lunedì 29 maggio 2017

Se lo "ius soli" diventa legge ci alleveremo il terrore in casa

Ricevo da un lettore il testo che segue, che sottoscrivo e condivido con voi integrandolo con le mie considerazioni. Umanamente siamo impotenti, se non attraverso il nostro impegno civile che ha i suoi limiti, anche se gutta incidit lapidem... Come cittadini non faremo mancare le nostre 'gocce'; come credenti abbiamo l'arma potente del Santo Rosario(1), che vi invito a recitare - da oggi, fino al 15 giugno, data in cui il ddl sullo ius soli dovrebbe essere discusso in Senato - uniti nell'intenzione di un aiuto speciale per questa ennesima minaccia alla nostra Patria così vilipesa.
Scrive il lettore:
«Se a giugno al Senato passa lo Ius Soli, possiamo chiudere baracca e burattini. Possiamo dire addio all'Italia. Tra dieci anni saremo come Francia e Inghilterra, cioè perdute per sempre. Avremo le seconde generazioni radicalizzate a farci la festa. Una futura maggioranza Renzi-Berlusconi o anche grillina non tornerebbe più indietro a ridiscutere questa legge. Sarebbe davvero il punto di non ritorno e la vittoria schiacciante e definitiva dell'immigrazionismo di massa. Ѐ l'ultimo boccone avvelenato del PD, dopo divorzio breve e simil-matrimonio sodomitico, anche se non gli è riuscita la zampata sull'adozione gay, ma sarà per il loro prossimo giro. Il PD ha fatto il suo dovere. Ѐ il Partito radicale di massa nato sulle ceneri del PCI e pronosticato genialmente da Augusto Del Noce sin dagli anni Settanta. Voleva distruggere la famiglia e sostituire il popolo e ci è quasi riuscito. Io mi segnerò a uno a uno i nomi di chi voterà in Senato a favore dello Ius Soli. A loro il mio infinito disprezzo»
Sul tema, riporto di seguito, estrapolando e integrando quanto già detto in altre occasioni :
O patria mia, vedo le mura e gli archi
E le colonne e i simulacri e l'erme
Torri degli avi nostri,
Ma la gloria non vedo,
Non vedo il lauro e il ferro ond'eran carchi
I nostri padri antichi. Or fatta inerme,
Nuda la fronte e nudo il petto mostri
.
(G. Leopardi, All'Italia - L'intero testo qui,
da rispolverare per noi o da scoprire per i più giovani)
“Giuridicamente parlando, la cittadinanza italiana è fondata sullo ius sanguinis: si è cittadini italiani se si è nati in Italia da cittadini italiani”. Lo ius soli, la “soluzione opposta”, prevede che “si diventa cittadini del Paese nel quale si entra e ci si insedia”.
Lo ius soli in Italia trova applicazione solo in circostanze eccezionali. Il ddl, che dovrebbe essere discusso dal senato il 15 giugno prossimo, mira a introdurre uno “ius soli soft”, che consentirebbe ai minori stranieri nati in Italia o residenti da anni nel Paese di ottenere la cittadinanza italiana, solo rispettando alcune condizioni come la frequenza scolastica o la residenza nel Paese da più anni da parte di uno dei genitori. Realisticamente ciò significa sottovalutare, o addirittura ignorare irresponsabilmente, la cosiddetta sfida delle seconde generazioni, che in tutta Europa risultano le più permeabili al temuto radicalismo islamico e fabbricare italiani che tali non sono ma servono come bacino elettorale per i soliti noti che permettono la nostra sostituzione etnica e il meticciato. Avete sentito molte voci levarsi su questo?
C'è chi ricorda sofisticamente che si tratta di una soluzione adottata storicamente “dai Paesi sotto-popolati”, che “adottano lo ius soli perché hanno bisogno di popolazione”. Premesso che noi non siamo sotto-popolati ma affetti da deficit di natalità cui, oltre alle contingenze socio-economiche, non è estraneo l'aborto senza freni né morali né giuridici, citiamo Sartori che, nel replicare all'ex ministro Kyenge, afferma con una certa onestà intellettuale che:
La “distinzione in questione è logica e storicamente giustificata [nei casi di effettiva sotto-popolazione]”, “lo ius soli è un errore gravissimo. Sarebbe un disastro in un paese con altissima disoccupazione. Aumenterebbe le file dei lavoratori sottopagati e la delinquenza per le strade. Io non sono mai stato di destra ma non sto con una sinistra che pensa a quote riservate agli immigrati nella società. Siamo alla demenza. La gente ormai ha paura ad uscire la sera e si vuole favorire la negritudine come in Francia. Ma noi possiamo farne a meno”. “Tutti meticci?  Mai: “integrare non è lo stesso che assimilare, e l'integrazione in questione è soltanto etico-politica”. Per esempio, “per i musulmani tutto è deciso dal volere di Allah, dal volere di Dio. Qui il potere discende soltanto dall’alto. Per le nostre democrazie, invece, il potere deriva dalla volontà popolare, e quindi nasce dal basso, deve essere legittimato dal demos”. 
Ma non bastano queste motivazioni, pur valide : la questione, oltre ad avere un aspetto pratico socio-politico, ha anche una valenza più ampia e più alta :  lo ius sanguinis riguarda non solo il senso di appartenenza, ma anche una identità strutturata su valori e risorse culturali e spirituali sedimentate e fruttificate nei secoli. L'italianità non può e non deve essere scissa dalla civiltà euro-occidentale cristiana e greco-romana, recuperandone i valori autentici oggi offuscati. Non ci sono solo le vestigia, che rendono unico il nostro Paese come scrigno di bellezze sia naturali che scaturite dal genio dei suoi avi, l'italianità è viva nella nostra anima e nella nostra storia e non morirà con noi.
Ci troviamo ad andare contro corrente in un Euro-atlantismo dal quale sembra arduo se non impossibile districarsi, ma non per questo dobbiamo arrenderci e smettere di dare il nostro contributo, per quanto irrisorio possa essere...
Maria Guarini
________________________________________
1. In prossime occasioni, e per altre intenzioni che non mancheranno, sarebbe bello oltre che efficace poter recitare il Santo Rosario coralmente in diretta streaming in un'ora prefissata. Per questo invito a contattarmi su romaperenne@gmail.com chi di voi voglia e possa darmi un supporto per organizzarci al riguardo dal punto di vista tecnico per rendere in futuro iniziative come questa fruibili in tempo reale attraverso il blog. Oppure mi dia le coordinate necessarie per attivarle attraverso un'altra piattaforma.

