Pagine fisse in evidenza

sabato 31 agosto 2019

Il trionfo - così sembra - dei catto-dem, che viene da lontano. Ma non in nostro nome.

Aggiorniamo il nostro bollettino di guerra e proseguiamo con le  informazioni, condivisioni ed analisi sul garbuglio che si va dipanando in queste ore. I precedenti più recenti qui - qui - qui.

Un puzzle dalle molte tessere che solo ora, per chi non fosse addentro alle segrete cose, stanno andando al loro posto. Con una ingerenza del papa e del Vaticano nella politica, anche e soprattutto del nostro Paese, che definire 'a gamba tesa' è un eufemismo. La nostra è l'epoca del sovvertimento e dell'inversione dei valori. Ma non in nostro nome. Erga si omnes ego non
per Conte il rosario va bene;
perché per Matteo Salvini no?
Una 'consultazione' inconsueta, ma non la meno importante, il designato premier l'ha fatta ieri in Vaticano, in occasione dei funerali del suo mentore, il card. Achille Silvestrini. 
Apprendendo chi era costui, come indicato dopo alcune riflessioni preliminari, ci rendiamo conto che Biarritz (con l'investitura Trump/Macron) e i precedenti baciamano europei sono solo l'ultimo atto di un copione già scritto, che passa sulla testa dei comuni mortali segnandone le sorti, attraverso gli strati di potentati che si interpongono fra i cittadini e i centri decisionali.
Dunque ieri, tra molte fibrillazioni, si è consumata l'ennesima rappresentazione di un deplorevole gioco delle parti la cui cabina di regia risiede altrove, a livello sovranazionale, gestito solertemente dalle sponde nazionali che hanno il potere di oltrepassare le scelte dei cittadini.
Ora è del tutto chiaro e  viene persino riconosciuto in una trasmissione televisiva: "Esiste un ordine mondiale e  Salvini era un problema" [qui]. Aggiungo un altro elemento. Il famigerato Oettinger, colui che sosteneva con fare minaccioso che i mercati avrebbero insegnato agli italiani come votare [qui], anche lui ora benedice il governo Conte/bis. Ieri evocavamo l'inquietante analoga approvazione di Junker.  Insomma è il governo della classe dominante. E, se se ne parla apertis verbis ormai senza perifrasi, significa che la morsa si va stringendo. Siamo forse alle battute finali? Ho voluto inserire l'interrogativo perché tutto realisticamente lo farebbe pensare o forse è spes contra spem; ma non voglio arrendermi e ancora spero che intervenga qualcosa a sparigliare i giochi. Perché comunque si tratta di un gioco sporco e, come tale sarà difficile da concludere ma ancor più difficile da gestire.
Tornando all'incontro di ieri, non è stato un endorsement, ripetono in Vaticano: "Pochi minuti assieme, un paio di fotografie di rito e il dono di un rosario da parte del pontefice". Piccola chiosa amara: per Giuseppe Conte il rosario va bene; per Matteo Salvini è un simbolo che non può entrare in campo. Ma c'è di più. Ora decifro con chiarezza l'equazione che era stata posta da un lettore :
Mafia San Gallo [qui - quiqui - qui - qui - qui]   <--->  Bergoglio
Villa Nazareth [qui - qui - qui]  <--->  Giuseppe Conte
Infatti apprendiamo:
"Nel giorno dell’apparente trionfo del suo “figlioccio” Giuseppe Conte è morto il cardinal Achille Silvestrini – amico di Sergio Mattarella, di Romano Prodi, del cardinale Parolin- e “che di Conte è stato il mentore dagli anni in cui frequentava il collegio di Villa Nazareth, il prelato a cui più di tutti il premier incaricato deve le sue entrature ecclesiastiche”. 
Silvestrini è ben descritto anche nell’articolo di Nico Spuntoni: "In morte di Silvestrini, regista del gruppo di San Gallo".  Completato qui.
Ieri mattina è morto all’età di 95 anni il cardinale Achille Silvestrini. Grande amico di Prodi, era considerato una sorta di padre spirituale del centrosinistra italiano. Pare che spinse per la scomunica di Lefebvre, contro il parere di Ratzinger. Assieme agli altri membri del “gruppo di San Gallo” cercò, nel 2005, di stoppare l’elezione di Benedetto XVI e nel 2013 accolse con favore quella di Bergoglio.
Riprendo la segnalazione di Giuliano Guzzo, corredata dell'immagine ripresa a lato : 

"Repubblica di oggi, pagina 3. Il governo giallorosso è un desiderio di Angela Merkel, che fa personalmente pressioni a colpi di telefonate. Chi vuole esser maggiordomo della Germania si accomodi pure. Io no".

<--- clicca sull'immagine per ingrandire

E ora si chiarisce anche la ragione per cui Salvini ha fatto saltare il banco: Conte e Tria, senza consultare il governo, hanno fatto accordi con la UE.
C'è una lettera. Niente procedura d'infrazione ma manovra concordata senza Flat-tax e inchinandosi al fiscal compact.
L'articolo di cui all'immagine a lato, tratto da La Verità, illustra doviziosamente l'accaduto e le implicazioni.

 clicca sull'immagine per ingrandire ---->

175 commenti:

  1. Mic scrivi:

    "...o forse è spes contra spem"

    Io, a questo punto, permettimi, direi piuttosto:

    "spes contra dem" ;)


    Ps Conte tra ieri e oggi intanto ha tenuto in pratica le due consultazioni più importanti per lui (almeno in Italia e nella Città del Vaticano, intendiamoci) cioè ieri con Bergoglio e stamattina con Mattarella. Per prendere dritte di peso su come fare cio che DEVE fare.Chi ha orecchi intenda.

    RispondiElimina
  2. Comunque vada, l'Italia farà da apripista anche delle nostre radici cristiane, in Europa.

    RispondiElimina
  3. affaritaliani.it/blog/lampi-del-pensiero/conte-ha-la-benedizione-dei-poteri-forti-c-e-un-ordine-mondiale-da-mantenere-622820.html?fbclid=IwAR3cCx0ttJtefO4Y8RAQc26

    RispondiElimina
  4. Come volevasi dimostrare

    Il presidente Trump non avrebbe mai dato il suo endorsement a questo governo se avesse saputo che tipo di governo era. Un governo che non condivide le politiche trumpiane, un governo contro il patrimonio, pro Cina e pro immigrazione incontrollata.

    - Steve Bannon, la Verità 31.08.2019

    RispondiElimina
  5. E, tanto per cambiare31 agosto 2019 13:58

    Il Papa celebrerà una messa speciale in Vaticano per ricordare al mondo che l’emergenza sui migranti è ancora una ferita aperta. In occasione della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, il 29 settembre prossimo.

    RispondiElimina
  6. La senatrice Monica Cirinnà annuncia il programma arcobaleno del nuovo governo. Dal bavaglio sull'omofobia, al fine vita, al gender, alla cannabis per tutti, alle adozioni per gli omosessuali, i pentastellati e il PD parlano già a una sola voce. Silenzio assenso del Vaticano.
    https://www.laverita.info/accordo-svelato-bimbi-ai-gay-e-droga-libera-2640109915.html

    RispondiElimina
  7. Aldo Maria Valli.
    Perché Bergoglio non va in Argentina. E quelle voci così poco agiografiche in una cupa Buenos Aires
    https://www.aldomariavalli.it/2019/08/28/perche-bergoglio-non-va-in-argentina-e-quelle-voci-cosi-poco-agiografiche-in-una-cupa-buenos-aires/

    RispondiElimina
  8. A proposito di umanesimo31 agosto 2019 14:10

    Conte evoca il Nuovo Umanesimo (non meglio identificato, verosimilmente quello antropocentrico dei catto-progressisti come lui)

    I santi, che ho brevemente ricordato,(Edith Stein, e M. Kolbe) ci fanno riflettere sulle profonde divergenze che esistono tra l’umanesimo ateo e l’umanesimo cristiano; un’antitesi che attraversa tutta quanta la storia, ma che alla fine del secondo millennio, con il nichilismo contemporaneo, è giunta ad un punto cruciale, come grandi letterati e pensatori hanno percepito, e come gli avvenimenti hanno ampiamente dimostrato. Da una parte, ci sono filosofie e ideologie, ma sempre più anche modi di pensare e di agire, che esaltano la libertà quale unico principio dell’uomo, in alternativa a Dio, e in tal modo trasformano l’uomo in un dio, ma è un dio sbagliato, che fa dell’arbitrarietà il proprio sistema di comportamento. Dall’altra, abbiamo appunto i santi, che, praticando il Vangelo della carità, rendono ragione della loro speranza; essi mostrano il vero volto di Dio, che è Amore, e, al tempo stesso, il volto autentico dell’uomo, creato a immagine e somiglianza divina. BENEDETTO XVI - Angelus - Domenica, 9 agosto 2009

    RispondiElimina
  9. P. Livio ieri ha fatto un video dal titolo

    "NUOVO UMANESIMO IN SALSA ANTICRISTICA"

    https://youtu.be/PJqUQe8NRg0


    in cui lo analizza nel dettaglio e fin dalle sue origini, prendendo spunto proprio da quell'espressione usata nuovamente da Giuseppe Conte, che ovviamente lo stesso p. Fanzaga cita più volte. E mettendoci in guardia circa l'inganno che si nasconde dietro tale
    ( apparentemente elegante e dai più apprezzabile) espressione.

    Direi quindi non male stavolta p. Livio. Speriamo sia segno di un suo definitivo risveglio anche e soprattutto nei riguardi della "politica" bergogliana, tutta volta a sviluppare e a consolidare (come Paolo VI e anzi ancor di piu) la visione totalmente orizzontalistica del cristianesimo, e arricchita nel frattempo pure da immigrazionismo, globalismo, terzomondismo spinti, annullamento delle identita e sovranita degli Stati ecc .

    RispondiElimina
  10. L'Espresso non perde occasione per esaltare Conte e denigrare Salvini

    "Le larghissime intese di Giuseppe Conte, l'uomo che piace a tutti. Forse a troppi

    L’avvocato pugliese è partito come vice dei suoi vice. Ma giorno dopo giorno, mentre Salvini faceva dirette su Facebook, lui ha tessuto reti, da Trump al Vaticano. E Il resto è venuto da sé
    ...."

    Fa finta di non sapere che quelle intese non nascono ora ma vengono da lontano, come mostra il nostro articolo.

    Salvini, invece, l'auterolezza e il consenso se li è guadagnati, e ne guadagnerà ancora, sul campo, in piazza e al governo...

    RispondiElimina
  11. Il cardinale Montenegro (di Agrigento):

    "Fate subito scendere i migranti!"

    http://www.ansa.it/sicilia/notizie/2019/08/31/card.-montenegro-fate-scendere-migranti_1947c37e-bfe7-408d-abf0-03530fbf4561.html

    RispondiElimina
  12. Mic,
    l’ Espresso e Repubblica sono la stessa cosa. Stesso padrone. Stessa m...a
    Rr

    RispondiElimina
  13. Una nota a piè di pagina a proposito di un personaggio che più di una notarella non merita: padre Livio Fanzaga, patron della ormai modernista Radio Maria. Costui condanna, in una ipocrita dichiarazione, il costituendo (sperem de no) governo: "adozioni gay, eutanasia, droga libera. Verrà messa a rischio la libertà di educazione dei genitori". Conte è allievo di Edgar Morin, "uno dei maestri dell'impostura anticristica". Tutto giusto, tutto bene. Peccato che questo pseudo-conservatore sia quello che ha cacciato dalla radio pensatori tradizionalisti come Gnocchi, Palmaro, de Mattei e persino "moderatissimi moderati" come Barra. Poi il Nostro parla bene, e ti pareva, di Francesco e della sua Laudato si'. Questo papolatra antitradizionalista, (e San Pio X diceva che il Cattolicesimo è tradizionalista) non si rende conto che tra gli ispiratori anticristici di questo possibile governo c'è proprio il presunto Regnante Pontefice.
    In fondo, questo prete che non si veste mai da prete ma da postino, svolge in piccolo, mutatis mutandis, lo stesso ruolo della mai rimpianta Democrazia Cristiana: prendere fedeli conservatori e trasformarli, con un "trasbordo ideologico inavvertito", in perfetti modernisti.
    Silente

    RispondiElimina
  14. LA NUOVA PESTE DELL'OCCIDENTE NON PIÙ NEL CORPO MA NELLA MENTE:
    UN SUICIDIO DI MASSA
    (egoismo,edonismo,droghe, animalismo, Gender)

    RispondiElimina
  15. Mi chiedo che razza di cattolici siano quelli che strizzano l'occhio a leggi contro la Vita e plaudono alla folle accoglienza!

    RispondiElimina
  16. Ringrazio Silente dell'aggiornamento. Di padre Livio non so nulla, tranne quelle notizie filtrate dalla cronaca, perché non ascolto, né ne avrei il tempo, Radio Maria

    RispondiElimina
  17. Dorotea Lancellotti31 agosto 2019 14:59

    RIFLESSIONI VALIDE PER OGNI MOMENTO DI CRISI POLITICA ITALIANA ED EUROPEA, ED ANCHE ECCLESIALE…. con Preghiere speciali per questi tempi:
    - Le Litanie della attesa per la Patria triste
    - San Giuda Taddeo Patrono dei casi difficili – Novena e Preghiera
    - La potente Novena a san Michele Arcangelo
    - Litanie Domenicane o dei Frati Predicatori latino-italiano
    https://cooperatores-veritatis.org/2018/02/11/preghiamo-tutti-insieme-per-la-nostra-italia/

    RispondiElimina
  18. Servono i Salmi imprecatori!31 agosto 2019 15:07

    http://m.ilgiornale.it/news/2019/08/31/i-vescovi-dettano-la-linea-accoglienza-e-via-sicurezza-bis/1746004/

    I vescovi dettano la linea: "Accoglienza e via Sicurezza bis"

    RispondiElimina
  19. A Conte ormai non interessa piu nulla dei 5S. Egli vuole diventare in prospettiva (ormai vicinissima) il nuovo punto di riferimento di tutto il "mondo catto-dem" (come li ha definito mic). Una ooerazione spregiuducata presumibilmente ideata e avallata dagli eurocrati tecnocrati finanzieri ecc della UE in aggancio alle massime cariche istituzionali (e finanziarie) anche nostrane.

