martedì 7 luglio 2015

Oggi inizia la Novena alla Madonna del Carmelo - dal 7 al 15 luglio

Oggi inizia la Novena alla Madonna del Carmelo

Il primo profeta d'Israele, Elia (IX sec. a.C.), dimorando sul Monte Carmelo, ebbe la visione della venuta della Vergine, che si alzava come una piccola nube dalla terra verso il monte, portando la pioggia e salvando Israele dalla siccità. In quella immagine tutti i mistici cristiani e gli esegeti hanno sempre visto la Vergine Maria, che portando in sé il Verbo divino, ha dato la vita e la fecondità al mondo. Un gruppo di eremiti, «Fratelli della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo», costruirono una cappella dedicata alla Vergine sul Monte Carmelo. I monaci carmelitani fondarono, inoltre, dei monasteri in Occidente. Il 16 luglio del 1251 la Vergine, circondata da angeli e con il Bambino in braccio, apparve al primo Padre generale dell'Ordine, beato Simone Stock, al quale diede lo «scapolare» col «privilegio sabatino», ossia la promessa della salvezza dall'inferno, per coloro che lo indossano e la liberazione dalle pene del Purgatorio il sabato seguente alla loro morte. [Fonte]
Vi rinviamo alla novena, già proposta qui.

7 luglio 2015. Ottavo anniversario del Summorum Pontificum

Oggi, 7 luglio 2015, ricordiamo l'anniversario - l'ottavo - della promulgazione del motu proprio Summorum Pontificum [qui], che de iure, pur se stenta a realizzarsi de facto, ha sdoganato  come tesoro della Chiesa universale il Rito Romano Antiquior.
Vi rimando alla rievocazione della prima applicazione, dopo 39 anni, avvenuta il 14 settembre successivo a Santa Maria Maggiore.
Colgo l'occasione anche per richiamare questo precedente: Resistere è questione di sopravvivenza, per rafforzare la nostra consapevolezza. Si tratta di riflessioni già note ai lettori più assidui; ma è utile rispolverarle ogni tanto, visto che questo strumento consente una comunicazione immediata ed efficace, ma purtroppo sommerge in fretta i contenuti, anche i più significativi.

Nell'esprimere la gratitudine per questo immenso dono della Provvidenza, attraverso Papa Benedetto, ripropongo anche il testo che segue, tuttora attuale e da non dimenticare, consapevoli che la nostra "resistenza" si gioca tutta a partire dal fronte della Liturgia, culmine e fonte della fede, nella quale tutto confluisce e dalla quale tutto rinasce rinnovato.

Le seguenti citazioni di Benedetto XVI servono a confermare che la guerra in corso nella Chiesa Cattolica è proprio sulla liturgia.

Citazione 1: dal Summorum Pontificum, articolo 1:
Perciò è lecito celebrare il Sacrificio della Messa secondo l’edizione tipica del Messale Romano promulgato dal B. Giovanni XXIII nel 1962 e mai abrogato, come forma straordinaria della Liturgia della Chiesa.
:: La liturgia tradizionale non era stata mai abrogata.
:: Chiunque insinui il contrario mente.
:: Chiunque abbia proibito quella liturgia, ha commesso un grave sopruso.
:: Chi ancor oggi la ostacola, commette un grave sopruso.

lunedì 6 luglio 2015

Benedetto XVI riceve due Lauree “honoris causa”: il testo integrale del discorso del Papa Emerito. Musica e Liturgia

Questo recente discorso di Benedetto XVI, il 4 luglio u.s. a Castel Gandolfo, ci offre molte e chiavi di lettura per nulla inattese.

Parole di ringraziamento di Benedetto XVI, Papa emerito, in occasione del conferimento del dottorato “honoris causa” da parte della Pontificia Università “Giovanni Paolo II” di Cracovia e dell’Accademia di Musica di Cracovia (Polonia), 04.07.2015

Eminenza!
Eccellenze!
Magnificenze!
Illustri Signori Professori!
Signore e Signori!

