venerdì 23 agosto 2019

Venerdì 23 agosto. La Preghiera di Riparazione

Ricordiamo che oggi, venerdì, è il giorno dedicato alla Preghiera di Riparazione secondo le modalità [qui], complete delle Litanie del Sacro Cuore, che trovate qui.
Rimaniamo fedeli al nostro impegno nella preghiera di riparazione e continuiamo a pregare perché sia sventata l'introduzione della cosiddetta Messa ecumenica, che vanifica il Santo Sacrificio. Per non parlare dei cambiamenti di paradigma che usano il funambolismo linguistico per condurre verso rivoluzionari orizzonti inesplorati fuori dalla Via maestra. Si profila all'orizzonte anche un problematico Instrumentum laboris [qui] per il Sinodo dell'Amazzonia del prossimo ottobre...
Preghiamo anche per come viene contristato il Signore nel nostro Paese e nell'Occidente già cristiano e nel degrado ingravescente che lo attanaglia e per tutti i problemi in attesa di soluzione in un agone politico esasperato e attraversato da molte dinamiche contrapposte, specialmente in questi giorni di crisi e rischi di soluzioni nefaste.
Invochiamo Cristo Signore che ci ha ammonito che “senza di Lui non possiamo far nulla” (Gv 15, 5) e chiediamo l'intercessione della Vergine, Madre Sua e nostra, perché voglia stornare tutti i pericoli, i mali e le insidie in tutti gli ambiti del vivere civile e religioso dove Lui possa tornare a regnare. Preghiamo anche perché il Signore voglia presto darci Santi Pastori che possano guidare i fedeli in questa epoca di smarrimento, di confusione e di empietà e sostenga coloro che si espongono con parresìa.

Offerta della giornata al Sacro Cuore di Gesù
Cuore Divino di Gesù, io ti offro per mezzo del Cuore Immacolato di Maria, madre della Chiesa, in unione al Sacrificio Eucaristico, le preghiere, le azioni, le gioie e le sofferenze di questo giorno in riparazione dei peccati e per la salvezza di tutti gli uomini, nella grazia dello Spirito Santo, a gloria del Divin Padre. Amen.
* * *
Riflessione settimanale
 Dagli scritti di
San Massimiliano Maria Kolbe

 "Innumerevoli schiere di spiriti angelici salutarono con gioia Colei che il loro Creatore aveva deciso di elevare in modo così sublime e resero omaggio con umiltà alla loro Signora. Alcuni di essi, tuttavia con Lucifero a capo, dimenticando che tutto ciò che erano e quanto possedevano l’avevano ricevuto da Dio, mentre da loro stessi erano assolutamente nulla, si ribellarono e non vollero sottomettersi alla volontà di Dio.
Si considerarono, infatti, assai superiori ad un essere umano rivestito di carne. Un simile atto di venerazione sembrò ad essi uno svilimento Della loro dignità; si lasciarono trasportare dalla superbia e rifiutarono di compiere la volontà di Dio.
A causa di ciò si abbatté su di essi una punizione immediata, eterna: l’allontanamento da Dio, l’inferno. Essendo puri spiriti, essi possedevano un’intelligenza penetrante, per tal conseguenza la loro azione fu pienamente cosciente e volontaria, e nella loro colpa furono evidenti le caratteristiche del peccato mortale, unite con l’assoluta consapevolezza di quanto commettevano.
Ecco perché da angeli divennero immediatamente demoni, e per sempre. E da allora il ricordo del fatto che quella creatura era divenuta la conferma degli angeli buoni e l’assicurazione della loro felicità eterna, mentre per i demoni era stata la pietra dello scandalo e a causa dell’allontanamento da Dio, colmò questi ultimi di odio infernale verso di Lei, un odio simile a quello che essi avevano nei confronti di Dio, di cui Ella doveva essere un’ immagine tanto fedele... "