34 commenti:

Anonimo ha detto...

Come ostinarsi a non voler capire che i nostri governanti permettono e anzi incoraggiano le migliaia di sbarchi ogni giorno dall'Africa soltanto per incrementare il nostro benessere, per arricchire il nostro livello culturale, per promuovere vieppiù la pace sociale e la sicurezza in questo nostro bel Paese, oltre che per garantire un futuro stracolmo di prosperità, stabilità lavorativa ai suddetti africani?
I quali, essendo praticamente tutti giovani, sani e robusti, già da ora vediamo come si industriano in ogni modo per farsi accettare e amare, mettendosi a disposizione della popolazione italiana con rara alacrità e senso civico, con encomiabile rispetto e educazione e non dando mai - dico mai, e lo sappiamo tutti, no? - una sola volta occasione di poter dubitare delle loro buone intenzione e del loro desiderio di integrarsi al meglio nella nostra società (che a sua volta, d'altronde, ne ha così tanto ma tanto bisogno!)
E infatti tutti noi, in ogni città, in fondo non vediamo l'ora di poterne ospitare sempre di più, sapendo quanto bene l'accoglienza di milioni di queste persone porterà alla nostra Nazione.

Quindi forza amici miei, ottimismo! E l'arcobaleno di pace amore e libertà si staglierà sempre più nitido sul nostro italico orizzonte...

Peace&Love&Freedom

Annarè ha detto...

