giovedì 27 settembre 2012

In memoria di Cristo, Pietro De Marco

Riprendo il testo pubblicato di seguito dal blog Settimo Cielo di Sandro Magister. È stato pubblicato anche da Messa in Latino, sul quale è stata l'occasione per dare la stura a vergognose esternazioni da parte del solito dichiarato viscerale nemico della FSSPX, che può vomitare indisturbato su quelle pagine, nei confronti della Fraternità, le più sordide accuse e anche false affermazioni dal punto di vita teologico ed ecclesiale. Ebbene, esprimo tutto il mio raccapriccio e la mia indignazione, pensando che se il popolo Summorum - che SdC promuove con grande enfasi proprio in alternativa alla Fraternità - ha sponsor come costui, occorre davvero non abbassare la guardia!

In ogni caso richiamo l'attenzione su questo testo, perché viene da un autore non tradizionalista; il che sta a dimostrare come davvero il disordine e la crisi siano arrivati a livelli non più tollerabili.

“IN MEMORIA DI CRISTO”
Pietro De Marco

Mi raccontano, non senza preoccupata ironia, che un parroco di una diocesi toscana, noto per varie eccentricità, amministra l’eucaristia o, come dicono i messali, “presenta l’ostia” ai comunicandi, con le parole “In memoria di Cristo”, invece che con la vincolante ed essenziale formula: “Il corpo di Cristo”.

Poiché tale parroco ama dichiararsi un “professionista” ecclesiale, è certo che, da professionista, usa quella formula consapevolmente. Per esibire e trasmettere, senza timore, la sua negazione della presenza reale di Cristo nelle specie eucaristiche.

Ora, sull’evento “reale” della consacrazione non vi è alcuna incertezza nella “lex orandi”, cioè negli enunciati del canone liturgico. Non per nulla, dopo le parole della consacrazione, il sacerdote “adora subito l’ostia”. E altrettanto dovrebbero fare i fedeli, invece del disordine dei comportamenti attuali e specialmente dello stare in piedi suggerito da qualche liturgista.

La dottrina della fede è altrettanto ferma e costante. Rileggiamo “pro memoria” il mai abrogato “Decretum de SS. Eucharistia” del Concilio di Trento, fino ai canoni conclusivi (Denzinger-Hünermann, nn. 1651-1656), e il recente e obbligante Catechismo della Chiesa Cattolica, promulgato esattamente venti anni fa, ai nn. 1373 e seguenti. Il Catechismo della Chiesa Cattolica va considerato la trascrizione di ciò che è dogmaticamente rilevante nel “corpus” dei documenti del Vaticano II.

La cultura teologica diffusa, invece, su questo punto ha oscillato e oscilla dannosamente, così da essere responsabile di questi effetti, anzitutto nel clero. L’arrischiato parroco di cui sopra è sicuramente il frutto degli insegnamenti ricevuti in seminario o in qualche facoltà teologica, o dei maestri della letteratura teologica internazionale, letta od orecchiata successivamente.

Leggevamo non ieri, ma anni fa, che la maggior parte del clero olandese delle ultime generazioni non crede nella presenza reale di Gesù nell’eucaristia. In ragione di cosa, se non di un insegnamento dogmatico e liturgico ammiccante e aberrante?

Quale che sia l’estensione delle responsabilità, l’uso della formula “In memoria di Cristo” in luogo di “Il corpo di Cristo” non è solo imprudente o inopportuno. È molto di più: suppone una convinzione che ad essere massimamente prudenti si direbbe che “ha sapore di eresia”.

Al caso particolare saprà far fronte il vescovo competente, dopo opportuna indagine. Interessa qui sottolineare, ancora una volta, lo scandalo continuato, anche su materie meno gravi, indotto da una spigliata confidenza, accoppiata ad ignoranza o a corruttela teologica, con la dottrina della fede. Preti come questi hanno deliberatamente distrutto in sé stessi e probabilmente nei collaboratori laici e in parte del loro popolo la verità sacramentaria, colpendo l’essenziale dell’esistenza e del fondamento della Chiesa: la retta fede del popolo cristiano.

E nel valutare questo peccato e “crimen” la Chiesa è sola. Non ha né il supporto né lo stimolo concorrenziale delle magistrature civili, come negli episodi di pedofilia. L’esercizio ispettivo e correttivo le spetta ed è tenuta ad esercitarlo. Azione doverosa e coraggiosa perché, appunto, il contesto generatore di questi fatti particolari è esteso. Non sarebbe difficile cogliere, in una quantità di libri teologici tradotti da editori cattolici, pagine (mai sottoposte a critica da chi dovrebbe) che istigano, di fatto, ad atti di svalutazione, metaforizzazione, vaga spiritualizzazione della transustanziazione, mascherati con parole equivoche.

