mercoledì 1 agosto 2018

Teramo imam invitato alla festa patronale nel primo venerdì del mese: i fedeli si ribellano ed è caos

cliccare sull'immagine per ingrandire
Stavo raccogliendo notizie intorno ad una segnalazione ricevuta attraverso l'invio dell'immagine a lato, che riporta anche un evento organizzato per il 3 agosto prossimo a Villa Camera di Campli, nell'ambito dei festeggiamenti per i "500 anni di culto" del Santo Patrono San Liberatore nell'omonima chiesa parrocchiale: per le ore 19:30 è stata programmata la conferenza "Gesù nel Corano" il cui relatore sarà Mustapha Batzamia, imam della comunità islamica abruzzese. Ora scopro che MiL ha pubblicato [qui] l'articolo che riprendo di seguito. Aggiungo due link a contenuti da non trascurare su cristianesimo e islam [qui - qui - qui], da cui estraggo ciò che per noi è essenziale e dimostra l'assoluta gravità di ciò che accade:
"Anche voi eravate morti per le vostre colpe e i vostri peccati, nei quali un tempo viveste alla maniera di questo mondo, seguendo il principe delle potenze dell'aria, quello spirito che ora opera negli uomini ribelli. Nel numero di quei ribelli, del resto, siamo vissuti anche tutti noi, un tempo, con i desideri della nostra carne, seguendo le voglie della carne e i desideri cattivi; ed eravamo per natura meritevoli d'ira, come gli altri. Ma Dio, ricco di misericordia, per il grande amore con il quale ci ha amati, da morti che eravamo per i peccati, ci ha fatti rivivere con Cristo: per grazia infatti siete stati salvati. Con lui ci ha anche risuscitati e ci ha fatti sedere nei cieli, in Cristo Gesù, per mostrare nei secoli futuri la straordinaria ricchezza della sua grazia mediante la sua bontà verso di noi in Cristo Gesù". (Efesini 2,1-7).
Ecco perché l'Incarnazione è il centro della nostra fede nel Dio Trinitario. Non si tratta solo di una religione, ma di una Persona, di un Dio vivente, che unico nella storia, si è incarnato in Cristo. Due nature, perfettamente uomo e perfettamente Dio.
E questo rimane lo scandalo per gli atei, per gli ebrei e per i musulmani.
C'è dunque un solo Dio, Trinitario, che ha fatto il cielo e la terra, come Creatore, si è incarnato in Cristo per essere Salvatore, e ha mandato anche a noi lo Spirito Santo, lo Spirito del Risorto. Ci ha lasciato, certo norme e rinnovamento di vita, ha tracciato e aperto una Via.
Questo non è nemmeno "religione" nello stesso senso in cui vengono intese le altre, nel senso di sistemi di regole e oggetti - certo, comunque presenti in qualche modo -, perché si pone su un piano altro. (M.G.)

Teramo imam invitato alla festa patronale nel primo venerdì del mese: i fedeli si ribellano ed è caos

Gli ingredienti di questo abominevole atto contro la Fede e contro la sacralità della chiesa ci sono tutti come pure già c'è  il rimbalzo della palla (alias delle responsabilità): uno degli sport preferiti da noi italiani.
Dopo le prime proteste dei fedeli pare che nessuno abbia realmente promosso la conferenza dell'imam nella chiesa parrocchiale di Villa Camera di Campli che di fatto restituisce  l'invito  a visitare la locale moschea rivolto dalla comunità islamica locale all'allora Vescovo di Teramo Mons. Michele Seccia il 18 giugno 2017  " auspice la Comunità del Movimento dei Focolari" .

Ci viene in mente un passo assai significativo tratto da I Tre dialoghi e il racconto dell'Anticristo del grande filosofo, teologo, poeta e critico letterario russo Vladimir Solov'ev (1853 +1900):
"Strani uomini… ditemi voi stessi, o cristiani, abbandonati dalla maggioranza dei vostri fratelli e capi: che cosa avete di più caro nel cristianesimo?".
Allora si alzò in piedi lo starets Giovanni e rispose con dolcezza: "Grande sovrano! Quello che abbiamo di più caro nel cristianesimo è Cristo stesso. Lui stesso e tutto ciò che viene da Lui, giacché noi sappiamo che in Lui dimora corporalmente tutta la pienezza della Divinità" […]
La conferenza dell'Imam nel primo Venerdì del mese di Agosto dedicato al Sacro Cuore di Gesù è un gravissimo atto contro la Fede cristiana: gli islamici infatti NON riconoscono Nostro Signore Gesù Cristo nella Sua natura Divina ma lo considerano solo come un semplice profeta:
il 3 agosto NON verrà celebrata alcuna Liturgia per far posto alla "conferenza" dell'imam! (v. manifesto : immagine supra
Che c'entra dunque quella "conferenza"  l'unica  in programma con i festeggiamenti per i 500 anni di culto del Santo Patrono? 
Chi ha veramente promosso l'iniziativa già contestata dai fedeli che, pare, abbia colto di sorpresa persino il Vescovo della Diocesi Aprutina S.Ecc.Rev.ma Mons. Lorenzo Leuzzi? 

