giovedì 20 ottobre 2011

La S. Messa Gregoriana in Afghanistan

Guardate questa foto, pubblicata, insieme alla notizia, da Rorate Caeli: un sacerdote, uno dei 15 che celebra la Messa tradizionale settimanale o mensile per le anime del purgatorio, mentre celebra una Messa da Requiem per le anime degli iscritti alla Società.

Ciò che rende questo non solo una notizia, ma straordinaria, è che questa Messa tradizionale è celebrata in Afghanistan. Il sacerdote nella foto, è il Rev. Padre David Smith del RAChD [Dipartimento Cappellani del Regio Esercito]

Vengono riferite queste parole del sacerdote: «Quando vado a visitare le truppe a terra, di solito è necessario impostare un altare provvisorio, spesso all'aperto. Ma ovunque la Messa viene offerta, porta innumerevoli benedizioni e grazie a tutta la Chiesa, tra cui le Anime Sante del Purgatorio». Egli assicura quindi il suo particolare legame e ricordo per Rorate e i suoi iscritti.

Questo ci rende particolarmente felici. Soprattutto perché accade in un luogo dove pare che non esistano edifici di culto cattolici. Deo gratias, per questa ulteriore occasione data alla Grazia di fluire copiosa: «Poiché dall'oriente all'occidente il mio nome sarà grande tra le nazioni e in ogni luogo è offerto incenso al mio nome e un'oblazione pura, dice il Signore degli eserciti» (Malachia 1,11).

9 commenti:

DANTE PASTORELLI ha detto...

Il buon seme alla fine comincia a germogliare anche nella terra dura.

mic ha detto...

Sì, e sarà il Signore ad operare nonostante le difficoltà e gli ostacoli che stanno frapponendo.

Anonimo ha detto...

Ma il Fausto Sarli e l'Emilio Pucci elencati nella lista sono i due stilisti?

Anonimo ha detto...

Come è bello leggere i commenti su questo blog e come invece è diventato difficile frequentare messainlatino.it.

mic ha detto...

Anonimo delle 15:39,
vedo che si è scorso con attenzione la lista.
Visto che c'è anche il luogo di provenienza, per chi li conosce è facile dedurlo...

Anonimo ha detto...

X mic:
Non so se il tuo commento sia ironico o no... effettivamente se avessi letto tutta la lista non avrei fatto quella domanda...
Sono stato tratto in inganno quando hai scritto "per le anime degli iscritti alla Società"; ho quindi erroneamente pensato che si fossero iscritti quando erano ancora in vita.

mic ha detto...

Il mio commento non era ironico.
Ti dirò che ci avevo pensato anch'io nell'ipotesi, non verificata, che a certe liste ci si possa iscrivere quando si è ancora in vita oltre al fatto che siano amici o familiari a farlo post mortem.

mic ha detto...

Ah, scusa, comprendo solo ora che per "iscritti alla società" intendevi Rorate sic et simplicter!

DANTE PASTORELLI ha detto...

Emilio Pucci l'ho conosciuto a suo tempo, quand'io ero assai giovane, Un gran gentiluomo, liberale ma cattolicissimo, come Carlo Confalonieri: non aderirono mai alle campagne per il divorzio ed altri "diritti civili". Confalonieri addirittura si dimise dal partito, benché pregato di rimanervi, con la garanzia del rispetto delle sue posizioni. Pucci si ritirò a vita privata, dopo aver molto dato a Firense e all'Italia.
Non so chi l'abbia iscritto alla lista di Rorate. Personalmente credo che le preghiere per lui ormai serviranno ad altre anime purganti dimenticate.
L'altro personaggio citato, non so chi sia, e scusate la mia ignoranza in campo di moda. Ricordo qualche nome famoso, d'altri tempi, come le sorelle Fontana...