L’Immacolata prima della sua venuta nel mondo
 Nel numero incalcolabile degli esseri possibili riproducenti le sue svariate perfezioni, Dio vide pure, da tutta l’eternità, un Essere perfetto sotto qualsiasi aspetto, non contaminato da alcuna macchia di peccato e che rifletteva i suoi attributi divini nel modo più fedele possibile ad un essere creato. Si rallegrò per questa prospettiva e decise, dall’eternità, di chiamare tale Essere all’esistenza in un tempo determinato.
Creando gli angeli, Dio volle che essi dessero, in piena coscienza e volontà, la prova che sempre e in avrebbero desiderato compiere la sua volontà. Manifestò loro il mistero dell’incarnazione e annunciò che avrebbe chiamato all’esistenza un essere umano, dotato di anima e di corpo e che avrebbe innalzato tale creatura alla dignità di Madre di Dio, ragion per cui Ella sarebbe diventata pure la loro Regina, ed essi l’avrebbero dovuta altresì venerare.
Innumerevoli schiere di spiriti angelici salutarono con gioia Colei che il loro Creatore aveva deciso di elevare in modo così sublime e resero omaggio con umiltà alla loro Signora. Alcuni di essi, tuttavia con Lucifero a capo - dimenticando che tutto ciò che erano e quanto possedevano l’avevano ricevuto da Dio, mentre da loro stessi erano assolutamente nulla – si ribellarono e non vollero sottomettersi alla volontà di Dio. Si considerarono, infatti, assai superiori ad un essere umano rivestito di carne. Un simile atto di venerazione sembrò ad essi uno svilimento della loro dignità; si lasciarono trasportare dalla superbia e rifiutarono di compiere la volontà di Dio.
A causa di ciò si abbatté su di essi una punizione immediata, eterna: l’allontanamento da Dio, l’inferno. Essendo puri spiriti, essi possedevano un’intelligenza penetrante, per tal conseguenza la loro azione fu pienamente cosciente e volontaria, e nella loro colpa furono evidenti le caratteristiche del peccato mortale, unite con l’assoluta consapevolezza di quanto commettevano. Ecco perché da angeli divennero immediatamente demoni, e per sempre. E da allora il ricordo del fatto che quella creatura era divenuta la conferma degli angeli buoni e l’assicurazione della loro felicità eterna, mentre per i demoni era stata la pietra dello scandalo e a causa dell’allontanamento da Dio, colmò questi ultimi di odio infernale verso di Lei, un odio simile a quello che essi avevano nei confronti di Dio, di cui Ella doveva essere un’ immagine tanto fedele.
Nel paradiso terrestre satana scorge un essere simile a colei che è l’oggetto della sua rabbia. Non riesce a raggiungere Dio, non riesce a raggiungere lei, ma riversa il suo odio sulla futura madre di Lei, sulla progenitrice dell’umanità. E riesce a persuaderla ad opporsi alla volontà di Dio e a cercare la perfezione non nella sottomissione alle intenzioni di dio, ma nel seguire il proprio ragionamento. La vince con l’orgoglio.
L’essere umano, il quale accresce le proprie cognizioni con l’aiuto dei sensi, è lontano dalla chiarezza di conoscenza che un essere puramente spirituale possiede. Ed è per questo appunto che il peccato dell’uomo è assai meno grave; ecco perché la misericordia di Dio promette ( ai progenitori ) un redentore, mentre a satana Dio predice che la vittoria ottenuta sulla madre dell’Essere preannunciato non modifica affatto i piani divini; predice anzi che “Ella gli schiaccerà il capo”, anche se “egli insidierà” continuamente, come avviene fino al giorno d’oggi, “il calcagno di Lei”( Gen 3,15 ).

31 commenti:

Anonimo ha detto...

