Pagine fisse in evidenza

venerdì 19 aprile 2019

La Via Crucis della Settimana Santa brutalmente strumentalizzata. Etiam si omnes, ego non

Un Venerdì Santo davvero anomalo. Si tratta dell'ultima di troppe anomalie che siamo costretti a registrare da un tragico 13 marzo di sei anni fa... Sei anni che per la vita ecclesiale equivalgono ad  un'era geologica, tante sono le evoluzioni - o meglio le rivoluzioni -  innescate o esplose. A me erano bastati gli inediti di quel primo Giovedì Santo [qui - qui].... Ora, da ieri, su tutti gli organi di stampa rimbalza la notizia che 
La Via Crucis al Colosseo, cui parteciperà il Papa come ogni anno sarà declinata con un duro j'accuse alla politica dei porti sbarrati voluta dal Viminale.... Una scelta chiara quella di Papa Francesco che dà voce a quella Chiesa che da tempo si schiera sul fronte dell'accoglienza e delle porte aperte... Poi il testo arriva a toccare in modo diretto il tema della chiusura dei porti: "L'esempio di Maria e delle discepole testimoni della sofferenza e della morte di Gesù ci ispiri a impegnarci a non far sentire la solitudine a quanti agonizzano oggi nei troppi calvari sparsi per il mondo, tra cui i campi di raccolta simili a lager nei paesi di transito, le navi a cui viene rifiutato un porto sicuro, le lunghe trattative burocratiche per la destinazione finale, i centri di permanenza, gli hot spot, i campi per i lavoratori stagionali". Poi il testo, lungo 61 pagine, lancia un appello ai potenti della Terra perché possano cambiare le politiche legate alla gestione di questa emergenza: "La Croce di Cristo illumini le coscienze dei cittadini, della Chiesa, dei legislatori e di tutti coloro che si professano seguaci di Cristo, affinché giunga a tutti la Buona Notizia della redenzione" [qui].
Mi rifiuto di partecipare a una passeggiata politica (oltretutto ideologica e di bassa lega) e non ad una Via Crucis, posto che la Via Crucis è tutt'altro e la Redenzione anche, soprattutto perché è la liberazione dalla schiavitù del peccato operata dal Sacrificio unico e irripetibile di Nostro Signore senza cui nessuna giustizia potrà mai realizzarsi nella storia dell'uomo, che diventa storia di Salvezza se orientata a Dio-Trinità, portata a compimento e rivelata nel Signore Gesù, Vero Uomo e Vero Dio. Il resto è spazzatura anche se viene dal Soglio da cui non ce lo si dovrebbe aspettare, al quale peraltro fanno eco fin troppi vescovi e sacerdoti. L' ossessione immigrofila purtroppo è risuonata anche nella Messa del Giovedì Santo del card. Bassetti: “I migranti sono una risorsa. Il fatto emigratorio è un’osmosi”. E così davvero hanno passato il segno e proprio in un momento tremendamente delicato sia sullo scacchiere geopolitico internazionale che per il nostro attuale governo.... Il che già di per sé è scorretto; ma è ancor più grave che, anziché contemplare il grande mistero del momento culminante della nostra redenzione, si lancia un messaggio politico-sociologico, immigrazionista e globalista, che tra l'altro di fatto favorisce proprio quella tratta apparentemente condannata a parole!

Un conto è attualizzare con esempi di drammi umani la meditazione dei momenti della Via Dolorosa, un altro conto è enfatizzare i drammi umani, distogliendo dal vero Protagonista e distorcendo lo scopo della secolare devozione, che è quello di guidare l’immedesimazione dei fedeli con la Passione del Signore, per interiorizzarla sempre più  e muovere all'adorazione. E dunque questa volta non ci sarà la mia presenza, per quanto poco rilevante, neppure attraverso la TV.

56 commenti:

  1. Ogni giorno, in Francia vengono mediamente vandalizzate tre chiese, quasi sempre ad opera di quelle che il Cardinal Bassetti definisce "risorse".
    E che dire di Suor Eugenia Bonetti, incaricata di scrivere le meditazioni (sulle prostitute!), che ha dichiarato che questa Via Crucis: "Non deve essere una Via Crucis teologica, ma pastorale". Incommentabile.
    Silente

    RispondiElimina
  2. Il giorno della Passione di Cristo l'attenzione del mondo è concentrata sui cambiamenti climatici, e quella delle gerarchie ecclesiastiche sui migranti.

