martedì 14 febbraio 2012

Santa Sede-FSSPX. Rilevante: dopo i colloqui Schmidberger parla a Die Welt

Rorate Caeli pubblica oggi questa importante intervista nella quale Padre Franz Schmidberger, ex Superiore Generale della Fraternità di san Pio X e ora superiore del distretto tedesco, fornisce risposte molto specifiche in una intervista al quotidiano tedesco Die Welt, rispondendo a domande che dimostrano una maggiore consapevolezza della situazione rispetto a quella di altri giornalisti che vanno per la maggiore.


"Dio non ci lascerà fallire"

La Fraternità tradizionalista non vuole riconciliarsi con il Papa a qualsiasi prezzo.

Il processo di riconciliazione tra il Vaticano e la Fraternità entra in una fase cruciale. Tre anni fa, è finito in prima pagina, con la revoca della scomunica dei quattro vescovi, il caso di uno di essi, il vescovo inglese Williamson che aveva negato [in realtà ridimensionato] l'Olocausto. Ora, può essere presto per decidere se il tentativo del Papa di portare i cattolici ultra-conservatori in barca avrà successo, o se ci sarà un allontanamento definitivo dei ribelli dalla piena comunione della Chiesa Cattolica Romana. Il suo Superiore Generale, Mons. Bernard Fellay, ha detto in America che l'ultima proposta di Roma è inaccettabile. [ Rorate nota: questo non era ciò che Fellay ha detto, ma una vero e proprio inganno da parte di malintenzionati vaticanisti italiani, come abbiamo detto lo stesso giorno il sermone è stato publicato.] Per Padre Franz Schmidberger, Superiore del Distretto della Fraternità San Pio X in Germania, la cosa non appare definitiva. Paul Badde ha parlato con lui.

Die Welt : A Roma ci sono sempre più segni che una completa riconciliazione con la Fraternità San Pio X può finalmente aver luogo, e che essa dovrebbe presto avere la sua prelatura personale, status non diverso da quello dell'Opus Dei. Si è anche detto, però, che i negoziati tra il Vaticano e la Fraternità hanno fallito. Può chiarire?

Padre Franz Schmidberger : Il 14 settembre 2011, il cardinale Levada ha presentato il Vescovo Fellay, il nostro Superiore Generale, un "preambolo dottrinale", la cui accettazione è la condizione per un riconoscimento canonico della Fraternità San Pio X. Ci siamo ampiamente consultati sul testo e si è giunti alla conclusione che non era accettabile. Infine, io stesso, il 1° dicembre, ho portato la risposta del Superiore Generale a Roma, e, su richiesta romana, ho consegnato un chiarimento di tale risposta. Ora aspettiamo con grande ansia la risposta della Congregazione per la Dottrina della Fede.

Die Welt : Il Papa ha detto che non avrebbe approvato la revoca delle scomuniche dei vostri quattro vescovi se fosse stato a conoscenza delle dichiarazioni del vescovo Williamson. Che cosa accadrà con Williamson dopo la riconciliazione?

Fr. Schmidberger : Io non sono un profeta, ma credo che durante le discussioni circa una struttura canonica della Fraternità, che certamente non si terrà in una sola sessione, i partecipanti potranno anche parlare di Williamson. Certo, si può aspettare da lui che obbedirà alle istruzioni del Superiore Generale.

Die Welt : Si dice dell'Arcivescovo Lefebvre, fondatore della Fraternità, che ha "aderito alla Roma eterna con tutto il cuore". non dovrebbe ormai già essersi riconciliato con questo Papa che tende la sua mano così tanto?

Fr. Schmidberger : Le cose non sono così facili. Durante la visita del cardinale Gagnon nel 1987, l'arcivescovo Lefebvre ha scritto al cardinale una lettera e ha proposto una struttura canonica per la Fraternità. Allo stesso tempo, egli ha reso molto chiaro che l'ecumenismo attuale sotto il simbolo del relativismo religioso, la libertà religiosa, il cui frutto è la laicità di oggi, e la collegialità, che paralizza completamente la vita della chiesa, sono inaccettabili per noi. Purtroppo, ancora oggi ci sono ancora differenze quando si tratta di questo con il Papa regnante.

