Pagine fisse in evidenza

giovedì 21 maggio 2020

NO! all’oltraggio della Santa Eucarestia

Ricevo e volentieri pubblico. Rappresenta lo stato d'animo più diffuso tra i credenti non superficiali o modernisti.

Caro Direttore,
dalla sera del 7 maggio scorso, appena è stata divulgata la lettera riguardante il protocollo delle celebrazioni liturgiche con la presenza dei fedeli in tempo di emergenza del Covid 2019 sottoscritta dal Presidente della C.E.I. cardinale Bassetti, dal presidente Conte e dal Ministro dell’Interno Lamorgese, ho ricevuto decine e decine di telefonate, tra le quali molte anche di santi sacerdoti, tutte impregnate di grande amarezza per le drastiche disposizioni emanate.
Ne ricordiamo alcune: i Fedeli per poter assistere alla Messa sono costretti a soggiacere a mille regole, con maschere, guanti, misura della febbre, distanziamento anche dai propri familiari come se la Casa del Signore fosse un luogo nel quale ci si ammala della peggiore peste.
Dal canto loro i sacerdoti dovranno distribuire la Santa Comunione indossando la mascherina e i guanti avendo la massima attenzione a coprirsi naso e bocca e mantenendo un’ adeguata distanza di sicurezza porgendo la sacra ostia nelle mani dei fedeli, meglio se usando una pinzetta (strumento chirurgico), come servire una Brioches.

I fedeli a questo punto potranno togliersi i guanti per ricevere la particola e poi portarsela alla bocca sollevando la mascherina, ma evitando comunque di non dire "amen". 
Oltre a non poter ricevere la comunione sulla lingua ci hanno limitato anche il doveroso gesto rispetto e venerazione di inginocchiarci al momento della consacrazione, perché in diverse Chiese hanno tolto i banchi sostituendoli con le sedie, il sacerdote non lo sentiremo dire il Corpo di Cristo e noi Non possiamo rispondere Amen [qui]

Abbiamo accettato il distanziamento in chiesa, l'uso delle mascherine, il gel all'ingresso e il sacrificio di dover ridurre la presenza alle Messe, con i turni, per consentire a tutti di parteciparvi, addirittura con la prenotazione via on-line o WhatsApp come se si trattasse di andare al ristorante! MA LA PRETESA DEL SACRILEGIO EUCARISTICO È DIABOLICO E NON È PIÙ PRUDENZA! Noi cattolici lo sappiamo che non dobbiamo sfidare Dio con l' azzardo e non possiamo nemmeno sfidarLo col sacrilegio Eucaristico!
Sempre nel vergognoso accordo tra la Santa Sede e “CESARE” Conte, del 7 maggio 2020, al punto 5.2 si legge:
 “SI RICORDA LA DISPENSA DAL PRECETTO FESTIVO PER MOTIVI DI ETÀ E DI SALUTE”. 
Dunque è stato “abrogato” il Terzo Comandamento; Ricordati di santificare le feste. Per quanto riguarda la dispensa io credo di rientrare nel secondo caso perché quando ho letto i dettagli del nuovo rito catto-tecno-scientifico mi sono sentito soffocare. 
Al punto 5.3 si legge:
“Si favoriscano le trasmissioni delle celebrazioni in modalità “streaming” per la fruizione di chi non può partecipare alla celebrazione eucaristica”.
E questo è in contrasto con l'invito di papa Bergoglio: “Di fare attenzione a non viralizzare la Chiesa e i sacramenti, a non viralizzare il popolo di Dio. La Chiesa, i sacramenti, il popolo di Dio sono concreti: Una familiarità senza comunità, senza la Chiesa, senza popolo, senza i sacramenti è pericolosa”.
Non ho capito cosa c’entri il ministero dell’Interno con la liturgia ma ho visto che ha messo becco perfino sui cori e sulle offerte e addirittura sulla presenza dei fedeli nelle Chiese che non può superare le 200 unità e nelle cerimonie all’aperto potranno partecipare al massimo 1000 persone. Nonché sull'esercizio dei sacramenti, inibendo non si sa fino a quando il dono della cresima.- La chiesa cattolica è stata umiliata e statalizzata, peggio che nei regimi del peggior COMUNISMO.

Questa nuova chiesa ha svenduto il Concordato inchinandosi al Comitato Tecnico Scientifico del governativi e sta offrendo uno spettacolo avvilente accettando  regole che feriscono milioni di fedeli offendendo la sacralità dei nostri sacramenti.

Personalmente continuerò ad andare in chiesa come ho fatto in tutti questi giorni di “clausura forzata”, ma in orari diversi, extra-statali, a pregare con veri e santi sacerdoti che hanno dato e continueranno a somministrare la Comunione, a mani nude e sulla lingua.
Forse un reato per questo stato laico, un atto di ribellione ma come ho sempre dato a Cesare ciò che era di Cesare darò a Dio quel che è di Dio.
Come devoto al pio frate San Padre Pio, faccio proprio il Suo lamento: 
“In una sconcertante visione del 1913, vide un gruppo di sacerdoti equivalenti - potrebbe dirsi - agli "scribi e farisei" del tempo di Gesù. Nella visione Gesù era in un mare di dolori. Quando padre Pio gli chiese quale fosse la causa di quell'amara sofferenza, "il suo sguardo si riportò verso questi sacerdoti -, ma poco dopo, quasi inorridito e come se fosse stanco di guardare, ritirò lo sguardo ed allorchè lo rialzò verso di me - racconta padre PIO -, con grande mio orrore, osservai due lacrime che gli solcavano le gote. Si allontanò da quella turba di sacerdoti con una grande espressione di disgusto sul volto, gridando:"MACELLAI!" E rivolto a me disse: "Figlio mio, non credere che la mia agonia sia stata di TRE ORE no; io sarò per cagione delle anime da me più beneficate in agonia sino alla fine del mondo!. L'ingratitudine ed il sonno dei miei ministri mi rendono più grave l'agonia Ciò che più mi affligge è che costoro al loro indifferentismo aggiungano il loro disprezzo,incredulità. Quante volte ero lì per lì per fulminarli! (Epistolario I pp.350s.)
Signori ecclesiastici, come “mariano- medjugorjano” preferisco stare al fianco di Dio ed essere giudicato dal mondo, che stare con il mondo ed essere giudicato da Dio”.
Salvatore Porro Trieste, 18 maggio 2020

51 commenti:

