domenica 3 maggio 2020

Il ritorno di Ratzinger: “Nozze gay e aborto segni dell’Anticristo”

Ancora una volta LifeSiteNews è in prima linea nel segnalare eventi che vedono come protagonista Joseph Ratzinger. In questo caso si tratta di una nuova biografia di Benedetto XVI di prossima pubblicazione  (per l'Italia qui), in cui egli parla esplicitamente del “potere spirituale dell’Anti-Cristo” presente in una certa mentalità molto diffusa oggi. 
Di seguito, la nostra traduzione completa dell'articolo con i link a tutti i riferimenti citati. Lo segnaliamo, pur nella consapevolezza che con quanto sta succedendo (mi limito a menzionare la pachamama, che basta e avanza ma l'elenco sarebbe kilometrico) diventa un discorso selettivo con molte omissioni. 
Approfitto dell'occasione per ricordare le precedenti 'uscite dal recinto di Pietro' di Joseph Ratzinger, a partire dalla più recente:
  • Sarah-Ratzinger: polemiche e risposte. Il libro non è un falso [qui]
  • Sarah-Ratzinger. Una bomba dopo l'altra, la bagarre aumenta [qui]
  • Giallo in Vaticano sulla firma di Ratzinger. Smentite documentate del card. Sarah [qui]
  • Benedetto XVI rompe il silenzio: «Non posso tacere». Sinodo Amazzonico e celibato sacerdotale [qui]
  • Significativa riedizione di scritti di Ratzinger sulla “Cultura Occidentale”
  • Alla Commissione teologica internazionale [qui]; 
  • La sua preghiera per la diocesi di Eisenstadt [qui]; 
  • Ai nuovi cardinali: il valore della fedeltà al Papa [qui]; 
  • Appunti su: La Chiesa e lo scandalo degli abusi sessuali [qui] - Gli Appunti correggono Amoris Laetitia [qui]; 
  • Intervento sulla conversione degli ebrei [qui] e mie puntualizzazioni [qui]; 
  • Smentita di Edoardo Viganò sulla prefazione ai volumetti di Bergoglio [qui]; 
  • Parole di saluto per la Messa da requiem per il Cardinale Joachim Meisner nella cattedrale di Colonia [qui]; 
  • Assist al card. Sarah: «Con il Card. Sarah la Liturgia è in buone mani» [qui]; 
  • Discorso nel 65esimo anniversario della sua ordinazione sacerdotale [qui]

Il ritorno di Ratzinger: “Nozze gay e aborto segni dell’Anticristo”

L'uscita dell'autorevole biografia di oltre 1.000 pagine, dal titolo: Benedikt XVI: Ein Leben (in tedesco) e Benedetto XVI. Una vita (Italiano) è prevista in tedesco il 4 maggio e in inglese il 17 novembre. LifeSiteNews ne ha ottenuto una copia in anteprima. Seewald ha scritto diversi libri con Benedetto e ha già pubblicato un libro di interviste autobiografiche con l'ex Papa.
[Traduzione del brano in cui Benedetto parla della fede anticristica moderna]
Una frase della Sua omelia nel corso della messa d’inizio pontificato è rimasta particolarmente memorabile: «Pregate per me, perché non fugga davanti ai lupi.» Aveva già previsto tutto ciò che avrebbe dovuto affrontare?
Anche qui devo dire che si tende a ridurre troppo la portata di quanto può incutere timore a un Papa. Naturalmente questioni come «Vatileaks» sono deplorevoli e, soprattutto, incomprensibili e causa di grande turbamento per gli uomini del mondo intero. Ma la vera minaccia per la Chiesa e quindi per il ministero petrino non è posta in questi dettagli, ma nella dittatura mondiale di ideologie apparentemente umanistiche, contraddicendo le quali si resta esclusi dal consenso sociale generale. Cento anni fa, chiunque avrebbe considerato assurdo parlare di matrimonio omosessuale. Oggi chi vi si oppone viene scomunicato dalla società. Lo stesso accade per l’aborto e la procreazione in laboratorio di esseri umani. La società moderna sta enunciando un Credo anticristico, cui non ci si può opporre senza essere puniti con la scomunica sociale. È quindi più che naturale temere questa forza spirituale dell’Anticristo e veramente occorre l’aiuto della preghiera di un’intera diocesi e della Chiesa universale per opporvi resistenza. (Da: “Benedetto XVI: Ein Leben”, pag. 1074 testo originale )
[...] Per questo libro, Seewald ha intrattenuto numerosi colloqui con papa Benedetto e col suo segretario personale, l'arcivescovo Georg Gänswein. In allegato al nuovo libro, Seewald ha pubblicato le risposte di Papa Benedetto sotto il titolo: "Le ultime domande a Benedetto XVI". Queste domande, ha spiegato l'autore, erano state inviate a Benedetto nell'autunno del 2018 dopo "numerose interviste". Molte sono rimaste senza risposta, ma quelle a cui Benedetto ha risposto si trovano in questo allegato.

Alla domanda sull'affermazione, spesso ripetuta, secondo cui durante il suo pontificato ha incontrato "molti blocchi" da parte della Curia romana, Papa Benedetto ha risposto:  “L’ostruzionismo veniva più dall’esterno che dalla Curia. Non volevo promuovere prima di tutto e semplicemente promuovere la purificazione nel mondo ristretto della Curia, ma nella Chiesa nel suo insieme”. Chiarendo ulteriormente il suo pensiero, ha aggiunto che “nel frattempo gli eventi hanno dimostrato che la crisi della Fede ha portato anche e soprattutto a una crisi dell’esistenza cristiana”. Questo, ha continuato, è ciò che “il Papa deve avere davanti agli occhi”.

