domenica 8 febbraio 2015

Se il papa persiste nella direzione intrapresa, il cardinal Burke resisterà

Testo aggiornato, dopo aver visualizzato il filmato definitivo di oggi ore 13,15.
Da notare. All'inizio del filmato, i riferimenti a Benedetto XVI "maestro nella fede" - mentre mostra l'Opera Omnia di Ratzinger nella sua biblioteca -, al fatto rifarsi sempre a lui in ogni momento di confusione o di incertezza e di doversi abituare al nuovo papa. È evidente che il filmato è uno spezzone non recente, ma risale a quando c'erano già le prime avvisaglie delle derive dell'assise sinodale. Esso mette a crudo confronto il rigore di Burke presentato come "colui che è alla testa della fronda", rispetto all'apertura e alla bonomia del "chi sono io per giudicare?" di Francesco. 
Il blog tradizionale Adelante la fe pubblica [qui] l'estratto da una intervista realizzata da France2 al cardinal Burke. Brevi parole ma di somma importanza perché per la prima volta un cardinale afferma pubblicamente che nel caso venisse concretizzata la nuova “tendenza” egli resisterà. L'intervistatore, ricorda la comunione ai divorziati e la nuova linea sulla omosessualità, caratterizzata dal “chi sono io per giudicare” e chiede:
  • France2: come pensa di mettere il papa sul retto cammino...
  • Burke: In questo bisogna essere attenti e guardare al potere del papa. La frase classica è che il papa ha la pienezza del potere, questo è vero, ma non è un potere assoluto. È al servizio della dottrina della fede. Non ha il potere di cambiare l’insegnamento, la dottrina... Lasciamo da parte la questione del papa. Nella nostra fede è la verità della dottrina che ci guida.
  • France2: “Se il papa persiste in questa direzione lei cosa farà?
  • Burke: “Resisterò, non posso fare altro. Non c'è dubbio che è un tempo difficile, questo, è chiaro. È chiaro”.
  • France2: “È doloroso?”
  • Burke: “Sì”
  • France2: “È preoccupante?
  • Burke: “Sì”
  • France2: “Secondo lei è minacciata la Chiesa in quanto istituzione?
  • Burke: “Il Signore ci ha assicurato, come ha assicurato a S. Pietro nel Vangelo, che le forze del male non prevarranno. Non praevalebunt, noi diciamo in latino. Non avranno la vittoria sulla Chiesa”.

Interessante aggiornamento, grazie a Benoit e moi, da cui traduco quanto segue:
Commenta Benoit e moi: Ecco come il servizio viene annunciato nel programma televisivo di Figaro: Il vocabolario non è neutro: in particolare, il Cardinale è subito presentato come "ultra-conservatore" (e questi sono più o meno identificati con il diavolo... !) ... mentre non fa altro che difendere l'insegnamento della Chiesa da sempre:

France 2 nei corridoi del Vaticano, con il "miglior nemico" di Papa Francesco
«Non dimenticate di pregare per me»: così Papa Francesco conclude tutti i suoi discorsi. Come se fosse preoccupato, si sentisse solo ... O si sentisse minacciato. In un servizio, nel cuore del Vaticano, diretto da Lionel Feuerstein, Karine Comazzi, Patrice Brugères, Nicolas Berthelot e Claire Aubinais per la rivista di France2, 13:15 la Domenica, presentato da Laurent Delahousse, scopriamo l'altra faccia della Santa Sede : quella della lotta. Se il Papa Francesco costruisce, presso il pubblico un'immagine moderna di uomo aperto al mondo e agli altri, che lo rende estremamente popolare, dietro le quinte, ha creato molti nemici. Peggio ancora, come ricordano i giornalisti di France2, quando prende posizioni inedite per la Chiesa sulla famiglia, gli omosessuali o, più discretamente contro gli imbrogli nel cuore della banca vaticana, egli tenta... il diavolo.
E qui, sono soprattutto gli ultraconservatori che si sentono minacciati. Così, dopo il Sinodo dello scorso ottobre, contro Francesco è stata organizzata una fronda. I cardinali si ribellano. Alla loro testa il cardinale Burke, un americano ultraconservatore. Per la prima volta, ha accettato di ricevere una macchina da presa: quella di France2. E non usa mezzi termini. Tra i più fedeli a Benedetto XVI, noto per il suo rigore, secondo questo americano, il potere del papa deve essere messo in discussione. Egli deve "resistere" per salvare la vera dottrina della Chiesa...
Così di fronte alla telecamera dice che «non accetta che si dia la comunione alle coppie non sposate davanti alla chiesa. Perché la loro unione irregolare è adulterio. Per quanto riguarda gli omosessuali, non hanno nulla a che fare con il matrimonio. È una sofferenza essere attratti da una persona dello stesso sesso. È contro-natura». Cosa che non va nel senso delle ultime dichiarazioni del Papa. Risposta chiara dell'uomo di fede: «Io resisterò. Non posso fare altro. C'è un malessere che è inconfondibile [le parole pronunciate in italiano sono: non c'è dubbio che è un tempo difficile - ndR]. [...] Le forze del male non vinceranno», conclude.
Più avanti nel servizio, si scorge un ritratto di Papa Francesco. France 2 giornalista è sorpreso: «È ancora suo amico?» Imbarazzato, il cardinale Burke quasi si scusa: «Non vorrei farmene un nemico», prima di decidere che l'intervista era durata troppo.

44 commenti:

Moretto ha detto...

Iddio lo protegga!

Luisa ha detto...

Come ho già detto, per chi può ricevere France 2, l`emissione è per oggi alle 13h15.
Probabilmente sarà ripresa sul sito di France 2.
La guarderò con la tazza di camomilla accanto perchè già so come saranno presentati il card.Burke e papa Bergoglio, il cattivo e il buono, l`ultra-conservatore e il misericordioso che apre e non giudica.
I media francesi, atei e nemici della Chiesa, non fanno eccezione alla papolatria, all`adulazione enfatica per Bergoglio.

Roberto ha detto...

È comunque consolante vedere che, anche nei momenti piú problematici, il Signore non abbandona la Sua Chiesa.

Roberto

bernardino ha detto...

SI! Moretto, Dio lo proteggerà, perchè Burke stà dando tutto se stesso per proteggere la Chiesa, quella veramente Cattolica.

mic ha detto...

E qui, sono soprattutto gli ultraconservatori che si sentono minacciati.

Non li sfiora neppure che ad essere minacciati non sono gli ultraconservatori, ma la Verità e la fede cattolica nella quale risiede.

Miserere ha detto...

Il Signore dia la forza ed il coraggio necessari al card. Burke per resistere se le cose si mettono a male! Sono con Lei, eminenza! E' ora che i pastori si facciano un esame di coscienza e prendano posizioni nette in vista del prossimo sinodo, se sono con Cristo o contro di Lui!

Anonimo ha detto...

Grazie a Dio per questo cardinale!


Ci vuole molti più al suo fianco...!



Romano

mic ha detto...

Sarei felice che Luisa, o cui riesce a seguirlo, ci dicesse qualcosa sul servizio di oggi.

Silvano Motta ha detto...

E noi resisteremo con lui, nostro Signore ci ha dotato di 2 mezzi, anzi 3 , per riconoscere le eresie, : la Sacra scrittura e l'intelligenza. Quando i conti non tornano scatta il campanello di allarme. Il 3 mezzo è la fede ma dobbiamo mettercene del nostro per conservarla.

Luisa ha detto...