Le priorità di Spadaro
I preti si estinguono, i cattolici evaporano e il direttore di Civiltà Cattolica si preoccupa della mutazione dei partiti

https://www.ilfoglio.it/preghiera/2019/08/23/news/le-priorita-di-spadaro-270531/

Quella che non capisco e' tutta questa smania di visibilita' , di esternare il proprio pensiero politico non richiesto .
Ma non era occupato a far funzionare il centro Astalli ? Centro che nessuno conosceva ( io non lo conoscevo) e subito dopo l'elezione del Pontefice gesuita e' assurto a primo centro caritatevole sopra o uguale a S.Egidio ?
Dio Padre Onnipotente noi preghiamo per questi Tuoi figli "imberbi"insofferenti , ma Tu , per favore , dai loro almeno una bella sculacciata (almeno in sogno !) .

Anonimo ha detto...

Il Generale dei Gesuiti nega l'esistenza del Demonio come persona. Sarebbe solo un simbolo. Provo a rispondergli con il "principe dei matematici", Eulero: ci sono realtà puramente materiali, come i sassi, realtà composte di materia ed anima/spirito come gli uomini, e intelligenze pure come angeli e demoni.
Quando dunque facciamo del male, tale male non è un simbolo ma una scelta della nostra intelligenza e volontà, cioè della nostra persona. Anche il Maligno è dunque persona, né simbolo né cosa.
È Intelligenza e Volontà di male, di separazione, di odio, di negazione dell'Amore. Quanto alla fede il padre Sosa nega Vangelo e 2000 anni di chiesa: il che ormai avviene spesso, nella chiesa, ma ci vorrebbe un po' di pudore: se non credi a ciò che Cristo insegna non puoi dire di essere il capo "della compagnia di Gesù".
(Francesco Agnoli)

Anonimo ha detto...

Apostolato della Preghiera Siena
20 agosto alle ore 23:00
È doloroso constatare che moltissimi cattolici ignorano le verità principali della Fede, finendo per correre dietro a dottrine varie e peregrine, incapaci di dare ragione della speranza che è in loro. L'ignoranza della Fede si oppone al I comandamento, perciò, ognuno esamini ste stesso e, in base alle proprie capacità e ai propri mezzi, approfondisca il Catechismo della Chiesa Cattolica o il suo Compendio, il Catechismo di S. Pio X o qualsiasi altro testo approvato dalla Chiesa Cattolica, o chieda lumi ha chi ha il compito di catechizzare. Purtroppo, dobbiamo ammettere che moltissimi che si dicono cristiani ignorano senza farsene grave colpa chi è Dio, cosa significa che Gesù è vero Dio e vero uomo e l'unico salvatore dell'umanità, cosa sono i Sacramenti, qual è il ruolo della vergine Maria.... Con i mezzi di cui disponiamo oggi, nessuno può ritenersi scusabile....

"La fede infusa nel battesimo ha bisogno di coltura.

Or se è vano aspettare raccolta da una terra, in cui non sia stata deposta la semenza, in qual modo potranno sperarsi più costumate generazioni, se non siano istruite per tempo nella dottrina di Gesù Cristo? Dal che segue, che, languendo ai dì nostri ed essendo in molti quasi svanita la fede, convien conchiudere adempiersi assai superficialmente, se non anche del tutto trascurarsi, il dovere dell'insegnamento del catechismo. Né vale, per iscusarsi, il dire che la fede è un dono gratuito comunicato a ciacuno nel santo Battesimo. Sì, tutti i battezzati in Cristo hanno infuso l'abito della fede: ma questo germe divinissimo, non «si sviluppa né mette ampî rami» (Marc. IV, 32) abbandonato a se stesso e quasi per virtù nativa. Anche l'uomo, nascendo, porta in sé la facoltà d'intendere; pure ha bisogno della parola della madre, che quasi la risvegli e la faccia, come dicesi, uscire in atto. Non altrimenti il cristiano, rinascendo per l'acqua e lo Spirito Santo, porta in sé la fede; ma gli è mestieri della parola della Chiesa che la fecondi, la sviluppi e la faccia fruttificare. Perciò scriveva l'Apostolo: «La Fede è dall'udito, l'udito poi per la parola di Dio» (Rom. X, 17) e per mostrare la necessità dell'insegnamento, aggiunge: «Come udiranno, se non vi sia chi predichi?»."

