mercoledì 19 luglio 2017

Emma Bonino, parlerà in chiesa sull'immigrazione

Lo aveva già anticipato qui Danilo Quinto. Emma Bonino parlerà nella chiesa dedicata a San Defendente, a Ronco di Cossato, vicino a Biella, il prossimo 26 luglio, in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato 2017, per presentare la campagna “ERO STRANIERO – L’umanità che fa bene”. Una campagna alla quale ha dato la sua adesione anche papa Bergoglio. Parteciperà Walter Massa, coordinatore nazionale della commissione immigrazione dell’ARCI e modererà il parroco, don Marco Marchiori. A questo si riferiscono i nostri amici del Movimento Liturgico Benedettiano di Ferrara che ci propongono l'unita iniziativa, in riparazione.

Carissimi,
Emma Bonino, portabandiera delle peggiori efferatezze che il nostro cattolico sentire cum Ecclesia possa annoverare (ad esempio e fra l’altro l’assassinio non mai rinnegato di migliaia di bimbi con una pompa da bicicletta), parlerà dell’immigrazione in una Chiesa del biellese venerdì 26 luglio p.v. su incarico della chiesa locale.
Proponiamo di recitare quotidianamente una Corona del S. Rosario alla Regina di tutte le Vittorie (“vincitrice di tutte le battaglie di Dio”, Pio XII) perché ci protegga da questa iniziativa, che non va certamente nella direzione del bene: se di una cosa non abbiamo bisogno ai tempi nostri, è di cattivi maestri. Se non sarà possibile evitare questo evento, le nostre preghiere serviranno almeno di riparazione. 
Passiamo parola e preghiamo il S. Rosario!
In J et M
Il Movimento Liturgico Benedettiano di Ferrara

P.S.: Qualcuno dei nostri cari amici suggerisce di riconsacrare  la Chiesa dopo che la Bonino vi abbia tenuto la sua predica!

21 commenti:

Luigi Rmv ha detto...

Il pesce puzza dalla testa...

irina ha detto...

Il problema non è Emma Bonino.
Il problema è la chiesa.
Il problema è papa Bergoglio.
Il problema è il parroco.
Il problema sono i fedeli che, con i loro propri piedini, andranno di loro propria volontà ad ascoltare Emma Bonino.
Il problema sono questi fedeli che non sanno starsene in casa loro per recitare un rosario, per fare buone letture e/o per farsi uno shampoo.

Luisa ha detto...

"Sappiamo che per lui, appassionato curatore di anime, risultava difficile lasciare il suo ufficio e proprio in un momento in cui la Chiesa ha bisogno di pastori che sappiano resistere alla dittatura dello spirito del tempo e vivere e pensare con decisione in conformità con la fede".( Benedetto XVI)

Beh una cosa è certa il parroco don Marco Marchiori non ha saputo resistere allo spirito del tempo ma lo ha sposato in pieno.
Ma del resto non è forse lo spirito della "chiesa di Francesco"?
Uno spirito la cui dittatura schiaccia chiunque osi resistergli.

Anonimo ha detto...

Curioso, il vescovo di Sanremo proibisce l'esecuzione di tre brani, profani, di Hendel, pena la negata concessione del luogo sacro per il concerto, e in se non ha torto, e qui in luogo sacro si farà, addirittura con microfoni a tutto volume, sproloquiare uno dei peggiori portavoce anticristiani adoratori del demonio, assassina impenitente, con tanto di benedizione bollata della curia diocesana? Oh, Signore!

Anonimo ha detto...

https://onepeterfive.com/cardinal-muller-pope-benedict-disappointed-mullers-dismissal/

Anonimo ha detto...

26 Luglio = Mercoledì :
giorno dedicato al Cuore Castissimo di S. Giuseppe
Quanto potra' durare questa conferenza una /due ore ?
Propongo , nelle stesse ore di quel giorno , da tutti gli angoli d'Italia , l' Adorazione Eucaristica / S.Rosario / Preghiere
Chi puo' faccia celebrare una S.Messa per la salvezza delle anime dei peccatori così includiamo anche la nostra anima .
Avanti con Maria !

fabriziogiudici ha detto...

Su "La Verità" si nota come una foto dei fratelli Ratzinger giovani (direi da poco ordinati), presa mentre impongono le mani, è stata abilmente ritagliata dal Corriere e pubblicata in modo da far sembrare che stiano facendo il saluto nazista.

Annarè ha detto...