  1. Dello stesso tenore :tracciabilita'21 maggio 2020 08:04

    Povera Italia verso il controllo globale.
    https://www.youtube.com/watch?v=UhFFtLf1Ohk
    Regina dell'Amore - Web TV
    RASSEGNA STAMPA - Commento del Giorno 20 maggio 2020
    di Pier Luigi Bianchi Cagliesi

    RispondiElimina
  2. Massimo Martelli
    Questa è la mia amara riflessione . Girando per le città si nota, purtroppo, la paura e la mancanza di razionalità nella quasi totalità delle persone. Che tristezza! Quasi tutti zombie con la mascherina. Tutti terrorizzati. Il nostro popolo non è più tale. Non è più popolo. Sembra aver perso la fibra morale per sopravvivere. Si è fatto rinchiudere in casa. Per paura di morire ha smesso di vivere. Del resto se ha abbandonato Dio come può vivere? Senza Dio è diventato un corpo senza anima. Un corpo morto. La colpa primaria è certamente di un clero che abbandonato la propria missione. Pastori che sono fuggiti ed hanno lasciato solo il gregge davanti al lupo. Il gregge, il popolo di Dio che è diventato oggetto di esperimenti sociali, psichiatrici.

    https://www.maurizioblondet.it/la-patria-perduta/

    RispondiElimina
  3. Arezzo, prete dà ostia con le pinzette (come nella mia Parrocchia): vescovo contrariato per strappo al protocollo della Comunione

    https://corrierediarezzo.corr.it/news/cronaca/1615355/arezzo-cortona-ostia-comunione-chiesa-eucarestia-prete-pinzette-don-fabio-magini-centoia-vescovi-toscana-vescovo-riccardo-fontana-chiesa.html

    RispondiElimina
  4. SANTO ROSARIO IN RIPARAZIONE
    DEL SACRILEGO PROTOCOLLO GOVERNO-CEI dd. 7.5.2020

    TRIESTE 23 MAGGIO
    Piazza Sant’Antonio
    Ore 17.00

    Con forza sottolineiamo come il contenuto delle norme sia palesmente sacrilego ove:

    impone al Sacerdote di toccare Gesù Eucaristia con i guanti di plastica;
    impone al fedele di ricevere la SS. Eucarestia sulla mano.
    L’Osta Consacrata non è un pezzo di pane con qualche significato simbolico, è Gesù Cristo stesso realmente presente, in Corpo, Anima e Divinità, ragion per cui la Chiesa, da sempre insegna, che il modo legittimo di ricevere la SS. Eucaristia è in ginocchio e sulla lingua.

    In ogni caso mai è consentito toccare Gesù Eucaristia con dei guanti di plastica, non vi è mai stata, e mai vi potrà essere una norma liturgica che consenta una simile pratica.

    Del pari, si impone ai fedeli la Comunione sulla mano così vìolando la legge universale della Chiesa che prevede la Comunione sulla lingua ed in ginocchio quale forma ordinaria e quale diritto per il fedele. (Memoriali Domini, Redemptionis Sacramentum, 92)

    Il Governo italiano, purtroppo con l’avallo della C.E.I., impone a Sacerdoti e fedeli di compiere dei veri e propri abusi liturgici sacrileghi.

    Come fedeli cattolici ci rifiutiamo di renderci complici di simili sacrilegi ed anzi invitiamo Vescovi, Sacerdoti e laici all’obiezione di coscienza e alla disobbedienza civile, a non piegarsi ad una norma ingiusta e illegittima restando invece fedeli alle sacrosante norme della Liturgia cattolica!

    L’Eucaristia si celebra e si riceve come Dio comanda e non come comanda il Governo!

    Per quanto premesso ne consegue che per tutta la durata della vigenza della normativa, ci troviamo costretti a non poter ricevere la Comunione.

    Trieste 20 maggio 2020

    Comitato spontaneo di laici cattolici “beato Francesco BONIFACIO” per la difesa della SS. Eucarestia

    https://www.marcotosatti.com/2020/05/20/trieste-rosario-di-riparazione-per-il-protocollo-governativo/

    RispondiElimina
  5. Di fatto quella delle pinze è una tradizione della Chiesa, antica di secoli proprio in casi di pestilenze... è sicuramente più liturgica del guanto. Essendo appunto così antica, allora il presule vi si è scagliato contro, ma è molto meglio dei guanti ... il protocollo non l'ha prevista perchè neanche sanno cosa siano le pinzette eucaristiche ...

    RispondiElimina
  6. https://gloria.tv/post/cUMzR8sjRQPi4iycKeBVSfRQh
    Quando un edificio fa le crepe prima o poi crollera' , radici da ricostruire

    RispondiElimina
  7. Nella diocesi di Trieste21 maggio 2020 08:29

    la distribuzione della Santa Comunione avvenga dopo che il celebrante, il diacono e il ministro straordinario avranno curato l’igiene delle loro mani e indossato guanti monouso; gli stessi – indossando la mascherina, avendo massima attenzione a coprirsi naso e bocca e mantenendo un’adeguata distanza di sicurezza – abbiano cura di offrire l’ostia con una pinzetta, fornita dalla Curia, senza venire a contatto con le mani dei fedeli. L’uso della pinzetta, pur non prevista dal Protocollo sopra citato, è reso obbligatorio in Diocesi perché offre una garanzia in più sul piano sanitario e rispetta in modo migliore la santa Eucaristia. La pinzetta dovrà essere igienizzata alla fine della celebrazione unitamente agli altri oggetti sacri;

    RispondiElimina
  8. Tempo della santita' .21 maggio 2020 08:30

    Questo e' il tempo di restare sempre in grazia , di restare cattolici , che ha bisogno dei "Confessori della Fede", di anime ardenti , discepoli e discepole della Santa Chiesa che combattono sotto la guida degli Angeli per il trionfo della Signora dell'Apocalisse .

    Ave, Maria, grátia plena,
    Dóminus tecum.
    Benedícta tu in muliéribus,
    et benedíctus fructus ventris tui, Iesus.
    Sancta María, Mater Dei,
    ora pro nobis peccatóribus,
    nunc et in hora mortis nostrae.
    Amen.

    RispondiElimina
  9. "Giudicate la Chiesa Cattolica non da coloro che vivono debolmente il suo spirito; ma dall'esempio di coloro che lo vivono al massimo grado. Ogni arte è conosciuta meglio dalle sue più alte espressioni."