San Pio X, Enciclica "Acerbo nimis", 15 aprile 1905

https://www.facebook.com/ApostolatodellaPreghieraSiena/photos/a.850109378333731/2668937113117606/?type=3&theater&ifg=1

Anonimo ha detto...

Ci sarà prima o poi un pastore disposto ad affrontare la questione maschile?

https://www.aldomariavalli.it/2019/08/23/non-e-una-chiesa-per-uomini/

Personalmente ho notato pressoche' ovunque ( giro molto )la scomparsa dei chierichetti . Forse che non nascano piu' bambini di sesso/genere maschile ? Ci sono in prevalenza solo chierichette . Nella mia parrocchia "creativa" , dedicata a un grande mistico(!) , si e' gia' oltre lo stadio "ministranti" , le chierichette fanno le "vallette". Affiancano il Presidente mentre distribuisce la Comunione . Forse tengono il piattino affinche' nessun frammento dell'Ostia consacrata cada a terra ?
No , presumibilmente non sono state istruite per questo , sono lì a fianco del Presidente con le manine ciondoloni lungo i fianchi e rendono piu' bello il tutto . Eppure in questo panorama desolante mi e' capitato di vedere in una certa Cattedrale un chierichetto (insieme a chierichette) che ogni volta che passava davanti al SS.Sacramento si inginocchiava . Era l'unico a fare questo gesto d'amore verso il SS.Sacramento ! Nessun'altro , nemmeno il Prete , faceva questo . Amiamo tutti per amore di Dio , il Signore sa e vede tutto e ricondurra' tutti al Suo Sacratissimo Cuore .

Stabat Mater dolorósa
iuxta crucem lacrimósa,
dum pendébat Fílius.

Cuius ánimam geméntem,
contristátam et doléntem
pertransívit gládius.

O quam tristis et afflícta
fuit illa benedícta
Mater Unigéniti!

Quae maerébat et dolébat,
Pia Mater dum videbat
nati poenas íncliti.

Quis est homo, qui non fleret,
Matrem Christi si vidéret
in tanto supplício?

MICHAEL Quis ut Deus ? ha detto...

IL MINISTRO DIMISSIONARIO GRILLO FA L'ULTIMO REGALO ALLE LOBBIES DEGLI ESPIANTI
Il 20 agosto, in piena bagarre politica e nel giorno delle dimissioni del Premier, il ministro della salute (dimissionario) Giulia Grillo, cosa fa?
Poteva andare al mare a giocare nella sabbia con il figlio? Macché, ha lavorato in fretta e furia per sbloccare la legge sugli espianti e fare l’ultimo regalo alle lobbies!
Via libera all'attuazione del tristemente noto «silenzio-assenso» per la donazione degli organi. Della serie: se non dichiari nulla sei un donatore espiantabile.
La Grillo, oltre alla faccia di tolla di regalare all'ultimo minuto gli organi degli italiani al Sistema, ha avuto anche il coraggio di chiamarla «legge di libertà». Forse si riferiva alla loro libertà di espiantarti gli organi (da vivo e a cuore battente) e venderli?

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=2351064388554143&set=a.1380590648934860&type=3&theater&ifg=1

C'e' un interessante documento del Prof. De Mattei che tratta dell'espianto di organi , appena lo trovo lo posto .

irina ha detto...