È in questo contesto che Benedetto menziona l' "Anti-Cristo".
“Prima della venuta di Cristo, la Chiesa passerà attraverso una prova finale che scuoterà la fede di molti credenti. La persecuzione che accompagna il suo pellegrinaggio sulla terra svelerà il «mistero di iniquità» sotto la forma di una impostura religiosa che offre agli uomini una soluzione apparente ai loro problemi, al prezzo dell’apostasia dalla verità. La massima impostura religiosa è quella dell’Anti-Cristo, cioè di uno pseudo-messianismo in cui l’uomo glorifica se stesso al posto di Dio e del suo Messia venuto nella carne.”
Tanti hanno parlato della figura dell’Anti-Cristo, tra questi il beato arcivescovo Fulton Sheen, nei suoi libri e sermoni, uno di questi ripreso dalla radio nel 1947. Ma anche il Card. Giacomo Biffi in una sua notevole relazione tenuta al Meeting di Rimini il 28 agosto 1991.
A tal proposito, Fulton Sheen dice:
L'Anticristo non si chiamerà così; altrimenti avrebbe seguaci. Egli non indosserà calze rosse, né vomiterà zolfo, né porterà un tridente né una coda come Mefistofele nel Faust. Questo per aiutare il Diavolo a convincere gli uomini che egli non esiste. Quando l'uomo lo nega, diventa più potente.
Da nessuna parte della Sacra Scrittura troviamo garanzie per il mito popolare del Diavolo come un buffone... Piuttosto è descritto come un angelo caduto dal cielo, come “il principe di questo mondo”, il cui compito è quello di dirci che non c’è la vita eterna. La logica di Satana è semplice: se non c’è cielo non c’è inferno; se non c’è inferno, allora non c’è peccato; se non c’è peccato, allora non c’è nessun giudice, e se non c’è giudizio allora il male è bene e il bene è male. Ma al di sopra di tutte queste descrizioni, Nostro Signore ci dice che sarà così simile a Lui stesso che ingannerebbe anche gli eletti – e certamente nessun diavolo mai visto nei libri illustrati potrebbe ingannare anche gli eletti.
Come verrà in questa nuova era per conquistare seguaci alla sua religione? La credenza russa pre-comunista è che verrà travestito da Grande Umanitario; parlerà di pace, prosperità e abbondanza non come mezzo per condurci a Dio, ma come fine a se stessi.
Questa è la tentazione di avere una nuova religione senza la croce, una liturgia senza un mondo a venire, una religione per distruggere una religione, o una politica che è una religione, che rende a Cesare anche le cose che sono di Dio. In mezzo a tutto il suo apparente amore per l’umanità e al suo glorioso parlare di libertà e di uguaglianza, avrà un grande segreto che non dirà a nessuno: non crederà in Dio.
Poiché la sua religione sarà la fratellanza dell’Uomo senza la paternità di Dio, ingannerà anche gli eletti. Egli creerà una contro-chiesa che sarà la scimmia della Chiesa, perché lui, il Diavolo, è la scimmia di Dio. Avrà tutte le note e le caratteristiche della Chiesa, ma al contrario e svuotato del suo contenuto divino. Sarà un corpo mistico dell’Anti-Cristo che in tutte le esteriorità cercherà di assomigliare al corpo mistico di Cristo.... Nel disperato bisogno di Dio, indurrà l'uomo moderno, nella sua solitudine e frustrazione, a desiderare sempre di più l'appartenenza alla sua comunità che darà all'uomo un ampliamento di intenti, senza bisogno di emendamenti personali e senza l'ammissione della colpa personale. Sono giorni in cui al diavolo è stata data una corda particolarmente lunga.
I commenti di Benedetto potrebbero rappresentare la sua più forte condanna della dittatura del relativismo morale e dell'agenda LGBT che è stata ripetutamente contrastata da altri leader cattolici di alto rango come, tra gli altri, il cardinale Robert Sarah [qui], il cardinale Gerhard Müller [qui], il cardinale Raymond Burke [qui - qui]  e il cardinale Walter Brandmüller [quiqui], oltre al vescovo Athanasius Schneider [qui].

È in un discorso dell'aprile 2005, poco prima della sua elezione al papato, che l'allora cardinale Joseph Ratzinger ha introdotto il termine "dittatura del relativismo" [Missa pro eligendo Pontifice qui]. In quell'occasione disse ai suoi colleghi cardinali che “oggi avere una fede chiara, secondo il Credo della Chiesa, viene spesso etichettato come fondamentalismo. Mentre il relativismo, cioè il lasciarsi portare “qua e là da qualsiasi vento di dottrina”, appare come l’unico atteggiamento all’altezza dei tempi odierni. Si va costituendo una dittatura del relativismo che non riconosce nulla come definitivo e che lascia come ultima misura solo il proprio io e le sue voglie”. Contro questo relativismo, ha osservato, sta Gesù Cristo e dichiarato: “Noi, invece, abbiamo un’altra misura: il Figlio di Dio, il vero uomo. È lui la misura del vero umanesimo.”.

Nel 2017, in occasione del funerale del cardinale Joachim Meisner, Benedetto ha elogiato il cardinale "dubia" per aver vissuto una "profonda convinzione che il Signore non abbandona la sua chiesa, anche quando la barca ha preso tanta acqua da essere sull'orlo del ribaltamento. " [qui
La Chiesa, ha affermato in quel momento Benedetto, “ha bisogno di pastori che sappiano resistere alla dittatura dello spirito del tempo e vivere e pensare con decisione in conformità con la fede".
[Traduzione a cura di Chiesa e post-concilio]

56 commenti:

Anonimo ha detto...

Occorre essere chiari: rinchiudere nell’ambito del dibattito tra fazioni o componenti “cattoliche” il tema dei valori è il più grande regalo che si può fare al progetto di “nuovo ordine mondiale”.

Favorire una visione che contrappone nuova a vecchia moralità è una forma di legittimazione del meccanismo di creazione della nuova dittatura.

Le IDEOLOGIE ( gender, droga libera, immigrazionismo, internazionalismo…) sono STRUMENTI (violenti) DEL FASCISMO in costruzione. Non sono temi  e battaglie “ dei e per i cattolici”.

L’”anticristo” ha nomi e cognomi oggi, qui. Ratzinger li conosce ma non li nomina  come li conoscono tutti quelli che non fanno finta di non vedere (personalmente li ho detti mille volte)

Sentirsi soddisfatti delle parole di Ratzinger è un buon modo per continuare a pestare l’acqua del mortaio.

Cordiali saluti.
Paolo Montagnese

p.s. è sano e lucido dopo tutti questi anni, perché ha lasciato? Non aveva accettato l’elezione come sacrificio usque ad mortem?

Anonimo ha detto...

E' stato un ricatto e lui "liberamente" ha evitato di mettere a repentaglio milioni di altri, facendo un passo di lato e confidando in Dio. In questi anni non ha mancato di aiutare il gregge, senza mai mancare di rispetto ai pastori in carica. Assai dubbio il viceversa...