    Fulton J. Sheen

    RispondiElimina
  10. Avere sacerdoti tremebondi e vescovi confusi e collusi è disperante. La pinzetta la usano anche gli ortodossi. Ormai con la smania del futuro costoro hanno tralasciato di studiare il passato, durante il quale situazioni simili al presente si sono presentate più volte. Strano a dirsi no? Voglio ribadire, da femmina, che è meglio guardarsi dalle donne in carriera. La donna, nel bene e nel male, è più fine dell'uomo e questa finezza se non è santificata di giorno in giorno può diventare delirio satanico in azione.

    RispondiElimina
  11. Regnante Benedetto21 maggio 2020 09:36

    http://www.vatican.va/news_services/liturgy/details/ns_lit_doc_20091117_comunione_it.html

    RispondiElimina
  12. Per i primi cristiani l'Ascensione era celebrata con maggior solennità che la Pasqua, essendo considerata -come è- il vero culmine della Storia della salvezza: l'umanità, riscattata dalla morte e rigenerata dalla risurrezione di Cristo Signore, viene definitivamente ricollocata alla destra del Padre...

    ASCENSIONE AL CIELO DI NOSTRO SIGNORE GESÙ CRISTO

    MARTIROLOGIO ROMANO SECONDO IL CALENDARIO DEL VETUS ORDO

    Oggi 21 maggio 2020, si festeggia Sul monte Oliveto Ascensione di nostro Signore Gesù Cristo.
    Gesù dopo la risurrezione, nei 40 giorni che rimase ancora in terra, confortò gli Apostoli e con diverse prove li convinse di essere veramente risuscitato. Li istruì intorno al regno di Dio, sul modo di governare la Chiesa, d'amministrare i Sacramenti, di salvare le anime. Avvicinandosi il giorno dell'addio: « Bisogna che me ne vada, disse, perchè se io non me ne vado, non verrà a voi il Consolatore ». Ordinò quindi agli Apostoli che dalla Galilea si recassero a Gerusalemme.
    Il momento solenne era vicino.
    Fece con essi il banchetto d'addio, durante il quale apri loro maggiormente le menti, mostrando ad essi come la Sacra Scrittura parla di Cristo, della sua passione, morte e risurrezione. Comandò di predicare il Vangelo, diede loro il potere di rimettere i peccati e li mandò ad annunziare il regno di Dio a tutte le genti.
    Finita la sua istruzione si incamminò, seguito dagli Apostoli e Discepoli, al monte dell'ascensione. Giunto alla vetta, diede l'addio alla Madre, alle pie donne, a tutti i presenti, e alzando il braccio li benedisse.
    Mentre li benediceva, per propria virtù si alzò verso la maestà dei cieli davanti a quegli occhi che meravigliati lo guardavano, finchè mia nube lo nascose.
    Quei Giudei stavano ancora inginocchiati a braccia aperte e con gli occhi rivolti al cielo meravigliati e commossi, quando comparve un Angelo giulivo in volto e dall'aspetto maestoso dicendo: «O uomini di Galilea, che state a guardar in cielo? Quello stesso Gesù che fu tolto a voi, ritornerà nella stessa gloria con cui salì».
    Gli Apostoli a quell'avviso ritornarono a Gerusalemme comprendendo le parole che Gesù aveva detto: «Vado a preparare un luogo per voi. Vi manderò il Consolatore».
    Oggi la Chiesa celebra una delle sue feste più belle facendo riflettere ai Cristiani quale sia la loro patria. Gesù non salì al cielo solo per ricevere la corona della virtù, ma anche per preparare un posto per noi. Cristiani, il cielo è la nostra patria, non questa misera terra!
    Alziamo gli occhi, contempliamo come è meraviglioso quel cielo! Lassù Gesù sale per prepararci un posto. Egli ci attende: non badiamo alle difficoltà, ma ricordiamo che non i pigri ma i violenti lo rapiscono, cioè quelli che lottando vincono se stessi.
    Il cielo s'acquista combattendo le nostre passioni, la nostra carne, la malvagia inclinazione al male.
    Nei momenti in cui ci sembrerà di esser sopraffatti dal male, quando intorno a noi sarà buio, alziamo gli occhi e le mani al Cielo, chiedendo aiuto a Colui che è la luce che rischiara le tenebre, a Colui che è nostro Re, nostro Salvatore, nostro Avvocato e nostro Mediatore; egli ci libererà.

    RispondiElimina
  13. Io continuo a non capire perchè tanti bravi cattolici non riescono a vedere il problema di fondo, in questa fase 2 a cui è stata inquadrata e ASSOGGETTATA la celebrazione della Messa al potere dominante, che è quello della dittatura disumana e diabolica che ci opprime da vari mesi, in nome del presunto contagio (quella di Mussolini fu molto più umana, come si può verificare, e la Messa non era nè impedita nè orribilmente stravolta da nessun protocollo).
    L'aspetto terribile della situazione odierna è quello del RICATTO a cui il Gregge soccombe, pecore e pastori insieme: "Se vuoi la Messa, devi farla così come IO (potere assoluto) ti comando: o così o niente !" e di conseguenza anche Gesù Cristo deve CONFORMARSI a questo potere assoluto! possibile che non balza agli occhi di nessuno questo fatto evidente ?
    1- Non è che si dà la facoltà di scegliere se accettare o rifiutare alcune condizioni (pinzetta, lingua, mani, in ginocchio, in piedi ecc.): non è questo il problema, non è la soluzione SALVIFICA quella di fare il MENO PEGGIO! la SCHIAVIZZAZIONE del fedele e del culto inizia dal momento stesso che si accede all'ingresso, con quel piantone parrocchiale che ti IMPONE di usare l'amuchina e mascherina: PERCHè si deve subire questo ricatto DI BASE ? esattamente come nei negozi ?
    2- ancora più terribile è l'INGANNO MONDIALE grazie al quale il ricatto viene attuato: ci pensate che queste condizioni pseudo-sanitarie sono al servizio di una MENZOGNA E TRUFFA MONDIALE, che vuole coinvolgere la verità totale e purezza della nostra Fede che si professa mediante il culto cattolico ? una menzogna su un PERICOLO SANITARIO CHE NON ESISTE ! ma è stato usato per fare TUTTI SCHIAVI, sia nella vita pubblica economica in tutti i suoi BENI E SERVIZI, messi SOTTO RICATTO, sia NELLA PROFESSIONE PUBBLICA DELLA FEDE CATTOLICA !
    non vedete che c'è una CONTRADDIZIONE INSANABILE nel professare la Fede A PREZZO DI SOTTOPORSI A QUESTO RICATTO NATO DA MENZONGNA su un contagio INESISTENTE ? quindi---> avveramento 675 CCC !
    3- nel momento stesso in cui accettiamo (per stolta obbedienza agli uomini MENZOGNERI DITTATORI) le condizioni imposte che riguarderebbero la sanità pubblica, accettiamo IMMEDIATAMENTE LA MENZOGNA CHE SOTTOSTA' a quelle norme, quindi siamo COMPLICI E VITTIME dell'inganno globale, che tra poco ci imporrà di entrare in chiesa SOLO ad ALTRE CONDIZIONI più stritolanti della nostra libertà:
    - il termoscanner = o ti fai controllare la febbre o NON entri
    - l'app = o dimostri di essere immune o NON entri
    - l'eventuale braccialetto o peggio il microchip (già pronto per l'Italia nei prossimi mesi)o RFID sottocutaneo,col quale perderemo completamente la qualità di figli di Dio capaci di intendere e volere liberamente con la nostra sacra coscienza, perchè braccati attimo per attimo, ridotti a bestie trascinate alla rovina fisica attuale ed eterna !
    è possibile che non ci si renda conto di questo baratro in cui la maggior parte del Gregge sta precipitando fatalmente, CONSENZIENTE al suo sterminatore laico (in accordo con quello ecclesiastico, come da foto pubblicate di recente), iniziando dai prelati che continuano a dare indicazioni su COME ADEGUARSI alle disposizioni della diabolica dittatura italiana, più strangolante dei governi in altri paesi cattolici, toccati dalla falsa pandemia ?