In questo momento non posso che esprimere il mio più grande e cordiale ringraziamento per l’onore che mi avete riservato conferendomi il doctoratus honoris causa. Ringrazio il Gran Cancelliere la cara Eminenza il Cardinale Stanisław Dziwisz e le autorità Accademiche di tutti e due gli Atenei. 
Mi rallegra soprattutto il fatto che in questo modo è divenuto ancor più profondo il mio legame con la Polonia, con Cracovia, con la patria del nostro grande santo Giovanni Paolo II. Perché senza di lui il mio cammino spirituale e teologico non è neanche immaginabile. 
Con il suo esempio vivo egli ci ha anche mostrato come possano andare mano nella mano la gioia della grande musica sacra e il compito della partecipazione comune alla sacra liturgia, la gioia solenne e la semplicità dell’umile celebrazione della fede.

domenica 5 luglio 2015

Appello per nuovi coristi a Torino

APPELLO PER NUOVI CORISTI A TORINO


Cari amici, l'Associazione cardinal Saldarini ricerca nuovi coristi per cantare nelle S. Messe tradizionali che organizza in Parrocchie, Cappelle e Santuari della Arcidiocesi di Torino. Ci troviamo una volta alla settimana alle 20.30 per le prove (due volte al mese con un maestro membro della Corale della Novalesa e della Cappella musicale del Duomo di Vercelli), e cantiamo una volta alla settimana, la domenica, in una Messa pomeridiana o serale. Non è necessario essere intonati o avere esperienza musicale pregressa. Se interessati, mandateci un messaggio: cardinalsaldarini@gmail.com
Vi aspettiamo - auspicabilmente - numerosi!

Don Serafino Lanzetta Parroco di Santa Maria a Gosport

don Lanzetta, in funzione di suddiacono,
regge la 'carta' per l'ultimo Vangelo nella celebrazione
per il Pellegrinaggio alla Madonna di Caversham 
Estrapolo, da un interessante articolo di Rorate Caeli sulla diffusione del Rito Romano Antiquior in Inghilterra,  una buona notizia dalla costa meridionale: la nomina di don Serafino Lanzetta come parroco di Santa Maria, a Gosport (dall'8 settembre). 
La newsletter della parrocchia  già lo chiama Parroco e informa che dalla prossima settimana: 
'nella Chiesa di Santa Maria sarà celebrata la Santa Messa nella forma straordinaria (cantata in gregoriano) alle ore 07:00 dal Lunedì al Venerdì e alle ore 09:30 il Sabato. Tutti sono i benvenuti'
Accompagnano don Serafino Lanzetta le nostre preghiere e le nostre felicitazioni, nel Signore.

Divino sacrificio

Un Dio che si fa uomo allo scopo di offrirsi in espiazione per le Sue creature ribelli e di donarsi ad esse in cibo dopo averle così riscattate dal potere del male… Nessuna religione ha mai nemmeno intravisto di lontano un’eventualità del genere, né questo pensiero ha mai nemmeno sfiorato l’anima religiosa degli uomini di ogni tempo. Senza nulla togliere ad una sana religiosità naturale nella sua valenza di praeparatio evangelica, questa è la migliore prova dell’origine trascendente della religione cristiana. Secondo il dogma definito dal Concilio Vaticano I, la ragione umana è certo capace di riconoscere Dio e di rendergli un doveroso omaggio; ma l’uomo peccatore non sarebbe mai stato in grado di farsi riammettere nella Sua amicizia, se non fosse stato Lui stesso a varcare il triplice abisso – ontologico, conoscitivo e morale – che Ne separa quell’essere creato che, anche prima del peccato originale, non sarebbe mai penetrato nel mistero della Trinità senza la luce della Rivelazione soprannaturale e l’aiuto della grazia.

sabato 4 luglio 2015

Risposta ad Introvigne sulla manifestazione del 20 giugno … e su altro

Ero consapevole che sarebbe stato necessario tornare sull'argomento e mi ripromettevo di farlo. Ora mi accorgo che si è espresso molto bene Corrado Gnerre su Riscossa Cristiana, traendo spunto dalle recenti affermazioni di Introvigne. La sua posizione coincide con la mia e quella di altri, su questo blog già espressa nei giorni dell'evento.
Dunque ripartiamo dalla condivisibilissima puntualizzazione di Gnerre.