    Percio Renzi, che ha fatto di tutto per farlo restare a guidare il governo ribaltone 5S-pd pur di non andare al voto, presto si renderà conto che "Giuseppi" (alla Trump ;) gli sta già sottraendo via via spazi di manovra e di nuova visibilita proprio in quell'area che il senatore toscano in primis vuole da tempo egemonizzare. Ma evidentemente ha fatto i conti senza i consueti potentati, un tempo amici (ma adesso in piu ci sono pure i vertici della falsa chiesa) e che però nel frattempo hanno cambiato cavallo per cercare di continuare a perpetrare i loro disegni sull'Italia.

    RispondiElimina
  20. Eh, Rosa Rosa, se quel giorno di meta' febbraio il "tuo" caro Ratzinger non avesse abbandonato il posto di guardia che gli era stato solennemente assegnato, lasciando così l'ovile in balia dei famelici lupi...

    RispondiElimina
  21. L'umanesimo si configura come opzione immanentistica, che pone al centro l'uomo, semidivinizzato, prometeico, spodestando la visione cristocentrica!... un discepolo di Cristo sa che per essere pienamente umani possiamo solo accogliere la grazia della redenzione, che ci è data dal Signore Incarnato Crocifisso Risorto e Asceso al Cielo!

    RispondiElimina
  22. IL PEGGIO DEVE ANCORA VENIRE
    di Egisto Mercati

    "Il nuovo governo che ancora deve definire gli uomini e gli assetti verosimilmente sarà molto spostato a sinistra e non è vero quanto ha dichiarato Di Maio, cioè che oggi si è post ideologici: né di destra né di sinistra.
    Sul lavoro, scuola, educazione, giustizia, temi etici sarà evidente la coesione culturale, questa si’ che ha radici comuni. Una cultura elitaria, radical socialista, estranea ai fermenti liberal popolari ancora presenti nel Paese.

    Una nuova destra non può nascere per incanto ed esige innanzitutto il sacrificio di mettere da parte protagonismi e rancori accumulati. Vi sono sulla scena formazioni nuove, tentativi magari ancora acerbi ma interessanti. L’idea di una confederazione che valorizzi fermenti ideali rivitalizzando un Centro capace di guardare ovunque novità politiche affiorino, che nutra simpatia collaborativa e progettuale con espressioni dei corpi intermedi può già essere la pietra di un nuovo inizio. Forte per tutti è il richiamo ad un serio e determinato impegno politico, possibilmente unitario."

    https://www.tempi.it/il-peggio-deve-ancora-venire/

    RispondiElimina
  23. rivitalizzando un Centro capace di guardare ovunque novità politiche affiorino

    Dovrei leggere tutto, ma da quel che è qui quotato potrebbe essere il 'canto delle sirene' della solita solfa catto-progressista... Quel fatidico Centro attualmente è individuabile nell'infido e camaleontico FI.
    Al momento, Salvini e Meloni (con chi vorrà affiancarli), con tutti gli affinamenti e la battaglia, anche culturale necessaria, e segnatamente sui temi etici, sono gli unici affidabili.

    RispondiElimina
  24. Ma di che parla il 'cattolico' Conte? di "Nuovo Umanesimo"? Ma non sa che è la 'religione' dell'uomo che si fa Dio (e quindi quella dell'Anticristo) contrapposta a quella del Dio che si fa uomo (e quindi quella Cristiana, di Cristo)? Può essere così ingenuo da non saperlo?
    (Salvatore Canto)

    RispondiElimina
  25. Alberto Bagnai
    Qualsiasi altra soluzione rispetto al voto sarebbe instabile e dimostrerebbe una pericolosa miopia. Cerchiamo di dare un orizzonte al nostro Paese. Una democrazia rappresentativa in cui il Parlamento non rappresenta più il Paese non può funzionare correttamente. A furia di nascondere la polvere sotto il tappeto, si rischia di inciampare…

    RispondiElimina
  26. Dopo l'odierno e lucido post di Di Battista, non ci sono più dubbi: i leader dei 5Stelle si sono accorti della truffa ordita da Renzi e Macron e non vogliono l'abbraccio col PD. A questo punto Mattarella dovrebbe prendere atto e mandare al voto. Non avviene perché la stampa e la sinistra ci raccontano che il nuovo leader dei grillini vuole l'alleanza-sudditanza col PD. E chi sarebbe il nuovo leader? Conte! E Chi lo ha scelto, visto che lui stesso fino a settimana scorsa si denifiniva un tecnico apartitico e diceva che il leader dei 5Stelle era Di Maio? Lo ha scelto il PD, quando dopo aver incassato il primo mezzo OK da Di Maio gli ha dato il benservito dicendo che non poteva fare il vicepremier perché In quota grillina c'era già Conte (un piddino in sonno) a fare il premier. Mossa geniale. Dal nulla il PD passava ad avere premier, vicepremier, tutti i ministri pesanti e il controllo del M5S. Ora però i legittimi vertici del movimento hanno capito la fregatura e non vogliono saperne. Come si fa a questo punto a continuare con Conte e non convocare elezioni? PS. Conte ha definito il voto su Rousseau come una cosa ormai "degradata". Rispettoso del "suo" movimento...
    Max Ferrari su Fb

    RispondiElimina
  27. Leggendo l'ultimo post, i 5stelle una soluzione ce l'hanno, se l'élite che li tiene in pugno lo permette, basta che sfiducino Conte in Parlamento. Se non lo permettesse perché collusa com'è probabile, occorre coraggio (è possibile che rischino di perdere non solo la poltrona ma di giocarsi il futuro politico) e voce della coscienza... se ce l'hanno!

    RispondiElimina
  28. Di Maio ha capito troppo tardi quel che Di Battista e Paragone avevano già compreso. Con la manovra Conte, il PD gli ha sfilato il movimento e ora Renzi lo telecomanda sfruttando l'attaccamento alle poltrone dei parlamentari grillini. Quel che è successo è incredibile: se qualcuno avesse imposto un estraneo come Conte alla guida della Lega, sarebbe scoppiata una rivoluzione dei parlamentari e della base, invece l'imposizione piddina di Conte alla guida del M5S è andata liscia come l'olio. Movimento 5 Stelle azzerato e inglobato al PD in pochi giorni con una manovra di Palazzo. Incredibile.

    RispondiElimina
  29. Per l'ordine mondiale il problema prima era Ratzinger, ora è Salvini, quindi via tutti, sul Britannia si decidono molte cose per l'Europa, sempre pro UK e USA, mai per noi, finché la Germania non crollerà. Silvestrini non era solo mentore di Conte, lo ha fatto studiare nel collegio da lui fondato per aiutare studenti non abbienti, Villa Nazareth, quindi tout se tient et les jeux sont faits.

    RispondiElimina
  30. Ormai Macron parla più del governo italiano che di quello francese. Ci vede come una nuova colonia africana, sgovernata da maggiordomi scelti a Parigi, da spolpare per tappare tutte le falle che lui crea in Francia. Il piano è quello di cannibalizzare la nostra industria, le nostre materie prime, i nostri risparmi, riempiendoci al contempo di migranti. Con la Lega non lo poteva fare. Per questo ha manovrato contro Salvini.
    Mac Ferrari

    RispondiElimina
  31. Con un po' di ritardo .31 agosto 2019 16:20

    Un uomo che è stato “espressione limpida della diplomazia umana e in dialogo con tutti della Santa Sede”, come ha ricordato il presidente della Comunità di Sant’Egidio, Marco Impagliazzo.
    https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/08/29/achille-silvestrini-morto-il-dialogo-col-blocco-sovietico-e-quello-tra-le-sponde-del-tevere-chi-era-il-cardinale-che-fu-ministro-degli-esteri/5418039/

    Grazie a Dio il mosaico si va componendo man mano che si aggiungono nuove tessere . Tutte di color rosso carminio o nero carbonaro . Con il buonsenso dei semplici basta vedere i nomi di chi parla e si espone in questo momento per capire quanta e da quanto tempo la gramigna avesse ormai ricoperto quasi del tutto la Sposa di Cristo nel neanche tanto velato tentativo di soffocarla , di non farla piu' respirare.
    Sara' stata la maledizione di Lutero ?

    Signore , benedici !

    RispondiElimina
  32. Scusate, scusa mic, ma la avverto solo io questa invisibile ma allo stesso tempo pesantissima cappa che sovrasta, schiaccia e soffoca?

    RispondiElimina
  33. L'appassionato appello di Salvini a Mattarella affinche ci faccia votare...

    https://m.facebook.com/salviniofficial/photos/a.10151670912208155/10156889489018155/?type=3&theater

    ...aspetta e spera Matteo!

    RispondiElimina
  34. Scusate, scusa mic, ma la avverto solo io questa invisibile ma allo stesso tempo pesantissima cappa che sovrasta, schiaccia e soffoca?

    La vedo, la sento, la soffro, la offro...

    RispondiElimina
  35. La cannabis light "batte" Salvini: i giudici riaprono i negozi
    Nonostante la Cassazione abbia emesso una sentenza contro la vendita dei prodotti della canapa, i giudici ai quali si sono rivolti i negozianti vanno contro: non sono stupefacenti

    tgcom24.mediaset.it/cronaca/la-cannabis-light-batte-salvini-i-giudici-riaprono-i-negozi_3229044-201902a.shtml

    Tutto biecamente calcolato. Così aumenteranno le persone anestetizzate, non reattive, sia giovani (speranza del futuro) che adulte (certezza del presente)...

    RispondiElimina
  36. Massimo Giannini ammette che le élite mondiali vogliono il governo giallo-fucsia. Ieri sera, a “In Onda” anche Myrta Merlino riconosce apertamente che “i potenti del mondo, che esistono, stanno evidentemente supportando il Conte 2”. Repubblica oggi – non La Verità, Repubblica – parla esplicitamente delle telefonate della Merkel perché il “governo deve farsi a tutti i costi”.
    https://oltrelalinea.news/2019/08/31/elite-ammettono-di-volere-il-governo-giallo-fucsia/

    RispondiElimina
  37. https://lascuredielia.blogspot.com/2019/08/diosalvi-litalia-ci-siamo-occupati.html#comment-form

    RispondiElimina
  38. Ho aggiornato l'articolo con elementi e immagini ricevute successivamente.

    RispondiElimina
  39. Anonimo 17:11
    conosco quell'articolo e ora ho letto i commenti. Non l'ho pubblicato di proposito perché non condivido la valutazione su Salvini che, se fosse supportata da prove (e non da illazioni) la accetterei, mentre abbiamo molte prove della sua buona volontà che non era e non è solo 'campagna elettorale'... Di fatto ha avuto le mani legate ed è stato aggredito anche mediaticamente e stoppato in molti modi ("giustizia" compresa!)...
    A conclusione di questo articolo ho pubblicato la prova più eclatante del perché ha staccato la spina e il perché del momento in cui lo ha fatto!

    RispondiElimina
  40. Comunque è amaro e desolante aver dovuro assistere specie in qussto ultimo anno a così tanti insulti carichi di odio e risentimrnto irrefrenabile - non solo da parte di giornali e media in genere, ma anche di moltissimi semplici cittadini commentatori sotto articoli e posts faziosi di articolisti noti e meno noti - verso un uomo, Salvini, per aver SOLO cercato di difendere TUTTI NOI, e a dispetto di larga parte di oppositori potentissimi scorretti e senza scrupoli, da nuove invasioni barbariche e da ingerenze soffocanti di altre Nazioni e varie forze esterne (pur con la accondiscendenza e lo
    sfacciato aiuto di élites interne).
    Si non so voi, ma io continuo ad esserne assai amareggiato sconcertato e sconfortato.

    RispondiElimina
  41. continuo ad esserne assai amareggiato sconcertato e sconfortato.

    Sarebbe strano il contrario... Ma non lasciamoci schiacciare, rialziamo la testa e ripartiamo. C'è molto da fare. Intanto con la 'buona battaglia' personale e, poi, con la preghiera e con la testimonianza a 360° nel nostro ambito...

    RispondiElimina
  42. n. 2 di voi si fanno vedere favorevoli all'accordo con il PD.
    n.2 di voi si fanno vedere contrari all'accordo con il PD.
    n.2 di voi si fanno vedere favorevoli all'accordo con la Lega.
    n.2 di voi si fanno vedere contrari all'accordo con la Lega.
    Ci facciamo vedere tutti volenterosi e pieni di ogni amor per l'Italia, tutto per gli Italiani.
    E il gioco è fatto, mischiamo le carte e continuiamo a governare, stipendiati, ben vestiti, riveriti, ecc, ecc. Un domani, in base all'aria che tira, facciamo vedere che, comunque sia, qualcuno di noi era favorevole o contrario.E così non perdiamo consenso e continuiamo ad rimanere in auge.
    Prima eravamo tutti, o quasi, disoccupati e sconosciuti, ora abbiamo le persone che stanno tutte a vedere cosa facciamo e diciamo.
    Ora il mondo è cambiato, qualche anno fa dovevamo fare la rivoluzione, ma sapete tutti, che il mondo va veloce, per cui è tutto cambiato, infatti siamo pronti per un nuovo umanesimo, nuovo, nel senso che siccome è nuovo, per cui nessuno lo conosce, ecco che qualsiasi cosa diremo la faremo passare per il nuovo umanesimo. Infatti i maccheroni al sugo sono cambiati, adesso si mangiano gli alberi con polentina di argilla e salsa di petrolio ( non so se capite la battuta e il tono scherzoso).
    C'è un detto che si racconta alle zone nostre, tra le persone umili, i contadini, ora ve lo scrivo: San Magnon a nate prima de Gesucrist ( San Magnaccio è nato prima di Gesù Cristo).


    Cari tutti, che Dio ci aiuti!

    (IPG)

    RispondiElimina
  43. IL CONTE DIVENUTO PRINCIPE INCORONATO DAL PAPA

    Dopo che l'Imperatrice d'Europa Ursula ha autorizzato il duca d'Italia Mattarella, suo vassallo, a procedere ad investire il Conte del titolo di Principe d'Italia, questi si è subito presentato a ricevere la corona dalle mani del Papa.
    Storie di altri tempi, direte voi! Invece sono attualissime.