Die Welt : Quali sono gli argomenti ragionevoli della Fraternità, infatti ancora contro la libertà religiosa, la cui attuazione è fondamentale per la pace nel mondo oggi?

Fr. Schmidberger : la libertà religiosa non è, in primo luogo, una questione di pratica, ma una questione di dottrina. La condanna della libertà religiosa da parte dei papi non implica la volontà di costringere gli altri ad accettare la religione cattolica, ma implica che uno Stato, in cui la maggioranza della popolazione è cattolica, dovrebbe riconoscere che la religione cattolica è la religione rivelata da Dio. Allo stesso tempo, può benissimo tollerare le altre religioni e confessioni e anche stabilire tali tolleranze nel leggi civili.

Ovviamente, in tempi pluralisti come oggi, una tale tolleranza dovrebbe trovare ampia applicazione. D'altro canto l'errore non è un diritto (naturale). Quando però si tratta di una persona che è capace di conoscere Dio con la luce della ragione e di essere a conoscenza della vera religione, allora questo vale anche per gli statisti, ed è esattamente questo che i Papi, fino a Pio XII, hanno mantenuto condannando la libertà religiosa. Tutto il resto è, alla fine, agnosticismo.

Die Welt : Gli ultimi Papi si sono tutti impegnati per l'ecumenismo, anche ad un consolidamento delle confessioni, secondo la parola di Cristo, che dice: "che tutti siano uno", come Gesù ha pregato (Gv 17, 21). Cosa vorrebbe affermare contro questo?

Fr. Schmidberger : Ogni Domenica i fedeli cantano: "Credo nella Chiesa una, santa, cattolica e apostolica", la preghiera di Cristo non si riferisce al fatto che prima devono diventare uno, infatti, nel corso della storia, i gruppi si sono staccati dal tempo della Chiesa e più volte; ad esempio i Greci nell' 11° secolo, e Lutero con i suoi seguaci nel 16° secolo. Per ogni cristiano sincero questo è un dolore e così preghiamo ogni giorno per il ritorno di coloro che sono separati dalla Chiesa alla casa paterna.

Die Welt : Fino ad oggi ogni setta ha presuntuosamente dichiarato di essere nel giusto, dimostrandolo con una buona dose di arroganza verso la maggioranza. Mons. Lefebvre era diverso. Ha sofferto molto per la divisione incombente e per lo stato di emergenza dello status irrisolto della Fraternità. Nel frattempo è accaduto che la Fraternità si è abituata allo stato di emergenza o c'è la consapevolezza di una separazione permanente ancora vista come un pericolo?

Fr. Schmidberger : Un caso di emergenza è un caso di emergenza, è anormale e aspira verso la normalizzazione. Come posso arrivare a un accordo con gli incontri di Assisi che implicitamente (non esplicitamente!) sostengono che tutte le religioni sono vie di salvezza? Noi certamente risentiamo della situazione attuale, ma si soffre infinitamente di più per questo indifferentismo religioso che porta un numero incalcolabile di anime alla perdizione.

Die Welt : Il Papa ha messo in gioco la sua reputazione (e l'unità di tutta la Chiesa), tre anni fa per la riconciliazione con la Fraternità. Cosa offre il Fraternità per la riconciliazione con la Chiesa?

Fr. Schmidberger : Una volta canonicamente riconosciuta, la Fraternità porterà un grande potenziale religioso e una grande forza religiosa all'interno della Chiesa. Vedo poche comunità ecclesiali che hanno preso in mano la causa della piena unità tra la teologia dogmatica, la spiritualità e la liturgia, e che vivono di essa. Portiamo un grande tesoro, perché, fin dall'inizio, abbiamo celebrato unicamente la magnifica liturgia antica con il suo carisma di fede e di santità.

Inoltre, la Fraternità sarà un grande sostegno per il Papa per conquistare lo scisma latente che è presente ovunque in Europa a causa delle forze centrifughe, si veda l'Austria, per esempio. Solo di recente un Arcivescovo in Germania, mi ha detto che anche qui ci si aspetta il distacco di grandi comunità.