    RispondiElimina
  14. nel professare la Fede A PREZZO DI SOTTOPORSI A QUESTO RICATTO NATO DA MENZONGNA su un contagio INESISTENTE

    Condivido in linea di massima i contenuti del messaggio. Ma, quando si fanno affermazioni come quella quotata, si diventa poco credibili... Come si fa a dire che il contagio è inesistente?
    Non è inesistente e peraltro è un problema serio. Anche se lo hanno enfatizzato e strumentalizzato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, Mic, il contagio attualmente è davvero inesistente, naturalmente i mainstream allineati ti fanno credere il contrario per farti marcire nella schiavitù. Mi piacerebbe sapere quanti di questo blog, anziché la Tv di regime, seguono social indipendenti dal Sistema, spero siate in tanti.
      Anonimo delle 19,24 hai fatto una disamina completa ed ineccepibile. Concludo, dicendo con te, che le vittime diventano COMPLICI. Chi sottostà a queste regole marce, non ha scusanti di fronte a Dio (a meno che non sia un poverino tardo di cervello,ma quello è da compatire con la giusta carità).

      Elimina
  15. Oggi è Giovedì, non so Domenica come e dove andare in Chiesa, neppure potersi inginocchiare alla Consacrazione per disposizione di un Governo che teme che un virus si possa propagare inginocchiandosi, demenziale e ridicolo!, il popolo di Dio, di cui codesti pastori post-conciliari si aprono ogni momento la bocca, quasi sempre a sproposito, ridotto a una massa di mascherine, gente che avrà difficoltà respiratorie dovendola tenere 40 minuti di fila.
    Una follia, perchè allora a queste condizioni che di dignitoso ed onorevole non hanno nulla non continuare a rimanere sottomessi e basta?
    Così la CEI non solo ci ha sottomessi ma ha permesso che ci irridessero. Con il dovuto rispetto al nostro Re e Signore, mi ricorda in piccolissimo come dopo la condanna a morte, per scherno gli hanno caricato la Corona di Spine e con lo scettro di burla gli davano colpi in testa.
    Ma questi Vescovi, ancora, con tutte queste evidenze, non lo hanno capito il puro odio che il Regime tiene per la Sposa di Cristo? Oppure hanno paura? Di cosa può aversi paura di fronte anche alla più piccola eventualità della dannazione eterna e del fallimento del progetto per cui Dio ci ha creati? Quali veri cristiani hanno mai avuto paura?

    RispondiElimina
  16. Per Mic:

    bisogna studiare un po' sulla natura dei virus, se come sembra accertato non sono organismi viventi, (nessuna prova certa infatti esiste che siano vivi), come fanno a contagiare?
    Affettuosamente,
    da cercare dottor Thomas Cowan, le teorie di Steiner, visita e ricerca il blog compressa-mente.
    Argomento di estremo interesse!
    Se mentono una volta, potrebbero mentire sempre.

    RispondiElimina
  17. Il proselitismo sarà anche una sciocchezza, ma San Paolo non lo pensava affatto.

    Prima Lettura - At 18,1-8
    ... Quando Sila e Timòteo giunsero dalla Macedònia, Paolo cominciò a dedicarsi tutto alla Parola, testimoniando davanti ai Giudei che Gesù è il Cristo... Se ne andò di là ed entrò nella casa di un tale, di nome Tizio Giusto, uno che venerava Dio, la cui abitazione era accanto alla sinagoga. Crispo, capo della sinagoga, credette nel Signore insieme a tutta la sua famiglia; e molti dei Corìnzi, ascoltando Paolo, credevano e si facevano battezzare.
    Parola di Dio

    Il mondo può rallegrarsi del fatto che Gesù pare essere diventato "invisibile" (anche per come molti nella Chiesa Lo trattano mentre altri vivono questa tristezza).

    Vangelo secondo Giovanni - Gv 16,16-20
    In verità, in verità io vi dico: voi piangerete e gemerete, ma il mondo si rallegrerà. Voi sarete nella tristezza, ma la vostra tristezza si cambierà in gioia.
    Parola del Signore

    Ascensione: anche in assenza di registratori l’evento è realmente avvenuto, in un luogo preciso, quaranta giorni dopo il prodigio della resurrezione del corpo con i segni della crocifissione e quarantadue dal pomeriggio dell'agnello immolato.
    Gesù sale per sedersi alla destra del Padre. E' nel Credo.
    E' il compimento del trionfo nella sfida che il principe di questo mondo ha lanciato all’Amore divino. Gesù ce lo consegna così riferendosi allo Spirito Santo (Gv 16,12-15): “Egli mi glorificherà, perché prenderà del mio e ve l'annunzierà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà del mio e ve l'annunzierà”.

    Gesù dà seguito a quanto dichiarato (Gv 16,5-11) nella sera dell'istituzione dell'Eucaristia e del sacerdozio e salendo al Cielo lascia ai discepoli l'incarico della missione di annunciarLo ovunque in attesa del Suo ritorno.

    Il proselitismo sarà anche una sciocchezza, ma il dovere dell'annuncio non va tradito.

