lunedì 28 ottobre 2019

Svolta storica per l'Umbria

Dal primo test della coalizione M5S-PD in Umbria emerge un risultato clamoroso a favore del centro-destra. Il Paese è governato da una coalizione che non arriva nemmeno al 30%. È dunque ulteriormente comprovato che Mattarella ha dato l'incarico a una minoranza completamente priva di legittimazione popolare, non prendendo in alcuna considerazione l'esigenza dettata da autorevoli costituzionalisti che la volontà del corpo elettorale debba convergere con la rappresentanza parlamentare.
L'affluenza alle urne è stata da record : 12% di votanti in più rispetto alle ultime elezioni del 2015. I cittadini umbri hanno così manifestato il proprio desiderio di cambiamento.
Con il 57,49% Donatella Tesei, candidata del centrodestra, batte il candidato della coalizione composta da PD e Movimento Cinque Stelle, Vincenzo Bianconi, che ha ottenuto solo il 37, 52%.
Dopo 50 anni di governo di centrosinistra, una nuova storia per l’Umbria. Una vera e propria disfatta per il Movimento Cinque Stelle, che crolla al 7%. Donatella Tesei diventa così la nuova governatrice dell’Umbria.
Il tutto nonostante la vergognosa campagna elettorale contro Salvini da parte dei Francescani di Assisi. Non certo in nome di San Francesco, ma in quello di Francesco. Così tra i grandi sconfitti in Umbria ci sono proprio i frati francescani insieme alla CEI e a Bergoglio. È una conferma: la Nuova Chiesa bergogliana è completamente isolata dai cattolici, che non danno assolutamente retta a questi prelati e anzi votano platealmente contro.
Intanto Conte, che ha cercato di minimizzare l'esito delle elezioni umbre, non ha da preoccuparsi solo del risultato elettorale in Umbria, perché di lui si sta occupando anche il Financial Times. “Un fondo di investimento sostenuto dal Vaticano al centro di un’indagine sulla corruzione finanziaria era alla base di un gruppo di investitori che assunse Giuseppe Conte per lavorare ad un accordo” poco prima che diventasse presidente del Consiglio. È quanto rivela, infatti, sulla sua edizione online, il noto quotidiano. Vi si legge che il collegamento, emergente da alcuni documenti, “probabilmente attirerà un ulteriore esame sull’attività finanziaria del Segretariato di Stato vaticano, la potente burocrazia centrale della Santa Sede, che è oggetto di un’indagine interna su transazioni finanziarie sospette”. Dei tanto antichi quanto sotterranei rapporti di Conte col Vaticano, attraverso il suo mentore Silvestrini, avevo parlato qui : Il trionfo - così sembra - dei catto-dem, che viene da lontano. Ma non in nostro nome.
Tuttavia il grave conflitto d'interessi emergente non è del tutto una buona notizia perché può mostrare l'operazione delle élite per rimuovere Conte e sostituirlo con Draghi. Monti ha devastato il Paese. Draghi finirebbe il lavoro.
Ma il sentore è che l’Umbria, nonostante la mossa di non volerne tener conto, rappresenti invece attualmente il volere dell’Italia intera.
Laus Deo e avanti così! Occorre resistere ad oltranza all'arroganza dei poteri egemoni.

41 commenti:

Anonimo ha detto...

Dissolti i 5 Stelle e sconfitta quella Chiesa alleata col PD - sconfitto il Presidente fantasma Conte servo dei tecnocrati europei - Ma c'è una vera soddisfazione in tutto ciò. Il card. Bassetti con i Francescani di Sinistra - che hanno "pregato Dio" per la sconfitta della Destra - sono usciti dalle elezioni popolari italiane con le ossa rotte. - Pachamama non gli ha fatto la grazia!

Anonimo ha detto...

https://scenarieconomici.it/financial-times-conte-implicato-conun-fondo-sotto-indagine-da-parte-del-vaticano/

Anonimo ha detto...

Cristina Siccardi:
I Francescani di Assisi pregavano perché vincessero PD e 5Stelle, a differenza della maggioranza degli umbri... Ma non avevamo dubbi, hanno dimenticato e ripudiato chi sia il loro fondatore: lo "spirito di Assisi" (eretico) è ben altra cosa dello spirito di San Francesco!!!
Dopo 70 di aria comunista nelle autorità civili, arriva un vento di libertà e di identità cristiana!!! Vittoria storica 🇮🇹

mic ha detto...