    RispondiElimina
  3. Mi permetto di segnalare il mio commento all'indecorosa propaganda immigrazionista:
    https://opportuneimportune.blogspot.com/2019/04/una-via-crucis-in-cui-cristo-e-solo-il.html

    RispondiElimina
  4. http://www.lanuovabq.it/it/che-calvario-la-via-crucis-in-cui-cristo-e-solo-un-pretesto

    RispondiElimina
  5. La Croce di Cristo illumini tutti19 aprile 2019 20:07

    "Entrando nel triduo pasquale mi domando chi siano oggi i cristiani, cosa significhi oggi essere cristiani, in cosa si differenzino, come siano riconoscibili oggi i cristiani. Il Venerdì Santo è l’unico giorno in cui non sia troppo difficile darsi una risposta: cristiani sono coloro che oggi digiunano. "

    Se è possibile essere cristiani e querelare Costanza Miriano, essere cristiani e spronare una fanatica ambientalista a proseguire nel suo fanatismo, essere cristiani e prodigarsi per l’islamizzazione d’Europa, essere cristiani e vegani o anche solo vegetariani, essere cristiani e innalzare, forse pure soltanto applaudire, edifici più alti della Madonnina, essere cristiani e affittare uteri, essere cristiani e volere i negozi aperti la domenica, essere cristiani e sposare una persona del proprio sesso, essere cristiani e boniniani, biodinamici, astrologici, astemi, cremazionisti, abortisti, roussoviani, pelagiani, è possibile essere cristiani e anticristiani al contempo. Siccome, per il principio di non contraddizione, è impossibile che ciò sia possibile, entrando nel triduo pasquale mi domando chi siano oggi i cristiani, cosa significhi oggi essere cristiani, in cosa si differenzino, come siano riconoscibili oggi i cristiani. Il Venerdì Santo è l’unico giorno in cui non sia troppo difficile darsi una risposta: cristiani sono coloro che oggi digiunano.
    https://www.ilfoglio.it/preghiera/2019/04/19/news/in-che-modo-si-riconoscono-il-venerdi-santo-i-cristiani-250499/#.XLlyIlEsp_8.facebook

    RispondiElimina
  6. Oggi pomeriggio, solita parrocchia del solito quartiere "bene" della solita città "bene", rossa, bianca, e di qualunque altro colore serva. Il commento alla Via Crucis è scandaloso, ed anziché raccoglimento e meditazione sembra fatto per attizzare odio (come se verso le gerarchie ecclesiastiche non ve ne fosse gia' abbastanza). Giganteggiano frasi demenziali, involontariamente comiche, come l'"economia sommersa" della Grazia, si dichiara che madre di ogni male è" la mentalità borghese" (?! Dove esiste più) e si ribadisce ancora una volta la centralità della figura del migrante, sostenendo che siamo tutti chiamati "ad un compito epocale" (svuotare l'Africa?!). Per finire, meravigliosa incitazione a non arrabbiarsi e disperarsi "se si sono subito dei tracolli e si è perso tutto". Forse, nella città dove la banca fallita vede da sempre le manovre del locale Arcivescovado, é un invito a cedere alla legge del Menga?

    RispondiElimina
  7. Confidiamo in Dio che scrive anche in obliquo .
    Lui sa !
    https://www.vaticannews.va/it/vaticano/news/2019-04/meditazioni-via-crucis-suor-eugenia-bonetti-donne-schiave-tratta.html#play

    RispondiElimina
  8. Non una parola, da nessuna parte, sulla Via Crucis personale di quei Bambinelli che dal caldo ventre materno sono strappati a forza e smembrati da medici indegni di questo titolo. Oggi preghiamo per loro, Angeli innocenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Martiri. Sono martiri. Il sangue versato per opera di chi odia Colui che è la Verità e la Vita da luogo ad un martirio. I martiri innocenti,anche se davanti al Santo dei Santi nessuno lo è,ingrossano le fila del Sabaoth. Miliardi di dannati e servi dell'Assassino sin dal principio, richiedono un esercito adeguato. Scusate, umani pensieri ove non si può scrutare la Volontà dell'Eterno ...

      Elimina
  9. Quando la Chiesa era Cristocentrica, la Passione e la Morte di Nostro Signore Gesù Cristo erano l'oggetto delle meditazioni della Via Crucis. Ora, nella Chiesa antropocentrica, l'oggetto delle meditazioni sono gli invasori afro-musulmani e le meretrici.
    Silente

    RispondiElimina
  10. https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/04/19/alessandro-maria-montresor-cure-finite-guarito-al-100-puo-tornare-a-casa/5124268/

    RispondiElimina
  11. Colosseo, Venerdì Santo, si parla di politica.

    RispondiElimina
  12. Ho letto le meditazioni per la via Crucis al Colosseo, scritte da una religiosa fortemente impegnata nel campo dell’assistenza alle donne vittime della tratta.

    Credo che per la prima volta da molti anni non parteciperò, neanche come spettatore televisivo, a questo evento.

    Non voglio dare il mio appoggio, per minuscolo che possa essere, di audience o di presenza a quello che mi appare come uno spot al business dell’immigrazione, uno spot di carattere ideologico e politico, ma di politica bassa bassa.

