lunedì 13 agosto 2018

Adun: in quella grotta in Thailandia ho visto l’opera di Dio

“Non potevamo fare nulla per cambiare la situazione. L'unica cosa che potevo fare era pregare”. Per il 14enne è stata la fede in Cristo a strappare dalla morte lui e i suoi compagni di squadra, rimasti intrappolati per quasi tre settimane in una grotta in Thailandia
Nei primi giorni dell’estate 2018 il mondo è rimasto con il fiato sospeso per la sorte dei giovani calciatori dispersi insieme al loro allenatore in una grotta della Thailandia del nord.
Le dinamiche dell’accaduto sono ormai di dominio pubblico. Dodici membri di una squadra di calcio locale (i Moo Pa, cioè i Cinghiali), di età compresa tra gli 11 e i 17 anni, sono stati condotti dal coach nel lunghissimo complesso carsico di Tham Luang. Un gesto sconsiderato, dato il divieto assoluto di ingresso durante i mesi monsonici (da luglio a novembre). Le improvvise e violenti piogge hanno allagato i cunicoli, costringendo la squadra a ripararsi in una grotta per giorni e giorni, senza viveri né beni di prima necessità.

Alle operazioni di soccorso hanno preso parte oltre mille persone provenienti da diversi paesi. La mobilitazione internazionale – e la conseguente copertura mediatica – è stata imponente. È stata posta molta enfasi sull’aspetto umano ed empatico della vicenda, comprensibilmente. Si è discusso del ruolo che la meditazione buddista, praticata dall’allenatore, avrebbe avuto nel far mantenere la calma ai ragazzi.

Abbiamo sofferto alla notizia della triste sorte di Saman Kunan, il volontario morto durante le operazioni di soccorso. Si è parlato di cosa abbia spinto 11 dei 12 ragazzi sopravvissuti ad intraprendere nove giorni di noviziato tra i templi buddisti nella provincia.

Questo approccio comunicativo è stato umanamente toccante e culturalmente suggestivo. Esiste però una straordinaria “storia nella storia”, di cui poco o niente è stato scritto, che andrebbe raccontata in maniera approfondita. È la vita di quel dodicesimo ragazzo che non ha preso parte al percorso di noviziato buddista. È l’identità di una persona che i giornali hanno distrattamente liquidato come “il cinghialotto non buddista”, dal nome della squadra di calcio a cui appartiene, oppure con un leggermente meno vago “l’unico cristiano del gruppo”. È l’esperienza di fede autentica che emerge nelle difficoltà apparentemente irrisolvibili. È un dettaglio fondamentale che offre ulteriori strumenti per comprendere i fatti.

Adun (che alcuni erroneamente trascrivono Adul) è originario del Wa, una regione semi-autonoma al confine tra Birmania e Cina nota per la guerriglia, per le coltivazioni di oppio e per il traffico di metanfetamine. Lasciata la propria terra insieme ai genitori per cercare un futuro migliore in Thailandia, a sette anni ha iniziato a frequentare i centri dell’organizzazione cristiana Compassion (che tramite adozione a distanza sostiene quasi 2 milioni di bambini vulnerabili in tutto il mondo), grazie alla quale ha potuto accedere a un’eccellente istruzione primaria e crescere nei principi del Vangelo. Questo suo percorso personale è stato di vitale importanza per la buona riuscita delle operazioni di soccorso nei cunicoli di Tham Luang. È infatti soltanto per la sua straordinaria capacità linguistica (a soli 14 anni Adun parla perfettamente inglese, thailandese, birmano, mandarino e wa) che i sommozzatori britannici hanno potuto comprendere le esatte condizioni in cui versavano i tredici malcapitati, nonché quali fossero le loro esigenze più immediate.

Unico del gruppo a parlare inglese (in un paese dove meno di un terzo della popolazione è in grado di comprendere questa lingua), Adun si è contraddistinto anche per la lucidità e la serenità con cui ha condotto le comunicazioni con l’esterno della grotta. Quando i soccorritori sono finalmente riusciti a liberare il condotto da cui recuperare i ragazzi, sono rimasti folgorati dal sorriso ottimista di Adun. Una calma interiore che, come ha dichiarato lui stesso, è un dono che viene direttamente da Dio.
“Questa crisi ha insegnato a tutti i cristiani l’importanza di sperare e di confidare in Dio, nell’unità della preghiera”, ha commentato il reverendo Decha Janepiriyaprayoon, di Bangkok. “Crediamo che Dio abbia usato Adun nel comunicare in inglese con il team di soccorso. Abbiamo sperimentato il potere della preghiera. La nostra vita spirituale è stata ravvivata, la nostra fede e il nostro amore sono stati rafforzati”, ha concluso il religioso.