Caro Introvigne, a proposito di via stretta, anzi strettissima, dovresti sapere che l’approccio sociologico è insufficiente non solo per fare dovuti distinguo, ma anche per capire cosa veramente c’è dietro (e alla base) di certe scelte dei cattolici oggi.
Personalmente ho ritenuto opportuno non schierarmi in merito alla manifestazione del 20 giugno non aderendo, ma nemmeno permettendomi di sconsigliarne la partecipazione. Non aderendo, perché molte (troppe) erano le perplessità che avevo nel merito (perplessità che mi auguravo non prendessero consistenza, cosa che invece è avvenuta); non sconsigliando, perché sapevo bene che la stragrande maggioranza avrebbe partecipato con ottime intenzioni. Quelle ottime intenzioni che alla tua analisi sociologica possono facilmente sfuggire e che tu riduci semplicisticamente dicendo che chi ha partecipato è il cattolico in linea con gli odierni orientamenti pastorali.

Ma dov’è l’errore nel tuo approccio? Ti rispondo elencando quattro punti.

Eloquenza delle immagini

Notizia ripresa da Facebook:
Mentre gli USA festeggiano la legalizzazione dei matrimoni gay, in Russia, nelle varie città, installano i monumenti alla Famiglia.

Di fronte alle difficoltà immani di questo nostro tempo, affidiamoci alla Santa Vergine, Mediatrice di tutte le grazie, in tutti i bisogni e difficoltà che incontriamo noi e la Santa Chiesa tutta. Ave Maria!

Putin e il mondo alla rovescia

Massimo Viglione su Riscossa Cristiana.

… oggi, mentre la Russia non è più quella del 1917, la Francia, sotto sotto, è sempre la Francia del 1789 e del 1793, con la sua ghigliottina, il suo odio, il suo terrore, la sua follia, con il Robespierre di turno. E gli USA, di contro, sono peggio di tutto quello che sono mai stati nel passato. Del resto, come la Gran Bretagna, come la Germania. E come l’Italia…
Viviamo giorni terribili: non solo per quanto riguarda la distruzione economica degli italiani, delle loro famiglie e della loro produttività; non solo per quanto riguarda il disastro di ciò che rimane della fallimentare Repubblica Italiana fondata sulla mancanza di lavoro, sulla partitocrazia e sulla corruzione; quanto anzitutto dal punto di vista morale, della morale collettiva nazionale e internazionale.

venerdì 3 luglio 2015

Domenica 5 luglio. Santa Messa tradizionale a Torino

Associazione Cardinal G. Saldarini
per la liturgia latino-gregoriana “Summorum Pontificum”
(Coetus fidelium stabiliter existens ex art. 5 M.P. Summorum Pontificum 
et art. 15. Instr. Universae Ecclesiae)

Domenica 5 luglio - ore 16.30

Santuario di San Giuseppe
via S. Teresa 20, Torino
S. Messa cantata latino-gregoriana (forma straordinaria) nella VI Domenica dopo Pentecoste

Programma musicale della celebrazione:
Proprio gregoriano del giorno parzialmente salmodiato.
Kyriale XI (Orbis Factor)
Credo III
Salve Regina (t. simplex)
Andrò a vederla un dì

Ulteriori informazioni e sussidi liturgici saranno disponibili sulla pagina facebook dell'evento (accessibile senza registrazione):
https://www.facebook.com/events/911467258901461/