giovedì 21 giugno 2012

A Rennes, ebrei e cristiani si preparano a vivere secondo la legge ebraica.

Riprendiamo questa notizia, che rende sempre più consistenti gli inquietanti segnali di giudaizzazione del cristianesimo, che chi è interessato può approfondire dal documento presente in  questa pagina.

Dal 17 al 22 luglio nella diocesi di Mons. d’Ornellas, ebrei e cristiani celebreranno insieme lo shabbat.[1] Mons. Nicolas Souchu, vescovo ausiliare di Rennes, spiega che l'obiettivo di queste giornate d'incontro è di
«permettere ai cristiani di scoprire il giudaismo vivendone concretamente i momenti forti».
I nostri nuovi simboli?
Non si tratta, come si potrebbe credere, d’un dialogo tra membri di due religioni, ma di una sessione a senso unico. 250 partecipanti vivranno una settimana al ritmo della vita ebraica, religiosa e culturale. Avranno il diritto di andare alla messa o di dire il rosario ? Parlare della loro fede cristiana, della Vergine e dei Santi ? Certamente no…

La celebrazione dello shabbat, dal venerdì sera al sabato sera, segnerà il culmine di questo incontro. I cristiani che preparano l'evento lo fanno coscienziosamente, senza chiedersi se non si tratti di un inizio di apostasia : concezioni del pasto conformi alle leggi della cacherout, formazione del personale alle esigenze e alle regole di servizio, come ad esempio stappare una bottiglia di vino (casher, proveniente dai vigneti d'Israele), che può esser fatta solo da un ebreo che ha già compiuto il suo bar-mitzah [2]...

Resta da sapere se questi cristiani conoscono altrettanto bene la fede cattolica. L’anno della fede indetto dal nostro Santo Padre non è una fantasia.
_______________________________________
[Fonte: Riposte Catholique by Perepiscospus]

Note di Chiesa e Post concilio:
1. Per approfondire sullo shabbat, a questo link
2. I maschi che hanno raggiunto la maggiore età religiosa (13 anni) con il bar mitzvàh fanno per tradizione parte del minyàn, quorum di dieci adulti necessario perché sia possibile la celebrazione di alcune parti della liturgia (può venire accolto come decimo membro anche un ragazzo prossimo al suo bar mitzvàh che tenga in mano un rotolo della Toràh).
Dal testo di Artur Green: "Queste sono le parole". Giuntina, Firenze 2002, apprendiamo che durante l'ultimo trentennio quasi tutte le comunità ebraiche non ortodosse hanno iniziato a includere le donne nel quorum necessario per un minyàn. Quest'innovazione ha comportato controversie con il movimento conservatore, ma le forze del cambiamento sembrano aver vinto la battaglia.

23 commenti:

DR ha detto...

L’anno della fede indetto dal nostro Santo Padre non è una fantasia.
.-.-.-.-.-.-.

ma a quale fede si riferisce il Papa ?
evidentemente alla fede che -hegelianamente- deve mescolare i diversi "armonizzandoli" tra loro.
Come quando dice che le "due forme dell'unico rito devono fecondarsi a vicenda".
*Può la falsa religione fecondare la Vera ?
*Può l'eresia fecondare la retta Dottrina ?
*Può il modernismo fecondare la Tradizione ?
secondo il papa regnante pare di sì: se aprite gli occhi, vedrete che questo sarà l'indirizzo conciliare a cui dovrà assogettarsi la FSSPX.
Ed è evidente la volontà di perseguire il sincretismo (in continuità presunta con la Tradizione!) con la scusa di "armonizzare" gli opposti e i diversi, visto che il n. 2 del Vaticano, card. Bertone, come Mic ha riferito nell'altro blog, ha IMPOSTO ai vescovi giapponesi, di ACCETTARE l'ERETICO CNC, IN NOME DEL DIALOGO: il che in linguaggio conciliar-ecumenista si chiama
ARMONIZZAZIONE (=integrazione) DEI DIVERSI.

Per arrivare alla religione universale indifferenziata (massonica), ovviamente.

Les jeux sont faits

hpoirot ha detto...

Cara Mic ormai non ci stupiamo più di niente...