    “Non spetta a voi conoscere i tempi che il Padre ha riservato alla sua scelta, ma avrete la forza dallo Spirito santo… e mi sarete testimoni… fino agli estremi confini della terra”… (At 1,7-8). Si resta lì, un po' così... Sospesi pur avendo ancora i piedi per terra.
    Due uomini in bianche vesti (At 1,10-11) li dovettero scuotere, annunciando che Gesù “tornerà allo stesso modo in cui lo avete visto andare in cielo”.

    Intanto è una lotta. Non è una passeggiata: è un esilio, una valle di lacrime, croce.

    RispondiElimina
  18. "... il cielo è la nostra patria, non questa misera terra!..."

    Tuttavia , più invecchio, più questa terra la scopro sempre più bella. Noi con le nostre pensate l'abbiamo stravolta, il dominio di essa che il Signore ha messo nelle nostre mani l'abbiamo inteso spesso come violenza, stupro. E guardo la foto della chiesa di San Teodoro a Pavia e parla di una vita semplice lungo il fiume, nei campi, nelle cascine quando la vita del singolo e della comunità era accompagnata, ordinata, sostenuta dalla liturgia nel volgere del giorno, della settimana, delle stagioni, delle grandi feste del Signore Gesù Cristo, della Vergine Madre, dei Santi. Certamente l'essere umano è sempre lo stesso ma, quella vita ordinata, anche fuori dai conventi, dall'ora et labora rendeva la lotta individuale contro il male più naturale, più comprensibile. Oggi che siamo tutti buoni, senza peccato, senza peccati, nessuno combatte più contro il male ed... il male avanza, con i suoi eserciti di vizi diventati diritti che bandiscono il Bene ed impongono il Male.

    RispondiElimina
  19. L'articolo è condvisibile ma …. LA STRUMENTALIZZAZIONE di papa (anti) Francesco ai propri fini diventa ….mi astengo dal giudizio… questo gioco di strumentalizzare i vertici citandone solo le parte buone è evangelicamente il ni satanico, a dire di Gesù Cristo Nazareno.
    Quanto al coronavirus, a dire del premio Nobel Montagnier, ed altri medici di fama mondiale americani (che presumo a servizio di Trump), è un sars influenzale modificato in laboratorio ormai in fase di rientro nella normalità, senza hiv quindi. Negli ultimi anni scorsi in Piemonte dove mi trovo ci sono stati molti morti in più di quest'anno, e noi siamo zone arancione dopo la Lombardia. La pandemia viene ampliata dai media di regime ad uso e consumo di tamponi ed esami sierologici non validi, a dire di medici anche in tv, ma utili al prelievo del dna e successivo prelievo di minori (sono citati questi nel decreto di proroga emergenza sino a gennaio 2021) o dissidenti: il tso di Dario Musso, allucinante, ce lo conferma, figlio di un maresciallo in pensione e fratello di un avvocato, ricoverato per giorni senza possibilità di contatto coi famigliari per aver detto col megafono: uscite senza mascherina la pandemia non esiste. Circondato e sedato da 6 persone, polizia e sanitari, senza che alcun medico lo avesse visitato, chiaramente lucido prima e chiaramente rintronato ancora dopo la dimissione, se non esistessero i video prima e durante il prelievo, e gli audio del 5 giorno, primo contatto telefonico del fratello, questa gente direbbe che era pazzo. Dice il fratello che lo sostengono ancora ora, contro ogni evidenza documentata.

    RispondiElimina
  20. neppure potersi inginocchiare alla Consacrazione per disposizione di un Governo che teme che un virus si possa propagare inginocchiandosi, demenziale e ridicolo!

    La scusa è mantenere le distanze. Ma se si inginocchiano tutti, come si dovrebbe, le distanze non restano le stesse?

    RispondiElimina
  21. Dalle colonie a sud dell'Emilia, le chiese restano chiuse, domenica prossima chi avrà voglia di seguire la prassi andrà a Messa gli altri davanti alla tv, le disposizioni sono a giudizio dei parrocchiani più 'fedeli' e attivi che si piazzeranno uno ad un ingresso per entrare e uno all'altro per uscire, saranno selezionati i parrocchiani della chiesa, gli altri che frequentano saltuariamente non si sa, c'è il quorum da rispettare, mascherina, mani disinfettate, guanti e posti assegnati in piedi, praticamente niente foglietti sennò bisognerebbe cambiarli ogni volta, dal nord, Modenese e dintorni, comunicano ufficialmente quello che già sapevamo bene tutti, il 98% delle chiese distrutte dal terremoto non verrà mai più ricostruito, essendo edifici non di primaria importanza e poco utili alla comunità e pochissimo frequentate, prima di tutto le case, anche se ancora non si è fatto nulla per le lesionate in cui tutti continuano ad abitare normalmente perché i tempi delle ricognizioni sono biblici figuriamoci quelli per gli interventi di restauro, per il resto si tira a campare con zero prospettive di ripresa soprattutto per noi sudici che abbiamo solo il mare e la spiaggia per introitare. Lupus et Agnus.

    RispondiElimina
  22. Hanno aperto le chiese, non per dare la Messa a noi, ma perchè il giorno 24 c'è la fine del ramadan e non avrebbero potuto dare libertà religiosa ai musulmani, senza darla a noi. Ma loro festeggeranno come hanno sempre fatto, mentre a noi hanno dato nella Messa il "veleno" del loro odio alla Chiesa Cattolica.

    Faranno il tampone anche all'Ostia?

    Queste sono tutte paranoie programmate dal diavolo, e i vescovi aderiscono. Questa obbedienza fa gioire Satana. Sinceramente, se fossi in loro tremerei pensando a quando sarò al cospetto di Dio. Anche Giuda era un vescovo, ma Gesù disse: "In verità, in verità vi dico: uno di voi mi tradirà".......

    Giuda Iscariota è identificato come il traditore perché egli intinge contemporaneamente a Gesù la mano nel piatto

    E allora, dopo quel boccone, satana entrò in lui.......

    Ahimè quanti traditori ci sono oggi tra consacrati e laici? Purtroppo tanti......I traditori sono coloro che cambiano le parole di Gesù e i suoi atti nella Messa. Il modernismo, somma di tutte le eresie, ha distrutto non solo la Santa messa, ma anche le anime, perchè si è persa la vera Fede, quella Fede conservata per 2000 anni. Riuniamoci nella "tradizione" apostolica e salveremo la nostra religione che si chiama: Gesù Cristo!
    Enza Pasquali su Fb

    RispondiElimina
  23. Il virus non è un essere vivente...