Die Welt: Ma non era la mia domanda, però. Ho ricordato di ciò che il Papa aveva rischiato per la riconciliazione, e vorrei sapere ancora una volta quello che sarebbe disposto a sacrificare.

Fr. Schmidberger : Diamo la nostra relativa libertà che abbiamo usato finora per l'espansione mondiale del nostro lavoro e l'abbiamo messa nelle mani del papa. Per il resto, non si tratta di un accordo diplomatico, ma del benessere della Chiesa e della salvezza delle anime. Il problema nella Chiesa non è la Fraternità, ma i teologi modernisti e il crollo di avanzamento della vita della Chiesa dopo il Concilio.

Die Welt : Ora, anche gli anglicani trovano una casa nella Chiesa cattolica. E cosa le ha impedito di sentirsi a casa nella Chiesa negli ultimi decenni?

Fr. Schmidberger : In realtà, le stesse tendenze che hanno fatto fuggire gli anglicani dalla Chiesa cattolica sono presenti da quando il Concilio Vaticano II si è sviluppato all'interno della Chiesa cattolica e ha portato ad una devastante perdita di fede, ad una caduta della morale e al caos nella liturgia. Se si pensa solo per un attimo delle Messe Carnevale che entrano nelle chiese ovunque in questi giorni. Vedete, io qui ho il discorso del Papa ai rappresentanti del Comitato centrale dei cattolici tedeschi del 24 settembre 2011. In questo discorso dice: "la vera crisi della Chiesa nel mondo occidentale è una crisi di fede. Se non troviamo un modo per rinnovare veramente la nostra fede, tutte le riforme strutturali rimarranno inefficaci". Attraverso il Concilio non è lo spirito della Chiesa che è entrato nel mondo, è il contrario: lo spirito del mondo ha invaso la chiesa.

Die Welt : io non dico qualcosa di nuovo quando indico la piccola parte al centro (o al bordo) della Fraternità, che non parteciperà a una riconciliazione con il papa. Siete pronti a far fallire la riconciliazione per questa parte, o disposti a separarsi da loro?

Fr. Schmidberger : Se le autorità romane non hanno bisogno di qualcosa dalla Fraternità per il loro riconoscimento canonico che è contro l'insegnamento tradizionale e la prassi della Chiesa, allora non ci saranno grosse difficoltà in materia di una regolarizzazione. Se, tuttavia, Roma ci richiedesse di accettare tutto il Vaticano II incondizionatamente, non vedo una possibilità di riconciliazione.

Die Welt : sull'ipotesi di riconciliazione: come ci si vuole distinguere dagli altri gruppi anch'essi impegnati nella Tradizione? Dopo una riconciliazione con successo, rimarranno cose che altri non hanno?

Fr. Schmidberger : Il nostro carisma speciale è la formazione dei sacerdoti e la cura per i sacerdoti. Oltre a questo, noi della Fraternità ci siamo specializzati nella predicazione degli Esercizi Spirituali, nela gestione delle scuole, e anche semplicemente nella cura delle parrocchie, che oggi sono in uno stato pietoso. Basti pensare al sacramento della Penitenza che, per esempio, qui a Stoccarda, non è più concesso nelle parrocchie, con poche eroiche eccezioni. Con questo, la coscienza del peccato e il bisogno di salvezza stanno scomparendo, così come la preghiera, la ricezione dei Sacramenti, e lo spirito di sacrificio.

Die Welt : Ci sono voci che dicono che il lavoro del Papa per questa riconciliazione è prioritario, ma solo per l'ecumenismo nel suo complesso. Lei condivide questa idea, o non avete paura?

Fr. Schmidberger : se quello che vedo è corretto, allora questo può essere applicato solo agli ortodossi, ma non a tutti i diversi gruppi di protestanti. Per, per quanto riguarda il primo, è circa il riconoscimento del primato di giurisdizione del Papa, riguardo a quest'ultima, esiste, oltre che una devianza sostanziale del deposito della fede cattolica, così come da l'insegnamento e la pratica dei Sacramenti. Noi non incorriamo in difetto per una di queste modalità, anche se, sulla base di argomenti della fede, abbiamo dovuto resistere a certe direttive - come l'accettazione della nuova liturgia.