L'erba cattiva non muore mai e nemmeno si va a far fare l'eutanasia all'estero. Sinceramente credo che il castigo di Dio non potrà tardare molto, ogni giorno lo schifo aumenta, invece di vestir di sacco e far penitenza ogni giorno gli uomini di Chiesa si inventano qualcosa per offendere Dio. Se il volto di Maria dalle apparizionio della Salette in poi, fu molto serio e triste oggi come sarà? Se la Madonna apparisse realmente a Medjiugorie credo non tacerebbe di tutti gli scandali perpetuati dal Papa e dai suoi subordinati.

Anonimo ha detto...

E qualche buontempone perde tempo a criticare la FSPX ...

Rr ha detto...

Sig. Giudici,
osano ancora ripubblicare quella "fake photo" , già a suo tempo scoperta e commentata ?
Il Corriere è ormai buono solo come lettiera per i gatti.

Rr ha detto...

Sig. Giudici,
osano ancora ripubblicare quella "fake photo" , già a suo tempo scoperta e commentata ?
Il Corriere è ormai buono solo come lettiera per i gatti.

Alessandro Mirabelli ha detto...

Se volete scrivere al vescovo di Biella chiedendogli di annullare l'iniziativa sulfurea l'account e' questo: info@diocesi.biella.it

Anonimo ha detto...

Per anonimo delle 8,29:
Il vescovo in questione non è certamente un "tradizionalista", anzi è un progressista, non illuderti.

irina ha detto...

Emma passerà alla storia come simbolo di un'epoca, la nostra. Passerà attraverso i nostri anni altera con il suo scettro: la pompa.
La pompa che risucchia la vita e contestualmente pompa il sesso della mancata madre presente e del mancato padre assente.
Questo pompaggio ha conferito ai sessi maschili e femminili dimensioni zeppelin. Per cui noi ora andiamo in giro con sessi zeppelin e nulla riusciamo a vedere e a pensare se non agli zeppelin che ognuno porta in sè e che vede ovunque nel prossimo.
Emma con il suo scettro ha cambiato la visione del mondo, in visione degli e delle zeppelin. Una rivoluzione ottica e culturale incarnata da uno scettro, la pompa.
Forse arriverà ancora più in alto, elevata dalla sua zeppelin.!

fabriziogiudici ha detto...

Il Corriere è ormai buono solo come lettiera per i gatti.

Il problema è che le edizioni digitali non possono più adempiere a quello scopo. Ma la Provvidenza vuole che ogni tanto mi ritrovi Avvenire cartaceo nella cassetta postale. Presumo che sia legato ad un contributo che diedi all'Arcidiocesi quando ci fu l'ultima alluvione a Genova. Al che mi sembra giusto usare quella carta per gestire i mini allagamenti che regolarmente mi ritrovo in casa quando piove con il vento forte.

Tornando alle cose serie, segnalo questa intervista di Gotti Tedeschi:

http://www.intelligonews.it/le-interviste-della-civetta/amp_articoli/19-luglio-2017/64180/coro-di-ratisbona-scandalo-violenze-abusi-sessuali-bambini-george-ratzinger-parla-ettore-gotti-tedeschi/

Ratzinger in occasione del funerale di Meisner ha parlato di una crisi della Chiesa. Secondo lei non è una strana coincidenza che proprio adesso colpiscano suo fratello Georg?

"Ho avuto il privilegio di lavorare al servizio di Benedetto XVI, uno dei più grandi Papi della storia della Chiesa, destinato a esser considerato “magno” anche se non riconosciuto tale ufficialmente. Le vorrei anticipare una chiave di interpretazione d’insieme un po’ criptica: per comprendere le ragioni della rinuncia di Benedetto XVI si deve comprendere la nomina del successore. Per comprendere la nomina del successore, si deve aver capito la ragione della rinuncia. Prenda pure una aspirina …"

F.Von Zeppelin ha detto...

Irina , lei e geniale , la sua analisi e' geniale !
Non piu' Dio ma la pompa puo' togliere la vita
ma anche donare la vita .
Dov'e' oggi quella pompa , in qualche museo ?
Sara' stata brevettata ?
Ci vorrebbe un monumento " alla pompa della Emma " !
Un'idea nuova per i giardini Vaticani o meglio ancora al posto dell'obelisco del Foro Italico .

RR ha detto...

