domenica 15 luglio 2018

Comunicato Comitato “Beata Giovanna Scopelli”. Riparazione "Summer pride" di Luglio a Rimini

clicca sull'immagine per ingrandire
Anche quest’anno, come gli scorsi anni, la città di Rimini ed in particolare il lungomare verranno invasi da quella scandalosa “manifestazione” che si camuffa sotto il suadente nome inglese di “Summer Pride”.   
La suddetta “manifestazione”, ancora una volta, oltraggerà non solo la Fede dei credenti, ma anche il buon gusto, la civiltà e, soprattutto, l’innocenza dei piccoli.
Le lobby omosessualiste, finanziate dai partiti e da organismi nazionali e sovranazionali, sfileranno per fare sfoggio del proprio “orgoglio” sodomita.
Il Comitato “Beata Giovanna Scopelli”, come nel 2017, non potrà tacere davanti a tale scempio ma, ancora più forte, il 28 luglio scenderà in strada per riparare a sì grave scandalo e ad un pubblico peccato contro natura che grida vendetta al cospetto di Dio.
Ulteriori comunicazioni in merito saranno fornite nei prossimi comunicati.
Invochiamo anche l’Intercessione di San Gaudenzio, Patrono di Rimini, che nel IV sec. d.C. non ebbe timore di combattere pubblicamente, subendo per questo anche il linciaggio, il dilagarsi dell’eresia ariana.
Comitato “Beata Giovanna Scopelli”.
Avete taciuto abbastanza. È ora di finirla di stare zitti! Gridate con centomila lingue: io vedo che a forza di silenzio il mondo è marcito!” (S. Caterina da Siena)

28 commenti:

Anonimo ha detto...

Bah, non mi sembra una grande idea inseguire ogni pagliacciata di omosessuali squinternati (e con manifesti invero omofili, corpi seminudi di Cristo e dei suoi aguzzini che puntualmente ritornano a ogni appuntamento) invece di provare a guadagnare la migliore gioventù alla nostra parte, con l'annuncio (ben fatto) della Buona Notizia e delle mirabilia di duemila anni di cattolicesimo. Ovviamente si facciano pure preghiere di riparazione ma non si dipenda sempre dalle occasioni del mondo.

(Antonio, Bologna)

Marisa ha detto...

"Chiude il forum degli estremisti atei: scoppiava di laicità e di democrazia!"

https://www.radiospada.org/2018/07/chiude-il-forum-degli-estremisti-atei-scoppiava-di-laicita-e-democrazia/

Bah ! ha detto...

Oltre all'orgoglio summer dovremo temere anche un "orgoglio winter , spring , autumn "?

La Vergine Madre versa lacrime di sangue per i Suoi figli ed ammonisce :" Smettete di offendere Dio che e' gia' troppo offeso ..." , i figli rispondono così : " Piu' peccati per tutti " . E le nazioni che hanno avuto il dono di essere state cristianizzate ? Enfie di superbia , come cadaveri in putrefazione , anziche' invocare perdono e benedizioni invocano piu' castighi , piu' orrorE ..

Anonimo ha detto...

Il genocidio dei cristiani in Nigeria è senza fine
I vescovi danno la sveglia all’occidente: “È in corso una pulizia etnica”
https://www.ilfoglio.it/esteri/2018/07/06/news/il-genocidio-dei-cristiani-in-nigeria-e-senza-fine-204112/

Italia , anziche' baloccarti con le magliette rosse e con i digiuni di 2/3 ore a staffetta , imita NSGC , fai 40gg di digiuno per invocare dall'Onnipotente l'aiuto a questi veramente bisognosi .
Occidente , svegliati !!!

Mc 6,7-13 Prese a mandarli ha detto...