Et voilà!
Come prevedibile, un servizio a lode e gloria di papa Bergoglio, presentato come una vittima dei suoi nemici "frondeurs" che si oppongono alle sue riforme, come la Comunione ai divorziati risposati, senza dimenticare il "chi sono io per giudicare" relativo agli omosessuali posto subito dopo le parole del card. Burke che non ha fatto che ricordare il Catechismo e la Dottrina della Chiesa.
Il cardinale Burke con una chiarezza, una sincerità e un coraggio ammirevoli, con i tempi che corrono, se ha riconosciuto il potere e l`autorità del Papa ha ribadito che il suo non è un potere assoluto ma un potere al servizio della Chiesa e della sua Dottrina, ha confermato che viviamo tempi molto difficili e che non gli resterà che resistere se il papa persiste nella direzione che indica, alla domanda non gratuita della giornalista che gli chiede se è un amico del papa, con un sorriso gentile ha risposto che non vorrebbe farne un nemico.
Qualche minuto e immagini dell`umiliazione pubblica fatta alla Curia, le solite menzogne funzionali all`esaltazione del papa umile che abita in un alloggio modesto...
Intervento di Sandro Magister che dice che la popolarità di Bergoglio è per lui, per la sua persona, non certo per la Chiesa.
Segue una seconda parte dedicata alle minacce che il papa subirebbe da parte della mafia, con immagini di don Ciotti presentato come un suo amico.
Non manca il capitolo sulle finanze e la corruzione, con visita a Scarano.
Insomma una Curia corrotta, un sistema marcio, una banda di cardinali nemici del papa e delle sue riforme (foto di Burke, Müller, Brandmüller, Caffarra), e al centro l`idolo Bergoglio, vittima innocente.
Niente di nuovo sotto il sole, tutto come da copione.

Visibile qui:

http://www.francetvinfo.fr/replay-magazine/france-2/13h15/

Alessandro Mirabelli ha detto...

La dichiarazione del card. Burke e' importante. Altri vescovi lo seguiranno. Solo Dio sa quanti saranno ma egli non rimarrà solo. Che Dio conservi il card. Burke. Stare dalla parte della Verità e del Vangelo paga. Sempre.

Cattlico ha detto...

Caro Silvano Motta, lei forse dimentica il cd "discernimento degli spiriti", dono dello spirito Santo, atto a farci distinguere i veri dai falsi pastori, i lupi travestiti da pecorelle. Chiediamolo nella preghiera, è la cartina di tornasole per il mantenimento dela fede. Ricordo cge il bravo Alessandro Gnocchi tempo fa scrisse che se avesse dovuto seguire il pensiero del suo vescovo (mi sembra di Bergamo, o Brescia) in una settimana avrebbe perduto la fede. E questo purtroppo vale per la stragrande maggioranna dei vescovi e dei cardinali (oltre al VdR, inutile aggiungerlo) e per la quasi totalità dei sacerdoti, religiosi e religiose, ormai tutti terrorizzati dal papa-tiranno (altro che il Papa-Re di quel bel film con Nino Manfredi). Preghiamo quindi NSGC, lo Spirito Santo e Maria SS.ma e stiamo lontani da quei personaggi pericolosi per l'integrità della fede. Ci si salva meglio con la chiesa preconciliare, i suoi santi ed i suoi papi, credetemi, cari amici. sia lodato Gesù Cristo.

Rr ha detto...

Ma France 2 non farebbe meglio a preoccuparsi della dhimmitudine dei politici ed intellos francesi ?
Rr

Mazzarino ha detto...

L'affermazione del Card.Burke mi riempie di gioia e di speranza. Non è da ora che è stata presa la mia decisione di abbandonare questi pastori se formalizzeranno definitivamente la deriva massoprotestante. In verità è stata presa negli ultimi tre anni "orribili" di Pontificato del mio amato BXVI. Occorre però un limite, un presidio invalicabile anche temporale. E' dura aspettare la fine del sinodo per veder certificata l'apostasia che nella pastorale in atto vediamo palesarsi ogni giorno. Mi piacerebbe però saper fin d'ora cosa significa RESISTERO' per capire se prepararmi a seguirlo oppure no. Ci sono in giro troppe reti, nasse, trappole e croci mediatiche senza Crocifisso.

fromrome ha detto...

Mic,

la ringrazio per quest'articolo...

Ho tradotto l'essentiali in inglese...

https://fromrome.wordpress.com/2015/02/08/cardinal-burke-if-the-pope-persists-in-this-path-i-shall-resist-i-can-do-no-other/

mic ha detto...