    Do per scontata la buona fede di tutti.

    Capisco che la Chiesa ha visto, vede assottigliarsi – e speriamo sparire – una fonte di introiti non piccola grazie al blocco dell’immigrazione clandestina.

    So che – vuoi per cortigianeria vuoi per interesse vuoi per demagogia vuoi per vicinanza a un’area politica piuttosto che un’altra – la Chiesa ha deciso di lanciare un messaggio politico sociologico mondialista e immigrazionista, favorendo così proprio quella tratta che a parole sembra condannare.

    E di cui secondo me si troverà a rendere conto di fronte alla Storia. Come bene ha spiegato Laurent Dandrieu nel suo bel libro “Église et immigration, le grand malaise; le pape et le suicide de la civilisation européenne”. Che, stranamente, non riesce a trovare un editore italiano…

    Ma strumentalizzare in questo modo totale e totalizzante la Via Crucis della Settimana Santa!

    Beh, padroni di farlo; ma senza la mia infinitesimale, trascurabilissima presenza. 
    Marco Tosatti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido totalmente, bravo. Auguro a tutti che questa pasqPa segni l'inizio di una nostra resurrezione😊

      Elimina
  13. UNA VIA CRUCIS BEN POCO DI CRISTO

    Qualcuno... sì, Qualcuno, che tanti, tanti anni fa come stasera fu messo nel sepolcro, un giorno disse così:
    «Ciò che esce dall’uomo è quello che rende impuro l’uomo. Dal di dentro infatti, cioè dal cuore degli uomini, escono i propositi di male: impurità, furti, omicidi, adultèri, avidità, malvagità, inganno, dissolutezza, invidia, calunnia, superbia, stoltezza. Tutte queste cose cattive vengono fuori dall’interno e rendono impuro l’uomo».
    E già, per quanto importanti, non sono certo le strutture sociali più o meno sbagliate a contaminare l'uomo, non sono certo quelle a costituire Il Male.
    E il Vangelo non è stato proclamato per difendere gli immigrati e i poveri e i diritti umani.
    Nostro Signore Gesù Cristo non è venuto al mondo per contrastare disuguaglianza e sfruttamento. È venuto al mondo, invece, per liberare l'uomo dal peccato e per salvare le anime.
    Certo, se potessimo vivere in una società più giusta sarebbe molto meglio, perché se è vero che questa è una valle di lacrime e un luogo di passaggio, è proprio qui, nella concretezza di questo mondo, che dobbiamo lottare per il Regno Sociale di Cristo e per sollevare il prossimo dal dolore per quanto ci è possibile...
    MA...
    Mi piacerebbe che il Santo Padre venisse almeno una settimana al posto di un ispettore del lavoro, a prendere le denunce di sfruttamento di gente assoldata a giornata per pochi euro; a mettere d'accordo il datore di lavoro strangolato dalle tasse con il dipendente che da mesi non riceve lo stipendio; ad accogliere il pianto della badante moldava che subisce il dumping sociale delle badanti russe; ad ascoltare lo sfogo del medico africano che constata l'ingiusto trattamento di favore riservato ai clandestini, lui che in Italia c'è entrato con fatica dalla porta principale e non può far venire qui i suoi cari; a confortare il piccolo imprenditore edile che non capisce perché non posso applicare un contratto collettivo che non lo riduca sul lastrico; a verbalizzare la richiesta d'intervento del camionista angosciato di provocare un incidente, costretto a lanciare il tir con rimorchio in autostrada per rispettare i tempi di consegna...
    Mi chiedo: lo farebbe, il Santo Padre? Ne sarebbe disposto (io lo faccio da trent'anni, quasi)?
    Perché si fa presto, a parole, a ridurre tutto il cattolicesimo a questo. E però il cattolicesimo non equivale a questo tipo di soccorso, cioè, senz'altro non solo a questo, che rappresenta unicamente una minima parte della sua epifania.
    Il cattolicesimo è ben altro, come ho già ricordato sopra.

    E una Via Crucis come quella che si è potuto seguire stasera in TV è del tutto inaccettabile...