    Pensate cosa sarebbe successo se un esponente di centro destra, incaricato di fare un delicato governo, in piena formazione dei ministeri si fosse portato in disparte dal Papa a ricevere consigli e favori. Avrebbero gridato all'imbroglio, ingerenza, vatican e taleban, governo teocratico etc etc etc....

    Ma oggi l'Imperatore è rosso, pertanto si può fare tutto... alla faccia del popolo e della laicità dello Stato.
    E BRAVO CONTE.... DEGNO FIGLIO DEL FU' SILVESTRINI!

    Mario Proietti

    RispondiElimina
  44. Con questa crisi di governo e ciò che ne sta seguendo, noto con piacere che il blog si è rianimato pullulando di commenti a ritmi (quasi) ai livelli dei "bei" tempi del post-13marzo2013...

    RispondiElimina
  45. “È molto più facile ingannare la gente piuttosto che convincerla che è stata ingannata.”
    (M. Twain)

    RispondiElimina
  46. ... ma in questa situazione cosa significa dare a Cesare ciò che è suo e a Dio ciò che è di Dio?!

    RispondiElimina
  47. Se questo governo si farà e durerà (come è molto probabile che avvenga) al prossimo giro di elezioni (se mai ci sarà) non avremo più scampo. L'unica speranza (quasi vana) è che questo governo salti.

    RispondiElimina
  48. Da ambienti piddini filtrano notizie circa incontro di oggi coi delegati dei 5S e Conte. Pare che i grillini inbsistanza abbiano accettato tutto ciò che i dem hanno messo sul tavolo, compresa UNZNUOVZ LEGFE SULLA IMMIGEAZIONE.

    Infine vengono riferite forti CRITICHE di Conte nei confronti di Di Maio (che in queste ore sta riunendo i suoi in una abitazione privata di Roma).

    RispondiElimina
  49. Inserisco qua il link di riferimento alla notizia data appena sopra circa le critiche di Conte a Di Maio e l'accordo tra 5S e pd per fare una nuova legge sulla immigrazione

    https://www.ilmessaggero.it/politica/governo_pd_m5s_ultime_notizie_di_maio-4706191.html

    RispondiElimina
  50. Andrea Sandri:
    La spiegazione di Bannon è surrettizia: non può dire che Trump è molto ironico. Ma la sostanza delle cose è questa. Ci sta anche una mezza gratitudine, come dire: hai appoggiato i cinesi, male, mi hai aiutato con i russi, bene, se vai avanti così, bene, altrimenti, male, e ci saranno delle conseguenze. Difficile per Conte salvare i cavoli di Trump e il caprone di Bruxelles.

    RispondiElimina
  51. Grace attentato vicino Lione. Due uomini (di cui uno, arrestato, e' afghano) hanno ammazzato un 19enne e ferito altre nove persone, tre delle quali in modo grave, utilizzando un coltello e uno spiedo da cucina..

    RispondiElimina
  52. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  53. Una cosa su don Livio. Giusto dargli atto di aver detto una cosa giusta ed esplicita, ma giusto ricordare le sue vigliaccate - non so come altro definirle. Non solo contro tradizionalisti, ci rimise le penne anche padre Cavalcoli, vittima di una vergognosa e pure zoppicante imboscata da parte de l'Espresso, ma fu cacciato via da Radio Maria senza neanche potersi difendere.

    Tuttavia, non credo che sia quella di padre Livio sia papolatria: semmai idolatra la sua radio, o meglio, idolatra Medjugorje e ritiene che la sua radio sia imprescindibile per diffonderne i messaggi e, a tempo debito, i segreti. Ecco perché è disposto a sacrificare tutto e tutti. In qualche modo ha persino sacrificato sé stesso quando è stato condannato dall'Ordine dei giornalisti e si guardò bene dal dirlo agli ascoltatori, accettando le sanzioni comminate. La notizia fu resa pubblica da Filippo Facci.

    RispondiElimina
  54. Se davvero Salvini ha fatto saltare il banco a causa degli accordi segreti di Conte e Tria con Bruxelles, perché non lo ha detto? Lo ha fatto dire indirettamente da Bagnai? Per quale ragione? Aveva forse paura di denunciare espressamente il complotto?
    Per tacere del fatto che la sua mossa, in ogni caso, ci ha gettato in braccio proprio ai servi della tirannia europeista...

    RispondiElimina
  55. Non esiste più un partito dei Cattolici ma i Cattolici devono appoggiare chi ama la famiglia e la vita!
    Ben venga chi bacia il Rosario e affida la Nazione alla Madonna perché “omnis potestas a Deo”!

    RispondiElimina
  56. Se davvero Salvini ha fatto saltare il banco a causa degli accordi segreti di Conte e Tria con Bruxelles, perché non lo ha detto?

    Lo ha detto. Il fatto della lettera lo avevo sentito da lui.

    RispondiElimina
  57. Vedo che ancora si parla del momento come 'non opportuno' quando Salvini ha presentato, ritirato la sfiducia. Tutti d'accordo che era cosa da fare, ma sul quando e sul come ognuno ha la sua idea. Il passo era grave anche per una persona che forza e coraggio sembra averne.La decisione avrà avuto una gestazione difficile anche se era tempo di compiere quel passo. Come accade in questi frangenti alla fine può essere un 'nulla' che mette in moto. Una parola colta per caso, un ricordo, un associazione di pensieri con se stessi, un sogno, una musica, un moto interiore, un verso di una poesia. Non credo che proprio ora sapremo perché all'inizio di questo mese di agosto, appena trascorsa la prima settimana, sia suonato il segnale di partenza per Salvini.

    RispondiElimina
  58. Cicognani e Silvestrini erano della stesso paese Brisighella in provincia di Ravenna, ma Cicognani era del 1883, Silvestrini del 1923. Quest'ultimo fu subito in Segreteria di Stato. Lo slancio vero e proprio lo ebbe con il Cardinale Casaroli, classe 1914, anche lui Emilia Romagna; il cardinalato a Silvestrini arrivò per il contributo dato al Concordato firmato a Villa Madama nel 1984. Il Cardinale Silvestrini si è spento come gli altri nella Città del Vaticano, lui il 29 di questo mese. Anche il Cardinal Carlo Maria Martini morì in agosto il 31 del 2012, ora sono sette anni. Sei mesi dopo, 11 febbraio 2013, Ratzinger rinunciò al ministero petrino; dal 13 marzo 2013 Bergoglio è papa della chiesa cattolica, vescovo di Roma, VIII sovrano dello stato di città del Vaticano, primate d'Italia (wikipedia).

    RispondiElimina

  59. Perché all'inizio di agosto, appena trascorsa la prima settimana...

    Forse è stato un colpo di sole. Può capitare.
    E'l'umana fragilità.

    RispondiElimina
  60. L'autore dell'attentato di Lione è un afghano richiedente asilo.

    RispondiElimina
  61. Giuseppe Palma:
    Il governo PDM5S non è illegittimo. È "semplicemente" contrario al principio democratico.
    È la prima volta che accade una cosa del genere in 73 anni di storia repubblicana. E nulla c'entra la forma di governo parlamentare.
    Mio articolo:
    https://scenarieconomici.it/il-governo-pd-5stelle-non-e-illegittimo-e-semplicemente-contrario-al-principio-democratico-e-la-prima-volta-che-accade-una-cosa-del-genere-ecco-tutti-gli-esempi-in-73-anni-di-esperienza-repubbl/

    RispondiElimina
  62. E' lui - Bergoglio - che parla nei suoi discorsi di "Nuovo Umanesimo",cme Giuseppe Conte .
    Come fanno tutti i Grandi Maestri del Grande Oriente d'Italia nelle loro allocuzioni .
    https://gloria.tv/article/2KVWqhpCHNcy41d8QnNqdKAm4

    RispondiElimina
  63. Prof. De Mattei31 agosto 2019 23:55

    RADIO ROMA LIBERA.

    Il nuovo governo: una pagina nera nella storia d'Italia
    a cura di Roberto de Mattei
    https://gloria.tv/audio/Xu41AJYGDVVt2YL1CbfhCAdS9

    RispondiElimina
  64. Avrebbe gridato:

    "Non leggono il Corano"!

    l'attentatore 33enne afgano richiedente asilo che ha ucciso un 19enne che si stava recando a un festival musicale e ferito altre oersone anche gravemente conbun coltello e uno spiedo da cucina ad una fermata dell'autobus in una cittadina vicino Lione

    https://www.televideo.rai.it/televideo/pub/notiziasolotesto.jsp?id=1261388&pagina=100&sottopagina=1

    RispondiElimina
  65. Storie di sfruttati non preparati dal cervello di primavera1 settembre 2019 08:04

    Non e' colpa dell'attentatore , la colpa e' di chi l'ha sradicato dalla sua terra , dalle sue convinzioni dalla sua storia ancestrale per .....dargli la "democrazia .....!!!

    RispondiElimina
  66. IL GOVERNO DEL PRESIDENTE: Mattarella sceglie i ministri difesa, interni, esteri, economia... ma quando lo abbiamo votato noi sergigno?

    RispondiElimina
  67. https://www.notiziecristiane.com/largentina-rinuncia-al-gender-grazie-al-risveglio-del-popolo/

    RispondiElimina
  68. Se l'ex prefetto anti-Salvini dirige onlus finanziata da Soros

    Mario Morcone, ex prefetto e attuale direttore del Cir (Consiglio italiano per i rifugiati), onlus finanziata anche dalla Open Society di George Soros, è in prima linea contro Matteo Salvini e contro l’appena nato decreto legge sicurezza che porta il nome proprio del ministro dell’Interno.
    ...
    http://m.ilgiornale.it/news/2018/09/26/se-lex-prefetto-anti-salvini-dirige-onlus-finanziata-da-soros/1580797/

    RispondiElimina
  69. Oggi,1 settembre, 1939, inizia la seconda guerra mondiale, Hitler attacca la Polonia da ovest, Stalin da est 10 giorni dopo, per dividersela, la Storia poi dimenticherà completamente la parte avuta da Stalin nello scatenare la guerra, perfettamente uguale a quella di Hitler, ma i vincitori non si processano, non è vero? La seconda guerra mondiale mi fa pensare ( poi dirò perché) ad uno dei più "famosi " dei suoi protagonisti, il Maresciallo d'Italia Pietro Badoglio, marchese del Sabotino, viceré d'Etiopia, governatore della Cirenaica, Eritrea e Somalia, diventato famoso per essere passato, in una notte, da alleato dei tedeschi a capo del governo alleato degli americani, andando,quindi, ad infoltire la lunga schiera di personaggi storici italiani che non hanno trovato nulla di strano nel passare, in una notte, da un campo di battaglia al suo esatto opposto! Badoglio fece una splendida carriera militare con Mussolini, partecipò a tutte le guerre coloniali, ebbe incarichi di primo piano dal regime, ma quando la stella di Mussolini si spense passò senza problemi dalla parte opposta ed, addirittura, capeggio' il primo governo italiano post fascista, alleato degli americani! Nessuno ha il minimo dubbio che, se il fascismo avesse continuato a vincere, lui sarebbe morto fascista e non antifascista ! Ovviamente Pietro Badoglio è in ottima compagnia, lo stesso salto della quaglia lo hanno fatto decine, centinaia di personaggi, qualcuno ancora vivente, prima ferventi fascisti, poi ferventi antifascisti, diventati poi famosi giornalisti, e, qualcuno anche presidente della Repubblica! La Storia d'Italia è costellata di personaggi siffatti, resi famosi dal detto "o Franza o Spagna basta che se magna " attribuito al Guicciardini famoso scrittore e politico , vissuto nel 500, prima filo spagnolo alla Corte del re di Spagna, e poi passato ad essere filo francese alla Corte del re di Francia acerrimo nemico degli spagnoli! Insomma, per farla breve, cari i miei italiani, è pur vero che la terra d'Italia ha dato i natali a qualche Salvo d'Acquisto che diede la vita e si fece fucilare dai tedeschi al posto degli ostaggi, ma purtroppo ha visto nascere ben più numerosi voltagabbana e traditori di ogni risma, che, nei secoli, hanno ben rappresentato il motto "o Franza o Spagna basta che se magna "! Ed allora è inutile indignarsi se assistiamo, ancora una volta, al rito italianissimo del salto della quaglia, dove un intero partito con gli stessi personaggi, le stesse persone fisiche, ieri dicevano bianco, oggi dicono rosso, accingendosi a disfare tutto ciò che, loro stessi, hanno fatto fino ad ieri! Come dite, è da vomito? Certamente, un uomo con "ideali "( si fa per dire) intercambiabili è solo un mercenario, uno che cambia campo con tanta indifferenza è pronto a cambiarlo ancora, se ne avrà la convenienza, è uno di cui non fidarsi assolutamente, che ha come stella polare esclusivamente il proprio interesse, ma se questo fa parte del DNA della italica stirpe, che volete farci? Poi sta a noi, che mercenari e traditori non siamo, dimostrare che esistono anche tanti italiani onesti e coerenti, che non si arrendono a certe prostitute della politica, dimostriamolo! Ci attende un periodo nero, speriamo breve, ma comunque, breve o no, mai arrendersi, noi siamo diversi da LORO, noi non tradiamo, non ci vendiamo! A buon intenditore poche parole! Ad maiora!
    Domenico Napolitano

    RispondiElimina
  70. SPREAD, lo ripeto ancora: nei giorni scorsi per la prima volta si è verificato un fenomeno totalmente anomalo riguardante lo spread: in una crisi di governo, esso invece di salire, scendeva. Lo abbiamo visto tutti e tutti immediatamente abbiamo pensato alla stessa cosa. Di fatto non serve essere pluri laureati alla Bocconi per capire il gioco. È così chiaro che chiunque ha tratto le sue (giuste) conclusioni.
    Un eventuale governo Pd-5* avrebbe quindi e di fatto il consenso del cartello finanziario internazionale. I mercati stessi ce lo dicono, che sono proprio loro a volere la peggiore Sinistra al potere in Italia. Un altro esempio? Eccolo: quando ieri Di Maio anunciava che o il Pd accettava i 20 punti proposti dai grullini... oppure da parte sua si andava al voto, lo spread che ha fatto? È ricominciato a salire.... magicamente.
    Sono i mercati, l'alta finanza.. in una parola sola: la Massoneria, che ci vuole morti e dimenticati. Poi vengono tutti i loschi figuri che ruotano attorno a questo sistema infernale, certo, e allora troviamo i Soros, i Macron e le Merkel varie... naturale. Ma prima di tutto sono altri figuri molto meno noti a volerci finiti.
    Lo spread non esiste. Esistono invece quelli che attraverso questi sistemi fittizi tengono in scacco i Paesi, le Ecomine.. milioni di cittadini inermi. L.P.