Grazie Luisa,
al di là delle solite strumentalizzazioni e manipolazioni mediatiche, quel che a noi interessa è il dato essenziale della "resistenza", che sta a significare che abbiamo un riferimento, chi ci conferma anche di fronte a coloro che con la denigrazione ad personam tentano di delegittimare le nostre argomentate denunce.
E ringrazio il Signore di averlo potuto sperimentare personalmente. È per questo che parlo con meno remore...
Comunque chi è abituato a guardare un pò più in profondità non può non notare, oltre alla semplicità e alla sobrietà della sua comunicazione, fatta di poche parole (mai una di troppo) essenziali ma chiare e inequivocabili, e dietro alla cortesia, all'amabilità, alla calma, ai sorrisi, anche le espressioni del volto e le inflessioni del discorso piene di serietà e di pathos e anche di sofferenza nella consapevolezza della temperie grave e difficile... E anche l'ineluttabilità: "non posso fare altro", ripetuto due volte... Se avete guardato bene il filmato, penso abbiate notato tutte queste cose.

mic ha detto...

Non che finora non avesse già parlato chiaro. Ma qui è più preciso e deciso...

Anonimo ha detto...

Grandissimo, mite, granitico Burke, sembra che lotti da solo (bè, da solo mai: ha tutta la Chiesa Trionfante dalla sua, oltre alla Purgante e, spero, a una porzioncina della Militante).
Quando uscirà allo scoperto un altro cardinale, con la stessa fermezza e lo stesso coraggio?
Ma cosa ne sappiamo noi... magari sta già accademdo qualcosa di poderoso e noi lo sapremo solo a cose fatte.
Non resta che pregare. Io faccio fatica, lo confesso.
Meditavo oggi che l'effetto Bergoglio sul riavvicinamento alla Chiesa (?) di tanta gente in fondo si basa su una serie di equivoci e su tanta emotività (è questo, il dramma dell'uomo post-moderno: sa solo emozionarsi, ma non sa sentire davvero, lo si vede in ogni ambito).
Sui cattolici, invece, l'effetto Bergoglio è terribile, perché fa vacillare la fiducia nella Chiesa. Uno si deve ripetere cento volte al giorno "Non praevalebunt", ma fioeu se l'è düra...
humilitas

mic ha detto...

per fromrome

finalmente ho potuto subito condividere qualcosa di confortante!

Anonimo ha detto...

humilitas,
l'è dura, ma la ghe voer inscì.
Te vurarét minga passà dessuravia la crus sensa tucàla o purtàla...
Pensa che bel el tema de l'Expo: nutrire il pianeta, energia per la vita. I urganisadur gh'hann in ment el mangià... e s'el fudèss el santissim sacrament?
Sem in del temp ch'el par passà no.
Vegnarà quel ch'el pararà vulà via!

mic ha detto...

Il servizio di France2 è formato da una serie di spezzoni tra cui l'intervista a Burke (risalente a mesi fa come molti degli spezzoni iniziali) inserito dopo il titolo "la Fronda". Non dico altro.
C'è ben poco oltre quanto già anticipato dal video di ieri. E già Luisa ha condensato esattamente clima e contenuti...
Ho annotato solo alcune parole iniziali sul potere del papa:

Il papa ha la pienezza del potere ma non è non un potere assoluto. E' al servizio della dottrina della fede. Non ha il potere di cambiare l’insegnamento la dottrina...
Lasciamo da parte la questione del papa: E' la verità della dottrina che ci guida.

OK.
Insieme a quanto abbiamo già annotato, ha detto tutto quanto c'era da dire.
Ora c'è solo da attendere. Ma lui già sa che può contare su tutto l'appoggio di molti fedeli disorientati ma non addormentati.
E ringraziamo il Signore per questa sentinella desta che forse riuscirà a far parlare anche altri pastori muti!
Ricordate Isaia 56?

Paolo ha detto...

Il documentario parla di Papa Francesco, elogiato come riformatore.

http://www.francetvinfo.fr/replay-magazine/france-2/13h15/13h15-du-dimanche-8-fevrier-2015_813123.html

Anonimo ha detto...