Die Welt : Nessun Papa è stato così premuroso con voi quanto Benedetto XVI. Egli avrà presto 85 anni. Avete mai paura che il tempo potrebbe agire a vostro sfavore?

Fr. Schmidberger: E' vero che il Papa regnante ci mostra qualche favore, e spero che troveremo una soluzione durante il suo pontificato. D'altra parte, la situazione nella Chiesa sta assumendo forme sempre più drammatiche tutti i giorni, il Papa parla della perdita di fede nelle regioni di grandi dimensioni. Non sarebbe questo in relazione ad alcune dichiarazioni del Concilio e alle riforme post-conciliari? Ad alcuni alcuni prelati sembra una luce all'alba e più a lungo agirà la crisi, più intensa sarà la luce. E in questo senso, il tempo lavora a nostro favore.

Die Welt : Cosa ci dà più speranza che il pericolo di un nuovo scisma tra Roma e la Fraternità potrebbe essere già abolito entro Pasqua?

Fr. Schmidberger : La Fraternità ha visto molte crisi ed è emersa da tutte più rafforzata che indebolita. Oltre a questo, insieme a tutti i suoi membri e le case, i consacrati, si è consacrata alla Madre di Dio l'8 dicembre 1984. Io stento a credere che Dio farà scivolar via un lavoro di sua madre.

18 commenti:

Icabod ha detto...

Questa intervista lascia sperare che la Fraternità potrebbe fare il grande passo senza tanti ulteriori indugi.

Dante Pastorelli ha detto...

La traduzione non è molto chiara. Le risposte a volte non sono molto precise e sembran divagare. Credo si tratti di doverosa prudenza data la divisione interna della fraternità. Spes ultima dea.

Anonimo ha detto...

Tradidi quod et accepi!

[Ma quale intesa può esserci tra Cristo e Belial (2 Cor 6,15)?]

La Fraternità persegue questi VALORI e non sono NEGOZIABILI!!

Anonimo ha detto...

Ne convegno Dante. Infatti ero indecisa se pubblicare o meno perché ho dovuto tradurre da una traduzione, con tutti gli inconvenienti che possono derivarne.
Ma mi sembrava interessante per l'emergere di un discorso di fondo aperto a buone possibilità.

Penso che tutto dipenderà dalla risposta di Roma. L'importante, mi par di capire, è che non venga chiesta l'accettazione "incondizionata" del Concilio...

Dante Pastorelli ha detto...

A questo punto, una richiesta di resa incondizionata sarebbe un fallimento prima per Roma, poi per Econe.

Gederson Falcometa ha detto...

Io non lo so, ma tra colloqui e preambolo c'è qualcosa di strano. Esaminare il contenuto del preambolo:

Tale Preambolo enuncia alcuni principi dottrinali e criteri di interpretazione della dottrina cattolica, necessari per garantire la fedeltà al Magistero della Chiesa e il "sentire cum Ecclesia", lasciando nel medesimo tempo alla legittima discussione lo studio e la spiegazione teologica di singole espressioni o formulazioni presenti nei documenti del Concilio Vaticano II e del Magistero successivo. Aggiornamento quasi in diretta. Comunicato Vaticano - http://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2011/09/aggiornamento-quasi-in-diretta.html

Ma quanto è stato detto circa i contenuti del preambolo, non era parte dei colloqui? Voglio dire, i colloqui non si sono svolti con i principi dottrinale, criteri di interpretazione della dottrina cattolica per assicurare la fedeltà al Magistero e "sentire cum Ecclesia"?

E 'molto strano che ciò che avrebbe dovuto essere accordatto in principio, appaiono alle fine. Forse è per questo che il vescovo Fellay ha inviato una prima risposta a Roma, che era una documentazione (o il risultato dei colloqui?). Anche il contenuto del testo di mons. Ocariz, non è stata trattata nel corso dei colloqui?

Non riesco a capire ...