Per mezzo dei suoi messaggeri, Dio ha preparato l’umanità, nel corso di una lunga storia, alla venuta di suo Figlio e alla rivelazione della salvezza da lui portata. Partendo dal popolo di Israele, il suo amore redentore doveva estendersi a tutti gli uomini. È il motivo per cui Gesù ha chiamato i Dodici a formare il nucleo del popolo definitivo di Dio e li ha fatti suoi collaboratori. Sono stati incaricati di vincere il potere del male, di guarire e di salvare gli uomini che avessero creduto al loro messaggio.
Solo una piccola parte del popolo di Israele ha creduto in Gesù e in quelli che egli ha mandato. Dopo la sua risurrezione, Gesù ha di nuovo mandato i suo discepoli e accresciuto la loro missione e i loro poteri. Da allora gli inviati di Dio si recano presso tutti i popoli per offrire agli uomini il perdono di Dio e la vita nuova.
Ma non vi è che una piccola parte dell’umanità che ha sentito l’offerta divina e ha trovato la fede nell’amore di Dio e nella sua salvezza. Oggi che sono state smascherate le ideologie moderne del razionalismo e del nazionalismo, del fascismo e del socialismo, che si sono rivelate false dottrine di salvezza, si è operata una nuova apertura per il Vangelo presso molti popoli e molti uomini.

E noi cristiani siamo tenuti, in modo nuovo, a portare la nostra testimonianza al nostro prossimo: per mezzo della nostra preghiera e del nostro impegno personale. Da questa testimonianza dipende non solo l’avvenire dell’umanità, ma anche quello della comunità ecclesiale ed il destino di ogni cristiano.

(Riguarda anche me)

irina ha detto...

'... in modo nuovo...'

Potrebbe, per favore, illustrare qualche particolare di questo modo? Grazie.

Comitato Beata Scopelli ha detto...

Il messaggio che Mons. Lambiasi, vescovo di Rimini, ha inviato al Comitato “Beata Giovanna Scopelli” dopo che quest’ultimo ha annunciato a lui della Processione di Riparazione.
Un motivo in più per essere tutti presenti il 28 luglio prossimo, in quel di Rimini.

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=407762006412246&set=gm.506013096485851&type=3&fref=mentions

marius ha detto...

"Il messaggio che Mons. Lambiasi, vescovo di Rimini, ha inviato al Comitato “Beata Giovanna Scopelli” dopo che quest’ultimo ha annunciato a lui della Processione di Riparazione."

Potete pf riportarlo qui per esteso per coloro che non hanno facebook?
Grazie

mic ha detto...

Se gli amici del Comitato lo inviassero in formato doc per ebitarci tempo e fatica di trascriverlo... (su Fb c'è l'immagine)

marius ha detto...

"Il messaggio che Mons. Lambiasi, vescovo di Rimini, ha inviato al Comitato “Beata Giovanna Scopelli” dopo che quest’ultimo ha annunciato a lui della Processione di Riparazione."

Potete pf riportarlo qui per esteso per coloro che non hanno facebook?
Grazie

Anonimo ha detto...

Con le buone si ottengono sempre ottimi risultati.
di Rino Cammilleri

Gay Pride a Częstochowa, resistenza dei cattolici.
http://www.lanuovabq.it/it/gay-pride-a-czestochowa-resistenza-dei-cattolici

Anonimo ha detto...

Miss Universo transgender. Prosegue la manipolazione di massa
Diego Fusaro

Anonimo ha detto...

Ecco la lettera di Mons.Lambiasi perfettamente leggibile .
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10216078589067928&set=gm.1547001948737458&type=3&theater&ifg=1

Anonimo ha detto...

https://www.sanpiox.it/attualita/2078-noi-siamo-un-fattore-di-disturbo-nella-chiesa

mic ha detto...

Era la prima volta di un Gay Pride vorganizzato a Częstochowa dove sorge il famosissimo santuario di Jasna Góra in cui si venera l’icona della Madonna Nera. Contemporaneamente, gli ascoltatori di Radio Maryja hanno organizzato un pellegrinaggio e opposto una resistenza non violenta. Non si sono limitati a pregare ma di fatto hanno sbarrato loro il passo. Tant'è che il corteo è stato deviato e non è passato davanti al Santuario...

Sacerdos quidam ha detto...

Lambiasi è il perfetto risultato dell'ideologia del Vaticano II: quella dell' "anche noi, noi più di tutti, siamo i cultori dell’uomo", e dunque - per forza di cose - non più di Dio.