L'Apostolo San Giovanni nella Prima lettera esorta:
2:21 Non vi ho scritto perché non conoscete la verità, ma perché la conoscete e perché nessuna menzogna viene dalla verità.
2:22 Chi è il bugiardo se non colui che nega che Gesù è il Cristo? L’anticristo è colui che nega il Padre e il Figlio. 2:23 Chiunque nega il Figlio, non possiede nemmeno il Padre; chi professa la sua fede nel Figlio possiede anche il Padre. 
La Santa Chiesa, nostra Madre, ci fa pregare: "...conferma in noi - o Signore - il dono della vera fede, che ci fa riconoscere nel Figlio della Vergine il Verbo fatto uomo, e per la potenza della Sua risurrezione guidaci al possesso della gioia eterna". ( Comune della Beata Vergine Maria, Tempo di Pasqua. Messa: Maria Vergine nella Risurrezione del Signore).  
Purtroppo i cosiddetti “percorsi comuni di fraternità” introdotti nel 2017 a Villa Camera di Campli sembrano invece costituire il primo grado di un progetto iniziatico denominato  "sincretismo delle religioni" e riassunto dallo slogan: "Cristiani e musulmani insieme: per pregare, condividere e confermare l'impegno per costruire ponti e percorsi di fraternità".
Ecco perché quel avverrà venerdì 3 agosto NON potrà essere neppure ridefinito astutamente un "evento culturale"!
Avvalendoci della preziosa collaborazione degli amici abruzzesi contiamo  di poter fornire numeri e stime sulle "conversioni" all'Islam in terra abruzzese e aprutina in particolare.

Ci soffermiamo infine  sulla bella e lodevole decisione del Parroco di far accostare i fedeli al Santo Sacramento della Confessione per otto giorni di seguito (dal 29 luglio alla festa conclusiva del 6 agosto) 

L'evento giubilare dei 500 anni di culto di San Liberatore Martire è impreziosito dalla concessione dell'Indulgenza Plenaria concessa dalla Penitenzieria Apostolica .

Un tempo in occasione degli eventi giubilari si invitavano i predicatori per " per accendere ne' cuori umani la fede Cristiana". 
Ora si invitano gli imam ...
I tempi purtroppo sono cambiati e i risultati si vedono...

14 commenti:

Anonimo ha detto...

https://www.corrispondenzaromana.it/notizie-brevi/basilica-di-san-paolo-violata-e-trasformata-in-discoteca/

http://www.basilicasanpaolo.org/interno.asp?id=10&lang=

Ma se le chiese non sono più i luoghi in cui rendere culto a Dio....

Anonimo ha detto...

Nuovo protocollo pastorale “De Missa celebranda”:

1) Se non c’è il parroco
2) presiede la suora;
3) se è assente la suora,
4) provvede il sagrestano;
5) se il sagrestano è indisposto,
6) provvede il ministrante,
7) meglio la ministrante (così se ne fanno una ragione);
8 ) se il/la ministrante è in vacanza,
9) l’assemblea elegge il/la presidente;
10) se l’assemblea è assente,
11) si chiama l’Imam e la sua assemblea.
Andrea Sandri

Anonimo ha detto...


Pour compléter l'invitation faite à l'imam, il ne reste plus qu'à inviter aussi un rabbin et à lui suggérer de commenter certain passage du traité "Gittin" du Talmud de Babylone, f. 57a : entretien entre Onkelos et Yeshu.

Les fidèles seront définitivement édifiés.

Anonimo ha detto...

All'imam e a chi lo ha invitato suggerisco di leggere la Divina Commedia.
Inferno, canto XXVIII, vv. 22-33.

Anonimo ha detto...

./. se tutti gli undici summenzionati sono assenti si chiami pure il primo/a che passa.

Anonimo ha detto...