    RispondiElimina
  14. Cari amici, dire che i migranti sono “i nuovi crocefissi di oggi”, non è solo blasfemo, è innanzitutto del tutto infondato, è soprattutto un crimine perché istiga a emigrare, promuove l’esodo di decine di milioni di persone, mette a repentaglio la nostra sicurezza e il futuro dei nostri figli.
    Questo Papa è parte integrante di una strategia immigrazionista finalizzata alla eliminazione degli Stati nazionali e delle identità localistiche per promuovere un Nuovo Ordine Mondiale assoggettato alla grande finanza speculativa globalizzata con una umanità omogeneizzata e omologata, all’insegna di un meticciato globale. Questo Papa ha fatto dell’accoglienza dell’immigrato un dogma di fede, ha santificato l’immigrato concependolo come Gesù indicato come l’immigrato eccelso, ha scomunicato i cristiani contrari alla follia dell’auto-invasione da parte di giovani africani nel pieno della fertilità maschile e prevalentemente musulmani.
    Trasformare anche il Venerdì Santo, la commemorazione della passione e della morte di Gesù, in una ennesima ossessiva propaganda politica a favore dell’accoglienza dei migranti, significa non avere più rispetto per Gesù Cristo ed aver venduto l’anima alla più pericolosa strategia di annientamento non solo della nostra civiltà ma della Chiesa cattolica stessa. Papa Francesco va denunciato e contrastato. Dobbiamo manifestare in modo organizzato e pubblico il nostro dissenso dalla strategia immigrazionista, globalista, relativista e islamofila che oggi ha in Papa Francesco il suo più autorevole e fervido promotore.
    Magi Cristiano Allam

    RispondiElimina
  15. Il migrante come nuovo crocifisso è la conferma palese del cambio di religione della neo-chiesa.
    I trafficanti umani sono gli apostoli, gli scafisti i discepoli.
    Tutti noi che ci opponiamo saremmo Caifa, Pilato, Erode, ecc.
    Diciamo che io mi tengo la Chiesa di sempre, e tutto torna al suo posto.
    In attesa della Pasqua. (MV)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma queste parole diciamoglile in faccia ai nostri parroci, vescovi, cardinali e papi (plurale?), che sappiano che non ci imbrogliano tanto facilmente, che sentano il disprezzo dei veri cattolici (l'odio per il male, anche impersonato, è doveroso).

      Elimina
  16. Dopo 8 anni i vescovi cambiano lo slogan (e le pubblicità tv) per la raccolta di donazioni. I filmati raccontano «un Paese dove per entrare basta essere umani, che offre a italiani e stranieri lo stesso amore». A pagare, però, siamo sempre noi.

    RispondiElimina
  17. Bravissimi i Parroci della mia Città che ieri alla Processione del Cristo Morto ( i fedeli sono ritornati numerosissimi!) hanno reintrodotto la devozione e la preghiera: il Santo Rosario, le Litanie a Gesù Crocifisso, le Litanie al Preziosissimo Sangue). Portata in processione anche la Reliquia della Santa Croce come avveniva "in tempore belli et persecutionis". Una stupenda lezione di fede ! Grazie ai Parroci!
    (Andrea Carradori - Tolentino)

    RispondiElimina
  18. Virgo vírginum praeclára,
    mihi iam non sis amára,
    fac me tecum plángere.

    Fac, ut portem Christi mortem,
    passiónis fac consòrtem
    et plagas recólere.

    Fac me plagis vulnerári,
    cruce hac inebriári
    et cruòre Fílii.

    Flammis ne urar succènsus [Inflammatus et accensus],
    per te, Virgo, sim defénsus
    in die iudícii.

    RispondiElimina
  19. Per 20 aprile 2019 07:55

    Ah che bella consolazione !
    Grazie 1000 per la Sua testimonianza !
    Madre di Dio , rendi ardenti i cuori dei Tuoi figli !

    RispondiElimina
  20. Una suora può essere esempio di avvenuto stupro mentale, con conseguente, cercata, voluta sua prostituzione verbale, nel cupio dissolvi, dell'auto-distruzione di se stessa, stupro agito e prostituzione innestata dal maschio, rinnegato, venduto, dissoluto, sempre infame, clerico-comunista-massone-globalista-multiculti.

    RispondiElimina
  21. Altro che pastori con l'odore delle pecore!
    Questi puzzano di caprone lontano un chilometro. E non si illudano che il ricoprirsi con pelli di agnello (= l'uso strumentale di casi di povere vittime) possa annullare il tanfo che dà nausea.
    Signore, fino a quando?

    RispondiElimina
  22. Si alternano pagliacciate a gretinate (Greta) da parte di adulti che hanno tanto potere politico e mediatico quanto poco senso del ridicolo.La tratta delle prostitute nigeriane da chi viene organizzata? Perché è verissimo che il loro viaggio per l'Italia è drammatico ma è altrettanto vero che quelli che lo organizzano sono contrastati più da Salvini che da tutti quelli che ieri se ne riempivano la bocca a sproposito.Queste poverine non sono sfruttate dagli italiani ma dai nigeriani inutile nasconderlo perché lo sanno tutti.