Anonimo ha detto...

Mio Signore e mio Dio riusciremo a diventare come Tu ci vuoi ?
E' difficile !
Forse ci potremo avvicinare alla Tua somiglianza solo se ricorreremo alla Tua Mamma con fiducia , come piccoli bambini

Unknown ha detto...

Le forze orrende che guidano l attuale anima mundi il fascismo lo ridussero in cenere smettiamola di fomentare le menzogne

Catholicus ha detto...

Articolo imperdibile: fantapolitica? magari... :
http://www.unavox.it/ArtDiversi/DIV3539_Belchi_Covid-19_e_verita.html

Anonimo ha detto...

https://www.corriere.it/cronache/20_maggio_03/ritorno-ratzinger-nozze-gay-aborto-segni-dell-anticristo-9d6caf2a-8d16-11ea-876b-8ec8c59e51b8.shtml

Stesso titolo e ripresa brani dal Corriere....

Catholicus ha detto...

Adesso è chiaro perché continuano a bombardarci con il mantra “Nulla sarà più come prima”, da TV, giornali, riviste, radio e persino dal pulpito (alla messa di stamane dal Divino Amore, a Roma, la preghiera dei fedeli chiedeva l’aiuto del Signore affinché ci abituiamo ad accettare i cambiamenti che si prospettano in futuro…). Lo prevede il loro piano segreto, anche se non più tanto segreto: dalla pandemia alla geolocalizzazione umana tramite l’App Immuni, al vaccino ottenuto prodotto con feti umani abortiti, con formaldeide, mercurio e tanti altri bei virus pronti a scatenarsi alla bisogna (cosa rivelata da una ricerca della Marina USA: i marines vaccinati contro l’influenza avevano in corpo una serie di virus molto pericolosi, pur essendo giovani e forti), al microchip sottocutaneo gestito dalla rete 5G, ufficialmente per proteggerci da future pandemie e per eliminare l’uso del contante (possibile veicolo di contagio), ma utilizzabile per ridurre l’umanità intera alla stregua di una mandria di bestiame, bestie da soma da far lavorare per lorsignori (e se qualcuno si ribella, basterà premere un pulsante per ridurlo come un pollo arrosto…).
Sul lato religioso la falsa chiesa bergogliana, braccio ecclesiastico del nuovo cesaropapismo luciferino, si passa prima dalla protestantizzazone della Chiesa Cattolica (Unitatis Reintegratio e il “subsistit in” di Lumen Gentium 8/b), contemporaneamente alla sua comunistizzazione con finto pauperismo, poi dalla religione del libro, fusione delle tre religioni monoteiste (Nostra Aetate, il tempio del Dio Unico, a Berlino), quindi al neopaganesimo sciamanico idolatra, con la Pachamama ed il Priapo, ed infine all’intronizzazione dell’Anticristo, all’adorazione di Lucifero, che vuol sostituire Cristo alla guida degli uomini.
… e voilà., ecco servito il NWO, il Nuovo Ordine Mondiale.

E.P. ha detto...

Ho letto l'articolo infuriato del moderato Cascioli, che tutto si chiede tranne questo: come mai nessuno ha pensato al Rito della Comunione fuori dalla Messa?

Anonimo ha detto...

DIO DI CLEMENZA DIO SALVATOR

1) Pieta, Signor, del nostro patrio suolo!
Noi ti preghiam ai pie' del Santo Altar!
La patria nostra a te si volge in duolo:
a te la prece ascende e il sospirar.

RIT. DIO DI CLEMENZA, DIO SALVATOR,
SALVA L'ITALIA NOSTRA PER IL TUO SACRO CUOR!

2) Pietà, Signor! Per tanta cieca gente
che di sue glorie sacre or scempio fa;
dei peccatori tu muta il cor, la mente,
e al mondo dona pace e libertà. RIT.

3) Pietà, Signor! Son cento spose sante
che nel dolor ti chiedono mercè;
son cento madri che fra pene tante
volgon lo sguardo lacrimoso a te. RIT.

4) Pietà, Signor! Son pargoli innocenti
che le lor mani tendono al tuo Cuor;
noi qui per tutti t'invochiam fidenti
mostraci un raggio del tuo santo amor. RIT.

5) Pietà, Signor, di tanta quieta gente,
che il Nome tuo non cessa d'insultar!
Noi qui veniam, col mesto cuor dolente,
il perdon tuo per tutti ad implorar. RIT.

6) Pietà, Signor! Sul suo Calvario in pianto
di Chiesa santa geme il gran Pastor!
Deh! Tu conforta il nostro Padre Santo
con un trionfo pari al suo dolor. RIT.

7) Pietà, Signor! Per il tuo Cuore istesso,
fonte ed altar d'eterna carità,
di nostre colpe il miserando eccesso
non scemi l'onda della tua bontà. RIT.

RIT. DIO DI CLEMENZA, DIO SALVATOR, DEH SALVA IL POPOL NOSTRO PEL TUO SACRO CUOR!

https://www.youtube.com/watch?v=9sOdOfDS4lU&feature=emb_logo

Anonimo ha detto...

"e' sano e lucido...perché ha lasciato?"

Ce lo chiediamo tutti io penso.
Avevo letto non so dove che i Cardinali gli avevano promesso di votare Scola, tanto che , sparsasi la voce, i milanesi si erano organizzati per festeggiare.
Poi l'hanno buggerato votando l'attuale Francesco.
Se è vero, ogni responsabilità cade sul Collegio cardinalizio che ora tace zitto.





Rr ha detto...

Tra i fissati col fascismo e quelli che continuano con la fola dei militari Americani ammalatisi - e questo dopo che la sottoscritta si è presa la briga di tradurre le conclusioni del lavoro originale- stiamo scadendo sempre più in basso.
Ma non dovremmo essere quelli della “fides et RATIO” ?

Rr ha detto...

Sarà un modernista, ci avrà abbandonato, ma vivaddio come scrive, come spiega, com’e’ chiaro.
Se non per l’anima, fa sicuramente bene all’intelletto.

Anonimo ha detto...

Dunque,
la CEI stava dando segni di vita ma pare sia stata fermata dal papa che appoggia la linea Conte.
È VERO?

mic ha detto...

Ma come si fa, bisogna essere ciechi per non vedere! È davvero intollerabile... sempre peggio!