Anonimo ha detto...


Ma fino a quando si potrà opporre a queste infami parate una "resistenza non violenta"?
Diventano sempre più aggressive mentre si estende sempre di più la legislazione pro gay.
Stanno corrompendo tutto. Pure la storia si dovrebbe adesso riscrivere in chiave gay!

Anonimo ha detto...

http://www.uccronline.it/2012/06/14/mosca-non-si-piega-alla-lobby-e-vieta-il-gay-pride/

Anonimo ha detto...

KWASNIEWSKI: “DIO TI AMA COSI’ COME SEI”? NIENTE AFFATTO
Oggi si sente parlare spesso di “cambiamento di paradigma” nella Chiesa. Al contrario, Kwasniewski, in questo articolo, ci dice che non esiste nessun “cambiamento di paradigma” perché l’unico Paradigma è quello di Gesù Cristo.

https://www.sabinopaciolla.com/kwasniewski-dio-ti-ama-cosi-come-sei-niente-affatto/

Quel che ho capito io e' che il Padre ci paragonera' al Figlio e tutti potranno vedere quanto Gli assomigliamo .

marius ha detto...

@ Sacerdos quidam16 luglio 2018 21:29
"Lambiasi è il perfetto risultato dell'ideologia del Vaticano II: quella dell' "anche noi, noi più di tutti, siamo i cultori dell’uomo", e dunque - per forza di cose - non più di Dio."

Esattamente, caro Sacerdos Quidam!
La pastoralità in ordine di priorità prima della dottrina, quindi l'uomo prima di Dio.

Quella di mons. Lambiasi è la fotocopia della posizione di mons. Lazzeri

Anonimo ha detto...

C'e' bisogno che tutti i fratelli che credono di avere un cuore profumato si adoperino con preghiere e sacrifici a far ritrovare Gesu' ai fratelli che l'hanno perso. Il nemico attacca in particolare i Sacerdoti per accaparrarsi tutto il suo gregge .

Nel quinto Mistero Gaudioso ( ma anche Doloroso )si contempla:
"IL RITROVAMENTO DI GESU' IN MEZZO AI DOTTORI DELLA LEGGE"
"Dopo tre giorni LO trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai dottori, mentre li ascoltava e li interrogava. E tutti quelli che l'udivano erano pieni di stupore per la Sua intelligenza e le Sue risposte. Al vederLo restarono stupiti e Sua Madre Gli disse: "Figlio, perché ci hai fatto così ? Ecco, Tuo padre ed Io, angosciati, Ti cercavamo".

Giacinta , senza lamentarsi , preferiva dormire sulla ferita per avere piu' dolore , per imitare Gesu', per amore verso la Madre angosciata . Com'e' il mio cuore ? Il mio cuore e' un trono pulito e profumato per Gesu' o e' ancora pieno di pus ?
A S.Veronica Giuliani Gesu' tolse il cuore e lo strizzo' e nonostante le tante prove superate dalla suora quel cuore umano conteneva ancora del pus . Non si contano i morti fisici ma anche i morti spirituali , aiutiamo la Madre affinche' i fratelli ritrovino Gesu' .

Comitato ha detto...

Comitato “Beata Giovanna Scopelli” rende note alcune importanti novità:

1) La Processione di Riparazione allo scandalo del “Summer Pride” partirà, sabato 28 luglio alle ore 10:30, da Piazza Mazzini. Rendiamo nota, in allegato, la locandina ufficiale della Processione.