In particolare in questi tempi in cui vogliono farci credere che tutti avevano ragione tranne Nostro Signore Gesù Cristo o al meglio che Lui è un pari tra pari è opportuno ricordare che Egli è l'Alfa e l'Omega, cioè che il Creato, ogni creatura ha origine, vita e finalità in Lui e quello che di buono, giusto e vero è stato fatto intuire ai migliori di ogni religione e/o filosofia in un determinato lasso di tempo e solo in quel lasso di tempo, quel bene lo si trova nella sua forma e contenuto purificati, puri, nel Cristianesimo in generale e al meglio nel Cattolicesimo qual'era. Molti si sono dedicati allo studio comparato delle religioni ed anche della loro parte 'nascosta', esoterica quando l'hanno, ma nessuna conoscenza umana è immune dalla deviazione, come nessuna conoscenza umana esoterica garantisce di trovarsi dalla parte del Bene e della salvezza e non dalla parte del Male e della perdizione. Il Signor nostro non chiede studi di religioni comparate, né investigazioni nel mondo che non si vede, chiede di seguirlo, di conoscere quello che Lui ha detto ed operato poi, a Suo insindacabile giudizio, 'gratuitamente', mostra e dice a chi vuole e quando vuole quello che ritiene opportuno e necessario dire e mostrare proprio a quella persona lì in quel preciso frangente della vita di quella persona, rendendo quella persona capace di vedere e di udire. E il seguace di Gesù Cristo, certo della sua vita sacramentale, di orazione e della conoscenza del Credo, comunque chiederà 'chi sei?' vagliando lo
spirito. Importantissimo riconoscere la voce del Pastore, da quella possibile dell''Imitatore'.

Questi pochi pensieri per cercare di dire, come posso, che nulla a noi manca, se non in alcuni la buona volontà e l'umiltà che la sequela di Gesù Cristo richiede.

irina ha detto...

Bravo!
L'ho notato al Palio quando uno/a spettatore/trice si è sentito male (morto? svenuto?) e subito chi l'accompagnava ha concesso l'espianto (hanno spinto 'misericordiosamente' affinché fosse data l'autorizzazione o si sono autorizzati da soli? Dopo aver considerato, ad occhio età, peso, stato di salute, sesso per qualche 'amico' in attesa di essere trapiantato.)

Anonimo ha detto...

Card. Bassetti: "La religiosità si esprime in chiesa o nei luoghi della fede".

NO, SI ESPRIME OVUNQUE, EMINENZA. E SE VOGLIO ESIBIRE IL ROSARIO MENTRE VIAGGIO IN AUTOBUS PER PREGARE SOTTOVOCE, E' UN MIO DIRITTO.

Anonimo ha detto...

Conclusioni? Se, come è del tutto probabile (dal mio punto di vista, praticamente certo) è innocente, Pell viene perseguitato come cristiano, e più precisamente come cardinale della chiesa cattolica. Buon per lui, perché son tutti meriti per il paradiso, a sconto dei peccati che può aver commesso nella sua vita. Credo che in questo momento sia l’unico cardinale in carcere, quindi è quello che fa più onore alla porpora, in tutto il sacro collegio.
L’Australia conferma di essere un paese in cui è in atto una persecuzione politico-giudiziaria contro la chiesa cattolica.

https://intuajustitia.blogspot.com/

"Vieni e seguimi .....«Mi hai chiamato, eccomi!».

irina ha detto...

Quando ho letto del 'silenzio-assenso' ho pensato a questi medici che escono dagli studi universitari 'vuoti'. Sotto vuoto. Evidentemente qualcosa presagiscono del fatto che durante gli anni di studio è stata loro aspirata la facoltà intellettiva, così poverini si danno da fare con le specializzazioni di ogni tipo. Purtroppo non esiste specializzazione che possa loro rendere l'intelletto perduto, anzi la specializzazione è il risciacquo finale della loro scarola cranica. Il lavoro poi riempirà il loro vuoto con il pieno dell'aria fritta mondana, che il laureato studierà con solerzia quale Giuramento di Ippocrate aggiornato dalle gloriose scoperte scientifiche postmoderne.

Catholicus.2 ha detto...

https://oraprosiria.blogspot.com/2019/08/al-meeting-di-rimini-la-voce-di-chi-si.html

Deo gratias ha detto...

A proposito di Bibbiano

https://www.business.it/bibbiano-bimba-dopo-due-anni-rivede-genitori-mancati-gli-abbracci/

Japhet ha detto...

I migranti della Ocean Viking, in attesa di un porto da 13 giorni, saranno distribuiti in 6 Paesi Ue. Lo ha twittato il premier maltese, Muscat. ”Malta trasferirà queste persone alle navi delle forze armate maltesi fuori delle acque territoriali, che le porteranno a terra.
Nessuno resterà a Malta, andranno in
Francia, Germania, Irlanda, Lussembur-
go, Portogallo e Romania”.