L’eventualità che quanto nel piccolo caso toscano è esplicitato con sicumera sia in altri preti tenuto nascosto, nicodemiticamente, fa tremare. Il compito dell’imminente Sinodo dei vescovi, col suo esercito di periti sapientemente dosati, sarebbe a mio avviso non quello di confermare un cinquantennio di moderne esortazioni all’annuncio cristiano, ma di ricostruire energicamente nel clero e nel laicato quella comune dottrina della fede senza cui ogni enunciato che venga dalla Chiesa sarà indistinguibile da quelli del nichilismo ordinatore della postmodernità.

Se i vescovi di tutto il mondo, frenati da prudenze pastorali e di governo e talora da incertezza dottrinale, non avessero la forza di provvedere, toccherebbe ai semplici fedeli – quelli che in virtù di una buona formazione cristiana ancora possono farlo – discernere opinioni e condotte diffuse palesemente erronee, catechismo alla mano, e dire “no”.

24 commenti:

Perplesso ha detto...

A costoro non si chiede nessun preambolo e neppure si interviene.
E delle anime ingannate, chi se ne preoccupa?

Luisa ha detto...

Eh sì, è la FSSPX che pratica e diffonde la Dottrina e le prassi che sono quelle della Chiesa ad essere insultata, ad essere trattata di eretica, senza mai averlo potuto dimostrare, in effetti ci viene detto che il Vaticano II non ha introdotto nessuna nuova dottrina, dunque come potrebbe essere eretica la Fraternità.
Stranamente non vedo coloro che, in modo astioso, viscerale e incontrollabile, si scagliano contro la FSSPX, esprimere lo stesso violento dissenso contro chi nella Chiesa si è reso, e continua a rendersi, responsabile della deformazione delle coscienze, della devastazione della Liturgia, della ribellione all`autorità del Successore di Pietro.
Costoro usano e abusano di frasi fatte incuranti che i loro mantra cozzino contro la realtà di una Chiesa lacerata, non dalla FSSPX, ma da chi, bene al caldo sotto il mantello protettore di mamma Chiesa, che mai punisce, mai usa il bastone, al limite esorta...stanno sovvertendo le basi stesse della nostra Fede.

Luisa ha detto...

Per chi capisce il francese, un documentario interessante sul Vaticano II, è molto questione dell`"alleanza del Reno", con la presa di potere sui dibattiti dei vescovi tedeschi, olandesi, belgi e francesi...

http://videos.arte.tv/fr/videos/vatican-ii-le-concile-qui-a-change-l-eglise--6939240.html

Luisa ha detto...

Un documentario per una volta oggettivo, chi è informato non apprenderà nulla di nuovo, ma risulta chiaro che l`ala progressista ha da subito preso in mano le redini del Concilio Vaticano II, dentro l`assise conciliare e fuori, come stupirsi che i documenti che sono usciti da quel Concilio riflettino la loro ideologia, anche se tutto non è andato come lo volevano, collegialità, soppressione del celibato, sono comunque riusciti a far redigere testi con termini sufficientemente ambigui per poi permettere le libere interpretazioni e applicazioni che hanno portato la Chiesa nel caos dottrinale e liturgico nel quale si trova, oggi ci viene detto che quelle interpretazioni erano errate, senza però chiamarle con il loro nome e senza sanzionare errori e erranti.

mic ha detto...

Non sono ancora riuscita a guardarlo.
Comunque certe cose almeno ora si dicono apertamente soprattutto, ultimamente, dopo i libri di Gherardini e De Mattei, anche se c'erano i testi di Mons. Spadafora, noti solo a pochi intimi.

Ma purtroppo non cambia nulla perché, nonostante tante cose siano note ormai a molti, il potere lo hanno loro!

UDITE UDITE ........ ha detto...

Riporto per conoscenza (e a stento riesco a trattenere i conati di vomito) la defecazione mentale di un certo SdC che a proposito della FSSPX su Mil e su Tornielli scrive:


???????????????????

Chiaro il richiamo di Pietro nel Suo divino ed evangelico mandato di riconfermare i Suoi fratelli nella fede: chiaro anche il rifiuto ormai ufficiale di far parte della Chiesa cattolica da parte della FSSPX.

Personalmente, anche se mi dispiace per le anime concrete coinvolte in questo peccato contro lo Spirito che seguono ciecamente la chiesa lefebvriana, non posso che pensare che ciò sia un’ottima cosa per la Tradizione nella Chiesa: ormai il buon grano, il “popolo Summorum Pontificum” è chiaramente separato dal loglio tradiprotestante.

?????????????????