    I virus nascono, crescono, si riproducono e poi , prima o poi, muoiono.
    Sono molto primitivi, come forma di vita, ma sono vita.
    E non tutti danno malattia, quindi non infettano o contagiano.
    Ma molti infettano e contagiano: batteri, piante, animali, uomini.

    Sono anche loro creature di Dio.
    .

    RispondiElimina
  24. Lupus,
    a Modena hanno ancora rivotato PD, quindi che non si lamentino.
    Mentre voi Riminesi potrete consolarvi che almeno non faranno il Gay Pride.
    Quando avrete le Comunali ?

    RispondiElimina
  25. Il castigo è iniziato

    Poteva toccarci il comunismo ateo e materialista con la sua ideologia anticristiana ormai obsoleta.
    Poteva toccarci il nazismo, freddo, neopagano e pseudoscientifico con le sue squallide idee razziste.
    Invece ci è toccato il mondialismo nichilista, tecnologico, vero impero della menzogna.
    Il male è già qui davanti a noi, non dobbiamo attendere un altro; ha già imposto le sue leggi, ha già i suoi padroni e i suoi collaboratori nel popolo obbediente.
    Il castigo è iniziato.
    Se il Cielo l'ha permesso, è perché i figli del Cielo sono all'altezza della prova; è tremendo essere in mano ai nemici del bene e del vero, ma se questo servirà a purificare la fede fino in fondo, se finalmente dopo tutto questo non avremo più la contro-chiesa dei don Gallo e dei don Ciotti, allora accettiamo questo calice, allora va bene.
    E come diceva quello in televisione:
    se va bene a noi,
    buona dittatura a tutti.

    RispondiElimina
  26. precisiamo sul contagio: è stato un'epidemia, come quelle di influenza, (non pandemia), che non è stata affrontata in modo ONESTO, permettendo le giuste cure che c'erano, proposte da scienziati seri (tutti censurati) impedendo le autopsie, necessarie per capire le diagnosi, mandando i morti alla cremazione immediata (senza permessi), inquadrando la ASl come collaboratrice del caos informativo, nella confusione dei tamponi inaffidabili, con macchine malfuzionanti (v. caso Menarini) e da tempo si è chiarito che le cifre dei morti sono state falsificate, usando i morti di tutte le malattie classificati come "morti covid". IN questo consiste il grande inganno attorno al virus, teso ad AMPLIFICARE quello che era un fenomeno circoscrivibile e curabile, letale in pochissimi casi. tutto per opprimere il popolo con il TERRORE della pandemia e poter instaurare la dittatura, in Italia sine fine. C'è un mare di documenti e testimonianze di medici seri su questo fatto. Ma adesso è calata la forza del virus, come tutti i virologi hanno comunicato. Quindi perchè insistere su condizioni oppressive e dannose alla salute fisica e psichica, oltre che inaccettabili VIOLAZIONI dei diritti umani universali ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È stata PANdemia perché ha preso tutti i continenti.

      Elimina
  27. La pandemia viene ampliata dai media di regime ad uso e consumo di tamponi ed esami sierologici non validi, a dire di medici anche in tv, ma utili al prelievo del dna e successivo prelievo di minori (sono citati questi nel decreto di proroga emergenza sino a gennaio 2021) o dissidenti:

    esattamente quello che ho tentato di spiegare, per cui anche la Messa viene sottoposta a RESTRIZIONI INGIUSTIFICATE e obbrobriose. E andiamo verso la deportazione di innocenti ritenuti "pericolosi" con la scusa di un virus che adesso NON C'E' E NON HA NESSINA PERICOLOSITA' come ci vogliono far credere. E la Messa soggiace a questa menzogna pervicace e diabolica, propagata dai media di regime e avallata da tutti gli stolti consapevoli o ignari che siano, e questi ultimi sono i più pericolosi, delatori del prossimo alla polizia di regime per farli internare, rieducare al PARTITO UNICO DEL COVID O eventualmente scomparire. Senza che nessuno li possa difendere.

    RispondiElimina
  28. A chi vuole approfondire la tragica situazione in cui versa l'Italia, di cui moltissimi non hanno ancora la percezione esatta, consiglio di sentire l'allarme lanciato dall'Alto Commissario Alicia Erazu, ambasciatrice dei diritti umani presso l'ONU, che ha comunicato a Trump il proprio intervento in favore dell'Italia il cui governo ha privato i cittadini dei loro diritti fondamentali, "con la scusa del virus" (così ha detto) per il quale sono state prese restrizioni ingiustificate e d eccessive, che calpestano quei diritti.
    Ora, dice, è stato SVENTATO da parte del Pres. Mattarella IL COLPO DI STATO PREPARATO DA CONTE CON IL PROLUNGAMENTO DELL'EMERGENZA FINO AL 31 DICEMBRE (= arresti domiciliari per gli italiani, avviati cosi alla MISERIA)
    e A settembre avverte la sig.ra Alicia, " arriverà la CARESTIA"!

    https://www.youtube.com/watch?v=IfsQsV1XvU4&feature=youtu.be
    PS: Alicia ha anche avvisato: "Non è detto che Conte non ci riporovi a giugno"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie sincero dei vostri interventi. Comunichiamoci queste notizie che riguardano il sociale, se il moderatore del sito lo permette

      Elimina
  29. Non era un tipo facile

    È da inizio '900 che su San Francesco girano teorie assurde.
    Da santo liberale contro l'istituzione papale a comunista amico dei poveri.
    Da figlio dei fiori negli anni '60 a patrono dell'ecologia fino ai nostri giorni. E poi ancora San Francesco precursore dell'ecumenismo e del dialogo interreligioso con gli incontri di Assisi. Fino a papa "Francesco" che vuole rivoluzionare la Chiesa nel suo nome e che benedice il rito Pachamama proprio il 4 ottobre, giorno di San Francesco.
    Non era un tipo facile il Santo di Assisi, quando era il momento di dire basta lo diceva. Mandava i frati eretici o maldicenti da "fra' Giovanni il pugilatore", chiamato così perché li gonfiava di botte "aiutandoli" a convertirsi. Fece mettere in catene due frati che modificarono la regola durante una sua assenza.
    Insomma non vorrei che San Francesco abbia smesso di proteggere come Patrono la nostra Italia, consegnandoci a tutte le diavolerie che abbiamo attribuito a lui.
    Perché c'è quel famoso detto: "scherza con i fanti, ma lascia stare i santi" che non va mai dimenticato; ma sei un po' bestia e vuoi proprio scherzare con un santo, io San Francesco lo lascerei per ultimo.