2) Di recente, Sua Eccellenza Mons. Francesco Lambiasi ha risposto alla nostra comunicazione dove si faceva presente che, anche quest’anno, si sarebbe ripetuta la Processione. Nella sua lettera, il Vescovo di Rimini condanna aspramente il Summer Pride, ma offre una visione che a molti non è piaciuta. Segnaliamo a tal proposito l’editoriale scritto dal vaticanista Marco Tosatti su La Nuova Bussola Quotidiana:

http://www.lanuovabq.it/it/non-condivido-ma-se-il-vescovo-legittima-i-gay-pride

3) Segnaliamo anche l’appoggio ufficiale e pubblico dato dal Popolo della Famiglia riminese al nostro comitato, che contribuisce a far capire come non vi sia nessuno “legittimo diritto” da ottenere, ma solo un gravissimo attacco alla famiglia naturale fondata fra uomo e donna. Ringraziamo i genitori e i referenti del Popolo della Famiglia per la ferma condanna al gay pride, ricordando, come giustamente hanno fatto anche loro, che la nostra Processione ha il carattere meramente religioso e non politico.

http://www.riminitoday.it/politica/gay-omosessuali-popolo-della-famiglia-contro-il-patrocinio-del-comune-di-rimini-al-summer-pride.html

4) Invitiamo fin da ora tutti i fedeli laici, ma anche i sacerdoti, i religiosi, le religiose, a prender parte a questo importante momento di preghiera per affermare la regalità sociale di Nostro Signore Gesù Cristo.

Per informazioni rivolgersi ai nostri portavoce:
‭335 5611998‬ - 3934825963

Anonimo ha detto...

Sant' Arsenio il Grande pregava e piangeva, con gli occhi senza più ciglia, per le lacrime e per lo sforzo di non dormire.
Pregava per l'Impero caduto, ma anche di più piangeva sull'infelicità del mondo, sulla sorte di tanti infelici, sul sacrificio divino, dimenticato e negletto dagli uomini.
«Beato te, abate Arsenio – disse di lui un altro eremita. – Tu ti sei pianto in questa vita! Chi non si piange in questa vita, piange eternamente nell'altra».
Il pianto di Sant'Arsenio fu assai lungo: durò per 53 anni, prima del giorno in cui passò, con la morte, alla gioia dell'altra vita. La sua esistenza era stata l'adempimento di una preghiera che si legge ancora nel Messale, e che chiede proprio il dono delle lacrime – quelle lacrime che la maggioranza degli uomini vorrebbero evitare, perché espressione di sofferenza. Dice: «Dio onnipotente e pieno di dolcezza, che in favore del popolo assetato facesti zampillare dalla roccia una fonte d'acqua viva, estrai dal nostro cuore di pietra le lacrime della compunzione, affinché possiamo piangere i nostri peccati, meritando così di esserne perdonati nella Tua misericordia».
Bianco con candida e lunga barba, alto di statura, nobilissimo d'aspetto, questo era Sant'Arsenio a novantacinque anni, dopo più di mezzo secolo di vita nel deserto più arido e desolato, quello dello Scete, in Egitto.
Il nobile incedere gli veniva dall'essere romano, di famiglia senatoriale. Nel Palazzo imperiale aveva ricoperto cariche assai alte, e sembra addirittura che Teodosio l'avesse scelto come precettore dei propri figli, Arcadio e Onorio, che si divisero poi l'Impero paterno. Quando Roma fu conquistata dal Re barbaro Alarico; quando l'Impero costruito dai Cesari cominciò a crollare, Arsenio comprese come la sua opera nel mondo fosse inutile. Si sentì chiamato verso un nuovo Impero, che non avrebbe temuto le orde dei barbari. Una voce gli disse: «Fuggi gli uomini, e ti salverai!». Fuggiti gli uomini, Arsenio condusse, nel deserto egiziano, una vita di continua preghiera, quasi sopprimendo il sonno. Al tramonto, volgeva le spalle al sole calante e per tutta la notte, con gli occhi fissi al levante, aspettava l'aurora del nuovo giorno. Soltanto allora, per brevissimo tempo, si assopiva.

La Madre ci invita ad avere compassione per i poveri peccatori che sono caduti tra le spine e cercare di trarli in salvo

Comitato “Beata Giovanna Scopelli” ha detto...