Molte chiese cristiane thailandesi, a prescindere dall’appartenenza confessionale, si sono unite in preghiera facendo proprie le parole di San Paolo in Filippesi 4:6-7:
“Non angustiatevi per nulla, ma in ogni necessità esponete a Dio le vostre richieste, con preghiere, suppliche e ringraziamenti; e la pace di Dio, che sorpassa ogni intelligenza, custodirà i vostri cuori e i vostri pensieri in Cristo Gesù”.
Quando i genitori di Adun hanno saputo che suo figlio e gli altri ragazzi erano vivi, hanno ringraziato Dio e l’intercessione dei credenti:
“Grazie di cuore per le preghiere e per l’incoraggiamento”, ha raccontato commossa la mamma. “Sono grata a Dio e felice che i soccorritori abbiano trovato mio figlio e gli altri bambini. Sono così felice di averlo visto, anche semplicemente sullo schermo del telefono di uno dei soccorritori. Grazie a tutti coloro che hanno pregato per noi e per i ragazzi”.
Dopo essere tornato sano e salvo nel mondo esterno, alla solennità della cerimonia buddista Adun ha preferito andare nella sua chiesa per raccontare l’intervento della Provvidenza nel buio di quella grotta:
“Era la decima notte. Molti di noi stavano perdendo la pazienza, la speranza, l’energia fisica e il coraggio”, ha condiviso con i fedeli della comunità del suo villaggio, la Maesai Grace Church.
“Non potevamo fare nulla per cambiare la situazione. L’unica cosa che potevo fare era pregare. Ho detto a Dio: Signore, io sono solo un ragazzo, ma Tu sei onnipotente e sei santo. In questo momento io non posso fare nulla, solo Tu puoi proteggere e aiutare tutti noi”. Un’invocazione di fede genuina, sincera, autentica. Adun ha poi pregato per la famiglia di Saman Kunan, il volontario morto tragicamente nella missione di recupero. La sua testimonianza si è conclusa ringraziando Dio per la miracolosa liberazione ricevuta: “Ho ringraziato Dio per tutto quello che era successo a me e ai miei amici, tutti e tredici. Grazie a tutti coloro che hanno pregato per me e per la squadra, grazie a tutti coloro che ci hanno aiutato. Dio vi benedica tutti. Grazie”.

La chiesa gestisce anche un centro di formazione per bambini, soprattutto appartenenti a minoranze etniche. I maestri (tutti volontari) insegnano inglese, birmano, mandarino e rudimenti di educazione musicale trasmettendo ai bambini i principi biblici di amore e solidarietà. Il centro offre anche alloggio ai bambini i cui genitori hanno particolari difficoltà lavorative.

“Adun è un ragazzo di soli 14 anni, deve poter studiare”, commentano i responsabili della struttura. “Ci sono tanti altri bambini, nella chiesa e nel centro Compassion, che provengono da esperienze e livelli di povertà come Adun. Continueremo a prenderci cura di tutti i bambini e di Adun, provvedendo tutto ciò di cui hanno bisogno”.

Calciatore di talento, Adun suona magistralmente il pianoforte e la chitarra, oltre ad essere studente modello. Come ogni ragazzino della sua età, sogna un futuro brillante. Nei suoi piani anche quello di diventare un medico e di giocare con il Chiang Rai United Club. Lui è tra le più di 400mila persone registrate come apolidi in Thailandia. Non avendo certificato di nascita, né carta d’identità o passaporto, Adun non ha diritto a sposarsi, ad essere assunto, ad aprire un conto bancario, a viaggiare, a possedere alcuna proprietà né a votare. Nonostante questo, sa che con il sostegno della sua chiesa, con la profonda fede in Dio e con la determinazione sarà parte di una generazione che potrà lasciare il segno nella società.