Vi sembra normale che una nave carica di africani prelevati in Libia, invece di riportarli indietro li scarichi a Malta? E che nigeriani e senegalesi, invece di essere rimpatriati, vengono distribuiti in Europa? C’è un piano di sostituzione etnica che portano avanti.

Non verrà in un porto italiano. Non si
viene in Italia. Finché sono ministro,
senza permesso qua non si arriva. Detto
fatto, come promesso”, dice Salvini su Fb

Hanno aspettato fino a oggi che nascesse subito il governo del ribaltone, ma è in ritardo.

https://voxnews.info/2019/08/23/ocean-viking-vince-salvini-367-clandestini-sbarcano-a-malta/

mic ha detto...

COMITATO SANT'APOLLINARE - COMUNICATO n. 1

A tutte le Redazioni interessate, con preghiera di pubblicazione:
1) In data 22 agosto 2019, Festa del Cuore Immacolato di Maria, si costituisce formalmente il Comitato Sant'Apollinare per la consacrazione dell'Emilia e della Romagna al Sacro Cuore di Gesù e al Cuore Immacolato di Maria;
2) L'intitolazione a Sant'Apollinare è dovuta al suo essere tra i primissimi ad aver introdotto il culto cristiano nella Regione, di cui è venerato col ruolo di Patrono;
3) Il Comitato riconoscendo l'Emilia e la Romagna come terreno privilegiato dell'assalto contro la Tradizione Cristiana, alla luce dei recenti fatti avvenuti sul territorio (“Angeli e Demoni”, legge “anti-omotransnegatività”, gay pride, l’attacco alla sovranità familiare sino all’ambito biologico e terapeutico, così come ogni altro grave fatto di ordine sociale ed ecclesiale) e
​a) aderendo a quanto rivelato da Maria SS. a Fatima nel 1917: «Egli vuole stabilire nel mondo la devozione al mio Cuore Immacolato. A chi praticherà prometto la salvezza» e al Magistero Cattolico sulla devozione al Sacro Cuore e al Cuore Immacolato,
​b) confermando e rinnovando quanto compiuto dal vescovo Beniamino Socche il 28 ottobre 1956 in comunione con l'episcopato della «Regione Conciliare Emiliana» e con la benedizione del Sommo Pontefice Pio XII,
​c) estendendo l'atto alla Romagna e agli altri territori di cultura emiliana e romagnola (o ad essi simile), propone di affidare il prossimo 14 settembre, Festa dell'Esaltazione della Santa Croce, queste terre e i suoi abitanti al Sacro Cuore di Gesù e al Cuore Immacolato di Maria. 
L'atto assume necessariamente valore riparatorio, in primis per i peccati di chi lo promuove.
4) Il Comitato chiarisce già da questo primo comunicato la sua netta presa di distanza da ogni tentativo di strumentalizzazione partitica dell'iniziativa. L'adesione di qualsiasi fedele è libera ma da considerarsi a titolo squisitamente individuale. 
Nel corso dell'atto si diffida fin da ora dall'esibizione di qualsivoglia simbolo o slogan di compagini politiche.
5) Seguiranno nuovi comunicati per definire luogo, orari e altro.
Ringraziando per l'attenzione, porgiamo cordiali saluti

Fiat Voluntas Tua ! ha detto...

Benissimo calendarizziamo la data del 14 settembre per accompagnare spiritualmente questa importante intuizione/ iniziativa .

MICHAEL Quis ut Deus ? ha detto...

Intervento del prof. Roberto de Mattei al convegno I segni della vita. La "morte cerebrale" è ancora vita ? organizzato dall'Associazione Famiglia Domani a Roma il 19 febbraio 2009.
Prima parte
https://www.youtube.com/watch?v=TAIoI5cen-A


Seconda parte dell'intervento del prof. Roberto de Mattei al convegno I segni della vita. La "morte cerebrale" è ancora vita ? organizzato dall'Associazione Famiglia Domani a Roma il 19 febbraio 2009.
https://www.youtube.com/watch?v=2_ZbVnflADE

Anonimo ha detto...

