giovedì 8 dicembre 2011

8 dicembre: Immacolata Concezione di Maria

Cari amici,
è bello ricordare questa bellissima festa in onore della nostra Madre Santa e Benedetta.

L'avrei ricordata comunque, ma desidero condividere con voi la mia esperienza di stamane, che mi ispira il ricordo e l'amorosa venerazione attraverso un canto caduto nel dimenticatoio, tra i tanti tesori preziosi che la Chiesa ci ha donato e tramandato: il Tota Pulchra.

Stamane, come ogni anno, la nostra vecchia Associazione di AC ci vede riuniti per ritrovarci insieme festeggiando ad iniziare con una S. Messa. Il luogo d'incontro è S. Antonio in Via Merulana, dove purtroppo lo scempio architettonico ha stravolto e anche spogliato sia il presbiterio che quelli che una volta erano gli stupendi altari laterali.

Ebbene, oggi ero in motivato esilio dalla mia S. Messa Tridentina, riunita insieme ai miei amici per la Messa NO da loro seguita. E tuttavia è successo qualcosa che mi ha commossa e anche immalinconita, perché segna il cambiamento subìto. Alla fine della celebrazione, uno di noi intona inaspettatamente con voce possente il Tota Pulchra, nella meraviglia generale, a partire dai francescani celebranti... Io mi sono ritrovata a cantare e pregare con gioia con tutto il cuore e con tutta l'anima. Peccato che queste sono cose estemporanee, non più accessibili alla totalità dei credenti.

Approfitto, quindi, per inserire, in onore della Madre celeste, il testo e il link al video per chi volesse ascoltare e pregare questo canto stupendo: uno dei tanti che non risuonano più nelle nostre chiese e nei nostri cuori, se non in contesti particolari...

Tota pulchra es, Maria.
Tota pulchra es Maria,
Et macula originalis non est in Te.
Et macula originalis non est in Te.
Tu gloria Ierusalem.
Tu laetitia Israel.
Tu honorificentia populi nostri.
Tu advocata peccatorum.
O Maria, o Maria.
Virgo prudentissima.
Mater clementissima.
Ora pro nobis.
Intercede pro nobis.
Ad Dominum Iesum Christum.
Amen
Tutta bella sei, Maria,
Tutta bella sei Maria
E il peccato originale non è in te.
E il peccato originale non è in te.
Tu sei la gloria di Gerusalemme,
tu letizia d’Israele,
tu onore del nostro popolo,
tu avvocata dei peccatori.
O Maria! O Maria!
Vergine prudentissima,
Madre clementissima,
prega per noi,
intercedi per noi
presso il Signore Gesù Cristo.
Amen

2 commenti:

Eruanten ha detto...

Proprio stamattina alla messa pensavo commosso a questa stupenda canzone!
Cara mic che bel regalo con questo post a Maria e a noi poveri erranti nella valle di lacrime.
Un abbraccio
Matteo

giovanna ha detto...

Sì, un bel canto che tocca il cuore. Non così perduto: nella mia parrocchia (moderatamente moderna) lo cantiamo spesso, sempre nelle novene e feste mariane.