Pare proprio che questo governo, mai votato da nessuno e che ha fatto solo del male all'Italia e alle famiglie italiane, sia sempre più coercitivo e violento perchè forse, come il demonio, sente che non potrà durare ancora a lungo. Pare proprio che il male in questo anno, che ricorre il messaggio di Fatima, si stia scatenando sempre più velocemente e violentemente. Visto cosa offre il mercato dei partiti, non c'è da sperare chissà che, sapendo le forze esterne che lavorano sott'acqua non so se ad esempio un Salvini o una Melloni possano fare qualcosa. Mettiamoci poi che nemmeno in ambito ecclesiastico non c'è più una retta via da seguire, la cosa si fa dura. Mah, c'è un mah, ovvero due pietre di inciampo: Il buon Dio e sua Madre. Io dispero veramente degli uomini, ma spero nel buon Dio e nel Cuore Immacolato di Maria al quale Dio ha dato la potenza di cambiare ogni cosa, se solo ci affidiamo ad esso.
Se ci lascieranno ancora votare, speriamo venga su qualcuno di santo, chissà mai che un miracolo faccia tornare la monarchia profetizzata da Padre Pio nella persona di Aimone d'Aosta. Noi possiamo solop cercare (se lo permettono) di fare il nostro dovere, anche votando bene, ma poi per il successo e per il miracolo ci vuole Dio.

Anonimo ha detto...

http://www.ilpopulista.it/news/28-Maggio-2017/14829/l-ungheria-aiuta-le-famiglie-che-fanno-figli-mentre-noi-importiamo-immigrati.html

Anonimo ha detto...

La perdita di ruolo della religione come fattore unificante non è solo un problema sociologico o storico-filosofico ma ha profonde ricadute anche da un punto di vista geopolitico: relazioni, equilibri di forze, dinamiche regionali, processi decisionali non hanno più nell’identità religiosa (cristiana) un fondamento.
...
Il sentimento religioso nei paesi dell’Europa orientale e ortodossa è un aspetto troppo spesso sottovalutato dai decisori del laico Occidente ; ma questa ricerca conferma quanto esso determini senso di appartenenza profondo e radicato: isolare la Russia dal contesto europeo significa generare una frattura ben più ampia nelle sue implicazioni politiche, di quanto l’élite al governo in Occidente riesca ad immaginare.

Anonimo ha detto...

Finalmente una bella conquista...

https://it-it.facebook.com/giorgiameloni.paginaufficiale/photos/a.343277597644.155355.38919827644/10155290557737645/?type=3

Anonimo ha detto...

Dopo il terribile omicidio delle tre sorelle rom, da più parti si era alzata ISTANTANEAMENTE la sentenza: "Sono stati degli italiani fascisti, squadristi, xenofobi!".

Poi invece, quando gli inquirenti hanno detto che molto più probabilmente si era trattato di una vendetta/regolamento di conti maturati tragicamente all'interno della stesse comunità rom, ecco che l'eco della notizia si è come dissolta, dimostrando come a molti media e a personaggi della politica e della "cultura" pendenti più che altro verso sinistra (e ahimè pure della chiesa 2.0), non interessava tanto la cosa in se', bensì il fatto di poter annunciare con enfasi piena di sdegno: "Ecco i soliti fascisti, sobillati dai consueti spargitori d'odio populisti (con a seguire tutti i peggiori "-isti" possibili...).

Malafede? Chissà, ma i fatti sono questi.

Oggi infine c'è la conferma che gli investigatori presumibilmente ci avevano visto giusto: indagati DUE ROM identificati dalle telecamere.


http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/05/29/incendio-camper-a-roma-due-indagati-confermata-lipotesi-della-vendetta-tra-rom/3621364/

http://www.ilmessaggero.it/roma/cronaca/roma_sorelle_rom_camper_halilovic_incendio-2467720.html

Rr ha detto...

La civilta e cultura europea sono quel che sono perché le hanno fatte gli Europei. Senza gli Europei, non ci sarebbero state, e non saranno più se gli Europei spariranno.
Non si da' mulatto in USA, in Francia o in UK, che non si senta, prima, ed innanzitutto, nero, non metà e metà,e assolutamente poco, pochissimo, nulla Americano. Obama ne è l'esempio più lampante e noto.
Nelle Americhe sempre più i meticci ( mezzo indio, mezzo europei) s'identificano con gli Amerindi, rifiutando tutto ciò che sia europeo, "bianco", a cominciare dalla lingua:non è vero che in Sudamerica parlano Spagnolo: a parte le classi alte, molto piu' "bianche" che meticce, le classi medio-basse parlqno una specie di dialetto, che varia da Nazione a nazione, che è spesso di difficile comprensione anche per gli Spagnoli madre lingua. In USA rifiutano di parlare Inglese.
Per i Mussulmani, poi, è ancor più difficile identificarsi con la metà non araba, perch devono per forza seguire Allah, se non il matrimonio misto non si celebra.
Ormai anche i mezzi Indù si sentono più Indiani che europei.