"Corrispondenza romana" : Basilica di San Paolo violata e trasformata in discoteca…

On m'a parlé d'une scène semblable survenue dans la basilique de Saint Jacques de Compostelle il y a déjà quelques dizaines d'années. Vraiment, ces Allemands sont partout chez eux…

irina ha detto...

Con la parola vaso intendo un recipiente. Come sia questo vaso va precisato con una descrizione accurata, in modo da poterlo distinguere dal vaso in generale.

Parimenti con la parola Allah si intende dio. Come sia questo dio va precisato con una descrizione accurata, in modo da poterlo distinguere dal dio in generale.

Ora io non so quale sia il Dio di cui parla il Corano, conosco il Dio che ha parlato ai profeti e si è manifestato come Figlio di Dio nella carne, attraverso l'opera dello Spirito Santo e la piena donazione di se stessa della Vergine Maria, in NSGC.

Questo è l'albero genealogico di Gesù Cristo. Da quello che so, non esiste essere umano che abbia questo mix di genitori. Data la paternità celeste, San Giuseppe, falegname fu chiamato ad essere il suo padre putativo, un padre adottivo segreto, ma ritenuto da tutti padre padre.

So per certo che Maometto nasce da una famiglia di mercanti, impara questo mestiere,se non ricordo male dal nonno e dallo zio, e poi sposa una vedova mercatessa più grande di lui.

Ogni famiglia ha il suo mestiere ricorrente ma, grande è la diversità tra il mercante ed il falegname.Il mercante si muove, incontra persone diverse, di cui ascolta le vite, le credenze, le avventure, i desideri. Il falegname lavora nella sua bottega, sotto lo sguardo di Dio e la sua opera diventa ogni volta di più ricerca della bellezza e perfezione da donare al suo Dio e Creatore.

C'è un momento nella vita di Gesù in cui il figlio 'adottivo' di San Giuseppe prende posizione contro la mercatura che era entrata fin nel Tempio, quindi caccia i mercanti dal Tempio.

Qui è necessario fare una breve riflessione sul mercato, in senso stretto ed in senso lato. Cosa c'è nel mercato che non va? Non va il fatto che il giusto prezzo è quasi sempre disatteso. Questo è talmente risaputo che mercanteggiare, in particolare in oriente, è diventato una specie di rito. Cioè per arrivare al giusto prezzo, quindi alla verità, due uomini sono davanti, animati entrambi dalla volontà di piegare l'altro al proprio volere, al guadagno proprio, quindi alla perdita altrui. Per arrivare a questo è necessario recitare, cioè fingere, mentire, ingannare scaltramente l'altro, in modo che neanche si accorga di essere stato ingannato. Occorre consumata doppiezza. Quando sul lavoro si acquisiscono vizi ad un livello tanto sopraffino è veramente molto difficile che non esondino nelle altre parti della propria vita di relazione.

Cacciando i mercanti dal Tempio NSGC implicitamente dice che Lui non li approva, che nel mercanteggiare vi è una possibilità prossima di diventare ipocriti, mentitori e ladri. Ma perchè allora il ladro viene dall'Islam punito con il taglio della mano? Credo che queste misure estreme vengano prese quando non si è dato un insegnamento univoco, certo.Se si ritualizza il mercanteggiare è difficile poi far capire che il rubare spicciolo, non si deve fare. Così si ricorre alla pena per sempre. %

Anonimo ha detto...


https://www.corrispondenzaromana.it/notizie-brevi/basilica-di-san-paolo-violata-e-trasformata-in-discoteca/


Anna

irina ha detto...

Di NSGC si parla di vita nascosta, una vita in famiglia, semplice, di preghiera, di piccoli doveri, di uno studio serio iniziato presto, tanto da essere in grado di poter interloquire con i dottori nel tempio all'età di dodici anni.

Immagino che la giovane vita di Maometto, lungo le vie carovaniere con il nonno e con lo zio, sia stata una vita di ascolto di altri viaggiatori e mercanti nei ricoveri notturni, nelle oasi, dove si incontravano arabi, ebrei, cristiani, anche eretici di vario tipo. Il giovane certamente ascoltò incantato le storie ascoltate che andavano formando il patrimonio della sua anima.

A mio parere con il matrimonio della mercatessa, quando lui aveva 25 anni, termina ogni possibile ulteriore confronto con NSGC. Qui è la vita di Maometto che prende una svolta umana, terrestre, precisa.

