giovedì 9 aprile 2020

Giovedì Santo

RIFLESSIONI DEL TEMPO
Feria Quinta in Coena Domini
Gesù è arrivato da Betania; tutti gli apostoli sono con lui, anche Giuda, che nasconde un segreto. Gesù s’avvicina alla mensa, dove si mangerà l’agnello; dietro di lui vi prendono posto i discepoli; e osservano fedelmente tutti i riti che il Signore prescrisse a Mosè, quando doveva essere seguito dal suo popolo. All’inizio della cena Gesù dice agli apostoli: «Ho desiderato ardentemente di mangiare con voi questa Pasqua, prima di patire». Parlava cosi, non perché questa Pasqua avesse qualcosa in sé di superiore a quella degli anni precedenti, ma perché doveva dare occasione all’istituzione della nuova Pasqua, ch’egli aveva preparato nel suo amore per gli uomini; infatti, san Giovanni dice: «Avendo amato i suoi ch’erano nel mondo, li amò fino alla fine»
Questa Messa del Giovedì Santo è tra le più solenni di tutto l’anno; sebbene l’istituzione della festa del Santissimo Sacramento abbia per oggetto d’onorare con maggior splendore il medesimo mistero, pure la Chiesa non vuole che l’anniversario della Cena del Signore perda nessuno degli onori cui ha diritto. Il colore dei paramenti sacri, in questa Messa, è il bianco, come nei giorni di Natale e di Pasqua; ogni segno di lutto scompare.

Tuttavia, molti dei riti straordinari mostrano che la Chiesa teme ancora per il suo sposo e solo per un momento sospende la tristezza che l’opprime. Il sacerdote all’altare ha intonato l’inno angelico: «Gloria a Dio nel più alto dei cieli!» e le campane lo hanno accompagnato fino alla fine, suonando gioiosamente a distesa; ma a partire da questo momento rimarranno mute e il loro silenzio, per lunghe ore, stenderà sulla città un’impressione d’abbandono; come se la santa Chiesa volesse farci sentire che questo mondo, testimone dei patimenti e della morte del suo divino autore, ha perduto ogni dolcezza e melodia, ed è divenuto deserto e melanconico; e più particolarmente ci vuol ricordare che gli apostoli, voce del Cristo, figurati nelle campane che col loro suono chiamano i fedeli alla casa di Dio, sono tutti fuggiti, lasciando il maestro in preda ai suoi nemici

I «Sepolcri»
Sebbene la Chiesa sospenda per alcune ore l’offerta dell’eterno sacrificio, tuttavia non permette che siano negati al suo divino sposo gli omaggi a lui dovuti nel sacramento del suo amore. I momenti in cui l’ostia santa pare divenuta inaccessibile alla nostra indegnità, la pietà cattolica ha saputo trasformarli in un vero trionfo all’augusta Eucaristia, allestendo in ogni chiesa un altare-sepolcro dove, dopo la Messa, la Chiesa rinchiuderà il corpo del Signore. Esso rimarrà nascosto sotto alcuni veli; ma i fedeli si affolleranno ugualmente ai suoi piedi ad adorarlo. Tutti accorreranno a onorare il sepolcro dell’uomo-Dio, perché «ovunque sarà il suo corpo s’aduneranno le aquile» 240; e da ogni punto del mondo cattolico s’eleverà a Gesù, come un felice compenso degli oltraggi di cui fu fatto segno in queste medesime ore dai Giudei, un vivo concerto di fervorose preghiere, come mai accade in altri tempi dell’anno.
Là si daranno convegno sia le anime ferventi nelle quali Gesù già vive sia i peccatori convertiti dalla grazia e avviati alla riconciliazione.
Terminata la Messa, la processione si avvia al sepolcro dove sarà riposto il santo Ciborio. Esso viene portato dal celebrante sotto il baldacchino, come nella festa del Corpus Domini; però oggi il sacro corpo del redentore rimane nascosto non circondato di raggi come nei giorni di trionfo. Adoriamo questo sole di giustizia, e durante la processione cantiamo il Pange lingua, l’inno del Santissimo Sacramento noto a tutti.
Pànge, lingua, gloriosi
Corporis mystèrium
Sanguinisque pretiòsi,
quem in mundi pretium
fructus ventris generosi
Rex effudit Gentium.
Nobis datus, nobis natus
ex intacta Virgine,
et in mundo conversatus,
sparso verbi semine,
sui moras incolatus
miro clausit ordine.
In supremae nocte coenae
recumbens cum fratribus
observata lege plene
cibis in legalibus,
cibum turbae duodenae
se dat suis manibus.
Verbum caro, panem verum
verbo carnem efficit:
fitque sanguis Christi merum,
et si sensus deficit,
ad firmandum cor sincerum
sola fides sufficit.
Tantum èrgo Sacramentum
venerèmur cernui:
et antìquum documentum
novo cedat rìtui:
praèstet fìdes supplemèntum
sènsuum defectui.
Genitori, Genitoque
làus et jubilàtio,
salus, honor, vìrtus quòque
sit et benedictio:
procedenti ab utroque
compar sit laudatio.
Canta, o mia lingua,
il mistero del corpo glorioso
e del sangue prezioso
che il Re delle nazioni,
frutto benedetto di un grembo generoso,
sparse per il riscatto del mondo.
Si è dato a noi, nascendo per noi
da una Vergine purissima,
visse nel mondo spargendo
il seme della sua parola
e chiuse in modo mirabile
il tempo della sua dimora quaggiù.
Nella notte dell'ultima Cena,
sedendo a mensa con i suoi fratelli,
dopo aver osservato pienamente
le prescrizioni della legge,
si diede in cibo agli apostoli
con le proprie mani.
Il Verbo fatto carne cambia con la sua parola
il pane vero nella sua carne
e il vino nel suo sangue,
e se i sensi vengono meno,
la fede basta per rassicurare
un cuore sincero.
Adoriamo, dunque, prostrati
un sì gran sacramento;
l'antica legge
ceda alla nuova,
e la fede supplisca
al difetto dei nostri sensi.
Gloria e lode,
salute, onore,
potenza e benedizione
al Padre e al Figlio:
pari lode sia allo Spirito Santo,
che procede da entrambi.
Arrivati al sepolcro, il celebrante incensa il santo Ciborio e lo chiude nel tabernacolo. Si resta alcuni istanti in silenziosa preghiera, poi il corteo ritorna in coro, sempre in silenzio.
Immediatamente dopo si procede alla denudazione degli altari. 