Dei legami di Conte col Vaticano, attraverso Silvestrini, avevo parlato qui:
"Il trionfo - così sembra - dei catto-dem, che viene da lontano. Ma non in nostro nome."
https://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2019/08/il-trionfo-cosi-sembra-dei-catto-dem.html

berni/exodus ha detto...

Grazie Mic. un po alla volta viene fuori tutta la melma...... preghiera e penitenza sono le armi che la Madonna ci ha messo nelle mani..... ""ed alla fine il Mio Cuore Immacolato trionferà"""" che brutta fine la falsa chiesa conciliare/bergogliana/Komunista????

Anonimo ha detto...

OGGI SI VENERA SAN GIUDA TADDEO APOSTOLO, IL SANTO DELLE COSE IMPOSSIBILI. INFATTI È STATA ESPUGNATA L'UMBRIA DALLE ZECCHE ROSSE SPONSORIZZATE DAL VATICANO. GRAZIE SAN GIUDA!

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10219653430876739&set=gm.2239632789474367&type=3&theater&ifg=1

Speriamo che finalmente si possa girare pagina .!
Povera mia piccola mistica Umbria dalle ali spuntate , esclusa da ogni pur piccola iniziativa , per 70 anni sotto il giogo del martello e della falce , delle logge , dei sindacati e ultimamente bastonata anche.....

mic ha detto...

Ho aggiornato l'articolo anche con l'immagine e un link di riferimento che non avevo potuto inserire dal cellulare da cui l'ho scritto e mi premeva pubblicarlo...

Anonimo ha detto...

https://www.facebook.com/legasalvinipremier/photos/a.597100443666219/2702029156506660/?type=3&theater
C'e' bisogno di commentare ? Non e' forse meglio compatire ?

Rr ha detto...

La Lega al37% , percentuali da Lombardia, ma in Umbria feudo rosso e rossastro dal Dopoguerra. Fratelli d’Italia a due cifre, ben più dei 5Stelle !
Ogni tanto il risveglio del lunedì è piacevole.
Collateralmente in Turingia l’Alternative fuer Deutschland è secondo partito sopravanzando nettamente la CDU. Perdono i Verdi e l’SPD, ormai al limite dello sbarramento. Tiene purtroppo la Linke, che però è molto più concentrata su temi economici che non sull’ambiente, gli LGBT e gli immigrati come in altri Laender.
RR

Anonimo ha detto...

Armando Siri:
Qualcuno derubricava l'Umbria a una provincia pugliese, senza tenere conto che, piccola o grande che sia, l’espressione della volontà popolare ha sempre un valore fondamentale per il nostro ordinamento.
Ogni singola manifestazione di consenso, o dissenso, rappresenta il momento di giudizio espresso dagli unici nostri azionisti: i cittadini. Se ne facciano una ragione quelli che si dicono democratici, ma evitano in tutti i modi le elezioni solo per restare aggrappati all’idea di potere.
Il risultato di oggi non segna quindi soltanto la vittoria di Matteo Salvini, della Lega e del Centrodestra. Rappresenta la vittoria del libero pensiero sull'ideologia, della voglia di futuro sull’inerzia del passato, di una visione di società che investe nello sviluppo su quella che punta al sussidio.
Da qui lo guardo si leva ora all’Emilia e poi a tutta Italia, perché c’è urgente bisogno di dare al nostro Paese soluzioni chiare e nette per uscire da questa lenta fase di asfissia.

Anonimo ha detto...

Le hanno tentate tutte. Salvini e il mojito, il Papeete, Savoini, la Russia, i 49 milioni, il contante, l'odio, il fascismo, Report, Travaglio, Repubblica, Saviano, Vauro, Fazio, Murgia, Gabanelli... ci mancava solo la peste bubbonica.
Li ha asfaltati in casa loro. Con 20 punti di distacco.
#Umbria2019

Anonimo ha detto...