Adesso al TG 1 Bergoglio invoca il vaccino e l'unità di preghiera delle religioni.
E, dall'articolo: "Infine il Papa ha rilanciato la proposta dell’Alto Comitato per la Fratellanza Umana affinché «il prossimo 14 maggio i credenti di tutte le religioni si uniscano spiritualmente in una giornata di preghiera e digiuno, per implorare Dio di aiutare l’umanità a superare la pandemia di coronavirus»."

https://www.google.it/amp/s/www.lastampa.it/vatican-insider/it/2020/05/03/news/il-papa-prega-per-un-vaccino-anti-covid-mettere-insieme-capacita-scientifiche-in-modo-trasparente-e-disinteressato-1.38798297/amp/

Anonimo ha detto...

Conte e Bergoglio vengono dallo stesso ambiente. Il card. Silvestrini della Mafia di San Gallo promosse l'uno come papa, l'altro come primo ministro e guarda caso ora si ritrovano a comandare nello stesso momento.
Nello stesso giorno uno accetta i vaccini da Bill Gates, l'altro promuove la preghiera interreligiosa per "curare il pianeta" convocando l'Alto Comitato per la Fratellanza Umana.
Inizia così la fase due, la loro.
La mia sarà difendermi da questa setta demoniaca che ci comanda.
E quando dico difendermi non intendo con i post su Facebook intendo fisicamente.

Pietro (NON del Cammino) ha detto...

Sicuramente questa biografia di Benedetto XVI darà molto fastidio ai progressisti.
Ma se fosse vero che sono aderenti alla Tradizione, come dicono, perché dovrebbero essere infastiditi?
Le pratiche sodomitiche e simili, non sono forse condannate dalla Tradizione? Figurarsi se riconosciute come un matrimonio!
E l'aborto, che il Vaticano II definisce come "abominevole delitto", non è sempre stato condannato dalla Chiesa?

Se il solo parlare di cose che dovrebbero essere SCONTATE per i cattolici, come la bestialità della sodomia e dell'aborto, manda in bestia i progressisti, vuol dire che il loro vero fine è quello di costituire una chiesa modernista e senza Cristo.
Non dico che tutti i progressisti sono a questi livelli, ma molti sì.

Ugualmente se si parla di Fatima, che pure è un'apparizione RICONOSCIUTA dalla Chiesa: i progressisti non ci stanno.
Nonostante sia un'apparizione attuale, che si sta realizzando in questi tempi, la evitano.
Sarà perché parla degli errori che la Russia avrebbe sparso nel mondo (materialismo in salsa comunista)?
O perché dice che il maggior numero di anime che va all'inferno è a causa dei peccati contro l'impurità, mentre certi Vescovi progressisti permettono la Comunione ai conviventi impenitenti, anche omosessuali?

Silente ha detto...

Mi piacerebbe tanto che chi ha scritto, qui sopra al primo post: "Le IDEOLOGIE ( ) sono STRUMENTI (violenti) DEL FASCISMO in costruzione." avesse la cortesia di spiegare razionalmente cosa c'entra il fascismo (in costruzione poi…) con le ideologie citate, visto che l'opposizione più ferma a "gender, droga libera, immigrazionismo, internazionalismo…" viene proprio da quel mondo da alcuni definito "fascista".
Silente

Anonimo ha detto...

Chi è l'Alto comitato per la Fratellanza Umana.... ? Chi lo ha istituito? Signore e signori Vi presento la chiesa unica del Nuovo Ordine Mondiale. NWO

Rr ha detto...

Silente,
purtroppo non si può fare qui come su FB,”bloccando” l'autore. Io lo farei molto volentieri, ma non c’è L’opzione qui.
CI stiamo avviando a grandi passi verso il Nuovo Ordine Mondiale , una URSS riveduta e corretta e mondiale, e stanno ancora a parlare di fascismo.
Sono proprio patologici.

Rr ha detto...

L’Alto Comitato per la Fratellanza Mondiale ?
Ma è vero o è una battuta ?
Perché se è vero, neanche i massoni delXVIII secolo avrebbero inventato un nome così ridicolo.

Anonimo ha detto...

Vorrei Silente capusse che oggi gli antifascisti sono i veri fascisti in quanto mirano a instaurare un regime totalitario e che questo regime è in costruzione.

Anonimo ha detto...

"Il prossimo 14 maggio i credenti di tutte le religioni si uniscano spiritualmente in una giornata di preghiera e digiuno, per implorare Dio"

NON è possibile pregare insieme -quindi avere comunione nella preghiera- con chi NON è in comunione nella Fede.

Tutti abbracciati insieme ad aspettare l'Anticristo.

Mi viene in mente in salmo 13

Lo stolto pensa: “Dio non c'è”.
Sono corrotti, fanno cose abominevoli:
non c'è chi agisca bene.

Il Signore dal cielo si china sui figli dell'uomo
per vedere se c'è un uomo saggio,
uno che cerchi Dio.

Sono tutti traviati, tutti corrotti;
non c'è chi agisca bene, neppure uno.

Non impareranno dunque tutti i malfattori,
che divorano il mio popolo come il pane
e non invocano il Signore?

Ecco, hanno tremato di spavento,
perché Dio è con la stirpe del giusto.

Voi volete umiliare le speranze del povero,
ma il Signore è il suo rifugio.

Chi manderà da Sion la salvezza d'Israele?
Quando il Signore ristabilirà la sorte del suo popolo,
esulterà Giacobbe e gioirà Israele.

mic ha detto...

"Il prossimo 14 maggio i credenti di tutte le religioni si uniscano spiritualmente in una giornata di preghiera e digiuno, per implorare Dio"

Lo denunciavo qui

Un pontificato improntato ad un clericalismo politicante dagli orientamenti anticristici
https://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2020/01/un-pontificato-improntato-ad-un.html

mic ha detto...

Quanto a Ratzinger, lan più centrata allusione alla crisi attuale è qui:

"Tuttavia la vera minaccia per la Chiesa e quindi per il ministero petrino non sta in queste cose, bensì nella dittatura mondiale di ideologie apparentemente umanistiche, contraddire le quali significa l’esclusione dal consenso sociale fondamentale."

Episcopus ha detto...