@Anonimo delle 21:40
Grazie. Te ghe rasun ti.
Me la incornicio, la tua risposta. È bellissima.
humlitas

Anonimo ha detto...

Burke era presente ovviamente in conclave. Il "resisterò non c'è ALTRO da fare" dice chiaramente che per Burke Bergoglio è pessimo papa, ma papa regnante e validamente eletto. Le parole di Socci e di fromrome si dimostrano sempre più aria fritta.
Teresa

mic ha detto...

La normalista di turno, Teresa qua su, non tiene conto che Burke realisticamente parte dalla situazione così com'è. La supposta "aria fritta" dei dubbi e degli scandali non c'entra un cavolo.
Il fatto che Burke fosse in conclave non significa che ogni elettore avesse piena conoscenza degli intrallazzi che sono venuti fuori da fonti e in modi diversi. Per quelli della votazione durante il conclave è vincolato dal segreto... Al di là di questi (Socci) ci sono i fatti di Iveright, che anch'essi ingenerano dubbi per nulla peregrini, tuttavia ignorati da chi potrebbe dare risposte autorevoli e competenti.
Anche noi partiamo dal fatto che Bergoglio sia papa - fino a prova contraria che non spetta a noi - ma, avuto riguardo agli scostamenti dalla dottrina, non possiamo affermare che sia un buon papa. E ad un cattivo papa non si può e non si deve che "resistere".

lister ha detto...

GRANDE, Mic!
Non te ne fai scappare una, eh?! ;)

mic ha detto...

Per lo meno ci provo, lister ;)

Rr ha detto...

Era da un po' che non si faceva viva Teresa...
Bene, vuol dire che qualcuno non si sente proprio tranquillo e vincente.
Rr

Anonimo ha detto...

Mic:
"E ringrazio il Signore di averlo potuto sperimentare personalmente. È per questo che parlo con meno remore... "

Cioè? Che significa?

Anonimo ha detto...

Uh uh, Rr,ti sei messa la corazza e l'elmo in testa.....buon segno; per quel che riguarda Burke, beh, spero sia seguito da qualcuno,dopo aver letto l'articolo di Magister mi pare di capire che Mueller debba cercarsi presto una nuova occupazione prima che il vdr liquidi senza tanti complimenti l'inutile Congregazione per la dottrina della fede, ormai anche noi 'profani' simpleton abbiamo capito che a nulla serve, tanto lui fa di testa sua e ne vediamo le conseguenze, fossi in lui mi dedicherei alla cura delle opere del suo compatriota bavarese prima di venire spedito in Papuasia, ciò detto vedo che dopo un relativo periodo di pace, si è ricominciato il tamtam mediatico, la mania di protagonismo è più forte di ogni altra cosa, si va nei campi rom, si annulla la visita ai seminaristi romani, ragionandoci su, che lectio divina avrebbe mai potuto essere? "Il creato va tutelato, non è dei verdi, no, è cristiano", perla della ormai lunghissima collana, di stamattina.....basta, non ce la faccio più, fermate il mondo, voglio scendere....4 Rr why always female nicknames? All sissies there? Anonymous.

Luisa ha detto...



"Burke era presente ovviamente in conclave. Il "resisterò non c'è ALTRO da fare" dice chiaramente che per Burke Bergoglio è pessimo papa, ma papa regnante e validamente eletto. "

Ma che deduzione di una logica infallibile!
E che dire dell`interpretazione delle parole del cardinale?
Se Teresa pensa che Bergoglio è un pessimo papa, è una sua libera opinione, condivisa da non pochi, ma non dovrebbe far dire al cardinal Burke quel che non ha detto.
È vero che ha detto che resisterà se il papa persiste in una certa direzione, e che i tempi sono difficili, dolorosi e preoccupanti, non è forse vero?
Poi possiamo dedurre, Teresa può dedurre, che il cardinale non sia soddisfatto dell`operato di Bergoglio, che non ne condivida l`ideologia, che sia lui stesso preoccupato, ma se pensa che Bergoglio sia pessimo papa lasciamolo al suo foro interno.
Quanto alla elezione valida o no di Bergoglio non sarà certo un cardinale dalla statura intellettuale, morale e spirituale come quella di Burke ad emettere dubbi o a rompere il segreto delle deliberazioni.

ilfocohadaardere ha detto...