Cesare Sacchetti:
Tra gli sconfitti in Umbria non c'è solo la coalizione del tradimento M5S-PD e Mattarella. C'è Bergoglio e la sua falsa chiesa anticattolica che ha condotto una massiccia campagna anti-sovranista in Umbria. Gli italiani sono autonomi e maturi. Non ascoltano falsi profeti.

fabrizio giudici ha detto...

La cosa divertente è leggere certi commenti in giro sull'affluenza di voto. Non potendo avere quel minimo di scusa offerta dalla bassa affluenza, ora fanno presente che l'altra affluenza non è di per sé un buon segno (contraddicendo i mantra sinora ripetuti su partecipazione, eccetera), perché può essere quantità a scapito della qualità.

fabrizio giudici ha detto...

Bergoglio si potrà consolare, comunque, visto che in Argentina ha vinto la Kirchner. Mi attendo annuncio della visita pastorale "alla fine del mondo" a breve.

Anonimo ha detto...

Esemplare Giorgia Meloni che subito ha sottolineato la 'grande' responsabilità della Destra legata a questa 'grande' vittoria. Non sarà facile la bonifica sociale,San Francesco tenga una mano sulla testa a coloro che stanno per iniziare questa 'grande' missione. Continuiamo a pregare per l'Italia, per ogni Fratello d'Italia.

Anonimo ha detto...

Sganciare i pentadementi è stata una botta di genio, avrebbero trascinato a fondo anche la LEGA! Matteo non ha sbagliato nulla, il governo giallo verde bisognava farlo per portare a casa certe leggi, e per far conoscere agli italiani di che pasta è fatta la LEGA, risultato 34%! Poi è stato necessario sganciare il 5stelle, un appestato capace di far perdere chiunque, e lasciarlo all'abbraccio mortale con il PD è stato un colpo di genio, si stanno affondando a vicenda!
Bisogna ammettere anche che il Fato sta aiutando Matteo Salvini, e questo ci conforta molto, infatti tutti sanno che il Fato decide tutto ed anche gli dei devono inchinarsi ai suoi voleri! In conclusione il futuro è radioso, senza pentapidioti comunisti sarà un paradiso! Amen! Ora lo spettacolo diventa molto interessante, perché la tempesta perfetta ormai incombe sui pentadementi, a livello nazionale, ma soprattutto a livello regionale!
I perdenti stanno minimizzando, ma sono nel letame fino al collo, ed all'orizzonte si addensano nubi ancora più nere ( anche in senso politico) e lo vedremo il 26 gennaio, infatti i pentapidioti hanno due sole possibilità:
1) andare separati alle elezioni regionali Emilia Romagna, sconfitta sicura, perché la destra già ha superato alle scorse elezioni europee il PD, come ha ammesso anche Bonaccini!
2) andare uniti, pentadementi e pidioti, in tal caso disastro ancora peggiore, gli elettori emiliani 5stelle odiano Bonaccini, e per tentare di battere la destra i pentapidioti non devono perdere neanche un voto rispetto alle europee, infatti già alle europee la somma di PD e 5stelle era pari alla destra, se perdono anche pochi voti rispetto ad allora perdono la Regione e se cade l'Emilia Romagna il terremoto raderà al suolo l'intero governo!
In entrambi i casi stanno nel guano! Mettiamoci comodi e godiamoci il loro terrore, la consapevolezza di essere condannati! Ad maiora!
Domenico Napolitano

Catholicus ha detto...

Del Gratias ! La prossima volta toccherà alla Toscana. Vox populi, vox Dei, avanti popolo, alla riscossa ! Ma con la destra, però, contro i comunisti, i massoni, anche se travestiti da papi, cardinali, vescovi, frati, tutti nemici del popolo italiano, e anche di NSGC (Pachanama docet. Christus Vincit, Christus Regnat, Christus Imperat! Non c'è papa che tenga, che possa sconfiggerLo.

Anonimo ha detto...

Il 26 gennaio 2020 (voto in Emilia Romagna) è tra novanta giorni: la paura a volte fa novanta.
Ma fa anche un po' paura pensare a gente smascherata e delegittimata che ha paura, non tanto per gli artigli che possono mostrare, quanto per i loro pupari che vedono la clessidra.
Affidiamo tutto, una volta di più, una volta ancora, all'amata Vergine Santissima.