Oggi in Italia la Chiesa sembra il braccio destro del Governo nelle sue espressioni antidemocratiche, per no parlare dell'inversione dell'etica. Eppure non bisogna andare molto indietro nel tempo per scoprire che i vertici cattolici non sono sempre stati d’accordo, oltre che su alcuni principi non negoziabili anche sulle vaccinazioni.

Nel 1997 il Cardinale Ratzinger, che otto anni dopo sarebbe diventato Papa, firmava la prefazione a un libro di Michel Schooyans che, per chi non lo conoscesse:

«è un filosofo, teologo e presbitero belga dell’arcidiocesi di Malines-Bruxelles. È anche professore presso l’Université Catholique de Louvain, visiting professor in varie università americane, ex professore presso l’Università Cattolica di San Paolo. Schooyans ha scritto molti libri di filosofia politica e ha condotto numerose missioni nel Terzo mondo. È membro della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali del Vaticano, del Royal Institute of International Relations a Bruxelles, dell’Institut national d’études démographiques a Parigi e del Population Research Institute di Washington».

Nel 2000 è uscito in Italia, per San Paolo Edizioni, il suo libro Nuovo disordine mondiale. La grande trappola per ridurre il numero dei commensali alla tavola dell’umanità, che oggi, purtroppo, è fuori catalogo.
Ne parlavamo qui:
http://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2016/06/michel-schooyans-nuovo-disordine.html

Solitamente, quando si accetta di scrivere la prefazione a un’opera, si è d’accordo con i contenuti che quell’opera espone. E la bella prefazione di Ratzinger al testo di Schooyans non sembra fare eccezione. Citiamo le parole dell’uomo che oggi è Papa emerito (la versione completa la potete trovare sul sito ratzinger.us):

«QUESTI TENTATIVI [DI COSTRUIRE IL FUTURO] STANNO ASSUMENDO UNA CONFIGURAZIONE SEMPRE PIÙ DEFINITA, CHE VA SOTTO IL NOME DI NUOVO ORDINE MONDIALE; TROVANO ESPRESSIONE SEMPRE PIÙ EVIDENTE NELL’ONU E NELLE SUE CONFERENZE INTERNAZIONALI».

Il Nuovo Ordine Mondiale, perseguito da potenti organizzazioni internazionali come l’ONU, l’Organizzazione delle Nazioni Unite, e come l’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, che è un’agenzia speciale dell’ONU, si occupa anche del problema demografico. Il Cardinale Ratzinger spiega:

«QUESTA FILOSOFIA […] PROPONE DELLE STRATEGIE PER RIDURRE IL NUMERO DEI COMMENSALI ALLA TAVOLA DELL’UMANITÀ, AFFINCHÈ NON VENGA INTACCATA LA PRETESA FELICITÀ CHE TALUNI HANNO RAGGIUNTO. LA PECULIARITÀ DI QUESTA NUOVA ANTROPOLOGIA, CHE DOVREBBE COSTITUIRE LA BASE DEL NUOVO ORDINE MONDIALE, DIVENTA PALESE SOPRATTUTTO NELL’IMMAGINE DELLA DONNA».

In alcuni passaggi il Papa emerito è stato profetico, considerando che la teoria gender è divenuta famosa solo negli ultimi anni e di certo nel 1997 nessuno ne aveva mai sentito parlare:

«LA DONNA DEVE ESSERE LIBERATA, IN MODO PARTICOLARE, DA CIÒ CHE LA CARATTERIZZA, VALE A DIRE DALLA SUA SPECIFICITÀ FEMMINILE. QUEST’ULTIMA VIENE CHIAMATA AD ANNULLARSI DI FRONTE AD UNA “GENDER EQUITY AND EQUALITY”, DI FRONTE AD UN ESSERE UMANO INDISTINTO ED UNIFORME».

Quindi la sfemminilizzazione come strumento per il controllo demografico? Sì, ma non solo. Più avanti Ratzinger cita il capitolo 6 del libro:

«COME PUÒ UN’IDEOLOGIA LUGUBRE, CHE RACCOMANDA LA STERILIZZAZIONE, L’ABORTO, LA CONTRACCEZIONE SISTEMATICA E PERSINO L’EUTANASIA COME PREZZO DI UN PANSESSUALISMO SFRENATO, RESTITUIRE AGLI UOMINI LA GIOIA DI VIVERE E LA GIOIA DI AMARE?».

Episcopus ha detto...

...segue
A pagina 256 l’autore rincara:

«DISASTROSI PER LA DONNA E, OVVIAMENTE, PER IL BAMBINO CONCEPITO SONO ANCHE I PREPARATI CHIMICI ABORTIVI E I VACCINI ANTIGRAVIDANZA».

Il Cardinale Ratzinger era a conoscenza di queste squallide pratiche e, firmando la prefazione a un’opera del genere, le condannava duramente. Invece oggi sembra che la Chiesa non si ponga più tanti problemi, almeno in Italia.

Eppure ci sarebbero buoni motivi per credere che la sperimentazione che già due decenni fa veniva portata avanti in vari paesi del mondo, all’insaputa dei vaccinati, sarebbe potuta arrivare anche in Italia, almeno a giudicare dai dati che riguardano la sterilità e l’infertilità delle coppie.

La Stampa nel 2015, parlava del 30% delle coppie italiane che non riescono ad avere un figlio. Ma tranquilli, i vaccini non c’entrano niente, anzi ci salvano la vita dalle pericolosissime epidemie di varicella. Fidiamoci dell’OMS dei politici e della nuova Chiesa compiacente.

Anonimo ha detto...

Una giornata di preghiera mondiale da parte dei credenti di tutte le religioni.Ovviamente noi ci mettiamo le chiese,vero?Ha cominciato quel vescovo che ha fatto invocare Allah dal campanile altri seguiranno. Perché darsi tanto da fare affinchè costruiscano le loro moschee quando basta cedere loro le nostre chiese?Così i nostri eroi saranno in uscita nell'ospedale da camporella e loro non dovranno preoccuparsi di costruire le moschee.

Anonimo ha detto...

Ratzinger contrario ai vaccini?

Sapevate che Bill Gates, che ci specula non solo economicamente, non ha fatto vaccinare i suoi figli?

Josh ha detto...

https://youtu.be/K9nXd6bM7Lk

C'è benedizione e benedizione

Vigiliae Alexandrinae ha detto...

Anche qui: http://vigiliaealexandrinae.blogspot.com/2020/05/la-dittatura-mondiale-e-il-credo.html

Anonimo ha detto...