Anonimo ha detto...

mysteria Fidei et mysterium iniquitatis si intrecciano...
In Vaticano c'è chi teme per il futuro ed ostacola questa ed altre operazioni di emergenza che il S. PAdre intende fare.

Dante Pastorelli ha detto...

Tra i colloqui e il preambolo è intervenuta la mancata convergenza su alcuni punti fondamentali.
I colloqui non hanno sciolto tutte le riserve da una parte e dall'altra. Tutto qui.
Il va e vieni di lettere e documenti sta ad indicare la volontà di chiariresino a che punto possano spingersi Roma ed Econe senza traumi.

don Camillo ha detto...

Non vorrei peccate di presunzione, ma i contributi di reverendi Mons. e Padri, e illustri frequentatori e di diversi eccellenti anonimi apparsi sui blog di un certo livello all'indomani del caso Ocariz, hanno senz'altro aiutato a chiarire ancor di più le scottanti questioni che interessano non solo la FSSPX ma tutta la Chiesa.

Detto questo guardo sempre con più sconcerto quel bailamme che è MiL governato da non si sa da chi.

Si_si_No_no ha detto...

La colpa e' di chi ha aperto la fessura....e soffiato sul fuoco acceso dal sinedrio ! Poi ci sono quelli che agitano le mani affinche' il fumo di spanda per bene all'interno....e come se non bastasse altri accendono altri fuochi...sia all'interno che fuori. E molti di questi fanno parte del fuoco amico, apparentemente cattolici ed apparentemente tradizionalisti!
Ossia...i MARRANOS!

Gederson Falcometa ha detto...

Caro Dante,

Tra il preambolo e colloqui ha una divergenza a livello di principi per risolvere le questione. Voglio dire tutto ciò che appare nel preambolo è stato utilizzato per affrontare le questioni della libertà religiosa, ecumenismo e collegialità. Questo è molto strano, mettere questioni di principio alla fine (che diventa un nuovo inizio) invece di trattarlo nei colloqui. Sembra che nelle conversazioni hanno affrontato i problemi nel Concilio e nel preambolo sono affrontati questioni di principio.

É curioso nel preambolo, le menzione di regole per la fedeltà al magistero e il "sentire cum ecclesia". Queste regole devono essere state ben espresse dalla Fraternità San Pio X, nel difendere le decisioni infallibili delle Papi pre-conciliare sulla questione. Quindi non capisco la menzione di tali norme nel preambolo.

In ogni caso, ci sono due pesi e due misure, perché lo stesso trattamento non è stato fatto ad esempio al Camino neocatecumenale. Perché Roma si rifiuta di vedere le differenze tra dottrina cattolica e Kiko? Questo preambolo dovrebbe essere dato a Kiko e Carmen, non la FSSPX.

Un Saluto dal Brasile

Dante Pastorelli ha detto...

Caro Gederson, nei colloqui si sono certo affrontati i temi presenti nel preambolo, semplicemente non si sono risolti, almeno tutti.
I colloqui sono stati un presentare le proprie posizioni: su alcuni punti l'accordo dottrinale è possibile, su altri restano le divergenze. Su queste divergenze la S.Sede ha lavorato ed ha presentato il preambolo che, chiaramente, non ha accolto tutte le richieste della Fraternità.
Il proseguimento dei colloqui con la corrispondenza più recente riguarda questi punti irrisolti: la Fraternità dichiara che così com'è il preambolo non lo accetta e chiede modifiche. La S. Sede sta studiando come smussare gli spigoli.
Se la CDF ripresenta il preambolo tale e quale - e questa io credos sia la volontà di mons. Pozzo - non ci sarà conciliazione, se sarà modificato penso di sì.
La Fraternità sui punti in questione potrebbe anche lasciarsi una porta aperta ad un successivo dialogo e la S. Sede dovrebbe dichiarare che questi da disucutere non sono punti essenziali per definirsi cattolici.

Anonimo ha detto...

Il vaticano 2 si può accettare "incondizionatamente" come un evento, pur non accettando incondizionatamente ogni singola parola nei suoi documenti, se non altro perché molti di loro sono così ambigui e parolai...

Anonimo ha detto...