Alla luce di alcuni recenti dichiarazioni di Marco Tonti, presidente Arcigay Rimini, e di Mons. Francesco Lambiasi, vescovo di Rimini, sentiamo doverose alcune importanti precisazioni:

1) Il Corriere di Rimini ha dedicato un’intera pagina ad un’intervista fatta al Tonti, relegando il nostro Comitato ad un trafiletto e chiedendo solo conferma della Processione per via telefonica. Riteniamo piuttosto imbarazzante questo tipo di servizio giornalistico, assolutamente di parte e piegato ovviamente alle logiche LGBT.

2) A proposito di logiche LGBT, altrettanto imbarazzanti sono state proprio le dichiarazioni di Tonti, in puro stile vittimistico e con un contenuto davvero fantascientifico. Non esiste infatti nessuna persecuzione verso gli omosessuali, ma anzi essi godono di “diritti” assolutamente ingiusti guadagnati con l’altrettanto ingiusta legge Cirinnà. Tonti ha paura del nuovo Ministro alla Famiglia: e fa bene in questo caso! Perché forse, per la prima volta, abbiamo un ministro che riconosce per “Famglia” unicamente quella composta da un uomo e una donna, come natura insegna. Insomma, Tonti se ne faccia una ragione: #lapacchiaèfinita

3) Fa sorridere il fatto che Arcigay Rimini parli di “lobby” in Parlamento, quando una delle più grosse lobby è proprio quella omosessualista, finanziata dai partiti e dai potentati nazionali sovranazionali.

4) Ci fa piacere che Mons. Lambiasi abbia condannato nuovamente il “Summer Pride”, ribadendo il Catechismo e il disordine che vivono queste persone praticando atti contro natura. Ribadiamo infine che la nostra è un’iniziativa organizzata da laici e che quindi, come insegna il Codice di Diritto Canonico, Can. 225 - §1, “i laici come tutti i fedeli, sono deputati da Dio all'apostolato mediante il battesimo e la confermazione, sono tenuti all'obbligo generale e hanno il diritto di impegnarsi, sia come singoli sia riuniti in associazioni, perché l'annuncio divino della salvezza venga conosciuto e accolto da ogni uomo in ogni luogo”. Il nostro Comitato agisce con questo spirito e appunto nella libertà dei battezzati in Cristo, che godono appunto di diritti comuni a tutti i cristiani.

5) Ringraziamo, sosteniamo ed esprimiamo tutta la nostra solidarietà a Domenica Spinelli, sindaco di Coriano, per gli ingiusti attacchi subiti dopo aver svolto il proprio dovere non trascrivendo, giustamente, l’ “atto di nascita” di due bambini “figli” di due uomini. I bambini non possono che avere un padre ed una madre, per buona pace dei Tonti di turno.

6) Approfittiamo per divulgare il video trailer della nostra Processione di Riparazione:

https://m.youtube.com/watch?v=aL2gr_aeG-Q&feature=youtu.be

Anonimo ha detto...

In Polonia i cristiani cattolici non sono degli "Sprovveduti", non dei "Rammolliti" come in Italia. (Mi spiace dirlo, ma è così. In Italia siamo dei rammolliti. Compresi siversi sacerdoti e vescovi. Non vale per tutti, certamente, ma per la stragrande maggioranza. Ed è molto evidente.

https://www.lalucedimaria.it/madonna-nera-gay-pride/

Anonimo ha detto...

Caro Comitato (scusami se mi permetto) che ne dici di aggiungere al videotrailer la bellezza di bambini e bambine "normali ", di uomini e donne "normali", di mamme e papa' "normali", di nonni e nonne "normali", così come li ha voluti l'Amore di Dio ?

Anonimo ha detto...

Perche' stiano al sicuro nella misericordia del Padre .

Santa lotta . ha detto...

Se potessi verrei anche io e porterei in Processione un gonfalone con su rappresentato Gesu' agonizzante ,* in ginocchio , mentre suda sangue pregando sulla roccia . In grande vi aggiungerei la scritta : " Ritornate a Me con tutto il cuore " .
Dio vi benedica tutti e la Deipara vi accompagni !

Agonizzare = dal lat. tardo agonizare, gr. ἀγωνίζω «lottare»;
Anche questi poveri redenti si puo' dire che sono " nell'agone , nel combattimento ".