Mah , il Santo Padre ha un filo di voce , come si dice a Roma " se regge pe' scommessa " e non credo sia in grado di sostenere interviste anche brevi e poi c'e' sempre il filtro Gaenswein ( che non e' il segretario di Papa Wojtyła ) che ogni tanto lo fa uscire dal recinto ..

fabrizio giudici ha detto...

@rr
È veramente disarmante. Oltretutto la gente non capisce che a furia di spargere notizie farlocche non si fa che un favore ai padroni del vapore, perché si offrono occasiono d'oro ai "debunker" per screditare tutto il fronte scettico.


Le IDEOLOGIE ( gender, droga libera, immigrazionismo, internazionalismo…) sono STRUMENTI (violenti) DEL FASCISMO in costruzione. Non sono temi e battaglie “ dei e per i cattolici”.


Ero partito per commentare la seconda frase, ma le reazioni alla prima mi hanno fornito un ulteriore spunto. Per interpretare correttamente in senso lato la prima frase bisogna intendere "fascismo" nel senso lato di dittatura, perché se si va nel merito dei contenuti in tutta evidenza le citate ideologie stanno totalmente agli antipodi. Non voglio fare polemica sul caso terminologico in sé, ma notare come se si usano concetti intesi in contesti diversi invece di unire il fronte lo si divide.

Veniamo dunque all'ultima frase. Comprendo la necessità di allargare il fronte, dunque di coinvolgere dalla nostra parte anche chi cattolico non è, ma comprende cosa sta accadendo. Mi dico che da un lato va fatto, ma sempre più penso che dall'altro è controproducente. Non ho dubbi che ci saranno sempre persone non cattoliche in grado di comprendere il problema, ma dall'altro l'eccezionalità di questa crisi mi spinge a dire che dobbiamo convincerci che la guerra, dal punto di vista culturale, sarà cattolicesimo vs il resto del mondo. Questo, ripeto, non esclude che singole persone non cattoliche non la condivideranno, ma non fatevi illusioni sull'aspetto culturale. La cultura non cattolica di oggi non è più quella di due generazioni fa. È cambiato anche il campo di battaglia: fino a pochi anni fa era sul campo della famiglia e princìpi non negoziabili, dunque non c'erano problemi a ritrovarsi nel fronte p.es. un ateo o un evangelico. Ora la battaglia è s Cristo, quello vero, e sull'Eucarestia: e né l'ateo né l'evangelico stanno sullo stesso fronte. Credo che sia una questione che molti pro-life, per esempio non stanno cogliendo.

fabrizio giudici ha detto...

Se ho capito bene, la biografia supera abbondantemente le mille pagine. La cosa mi rende un po' perplesso, ma a parte quello che penso è evidente che ne verrà fuori materiale per settimane. Da quanto leggo su Katholisch.de (tradotto in inglese con Google), Ratzinger insiste sulla sostanzialità del suo titolo di "papa emerito", che avrebbe creato per l'occasione. Dunque all'epoca questa tesi non fu semplicemente una gaffe di Gaenswein.

https://www.katholisch.de/artikel/25380-benedikt-xvi-man-will-einfach-meine-stimme-ausschalten

Benedict XVI went extensively . on theological criticism of his resignation. He emphasized that the office he had created as an "emeritus pope" was comparable to that of a bishop who had resigned for reasons of age. This legal figure can also be applied to the Bishop of Rome, because "this legal-spiritual form avoids any thought of a coexistence of two popes: a bishopric can only have ONE owner. At the same time, a spiritual bond is expressed, which is in no way taken away can. " The former Pope further compared his present situation with that of an old farmer in Bavaria, who handed over the farm to his son, lives in the "Austrag-Haus" and has given up his fatherly rights.

Insiste anche con le motivazioni di salute per le proprie dimissioni. Come da attendersi, dice anche che è in grande amicizia con Francesco. Pare infine che ci sia un suo testamento, che sarà reso pubblico dopo la sua dipartita.

Anonimo ha detto...

Un testamento e un dossier custoditi in un caveau, da aprirsi rigorosamente dopo il ritorno alla casa del Padre, parla a voce bassa, ma chi ha avuto la fortuna di incontrarlo di recente dice che è informatissimo e lucido, certo fatica a reggersi in piedi, a molte domande inoltrate per iscritto da Seewald non ha dato risposta, più di 1.000 pagine, ma tanti sono anche 93 anni vissuti a quei livelli, condivido alla virgola quanto scritto da RR che saluto dalla mia cella di costrizione, R. si può amare, si può detestare, criticare anche ferocemente come hanno fatto alcuni sedicenti giornali/sti ieri, ma ragazzi scrive con una chiarezza e una limpidezza cristalline ed è sempre un piacere leggerlo, poi ognuno si esprima come crede, per me un grande. Lupus et Agnus.

Anonimo ha detto...

Traduzione di una parte del clamoroso articolo citato da Fabrizio Giudici :

Al contrario, verso la fine del suo mandato gli era apparso chiaro che, oltre alla possibile demenza, "sono possibili anche altre forme di insufficiente capacità di svolgere correttamente il suo incarico". In questo contesto, l'ex Papa ha rivelato che, come i suoi predecessori Paolo VI e Giovanni Paolo II, aveva firmato una dichiarazione di dimissioni condizionate "in caso di malattia che rendesse impossibile il corretto esercizio dell'ufficio". Joseph Ratzinger lo aveva già fatto "relativamente presto" nel suo pontificato iniziato nel 2005.

Benedetto XVI si è occupato in dettaglio delle critiche dei teologi alle sue dimissioni. L'ufficio di un "papa emerito" da lui creato di recente doveva essere paragonato a quello di un vescovo che si è dimesso per motivi di età, ha sottolineato. Questa figura giuridica potrebbe essere applicata anche al Vescovo di Roma, perché "questa forma giuridico-spirituale evita di pensare alla coesistenza di due Papi: un seggio episcopale può avere un solo titolare. Allo stesso tempo, esprime un legame spirituale che non può essere portato via in nessuna circostanza". Inoltre, l'ex Papa ha paragonato la sua situazione attuale a quella di un vecchio contadino bavarese, che ha dato la fattoria al figlio, vive negli "Austrags-Haus" e ha rinunciato ai suoi diritti paterni.

Anonimo ha detto...