Denudazione degli altari 
Aiutato dai ministri, il celebrante, toglie le tovaglie che coprono l’altare. Il rito significa che il sacrificio è sospeso. L’altare rimarrà nudo e spoglio, fino a che non sarà di nuovo presentata alla divina maestà l’offerta quotidiana; ma prima il Signore dovrà risorgere dalla tomba, vincitore della morte. Per ora è nelle mani dei Giudei, che stanno per spogliarlo delle sue vesti, come noi spogliamo gli altari. Egli sarà esposto nudo agli oltraggi di tutto un popolo; ecco perché la Chiesa, per accompagnare questa cerimonia, ha scelto il Salmo 21 (22), nel quale il Messia esprime in maniera sorprendente l’azione dei soldati romani che, ai piedi della croce, si divisero le vesti.
(Tratto da Dom Prosper Guéranger L’Anno liturgico. -Tempo di Quaresima–Tempo di Passione)

9 commenti:

Anonimo ha detto...

grazie per queste meravigliose considerazioni
sono tratte dall'anno liturgico ?

Anna

mic ha detto...

Sì. Sono di Prosper Guéranger.
Io ho sono aggiunto il testo del Pange Lingua da lui citato.

Oggi in special modo ha detto...

O Gesù, sommo ed eterno Sacerdote,
custodisci il Tuo Sacerdote dentro
il Tuo Sacro Cuore.
Conserva immacolate le sue mani unte
che toccano ogni giorno il Tuo Sacro Corpo.
Custodisci pure le sue labbra
arrossate dal Tuo Prezioso Sangue.
Mantieni puro e celeste il suo cuore
segnato dal Tuo sublime carattere sacerdotale.
Fa' che cresca nella fedeltà e nell'amore per Te
e preservalo dal contagio del mondo.
Col potere di trasformare il pane e il vino
donagli anche quello di trasformare i cuori.
Benedici e rendi fruttuose le sue fatiche
e dagli un giorno la corona della vita eterna.
Amen
S. Teresa di Gesù Bambino e del Volto Santo

Anonimo ha detto...