Sig Giudiic,
l'intervista l'ho letta. Non fa che confermare i miei sospetti, o meglio le mie ormai quasi certezze sui ricatti a cui fu sottoposto BXVI. E a cui ha ceduto per amore della Chiesa, per evitarLe un altro attacco massiccio da parte delle "powers that be". Come avrebbe fatto un figlio con la madre, pur sapendo quanto poco onesta fosse diventata. Un figlio non sputtana, o non fa sputtanare, la madre in pubblico.
Scusi per l'espressione, ma volevo proprio render l'idea.

Vedo che anche le, come mia madre, usa i giornali per tamponare le falle magari di un tetto, se piove e tira libeccio.

Le edizioni online dei giornali italiani sono mediamente più scadenti di quelle cartacee, e se già il cartaceo è scadente, figuriamoci l'online !

irina ha detto...

@ "...ma anche donare la vita..."
9:53

No, non è un donare la vita, è una crescita tumorale dell'attrazione maschile e femminile.Rimosso il concepito, il desiderio di rapportarsi con l'altro non si incanala più. Come in un discorso, se quello che sto per dire, non lo dico, dico altro, comincio a parlare a vanvera, continuo a parlare per nascondere il concetto, veritiero, non detto. E continuo sempre più intensamente. Adesso che siamo vecchi sappiamo che impedire la nascita ha portato con sè una crescita ossessiva del desiderio sessuale,e con il desiderio malato si sono manifestati i suoi frutti malati, corrotti: i tumori, manifestazioni viventi, abnormi, del concepito sempre di nuovo abortito. Questa crescita, malata del desiderio sessuale,frenetica si manifesta nei suoi frutti nelle situazioni corrotte, contro natura e decenza e senso comune fino a poche decine di anni fa impensabili.
Quindi esaltazione del desiderio sessuale come manifestazione concreta del suo no alla vita.Non più dunque la sessualità come portatrice di vita nuova, concreta ma, come strumento del proprio godimento. Allora lo strumento lo uso in tutte le possibilità che portano a me godimento. Subentra alla spontaneità la tecnica. La tecnica è un meccanismo, un automatismo. Il sesso diventa vizio, qualcosa che compio automaticamente, come qualsiasi altro vizio, cioè il mio volere è legato a qualcosa altra da me, che mi fa compiere qualcosa a cui potrei rinunciare ma, a cui non rinuncio perchè indebolito nella volontà. Volontà guidata da altro da me: il bicchier di vino, la canna, i soldi, il sesso e quant'altro.

irina ha detto...

Segue

La volontà non si rafforza cedendo responsabilità. La volontà si rafforza assumendo responsabilità.
Nel caso specifico abortire significa, non solo far fuori un essere umano ma, significa anche cedere la propria responsabilità genitoriale ad altri per motivi fondamentalmente futili. Questa cessione è uno dei colpi più gravi che si possano infliggere a se stesse. Conosco persone anziane che hanno abortito, conosco la loro vita dopo l'aborto, conosco la loro vecchiaia. Non c'è situazione riparatrice che possa essere messe in atto per nasondere completamente a se stesse questo atto.L'aiuto grande del Signore, aiutare a vivere giorno per giorno, mitigando un dolore insanabile con la Sua Grazia.

irina ha detto...

Segue ( i medici che passano di qui correggano contenuti e terminologie per favore)

il coito è uno sfregamento che produce orgasmo, orgasmo che possiamo paragonare ad una scarica elettrica; quindi fin qui siamo nell'ambito del meccanico, questa scintilla apre le porte che lasciano uscire i semi di cui solo uno feconderà un ovulo. Ed è qui nel nascondimento che nasce la vita, da questo incontro. E' importante a mio avviso sottolineare questo perchè da molti l'orgasmo è ritenuto un'espressione di vita. Lo è ma, in quanto la vita ha anche un supporto di carattere meccanico, ma che non è vita in sè. La vita è il passo terzo: coito, orgasmo, fecondazione. Quindi tolta la fecondazione, rimane solo da ricercare la scarica elettrica, il coito stesso sarà sostituito da innumeri possibilità di penetrazione compresa una serratura yale, per veder le stelle.

Anonimo ha detto...

Quanti soldi sono stato spesi per questa tesi ?
Si potevano utilizzare per i terremotati , per i ponti crollati , per altre necessita' ?
La comunita' italiana ne reclamava l'urgenza ?

http://www.ilgiornale.it/news/politica/italiani-sono-ignoranti-cos-boldrini-vuole-rieducarci-1423453.html