Il giovane Ratzinger, il matrimonio e quel «regalo avvelenato» dello stoicismo al cristianesimo

https://www.lastampa.it/vatican-insider/it/2014/10/16/news/il-giovane-ratzinger-il-matrimonio-e-quel-regalo-avvelenato-dello-stoicismo-al-cristianesimo-1.35602786

fabrizio giudici ha detto...

Che scriva chiaramente non lo metto in dubbio. Continuano ad esserci contenuti che lasciano perplessi. Sono l'unico a trovare il paragone tra un "papa emerito" ed un ex proprietario di una fattoria totalmente assurdo? Lascio il beneficio del dubbio del fatto che stiamo leggendo articoli e non l'originale, per di più sono estratti forse senza sufficiente contesto.

PS Sostanza a parte, e lascio la questione a canonisti e teologi: ma come si fa a "istituire" la figura del "papa emerito" semplicemente con un gesto, senza scrivere un documento, un'enciclica, un qualcosa che giustifichi la questione in modo opportuno? Ricordo che lo stesso Ratzinger scrisse in un libro che qualora i pronunciamenti di un Papa non siano in modo ovvio coerenti con il Magistero è legittimo criticarli e chiederne conto. Qui parliamo di una figura come il "papa emerito", senza precedenti in quasi duemila anni.

Gederson Falcometa ha detto...

Il principale segno dell'Anticristo è la rimozione dello katechon. Secondo i Padri della Chiesa, il katechon sarebbe l'Impero Romano. Già San Tommaso dice che questo ostacolo è l'Impero Romano divenuto spirituale sotto la custodia del Romano Pontifice. Nella presente situazione vediamo chiaramente che l'ostacolo è stato pienamente rimosso. Tutto ciò che è nato con il Concílio è contro il katechon (a cominciare per l'idea dell'aggiornamento). La Chiesa come popolo di Dio suggerisce la democracia e adesso abbiamo due Papi che non sono custode nemmeno della tradizione della Chiesa.

fabrizio giudici ha detto...

No, scusate, ci ritorno sopra perché mi sembra tutto paradossale. Paragonare il papato alla proprietà di una fattoria è banalizzare il papato in modo incredibile. Non trovo nessuna chiarezza in ciò. E poi, la questione dell'atto di rinuncia preventivo: apprendiamo che anche GPII ne redasse uno, però abbiamo visto tutti cosa successe, eppure c'erano tutti i motivi per invocare l'infermità fisica. Non tornano un sacco di cose, altro che chiarezza.

Gederson Falcometa ha detto...

Fabrizio Giudici, me ricordo che come Papa Benedetto XVI ha spiegato durante la Messa in occasione del suo insediamento sulla Cattedra di Pietro, il 7 maggio 2005, ha detto "il potere conferito da Cristo a Pietro e ai suoi successori è, in senso assoluto, un mandato per servire. La potestà di insegnare, nella Chiesa, comporta un impegno a servizio dell’obbedienza alla fede. Il Papa non è un sovrano assoluto, il cui pensare e volere sono legge. Al contrario: il ministero del Papa è garanzia dell’obbedienza verso Cristo e verso la Sua Parola. Egli non deve proclamare le proprie idee, bensì vincolare costantemente se stesso e la Chiesa all’obbedienza verso la Parola di Dio, di fronte a tutti i tentativi di adattamento e di annacquamento, come di fronte ad ogni opportunismo".

La creazione del "Papato emerito" è fatta ex-nihilo. Questo tipo di atteggiamenti me fa dubbittare se lui è un rappresentante della religione del Dio che se è fatto uomo... o dell'uomo che se è fatto Dio.

Altra novità che appare ex-nihilo è il problema dell'ermeneutica della riforma nella continuità e quella della rottura. In tutta la storia della Chiesa mai è sucesso qualcosa simile. Inoltre a questa altra novità ex-nihilo, la mancanza di ulteriore passi verso la condannazione dell'ermeneutica della rottura suona che la Chiesa la riconosce e approva la sua esistenza.

Il libro l'Imitazione di Cristo ci insegna a considerare ciò che è stato detto, non chi ha detto. Oggi nella Chiesa quello che è detto non c'e più nessuna importanza, ciò che importa è quello che dice, in quanto quello che loro dicono sono eresie, peccati, bestemmia,ecc.

mic ha detto...

Concordo con Fabrizio e entrerò appena riesco maggiormente in dettaglio. Confermate le perplessità determinate dal testo non originale, in linea di massima da questi elementi Ratzinger sembra confermare l'ipotesi di una visione modernista del papato, avallata da una prassi senza riscontro teologico e canonico.

fabrizio giudici ha detto...

Io ovviamente di mio non sostengo niente, né ho gli strumenti per farlo: mi limito ad esprimere la mia perplessità nel leggere certe cose. Lascio la questione sospesa sia perché in questi giorni il tele-lavoro mi stressa molto più del lavoro normale, sia perché penso sia meglio attendere e leggere il contenuto reale: abbiamo già visto in passato che si ripete frequentemente lo schema "esce qualcosa di Ratzinger", "palate di commenti a caldo", "si scopre che in realtà ha detto cose un po' diverse".

Anonimo ha detto...

Parlare di tutte 'le stranezze' ha senso per dare una mano a chi sta aprendo gli occhi e si sente incredulo e smarrito; ha senso per dire a costoro che è vero ciò che vedono e ascoltano; ha senso per confermarli sulla giustezza del loro giudizio.
Altro senso non c'è.
Un commentatore ha sinteticamente scritto che abbiamo tre nemici: Bergoglio, Mattarella e Conte. E' passato il tempo in cui il Papa è stato anche Defensor Patriae.
Tempi lontani. Bergoglio è un altro che non riconosce l'Italia terra dei Padri, lui è cosmopolita, meglio è caospolita.

Anonimo ha detto...

In un'intervista in Germania in occasione dell'uscita del suo libro, il Papa emerito, 93 anni, afferma: "Non voglio analizzare i motivi per cui mi zittiscono, ma c'è in atto un'operazione di propaganda psicologica"
https://www.repubblica.it/vaticano/2020/05/04/news/l_accusa_di_ratzinger_mi_vogliono_silenziare_-255670392/

Pietro (NON del Cammino) ha detto...

