venerdì 30 marzo 2012

Messa solenne dei monaci di Norcia col loro Vescovo

Il vescovo di Foligno, Mons. Gualtiero Sigismondi, ha chiesto ai monaci di Norcia di celebrare una serie di Messe solenni nella Forma Straordinaria del Rito Romano, nell’ambito della sua iniziativa volta ad esporre i fedeli della sua diocesi alla forma tradizionale. 

Il Vescovo di solito assiste alla Messa sedendosi tra i membri del coro, dando così una testimonianza personale dell’importanza di questo “tesoro della Chiesa”, per dirla con le parole di Papa Benedetto. La Messa viene celebrata una volta al mese nell’antica chiesa di Santa Maria Infraportas alle 10.00. 
La prossima Messa verrà celebrata il 14 Aprile 2012.
_________________________
[Fonte Monastero San Benedetto]

Che grazia se non dovessimo dare notizie come questa come fatti eccezionali e saltuari!

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Deo gratias!

bernardino ha detto...

Un palazzo comincia con le fondamenta e con il posizionamento della prima pietra. Grazie a Dio qualche Vescovo comincia ad attuare le disposizioni del Papa con l'applicare parte del motu proprio Summorum Pontificum. Speriamo che piano piano con l'aiuto di Dio, un po' dappertutto si cominci a rivedere risplendere la luce del Lumen Christi come la notte della Grande Veglia della Resurrezione.

Areki ha detto...

Certamente c'è da ben sperare per il futuro ora che anche da noi in Italia aumentano i Vescovi pro "Summorum Pontificum"......
Ammiro questo vescovo libero e fuori del coro delle "comari" cattocomuniste.....
Vedrete che quando diventerà di moda tutti (anche i Mons. X e Y e Z ora molto tiepidi se non contrari) si precipiteranno a far conoscere nelle loro diocesi la Messa di sempre. E io sono contento lo stesso con San Paolo che diceva che ogni mezzo è buono e ogni intenzione e buona purchè alla fine si predichi il Vangelo...
P: S: Santa Settimana santa a Tutti

mic ha detto...

Ciao Don!

Buona Settimana Santa anche a te.
Ricordami nella Santa Messa :)

Icabod ha detto...

Con l'aiuto del Signore non saranno casi isolati, continueranno.