"D. Però sembra evidente che il cardinale Kasper e quanti sono sulla sua linea parlino con il sostegno del Papa.
R. Questo sì. Il Papa ha nominato il cardinale Kasper al Sinodo e ha lasciato che il dibattito proseguisse su questi binari. Ma, come ha detto un altro cardinale, il Papa non si è ancora pronunciato.Io sto aspettando un suo pronunciamento, che può essere solo in continuità con l’insegnamento dato dalla chiesa in tutta la sua storia. Un insegnamento che non è mai mutato perché non può mutare.
D. Alcuni prelati che sostengono la dottrina tradizionale dicono che se il Papa dovesse portare dei cambiamenti li accetterebbero. Non è una contraddizione?
R. Sì, è una contraddizione, perché il Pontefice è il Vicario di Cristo sulla terra e perciò il primo servitore della verità della fede. Conoscendo l’insegnamento di Cristo, non vedo come si possa deviare da quell’insegnamento con una dichiarazione dottrinale o con una prassi pastorale che ignorino la verità.
D. L’accento posto dal Pontefice sulla misericordia come la più importante, se non l’unica, idea guida della chiesa, non contribuisce a sostenere l’illusione che si possa praticare una pastorale sganciata dalla dottrina?
R. Si diffonde l’idea che possa esistere una chiesa misericordiosa che non rispetta la verità. Ma mi offende nel profondo l’idea che, fino a oggi, i vescovi e i sacerdoti non sarebbero stati misericordiosi."...

ilfocohadaardere ha detto...

..."Io sono cresciuto in una zona rurale degli Stati Uniti e ricordo che, quando ero bambino, nella nostra parrocchia c’era una coppia di una fattoria vicina alla nostra che veniva in chiesa a messa, ma non faceva mai la comunione. Crescendo, chiesi il perché a mio papà e lui, con naturalezza, mi spiegò che vivevano in una condizione irregolare e accettavano di non accedere alla comunione. Il parroco era molto gentile con loro, molto misericordioso e applicava la sua misericordia nell’operare perché la coppia tornasse a una vita consona alla fede cattolica.Senza verità non può esserci vera misericordia. I miei genitori mi hanno sempre insegnato che, se noi amiamo i peccatori, dobbiamo odiare il peccato e dobbiamo fare di tutto per strappare i peccatori dal male nel quale vivono."
(A.Gnocchi intervista il card. Burke,Il Foglio,14/10/2014).

ilfocohadaardere ha detto...