I responsabili del centro frequentato da Adun hanno chiesto in modo esplicito che i cristiani di tutto il mondo, ovunque essi siano, continuino a pregare per loro. Perché “molto vale la preghiera del giusto fatta con insistenza” (Giacomo 5:16):
“Pregate affinché Adun e i suoi compagni di squadra possano recuperare la salute fisica e spirituale in seguito all’incidente nella grotta di Tham Luang. Pregate affinché il processo di richiesta di cittadinanza per Adun possa concludersi rapidamente e con esito positivo. Pregate per la nostra chiesa, affinché possa continuare a supplire ai bisogni della comunità”. [Fonte]

10 commenti:

Anonimo ha detto...

"Se è vero che la fede comincia con un 'istinto', con la sensazione di una novità annunciata da un incontro, e cresce attraverso un cambiamento del cuore, essa, però, si radica esclusivamente nella nostra coscienza, pena il restare un fenomeno sentimentale e instabile, incapace di generare una reale conversione".
(Francesco Ricci, da 'I giorni', Omelie e meditazioni per l'anno liturgico)

Mettere radici, che i venti e le tempeste non possano sconquassare.

Il lavoro, paziente, della vita.

Giorno dopo giorno.
Come il piccolo seme che è nulla, piantato nell'aridità devastata della nostra terra.
Un lavoro in cui un Altro lavora.
Non senza di noi.
Una radice di ragioni.
Perché il cuore, da solo, non sa.
O appena un poco, di ciò che è già accaduto.

Lasciarsi 'rivoltare'.
In una permanente conversione.
Della mente, e della misura del cuore.
Perché l'albero della vita germogli, in quelle radici nascoste.
E il frutto maturi. E si offra.
Alla fame inavvertita degli uomini fratelli.
La conversione dell'intelligenza, la trasfigurazione delle cose.
Franca Negri

irina ha detto...

Commuove vedere come nelle situazioni estreme un giovane, che ha conosciuto difficoltà drammatiche nella sua pur breve esistenza, manifesti un'anima di grande equilibrio, di grande Fede, di ogni virtù. L'Occidente si è lasciato strappare i suoi giovani dalla corruzione che gli adulti, loro responsabili, non hanno strangolato in tempo per difenderli, facendosi complici, nel lassismo, dei corruttori dei loro figli. Questo è un peccato immenso degli occidentali, padri, educatori e sacerdoti, primi responsabili davanti a tutti. Aver lasciato bruciare generazioni di giovani, nella allisciata dialogante e manipolante, difficilmente potrà esserci perdonato.

Anonimo ha detto...

https://www.tempi.it/miracolo-nei-gulag-cosi-otto-donne-nel-fondo-dellinferno-hanno-fatto-trionfare-la-bellezza

Anonimo ha detto...

Cerco di fissare alcune immagini suscitate dalla lettura di questo articolo.

La bellezza, la potenza della fede sincera dei giovani (che confidano senza il minimo dubbio nell'aiuto di Dio e che ne ricevono un aiuto inaspettato e persino miracoloso): ecco il giovane Giuseppe schiavo in Egitto, Davide, Daniele, Anania, Azaria e Misaele.
Adun li conosceva? Credo proprio di sì: nell'organizzazione cristiana che ha permesso a questo ragazzo di avere conoscenze che si sono dimostrate indispensabili per il salvataggio di tutto il gruppo “ i maestri (tutti volontari) insegnano inglese, birmano, mandarino e rudimenti di educazione musicale TRASMETTENDO AI BAMBINI I PRINCIPI BIBLICI DI AMORE E SOLIDARIETA' (e aggiungerei io di profonda FEDE IN DIO)”... e lo scrivo in maiuscolo perché senza questi non credo proprio che tutte le conoscenze acquisite sarebbero bastate a dargli la forza di resistere in quella situazione terribile.

Un piccolo fatto accaduto una quindicina di anni fa: si era in montagna quando scoppiò un improvviso e violentissimo temporale. Un bambino si mette a pregare l'angelo custode; un altro ragazzino inizia a prenderlo in giro, ma proprio suo padre lo redarguisce: “Piantala! Fai come lui piuttosto!” (così siamo messi da noi, purtroppo).

Padre Clemente Vismara, missionario per tutta la sua lunghissima vita in quella Birmania da cui proviene questo eroico ragazzo: rileggetevi, se volete, la biografia di questo eroico sacerdote missionario, (io l'ho ripassata su https://giacabi.blogspot.com/2012/02/padre-vismara.html) : un missionario, un sacerdote esemplare, di una fede incrollabile e un coraggio incredibile, che ha sicuramente interceduto per la salvezza di questo piccolo figlio della Birmania.