Se la CDF ripresenta il preambolo tale e quale - e questa io credos sia la volontà di mons. Pozzo - non ci sarà conciliazione, se sarà modificato penso di sì.

Mons. Pozzo è così potente?
Non sono piuttosto altri che remano contro?

Anonimo ha detto...

Nostra aetate,2 :

"La Chiesa cattolica nulla rigetta di quanto è vero e santo in queste religioni. Essa considera con sincero rispetto quei modi di agire e di vivere, quei precetti e quelle dottrine che, quantunque in molti punti differiscano da quanto essa stessa crede e propone, tuttavia non raramente riflettono un raggio di quella verità che illumina tutti gli uomini."

Molto peggio di DH!
Una semplice dichiarazione che è diventata un dogma...

Dante Pastorelli ha detto...

E' la confusione sui semina verbi che vengon attribuiti alle false religioni, mentre i Padri intendevan dire ch'eran contenute nelle dottrine filosofiche.
Raggi di luce divina che illumina tutti gli uomini le belle Urì e quel che fanno?
Se, come diceva Paolo VI a Guitton, tutte le religioni si equivalgono, perché, giovanotti, non diventar musulmani?

don Camillo ha detto...

Sì, quando i Santi Padri pensavano ai Semi del Verbo avevano in mente quei filosofi, quei poeti che ebbero da Dio quella Luce che accolsero generosamente per profetizzare, anche ai pagani, la venuta del Cristo. Ho riletto l'Egloga IV della Bucoliche del poeta Virgilio: un capolavoro! Come non commuoversi per questa sovrabbondanza di Grazia che è scaturita da Gesù, il Logos, prima che Lui si incarnasse?? Come non ricollocarci a pieno titolo in questo solco Tradizionale, in queste radici? nel post Concilio c'è stata una insensata corsa verso all'ebraismo, come se l'essere cristiano non bastasse più! ho visto ho sentito cose assurde da parte di sacerdoti carissimi soggiogati da quel "giogo" che Cristo stesso ci ha voluto togliere: l'ebraismo. Gli Ebrei sono stati preparati mediante la Legge e i Profeti, ma i pagani sono stati preparati SOLO mediante la Grazia e la Tradizione, e Dio l'ha premiati, perchè più meritevoli, con l'essere consapevoli-inconsapevoli Ministri del PRIMO SACRIFICIO sommo perpetuo ed eterno! I romani pagani hanno materialmente sacrificato la Vittima immacolata della stirpe di Davide per la salvezza di tutti gli uomini: pagani ed ebrei. Sì, con Cristo siamo UNO con Gesù, una nuova famiglia, "non c'è più né Giudeo né Greco, né schiavo né libero" come giustamente dirà San Paolo, ma come romano di nascita e di sacerdozio come non essere riconoscente a quei santi MARTIRI pagani&ROMANI, miei fratelli e padri e madri, che aderendo a Cristo hanno dato il loro sangue per non gettare anche solo un granello di incenso alle statue degli Dei e Imperatori ancora pagani? Cosa direbbero Cecilia, Anastasia, Lucia, Agnese, Cosma e Damiano, ect. ect, oggi se vedessero la nostra generazione che professa che c'è "qualcosa" di buono in quelle abominazioni che hanno respinto? cosa direbbero se vedessero che non solo un granello l'incenso ma gli onori e i PULPITI in quelle chiese dove sono incastonate negli altari le loro gocce di Sangue?
Miserere nostri, Domine, miserere nostri.

Marco ha detto...

Se almeno il Concilio indicasse chiaramente quali sono gli elementi veri e santi delle altre religioni non cristiane, sarebbe un passo avanti.
Questi elementi veri e santi si trovano nelle persone di altre religioni nonostante le loro false religioni, non grazie alle loro false religioni. Di proprio dalle false religioni vengono gli errori.
Inoltre questi elementi non sono di aiuto nell'opera di evangelizzazione, perché una moneta falsa è più pericolosa, tanto più è simile a quella vera. Per una persona è difficile rinunciare ad una religione che ha molti elementi in sé stessi veri e santi, che rinunciare ad una religione totalmente falsa.

Marco Marchesini