p.s. @Silvano Motta: non dimentichi il S.Rosario,come "arma" per difendere se e il prossimo dalla perdita della vera fede cattolica.La Beata Vergine Maria ha DETTO a Suor Lucia (Fatima è tutto,ma non una rivelazione "privata" nello stretto senso del termine:e non lo è,tra l'altro,per gli straordinari miracoli pubblici,e preannunciati,avvenuti di fronte a 70.000 persone:può essere semmai una chiara manifestazione della biblica "Donna vestita di Sole"...Agli occhi di Pio XII di f.m.,la Vergine era il grande segno apparso nel cielo attorno al quale si riuniranno i figli di
Dio,dopo la vittoria della Chiesa sul peccato e sull’errore,sotto l’egida di Colei che la
liturgia chiama "distruttrice di tutte le eresie".Ricordiamoci che il "miracolo del sole" si RIPETE' agli occhi di Pio XII, in Vaticano, quando proclamò il Dogma dell'Assunzione...Suor Lucia a precisa domanda rispose che stavamo vivendo ciò che è annunciato nei libri (in particolare 12 e 13) dell'Apocalisse di S.Giovanni,"andate a leggerli è c'è già tutto...").Nel 1984 il card.Ratzinger disse che“le profezie contenute in questo Terzo Segreto corrispondono a ciò che annuncia la Scrittura.” S.Giovanni Paolo II fece riferimento per ben due volte nella omelia a Fatima nel 2000 al capitolo 12° dell'Apocalisse, prima citando il versetto 1:"Per disegno divino,è venuta dal Cielo su questa terra,alla ricerca dei piccoli privilegiati dal Padre,«una Donna vestita di sole» (Ap 12,1)".L'autrice- mediatrice di Dio- del "miracolo del sole" di Fatima era stata la Madonna,cioè la "Donna vestita di sole"(la Chiesa tradizionalmente vede nella "Donna vestita di sole"dell'Apocalisse la Madre di Dio).Si noti anche che la prima parte di quel versetto dice:"Nel cielo apparve poi un segno grandioso...";qui l’analogia con il miracolo di Fatima è davvero straordinaria!Poi il Papa menzionò il versetto 4:"Il messaggio di Fatima è un appello alla conversione,che mette in guardia l’umanità affinché non faccia il gioco del «drago»,il quale con la «coda trascinava giù un terzo delle stelle del cielo e le precipitava sulla terra»(Ap 12,4)".Bene,la veggente Lucia rivelò ad un religioso (non ricordo se padre Alonso o padre Fuentes)che al S.Rosario era stata concessa,in questi"ultimi tempi"di grande prova (con tremende tentazioni specie per i consacrati)una forza straordinaria,per prima cosa per CONSERVARE LA FEDE CATTOLICA."Chi prega si salva,chi non prega si danna"-insegnavano un tempo,sic et simpliciter,nella Chiesa..Noto,guarda il caso,che il card.Burke,le due volte che ho avuto la gioia di vederlo di persona alle Marce per la Vita,aveva sempre in mano la corona e recitava con molta semplicità il S.Rosario.Un cardinale CATTOLICO...che bella cosa.La Vergine protegga tutti i pastori fedeli,e converta presto gli altri,i cui nomi sono scritti ab eterno nel Libro della Vita...Per chi abbandona la Verità,non vale forse la Parola di Dio? "Figlioli,questa è l'ultima ora.Come avete udito che deve venire l'anticristo,di fatto ora molti anticristi sono apparsi.Da questo conosciamo che è l'ultima ora.Sono usciti di mezzo a noi, ma non erano dei nostri;se fossero stati dei nostri, sarebbero rimasti con noi;ma doveva rendersi manifesto che non tutti sono dei nostri." (1Gv 2, 18)

Anonimo ha detto...

Mi fa solo male, ma tanto tanto , vedere come viene
" impapocchiato " uno pseudo/ servizio televisivo che non serve a nessuno se non a coloro il cui unico scopo e' la dissoluzione della Chiesa Cattolica e naturalmente , figurarsi se si fanno scrupolo di "usare" come testa d'ariete un principe della Chiesa ( forte nella fede e nella dottrina )quale e'
Mons.Burke ..! Mi sale alle labbra un giudizio salace verso questi di F2 ma ..(mmhhhh!!)lo ricaccio immediatamente .
NSGC ci ha detto di non giudicare . Va bene ,lo sostituiro' con un'Ave Maria .

Rr ha detto...

Ma di che vi meravigliate? In Francia l' anti cattolicesimo e' moneta sonante da almeno due secoli e mezzo, se non tre. E la Massoneria la fa da padrona. Ma guai a parlar male dell' Islam e degli Ebrei. Si perdono posti, carriere e libertà', oktre che un sacco di soldi.
Rr
PS: Anonymous, non so perché' usano quasi sempre nomi femminili, magari sono donne vere

Rr ha detto...

OT: a Colonia, nel Duomo, e' stato concesso ad una soldatessa musulmana, con tanto di velo in testa, di pregare Allah ed il suo profeta per la salute dei soldati e dei poliziotti durante laMessa tradizionalmente celebrata per le Forzearmate. Il tutto alla presenza dell' Arcivescovo Woelki.
La dhimmitudine sta facendo passi da gigante.
Rr

Cattolico ha detto...