Adun, da quello che ho potuto capire è stato determinante alla salvezza di tutti, eppure... le grancasse dei media hanno saputo mettere in risalto solo il buddismo, ma, siamo sinceri: senza la provvidenziale presenza del piccolo cristiano sarebbero ancora tutti là sotto.
Occasione in più per riflettere sul fatto che i grandi mezzi di comunicazione di massa sono in mano a chi il cristianesimo vorrebbe farlo sparire anche dall'immaginario delle persone.

mic ha detto...

Oltre alla fede e alle preghiere di Adun, che certamente sono state il perno di tutto, un'ardente preghiera si levava al cielo (e alla Vergine) da tutto il mondo, compresa la nostra...

mic ha detto...

La Comunione dei Santi...

Un esempio, un testimone ha detto...

https://www.vocedinapoli.it/2017/03/22/la-vera-storia-giuseppe-moscati-medico-dei-poveri-diventato-santo/

Catacumbulus ha detto...

mic ha detto: "La comunione dei santi".

Sì, però a me resta sempre un dubbio, che fino ad ora non riesco a risolvere in maniera limpida. Se ho capito bene qui si tratta di un ragazzo cristiano, sì, ma non cattolico. Ora, da un lato Dio può certamente concedere i favori di un miracolo anche a chi non appartenga all'unica religione vera, basterebbe l'esempio di San Paolo... Tuttavia qui mi pare il caso sia diverso, soprattutto perché, almeno nella comprensione che se ne dà anche nell'articolo, il favore divino sembrerebbe corrispondere più ad una conseguenza di una pratica di fede vera, ossia attuata nel modo corretto (mentre è ovvio che all'interno di una setta protestante, sul piano oggettivo siamo nell'eresia), piuttosto che ad un'iniziativa unilaterale di Dio (che, se volesse, potrebbe tramutare in cristiano anche una pietra).

Allora, mi parrebbe un messaggio alquanto ambiguo, quello proveniente dalla concessione di aiuti divini, in ragione di una fede praticata in base ad una dottrina eretica, pur dando per valida la "buona fede", cioè le buone intenzioni, individuali. Come la mettiamo con i "santi" che sarebbero suscitati ad esempio anche solo tra gli ortodossi?

Sacerdos quidam potrebbe forse illuminarmi. La santità di vita è resa, infatti, esplicita ed evidente per fungere da modello..., ma se mi ispiro a chi pratica un'eresia (piccola o grande) non rischio forse facilmente di confondere il messaggero con il messaggio (intendendo per messaggio la dottrina eretica) e non rischio, di conseguenza, di essere indotto in inganno rispetto alle verità dottrinali (pensando, per naturale deduzione, che la religione praticata da un santo sia dottrinalmente perfetta)? Grazie

mic ha detto...

Ringrazio Catacumbulus. Concordo in linea di principio; ma confesso di non aver approfondito se si trattasse di un'adesione confessionale....

Sacerdos quidam ha detto...

Teniamo conto che si tratta di un ragazzo di soli 14 anni, nato in una famiglia pagana e che è stato battezzato solo da poco, in una setta protestante, senza rendersi conto delle eresie che vi si professano. Molto probabilmente non sa neppure che esista la Chiesa Cattolica, e la sua 'buona fede' sembra evidente.
E' del tutto logico che il Signore, Creatore di tutti gli uomini, abbia ascoltato le sue preghiere in quella situazione drammatica, visto che non c'era malizia alcuna da parte del ragazzo. Preghiamo piuttosto perché lui, ed anche i suoi compagni buddisti, possano arrivare a conoscere il cattolicesimo ed entrare nella vera Chiesa.

Quanto al messaggio 'ambiguo' che deriverebbe da questo esaudimento divino, certo Dio non vuole che passi il falso messaggio indifferentista: e appunto per questo ha istituito la sua Chiesa Cattolica che, nei suoi membri ancora dottrinalmente sani, è in grado di spiegare che l'esaudimento della preghiera è avvenuto solo a causa della buona fede del ragazzo e non per legittimare una setta eretica.
Comunque anche la semplice ragione, se applicata bene, è in grado di distinguere le due cose.