    RispondiElimina
  23. Grande Blondet:
    " Chi si ostina a guardare l’aspetto meramente giuridico e canonico del caso Bergoglio può disputare all’infinito sul fatto che un eretico possa esser Papa, se decada o meno dal Papato, se debba esser deposto da un Concilio o dal Sacro Collegio: non risolverà il problema che ormai chiunque ammette, e cioè che sul Soglio siede un individuo che, Papa o antipapa che sia, sta demolendo le ultime vestigia della Chiesa, trasformando l’unica Arca della salvezza in un postribolo ecumenico in cui tutti hanno accoglienza, ad eccezione dei Cattolici."
    https://www.maurizioblondet.it/due-commenti-sul-gesto-di-francesco/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanche Alessandro VI è riuscito a distruggere la Chiesa che é di Cristo ci sono moltissimi laici che sono più santi di tanti vescovi e preti il papà lo giudicherà Dio a sua tempo

      Elimina
  24. Il Venerdì Santo, ai piedi di Gesù agonizzante sulla Croce, Maria SS.ma, San Giovanni apostolo ed evangelista e Santa Maria Maddalena hanno formato la prima GUARDIA D'ONORE AL SACRO CUORE, rendendo GLORIA, testimoniando AMORE e offrendo RIPARAZIONE a Cristo. È soltanto alla metà dell'Ottocento, però, che un'umile visitandina del monastero di Bourg-en-Bresse, in Francia, suor Maria del Sacro Cuore Bernaud, ebbe l'ispirazione di formare una GUARDIA D'ONORE composta da tutti coloro, presbiteri e laici, che, in spirito di adorazione e riparazione, volessero offrire un'ora al giorno, tutti i giorni, a tener compagnia a Gesù immolato per noi sugli altari eucaristici. Come Maria SS.ma, San Giovanni e Santa Maria Maddalena gli hanno tenuto compagnia ai piedi della Croce, così i membri della Guardia d'onore svolgono lo stesso devoto e caritatevole ufficio ai piedi dei sacri tabernacoli.
    All'inizio della sua "ora di guardia" (che dev'essere sempre la stessa; se ce ne si dimentica non si commette peccato ma occorre offrire l'ora appena ce ne si ricorda) la guardia d'onore si pone in ispirito ai piedi dei sacri tabernacoli ov'è custodito Gesù sacramentato e, senza nulla mutare delle proprie occupazioni ordinarie, nel corso dell'ora rivolge spesso il proprio pensiero a Gesù, offrendogli tutto ciò che sta compiendo in quel momento (doveri di stato, lavoro, studio, preghiera, pene, ecc.) al fine di rendergli gloria, testimoniargli amore e offrirgli riparazione. La guardia potrà di tanto in tanto recitare qualche giaculatoria, ma non è strettamente necessario: spirito della devozione è infatti alimentare una comunione costante e ininterrotta fra l'anima e Gesù, a prescindere dalla preghiera vocale. Ogni respiro, ogni battito del cuore della guardia sarà, in quell'ora, un'offerta delle Preziosissime Gocce di Sangue e di Acqua fuoriuscite dal Sacratissimo Costato di Cristo per i bisogni della Santa Chiesa.
    La guardia potrà scegliere di offrire anche un'ora supplementare della propria giornata, che è detta "ora di misericordia", durante la quale si impegnerà a pregare - anche mentalmente - per uno o più peccatori, di propria conoscenza o meno, al fine di implorare la misericordia di Dio per costoro e la grazia del ravvedimento e della conversione. Sarà bene, durante l'ora di misericordia, pregare anche per gli agonizzanti, le anime del Purgatorio e i sacerdoti.
    La guardia d'onore non deve sentirsi indegna di svolgere un tale ufficio! Gesù vuole che tutti i suoi fratelli gli tengano compagnia! E poi, le guardie d'onore hanno dei santi patroni che certamente otterranno loro la grazia di crescere in sapienza e santità e di "prestare servizio" come guardia in maniera più che soddisfacente, supplendo con le loro virtù e meriti alle nostre debolezze e miserie: Maria SS.ma Addolorata, San Giovanni, Santa Maria Maddalena, San Giuseppe, San Francesco d'Assisi, San Francesco di Sales, Santa Margherita Maria Alacoque ...
    Le guardie d'onore celebrano con particolare devozione la ricorrenza del primo venerdì del mese e la festa del Sacro Cuore.
    Numerose sono le indulgenze accordate agli iscritti.
    Se desiderate maggiori informazioni, o se volete iscrivervi alla Guardia d'onore, avete tre possibilità:
    - iscrivervi presso il registro tenuto dai Padri Camilliani: http://www.sancamillo.org/Guardia-d-Onore/Guardia-d-Onore.htm
    - iscrivervi presso il registro tenuto dalle Figlie del Cuore di Gesù: http://www.figliedelcuoredigesuvenezia.it/?id=7&lang=it
    - contattare le Suore Consolatrici del Sacro Cuore (FSSPX) all'indirizzo email consolatrici@gmail.com

    RispondiElimina
  25. LA PROFANAZIONE DELLA VIA CRUCIS
    IN MONDOVISIONE
    SU RAI UNO

    RispondiElimina
  26. ""Come aveva ragione il Card. G. Biffi, quando diceva che ormai per tanti cristiani Gesù era diventato solo un pretesto per parlare di altro!
    Ormai accade sempre di più, e perfino nel Venerdì Santo, nella Via Crucis, in cui il protagonista è messo da parte per ben altri soggetti che ne hanno preso il posto.
    Ma è Lui che ci ha redenti! E' Lui che ci ha riscattato a caro prezzo, con il Suo sangue!
    Non si può restare indifferenti: Gesù Cristo non si può mettere in secondo piano perfino nel giorno della sua Passione!
    Signore, abbi pietà di noi!""

