto è diritto pubblico e non privato" ( Opere complete volume XLV, pg 485).
    N.BUCHARIN: ANNIENTARE" il principale nemico del comunismo … la spontaneità piccolo borghese capillarmente diffusa … e la creazione di una "società civile statale"" ( Pellacani, pg 110)
    SPAMPINATO:" Non Roma o Mosca, ma Roma e Mosca, o la Vecchia Europa".
    Lotta di classe, genocidio di classe ( strage di partita IVA), eliminazione della Vecchia Europa conservatrice e cristiana, l'evasore come nuovo untore, le ONG e le COOP come società civile statale, il bene comune non come somma di beni particolari ma come collettivizzazione di tutti i mezzi di produzione ecc ecc ….

    RispondiElimina
  8. Come si chiama

    Ormai non mi domando più se è tirannia, mi domando solo che tipo di tirannia sia quella che vediamo.
    Le tirannie del XX secolo hanno combattuto, sempre con il pretesto della scienza, qualche aspetto dell'uomo: chi una "classe sociale" chi una "razza".
    Ora essa non combatte più qualcosa dell'uomo, ma l'uomo in quanto tale, la "specie umana".
    Quella che si mostra ai nostri occhi è il compimento della tirannia: l'uomo è odiato in quanto uomo, proprio come lo odia il diavolo a causa dell'Incarnazione.
    Per il peccato originale l'uomo è colpevole per la sua disobbedienza, per la nuova tirannia esso è colpevole per la sua esistenza e deve essere quindi umiliato, controllato e annientato.
    Potente e spietata cresce ogni giorno e vuole inghiottirci, ad essa dovremmo opporre quella Verità ormai difficile da recuperare, perché i nostri malvagi pastori l'hanno messa alla pari della falsità, nelle giornate di Assisi.
    Insomma è arrivata la nuova tirannia e non si sa come affrontarla e come chiamarla.
    Forse Mondialismo?
    Nichilismo?
    Io direi che non è più il caso di cercare un nome troppo difficile, possiamo chiamarla con quello semplice:
    il Male.
    Se la chiamiamo così, magari torniamo anche a pregare.

    RispondiElimina
  9. Chi ha dato ordine di bloccare Salvini?25 maggio 2020 10:14

    Non veniteci a raccontare che l’iniziativa è partita da certi settori della Magistratura, magari per antipatia nei confronti della persona; non tutti gli italiani sono ancora rimbecilliti. Già sono comparsi riferimenti al mondo giornalistico, ma magistrati e giornalisti rappresentano solo il “braccio” di questa operazione anche se a livelli molto alti di CSM e di direzione di testate, i primi attraverso la privazione dei poteri politici di un personaggio scomodo e i secondi attraverso la denigrazione sistematica, i pettegolezzi, le montagne di fango sulla carta stampata e nei talk show televisivi. No, le menti devono essere ricercate ancora più in alto, nel mondo politico, anche istituzionale, a livello nazionale, europeo e internazionale, nel mondo della grande finanza e, perché no? nel mondo ecclesiastico. In tutti questi ambienti si trovano i veri nemici (non semplici avversari) di Salvini. Vi dice niente la recente preoccupazione espressa da Soros per Il “recupero di consensi” da parte della destra? Il fatto ancora più grave è che tutta l’operazione non è semplicemente contro una persona ma contro l’Italia intera e gli interessi nazionali. Siamo di fronte ad una rete criminale di alleanze, complicità, connivenze contro lo Stato al cui confronto la P2 appare come un semplice passatempo da oratorio.

    RispondiElimina
  10. A milioni di italiani che stanno fallendo e non riapriranno più le proprie attività commerciali, 600 euro che non arrivano quasi a nessuno. Nonostante il MES, che doveva essere un cappio per pochi soldi, e che si è rivelato essere solo un cappio, senza nemmeno i pochi soldi.
    Però lo Stato assume - e quindi paga - 60.000 spie per tenerci distanti, imbavagliati, terrorizzati, e per poterci multare senza pietà.
    Ma, soprattutto, per poterci controllare e farci abituare alla fine della nostra libertà personale. Per abituarci alla museruola e al distanziamento sociale e fisico.
    E voi li votate. In fondo, chi accetta e sostiene tutto questo,
    si merita tutto questo: fallimento e schiavitù.
    Chi vota questa gente, è fallito come essere umano.
    Il problema è per chi non se lo merita... (MV)

    RispondiElimina
  11. I 60.000 assistenti civici sono il risultano (l'ennesimo fallimentare) di una mentalità assistenzialista dovuta al fatto che questo probabilmente è il governo più meridionale della storia. Le 70.000 e oltre assunzioni nelal scuola sbandierate oggi dalla ministra Azzolina sono sulla stessa linea. A proposito del meridionalismo al governo vedasi l'ottimo articolo di Blondet https://www.maurizioblondet.it/come-ho-imparato-ad-amare-il-mes-e-a-non-preoccuparmi/

    RispondiElimina
  12. Per 25 maggio 2020 10:14
    Concordo , molto probabilmente sono le menti sorelle del caso Moro e company

    RispondiElimina
  13. Se non è follia questa25 maggio 2020 11:25

    Andrea Sandri:
    Pavia. Abbracciava la fidanzata in una piazza e il gendarme, coltolo nel delittuoso evento, lo multò dopo averlo terribilmente accusato. Alcuni transeunti mascherati applaudirono al provvedimento. 400 soldi vale un bacio per il Governo.