    RispondiElimina
  71. Stefano Fontana:

    ...Ci si chiede: che senso può avere chiedere di impegnarsi sul significato della vita dei cittadini ad un governo nichilista come quello che si profila all’immediato orizzonte del nostro Paese? Il futuro governo – se otterrà il via del Parlamento – ha tutte le carte in regola per distruggerle le buone relazioni e non per solidificarle e promuoverle. È alquanto strano che Becchetti non lo veda, e speri l’incentivazione di relazioni autenticamente umane da parte di un governo che, con una probabilità che si avvicina al cento per cento, intende riplasmare l’umano e dare accelerazione alla svolta antropologica che nei quattordici mesi del governo Conte 1 aveva subito una certa battuta d’arresto.

    RispondiElimina
  72. Il nuovo governo: una pagina nera nella storia d'Italia
    a cura di Roberto de Mattei

    focalizzerei l'attenzione sull'aggettivo, nera.

    Nera è la sintesi del problema per quanto riguarda le cause, i metodi, ed i fini di questo governo, che non è nuovo ma, vecchissimo in quanto sintesi di tutti i mali storici dell'umanità; con la sola differenza che si presenta elegante, forbito, con un pacchetto infiocchettato di diritti individuali e sociali che altro non sono, che i vecchi mali di sempre distruttori sia dell'essere umano sia delle società storiche, in
    particolare di quelle che, nel loro apogeo, furono costruttrici e civilizzatrici.

    Questo aggettivo, nera, sia nostra guida nello smascherare l' artificio che, per il momento, mi limito a definire doppio, per le due facce che presenta ma, ha caratteristiche per essere ben altro.

    RispondiElimina
  73. Riguarda il mistero della sofferenza che è personale e di popolo:

    Il dolore in sé non è insopportabile; è l'incapacità di comprenderne il significato che è insopportabile. Se il buon ladrone non avesse visto uno scopo nel dolore, non avrebbe mai salvato la sua anima. Il dolore può essere la morte della nostra anima, o può essere la sua vita.
    (Beato Fulton J. Sheen da "The rainbow of sorrow")

    RispondiElimina
  74. Stia tranquillo Orlando, il guappo di Pomigliano non ha affatto cambiato idea. Sta solo cercando di alzare la posta (in primis ottenere una poltrona per se stesso) e far credere ai suoi elettori che sia lui a dettare le regole per non perdere definitivamente la faccia.
    P.s. Ormai il vero capo del Movimento è Giuseppe Conte, per gli amici "Giuseppi"

    RispondiElimina
  75. Da un post del prof. Andrea Zhok:

    NEMICI

    Comunque ogni tanto bisogna ricordarsi chi sono i nemici.

    Passeggiando su bacheche altrui mi ritrovo l'ineffabile frase del senatore PD Francesco Bonifazi che incita Conte a "chiudere la lista dei ministri nel week-end e presentarsi ai mercati lunedì mattina, con un governo di qualità già fatto."

    E a stretto giro tra i commenti trovo un distinto signore, che plaude al Bonifazi e scrive senza remore che è assurdo reagire con irritazione, come se si scoprisse "oggi che l’economia comanda il mondo. Non è nessun complotto. Sono solo le regole della globalizzazione di cui bisogna prendere atto."

    Ecco, ci possono essere tante soggettività politiche che ci infastidiscono: gli incompetenti, i populisti, i reazionari, i 'dirittoumanisti', i conservatori, i bigotti, però una sola categoria è, per chiunque aspiri ad un'esistenza umana dignitosa, il MALE.

    Il male, politicamente parlando, oggi è rappresentato da coloro i quali, forti della propria posizione di privilegio, predicano la resa incondizionata alle dinamiche del capitale, visto come un destino storico.

    Sono il male, perché le loro parole, per quanto meschinelle, sono impetuosamente amplificate dal fatto di andare nella direzione della corrente. E che si tratti della corrente di una rapida dove i più ne usciranno con le ossa rotte (e alla cui fine c'è per tutti una cascata) non li tocca. Abbarbicati sul loro scoglio predicano rassegnazione a chi è portato via dalla corrente, pensando che quello che fanno sia vivere.

    RispondiElimina
  76. L'incognita Rousseau1 settembre 2019 09:54

    Il ragionamento di chi sta seguendo Di Maio in queste ore conferma come ormai Conte non sia più gestibile, ma che anzi ormai balli da solo. «Abbiamo creato un mostro», scherzavano ma non troppo ieri pomeriggio diversi parlamentari fedelissimi di Di Maio.

    RispondiElimina
  77. SILVESTRINI, BERTONE E I 150MILA EURO ANNUI DALLO IOR A VILLA NAZARETH.

    https://www.marcotosatti.com/2019/08/31/silvestrini-bertone-e-i-150mila-euro-annui-dallo-ior-a-villa-nazareth/

    RispondiElimina
  78. Il Contrenzusconi con la benedizione dei poteri forti.
    Monti/bis

    RispondiElimina
  79. Resilienza. Basta?1 settembre 2019 10:08

    Il partito del Quirinale ha reso Conte nemico di Di Maio.
    E tutto quel che c'è dietro si chiama ingerenza di paesi stranieri nel governo nazionale. La presidenza della Repubblica sarebbe tenuta ad un chiarimento, ma ormai son talmente sfacciati.... Disprezzo per il popolo e consorteria sovranazionale e la loro cifra.

    RispondiElimina
  80. Diego Fusaro:
    Secondo voi, quale poteva essere la prima preoccupazione delle sinistre fucsia? Il lavoro? Nemmeno per sogno! I diritti sociali? Ma state scherzando! L'aiuto agli italiani in difficoltà e ai lavoratori sofferenti? Ma quando mai! "Governo: il Pd strappa il sì a una nuova legge sull’immigrazione". Il padronato cosmopolitico lo chiedeva con insistenza, pareva scortese dire di no. I padroni volevano, da tempo, porti aperti. E a fare loro eco vi erano le brigate fucsia dell'antifascismo e dei centri sociali okkupati, i soliti utili idioti dei padroni.

    RispondiElimina
  81. Sì, ma pare tutto pianificato contro noi, in Occidente!!
    In Africa ,...invece, crescono e si riproducono in modo esponenziale !
    Come pure nelle Americhe !! E in Asia !!
    Direi che ...non stia molto fumzionando:..
    invecchiamento prolungato ..con poche nascite in tutta Europa !!
    Mentre gli islamici stanno invadendoci col consenso dei potentati occidentali! m.l.

    RispondiElimina
  82. Alfonso Aliberti1 settembre 2019 10:22

    Mi ripeto, ma tutte le vicende attuali hanno fatto chiarezza e hanno indotto i simili ad aggregarsi con i propri simili. Io che in gioventù mi sono vaccinato frequentando il PCI e gli anticorpi anticomunisti ancora mi proteggono, dopo aver combattuto invano negli anni novanta per la catarsi italica dalla corruzione politica, non posso che schierarmi con Salvini che non non è solo Lega, ma rappresenta e si batte per ridare all'Italia sovranità ed indipendenza, identità nazionale e rinascita socio economica. Oggi è così! Vogliamo chiedere agli italiani che via vogliono percorrere, prima che ci sia la sostituzione etnica e l'Italia ridiventi una colonia di schiavi a tutti gli effetti. Certo che ciò può anche essere il profondo desiderio della maggioranza del paese. Ma andiamo a verificarlo. Ad Maiora.

    RispondiElimina

  83. "Badoglio famoso per esser passato in una notte da alleato dei tedeschi a capo di un governo alleato degli americani"

    Premetto che non ho nessuna simpatia per Badoglio. E' però incredibile che, a tanti anni di distanza dai fatti, si continui a rappresentare la dolorosa vicenda dell'8 settembre in questo modo distorto. E' vero che, dato il modo maldestro e pusillanime con il quale fu condotta la nostra resa incondizionata, il re fece la figura di esser passato "dall'altra parte". Ma non fu così.
    Il re e Badoglio, pezzi di governo, fuggirono nel tacco d'Italia, unica zona non ancora occupata, dopo aver firmato in segreto l'armistizio, in cambio della resa incondizionata. Si arresero senza condizioni: se questo è diventare in una notte "alleati" del nemico cui ci si arrende, fate voi...Certo, avrebbero dovuto dichiararsi prigionieri degli Alleati, invece si misero sotto la loro protezione, ma da sconfitti. Ma poi cosa successe?
    Già dal 25 luglio (e forse da persino da prima) Hitler aveva autorizzato un'operazione per impadronirsi dell'Italia (Piano Alarich poi Achse). IL piano scattò poche ore dopo la lettura del concesso armistizio al giornale radio della sera dell'8 settembre. I tedeschi avevano fatto affluire dal 25 luglio ben 17 divisioni in Italia, alcune sceltissime. Noi eravamo ormai esauriti militarmente, potevamo però ancora attuare una strategia puramente difensiva, volendo. Noi ci arrendevamo, i tedeschi attaccavano spietatamente truppe lasciate senza ordidni, accusandoci di tradimento, senza dichiarazione di guerra.
    Non era previsto un governo italiano al Sud, gli Alleati governavano l'Italia come territorio occupato con una Commissione di militari. Se ci fossimo comportati bene, in generale, dicevano (forse) avrebbero attenuato le clausole dell'armistizio, che non eranao di pubblico dominio.
    Ma dopo la fondazione della RSI al Nord, il 23 settembre (cit. a memoria), gli Alleati cominciarono a premere perché una larva di "governo" italiano dichiarasse guerra alla Germania. Il re resisteva. Diceva: bene, ma almeno considerateci come alleati.
    No. Dichiarammo guerra a Hitler il 13 ottobre 43, piú di un mese dopo il proditorio attacco tedesco contro di noi. Ma restammo sempre nemici. La BBC precisò subito che l'Italia non diventava alleata delle Democrazie, ma solo "cobelligerante" pur restando nemica arresasi incondizionatamente: "nemici cobelligeranti". Lo stesso fece poi Stalin con Romeni, Finlandesi, Bulgari passati con lui. Una formula ambigua ma non più di tanto.
    DAl punto di vista della percezione popolare eravamo dall'altra parte, certo. Ma sempre come nemici, sopportati per ragioni politiche contingenti, maltrattati, umiliati in tutti i modi,
    armati in modo modesto e scadente, tranni alcuni casi. Nel '47, a Parigi, ci fu imposto senza discutere un Trattato di Pace durissimo, come se fossimo sempre rimasti l'Italia fascista.
    In realtà, il Re avrebbe dovuto dichiarare subito guerra a Hitler, per una questione di dignità, anche trovandosi al momento senza Stato e senza esercito, con il territorio occupato dallo straniero.
    H.
    H.

    RispondiElimina
  84. Giuseppe Palma:
    Quantomeno Mario Monti salvò la faccia accettando di formare il governo solo se fosse stato sostenuto in Parlamento da centrodestra e centrosinistra. Cioè tutto l'arco parlamentare.
    Adesso siamo addirittura alla telefonata della Merkel a Gentiloni con la quale il Cancelliere tedesco chiede all'ex presidente del consiglio di fare il governo PdM5S a tutti i costi, indipendentemente dalle determinazioni della sovranità popolare.
    Chi vede questo governo come una buona cosa è, semplicemente, un opportunista o un cieco tifoso.

    RispondiElimina

  85. AGGIUNTA AL POST SU BADOGLIO ETC

    La frase "Franza e Spagna purché se magna" non è di Guicciardini.
    Era un detto della plebe romana, tra 500 e 600, dopo il Sacco di Roma,
    che di fatto segnò la fine del Papato temporale come Stato indipendente.
    Il Papa, dal punto di vista politico, si barcamenava tra Francia e Spagna,
    le due potenze egemoni in Italia. Dominavano gli Spagnoli ma i Francesi
    non desistevano dal fomentare, oltre alle guerre,
    iniziative ed intrighi a loro sfavorevoli.
    La Curia si divideva tra le due potenti nazioni cattoliche. A Roma,
    le rispettive ambasciate avevano arruolato torme di "bravi" (anche locali)
    con le quali spadroneggiavano, angariando la popolazione.
    Sembra che il detto risalga a quest'epoca triste. Come a dire: vabbè, frate',
    comandano questi, che dovemo fa'? Purché se magna, viva loro, ar dunque,
    visto che Nostro Signore {il Papa} deve sta' a guarda'.."
    Guicciardini è stato ingiustamente calunniato dal De Sanctis, con il suo
    tipico moralismo laico-massonico, quale rappresentante di un utilitarismo
    egoistico italiano (la non-etica del "particulare"), da secoli
    indubbiamente esistente (dal tempo dei Longobardi), che tuttavia non ha
    avuto in Guicciardini l'esponente che si vuol far credere.
    H.

    RispondiElimina
  86. Pare che nel quesito da sottoporre agli iscritti 5S sulla piattaforma Rousseau (tra oggi è domani) ci sarà la parola/acronimo Partito ddmocratico/Pd

    RispondiElimina
  87. @ 1 settembre 2019 08:10

    Mattarella = assopigliatutto ?