L'Italia ha un'alta densità si popolazione: non è il Montana, l'Alaska, l'Alberta, la Terra del Fuoco o la Siberia. Lo "ius soli" non ha alcuna ragione di essere, se non la cieca e criminale follia di 4 traditori della patria, che pensano solo ad rimpinguare il proprio conto in banca, cosi da poter fuggire al primo sentore di rivolta.
In USA molti conservatori patrioti chiedono la reviosne dl14' emendamemto delal. Oatituzioem , che era sato pensato per dare la cittadinanza agli schiavi liberati d ai loro figli, non per gli immigrati che cominciavano ad arrivare. Dopo la riforma dell'immigrazione nel 1965 el'afflusso in massa di immigrati clandestini dal Messico e più a sud, il problema degli "anchor babies" si è fatto più pressante, e prima o poi dovrà essere affrontato.
In Francia, Belgio, UK, gli attentatori erano quasi tutti di seconda e terza generazione( idem in Germania); sempre gli USA dimostrano che sono i figli ed i nipoti degli immigrati ispanici quelli che hanno più problemi a scuola e sul lavoro. Cosi come sono i figli ed i nipoti dei Negri "liberati" nel 1968 con le leggi sui diritti civli a creare più problemi a se stessi, alle proprie comunità ed ai Bianchi.

Un tempo i nostri governanti viaggiavano poco, non conoscevano le lingue, si poteva capire che non guardassero mai oltre le nostre frontiere. Ma oggi, tra Erasmus, G7 e 20, UE, perché non visitano bene, a fondo, quei paesi che lo "ius soli" l'han dato, ed oggi se ne pentono?

Rr ha detto...

"Anchor babies": si iniiza a riconoscere la cittadinanza al figlio, poi biosgna riconoscerla ai genitori, poi al resto delal famiglai, coi ricongiungimenti che possono arrivare ai nonni e cugini, infine la si da' a tutti. Come fece Roma. E cadde.

Anonimo ha detto...

http://www.rossoporpora.org/rubriche/italia/700-per-francesco-totti-brividi-buoni-per-il-card-bassetti-brividi.html

Silente ha detto...

Occorre esserne consapevoli: l'immigrazione selvaggia non è un fenomeno misterioso generato da non si sa quale causa. E' un fenomeno voluto, deciso a tavolino, causato e finanziato da organismi quali l'ONU, le ONG dei super-ricchi liberal alla Soros, le multinazionali che vogliono mano d'opera a basso costo, le sinistre alla ricerca di un nuovo proletariato, gli islamici che vogliono conquistare l'Europa. Alla radice c'è un odio per la nostra etnia bianca, la nostra razionale cultura greco-romana, la bellezza della nostra arte fino alla catastrofe della modernità e soprattutto un odio metafisico, gnostico per il Cattolicesimo. Ovviamente quello di sempre. C'è qualcosa di demoniaco nell'immigrazionismo, di distruttivo, di malvagio, di oscuro e infero.
Ci vogliono meticci, privati delle nostre radici, della nostra storia, della nostra cultura, intimoriti dalle leggi "contro il razzismo" che ci impediscono ogni reazione, schiavi del consumismo, delle multinazionali, privi di legami familiari, incapaci di reagire di fronte a ogni immoralità: divorzio, aborto, unioni sodomitiche, eutanasia e via demenziando.
Riflettiamo: sono decine e decine le navi delle ONG "private" che raccolgono gl'invasori (perché tali sono) a poche miglia dalla Libia e li portano in Italia, in spregio a ogni legge navale e alla legge italiana che vieta il favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Ogni nave costa decine di migliaia di euro al giorno. Dove raccolgono i fondi? Da piccole donazioni private?. Ma chi ci crede?
Lo ius soli si iscrive in questa strategia: ne sbarcano ormai circa duemila al giorno e sono centinaia di migliaia all'anno. Siamo vicini alla costituzione di quella "massa critica" che, unita agli elettori comunisti o post-tali e ai catto-comunisti, al dominio incontrastato di tutti i media, delle scuole, delle università, degli opinion-leader ci condurrà alla fine della nostra civiltà e all'avvento di una dittatura mondialista.
Sapremo reagire? Sapremo impedirlo?
P.S. Attenti a chi date il vostro 5 per mille: verificate che non siano gli immigrazionisti del canale di Sicilia, tipo Medici senza Frontiere o Save the Children. La Caritas non solo aiuta i cosiddetti "migranti", ma marcia con i comunisti per l'invasione. Datelo ad associazioni di cui siete certi che non aiutano l'invasione, anzi, politicamente, la contrastano.