    RispondiElimina
  27. https://www.thetrumpet.com/20519-catholic-bishop-if-europe-disappears-islam-will-invade-the-world

    RispondiElimina
  28. Volevo mantenere il silenzio pasquale ma quello che ho visto ieri seta mi impone di dire qualcosa: quello che è troppo è troppo!!
    Da tempo, ho risolto il mio problema di convivenza con Papa Francesco cercando di non ascoltare mai quello che dice perché voglio mantenere la fede e non arrabbiarmi.
    Ieri sera purtroppo ho fatto l'errore madornale di vedere una parte della la Via Crucis, finché ho resistito: o meglio, la tv era sintonizzata su quel canale e, distratto da altre cose, non me n'ero accorto.
    Quando anche il mio cervello si è collegato con quello che diceva la tv non ci volevo credere: per me è stato uno shock maggiore che vedere Notre Dame in fiamme!!
    Il passaggio fondamentale della vita di Gesù e di un cristiano ridotto a uno zerbino di un problema politico e visto sotto un'ottica disgustosa.
    Il martirio di Gesù trasformato in una favoletta buonista a far da sottofondo a dei personaggi in massima parte arroganti e violenti, che vengono qui col telefonino in mano, ben vestiti e dopo aver fatto un viaggio che costa migliaia di euro, e quindi non poveri, per commettere innanzitutto il reato di clandestinità, e poi dichiarandosi falsamente profughi per farsi mantenere senza la minima intenzione di integrarsi ma avendo come orizzonte di imporre l'Islam, per bruciare e vandalizzare chiese e cimiteri appena saranno in numero sufficiente per farlo, per vivere di espedienti e con lo spaccio di droga, per picchiare, intimorire, violentare e uccidere ?

    Papa Francesco, detto da bolognese, di cuore: mo va ban a caghér !!
    Detto invece da cristiano, ieri sera ho visto con una chiarezza disarmante, più di quanto non avessi già visto, compiersi davanti ai miei occhi tutte le profezie anticristiche.
    Cosa c'è infatti di più anticristico di strumentalizzare Gesù per cause umane, per giunta sbagliate ?

    Papa Francesco trasforma la Via Crucis in una propaganda politica a favore dell’accoglienza dei migranti concepiti come “i nuovi crocefissi di oggi".
    ( dalla pagina Facebook "L'ultimo esorcista" )

    RispondiElimina
  29. Prima c'erano i profeti... poi i saggi... dopo il papa attuale... Anche gli scienziati... I guerrafondai, I dittatori, i grulli, i buonisti, i radical chic e infine il mondo è in mano ai bambini seguaci della Greta...

    RispondiElimina
  30. https://opportuneimportune.blogspot.com/2019/04/et-procidens-adoravit-eos-lumiliazione.html

    RispondiElimina
  31. Se il capo di stato vaticano continua a fare "comizi" per il partito democratico, prevedo una crescita esponenziale per uno dei partiti al Governo!

    RispondiElimina
  32. https://www.radiospada.org/2019/04/trailer-v-giornata-radiospadista/

    RispondiElimina
  33. Buon giorno. Oggi giorno di silenzio. Questo è il periodo in cui un Cristiano, se crede sul serio, si concentra sulle ultime ore di dolore della vita di Cristo. Adoramus te, Christe, et benedicimus tibi: quia per sanctam Crucem tuam redemisti mundum. Questa è la formula che si è ripetuta per secoli che è l’essenza del Cristianesimo. La Via Crucis non è l’occasione per parlare di altro. Nella Via Crucis, dall’amore di Cristo, nascerà la Carità. Carità cristiana e solo carità cristiana. Una carità fatta in nome di Cristo che abbia come primo scopo far amare Cristo a colui che viene soccorso e solo come secondo scopo soccorrerlo. Una carità fatta non in nome di Cristo dove Cristo non viene nominato, nel cristianesimo non ha valore. Cristo viene a convertire, non a fondare una onlus, viene a salvare le anime. Una carità imposta dallo stato, senza nemmeno il nome di carità , ma il nome più laico e forse un pochino massonico di solidarietà e accoglienza, non ha valore Cristiano. Durante la Passione di Cristo si ricorda solo Cristo, con l’unica eccezione di coloro che muoiono e soffrono per Lui, che oggi vengono perseguitati e uccisi, i nigeriani bruciati nelle loro chiede, i copti fatti saltare nelle loro. Il giorno della Passione si ricorda Cristo e chi è morto per Lui.
    (Silvana De Mari)