E ci eravamo persi il recente colpaccio dell'Osservatore Romano:
Per i, 30 anni dei 'Blues Brothers' arriva la lode del Vaticano: è un film cattolico doc.

http://www.adnkronos.com/IGN/News/Spettacolo/30-anni-di-Blues-Brothers-Arriva-la-lode-del-Vaticano-e-un-film-cattolico-doc_549727002.html

é il famoso film dove i fratelli dicono la famosa battuta "siamo in missione per Dio"

hpoirot ha detto...

ricordo la trama: riformare tramite qualsiasi mezzo e sottefugio - anche illegale - un grouppo che suona il blues per salvare l'orfanatrofio della loro infanzia...

"Blues Brothers" più cattolico del Concilio di Trento? di certo più della SPX. Ve lo immaginate l'O.R. titolare "I SPX sono cattolci doc"??

hpoirot ha detto...

scusate ma non posso fare a meno di ripetermi: dopo la pubblicazione delle 2 lettere galeotte interne alla SPX, alla Santa Sede (rappresentata dai card. Levada, Pozzo, Ladaria, cioé i vicinissimi-fedelissimi del papa, in teoria pure tradizionali) sono bastate 48 ore per reagire tuonando in tono minaccioso che
"gli 3 altri vescovi saranno ascoltati e guidicati separatamente"

All'Ossevatore Romano non dirà mai niente nessuno... e anche questa nuova 'ecumenata' di Rennes i tre dell' AveMaria (Levada, Pozzo, Ladaria) non mouveranno un dito neanche tra 48 anni... (altro che 48 ore)

Icabod ha detto...

questa nuova 'ecumenata'

questa non è una ecumenata è qualcosa di vicino all'apostasia

Icabod ha detto...

questa nuova 'ecumenata'

questa non è una ecumenata è qualcosa di vicino all'apostasia

don Camillo ha detto...

hpoirot, io, IO, non accetto nè condivido, nè incoraggio, nè comprendo, e neanche mi sto zitto difronte a questa azione giudaizzante ANTIcattolica e molto lesiva dell'azione Salvifica di Gesù! e sono "dentro"! Ora mi devi spiegare quale sarebbe il "procedimento" secondo il quale poi tra un po' alla fine io dirò che questa cosa sincretata sarà bella da pazzi? perchè sarà lo stesso procedimento a cui sarà sottoposta l SPX.

Carissimo io mi sto un po' seccando non con te in particolare ma specie in quei siti: nonpossumus per esempio che continuano non solo a sputare sul piatto dove mangiano [si dichiarano della SPX ma sparano veleno sul colui che è stato eletto democraticamente che ancora non ha fatto niente, tra l'altro] ma accusano anche "noi" di essere dei modernisti quando MAI lo siamo stati!

TI/Vi ripeto la domanda: quale sarebbe il procedimento secondo il quale io alla fine dirò che questa cosa giudaizzata o altra cosa sincretica sarà "bella da pazzi"?

a.rita ha detto...

Don Camillo,
se invece di sparare a zero (e pure alle spalle) sugli altri blog, ti degnassi di leggerli con più attenzione, eviteresti inutili peccati di maldicenza, se non di calunnia...

Allora, chiariamo una volta per tutte:

1) la sottoscritta e Gianluca Cruccas, che sono gli amministratori del blog "non possumus", hanno detto e ripetuto mille volte che non essendo interni al terz'ordine laicale della fsspx, non ne fanno effettivamente parte, ma semplicemente ne frequentano una sede per assistere alla Santa Messa Cattolica, che non è appannaggio della spx, ma di Dio. Pertanto non hanno alcun obbligo di obbedienza al Superiore Generale, né "sputano in nessun piatto dove mangiano", perchè semplicemente... non ci mangiano proprio.

Detto questo, chiarisco pure che anche se facessimo parte della FSSPX, qualora non ravvisassimo nella sua autorità la fedeltà e la coerenza alla Dottrina Cattolica per anni testimoniata e predicata, sputeremmo volentieri in quel piatto, smettendo di continuare a mangiarci, perchè quel cibo sarebbe divenuto avariato. Perchè noi, NOI, caro Don Camillo, non amiamo il rispetto umano, e preferiamo obbedire a Dio anziché agli uomini.

2) Se tu ultimamente hai le traveggole, mi spiace per te, ma noi (amministratori) non abbiamo MAI accusato questo blog di modernismo. Diversamente sei pregato di riportare qui eventuali frasi accusatorie, e vedremo di chiarirci meglio. Conosco Mic da anni, e lei conosce il mio pensiero e la mia stima per lei, e mai mi permetterei di tacciarla di modernismo.