Catholicus ha detto...

Le nostre preghiere per la vittoria di Salvini ( ogni giorno le includo nella preghiera serale e nel Santo Rosario) sono state ascoltate.

Anonimo ha detto...

Roberto Calderoli:
UMBRIA: PER LA PRIMA VOLTA CONTE CI HA MESSO LA FACCIA E HA PRESO GLI SCHIAFFI.
È STATO LUI A TRASFORMARLO IN UN VOTO POLITICO, ORA TRAGGA LE CONSEGUENZE

Per la prima volta da quando è in politica il premier Giuseppe Conte, che lo ricordiamo finora non ha mai preso un voto e non è mai stato eletto da nessuno, ha voluto metterci la faccia in una competizione elettorale ed entrare direttamente in campo, in Umbria, portando il Governo a Narni per una passerella elettorale nell’ultimo giorno di campagna elettorale.
Ci ha messo la faccia Conte, anche nella foto di Narni, e gli elettori umbri lo hanno preso a schiaffi, gonfiandogliela la faccia.
Visto che non ha tessere di partito Conte in Umbria ci è andato da presidente del Consiglio trasformandolo in un voto politico sul Governo, per cui adesso non può ridimensionarlo a voto locale senza conseguenze politiche.
In un Stato serio un premier dopo una simile sconfitta si dimetterebbe, ma Conte ha già dimostrato che pur di mantenere la poltrona è disposto a qualunque esercizio da funambolo.
Ma prima o poi anche i funamboli più bravi sbagliano un salto...

Anonimo ha detto...

IL MONDO INTERO HA FAME DI DESTRA, LEGGE ORDINE, RADICI, IDENTITÀ, DIO, PATRIA, FAMIGLIA, FUTURO! AL DI FUORI DI QUESTO, IL NULLA!

Anonimo ha detto...

Lo hanno offeso, insultato, minacciato.
Hanno cercato d'incastrarlo con i rubli Russi, hanno cospirato per estrometterlo dal governo.
Gli hanno dato dell'ubriacone, hanno deriso lui ed i suoi figli.
È attaccato quotidianamente in tutte le trasmissioni, da tutti i giornalai di sx e non.., ma lui risorge ogni volta come l'Araba Fenice....
L' odio è sempre controproducente, come la falsità, e la cattiveria, e siccome la gente (spesso sottovalutata dalla sx e dai grulli) non è stupida, li ha puniti a dovere!
Spero che questo sia solo l'inizio di una grande scalata. Che vi piaccia o no cari poltronari, Matteo Salvini è amato dal suo popolo. Forza Matteo, siamo tutti con te.

Vorrei ringraziare con tutto il cuore Fusani, Vauro, Sansonetti, Librandi, Gruber, Mentana, Rubio, Fazio, Cazzola, Toscani, E tanti altri.... soprattutto Bergoglio USURPATORE del Trono di Pietro.
Ogni volta che vomitate cazzate e odio, la Lega prende il volo
Grazie

(Gabriella Piombo)

Anonimo ha detto...

Inquisizione culturale
"Perché scene penose come lo sciopero della fame “a tappe” per lo ius soli, il costante tema del razzismo contro gli stessi italiani, alla lunga, hanno delle conseguenze."
https://oltrelalinea.news/2019/10/28/rivolta-contro-laristocrazia-sinistroide/amp/

Mazzarino ha detto...

Ma Bassetti non era il Vescovo di Perugia imposto da Bergoglio come presidente CEI trasformato nell ultimo residuo di politburò cattocomunista mondiale? La Chisa Cattolica per istituzione divina non può essere democratica. E' vero. Ma una temporalmente limitatissima finestra democratica necessaria a spazzare via la totalità della gerarchia attuale.. suvvia potrebbe essere oggi una necessità...

Anonimo ha detto...

RR meno male che hai messo il 777, il primo post era incomprensibile.......ora tocca ai 'maledetti toscani'e lì coi caciucchi duri e puri la vedo gnara, a gennaio tocca a noi......dura, durissima, ma........unica speranza, ci sono molti renziani convinti tra i pdioti e i 5stalle non fanno più figo, se Matteo conquista quella parte di ER che manca, che sindaci leghisti ce n'è già abbastanza e fanno bene, forse siamo a metà del guado, ma l'ombra del Draghi svolazza minacciosa sulle nostre teste...Lupus et Agnus
P.S.
RR non so se hai sentito come parla il leader di AfD......mi sembra Himmler.........achtung.