Mi diceva un amico cattolico progressista: “Non è vero che la Chiesa di oggi è eretica. Dov’è che dice che è lecito convivere? O che l’inferno non esiste?”.
In effetti i Vescovi, anche quelli progressisti, in genere si guardano bene dall’insegnare eresie in modo evidente, ma spesso è come se le insegnassero, perché non difendono la fede e tollerano e favoriscono chi le eresie le insegna, come il generale dei Gesuiti padre Sosa. E questo è un modo di fare anticristico.
Una mentalità che sorge all’interno della Chiesa, così come Giuda è sorto dall’interno degli Apostoli.
Una mentalità che non solo promuove la pace universale in stile filantropico, ma che anche pretende di essere conforme alla Tradizione della Chiesa. Questo è l’inganno degli inganni.
Del resto i falsi messia che si sollevarono a più riprese contro l’Impero romano dicevano di rifarsi alle Scritture, solo ne avevano una percezione distorta.
Senza rinnegare la religione, volevano integrare lo spirito dell’ebraismo con una visione politica della missione del popolo di Israele.
Un po’ come avviene oggi nella Chiesa: non necessariamente i Pastori modernisti sono atei, ma semplicemente interpretano la Chiesa come un popolo che, però, riceve la sua missione e la sua forza non dall’alto, ma dal basso, dal popolo stesso.
Questo concetto non lo insegnano, perché non lo percepiscono come concetto, ma lo “sentono”, lo percepiscono e vivono psicologicamente e lo seguono come chi segue le passioni della carne.
Basta essere come Giuda Iscariota, che ha agito da “eretico” anche se non lo era, per la passione del denaro. O forse ha agito per denaro perché era diventato “eretico”.
Non so se la mia ricostruzione è giusta, forse no, ma so che occorre vegliare e pregare…

Pietro (NON del Cammino) ha detto...

Mi sono accorto che nel mio intervento precedente non ho tirato la conclusione. Rimedio subito.
In conclusione: se la società è anticristica buona parte della colpa è dei cristiani e dei Pastori che hanno tradito perché, come dimostra la storia stessa, se la Chiesa è lievito di bene per tutta la società, il Vangelo tradito è in qualche modo lievito di male. E’ un fatto che dalla ribellione luterana sono poi scaturite le peggiori ideologie, le più anti cristiane della storia.
Ma per essere "anticristi", i cristiani non necessariamente devono ribellarsi ufficialmente: basta il bacio di Giuda.
Basta che, pur schierandosi ufficialmente contro l’aborto e le “nozze” omosessuali, invece di indire una crociata (non violenta ma di preghiera e sensibilizzazione), i progressisti della Chiesa si alleino, culturalmente e politicamente, con chi è abortista e genderista.
Questo è tradire Cristo.
Ma non tutto è perduto: se Giuda si fosse pentito e fosse tornato a Gesù si sarebbe salvato. Spero lo facciano anche i progressisti.

Anonimo ha detto...

Però bisognerebbe chiedere a Benedetto XVI se la prossima riunione interreligiosa del 14 maggio, con Bergoglio e tutti gli altri leader religiosi a pregare non si sa quale dio, forse il Grande Architetto dell'universo, forse la Grande Madre, nello stile wojtyliano di Assisi 1986, non rientri anch'essa nei segni anticristici, con l'eguagliamento di tutti i credi e tutte le fedi. Se il pansessualismo liberal è senz'altro anticristico, che dire dell'ecumenismo relativista, massonico e teosofico?
E del mondialismo immigrazionista, la sua ricaduta pratica?
Martino Mora

Anonimo ha detto...

Divertente ma non troppo leggere i velenosi commenti di uomini e donne di grande cultura come cantanti, bloggers, deejays ed affini,e i commenti di quei decerebrati che li seguono.....a novembre uscirà in italiano, chi ha voglia di leggere le oltre 1.000 pagine lo legga, ci rifletta, poi esprima le sue opinioni gli articoli dei giornaloni fanno pena e non aggiungo altro.

Unknown ha detto...

L'unica cosa le avesse dette da papa! Ora dette da vescovo in pensione (si definisce così) che va' d'accordo e dice che il papa e' Bergoglio, che peso hanno le sue parole?

Unknown ha detto...

Oh un po' di onesta'. Si dichiara vescovo in pensione in grande amicizia con Francesco. D altronde Francesco, so' che vi disoiacera', ha detto chi sono io per giudicare un gay? FOSSE PURE UN PAPA (ndr brumatto insinua..).
MA SI E' SCHIERATO CONTRO L ABORTO E COMTRO LE NOZZE GAY e sapete perché? Perché porterebbe ad "avere" figli imho
Poi il cristianesimo si propone non si impone. Si dannera' un gay convivente ma pure uno in talare, no? Ndr

Unknown ha detto...

Umanamente avra' avuto i suoi motivi. Ma Pio XII aveva di fronte HITLER e organizxo' meglio la sua uscita in caso fosse stato preso prigioniero. Non so ma la questione papa emerito non e' stata gestita (Pio XII sarebbe tornato cardinale)

mic ha detto...

Ho appena pubblicato la traduzione dal tedesco dell'articolo in cui difende la sua figura di papa emerito

Unknown ha detto...

Modernista? Quale papa post conciliare non lascio indicazioni IN CASO DI DIMISSIONI? Ora c'è lo dira' con il libro...sono un vescovo..e vi dira' che il papa e' Bergoglio...

Anonimo ha detto...

D'accordo con Martino Mora. Sicuramente non sappiamo tutti e dobbiamo astenerci da facili giudizi. Però dal 2013 siamo rovinati. Spero solo che un giorno, nella valle di Josaphat, verremo a sapere che Benedetto ha abdicato solo per obbedire al volere della Provvidenza. Altrimenti mi viene da piangere.

Anonimo ha detto...

Emma Marrone, ad esempio...cosa altro potrebbe dire la pupilla della "moglie" del Pduista Costanzo...?!

Anonimo ha detto...

Un altro indizio dell'anticristo? Sono capitato sul sito ufficioso nato dopo il documento interreligioso di Abu Dabhi, e come se non bastasse quel sincretismo, sulle pagine del sito è messo in bella mostra un lingam (a quel punto la pietra tonda cava è una yoni, l'organo genitale femminile). Evidentemente bisogna strizzare l'occhio agli induisti.
https://www.forhumanfraternity.org/ (in basso); https://www.forhumanfraternity.org/abrahamic-family-house (a metà).