La preghiera al Cuore di Gesù precedente alle manipolazioni postconciliari la trovo più espressiva: Cuore divino di Gesù, io vi offro, per mezzo del Cuore immacolato di Maria, le preghiere, le azioni e i patimenti miei di questo giorno; in riparazione delle offese che vi si recano da me stesso e da tutti gli uomini, specialmente delle bestemmie con le quali è oltraggiato il vostro santo nome e secondo tutte le intenzioni per le quali vi immolate continuamente sugli altari.

fabrizio giudici ha detto...

Divagazione politica.
Ecco, poi dice che uno non si fida di Giorgetti:

"Nei prossimi 5 anni mancheranno 45 mila medici di base, ma chi va più dal medico di base, senza offesa per i professionisti qui presenti?". E' quanto ha detto Giancarlo Giorgetti, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri, nel suo intervento oggi al Meeting di Rimini per l'incontro 'Intergruppo sussidarietà: le riforme istituzionali', scatenando la polemica. "Nel mio piccolo paese vanno a farsi fare la ricetta medica, ma chi ha almeno 50 anni va su internet e cerca lo specialista. Il mondo in cui ci si fidava del medico è finito".

https://www.adnkronos.com/salute/sanita/2019/08/23/giorgetti-nessuno-piu-dal-medico-famiglia_hZzV6eTZ6Bitz0NFg6W4lK.html

"Va su internet e cerca lo specialista?" Dove ca**o vive Giorgetti?

Marisa ha detto...


Lettera aperta al direttore di Avvenire:

https://apostatisidiventa.blogspot.com/2019/08/al-servizio-del-principe.html?m=1

irina ha detto...

Ascoltato intervento del Prof.de Mattei. Ora sono aumentate non di poco le persone che, dalla morte cerebrale 'certificata', si sono risvegliate giusto in tempo prima di essere trasportate in camera operatoria per l'espianto dei loro organi, organi ancora vitali, infatti sono ancora irrorati dalla circolazione del sangue. I trapianti avvengono a cuore battente e se il cuore batte vuol dire che il sangue gira e se il sangue gira vuol dire che irrora gli organi, magari non tutti, al momento, come il cervello che è periferico rispetto al cuore. Ma ricordiamo che anche nello svenimento il cervello si oscura completamente. La morte cerebrale non certifica la morte reale totale quando l'anima si separa dal corpo. Quando l'anima esce dal corpo. E questo è tanto vero che è consuetudine non solo di non seppellire subito il defunto ma, di lasciarlo tre giorni con la cassa aperta prima di chiuderla per la cerimonia funebre e la sepoltura. Qui non solo c'è l'eco della sepoltura di Nostro Signore e di Lazzaro e di altre 'morti' neotestamentarie, ma anche la verifica di tanti, lungo i secoli, che hanno sperimentato e sperimentano che il defunto è ancora lì tra loro e che la separazione dal proprio corpo e dal proprio ambiente vitale non è così semplice né immediata. Ora questa definizione di morte cerebrale non poteva che essere una 'pensata americana' avvenuta intorno al '68, come detto da de Mattei, nel mentre chissà quanti omicidi sono avventi con questa pezza d'appoggio, se poi aggiungiamo gli aborti e le altre morti a 'fin di bene', non osiamo mai più parlare dei primitivi che praticavano sacrifici umani. SILENZIO. Con orrore di noi stessi, taciamo. Cerchiamo piuttosto di rimediare a queste leggi diaboliche. E preghiamo per questi medici assassini che espiantano e trapiantano per potersi esercitare con il 'materiale umano'! E fare pratica! Ma assassini sono ed assassini rimangono.

Anonimo ha detto...

Giorgetti vive su internet.

Anonimo ha detto...