C'era una volta....la Missa in Coena Domini, nella parrocchia ( o anche Cattedrale ) piena zeppa di fedeli.....coi numerosi seminaristi (20-30? si riempivano le prime file dei banchi) che, come i discepoli di Gesù quella sera, venivano disposti in 12 sul presbiterio, per la celebrare l'istituzione dell'Eucaristia e Sacerdozio; poi la Lavanda dei piedi, che il parroco faceva come fece Gesù, rappresentandola per istruire noi a quei Santi Misteri che fondarono la Chiesa.....poi la Comunione, di tutti, prima della Pasqua. Poi il SS.mo Sacramento riposto nel Tabernacolo della cappellina laterale, ornata con addobbo ricco ma austero, degno del Signore. Poi le visite ai "Sepolcri".......tutto finito ! e credo con ragione che sarà cancellato tutto questo per molti anni. Quanti ? Beato chi vivrà abbastanza per veder risorgere la Chiesa che a somiglianza del suo Sposo, entra nel suo vero Sepolcro, preannunciato dalle S. Scritture da oltre 2700 anni (correggetemi sulle date). Stasera avremo più motivi per piangere che nei 2 millenni precedenti: siamo entrati nel profondo della Passione della Chiesa, noi membra ferite del Corpo Mistico di Cristo.

Anonimo ha detto...

ORA SANTA NELLA NOTTE DELLA PASSIONE
La devozione dell'Ora Santa ha la sua origine nella preghiera che Gesù fece nell'Orto degli Ulivi (o Getsemani), la vigilia della Sua morte, nella notte tra il giovedì e il venerdì santo.

Questa forma di preghiera è stata chiesta da Gesù stesso alla Sua diletta discepola Margherita Maria Alacoque. La santa riferisce la rivelazione, nella sua autobiografia, con le seguenti parole: «Stavo un giorno in orazione e considerando attentamente l'unico oggetto dell'amor mio nell'Orto degli Ulivi, immersa in una profonda tristezza; e sentendomi accesa dal desiderio di aver parte alle Sue angosce, Gesù mi disse amorevolmente: "E' qui che internamente ho sofferto più che in tutto il resto della Mia Passione, vedendomi nell'abbandono del cielo e della terra, carico dei peccati di tutti gli uomini...

http://www.preghiereagesuemaria.it/l'ora%20santa/ora%20santa%20nella%20notte%20della%20passione.htm

Catholicus.2 ha detto...

Il problema non è solo di questo ultimo periodo senza messa, il nocciolo è che questo periodo si aggiunge ad anni di completa assenza di una vera guida spirituale per i cattolici.

Anonimo ha detto...

Il problema è non solo anni di completa assenza di guida spirituale, bensì pure assistenza errata con un tutto va bene per tutti, non giudicare il male per tale ed accogliere l'invasione unici precetti e comandi, con eresie varie già giudicate tali predicate nelle parrocchie, con una liturgia ridotta a nulla o recita, con attori travestiti in costume a fingersi apostoli….il problema è che Dio non ci gradiva più, non solo Bergoglio ma pure le periferie. L a Chiesa è nel Sepolcro, fatto innegabile.

Ireneo ha detto...

Da quando non posso più andare alla S.Messa, mi sono collegato alle 7 del mattino con Casa Santa Marta ed ho seguito le S. Messe da lui celebrate, e dopo un po' almeno negli ultimi 10 giorno ho visto che la regia dapprima non inquadrava il momento della Comunione, poi negli ultimi giorni neppure i presenti.
Così pure Vatican Media alle S. Messe domenicali in S. Pietro stacco sulla Comunione, non si inquadra le persone che si comunicano, e poi direttamente, null'altro che il celebrante.
Un'ennesima vergogna, un'ennesima genuflessione di Vatican Media a quanto agognano e sperano i nemici di Dio.
Bisogna cancellare nei fedeli anche il solo desiderio di recarsi alla S.Messa, e loro, dietro suggerimento di qualcuno, questi di Vatican Media, subito zelanti, obbediscono ai loro padroni.
Stasera sono rimasto deluso, dopo la S. Messa in Coena Domini, cancellata l'adorazione del Santissimo Sacramento in S. Pietro.
Ligi, obbedienti, al padrone del mondo. Hanno perfino cancellato sul sito Vatican News il riquadro con il Triduo Pasquale e gli appuntamenti.................. hai visto mai che i fedeli li seguano in streaming!
E' pazzesco. Crocifisso e Vangelo, questa linea per la Settimana Santa. Non dare fastidio, la gente è tutta a casa, magari gli viene voglia di vedere la S. Messa.
Mammia mia, a che punto è giunto il Vaticano, la fifa di un microscopo "virus" e del "giudizio" dei mondani vale più degli onori dovuti alla Divina Maestà.

Anonimo ha detto...

Office des Ténèbres du premier jour - ZELUS DOMUS TUÆ
https://schola-sainte-cecile.com/2020/04/08/office-des-tenebres-du-jeudi-saint-3/