    RispondiElimina
  14. Cesare Sacchetti:
    Lo studio dei virologi cinesi è clamoroso. Gli asintomatici positivi non contagiano nessuno. Il distanziamento e le mascherine non servono a nulla. È una truffa enorme. Non vogliono la nostra salute. Vogliono ridurci schiavi di questo regime criminale.
    https://lacrunadellago.net/2020/05/25/lo-studio-scientifico-che-ribalta-tuttogli-asintomatici-non-contagiano-nessuno/

    RispondiElimina
  15. La scuola, da quando l'Istruzione passò alla sinistra, fu ed è considerato ammortizzatore sociale. Insegnanti, personale ausiliario, mense, viaggi, gite, visite guidate, soggiorni all'estero rientrano tutti in questo grande alveo. La cosa in sè non sarebbe male se fosse efficiente e non politicamente orientata verso un unico lato, quello sinistro. Quando si parla di partito stato non è per fare del sensazionalismo ma, per dare una definizione alla realtà. Accanto alla scuola gran parte del mondo della cultura e dello spettacolo girano a sinistra. Da quando la sinistra ha avuto la sua banca la finanza è stata democraticamente orientata. Dal papa buono in poi la chiesa a sinistra fu torta, diventando perimenti sorella dei massoni. E forse tanto altro ancora insieme alle cooperative ed ai fu sindacati diventati ora sindacati dei borghesi. I poveri presto avranno, dalle fondazioni filantropiche, il loro virus mirato, con soccorso confuso.

    RispondiElimina
  16. Massimiliano Amato:
    Piantiamola con la caccia all’untore! La colpa dei contagi non sono gli aperitivi dei giovani, sono le istituzioni, l’OMS, l’ISS, il Ministero della Salute che nulla hanno fatto a gennaio, febbraio e fino a metà marzo. L’Italia confinava con Wuhan con 2 aerei diretti al giorno su Bergamo!

    RispondiElimina
  17. Bergoglio non capisce?
    Secondo me capisce anche troppo. In Francia, Germania e altre nazioni europoidi hanno una sola dittatura, noi ne abbiamo addirittura due (e i preti che dissentono vanno in manicomio).

    RispondiElimina
  18. Perché da chi spaccia deve andare un cronista come Brumotti (che spediscono all'ospedale), mentre da chi fa una grigliata lo stato manda elicotteri e la polizia?

    RispondiElimina
  19. Anche i vescovi non capiscono25 maggio 2020 14:05

    Non è solo Bergoglio che non capisce...

    Ho guardato il video con cui mons. Delpini augura ai musulmani buon fine Ramadan. Ho cercato molto su YouTube anche un brevissimo video dove un imam facesse gli auguri di buona Pasqua o buon Natale ai cristiani, ma non l’ho trovato. Magari sono io che non ho saputo cercare bene. Allora se qualcuno troverà un video dove ci porgono gli auguri, prego di segnalarlo... 
    Un segnale di pace va sempre bene, ma chissà poi perché solo noi cattolici siamo presi in giro e maltrattati non poco dai vescovi, i quali non ci lasciano liberi neppure di assistere ad una messa antica.... Inoltre maltrattano ed eliminano i sacerdoti che ritengano siano troppo fedeli a Gesù. 
    Allora io ritengo che questi vescovi non siano più cattolici, ma che l’apostasia abbia fatto loro abiurare, di fatto, il Signore.

    Una amica in wa mi dice: è vergognoso che un vescovo metta sullo stesso piano il cristianesimo con l’islam..... siamo delusi da questa gerarchia, non ne possiamo più!

    RispondiElimina
  20. 60.000 miliziani... Tutto molto orwelliano!