Non ci resta che pregare il Signore, come la Chiesa ci ha insegnato per secoli: ut inimicos sanctae ecclesiae humiliare digneris, te rogamus, audi nos.
http://www.lanuovabq.it/it/spadaro-e-la-fede-come-propagandama-senti-chi-parla

Nada te turbe solo Dios basta ! ha detto...

Lei chiede che venga messa una chiesetta dove ci stanno le casette.
http://www.ilgiornale.it/news/cronache/visso-tre-anni-terremoto-paese-spettrale-dimenticato-pure-1742828.html

L'urgenza di chi non ha niente : una Chiesetta !

Anonimo ha detto...

Alzarsi il mattino e domandare,
di rendersi conto di ciò che è accaduto.
Di ciò che accade.

Del mistero dell'esistere, del perché di quest'ora che passa, di ciò cui si è chiamati.

Del dolore, del desiderio, di ciò che è dato, di ciò che sempre manca.
Perché tutto possa tornare a splendere, di bellezza in bellezza, mentre si consuma.

Un incanto che non trattiene.

E mentre lo contempli muove, e consola l'esistere, e ti strappa via dalla noia e dalla solitudine, ti immerge nell'Essere.

E la consumazione inesorabile fiorisce, allora, in offerta e sacrificio.
Perché si deve pur vivere,
e morire. Sapendo perché e per Chi.

(Franca Negri)

Rr ha detto...

Fabrizio Giudici,
Giorgetti vive in Lombardia, dove succede esattamente così. O almeno a Milano e provincia. Essendo medico qui, so di cosa parlo.
RR

Anonimo ha detto...

Angelus Dómini nuntiávit Mariæ.
Et concépit de Spíritu Sancto.
Ave Maria...

Ecce ancílla Dómini.
Fiat mihi secúndum verbum tuum.
Ave Maria...

Et Verbum caro factum est.
Et habitávit in nobis.
Ave Maria...

Ora pro nobis, sancta Dei génetrix.
Ut digni efficiámur promissiónibus Christi.

Orémus.
Grátiam tuam, quǽsumus, Dómine, méntibus nostris infunde; ut qui, Ángelo nuntiánte, Christi Fílii tui incarnatiónem cognóvimus, per passiónem eius et crucem, ad resurrectiónis glóriam perducámur. Per eúndem Christum Dóminum nostrum.

Croce Amen.

Beh nell'Angelus trascritto dal l'Osservatore Romano ci sono almeno due errori , uno e' sicuramente di battitura l'altro e' di coniugazione ...

mic ha detto...

Grazie! A me era sfuggito. Ora lo inserisco corretto nella colonna di destra dpve ho messo il riferimento

fabrizio giudici ha detto...

Leggo comunque che il senso delle parole di Giorgetti - che sembrava elogiare il declino del medico di base - sarebbe stato estrapolato impropriamente. Mi è passato sotto il naso qualche link al video del suo discorso, ma a me non piacciono i video. Qualcuno sa se esiste un testo?

Dogma TV 25.8.2019 ha detto...

Sinodo Panamazzonico - ECUMENISMO CON IL DIAVOLO?
Al termine dei 10 minuti di di video c'è un breve commento di don Alfredo Maria Morselli.

https://www.youtube.com/watch?v=FWakJBm_BP8

Preghiera e Penitenza!Penitenza!Penitenza!

Anonimo ha detto...

https://www.ilfilo.net/vogliono-incamerare-monastero-marradi-forza-denuncia-barbara-betti/
“Vogliono incamerare il Monastero di Marradi con la forza”: la denuncia di Barbara Betti

Mi sa che non sono cristiana... ha detto...

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10219104983405895&set=gm.2126401180797529&type=3&theater&ifg=1

Vangelo secondo Luca (13,22-30)
Sintesi dell'omelìa di un Sacerdote del Congo (proveniente dalla missione di Ny......)
"Prima di condividere il banchetto del cielo si deve condividere il banchetto della terra e non opporsi a Papa Francesco ."