Anonimo ha detto...

https://catholiccitizens.org/views/71271/bishop-schneider-offers-hope-amidst-crisis-permitted-divine-providence/


SS: Many Catholics were encouraged by Cardinal Burke’s suggestion that if Pope Francis will not answer the dubia, a formal correction may be in order. Some fear that this correction will never come, or that it will never be made public, and that they will be abandoned by their shepherds to the wolves. In this moment of confusion and crisis, should the faithful pin their hopes on a such a correction, or should their focus be elsewhere? Should they be patient even though they feel that the situation is an emergency?

BAS: A fraternal correction to the Pope, made on behalf of some members of the Episcopal or Cardinalitial College, is an extreme and last measure in the Church. It happened in the history, even though rarely. The first case was the formal public correction to Saint Peter made by Saint Paul. A fraternal correction is considered in moral theology as a part of the love for the neighbor. God oftentimes makes towards us a paternal correction and the Holy Scripture says that this is a sign of the love of God towards us (cf. Hebr 12, 6). The Holy Spirit says: “Whoever heeds correction is prudent” (Prov. 15, 5) and “Correction gives wisdom” (Prov. 29, 15). A correction has no automatic positive effect, but depends on the humility and docility of the person to whom the correction is addressed. The faithful should therefore not pin their hopes on such a correction, but focus on prayer for the Pope, because only God can ultimately touch the mind and heart of a person.

SS: I have spoken with priests who seem unable to know how best to handle the implications of Amoris Laetitia on a pastoral basis. Some are approached by people who are living in these so-called “irregular unions” and who feel emboldened to approach the sacraments because they believe the pope supports this. Some fear that they will come into conflict with their bishops if they do not give themselves up to this new regime of “mercy”. I spoke to one recently who really didn’t know what to make of it, or what he could do. What advice would you give to priests about living their vocation in fidelity to Christ while under the obedience of a bishop who may want to follow the more heterodox interpretation of Amoris Laetitia?


E anche molte altre cose...

--
Fabrizio Giudici

Anonimo ha detto...


Lo ius soli cancellato in Irlanda con un referendum popolare

Nella Repubblica d'Irlanda c'era lo ius soli. Lo Stato irlandese dà trattamento molto generoso a madri singole. Circa 12 anni fa cominciava una specie di invasione. Donne africane (che parlavano magari inglese con accento di Londra) e dei paesi di Europa Orientale arrivavano in Irlanda già in cinta, anche senza lavoro ovviamente, per far nascere il bambino nel paese. Allora, dopo un poco, dieci anni fa c'è stato un movimento che ha fatto fare un referendum su questo ius soli. A grande maggioranza (70-80 per cento) il popolo irlandese ha abolito questo diritto. L'invasione che si stava organizzando è sparita di colpo. Arrivano sempre "immigrati" anche in Irlanda ma in numero limitato, anche se la comunità musulmana di Dublino è in crescita. Non diventano cittadini, questo è in qualche modo un freno.
IL popolo italiano deve prepararsi fino da adesso a organizzare un referendum per abrogare questo ius soli, che molto probabilmente diventerà legge.
SCOTUS

Che ne dite? ha detto...

... ma in loro il disprezzo per la nostra civiltà è più grande dell'amor proprio ... infatti chi disprezza i propri padri disprezza prima di tutto se stesso ... potranno essere sconfitti - gli "Odiatori della Civiltà libera e cristiana" - solo se i giovani vedranno una speranza nuova emergere dalle macerie della depressione del politicamente corretto ... ma ci vuole un miracolo e gente disposta a morire per far ciò ...