    RispondiElimina
  88. Di Maio possibile come vice premier, ma perderebbe i ministeri del lavoro e dello sviluppo economico. Nel complesso, se andasse cosi, per i 5S diminuirebbero cariche ministeriali importanti quindi, a tutto vantaggio del Pd.

    https://www.ilmessaggero.it/politica/governo_pd_m5s_diretta_oggi_di_maio_ultime_notizie-4706397.html

    RispondiElimina
  89. Confesso che ci avevo creduto, avevo creduto alle parole del sacerdote "celebrerò questo matrimonio solo se, come prescrive la dottrina, i nubendi sono animati da amore sincero, di quelli che durano tutta la vita, solo se il "matrimonio" sarà coeso ed animato da programmi comuni di cui sono convinti entrambi i promessi sposi!
    In verità mi ero subito chiesto, ma come fanno ad amarsi due che si sono sempre odiati? Ma, nella mia onestà intellettuale, ho pensato vabbè, il sacerdote vuole fare un estremo tentativo, e se le cose appaiono appena appena conflittuali desisterà, non arriverà a forzare la mano, non arriverà ad insistere oltre ogni limite, sarebbe cosa molto stupida perché comunque non durerà, e sarebbe tradire la "dottrina" che vuole un matrimonio sempre con un minimo di coesione, almeno caratteriale!
    Ed invece, volano i piatti, non si mettono d'accordo su niente, ed il sacerdote assiste impassibile, o questo matrimonio o niente, non celebrerà neanche una ricomposizione della vecchia coppia, perché, evidentemente, ritiene sbagliato ed impossibile la ricomposizione, mentre, per motivi sconosciuti (o fin troppo conosciuti) questa rissa con i piatti che volano gli sembra, al contrario, una innocua discussione tra due amanti! E quindi assiste impassibile, il supremo sacerdote, assiste agli stracci che volano, alle minacce reciproche, alla violenta ricerca di un accordo purchessia, pena la perdita della eredità, perché solo di questo si tratta, se non si sposano perdono il patrimonio, le ricchezze!
    In questa vicenda speculare a quella dei Promessi sposi del Manzoni dove "questo matrimonio non s'ha da fare", qui, al contrario, "questo matrimonio s'ha da fare a tutti i costi" ed il supremo sacerdote, piu che rappresentare un don Abbondio sembra più vicino ad un don Rodrigo ! Probabilmente ci sarà bisogno di prendere a frustate i due promessi sposi, per convincerli ad unire il loro "infinito e reciproco amore", ma il sommo sacerdote sa aspettare, QUESTO MATRIMONIO S'HA DA FARE! Amen!
    PS: il diavolo fa le pentole ma non i coperchi....
    Domenico Napolitano

    RispondiElimina
  90. Questa mi era sfuggita:

    "I rapporti con Napolitano rappresentano anche uno dei motivi per cui Giorgia Meloni (FdI) si dice perplessa. Già l’alleanza con i 5 Stelle non è andata giù alla (ormai vecchia) coalizione di centrodestra. Ma anche la figura di Conte potrebbe creare ulteriori problemi a un progetto originario che prevedeva di rompere con il PD e quindi con la legislatura precedente. “Io ho le idee abbastanza chiare. Anche il premier designato… designato dai 5 Stelle… di sinistro, amico di Boschi e Napolitano. Diciamo che non sono molto ottimista”."

    https://www.termometropolitico.it/1304532_governo-ultime-notizie-giuseppe-conte-napolitano.html

    RispondiElimina
  91. Bergoglio rimane chiuso in ascensore per 25 minuti. Un piccolo segno dal Cielo?

    RispondiElimina
  92. Nello studio legale di avvocato la scrivania di Conte è accanto a quella del figlio di Napolitano e ha rapporti con quello di Mattarella...
    Noi no, ma altri potevano saperlo e trarne deduzioni. Forse non lo immaginavano così doppiogiochista...

    RispondiElimina
  93. indotto i simili ad aggregarsi con i propri simili

    Questa secondo me è la dinamica più importante. Si svelano i doppi giochi, si dimostrano veri oltre le ipotesi e la gente deve schierarsi. Questo nella politica italiana, ma anche nella Chiesa. È una specie di selezione del piccolo esercito che dovrà combattere.

    RispondiElimina
  94. Calderoli (la Lega è compatta e agguerrita)
    ...Il nascente esecutivo potrebbe essere messo in seria difficoltà anche da una serie di emendamenti e intoppi regolamentari: "Sotterrerò il governo sotto milionate di emendamenti", minaccia Calderoli, annunciando che intende mostrare "a Conte e a suoi ministri cose che nemmeno si immaginano".
    E sul governo gialloverde dice: "Salvini ha fatto benissimo a rompere coi grillini. Era da marzo che l' atteggiamento dei 5Stelle era cambiato". L'ex vicepremier "ha fatto bene ad andare contro i giochi di palazzo. La gente vuole il voto. I partiti no. Giusto rompere e se ci sono delle responsabilità di Matteo le divido volentieri con lui, perché la mozione di sfiducia al Senato, assieme a Romeo l' ho scritta io".

    RispondiElimina
  95. Non facciamo drammi perché tre cacicchi hanno, "democraticamente" deciso al posto nostro su chi ci deve governare, in realtà noi avremo comunque le nostre elezioni, ed i cacicchi non potranno farci niente! 5 regioni, le ultime 5 in mano alla sinistra, regioni dove la sinistra governa da 70anni andranno alle elezioni nei prossimi mesi! Gli italiani onesti e con la schiena dritta, quelli che amano la libertà, mi rivolgo a voi, votino chiunque tranne i ribaltonisti, diano un segnale forte e chiaro, nessun cacicco decide per noi! Vi garantisco che la caduta di queste regioni, la sconfitta della sinistra nelle loro ex roccaforti sarà più devastante di una elezione politica persa, ed il governo eventuale rosso-rosso cadrà in un nanosecondo! Le elezioni le abbiamo già, sappiatene approfittare! Ad maiora!
    Domenico Napolitano

    RispondiElimina
  96. Zuppi cardinale

    Essere immigrazionisti filoislamici, anche in quel contesto, paga sempre!

    RispondiElimina
  97. Contro Di Maio ormai ci sarebbe una amplissima fronda interna nei 5S. E, dice la ormai ex-dissidente Nugnes, lo stesso Grillo durante uno dei vertici avrebbe chiesto le dimissioni di Di Maio.

    https://www.liberoquotidiano.it/news/politica/13497858/luigi-di-maio-paola-nugnes-rivolta-m5s-beppe-grillo-richiesta-dimissioni.html

    RispondiElimina
  98. Già mic...

    Zuppi: "Prima gli italiani?Assolutamente no! Prima gli esseri umani!"

    https://corrieredibologna.corriere.it/bologna/politica/19_gennaio_19/lezione-zuppi-perego-migrantiprima-italiani-no-esseri-umani-281c3972-1bbe-11e9-9898-65a63e1edf3e.shtml


    Zuppi: "Non c'e' nessuna invasione ne a Bologna né in Emilia Romagna!"

    https://www.redattoresociale.it/article/la_bussola/migranti_zuppi_nessuna_invasione_a_bologna_ne_in_emilia_romagna_

    RispondiElimina
  99. I nuovi cardinali:

    http://press.vatican.va/content/salastampa/it/bollettino/pubblico/2019/09/01/0650/01348.html

    RispondiElimina
  100. Bergoglio in ritardo all Angelus: "Ero rimasto bloccato in ascensore". Ci hanno pensato i vigili del fuoco a tirarlo fuori.

    http://www.ilgiornale.it/news/cronache/cos-papa-rimasto-chiuso-ascensore-1746413.html

    RispondiElimina
  101. 1. IACOBONI SPIEGA GLI SCAZZI DENTRO IL MOVIMENTO 5 STELLE: “DI MAIO NON PUÒ RINUNCIARE A ESSERE VICEPREMIER, ED È SOSTENUTO DA CASALEGGIO IN PIENO. SE VIENE FATTO FUORI, CONTE NON SOLO HA CONQUISTATO LA PREMIERSHIP, SI È PRESO PURE IL M5S. DI MAIO PER INTERESSE PERSONALE E CASALEGGIO PER TANTE RAGIONI, DUBITO POSSANO ACCETTARLO
    2. "CONTE È ORMAI PIÙ LEGATO AL PD CHE AL MOVIMENTO, CON LUI PREMIER E FRANCESCHINI VICE, IL M5S È TECNICAMENTE SCIOLTO. ALLA FINE UN GOVERNO SI FARÀ, IL PD...”

    RispondiElimina
  102. Il fatto quotidiano1 settembre 2019 13:54

    La pazienza di Sergio Mattarella si è quasi esaurita. Giuseppe Conte, dopo la trattativa schizofrenica tra Movimento 5 stelle e Partito democratico ha chiamato il presidente della Repubblica chiedendogli altro tempo. Una settimana, un'altra, per riuscire a completare la sua mediazione e proporgli quindi un governo credibile. 

    Ma il Capo dello Stato, riporta il Fatto quotidiano in un retroscena, si è infuriato e gli ha detto chiaramente che no, non gli concederà altri giorni. Ha quindi tempo fino a mercoledì, dopodiché, se non sarà stata trovata la quadra il presidente della Repubblica scioglierà le Camere e indirà nuove elezioni.

    RispondiElimina
  103. Zuppi deve pur dire qualcosa ora che sarà cardinale, malignamente mi viene da pensare che Qualcuno abbia volutamente fatto capire al vdr, costringendolo dentro all'ascensore, che non Gli garbavano certe berrette porpora, tra l'altro ci sono anche dei nuovi cardinali che erano stati rimossi dai loro incarichi da B16 e spediti lontano a fare meno danni.Falzaga difende la sua 'bufala' di Medjugorjie, chiedo scusa a chi ancora ci crede, non sparate sulla croce Rossa dell'ER, credete, sono tutti così, forse Matteo farà perfino rimpiangere Giacomo e ho detto tutto. Che Dio abbia pietà dell'Italia.

    RispondiElimina
  104. Sulla questione Zuppi e migranti... Suggerirei che Zuppi &C. finanzino la Chiesa con l'8 per mille dei migranti e non con quello degli italiani. Sono convinto che gli passerebbe subito la smania di immigrazionismo.

    RispondiElimina
  105. Scioglierà le Camere e indirà nuove elezioni?? O darà l'incarico ad un altro??
    Certo è che questo teatrino è vergognoso.

    RispondiElimina
  106. IN UN MONDO DI MARIONETTE.
    Col passare dei giorni e il susseguirsi degli eventi, il quadro si va delineando in modo più chiaro. Tutto viene deciso il 30 maggio 2019, quando Matteo Renzi viene ospitato alla riunione segreta del gruppo Bilderberg: Salvini deve essere isolato, il suo inarrestabile consenso popolare è diventato un pericolo, va fermato prima che sia troppo tardi. Il M5 non riesce più ad arginarlo. Vanno fermati Salvini e gli italiani. L'Europa franco-tedesca non può permettersi un'Italia che torni a competere economicamente, è già stato stabilito nel 1989, con i patti di Maastricht e gli accordi fra Mitterand e Kohl. L'Italia, mai più, deve tornare a crescere.
    Come intervenire? Dall'interno, attraverso lo stesso M5. Già a febbraio, durante il G7 a Davos, Conte era stato allertato e aveva chiesto aiuto alla Merkel. Ma nulla da fare, i sondaggi continuano ad essere a favore di Salvini e il M5 perde. Il M5 avvia quindi una politica di opposizione interna al governo, principalmente contro la politica dei porti aperti, cavallo di battaglia di Salvini. Con la "Sea Watch" parte il fuoco incrociato: da una parte la destabilizzazione interna, dall'altra l'operazione "Carola", pianificata dalla Merkel stessa (lo rivelerà poi l'ex capo dei servizi segreti tedesco Maassen). Il M5 sa di andare contro gli interessi degli italiani, sa che continuerà a perdere consensi, ma questo gli è stato ordinato di fare. Il M5 è nato sulll'onda del giustizialismo di Tangentopoli, è l'anti-sistema prodotto dal sistema, nato con lo scopo di assorbire la rabbia crescente di milioni di italiani che soffrono per un Paese che in trent'anni è stato smembrato, impoverito, dilaniato. Non importa ora se il M5 perda consensi. Il M5, una volta svolto il compito di finto oppositore al sistema, è destinato a morire.
    Ci si chiede perchè Salvini abbia accettato questa sfida quando, con ogni probabilità, già sapeva tutto, fin dall'inizio. Ha accettato di scendere in campo come controbilancia ad un sistema che divora tutto, sostenuto da un Trump che in America, con la sua elezione a Presidente, ha scompigliato tutte le carte. Da trent'anni il "Deep State", il "Potere profondo", il "Sistema", ha sempre avuto la meglio. L'Europa franco-tedesca si è compattata con il recente patto di Aquisgrana proprio per contrastare un Trump sempre più energico e determinato. Trump ha risposto minacciando dazi all'industria automobilistica tedesca e a quella dei vini francesi. Ad ottobre la Brexit e l'alleanza economica fra Trump e il leader inglese Johnson, metteranno a dura prova Francia e Germania, quest'ultima già da oggi in recessione con il PIL a -0,1.
    E l'Italia? Salvini ha dovuto aspettare il momento giusto per far cadere il governo e svelare i retroscena, lo ha fatto dopo la caduta dell'ultima maschera, ossia quando il M5 ha votato in Europa a favore di Ursula von der Layen a Presidente della Commissione Europea, la candidata di Merkel e Macron. Il M5 si è rivelato Sistema, al fianco del PD, del PD di Renzi, il prescelto del Gruppo Bilderberg. La farsa a cui stiamo assistendo in questi giorni riguardante l'avvio di un nuovo governo M5-PD, le scaramucce di palazzo e di tavolino, la mistificazione mediatica e le voci di corridoio che si rincorrono producendo mille eco, sono solo gli elementi scenici di un teatro di marionette con un canovaccio già definito, ma il cui finale nessuno è riuscito ancora a scrivere.
    PIERO LORENZINI.

    RispondiElimina
  107. Gli stracci stanno andando a gonfie vele. Mancano le ultime spallate. Chi può, quando può, come può, dia la sua spallata. Ricordiamo che basta essere semplici e sinceri per sgonfiare i palloni gonfiati.

    RispondiElimina
  108. Paolo Becchi:

    Il cerchio si chiude: una operazione complessa da decifrare guidata da Alpa, Mattarella e Conte per far fuori prima Salvini e ora Di Maio con l’aiuto dei servizi segreti, della massoneria e del Vaticano
    https://t.co/twGTR7mcma

    RispondiElimina
  109. Analisi molto attenta seria e lungimirante.
    Leggetela con attenzione. Il momento è grave e quello che rischia più di tutti e di tutto è Salvini! Ma questo significa che a rischiare siamo anche noi e il nostro Paese.