    RispondiElimina
  21. Giorgia Meloni:
    Giorgia Meloni ❌ Il Governo metterà in campo un esercito di 60.000 volontari, chiamati “assistenti civici”, scelti dalla Protezione Civile, che avranno il compito di aiutare le Autorità a far rispettare le regole della Fase 2 e le limitazioni delle libertà individuali imposte a colpi di decreto. Saranno reputati pubblici ufficiali, per evitare che siano insultati o aggrediti dai cittadini? Chissà se avranno una divisa e strumenti per difendersi, tipo un manganello. Di fatto una milizia autorizzata dal Governo. Cos’è, la versione grillo-piddina dei guardiani della rivoluzione? Credo veramente che si stia esagerando. La deriva autoritaria alla quale stiamo assistendo sta assumendo contorni grotteschi ma non per questo meno pericolosa di ogni altra deriva liberticida. Al Governo consiglio di non tirare troppo la corda perché gli italiani sono stanchi e arrabbiati.

    RispondiElimina
  22. Niente multe solo sorrisi.
    https://www.iltempo.it/politica/2020/05/25/news/assistenti-civici-giorgia-meloni-milizia-grottesca-multe-sorrisi-francesco-boccia-anziani-reddito-cittadinanza-1327951/

    RispondiElimina
  23. Il virus è mortale in spiaggia
    Ma non fa nulla in un aereo pressurizzato.
    Vive su tutte le superfici, tranne sulla posta e tutti gli acquisti online. Si deposita sul contante, ma non nella carta del bancomat. Non vive all'Ikea, Carrefour, e Zara, e altre catene transnazionali.. Ma è mortale nel piccolo bar sotto casa, piccole attività della città, chiese, parrucchiere...

    Ma qualche domanda non ve la ponete?
    Non vi sorge il dubbio che vi stanno prendendo per i fondelli?

    RispondiElimina
  24. https://www.italpress.com/mattarella-multilateralismo-contro-la-crisi/

    Che dire di un presidente che si interessa di tutto, dai cinesi agli africani, dai migranti alla Ue, ma che non parla di scandali che lo stanno sommergendo, dei propri cittadini che stanno morendo di fame; è il presidente degli italiani?

    RispondiElimina
  25. Lo stadio agli islamici per festeggiare la fine del Ramadan sì, la piazza a Fratelli d'Italia no.
    Follie dello Stato, denunciate da Fabio Rampelli, che racconta al Giornale: "Numerose persone stavano celebrando la fine del Ramadan. Tutti uomini, seduti a pregare, mentre poco distante, all'interno di un recinto delimitato da della rete oscurante, si trovavano una trentina di donne, mentre altre erano intente a entrare". Il tutto il piazza Re di Roma, nella Capitale. Questo è ciò a cui si è trovato davanti il vicepresidente della Camera di FdI. Una scena, prosegue, che "suscita profonda preoccupazione. In un Paese democratico, soprattutto occidentale, non dovrebbero vedersi scene di questo tipo". 

    https://www.liberoquotidiano.it/news/politica/22801933/fratelli-d-italia-fabio-rampelli-stadio-islamici-no-manifestazione-giorgia-meloni-2-giugno.html

    RispondiElimina
  26. E' triste vedere gente - che tutti i giorni e tutto il giorno prega la Parola di Dio nelle Chiese e nei Santuari - e che si è lasciata, così facilmente, infinocchiare e terrorizzare da un governo di incapaci e di quaquaraqua, forte solo del suo servilismo a potentati stranieri e senz'anima. rdv

    RispondiElimina
  27. A me sembra che il periodo di eccezione fosse stato delimitato a fine luglio, ora si parla di tutta l'estate. Queste 60.000 persone avrebbero potuto ripulire almeno in parte il territorio, pulire il letto dei fiumi, in Italia la maggior parte a carattere torrentizio, le spiagge, rimuovere le macerie dei terremoti ancora lì a futura memoria, raccogliere la legna in fascine, lasciandole a disposizione di frazioni, borghi montani, oggi abitati da anziani, segnare a nuovo i sentieri della transumanza ... Si chiacchiera tanto della terra, poi la si abbandona all'incuria del governo nazionale, delle regioni, delle province, dei comuni, insomma, nei fatti, è solo un tema da salotto mass/mediatico. E questo governo, che si riempie la bocca dell'amore delle banche, dei sorrisi de sorveglianti speciali, è falso e bugiardo.

    RispondiElimina
  28. ACCUSE A CONTE ANCHE DALLO SPAZIO

    Il famoso astronauta Luca Parmitano, orgoglio italiano, colonnello dell'Aeronautica, primo Italiano e terzo Europeo al comando della Stazione Spaziale Internazionale, con 25 anni di onorato servizio e con nel ricco curriculum anche 6 ore di passeggiata spaziale, per ben 2 volte dichiara pubblicamente, il 25 aprile a RAI 1 nella trasmissione "Petrolio" ed il 9 maggio a TG2, che il governo italiano DA NOVEMBRE sapeva dell'epidemia Covid in arrivo, grazie ad un rapporto dei Servizi Segreti Americani.
    All'intero equipaggio dei cosmonauti in missione nello spazio, a novembre scorso era noto che prima che la Cina facesse coming out, l'Intelligence Americana aveva avvertito l'Italia che il Covid stava dilagando ed avrebbe provocato un evento catastrofico. Qualcuno dunque in Italia ha TACIUTO su questo importantissimo e vitale avvertimento.
    Chi è che in Italia ha voluto per sé e mantenuto ben stretta la delega ai Servizi Segreti?
    Il meraviglioso, ineffabile, immarcescibile Giuseppi.