Un consiglio in generale: quando si entra in contatto con persone che amano infangare il prossimo, è sempre buona norma non ascoltare solo una campana, ma verificare sentendole entrambe.
Ti saluto in Cristo.

hpoirot ha detto...

don Camillo ...io non ho messo in discussione il suo operato presente o futuro, né denigrato mons.Fellay perché vuole l'accordo (cui come ben sa non sono contrario per principio ma ne lascio la scelta a chi di dovere). Il mio discorso verteva sugli "amici dentro" gerarchicamente altolocati (Levada, Pozzo, Ladaria) che un giorno avranno in mano il nostro destino.

La fotografia della situazione é chiara e oggettiva: il Trio sta attaccando su due fuochi:
1) a destra di Mons.Fellay si intima con inedita fermezza "voi 3 vescovi sarete ascoltati e guidicati separatamente"
2) a sinistra di Mons.Fellay si ispeziona l'IBP per fargli ingoiare il Concilio e accettare quell'opprobrio del N.O, la messa bastarda come la chiamava giustamente mons.Lefebvre...

In quest'ottica sapendo che che di cose come a Rennes in FR ce ne n'é una ogni due parrocchie e nessuno interviene MAI né celermente come si fa con la SPX né dopo anni e anni, non vedo come mi si possa chiedere ottimismo verso questi "amici dentro".

Cio' non toglie che so bene che ne avremo certamente di buoni e di validi come lei ...

Anonimo ha detto...

Blues Brothers 'cattolico'? Evidentemente il Direttore trova insignificanti i fotogrammi relativi al preservativo (non scendo in dettagli per decenza) o quelli delle avance di Elwood verso una bella sconosciuta alla quale propone un motel lungo la strada. Non che queste cose mi scandalizzino, ma prima di etichettare qualcosa come 'cattolico' ci penserei un pò su, ecco. Se non altro per non creare confusione.
Si è però usciti dal tema.
Per quanto riguarda l'inclinazione verso la religione ebraica da parte di alcuni cattolici (non pochi considerando - paradossalmente - lo stesso Cammino Neocatecumenale) ritengo che la principale attrattiva risieda nei tratti ortodossi e rigorosi della sua tradizione; un teocentrismo, un ordine, una 'purezza delle origini' che la Chiesa del dopo Concilio ha - ahimé - annacquato nei modi che conosciamo.

Stefano

hpoirot ha detto...

se pensavamo coi Blues Brothers di aver toccato il fondo, ci sbagliavamo di grosso...

ieri, il vescovo argentino Fernando María Bargalló é stato pizzicato e filmato mentre giocava coi cavalloni al mare in compagnia di una avvenente biondona senza (troppi) veli


http://www.youtube.com/watch?v=eGkkEzOkwwM

http://en.gloria.tv/?media=302874

un altro "dentro" e senza preambolo.

mic ha detto...

Caro Don Camillo,

devo ancora trovare il post che riporta le parole che segnali.

Inoltre mi è spiaciuto il riferimento al blog di A.Rita e Gianluca. Ma son voluta andare a verificare e ti trovo il mio testo con le parole di don de Tanoüarn, da me messo in evidenza come dibattito interno equilibrato, con un titolo tuonante: Le squinternate tesi di un "TIEPIDO" della Fraternità San Pio X e questo commento finale: Dopo aver letto le tesi squinternate del tiepido don de Tanoüarn rifacciamoci gli occhi con ciò che insegna un vero Vescovo della Chiesa Cattolica che niente a a che fare con i compromessi terribili che alcuni hanno intrapreso con gli assassini conciliari della fede cattolica ...

Beh, amici miei, sono stata rammaricata del riferimento al vostro blog, ma quando mi sono resa conto di come avevate usato la mia fatica, beh, ci sono rimasta male. Anche perché non sembra il momento né il modo di sparare a zero sulle tesi più moderate all'interno della Fraternità, che tra l'altro coincidono perfettamente con la nostra visuale evidenziata e ripresa in più occasioni.

Mi spiace dover registrare questa divisione anche tra di noi. Spero solo che il Signore ci metta lui le mani e elimini tutte le diffidenze ed anche gli oltranzismi più accesi.

Anonimo ha detto...

L'abbé Guillaume de Tanoüarn è della Buon Pastore

don Camillo ha detto...