    Salvini ha fatto ALL IN . Ecco cosa c’ è in ballo.
    http://blog.ilgiornale.it/angelini/2019/09/01/salvini-ha-fatto-all-in-ecco-cosa-c-e-in-ballo/

    RispondiElimina
  110. .....
    Oggi la Germania può usare i popoli europei a suo piacimento. Crisi bancaria per esposizione con Grecia? pagano gli europei. Migranti tutti in Italia in cambio delle noccioline per 80 euro (Renzi) . Adesso la riforma del MES. L’ Italia è il paese europeo che ha maggiori perdite da DERIVATI (paghiamo 6/8 miliardi ultimo anno se non ricordo male e nel triennio 2011-2014 17 Miliardi https://www.wallstreetitalia.com/derivati-in-italia-le-perdite-piu-grandi-deuropa/). Con Salvini al 35% più FDI al 8-9% ed elezioni, tutto questo non sarebbe più possibile. E lo sanno benissimo. Chi? I mercati finanziari e le cancellerie UE. Screenshot_2019-09-01 Derivati di Stato per ridurre il deficit, poi è arrivato il «conto» di 24 miliardi

    Prestate attenzione. Solo l’ affetto popolare potrà salvare Matteo Salvini. Il ragazzotto con felpa e mojto che vuole bene all’ Italia e agli italiani.

    RispondiElimina
  111. Non credo, anzi, dico che la nostra debolezza è l'unica forza che piace a Dio quando è accompagnata dal nostro amore per Lui. Ho fiducia.

    RispondiElimina
  112. Becchi. Con l'aiuto dei servizi segreti,massoneria e vaticano: il che significa comunione. Conferma del pentito convertito Calcara: servizi segreti P2 vaticano + esercito armato mafia e drangheta.

    RispondiElimina
  113. Qualcuno inizia a chiedersi se lo strano e reiterato silenzio di Berlusconi in realtà nasconda la volontà di astenersi il giorno in cui si voterà la fiducia a questo accrocco rosso...

    https://www.liberoquotidiano.it/news/politica/13497925/daniela-santanche-silvio-berlusconi-brutto-sospetto-giorno-fiducia-conte.html

    Ps volevo anche applaudire sinceramente - e con una certa invidia "buona" - chi riesce, pur in mezzo a mille sforzi, a mantenersi totalmente fedele al Signore con l'anima il corpo e la mente...magari anche tra mille disavventure e amarezze personali (e/o comunitarie). Chapeau.

    RispondiElimina
  114. In Brandeburgo e Sassonia FORTE AVANZATA della destra di AFD (valutata in questo momento con gli exit polls tra il 27% in Sassonia - in cui aveva racimolato in precedenza appena il 9% - e il 24% in Brandeburgo).

    In Sassonia la Cdu della Merkel scenderebbe di oltre 7 punti percentuali purrestando ancora prima, mentre in Brandeburgo il maggior partito risulta quello socialista dell'Spd.

    https://www.televideo.rai.it/televideo/pub/notiziasolotesto.jsp?id=1261532&pagina=100&sottopagina=1

    RispondiElimina
  115. Io sono praticamente sicuro che qualche forzitaliota andrà al soccorso nel caso si creasse una fronda grillina sufficiente per far mancare la fiducia.

    RispondiElimina
  116. In fin dei conti, sig. Giudici, sarsbbe paradossalmente meglio così. Ulteriore elemento di confusione totale che contribuirà a far crescere il disgusto nella maggioranza degli italiani e a far crescere il consenso di Salvini e Meloni (misurabile già con le elezioni di ottobre in Umbria, intanto). Senza contare che esso porterà elementi importanti di chiarezza definitivi al fine di poter archiviare per sempre l'esperienza del "vecchio" cdx con forza Italia che finalmente, già allo stremo, finirebbe per farsi fuori del tutto da sola.

    RispondiElimina
  117. Dice Sala che il governo deve resistere almeno fino alla nomina del prossimo presidente della repubblica. S'era capito che quello per loro è un obiettivo importante.

    In teoria, gli si potrebbe rispondere con tranquillità che il 2022 se lo sognano. Ma mi viene un dubbio, che Mattarella possa dimettersi in anticipo proprio per far eleggere il successore a questo parlamento.

    RispondiElimina
  118. ...sul Mattarella eventuale prossimo dimissionario: sempre che questo governo nasca e sempre che duri più di qualche mese. Io ancora ho seri dubbi in proposito e non darei tutto per scontato..

    RispondiElimina
  119. Duro colpo per Angela..

    https://www.liberoquotidiano.it/news/politica/13497931/elezioni-germania-afd-triplica-voti-27-per-cento-angela-merkel-duro-colpo-.html

    RispondiElimina
  120. Anonimo 20:52

    Ma è proprio quello che pensavo. Se nasce, nasce tremendamente zoppicante. Ma è possibile ipotizzare uno scenario in cui il governo dopo un po' cade, si indicono elezioni, magari a due/tre mesi con la scusa di questioni urgenti come la finanziaria, e subito dopo Mattarella si dimette - magari con una scusa sulla salute - per far eleggere il successore prima del rinnovo de Parlamento?

    Se mi dite che ci sono leggi che lo impediscono, la chiudo lì; ma se mi dite che è tecnicamente possibile ma è uno scenario assurdo, io vi rispondo che non pongo limiti all'assurdo che mi aspetto di vedere.

    RispondiElimina
  121. @Anonimo 19:50

    Io preferirei ovviamente che la maggioranza non fosse raggiunta; ma in caso contrario, sì, sarebbe da apprezzare l'ennesima rivelazione sui doppiogiochisti, così magari qualche elettore di FI si sveglia...

    RispondiElimina
  122. https://www.liberoquotidiano.it/news/politica/13497987/pietro-senaldi-m5s-pd-dureranno-meno-di-salvini-bomba-sotto-poltrone.html

    RispondiElimina
  123. Non male questo titolo del Giornale:

    LA MERKEL PERDE A CASA SUA E VUOLE IMPORRE IL GOVERNO ALL'ITALIA

    http://www.ilgiornale.it/news/politica/salvini-merkel-perde-casa-sua-e-impone-governo-italia-1746537.html

    Ps nel frattempo Salvini mentre carica a pallettoni (metaforici) contro Conte definendolo uno del pd che è al servizio della Merkel e di Macron, alla domanda sul perchè non parli mai male del suo ex alleato Di MAio, dice: "Perchè mi fa pena per come lo stanno trattando..", immagino pensando a come lo stia trattando soprattutto Conte.

    Questa ultima affermazione di Salvini sinceramente mi conferma nella mia idea che ho sempre avuto, cioè che Matteo non abbia alcuna intenzione di abbandonare del tutto Di Maio e che confidi nel fatto che nel post-elezioni ci possa essere una intesa di un qualche genere. MAgari, non so, dichiarata fin dal pre-elezioni, ma comunque credo che il leader leghista ambisca a riuire quei grillini che in parlamento sono attualmente contro l'accordo col pd, ancora capeggiati da Luigi Di Msio, e poi stringere con loro una alleanza per continuarne in parte l'azione di governo interrotta ad agosto. Azione ovviamente da allargare a quel punto con altri soggetti (la MEloni probabilmente, che a quel punto, senza più la componente sinistrorsa dei grillini, direbbe di si, e poi del nuovo movimento capeggiato da Toti...).
    Elucubrazioni personali? Forse che si, forse che no. Io allo stato attuale lo vedo uno scenario probabile...

    RispondiElimina
  124. Il M5S ha annunciato la consultazione su Rousseau martedì prossimo. Il testo è stranamente limpido:

    "Sei d’accordo che il MoVimento 5 Stelle faccia partire un Governo, insieme al Partito Democratico, presieduto da Giuseppe Conte?”

    Da vedere il presunto programma che pubblicheranno entro l'inizio della consultazione.

    RispondiElimina
  125. Comunque i pontefici post-conciliari a forza di creare cardinali con idee moderniste o ultramoderniste (e con Bergoglio pure terzomondiste immigrazioniste globaliste antisovraniste e antiidentitarie e spesso anche anticattoliche) hanno messo in atto tutti i presupposti per perpetrare il vulnus di una chiesa con la c minuscola perchè sempre più lontana da quella con la C maiuscola. Perciò mi chiedo, infine: a cosa serve a questo punto della loro opera di distruzione sperare in un nuovo papa che resetti se non tutto almeno molto degli errori plateali e inaccettabili portati avanti in questi cinque decenni, con ritmi e gravità sempre più serrati? Resta sempre la risposta di riserva, cioè che ci penserà Dio, perchè umanamente è impossibilie anche solo pensarlo o immaginarlo.

    RispondiElimina
  126. "Il M5S ha annunciato la consultazione su Rousseau martedì prossimo. Il testo è stranamente limpido"

    Evidentemente Di MAio Di Battista e Paragone sono riusciti a strappare a Casaleggio (che ha sempre finora parteggiato, almeno finora appunto, per Di Maio) il quesito che lei ha riportato .Come scrivevo prima, non tutto è scontato, ancora. Aspettiamo. E aspettiamo comunque anche in parlamento, pure se dovesse passare - per assurdo, ma tutto è possibile - il si da parte degli iscritti cinque stelle all'accordo col pd. Potremmo, nel complesso, vederne delle belle.

    RispondiElimina
  127. wikipedia:

    Giuseppe Conte (Volturara Appula, 8 agosto 1964[1])

    8 agosto - La Lega esce dalla maggioranza e chiede il ritorno alle urne. Il Presidente del Consiglio è ricevuto al Quirinale dal Presidente della Repubblica Mattarella per fare il punto sulla crisi.[97]
    9 agosto - La Lega presenta al Senato una mozione di sfiducia nei confronti del governo.[98]

    P.S. Nel giorno del suo 55esimo compleanno Giuseppe Conte è libero di ritornare al PD. Una coincidenza?! Un regalo?!

    RispondiElimina
  128. C’è un retroscena presentato da Augusto Minzolini che potrebbe cambiare le carte in tavola. La voce arriva da Loredana De Petris di Liberi e Uguali: “Il problema di Zingaretti – osserva – è che arriva tardi. Renzi a me e Errani aveva prospettato un governo con i 5 stelle già un mese fa, davanti a un ascensore al Senato. Il Zinga, invece, se n’è accorto tardi. Non ha il senso della posizione in politica. Gioca come se fosse ancora nel campetto da calcetto della Regione…”.

    Una frase che crea parecchi dubbi sulla casualità con cui è nato il governo giallorosso. Viene da pensare che Conte o chi per lui avesse già origliato il clima e si fosse preparato nel migliore dei modi a differenza del segretario (forse più ingenuo) del Pd. Zingaretti infatti voleva solo andare alle elezioni, portandosi a casa un posto da secondo partito senza dover perdere la faccia e allearsi con gli ex nemici grillini. E invece il dem ha dovuto subire, preso a schiaffi da tutti, i voleri dell’ex premier (quello che aveva promesso di uscire dalle scene già tempo fa) e, non da meno, quelli dei Cinque Stelle, più attaccati alle poltrone di quanto si immaginasse. liberoquotidiano.it

    RispondiElimina
  129. Il successo non è definitivo, il fallimento non è fatale: ciò che conta è il coraggio di andare avanti. (Winston Churchill)

    RispondiElimina
  130. https://www.marcotosatti.com/2019/08/31/silvestrini-bertone-e-i-150mila-euro-annui-dallo-ior-a-villa-nazareth/

    SILVESTRINI, BERTONE E I 150MILA EURO ANNUI DALLO IOR A VILLA NAZARETH.
    31 Agosto 2019 Pubblicato da wp_7512482 113 Commenti --

    ...La storia per me si concluse lì. Ma qualche settimana più tardi rividi il mio referente, e dopo aver parlato di diversi altri argomenti, gli chiesi, en passant, di quanto poi era stato il contributo a Villa Nazareth. Scoppiò in una gran risata e mi disse. “Bertone ha detto al Presidente IOR di elargire l’intera somma richiesta da Silvestrini”. Chiesi ragione di un voltafaccia così radicale: “Silvestrini è molto potente, meglio tenerselo buono…”.

    Ovviamente di bilanci non si parlò mai più.

    P.S.“Silvestrini è molto potente, meglio tenerselo buono…”.
    Bisognerebbe capire, ora, che tipo di potenza era (o è?) quella di Silvestrini.

    RispondiElimina
  131. A mio avviso esiste già un patto tra Di MAio e Salvini per andare insieme al voto riprendendo in parte, e in parte ampliandolo e migliorandolo, il programma interrotto. Con Giorgia MEloni dentro. E appunto, Con la parte più "sana", depurata dalla componente di sinistra dei 5S. Vedrete. Vedremo.

    RispondiElimina
  132. Silvestrini-Conte

    viene fatto di pensare a qualcosa tipo Elia che prende possesso di Eliseo coprendolo con il suo mantello, fatte le dovute differenze, naturalmente. Elia lascia in eredità ad Eliseo il 'suo spirito, spirito di Dio'; Silvestrini, speriamo in bene.

    Rileggendo la vita di Eliseo (André-Marie Gerard, Dizionario della Bibbia, p.412, BUR,Milano, 2002)colpisce il particolare che, tra molti miracoli, Eliseo maledì anche i piccoli pagani di Betel che si burlavano della sua calvizie, forse dovuta alla tonsura che indicava la sua consacrazione: immediatamente due orse uscirono dalla foresta e sbranarono quarantadue di quei fanciulli (Re 2, 23-24). Da parte sua Conte, prudente, lascia i capelli ben visibili.

    Colpisce inoltre il fatto che i dem in uno dei primi incontri con Conte uscendo abbiano detto tra loro: 'Ma quello si crede di essere Napoleone?'

    Ora questi particolari potrebbero essere fanciullaggini; potrebbero essere un sintomo umanissimo del potere che inebria la testa. Potrebbe però essere 'altro'che inebria, che esalta, il mantello sbagliato del donatore sbagliato, comunque molto potente.

    RispondiElimina
  133. Dunque, secondo il Giornale Di Maio e Di Battista potrebbero controllare una ventina di senatori:

    http://www.ilgiornale.it/news/politica/larma-luigino-20-senatori-far-crollare-tutto-1746557.html

    Credo che ne basti una dozzina, quindi i numeri ce li hanno. Ora bisogna capire se l'asse Di Maio - Di Battista è reale, perché vorrebbe dire che Di Maio non è isolato. L'ipotesi fatta sopra, di una spaccatura del Movimento e la formazione di una compagine che si allea alla Lega, non è peregrina - dopotutto seguirebbero il movimento dell'elettorato che in quest'anno ha seguito la stessa traiettoria.