Diego ha detto...

La cosa che mi fa star male più di tutto in questa storia è che i colpevoli di questa situazione hanno aperto una porta sull'inferno. Ed il peggio è che noi siamo guardati da Dio nella nostra scelta. In base alla nostra risposta avremo il Giudizio (va letta in questo senso l'immagine della porta cioè come un momento di scelta radicale da "dentro o fuori"). E' una prova, dura che richiama le parole di Nostro Signore nel Getsemani.
Noi, giovani e meno giovani, siamo davanti a una croce che è quella di affrontare l'invasione. Nel poco di quello che so, e attendo con ansia i vostri interventi e puntualizzazioni, noi ancora abbiamo tempo per gestire cristianamente questo flusso e quindi far leva sui governi (opzione utopica e forse senza speranza) e soprattutto annunciare agli infedeli la Buona Novella (oltre alla preghiera soprattutto con il Rosario e ad aiutare i veri preti che ancora celebrano il Santo Sacrificio).
Che Dio ce li stia mandando per convertirsi (oltre che per punire la nostra società per averLo dimenticato) in attesa di dare loro un'ultima possibilità prima del redde rationem? Arduo da capire....
Ma riflettendoci bene, la nostra battaglia oggi non è più dura contro gli apostati? Sono loro in maggior numero (atei, sodomiti, comunisti, cristiani tiepidi, etc...) come se già non bastasse la fatica nel nostro quotidiano ad obbedire alla volontà del Padre.
Non è che ci stiamo "cullando" con fantasiose crociate di liberazione quanto in realtà per noi si prepara una croce non solo morale e spirituale ma anche fisica?
Qual'è la volontà del Padre?
A voi non capita di sentirvi come "bloccati" da qualcosa (come ai tempi della scuola dove andavano in scena simil-risse con tanto di scenografiche separazione dei litiganti) che vi fa sentire pronti ma al tempo stesso mancanti?
Se ciò non è solo mio sentire, allora che non sia un richiamo ad obbedire a Nostro Signore con la preghiera e con l'affidarci esclusivamente a Lui?
A me non piace per niente l'idea che la violenza maomettana si scateni su di me e la mia famiglia, né che i soprusi dei politici e delle loro pratiche contro natura avvelenino il futuro dei figli che il Signore mi ha donato.
Ma tra la furia maomettana e la Collera del Padre....

Sia Lodato Gesù Cristo

Anonimo ha detto...

“La pace sia con voi! In occasione del sacro mese di Ramadan, che sta per iniziare, è proprio questo l’augurio e la preghiera che sentiamo di voler condividere con voi e con tutti gli uomini e le donne di buona volontà, perché cessino guerre e violenze di ogni sorta e sia stabilita quella pace di cui il mondo ha bisogno”. Inizia così, con questa invocazione, il messaggio che monsignor Ambrogio Spreafico, vescovo di Frosinone e presidente della Commissione episcopale per l’ecumenismo e il dialogo della Cei, ha inviato a tutte le comunità islamiche presenti nel nostro Paese, alla vigilia del mese sacro del Ramadan che dal 27 maggio fino al 24 giugno coinvolgerà 2 milioni di musulmani in Italia.

https://agensir.it/italia/2017/05/26/ramadan-mons-spreafico-cei-possa-portare-frutti-di-pace/

Ce la daranno loro la pace , quella eterna .
E' tempo di migrare , scrisse il vate , sì loro qua e noi la' .

Rr ha detto...

Se Dio ci sta inviando 'sta gente - cosa che io non credo assolutamente - non è per convertirli ( quello è stato fatto per secoli dalla Chiesa a casa loro), ma per punirci: non dei nostri peccati personali, ma della cecità, dell'insipienza, dell'aver messo il cervello all' ammasso, di aver per decenni seguito ideologie perverse, sataniche, di aver venduto, anche letteralmente, la nostra anima collettiva di Europei ad idee, "culture", discorsi, "narratives", che non solo non erano "nostre", ma erano state concepite apposta per distruggerci.
Ed ora siamo al "redde rationem", ma purtroppo siamo in pochi ad averlo capito.

Rr ha detto...