    RispondiElimina
  30. Per chi vuole approfondire i fatti di questi tre mesi:
    -> autopsie vietate: perchè ?
    https://www.affaritaliani.it/blog/cose-nostre/covid-19-le-autopsie-non-vanno-fatte-ordine-del-ministero-della-salute-671347.html?refresh_ce
    -> Dott. Stefano Montanari, la verità sul Covid 19
    https://www.youtube.com/watch?v=SPBHR_72Xf0&feature=youtu.be
    -> uno dei tantissimi esempi di false informazioni TERRORISTICHE a sostegno dell'UNICA malattia dichiarata esistente in Italia: il covid (sparite tutte le altre cause di morte: varie malattie gravi NON PIU' CURATE, in favore del covid) https://www.youtube.com/watch?v=hErqT2AatQY
    -> studio del dott. Pasquale Bacco: il virus era già tra noi da ottobre e la popolazione aveva sviluppato gli anticorpi, quindi il contagio eventuale non era da considerare "pandemico":
    LO STUDIO CHE SMENTISCE TUTTO ► "Vaccino inutile! Covid virus banale che da solo non uccide nessuno" https://www.youtube.com/watch?v=4pGEVzZh-e0&t=625s
    -> Avv. Polacco: svelato il mistero delle cremazioni
    https://www.youtube.com/watch?v=Flq1Tat7dfQ
    Polacco: "Quanti sono i morti da coronavirus?" (19.05.20)
    https://www.youtube.com/watch?v=ieqgbsf_ReU
    ecc. ecc.

    RispondiElimina
  31. Presidente Mattarella non vorrei distoglierla dal suo torpore... ma Lei si sta accorgendo di quanto sta succedendo in Italia?
    Non ha nulla da dire?

    RispondiElimina
  32. anonimo 19,13, mi ha fatto pensare con la sua elencazione che era studiato da tempo anche il francesco di oggi….da quanti decenni! .. ed infatti ricordo che un giornalista nel 2005 disse di Ratzingerin tv (messaggio in codice forse), non s e l'è sentita di prendere il nome di Francesco ma il francesco era già predisposto per il 13 marzo 2013 numero cabalistico, in doppio peraltro il non francesco e d il francesco.

    RispondiElimina
  33. Latrati fascio comunisti

    Paolo Auriemma, capo della Procura di Viterbo, e Luca Palamara, leader della corrente di Unicost, in un dialogo su Whats up

    Auriemma: "Mi dispiace dover dire che non vedo veramente dove Salvini stia sbagliando. Illegittimamente si cerca di entrare in Italia e il ministro dell'Interno interviene perché questo non avvenga. E non capisco cosa c'entri la Procura di Agrigento".
    Palamara: "Hai ragione. Ma adesso bisogna attaccarlo".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Salvini...adesso bisogna attaccarlo". Lo hanno fatto: il virus in Italia è localizzato infatti in Lombardia. Non c'è stato bisogno di processarlo. Era molto più ghiotto usare tutto il resto

      Elimina
  34. La deriva della magistratura è il primo problema del paese.. Se è vero che " non tutti i giudici sono così " le scelte fondamentali in campo etico ed economico del paese dipendono dalla corrente più ideologica della magistratura

    RispondiElimina
  35. L'ideologizzazione della magistratura è un fatto gravissimo che mostra che in questo paese giustizia non c'è. Nè potrà mai esserci se la separazione dei poteri non sarà doverosamente rispettata.

    RispondiElimina
  36. Chi dovrebbe sorvegliare e far rientrare gli sconfinamenti di campo tra i diversi poteri dello stato evidentemente è organico allo sconfinante partito/stato.

    RispondiElimina
  37. Dopo la pandemia22 maggio 2020 10:54

    ... Sul piano politico ed economico con la pandemia mi pare che si affaccino due gravi minacce. Una nasce dall’emergenza sanitaria e l’altra dall’emergenza socioeconomica che ne è derivata. Da un verso la restrizione di libertà primarie, di diritti elementari come uscire di casa, camminare, fare sport, spostarsi, andare a messa, imposta dalla necessità e osservata per paura. In una chiave orwelliana, potrebbe essere la prova generale di una specie di totalitarismo sanitario, nato dallo stato d’eccezione e dalla necessità di tutelare la salute dei cittadini, ma poi protratto in forme più soft, indirette, meno vistose ma inquietanti di controllo della popolazione, di limitazione degli spostamenti, tracciabilità della nostra vita, più la possibilità di revocare la libertà ogni qual volta che sia in pericolo reale o presunto la nostra incolumità. E’ un’ipotesi inquietante ma non surreale: qualcuno potrebbe pilotare, manipolare, usare, se non addirittura innescare, un’emergenza sanitaria rispetto a cui vengono sospese le libertà, i diritti, la democrazia.

    A questa preoccupazione ne segue l’altra: la catastrofe economico-sociale prodotta dal blocco delle attività, potrebbe innescare, dopo l’invocazione di piani Marshall velleitari (chi dovrebbe garantirlo se tutti i paesi sono sfibrati dalla crisi?) un tentativo di ridistribuzione forzosa dei danni indotti su tutta la popolazione, fino a instaurare una specie di comunismo “sanitario”, che darebbe a tutti un reddito universale di cittadinanza, ridistribuendo i redditi, livellando ogni attività. Una specie di comunismo sorto nel nome delle tante persone che hanno perso aziende, attività, lavoro. Saremmo ben oltre la patrimoniale, perché si ridisegnerebbe in modo egualitario la società.

    Questa ipotesi corrisponderebbe a una ridefinizione del capitalismo dentro una gabbia statuale, come accade già nel modello maocapitalista cinese. Questo si ripercuoterebbe sugli equilibri planetari: la crescita del modello asiatico, l’egemonia della Cina comunista, la caduta di leadership degli Stati Uniti, il crollo dei paesi stroncati dalla crisi petrolifera, a partire dall’Iran, l’Europa divisa e in ginocchio. A favore della leadership cinese ci sarebbe anche il fattore demografico e il controllo di continenti come l’Africa, oltre che una quota rilevante del debito americano nelle mani cinesi. Naturalmente ci sarebbero troppe variabili da valutare: il ruolo della Russia e dell’India in questo processo, la reazione degli Usa e di paesi come il Giappone. Ma cambieranno gli assetti geopolitici mondiali.