    RispondiElimina

  34. Domani, S. Pasqua, 21 aprile, Natale di Roma

    Domani, Pasqua di Risurrezione, è il 21 aprile, natale di Roma.
    Fondata nel 753 a. C. in quel giorno, secondo la tradizione.
    Non è sicura al cento per cento ma è ritenuta accettabile.
    Chi ama i simboli, può ricordare, nella data della S. Pasqua di domani,
    il trapasso dalla Roma pagana alla Roma cristiana; dall'impero
    politico, amministrativo, militare di Roma all'impero solo spirituale del
    Romano Pontefice, della Chiesa cattolica, per la salvezza di tutte
    le nazioni.
    L'attuale decadenza del papato e della gerarchia cattolica non
    può cancellare la storia, dalla quale dobbiamo anzi trovare nuova forza
    per reagire vittoriosamente alla corruzione presente.

    RispondiElimina
  35. La Passione di Cristo è finita, continua quella dei cristiani. Tre chiese in Sri Lanka piene per la funzione pasquale colpite da bombe. Non sono morti nel Mediterraneo quindi di loro importerà poco sia alle gerarchie religiose che a quelle politiche. Ricordiamoli noi. Sono morti durante la Messa Pasquale, dopo la confessione in attesa della Comunione, con una porta spalancata su un’eternità di luce. I feriti, quelli che piangono i morti sono nei nostri cuori. Colpiti anche tre alberghi: la colpa imperdonabile di essere stranieri, infedeli. Alziamo i ponti levatoi, costruiamo muri. Il Nemico si traveste da agnello bisognoso di aiuto per entrare dentro le porte, il lupo si traveste da agnello misericordioso per far entrare il nemico dentro le porte.

    RispondiElimina
  36. Affari Italiani ha pubblicato ieri i dati auditel relativi a venerdì scorso. Interessanti anche alla luce delle polemiche legate al taglio estremamente politico – quasi oserei dire partitico – voluto per le meditazioni di quest’anno. Un taglio rilevato da molti giornali, in particolare da quelli in quota PD e sinistra in generale. 
    3.696.000 spettatori alla Via Crucis quest’anno. 4.473.000 l’edizione dell’anno scorso. Quasi ottocentomila spettatori in meno.

    RispondiElimina
  37. Chi ama i simboli, può ricordare, nella data della S. Pasqua di domani,
    il trapasso dalla Roma pagana alla Roma cristiana; dall'impero

    Oggi purtroppo sembra di assistere al passaggio inverso: dalla Roma cristiana si è tornati alla Roma pagana.

    RispondiElimina
  38. VIA CRUCIS

    Venerdì scorso, al Colosseo, è andata in scena una falsa Via Crucis che, benché mestamente attesa in quei modi, ha fatto scandalo.

    Eccola, dunque - con un curioso slittamento temporale che noi cristiani leggiamo come un segno - la VERA via Crucis. Quella del dolore di Dio, della morte del giusto, della vittima innocente.

    La gioia della Pasqua si associ dunque alla preghiera per i fratelli cristiani che oggi, in un solo momento, hanno vissuto il venerdì della morte e la domenica della vita.
    "Come agnelli in mezzo ai lupi" sono stati scannati; come martiri hanno già ritrovato il loro Re risorto.
    (cit John B. Keating)

    RispondiElimina
  39. Stasera in un servizio di rai1 sugli attentati in Sri Lanka, nei quali sono stati trucidati vigliaccamente oltre 180 cristiani (compresi donne e bambini) a motivo della nostra fede in Gesù Cristo, riconosciuti di chiara ed inequivocabile matrice islamica, ho dovuto ascoltare le vergognosissime dichiarazioni di un "vescovo cattolico" che (negando la mattanza per motivi religiosi) invitava al perdono e all'accoglienza. Questi mistificatori della verità, oltre ad aver perso la fede nell'Unico Vero Dio, Uno e Trino, hanno perso l'uso della ragione (e con essa il sano discernimento).

    RispondiElimina
  40. "Mentre celebriamo la risurrezione del figlio di Dio, i terribili attacchi nello Sri Lanka mostrano ancora una volta come i seguaci di Cristo sono in tutto il mondo le vittime di azioni folli e selvagge. Condanno questa barbara violenza islamista. Preghiamo".
    Cardinale Robert Sarah

    Almeno npmina i responsabili!

    RispondiElimina
  41. I giornalisti asserviti lo chiamano estremismo religioso, il papa sinistrorso drammatico evento, gli Uomini liberi la chiamano VIOLENZA ISLAMISTA, grazie cardinale Sarah.