Silenta,
Save the Children ,pare, sarebbe anche una delle ONG più attive nella diffusione e propaganda di pratiche contraccetive e abortifacenti in Africa ed altre zone del Terzo Mondo. Quelle che l'ONU e l'OMS chiamano "pratiche per la salute riproduttiva delle donne", laddove le donne fanno tutto, fuorché riprodursi.

Anonimo ha detto...

In tutto il ragionamento non bisogna dimenticare che il PD di cui si parla nell'articolo è l'erede primario della DC oltre che del PCI (ala migliorista filo americana) e contemporaneamente anche il Partito di riferimento esclusivo e privilegiato della Chiesa Cattolica Italiana. Chiesa Cattolica che ha fatto dell'immigrazionismo senza se e senza ma il proprio cardine e unico valore indiscutibile in omaggio ai desideri del Potere Globale oltretutto scartando i precedenti "valori non negoziabili" e arrivando a vertici di aperto fanatismo anche violento. Da quel lato quindi non arriverà alcuna salvezza ma solo persecuzioni, repressioni e guai.
Miles

Anonimo ha detto...

L'invasione dei "migranti" è la perfetta dimostrazione di cosa si intende in teologia quando si dice che l'uomo che pecca si punisce da solo, ovvero che il frutto del peccato è direttamente la punizione a cui va incontro.

--
Fabrizio Giudici

irina ha detto...

"... l'uomo che pecca si punisce da solo..."

e può passare molto tempo prima che lo capisca, se mai lo capirà. Allora incolpa il prossimo e punisce il prossimo due volte, come colpevole e come complice, assommandoli.

Anonimo ha detto...

Preghiamo solo di riuscire ad avere il coraggio di affrontare il martirio

Anonimo ha detto...

Come sopra
http://www.ilgiornale.it/news/milano/consigliera-musulmana-pronta-diventare-deputata-velo-1403582.html

Anonimo ha detto...

Ai nostri fratelli islamici dobbiamo dare Cristo. Senza scusanti, senza falsi buonismi o moralismi, senza paura di fare 'proselitismo', che non è una sciocchezza ma un comando del Signore: "Andate e battezzate..."
Altrimenti, come ci ricordano i martiri copti, saremo come tutti gli altri europei, silenziosi di fronte agli orrori che ogni giorno accadono perché morti dentro. Infedeli non solo per l’Islam, ma anche verso ciò che come cristiani dovremmo essere. Cioè portatori di speranza e di gioia, vale a dire di Cristo stesso.

Annarè ha detto...

Gesù ci predisse, che ci sarebbero stati giorni dove i falsi profeti quelli che credono di servire ancora Dio, ma non lo fanno, ci avrebbero perseguitati e pure uccisi convinti di fare la volontà di Dio. Esortandoci a ricordarci questo: quando arriveranno quei giorni ricordatevi che ve lo avevo detto. Pertanto anche se sgomenti, la storia va così i buoni saranno perseguitati, perch+è i cattivi si convertano, Gesù fu perseguitato ed ucciso sepur innocente, i suoi avranno la stessa sorte e speriamo la stessa fine Resurrezione e gloria.
C'è da riflettere anche su un'altra cosa, una volta si andava missionari tra quei popoli per convertirli, ora li abbiamo in casa, il che in teoria dovrebbe agevolarci la cosa, ma purtroppo, li abbiamo in casa proprio mentre gli uomini di Chiesa sono apostati.

Anonimo ha detto...

"Perché la Francia oggi sia così filoislamica: basta andare con la memoria a Lepanto e all'assenza della Francia dalla spedizione della Santa Lega messa in piedi da Pio V nel 1571 che debellò la minaccia jhiadista. Infatti i francesi già all'epoca erano pappa e ciccia con il Solimano, ma non per spirito multicult, bensì più concretamente in chiave anti spagnola. Andò avanti così fino a Napoleone.
E oggi, mutatis mutandis, l'amicizia ha ripreso piede, solo che stavolta non ci sono Leghe sante di veneziani e spagnoli ad opporsi. Cosicché il tema della minaccia turca ci appare sotto forma di invasione immigrazionista alla quale non ci sembra opportuno dire di no. Solo che è la stessa minaccia dei tempi di San Pio V, ma non la riconosciamo."
Dal Kattolico di Rino Camilleri
Ma cosa più grave è che non c’è più una Chiesa cattolica a comporre una Lega Santa! Qualcuno ha detto che l’illuso è come una mosca sul vetro che crede di passare dall’altra parte a forza di sbatterci contro la testa! Ma il vetro contro cui noi sbattiamo la testa non è un vetro terso, è opaco, bastardo e satanico; perfino l’illusione ci è negata.