    Oltre al coraggio di fare questa mossa, bisogna chiedersi un'altra cosa (siamo in Italia): se i due sono ricattabili.

    Per il resto, ormai ci sono abbastanza ricostruzioni giornalistiche per sostenere che il ribaltone era pronto da tempo, pianificato in area renziana, e Salvini ha tentato di giocare d'anticipo.

    RispondiElimina
  134. Se un cardinale china la testa davanti ad un altro cardinale perché molto potente, si sta parlando di santità? No. Di cosa si parla? Prestanza fisica da atleta di lotta greco-romana? No. Si parla di ricchezza? No, perché è andato a battere cassa allo IOR. Allora questa potenza o è dello Spirito Santo o di altro spiritame. Come fa un cardinale a valutare un altro cardinale come molto potente? Se ne intende? Conosce pesi e misure di questa potenza? Evidentemente sì. Quindi possiamo dire, con una certa sicurezza, che in vaticano erano e sono presenti 'potenze' di varia grandezza: Small, Medium, Large, Extra Large. Potenze, ricordiamo, diverse dalla Santità.

    RispondiElimina
  135. Intervallo (per bere un po' d'acqua )2 settembre 2019 09:31

    OSSERVATORE MARZIANO. CI SIAMO NOI, DIETRO L’OPERAZIONE GRILLO-DI MAIO-ZINGARETTI.

    "La carta vincente: Spadaro."

    https://www.marcotosatti.com/2019/09/01/osservatore-marziano-ci-siamo-noi-dietro-loperazione-grillo-di-maio-zingaretti/

    RispondiElimina
  136. Non fatevi troppe illusioni ,Di Maio lotta solamente per la sua sopravvivenza politica.I pidioti ne vogliono la testa semplicemente perché vogliono annettersi i 5 stelle e intanto dare un segnale di discontinuità rispetto al vecchio governo.Conte è organico al PD mentre Di Maio è più difficilmente assimilabile.Il governo si farà perché tutti quelli che contano in Italia ed in Europa lo vogliono per impedire al popolo di votare.Vedrete che presto il PD proporrà di presentare liste uniche alle elezioni nel nome dell'antifascismo e dell'antirazzismo.Se gli sventurati 5 stelle risponderanno il gioco sarà fatto…..

    RispondiElimina
  137. Si, sig. Giudici, la possibilità che ho nel mio piccolo illustrato ieri sera circa un riapparentamento post-elettorale tra le anime grilline non sinistre e Salvini, con dentro anche Meloni stavolta, a mio avviso è viva e realistica. Rilevo, a supporto - ancora una volta ma è importante - che Salvini pure ieri ha dichiarato che non riesce a parlar male di Di Maio perché anch'egli è a suo dire una vittima, cioe vittima di Conte, del Pd, e di chi gestisce e dirige l'affaire da oltreconfine. E a sua volta Di Maio non ha piu fatto cenno a Salvini etichettandolo come "traditore", anzi ha ringraziato
    pubblicamente la Lega per averlo proposto al Capo dello Stato come Premier.

    Infine unanota: pare Berlusconi abbia detto a Conte che se il governo rosso (sempre che nasca) dovesse avere delle difficoltà, Forza Italia ci sarà... Se questo è vero - e secondo molti lo è - si tratterebbe di un chiaro segnale per dargli l'ok per un appoggio esterno. Ma ssrebbe anche l'ulteriore prova che irmai Salvini e Berlusconi sono su piani e mondi politici inconciliabili.

    https://www.liberoquotidiano.it/news/politica/13498052/silvio-berlusconi-giuseppe-conte-noi-ci-siamo-tradimento-salvini.html

    RispondiElimina
  138. Grillo contro Di Maio. Egli infatti scrive sul giornale dell'amico Travaglio:

    " Una "(mia) testa incazzata verso Luigi...basta con i punti che raddoppiano come alla Standa! Bisogna capire quanto sia bello cambiare le cose...", riferendosi alla richiesta dell'ok al Pd dei 20 punti che sarebbero imprescindibili per il Movimento (che solo pochi gg prima erano 10).

    https://www.agenzianova.com/a/5d6cca716b5a80.58383376/2586896/2019-09-02/governo-grillo-a-il-fatto-quotidiano-luigi-basta-punti-della-standa-e-bello-cambiare-le-cose

    Insomma ormai pare che dentro i 5S siano arrivati tutti al redde rationem e che la scissione tra dimaiani e grilloti sia nei fatti. Ciò avrà inevitabili conseguenze a brevissimo sullo scenario politico italiano, se poi ci mettiamo pure il sondaggio degli iscritti di domani sulla piattaforma Rousseau...

    RispondiElimina
  139. Non c'era bisogno di conferma, comunque:

    https://www.liberoquotidiano.it/news/politica/13498052/silvio-berlusconi-giuseppe-conte-noi-ci-siamo-tradimento-salvini.html

    RispondiElimina
  140. Al pallottoliere di Palazzo Madama si contano una quindicina di senatori di quel partito pronti a dar vita a "qualcosa di moderato" pur di aiutare il governo.

    Se sono così tanti, vanificano ogni possibilità di fronda nel M5S.

    RispondiElimina
  141. Non bastano (col relativo seguito) Salvini Meloni Toti e la possibile fronda dei 5*?

    Il problema è che i numeri parlamentari (congelati al 2018) non corrispondono a quelli delle Europee e post... Ci vorrebbe Qualcuno che sparigliasse i conti infami!

    RispondiElimina
  142. Mic l'accordo tra Salvini e Di Maio con presdmibilmente pure Meloni e Toti sarà per il dopo elezioni. Questo parlameento ormai ha chuaramente le ore contate, non si potrà far nascere una cosa già sconfitta anche dai numeri in partenza. Con la scissione grillina in atto, tra laltro. Questo nonostante tutti gli appoggi "potenti" che abbiamo visto in questi giorni....

    RispondiElimina
  143. Patuanelli capogruppo 5s al Senato dice che se domani gli iscritti alla piattaforma Rousseau si esprimeranno a maggioranza contro l'accordo col od, Conte dovra adeguarsi...

    https://www.agi.it/politica/patuanelli_rousseau-6122032/news/2019-09-02/

    RispondiElimina
  144. Forza Italia in versione "benevolenza" verso l'inciucione clamoroso...E chi l avrebbe mai detto?!

    https://www.liberoquotidiano.it/news/politica/13498098/gianni-letta-giuseppe-conte-incontro-forza-italia-si-immola-per-inciucio.html

    RispondiElimina
  145. Mic l'accordo tra Salvini e Di Maio con presdmibilmente pure Meloni e Toti sarà per il dopo elezioni.

    Lo so. Ma io ancora speravo in qualche giravolta (grillini ravvediti?) in parlamento

    RispondiElimina
  146. Non fatevi troppe illusioni ,Di Maio lotta solamente per la sua sopravvivenza politica.

    Non ho dubbi a proposito. Comunque è un motivo per lottare, suo e del suo cerchio, che probabilmente rischia come lui. Lo potrebbero blandire con qualche incarico di ripiego, ma se lo mettono in un angolo probabilmente ci sono più probabilità che si ribelli.

    RispondiElimina
  147. https://www.liberoquotidiano.it/news/politica/13498098/gianni-letta-giuseppe-conte-incontro-forza-italia-si-immola-per-inciucio.html

    RispondiElimina
  148. Onestamente, se mi chiedeste: hai la bacchetta magica e puoi farne sparire uno solo, cosa scegli, FI o PD? Ecco, avrei dei dubbi.

    RispondiElimina
  149. https://www.liberoquotidiano.it/news/politica/13498117/rousseau-beppe-grillo-marika-cassimatis-denuncia-voto-ribaltato-m5s.html

    "Quello su Rousseau è un referendum a uso interno, non credo proprio che il Presidente Mattarella prenderà in considerazione l'idea di far passare un incarico di governo per la piattaforma online, sarebbe una violazione dei principi costituzionali".

    Non lo crede nessuno: ma potrebbe indurre qualche grillino a far saltare la trattativa o votare contro la fiducia.

    E poi c'è il nodo statuto. Come osserva Cassimatis, "l'articolo 4 del nuovo statuto M5S dice che se il garante o il capo politico non gradiscono l'esito della votazione possono farla ripetere".

    Il capo politico è Di Maio; il garante è Grillo. Dunque Grillo può farla ripetere. Difficile però in questo caso, perché farebbe saltare la presentazione del nuovo governo a Mattarella. E comunque se lo fanno corro a comprare altro pop-corn.

    RispondiElimina
  150. Anche per Daniele Capezzone (su La Verità) Di Maio è l'ultimo baluardo per i grillini antipalazzo.

    RispondiElimina
  151. Mic, anche se ci fosse qualche "ravveduto" 5S in Senato, si andrebbe comunque al voto, con accordo gia in tasca appunto (Salvini-Di Maio (-Meloni?) .

    E i potenziali futuri "ravveduti" pare stiano già sorgendo come funghi, a detta di Crippa (Lega), il quale ha riferito che diversi senatori grillini li starebbero contattando per proporsi con il loro "no" al Conte bis in cambio di futuri seggi sicuri per loro in parlamento con la Lega alle prossime elezioni.

    Ma Paragone scrive intanto su fb che - come era nell'aria - truppe consistenti berlusconiane guidate da Gianni Letta sarebbero pronte a votare la fiducia al governo e sostenerlo anche dopo..

    RispondiElimina
  152. Crippa (Lega): "9 senatori 5S pronti a votare contro il Conte bis se la Lega gli assicurerà seggi alle prosdime elezioni"

    https://www.adnkronos.com/fatti/politica/2019/09/02/crippa-nove-senatori-dicono-conte-lega-gli-seggio_u3T0vwHCKGKTmvf3XTLchM.html

    RispondiElimina
  153. I prossimi cardinali creati da Bergoglio sembra siano praticamente tutti terzomondisti immigrazionisti e anche filoislam. Come ieri, ripropongo la stessa domanda (retorica): in queste condizioni viste le premesse, come sara mai possibile che dal prossimo conclave possa uscire qualcosa di realmente diverso e nettamente migliore di ciò che stiamo subendo adesso? Possibilita prossime allo zero. Unica incognita sempre possibile la Mano, in un modo o in un altro, del Fondatore e Guida (volenti o nolenti i membri ecclesiastici terreni) della Chiesa, che ribalti tutto. O almeno che per ora è per un tratto di strada affianchi all'obbrobrio in atto una situazione a Lui più gradita, che i Suoi possano scegliere e seguire al posto di quella taroccata.

    RispondiElimina
  154. @Fabrizio Giudici h.12.30
    io nessun dubbio, Berlusconi ha rotto da un pezzo e se ne deve andare, lo so che l'ego smisurato gli fa dire tutto e l'incontrario di tutto pur di rimanere a galla, il suo tempo è passato si rassegni a farsi da parte e già sarebbe tanta roba, il PD è destinato a sbranarsi da solo, non mancherà molto, ma Mazzarella........

    RispondiElimina
  155. Paragone ha fatto una furbata: un sondaggio sul suo account Twitter, con un quesito che alla fine (Paragone ha agito già da qualche giorno) è risultato molto simile alla domanda di Rousseau. 90.000 votanti, 70% no.

    Ora, i sondaggi di Twitter valgono niente, ma in questo caso è diverso. Uno può criticare il campione non significativo, ma il numero di votanti è confrontabile con quello che voterà su Rousseau. La platea potrebbe essere molto simile, in quanto la base grillina è significativamente informatizzata e usa Twitter. L'unica obiezione che si può fare è che possono essersi espressi anche elettori leghisti. La contro-obiezione che muovo è che quasi certamente gli iscritti su Rousseau hanno avuto notizia dell'iniziativa di Paragone e soprattutto chi è intenzionato a votare "sì" era motivato a farsi sentire. Visto che il risultato è nettissimo, a questo punto una vittoria del sì su Rousseau si presenterà al mondo molto, molto male.

    RispondiElimina
  156. A proprosito di Paragone senatore M5S contrario all'accordo con il Pd, ha appena postato su fb un suo video di 3 minuti in cui si sente il pezzo di Vasco Rossi "C'e chi dice no", e lui ribadisce "Anche io dico NO domani su Rousseau".

    https://it-it.facebook.com/gianluigi.paragone/videos/540181873391706/

    E poi legge alcune righe del volume di Rampini - giornalista di Repubblica - dal titolo "La notte della sinistra" nel quale fa una analisi spietata e sincera del perchè appunto la sinistra ha perso appeal nei confronti degli elettori (Immigrazionismo, elites, europeismo a manetta, per i poveri solo se stranieri ecc)...ed è Rampini di Repubblica eh...non un "fascio"...

    RispondiElimina
  157. Mi hz sorpreso molto la mossa del leghista Crippa di rivelare che alcuni senatori dei 5S sarebbero pronti a "barattare" il loro voto contrario al Conte bis con la promessa di un seggio sicuro con la Lega alle prossime elezioni. Di sicuro Crippa, che è vero che e il neo-viceceegretario del Carroccio, ma è anche molto giovane e neofita in parlamento, non avrebbe MAI assunto tale iniziativa se non gli fosse stata esplicitamente suggerita dal vertice assoluto del partito (leggi "Matteo Sakvini").

    Gia, ma perché Salvini ha fatto fare questa dichiarazione così forte , che evidentemente non voleva intestarsi in prima persona? Strano infatti, visto che a questo punto appare più difficile, per dei senatori grillini che vogliano votare "no" alla fiducia a Conte in nome di supposti futuri benefici, farlo ugualmente come se niente fosse, ora che si troverebbero ad essere stati scoperti in questo loro poco onorevole scambio. E perciò a Salvini, se veramente avesse voluto far saltare la fiducia, non sarebbe convenuto tenere tutto sottobanco, all'oscuro?

    Non sarà che in fondo Matteo Salvini preferisca che questo accrocco rosso, tenuto insieme a fatica, alla fine parta e vari magari una finanziaria non facile e impopolare, e dia modo di far vedere che il nuivo governo sarebbe assai aperturista nei confronti della immigrazione clandestina (suscitando ulteriori ire tra i cittadini)? Dopodiché con le prime dlezioni utili (le regionali in Umbria a fine ottibre) sperare di assistere ad un suo primo personale trionfo e fivincita - e invece, contemporaneamente, ad una ulteriore debacle pd-5S - dimostrzndo che la nuova maggioranza parlamentare rabberciata formata dai dye partiti perdenti è assai distante dal sentire della vera maggioranza, quella dei cittadini.

