Pagine fisse in evidenza

martedì 29 settembre 2020

La bufala, inventata dagli LGBT, delle zone LGBT-Free polacche

Dalle segnalazioni dei lettori. "Dalla von der Leyen a Biden, i potenti accusano la Polonia di avere zone "Lgbt free", peccato che la notizia sia falsa e sia stata creata da un attivista arcobaleno. I leader del mondo non hanno nemmeno verificato il fatto e lo hanno usato per promuovere diritti per i poveri discriminati (che discriminati non sono). E poi si chiedono perché il popolo accusato di "complottismo" non si fida di certi poteri." 

«Le zone Lgbt free polacche, semplicemente, non esistono. Proprio così: si tratta di una mostruosa montatura finalizzata a dare un’ulteriore stretta di vite alla libertà di pensiero in Europa e nel mondo a proposito dell’omosessualismo. Mi spiego: prima delle ultime elezioni presidenziali polacche, il presidente di Varsavia Trzaskowski, concorrente di Duda, ha approvato una «dichiarazione Lgbt+»; in risposta a questa iniziativa, diversi Comuni polacchi hanno approvato una «carta dei diritti della famiglia» a sostegno della famiglia naturale. Bene: l’attivista omosesssualista polacco Bartosz Staszewski ha cominciato a girare per questi Comuni attaccando, al loro ingresso, un cartello giallo con scritto, in varie lingue, «Lgbt free zone», zona libera da LGBT. Ripeto, nel caso non fosse chiaro: nessun comune polacco ha mai dichiarato il suo territorio «Lgbt free zone»: è stato un attivista gay polacco ad attaccare quei cartelli e a fotografarli. Quei cartelli esistono, le zone «Lgbt free zone» non esistono, nessun Comune polacco vieta nulla a nessun cittadino polacco o di qualsiasi altra nazione. 
Ma è possibile? Staszewski può fare una cosa del genere? Ovviamente no! Infatti è stato denunciato sia per aver appeso abusivamente dei cartelli alla segnaletica stradale; sia per aver falsamente accusato le amministrazioni di questi Comuni di incitamento all’odio nei confronti di persone Lgbt. Nonostante queste denunce, Staszewski ha proseguito il suo «progetto fotografico» (come lui stesso lo definisce) e visto che se ne frega delle conseguenze giudiziarie della sua azione, è legittimo il sospetto che abbia le spalle coperte.»

7 commenti:

  1. ...certo è che hanno stufato con i loro ani al vento.

    RispondiElimina
  2. Dice bene Anonimo. Coprono le opere d'arte, tripudio di bellezza, per non offendere i musulmani e poi permettono le nudità più provocatorie e le pose più abominevoli nei gay-pride...

    RispondiElimina
  3. Oggi ricordiamo San Michele Arcangelo

    Sancte Míchaël Archángele, defénde nos in prœ́lio, contra nequítiam et insídias diáboli esto præsídium. Imperet illi Deus, súpplices deprecámur: tuque, Princeps milítiæ cœléstis, Sátanam aliósque spíritus malígnos, qui ad perditiónem animárum pervagántur in mundo, divína virtúte, in inférnum detrúde. Amen.

    San Michele Arcangelo, difendici nella battaglia, sii presidio contro la malvagità e le insidie del diavolo. Che Dio lo dòmini, supplici preghiamo: e tu, principe delle milizie celesti, per mezzo della divina potenza, rinchiudi nell'inferno Satana e gli altri spiriti maligni, che per la perdizione delle anime vagano per il mondo. Amen.

    RispondiElimina
  4. San Michele Arcangelo è psicopompo, è il Vincitore perché è tra gli Arcangeli e a capo delle schiere angeliche, il Servo più perfetto dopo la Regina degli Angeli.
    Ci ricorda in ogni momento il senso della storia, il meccanismo della storia, così come della nostra vita personale.
    Egli ci è a fianco nella nostra buona battaglia di milites Christi per combattere il male, il mondo, noi stessi, per godere del trionfo finale, individuale e sociale.
    Egli ci dà la chiave per capire gli eventi presenti.
    Egli ci ricorda che dobbiamo schierarci. Sempre. Chi non si schiera, è già schierato. Soprattutto oggi.
    Egli ci guida in terra e al Cielo.
    San Michele Arcangelo, guidaci tu: qui e ora, fino al trionfo finale.

    RispondiElimina
  5. Ad superna semper intenti29 settembre 2020 10:15

    Ecco una persona carina che Bergoglio senz'altro riceverebbe, tanto più che è perseguitato, poverino, e appartiene alle periferie esistenziali!
    Il cardinale cinese, invece, può aspettare alla porta anche un secolo. A Bergoglio non gliene importa nulla!

    RispondiElimina
  6. Chi e' come Dio ?29 settembre 2020 11:02

    https://www.facebook.com/SenatorePillon/photos/a.1733953453546911/2725085471100366/?type=3&theater

    Famiglia ultimo atto ?
    Il Signore non lo permettera' !

    RispondiElimina
  7. Buon combattimento con i santi Angeli , carissimi cristiani !29 settembre 2020 11:56

    “Tutti hanno ora l’opportunità di esprimere ai santi angeli la loro venerazione e gratitudine e di raccomandarsi alla loro intercessione cercando aiuti a questa chiesa e partecipando ai meriti della sua costruzione"
    Sant'Arnoldo Janssen
    https://it.aleteia.org/2019/08/19/san-michele-angeli-sant-arnoldo-janssen/

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori del blog.