Anonimo ha detto...

La Germania confisca le case per alloggiare i migranti
"Un attacco massiccio al diritto di proprietà"
https://it.gatestoneinstitute.org/10450/germania-confisca-case-migranti

mic ha detto...

http://blog.ilgiornale.it/angelini/2017/05/28/lo-ius-soli-e-la-grande-visione-liberista/

Anonimo ha detto...

Ma la Chiesa cattolica non può adoperare lo stesso linguaggio ideologico dell’ONU.
http://www.vanthuanobservatory.org/ita/migrazioni-settimanale-polacco-intervista-stefano-fontana/

Anonimo ha detto...


"Portatori di speranza e di gioia"

Di speranza e di gioia per che cosa? Se non si nomina mai la salvezza dell'anima dall'eterna
dannazione, la speranza e la gioia restano incomprensibili, campate in aria.

Una conquista ha detto...

http://www.tempi.it/donne-una-specie-in-via-di-estinzione-nel-cuore-di-parigi#.WS3cZBOLR3k
L'Europa come megabidonville .

Luigi Rmv ha detto...

Più che Ius soli in Italia avremo lo 'IUS SOLA', elaborata da un governo sola e una classe politica sola (per i non romani: la o di sola è accentataè aperta, vuol dire fregatura, truffetta d 4 soldi, pacco, non c'entra la solitudine)

Forse Gentiloni si crede un imperatore romano, pensa che tutti osserveranno la nostra 'lex', scritta con tutto meno che con il cervello.
Per non parlare della fase esecutiva, quella del rispetto della legge, soprattutto nei confronti degli immigrati.
Ogni tentativo di repressione viene tacciato di razzismo, svergognato e denirato sui giornali, come se far rispettare la legge e i nostri valori fosse un segno di supremazia della razza nostra sulla loro.
E più manteniamo questo atteggiamento idiote e più ci disprezzano, soprattutto ar
arabi mussulmani:
http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/11887218/tunisino-rischia-processo-per-vilipendio-repubblica-italia-paese-di-merda.html



Persino la Cassazione, che ondeggia spesso come una bandiera con indirizzi contrastanti, ha avuto il merito di affermare che coloro che entrano nel nostro Paese sono obbligati a rispettare le nostre leggi e i nostri valori.
Ma non c'è Cassazione che regge dinanzi alla dittatura dell'idiozia.
Ma la cosa veramente tragica e' come sopra osservato dall'Anonimo, che a noi cattolici manca pure l'appoggio della Chiesa.

Siamo soli (con la o stretta e senza accento), e solo in Lui, attraverso Lei, dobbiamo confidare.
Una prova di fede.

Fabio ha detto...

Prego rosari tutte le settimane e anche la coroncina per le anime sacerdotali in purgatorio, affinché sia accelerata la liberazione di quella che lì maggiormente soffre con l'offerta in suo favore del preziosissimo sangue di Gesù. Al termine della coroncina è possibile richiedere l'intercessione delle anime sacerdotali così liberate per delle grazie personali e collettive e, fra quest'ultime, nel mio caso, c'è l'implorazione supplice affinché queste genti non europee presenti nel nostro continente - amerindi, africani neri tutti, asiatici del subcontinente indiano, dell'estremo oriente di razza gialla, del sud-est e mediorientali maomettani - possano in massa tornare nelle loro terre, fatte cristiane, e da lì dare vita a nuove fulgide civiltà cattoliche. Stiamo pregando, in questo modo per il nostro nemico, come è dovere di ogni buon cattolico e quindi Dio ci ascolterà.

mic ha detto...

Che senso ha la parata del 2 giugno?
Che sfilano a fare le forze armate che non si sa chi e cosa difendono, visto che non si sa più chi siamo e non abbiamo più confini?

Anonimo ha detto...

Mic,
Ti ha ripreso BastaBugie
http://www.bastabugie.it/it/articoli.php?id=4727