    Una sola certezza possiamo trarre da uno scenario in ebollizione e in mutamento: la vita è sospesa nei giorni di quarantena, ma la storia ha ripreso il cammino. Perché la storia si nutre di sangue, cammina sui morti, regge sulla forza, sulla paura e sulle radicali mutazioni. Dopo la pandemia, verrà il brusco risveglio della storia. Sembrava finita la storia. Ora torna impetuosa e bussa alle porte del comune destino.

    Marcello Veneziani, Mondo nuovo (maggio 2020)

    RispondiElimina
  38. Temo che vi sia un "problemino" più grande delle meschinerie italiane:

    -c'è odio a Cristo, generalizzato (i cristiani veri se ne accorgono, lo avvertono).

    -la Chiesa universale è inclinata all'eresia e all'apostasia in parte della gerarchia.

    -Satana, anche quando raggruppa le forze, non può esimersi da essere diviso in se stesso

    -ergo, il mondo è sull'orlo di una guerra, di quelle brutte, tra i vari cattivi.

    Poi c'è una certezza, che non è solo consolatoria:

    -Dio tiene saldamente le redini della storia e questo male concorrerà a un bene maggiore.

    RispondiElimina
  39. Ho letto i commenti,
    vedo con piacere che tanti veri cattolici si stanno svegliando, trattasi di un'Operazione di modificazione dell'Umanità per accompagnarla verso l'Apocalisse, ce lo dicono pure chiamando Luciferase il trasmettitore che manda i segnali introdotti nel tuo corpo col vaccino al sistema centrale che potrà fare quello che vuole di te, col numero di brevetto 666 per ID2020 di Gates, col numero 666, ad un progetto di legge presentato alla Camera dei Rappresentanti USA, numero anche qui 666, per rendere obbligatorio il Bill-Vaccino.
    Da cattolici, c'è bisogno d'altro? E' proprio una sfida a Dio.

    RispondiElimina
  40. Tanti amici mi hanno detto di aver paura non del contagio ma di rimaner fuori o peggio di far qualcosa che non va (anche chi fa comunione alla mano) e per questo resteranno in fondo alla chiesa. Cosa potrei dire loro?

    RispondiElimina
  41. @ Rr 21 maggio h.17.40

    A Modena culla della nientitudine sardinesca sta bene così, mi spiace per dei carissimi amici non bonaccioni che non hanno casa, le comunali qui tra 1 anno e mezzo, alle regionali un trionfo della Lega e pensare che Salvini non ha potuto tenere alcun comizio né in piazza né in teatri e cinema cmnq.il nostro sindy è a fine mandato quindi non rieleggibile e ultimamente si è dato molto da fare per tentare di salvare la stagione, ma è dura visto che a BO meno sentono parlare di noi meglio stanno.Un caro saluto dalla Romagna solatia dolce paese che vive momenti non belli e l'autunno porterà ulteriori problemi......kl

    RispondiElimina
  42. "Serpeggia nella Chiesa, da qualche anno, un odio ingiustificato a quelle che, spregiativamente, sono indicate come “regole”. Si vuol far passare l’idea che chi ama la dottrina o la legge sia un fariseo, attaccato solo all’esteriorità del culto. Non è esattamente così: anche se è vero che tutti i farisei amano l’esteriorità, non è affatto vero il contrario e, cioè, che tutti gli amanti della dottrina siano farisei".

    Silvio Brachetta

    RispondiElimina
  43. Però, quanto a farisaismo, per distribuire la comunione al tempio del virus, gli stessi, proprio loro, hanno inventato persino le regole che non ci sono nel protocollo... e le fanno rispettare ricorrendo a solerti guardie del tempio, inflessibili sui (loro) comandamenti!

    RispondiElimina
  44. https://youtu.be/SvwmT9jWTEU
    Messaggio di Delpini a conclusione del Ramadan
    L'arcivescovo di Milano si dovrebbe solo vergognare

    RispondiElimina
  45. Oggi Gesù sacramentato viene offerto ai fedeli come ostia consacrata con un guanto monouso. Sembrerebbe una grave eresia se non fosse che alle ns debolezze e paure il Signore risponde sempre con misericordia. Lui ci ricorda che per la ns salvezza ha dovuto sopportare: Insulti, percosse ,umiliazioni, e la morte in croce. Lo ringraziamo nuovamente per questa Sua misericordia che gli fa chiudere gli occhi, e che ci permette di continuare a vivere da oltre duemila anni.
    Resta il fatto che questa “umiliazione” l’abbiamo subita tutti noi cristiani, ed in particolare i sacerdoti che avendo giurato l’obbedienza si sono dovuti adeguare (fatta qualche eccezione per quelli tradizionalisti ).
    E’evidente che se il ns Dio Onnipotente, ha permesso questa “umiliazione” per noi vuol dire una cosa sola:” Dio permette il male ma non lo fa trionfare, e anzi lo trasforma in bene, come solo Lui può fare . Egli vuole corregge gli errori dei figli…” Purtroppo ci sono figli che non accettano la correzione e si continuano nell’errore….
    Questa umiliazione serve a correggere il peccato della superbia. In questo caso soprattutto la superbia maschile.
    Ponete questa domanda a qualunque sacerdote cattolico: ”Maria Santissima Madre di Dio è degna di officiare/celebrare la s.Messa ? E di conseguenza le donne consacrate (martiri e sante ) possono? Maria Santissima Madre della Chiesa è degna di ricevere il titolo di “Corredentrice” e di conseguenza la Chiesa di Gesù (martiri e santi ) può ricevere questo titolo?
    Pandemia , umiliazioni a livello mondiale (…) siamo vicini alla fine dei tempi ? : Si.
    24 maggio 2020,
    S. Maria Ausiliatrice prega per noi

    RispondiElimina
  46. Ieri prima messa domenicale.
    Accoglienza gentile, dispenser automatico per il gel, posto assicurato.
    Hanno distanziato i banchi per poterci inginocchiare senza problemi, praticamente un banco sì e uno no. Non eravamo troppi quindi ci siamo seduti tutti.
    Poi, alla comunione, il celebrante si sposta a lato dove su un tavolino c'era l'igienizzante coi guanti. Si infila (a me sembra di malavoglia un po' bastonato) un solo guanto e si avvia per i banchi a distribuire le ostie alle persone che restavano al loro posto.
    Che dire?
    Ma non dicono che il virus ha perso aggressività?
    Al Sud non c'è mai stato, eppure hanno dovuto sopportare gli stessi sacrifici della Lombardia.

    RispondiElimina
  47. Guardando dalla parte dei Parroci :
    Il fatto e' che sono tra l'incudine ( dei superiori) e il martello dei fedeli possibili Giuda ( delatori )

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori del blog.