    RispondiElimina
  29. Stato di polizia25 maggio 2020 20:23

    Vittorio Sgarbi:

    Arriva “l’assistente civico”, una coglionata linguistica per mascherare il vero lavoro per il quale sono stati pensati: la delazione. Controllarle e segnalare chi non rispetta la distanza sociale e non porta le mascherine.
    Il Governo sarà responsabile delle conseguenze di una scelta così scellerata, perchè la gente si prenderà a legnate.

    RispondiElimina
  30. GIUSTO RICORDARE GIOVANNI FALCONE,
    MA ANCHE I SUOI NEMICI
    AVERCELO OGGI UN PdR COME COSSIGA...

    ''Questa mattina ho vomitato. Il vomito mi è venuto a vedere accanto alla sorella di Giovanni Falcone, che dovrebbe avere piú rispetto della memoria del fratello, personaggi come Leoluca Orlando-Cascio che con l'accusa a Falcone di aver insabbiato pratiche che riguardavano politici diede il via al linciaggio di Falcone da parte dell'Anm e di un settore rilevante della sinistra. E l'imperturbabile e cinico Romano Prodi, che nelle sue fila conta non pochi di coloro che preparavano l'assassinio morale del coraggioso e indipendente magistrato. Che vergogna''.

    Lo afferma, in una dichiarazione, il presidente emerito della Repubblica Francesco Cossiga. ''Non vomitavo piú - aggiunge ancora il senatore - dal giorno in cui, rifugiatomi in una cittá della Francia dope le dimissioni da presidente della Repubblica, vomitai vedendo alla televisione a mo’ di sciacalli attorno al feretro di Giovani Falcone, non pochi magistrati dell'Anm e di membri del Csm che lo avevano gia' moralmente ferito con insinuazioni ed insolenti interrogatori in sede di Csm. E con articoli sanguinosi sull'Unità che lo avrebbero ucciso moralmente se Dio pietoso non gli avesse, per mano della mafia oggettivamente loro alleata, tolto prima la vita''.

    Francesco Cossiga - 25 maggio 2004

    RispondiElimina
  31. Attento ai musulmani, quanto ai cinesi26 maggio 2020 16:24

    https://www.dailymuslim.it/il-presidente-sergio-mattarella-fa-gli-auguri-ai-musulmani-per-leid-al-fitr/
    ....
    Saluto in modo particolare quanti, a causa dei difficili tempi che stiamo vivendo, non potranno essere vicini alle persone care in una giornata che rappresenta per la comunità islamica un importante momento di condivisione, al termine del mese dedicato al rinnovamento spirituale e alla vicinanza nei confronti dei più bisognosi.

    Condivisione, rinnovamento e solidarietà costituiscono valori indispensabili per costruire un tessuto sociale forte, capace di respingere con decisione fenomeni di intolleranza religiosa o violenza settaria, oltre che per far emergere – anche nella crisi attuale – nuove opportunità per l’avvio di percorsi di tolleranza e di pace.

    Con questo spirito, rinnovo i miei auguri di felice Eid al Fitr a tutti i cittadini italiani di fede musulmana e ai musulmani ospiti o residenti del nostro Paese».

    RispondiElimina
  32. https://m.ilgiornale.it/news/politica/pure-lonu-smentisce-sinistra-i-migranti-non-sono-profughi-1865683.html

    RispondiElimina
  33. Tre suore indonesiane si sono congratulate con i loro impiegati e vicini musulmani per la fine del Ramadan cantando la canzone indonesiana per Eid-al-Fitr “Selamat Lebaran” con il tabernacolo alle spalle.
    https://gloria.tv/post/43Q6fn4Wn3fbBV4RnwEhCu7Km

    RispondiElimina
  34. Un'attenta analisi del profilo Facebook di Silvia Romano ha mostrato come ben 16 dei 21 "like" cliccati dall'utente sono di matrice islamica, tra cui una pagina con contenuti estremisti e ben tre predicatori radicali e controversi. Presente anche l'ambito dell'islamismo politico attivo in Italia.
    https://m.ilgiornale.it/news/cronache/silvia-romano-ed-i-suoi-islamisti-e-predicatori-radicali-1865512.html

    RispondiElimina
  35. Ci impediscono di attraversare le nostre regioni mentre consentono ad altri di arrivare dal Senegal e girovagare senza controlli.

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori del blog.