    RispondiElimina
  42. Le interpretazioni dell'incendio, spirituali, religiose, morali, sono solo superstizioni, così i sinistri. Loro le hanno superate da tempo superstizioni, fisime, ubbie, pregiudizi, dopo aver fasciata, stretta, la testa intera con l'ideologia, così da veder chiaro.

    RispondiElimina
  43. Quanto garbo e quanta accortezza nella scelta degli aggettivi da parte di chi attraverso la scrittura fa delle parole lo strumento del suo mestiere. Sto parlando dei cosiddetti giornalisti che pur di non nominare l’islam, probabilmente per paura, per incompetenza, per sottomissione al politicamente corretto inventano una nuova categoria di terrorismo: il terrorismo religioso. Come se il terrorismo fosse una orrenda variante di una qualsivoglia religione. Ebbene miei cari “giornalisti, oltre alla penna per scrivere dovreste utilizzare la ragione per capire che quello voi pavidamente definite terrorismo religioso correttamente si definisce terrorismo islamico che fa riferimento cioè all’islam, ideologia di violenza, terrore e morte legittimati pienamente da ciò che prescrive Allah nel Corano e da ciò che ha detto e fatto Maometto. Dunque, o cambiate aggettivo utilizzando islamico anziché religioso o cambiate mestiere.

    RispondiElimina
  44. E che dire di Hillary Clinton e Barack Obama, che nel loro tweet di condoglianze per gli attentati terroristici dello Sri Lanka non riescono a scrivere manco la parola "cristiani" e si inventano di sana pianta il neologismo "Easter worshippers". Adoratori della Pasqua. Sembrano due personaggi usciti da un romanzo gotico dell'800. O se preferite due demoni del film l'Esorcista. Pure il nome cristiani gli da fastidio.

    RispondiElimina
  45. APPELLO AI CARDINALI URBI ET ORBI:

    https://www.arcsanmichele.com/index.php/apologetica/42-difesa-della-fede/12062-urbi-et-orbi-appello-ai-cardinali

    RispondiElimina
  46. Che i dem volessero e facessero di tutto per eliminare i Cristiani dalla terra l'avevamo capito... Intanto cominciano ad eliminarne il nome.

    «Ad Antiòchia per la prima volta i discepoli furono chiamati Cristiani.»
    At 11,26

    «In nessun altro c'è salvezza; non vi è infatti altro nome dato agli uomini sotto il cielo nel quale è stabilito che possiamo essere salvati»
    Atti 4,12

    «... umiliò se stesso facendosi obbediente sino alla morte e alla morte in croce. Per questo Dio l'ha esaltato e gli ha dato il nome che è al di sopra di ogni altro nome; perché nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghi nei cieli, sulla terra e sotto terra; e ogni lingua proclami che Gesù Cristo è il Signore, a gloria di Dio Padre.»
    Filippesi 2,8-11
    (Sara Fumagalli)

    RispondiElimina
  47. Anche il Whashington post ribattezza i cristiani "Adoratori di Pasqua"

    Tourists, Easter worshippers lament closure of Notre Dame
    https://www.google.it/amp/s/www.washingtonpost.com/amphtml/world/europe/tourists-easter-worshippers-lament-closure-of-notre-dame/2019/04/20/38d12960-6355-11e9-bf24-db4b9fb62aa2_story.html

    Si auspica l'adeguata reazione, in primis, dei cattolici americani...

    RispondiElimina
  48. Effetto del 6 politico ?

    Dove, naturalmente, l’ignoranza ambientale ha voluto la sua parte di ridicolo. Prima, i propagandisti piddini hanno scritto Co2 invece che CO2, annunciando una lotta senza quartiere alla molecola del Cobalto (simbolo chimico Co); poi hanno corretto i manifesti, facendo peggio: se si riducessero “a zero” le emissioni di ossido di carbonio, moriremmo tutti. Ci verrebbe vietato infatti di respirare, perché con questa deplorevole attività fascistoide, esaliamo CO2 dai polmoni. Per fortuna, non Cobalto però.

    https://www.maurizioblondet.it/perche-greta-non-va-in-cina/

    Cari piddi , avete gia' fatto abbastanza , godetevi i frutti del vs.sfibrante lavoro , ritiratevi per un meritato riposo....

    RispondiElimina
  49. http://www.ilgiornale.it/news/mondo/lalt-right-inchioda-i-liberal-usa-non-usano-parola-cristiani-1683045.html

    RispondiElimina
  50. Se vogliamo dirla vera, le tragedie di Pasqua, precedute dalla Via Crucis, si sono consumate prima, in nuce, tra molti altari e moltissimi amboni modernisti, global/ CVIIisti.

    Ancora non si è capito che, se rinunciamo ad essere Cattolici, le parole non vere, ipocrite, diventano boomerang ciechi, micidiali per chi capita, capita.

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori del blog.