    Così, ciò spianerebbe la strada a nuove elezioni e alla conseguente sua vittoria schiacciante, da lì a non molto, senza che a quel punto il Capitano abbia dovuto muovere un dito e senza neanche essersi accollato la manovra finanziaria.

    Non so voi, non so te mic, ma io più o meno mi spiego così la dichiarazione fatta fare a Crippa quest'oggi da parte di Salvini. Ripeto infatti che se egli avesse voluto far saltare la fiducia, non sarebbe stata infatti di certo lo sbandierare ai quattro venti che c'erano senatori grillini pronti a "vendersi" alla Lega, la mossa per ottenere lo scopo...

    RispondiElimina
  158. Mi hz sorpreso molto la mossa del leghista Crippa di rivelare che alcuni senatori dei 5S sarebbero pronti a "barattare" il loro voto contrario al Conte bis con la promessa di un seggio sicuro con la Lega alle prossime elezioni.

    In politica non sono certo un'aquila. Ma da quello che ho imparato spesso i politici parlano per spiazzare, stornare l'attenzione da alcune cose o tener quieta la base... Inoltre, in un momento così delicato, penso che un eventuale gesto di questa portata non si vada a sbandierare ai quattro venti, ma si cerchi di realizzarlo con determinata cautela....
    Non credo proprio che Salvini preferisca l'accrocco rosso perché, avuto riguardo al calibro dei 'manovratori', non può scommettere sulla breve durata, nonostante abbia la possibilità di fare un'opposizione dura e la maggioranza sia davvero rabberciata. Credo che speri, come tutti noi, che cada sulla fiducia! Anche se probabilmente è spes contra spem...

    RispondiElimina
  159. Interessante l'osservazione delle 16:22.

    Mia opinione: gli abboccamenti ci sono, ovviamente. Mi metto nei panni di uno di questi potenziali transfughi: o la va o la spacca, ovvero se siamo abbastanza va, il governo non nasce, si va subito ad elezioni e mi garantiscono il posto nella Lega. Se non va, siccome il voto è palese, mi sputtano (scusate il termine tecnico) e mi espellono dal Movimento. Mi ritrovo senza arte né parte. Come faccio a sapere se siamo abbastanza? Non posso saperlo, perché certo tutti gli altri personaggi coinvolti se ne stanno zitti. Ecco però che una dichiarazione da parte della Lega può far capire che siamo a buon punto, forse mi conviene rischiare. Ovviamente dovrei verificare la vericidità dell'affermazione... io non saprei come fare, ma probabilmente chi è del mestiere ha i mezzi per farlo.

    Alternativamente può anche essere, molto semplicemente, una misura per seminare panico ed insicurezza nelle fila dell'avversario.

    L'ipotesi alternativa, che la Lega voglia evitare di prendersi la responsabilità di questa finanziaria, che non piacerà a nessuno, addossandola tutta addosso a PD+M5S potrebbe anche avere un fondamento.

    RispondiElimina
  160. Il problema, sulla manovra, è che con QUESTO governo l'Europa sarà più 'morbida'...

    RispondiElimina
  161. Potrà anche essere un po più morbida mic, ma intanto Salvini se la eviterebbe (e con lui al governo la morbidezza diverrebbe improvvisamente rigidità e durezza assoluta). E comunque non illudiamoci troppo: col Pd al governo dalle parti di Bruxelles et similia sanno di poter anche chiedere molte cose, intanto la NON diminuzione delle tasse (come era intenzionato a iniziare Salvini), che contribuirebbe a perpetrare lo strangolamento di imprese e cittadini. E non ultimo la riapertura dei porti in cambio di un poco (solo un poco e male) di flessibilita nei conti, come all'epoca di Renzi.
    Infine gli Eurocrati, se facessero troppe concessioni solo perche sarebbe un governo loro amico e gradito in quanto servile, darebbero stavolta la stura a tutta una serie di riflessi e sentimenti profondamente ulteriormente negativi, avversi e ostili nell'opinione pubblica italiana, almeno in quella grandissima parte che questo accrocco rosso proprio lo detesta). Non rischierebbero percio un effetto boomerang alle prime elezioni utili anche i due partiti che questo accrocco lo vorrebbero fare a ogni costo? E, in più, quando vinceranno i sovranisti (perché vinceranno, basta aspettare le prossime urne), una commissione UE che erxcstatz zprrtamente fi artd nei conffonti di pd-5s, non potrebbe piu spudoratamente mettersi di traverso perché così facendo perderebbe a quel punto ogni residua briciola di credibilita rimastale. Con i sovranità chevzvrdbbefo vita facile (almeno con gli itsliani) nel dire: "Vedete quanto sono spudoratamente faziosi questi euroburocrsti, e anti italiani? All'altro governo ko to amico (accrocco rosso) concedevano molte cose se non tutto, a noi nisba... e così non possiamo fare quanto avevamo sempre promesso, tipo taglio drastico tasse ecc"

    RispondiElimina
  162. Sarà più morbida, ma la quota 100 non la possono tollerare, così come altre misure fiscali più o meno approvate.

    RispondiElimina
  163. Maria, propongo se sei d'ccordo una preghiera la piu continuativa posdibile (per chi potra e vorra) tra la serata odierna e soprattutto per tutta la giornata di domani, quando cioe si svolgeranno le consultazioni della base eleettorale dei 5Stelle attraverso la piattaforma ROusseau per sapere se essa gradisce o meno l'eventuale accrocco rosso al governo..

    Che lo Spirito Santo, attraverso la intercessione della Beata Vergine Maria (di cui si celebrerà la nascita su questa terra domenica prossima, 8 settembre) li ispiri per il bene dell'Italia.

    Ps Mariz, dato che mi pare che il momento sia "topico", se lo ritieni opportuno, non sarebbe male per tutta la giornata di domani magari tenere in bella vista un thread appositamente dedicato a tale intenzione di preghiera...Grazie comunque.

    RispondiElimina
  164. I tedeschi stanno per avere grossi problemi, sia perché sono dei testoni, sia perché si troveranno la corazzata Trump davanti. Su qualcuno dovranno pur rivalersi.

    Di Maio non solo ha rinunciato al vicepremierato, ma si fa pure perculare da Grillo. O si è arreso, oppure vuol consumare la vendetta al momento giusto.

    Comunque stasera non vedo un programma approvato. Avrebbe dovuto essere pubblicato prima dell'inizio della consultazione su Rousseau.

    RispondiElimina
  165. Stasera Salvini a Quarta Repubblica da Porro , su Rete4 ore 21.25.

    RispondiElimina
  166. Questo governicchio anche se non piace alla stragrande maggioranza degli italiani, tuttavia si farà, si dovrà per forza fare. In tal senso infatti sappiamo bene che si sono espresse i vari potentati sparsi per l'Europa, a vario titolo. Io però continuo ad essere convinto, anche ripensandoci stasera, e anche a costo di sembrare ripetitivo, che quella mossa di Crippa della lega di spifferare dei contatti in corso da parte di potenziali transfughi 5S pronti a dire no al Conte-bis in cambio di seggi nella lega alle prossime elezioni politiche, non sia stato un atto avventato o al limite inopportuno fatto da un giovane parlamentare alle prime armi. E che se Salvini ha permesso che tutti sapessero - in particolare i vertici dei grillini - è perchè conta (certo in modo non confessabile pubblicamente) di impedire ogni manovra che possa essere volta a impedire la nascita dell'accrocco che vanno apparecchiando. Appunto, per poi passare - pur rischiando qualcosa, visto l'appoggio possibile di diversi berluscones - al previsto incasso tra non molto, dopo che detto accrocchietto sarà presumibilmente caduto sotto il peso della sua stessa incoerenza, inconsistenza, inattuabilità, incompatibilità e presto conseguente rissosità.
    Buonanotte a tutti. E godiamoci domani sera l'esito del Rousseau...

    RispondiElimina
  167. Giuseppe Palma:
    Breve cronistoria di come il centro-sinistra sia riuscito ad andare al potere in Italia negli ultimi 25 anni:
    a) 1995-1996: vanno al governo con un ribaltone ai danni di Berlusconi che aveva vinto le elezioni del 1994.
    b) 1996-1998: vincono le elezioni, ma alla Camera non hanno la maggioranza e il governo Prodi I è sostenuto da Rifondazione comunista per effetto del “patto di desistenza” con Bertinotti nei collegi uninominali.
    c) 1998-2001: fanno fuori Prodi e vanno al governo con Clemente Mastella, eletto col centrodestra a guida Berlusconi.
    d) 2006-2008: si trincerano in un governo – il Prodi II – sostenuto in Senato coi voti dei senatori a vita e di quelli eletti nella circoscrizione Estero, avendo “vinto” le elezioni con uno scarto dello 0,01%.
    e) 2011-2012: dall’opposizione (avevano perso sonoramente le elezioni politiche del 2008) votano la fiducia al governo tecnico di Mario Monti frutto di un colpo di Stato ai danni del governo Berlusconi IV. Entrano in maggioranza e Bersani, Alfano e Casini formano l’ABC, l’asse di maggioranza che supporta Monti e le politiche di austerità. Votano favorevolmente per l’autorizzazione alla ratifica del Fiscal compact e per l’introduzione in Costituzione del vincolo del pareggio di bilancio.
    f) 2013-2018: vincono le elezioni con poco più del 29% dei voti e ottengono un premio di maggioranza abnorme previsto da una legge elettorale dichiarata incostituzionale (anche nei meccanismi del premio). Restano al governo 5 anni nonostante la Corte costituzionale avesse previsto per le Camere il regime di “prorogatio” con la sentenza sul porcellum. Per 4 anni e mezzo si reggono sul sostegno di Angelino Alfano, eletto col centrodestra, che a sua volta lascia il partito di cui era segretario (PdL) per sostenere (insieme ad una pattuglia di parlamentari eletti con Berlusconi) i governi di centrosinistra.

    RispondiElimina

  168. Integrazione alla cronistoria di qui sopra.

    Nel 1995-96, il ribaltone ai danni di Berlusconi fu fatto non dai sinistri ma da Umberto Bossi. Al Governo appena da un anno, doveva essere il governo della grande svolta, ma Bossi non poteva ottenere la riforma del Titolo V della Costituzione, per avere maggior autonomia alle regioni. Le liti sul punto erano frequenti, specialmente con Alleanza nazionale. Allora fece cadere il governo e Berlusconi nell'occasione lo definì un Giuda in parlamento.
    Il Governo di Sinistra con Bossi dentro passò la famosa riforma, gravida di conseguenze.
    Anni dopo uomini di sinistra come Rutelli dichiararono quella riforma un grave errore.
    H.

    RispondiElimina
  169. L'epoca dell'Anticristo suppongo sia un'epoca tipo la nostra, caratterizzata dalla fotografia, della fotocopia che non è l'originale in quanto mancano le caratteristiche interne che l'originale ha e la fotografia o fotocopia non hanno. La nostra grande fatica oggi è, prima di tutto, essere noi stessi veri, per il bene dell'anima nostra e, di conseguenza, essere in grado di distinguere il vero dal falso, nel mondo che ci circonda.
    La vecchia, desueta Dottrina sottolineava l'importanza delle intenzioni che devono essere rette, affinché le nostre azioni possano cominciare ad essere buone. Oggi come fai, fai bene. Salvo poi uscire come un boato la richiesta perentoria di mostrare nei fatti l'intenzione vera. Così è successo con Salvini e il rosario in piazza, perché molti dicevano che le sue intenzione non erano di preghiera, ma di propaganda politica.
    Davanti ad un altro rosario donato in scatoletta rossa dal Pontefice all'Avvocato Presidente, nessuno si è interrogato sull'intenzione del donatore. Oggi credo che sia arrivato il momento, considerando il donatore e chi ha ricevuto il dono, di chiedersi quali siano state le intenzioni dietro questo rosario in rosso, consegnato con fare furtivo: preghiere cattoliche o altro?

    RispondiElimina
  170. Conte ha un’indole democristiana, corrente Fregoli, ascendente Zelig, populista in fase di rodaggio a Palazzo Chigi, poi sovranista per contratto, ora progressista per senso dello Stato, ed è pronto a diventare nel tempo anarchico insurrezionalista, monarchico legittimista, papalino e ateo, secondo l’occorrenza. Riesce a essere bergogliano senza smettere di essere devoto alla sua antitesi, San Padre Pio, un santo vero, mistico e medievale in pieno novecento. Da ragazzo Conte era un fan dei Camaleonti, come si può vedere. (M. Veneziani)

    RispondiElimina
  171. È vero, ma se guardiamo bene è il trionfo dei post-democristiani: Renzi, Gentiloni, Delrio, Franceschini... ovvio, non che nel PD non ci siano componenti post-comuniste (D'Alema, Fassino o Bersani), ma non sono quelle che contano. Il M5S ha radici post-democristiane nella Link University by Vincenzo Scotti ed ecco saltato fuori un post-democristiano doc come Conte; e per concludere avremo i vari Casini, Tabacci e Rotondi.

    RispondiElimina
  172. Con tutti i difetti che può avere Salvini è però più vicino a una visione cattolica dei pervertiti (secondo una morale strettamente cattolica) piddini e grillini. Perché allora la chiesa gattolica bergogliona si è messa contro Salvini come il male assoluto e ora esalta per il nuovo governo M5S-PD? Perché:
    a) Salvini le aveva tolto il business dei migranti;
    b) il mondo clericale ha ormai un consolidato rapporto e scambio clientelare col PD, in gran parte occupato dalla ex sinistra democristiana;
    c) la maggior parte del clero è accidiosa, atea o agnostica o miscredente o protestante o islamica o sincretista o pagana o guarda al nuovo umanesimo;
    d) buona parte del clero ha una buona collezione di scheletri negli armadi, non sono certo attratti da chi è più santo.

    RispondiElimina
  173. Il punto principale è che la chiesa bergogliona non ha più una visione cattolica: mons. Forte si è subito precipitato sul Corriere della Sera ad esaltare il "nuovo umanesimo" massonico di Conte. D'altronde lo stesso termine è sulla bocca di Papa Francesco da molto tempo.

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori del blog.