Un sorriso! ha detto...

Il mojito fa bene e cambia nome: Umbria libre!

Anonimo ha detto...

Cautela. Il Pd ha avuto ancora una alta percentuale di voti e l'umbria non è tutta Italia.

fabrizio giudici ha detto...

Appunto: l'Umbria era una regione rossa.

Il prossimo punto critico è un altro: tutti i vincenti in Umbria hanno firmato un patto con Notizie Pro Vita, prima di tutto abrogare la legge contro l'"omofobia" che in Umbria era già stata approvata. Se manterranno le promesse, il Signore continuerà a sostenerli. Altrimenti... non so.

Anonimo ha detto...

Vero l'Umbria non è tutta l'Italia,ma il 21% per un partito che in regione era egemone è veramente pochissimo.Un sistema di potere cementato da decenni di favori e di accordi sotto banco porta tanti voti e li toglie agli avversari. Comunque del Pci,Pds,Ds e Pdi poco mi importa ,a me piacerebbe sapere quanto pesa il voto cattolico.Lo sapremo con precisione solo quando scenderanno in campo autonomamente. Comunque andarsi a mettere con 5 stelle,leu e pidioti è una mossa poco intelligente.

mic ha detto...

Anonimo 14:35
non dimentichiamo che ci sono molte altre regioni in cui il governo di centro-destra è impiantato da anni... È per questo che, se cadesse un'altra roccaforte come l'Emilia, gli equilibri in questo momento sarebbero ancor più solidamente orientati. Il problema sono sempre i poteri forti, da non sottovalutare, e le possibili trappole...

Anonimo ha detto...


Il mondo, la gente, vogliono Legge, Ordine, Dio, Patria e Famiglia, etc.
Si vorrebbe di sicuro esser padroni a casa propria, tanto per cominciare.
Ma è sicuro che si vogliono anche le conseguenze pratiche di un restaurato
regime Dio, Patria e Famiglia? cioè: - abrogazione del diritto di abortire
liberamente. - abrogazione della legge che autorizza le coppie di fatto,
quale che sia il sesso - eliminazione degli anticoncezionali, di ogni tipo
- chiusura di tutti i siti pornografici etc.
E' stata una bella vittoria, ma bisogna stare calmi e non perdere la testa.
Vedremo ai fatti, come andrà. Intanto che abroghino la legge sulla omofobia.
In Umbria, dovrebbe essere una delle prime cose da fare.
Perugia è la città dove quasi 2 anni fa (ne parlava il Giornale) un gruppo
di femministe, postesi con un megafono davanti alla Cattedrale, ha recitato
una sozza parodia blasfema delle Litanie della Vergine, dedicandole alla "vulva"!
Una cosa veramente infame.
O.

Catholicus ha detto...

@ Gabriella Piombo : Brava Gabriella, approvo al 1000% ogni parola che ha scritta, specialmente quando ha chiamato Bergoglio Usurpatore del soglio di Pietro.

Anonimo ha detto...

https://www.ilmessaggero.it/roma/news/sassoli_sinagoga_roma_presidente_europarlamento_oggi_28_ottobre_2019-4826283.html

Se mi viene da ridere che ci devo fare , mi viene da ridere...

Anonimo ha detto...

Antisemitismo, il presidente David Sassoli: «Siamo molto preoccupati, il governo nomini un commissario nazionale»
https://www.ilmessaggero.it/politica/antisemitismo_sassoli_comunita_ebraica_roma_sinagoga_oggi-4826279.html

E certo , il risultato in Umbria gia' li fa correre ai ripari .

Rr ha detto...

Lupus,
a quale “capo” dell’AfD ti riferisci ? Perche’ ne hanno diversi, cioè ci sono quelli, tre, a livello nazionale, e poi per ogni Land.

David Sassoli dimostra ancora una volta qual è il loro vero modus pensandi et operandi.


Mi spiace per il post precedente, m’e’ partito l’invio prima di rileggere

Anonimo ha detto...