In questi contesti comprendo che l'aspetto gerarchico nella Chiesa Cattolica è di vitale importanza per la Chiesa stessa. La Provvidenza ci ha donato questo Papa, che non è San Pio X ma il Papa della Provvidenza ci piaccia o no. Criticabilissimo ( lui stesso lo desidera cfr. Luce del mondo) specie in alcuni storci discorsi ma discorsi rimangono dove il battezzato può e deve dissentire. Vorremmo che dicesse chiaramente che la Chiesa ha sbagliato nel dopo guerra con un bel documento. Questo Papa non lo farebbe mai MAI. Però per il suo senso di responsabilità universale perché Papa cattolico ha fatto delle cose sorprendenti per la Tradizione. Ora la domanda: questa logica dei piccoli passi è da considerarsi come azione intrinseca della Provvidenza? Fellay crede di si. Anche io.

Dante Pastorelli ha detto...

Scomodo per chi? Ma credete d'aver davvero grande risonanza? Molti e più importanti personaggi son tenuti in non cale, e blogs assai più frequentati.
Io son venuto una volta sul vostro blog, ho letto le vostre riflessioni, che pure in qualcosa ci accomunano. Il vostro linguaggio urlato non cambia nulla: cercate di ragionare pacatamente e forse avrete più ascolto.

Ragazzi miei, amici tutti, è troppo caldo, e il caldo fa brutti scherzi: una bella borsa di ghiaccio vi rinfresherà le idee a più di qualcuno.
Ma mi raccomando non accendete roghi: brucerebbe anche la terra.

mic ha detto...

L'abbé Guillaume de Tanoüarn è della Buon Pastore

Il fatto che sia della Buon Pastore non toglie mordente alle sue osservazioni. E non credo di aver malinterpretato il dato che la sua posizione è condivisa da molti 'moderati' all'interno della Fraternità

mic ha detto...

Ho cancellato i post di A.Rita e Don Camillo perché non voglio assolutamente che questo blog diventi una palestra di controversie.
Resta quel che ho detto più su del rammarico sull'uso del testo da me messo a disposizione.
Questi dissensi e fraintendimenti tra coloro che dovrebbero essere dalla stessa parte mi fanno molto soffrire; ma non intendo rimanerne invischiata e prego il Signore di donarci la luce e l'equilibrio e anche la serenità pur nella prova, di cui tutti abbiamo bisogno, altrimenti cadiamo nello "zelo amaro".

Sarei grata a chi fosse interessato tornare al tema dell'articolo.

Silente ha detto...

Torniamo alla notizia di Rennes. Perchè stupirsi? E' una diretta, necessaria, sillogistica conseguenza del concilio. A coloro che credono nel concilio o, ancora peggio, che credono che questo possa essere letto "alla luce della Tradizione" (Nostra Aetate "letta alla luce della Tradizione"? Vediamo di non essere ridicoli)non riconosco alcun diritto all'indignazione.

mic ha detto...

Caro Silente, dire che il concilio "deve" essere letto alla luce della Tradizione, non significa che anche la dichiarazione "Nostra Aetate" e diversi punti di altri documenti possano esserlo.
Sono ben noti ormai i punti controversi.

E purtroppo è vero il sillogismo che tu sottolinei.
L'unico rimedio, al momento, è predicare e praticare ciò che è rettamente in linea con la Tradizione.

Dante Pastorelli ha detto...

Caro Silente, la NAe può esser letta alla luce della Tradizione. Tutto sta a vedere a quali contorsioni razionali si deve ricorrere. Tutto si può fare, tutto si può tentare: ma quando l'oggetto del Magistero (non infallibile) non c'è Magistero che tenga.
Lasciamoli al loro lavoro gl'interpreti e vediamone i frutti.
Avranno il coraggio di dir che il nostro Paradiso è quello di Allah?
Mi sa che tante conversioni all'islam avvengon per questa prospettiva allettante per maschi e femmine in fregola ed in terra in forzosa astinenza.

Dante Pastorelli ha detto...

Hai fatto bene MIC a sfoltire i coccodè del pollaio.

don Camillo ha detto...

Ricordo c'è un Magistero autentico omogeneo plurisecolare sul giudaismo. Se si parla di Tradizione si deve per forza tenere conto di pronunciamene Pontifici sul giudaismo:

http://www.doncurzionitoglia.com/BOLLE%20%20PONTIFICIE%20su%20giudaismo.pdf

b.T. ha detto...

Quella di Rennes è solo un'altra "ecumenata" da "sincretini":