Le guerre, le conquiste, l'harem, son veramente altro dalla vita di NSGC che tacque per trenta anni e per tre predicò, che ingiunse a San Pietro di rimettere nel fodero la spada e i discepoli e le donne che amò li amò di un amore purissimo come fratello, come Signore, come Padre, come Spirito Santo.

Quindi i due vasi son molto diversi, come lo sono i due Allah, il nostro Trinitario e il loro ancora tra la sabbia brandendo la spada, cercando di conquistare il paradiso seminando l'inferno in terra. L'Occidente è corrotto, l'Oriente ed il Medio Oriente anche. Solo la sincera adesione a Gesù Cristo, sarà la salvezza per entrambi, per cristiani e per gli islamici, ed anche naturalmente per gli ebrei e per tutti coloro che diventeranno Suoi discepoli per tempo.

Anonimo ha detto...

Bergoglio è di sicuro il Papa più originale della storia ecclesiale, infatti, per la prima volta, un pontefice non vuole chiedere a qualcuno di diventare Cattolico. Lui evangelizza confermando ognuno nella sua fede, nelle sue convinzioni; tutto ciò è stupefacente, innovativo. Quindi, per la prima volta un Papa è alla ricerca, non più di una «Unità nella Verità», ma di una «"unità" nella molteplicità delle "verità"»; una sorta di centrifugato teologico dove tutto ed il contrario di tutto si incontrano mescolandosi, pensando di costituire un «unicum» gradito all'unica e sola Verità, di cui Bergoglio dovrebbe esserne il Vicario. In altre parole, Bergoglio è l'attore principale del film, prossimo in uscita in tutte le sale del mondo, dal titolo: "Unica Religione Mondiale".

Anonimo ha detto...

"La dottrina cattolica ci insegna che il primo dovere della Carità non consiste nel tollerare convinzioni errate, per quanto sincere siano, né nell'indifferenza teorica o pratica per l'errore od il vizio in cui vediamo piegati i nostri fratelli, ma nello zelo per il loro miglioramento intellettuale e morale, più che nel loro benessere materiale.
Questa stessa dottrina ci insegna che la fonte dell'amore si trova nell'amore di Dio, Padre comune e fine comune di tutta la famiglia umana, e nell'amore di Gesù Cristo.
No, Venerabili fratelli, non c'è vera fraternità fuori dalla Carità cristiana.» (San Pio X, Enciclica Notre Charge apostolique all’episcopato francese, 25 agosto 1910).
Confortare gli infedeli o gli eretici nelle loro false idee è quindi mancare gravemente alla Carità!".
(San Pio X, Papa).

Anonimo ha detto...

"per la prima volta, un pontefice non vuole chiedere a qualcuno di diventare Cattolico": purtroppo non è così, mio caro amico, Bergoglio non è affatto il primo papa a fare ciò, i primi sono stati Roncalli e Montini: Roncalli quando era Nunzio in Bulgaria sconsigliò un prete ortodosso dal farsi cattolico dicendo "tanto ci troveremo tutti assieme Lassù", era modernista (amico di Buonaiuti, devoto del vescovo di Bergamo Radini-Tedeschi, in odore di modernismo, ferocemente ostile a San Pio X). Montini, dal canto suo, quando il Priore di Taizé (da lui invitato a collaborare alla stesura del NOM) gli prospettò il desiderio di farsi cattolico, lo sconsigliò decisamente; per lui tutte le confessioni caristiane (leggi eretici e scismatici) si equivalevano. Oggi Bergoglio porta solo all'eccesso ciò che i suoi predecessori hanno iniziato dal 1958, anno della caduta di Santa Romana Chiesa in mano ai massoni modernisti (vedi Assisi 1 e 2).

Anonimo ha detto...

Nelle chiese si invitano imam a spiegare che Gesù non é Dio, ma anche cantanti a "inneggiare sarcasticamente alla Trinità" : http://www.zonalocale.it/2018/07/29/siren-festival-standing-ovation-per-la-chiusura-con-nic-cester-e-the-milano-elettrica/34685?e=vasto

Anonimo ha detto...

Questo giornale on line di Teramo, magari ispirato da un prete locale, meriterebbe di essere sbugiardato a dovere per le sciocchezze che ha ha scritto : https://www.emmelle.it/Prima-pagina/Cronaca/I-tradizionalisti-vogliono-sabotare-la-festa-di-Villa-Camera-con-l-Imam/11-46091-1.html

Intanto sappiamo il nome del prete che ha organizzato il tutto... visita alla moschea compresa di mesi fa...