Evidentemente, cara Rr, quello non era un arcivescovo, ma un servo del nemico infiltrato ella Chiesa, assieme a tanti suoi degni compari. Propongo la lettura della cd "tesi di Coroniti" (Antonio Coroniti, si trova facilmente sul web). a molti può non piacere, ma almeno non è prigioniero del conformismo, né politically correct, dice pane al pane, specialmente per quanto riguarda l'attuale gerarchia (totalmente inaffidabile, cattolicaemente parlando).

LUCIANO ha detto...

LETTERA APERTA A BERGOGLIO

http://www.agerecontra.it/public/press40/?p=14072&cpage=1


Luisa ha detto...

Diversi articoli interessanti sul blog di Béatrice.

Riporto qui la reazione di Padre John Zuhlsdorf sul suo blog, dopo l`intervista del card. Burke alla tv francese, padre Z. non è né tradi né nemico di Bergoglio...

http://wdtprs.com/blog/2015/02/when-would-we-have-to-resist-the-pope-wherein-fr-z-rants/

http://benoit-et-moi.fr/2015-I/actualites/quand-devrions-nous-resister-au-pape.html

San Bellarmino nel suo De Romano Pontifice:

"Comme il est légitime de résister au pape qui attaque le corps, il est également légitime de résister à celui qui attaque l'âme ou dérange l'ordre public, ou qui, surtout, essaye de détruire l'Eglise. J'affirme qu'il est légitime de lui résister en ne faisant pas ce qu'il ordonne et en empêchant que sa volonté soit mise en exécution."

Marius ha detto...

Caro Cattolico, mi meraviglia che Lei consigli di attingere a Coroniti solo perché non è prigioniero del conformismo e usa parole forti nei confronti di certa gerarchia.
A noi cattolici infatti non basta essere anticonformisti, ma è la verità tutta intera che ci preme. Non voglio negare che Coroniti abbia l'intenzione di ricercarla, ma il suo modo di predisporre il futuro della Chiesa sembra mettere in secondo piano l'opera della Provvidenza che agisce e agirà secondo i suoi insondabili disegni, mentre a noi sta il compito di vivere al meglio il presente vigilando continuamente sui segni dei tempi.
Scusi se dovessi aver travisato il Suo pensiero.

Luisa ha detto...

Ancora una riflessione,a mio avviso interessante, sulla resistenza al papa:

http://thatthebonesyouhavecrushedmaythrill.blogspot.co.uk/

e qui in francese tradotto da Béatrice.

http://benoit-et-moi.fr/2015-I/actualites/resistance.html

Riporto solo questo passaggio:

"Noi dobbiamo fedeltà al Sovrano Pontefice che, indipendentemente dai suoi doni, i suoi talenti, o la sua personalità, non dovrebbe mai, in virtù della Persona divina al posto del quale si trova, mettere i fedeli in una posizione tale che sentono che devono scegliere fra l`insegnamento di Cristo e l`insegnamento del papa."

Cattolico ha detto...

Grazie, caro Marius, concordo con lei: il mio è stato un po' uno sfogo incontrollato; certe volte, quando non si sa come opporsi al vento di tempesta, si cerca riparo dove capita. Coroniti è solo uno dei tanti autori antimodernisti che ho letto, creandomi un'ampia antologia di pensatori antimodernisti (a decine, oltre 2000 pagg raccolte e fascicolate, dalle origini del modernismo ad oggi). Un autore che, invece, mi piace molto è Quirino Maestrello (pittore e saggista veneto) con il suo saggio "Autodemolizione della Chiesa Cattolica", recentemente pubblicato in volume da Radio Spada. Lo segnalo perché è proprio illuminante sulla bellezza della Tradizione Cattolica. Un caro saluto.

gianluca ha detto...

Il cardinale Burke e' un santo e vive nel pieno della sua situazione di cardinale la sua vita di vescovo. Si oppone all'eresia e dice che resistera', USCQUE AD EFFUSIONEM SANGUINIS, fino a dare la sua vita per la VERA CHIESA DI CRISTO RE DEL MONDO.