La "ultradestra" è l'ultima etichetta coniata dai media di regime per definire i movimenti sovranisti. Il sovranismo oggi è la dottrina più politica, moderata e costituzionale che esista. I veri eversori sono coloro che si sono posti al di fuori del perimetro costituzionale.

Anonimo ha detto...

Rr
Quello del Land delle ultime elezioni, il nome non me lo ricordo, ma è minaccioso, dalle parti mie Bonaccini se la sta facendo sotto e si ipotizzano 3 tipi di alleanze, M5s,Leu, Italia viva e qui ti ho detto che sono renziani di ferro.......la vedo molto altalenante e tutti 'sti appelli all'antisemitismo non mi convincono affatto, cui prodest? Capisco Sassoli, è come Parenzo.......Lupus et Agnus.

Anonimo ha detto...

La ditta “Tasse & Manette” ha preso una bella batosta elettorale. Per dirla con il ministro del giustizialismo è una vera “svolta culturale” dalla quale, però, non si apprenderà nessuna lezione perché la caratteristica principale della sinistra italiana è quella di non imparare mai dai propri errori. L’Umbria passata da sinistra a destra è qualcosa di più, molto di più, di una semplice vittoria elettorale: è una vera rivoluzione. Se poi si considera che a vincere è Matteo Salvini, ossia quel lupo additato dalla sinistra come il capo del nuovo fascismo e indicato da Giuseppe Conte 2 come la causa di tutti i mali del governo Conte 1, allora, si capisce per chi suona la campana.

Inoltre, se si aggiunge che il centro-destra non è bello come si dice ma è soltanto il meno peggio e che gli italiani pur di togliersi dalle scatole la ditta “Tasse & Manette” sono disposti a prendere ciò che passa il convento, beh, allora, si capisce che la sinistra italiana nella versione più estremista e statalista mai conosciuta è ai piedi di Pilato anche se è a Palazzo Chigi. Anzi, al punto in cui siamo, più la Ditta, per dirla con Pigi Bersani, è al potere e più è ai piedi di Pilato. Il motivo è abbastanza intuibile: tutto il populismo demagogico, livoroso, risentito, giustizialista, anti-casta che i grillini hanno aizzato e costruito con la propaganda tecnologica della Casaleggio & Associati si riversa per sua natura sulla Casta. E chi è oggi la Casta? Quelli che ieri erano l’Anti-casta e che pur di restare al governo si sono sposati con la Casta di Dario Franceschini. È una Nemesi. Il terrore giacobino, anche nella versione cabarettistica e da commedia all’italiana, non si ferma una volta che i giacobini sono andati al governo. Continua fino a quando Crono, il tempo, non avrà divorato tutti i figli della rivoluzione. La prossima sarà la sconfitta in Emilia Romagna quando la famosa mucca nel corridoio, per dirla ancora una volta con Pigi Bersani, apparirà nella (ex) regione più rossa di tutte.

È noto che contro la stupidità anche gli dèi lottano invano. Ma è altrettanto noto che gli dèi accecano chi vogliono perdere. Il governo Conte 2 è nato cieco. L’ho detto in tutte le salse, ma le mie salse non contano nulla. Però, benedetti ragazzi, non ci voleva molto a capire che un governo nato come operazione parlamentare, in cui il maggior partito di governo e il maggior partito d’opposizione si mettevano insieme gridando “al lupo, al lupo”, non poteva poi fare l’apprendista stregone calando l’asso di ben 12 miliardi di tasse e rappresentando la galera per gli evasori come una “svolta culturale” in uno Stato in cui a tutti i cittadini si tolgono pure le mutande. Ma come è possibile pensare che una maggioranza legale che è minoranza reale possa diventare maggioranza reale-legale tassando la plastica, lo zucchero, l’acqua, l’aria e mettendo in carcere chi suda e lavora?
(Giancristiano Desiderio)

RR ha detto...

Lupus,
se ti riferisci a Bjorn Hocke, io ho letto ed ascoltato i suoi discorsi, ed a me piace molto. Sei autorizzato a scioccarti:))

RR

Anonimo ha detto...

Danke schon, Frau Doktor ;))

Anonimo ha detto...


evitiamo di fare l'apologia di linguaggi di estrema destra, please.