MA QUI SIGNORI VIENE IL BELLO. iL PASSAGGIO SMASCHERA DEFINITIVAMENTE gli INTENTI DI CHI VOLEVA CREARE UN NUOVO MOVIMENTO CHIAMATO SUMMORUM PONTIFICUM, "PURIFICATO" DALLA FSSPX:

?????????????????

Bisogna adesso spingere l’Ecclesia Dei a mettere tutte le sue energie nella difesa dei fedeli Summorum Pontificum e nella salvaguardia e nello sviluppo della forma straordinaria a corto, medio e lungo termine! Speriamo, ora che la “diversione FSSPX” è stata ridimensionata, che detta commissione sia più concentrata su questa sua reale funzione ecclesiale.

Penso che l’abbiamo scampata bella, lo Spirito Santo ha chiaramente protetto la Santa Chiesa in questo frangente. Vale un te Deum, direi!

Quanto alle relazioni colla chiesa scismatica lefebvriana esse dovrebbero ormai spostarsi dalla CDF al dicastero dell’ottimo cal Koch e così lasciar libera la commissione ED da perdite di tempo che non fanno altro che fermare il progresso e la buona ricezione della Tradizione nel corpo ecclesiale, specialmente presso certi nossignori vescovi.
In Pace

........................


Si!!! SdC RIPOSA IN PACE!

Defecazioni mentali che non possono essere tollerate dalle persone normali.
Penso anch'io che questo tizio, appartenga alla FSP costoro odiano la Fraternità, BASTA LEGGERE i loro commentari su UNA VOX......passati e presenti.
Ricordo qualche anno fa, scrisse su Tornielli che lui celebrava la S. Messa in Latino e quindi gli è scappato di essere un "sacerdote".....lo ricordo benissimo...e come al solito vomitando odio contro la FSSPX, pubblicizzava Istituto Buon Pastore e FSP.....

Verrà il giorno che dovranno rendere conto a Dio e poi vedremo se il loro spirito che chiamano santo, che NON E' LO SPIRITO SANTO 3 PERSONA DELLA TRINITA',li potrà salvare, magari suggerendo che cosa dovranno fare ancora per distruggere la Chiesa.
Credo che IL TIZIO, prima di scrivere le sue defecazioni mentali, consulti la sua cartomante....


La FSSPX è la dimostrazione che la Chiesa Cattolica Apostolica Romana, E' ANCORA VIVA e ringraziamo il Buon Dio, che attraverso il suo Spirito Santo la mantiene tale.

Certamente per loro si prospetteranno anni terribili di persecuzioni, e ne sono consapevoli, da questo si vede chi è un VERO CATTOLICO e chi non lo è!!

A mio parere la FSP merita di essere punita da Dio, perchè è di una ambiguità ineludibile. Si è messa in testa di riformare la Tradizione alla luce delle eresie uscite dal concilo vat.II. Ecco quindi la necessità di un nuovo movimento Summorum Pontificum...

NON hanno calcolato però, che una parte del Gregge di Cristo possiede una propria intelligenza, formata dalla vera Fede di sempre e .....NON MANIPOLABILE!!!

Scrutator ha detto...

Ma purtroppo non cambia nulla perché, nonostante tante cose siano note ormai a molti, il potere lo hanno loro!


Infatti.
Pensate cosa può significare per la FSSPX la nomina di Müller, che nel 2009, al giornale tedesco Zenit-online, dichiarava: «La Fraternità San Pio X deve ritornare interamente sul terreno della Chiesa cattolica e riconoscere l’autorità del Papa, le decisioni del Concilio Vaticano II e l’attuale legge della Chiesa. Se lo fa, accetta anche che il seminario di Zaitzkofen ricada sotto la supervisione della diocesi di Ratisbona. Il seminario dovrebbe essere chiuso e gli studenti – se sono idonei - dovrebbero andare in un seminario del loro paese d’origine».

E, mentre dichiara che la FSSPX deve "riconoscere l’autorità del Papa" (che essa riconosce), rende omaggio ai membri delle denominazioni protestanti considerate facenti parte della Chiesa! Dicendo: «Il battesimo è il segno fondamentale che ci unisce sacramentalmente in Cristo e che ci presenta come una sola Chiesa di fronte al mondo. Perciò noi cristiani cattolici ed evangelisti siamo già uniti anche in quella che chiamiamo Chiesa visibile».

Come se la Mortalium animos potesse ritenersi completamente sorpassata. Essa condanna in termini chiarissimi un movimento ecumenico di questo genere: "Essendo il corpo mistico di Cristo, cioè la Chiesa, uno, ben connesso e solidamente collegato, come il suo corpo fisico, sarebbe grande stoltezza dire che il corpo mistico possa essere il risultato di componenti disgiunti e separati. Chiunque perciò non è con esso unito, non è suo membro né comunica con il capo che è Cristo."

mic ha detto...

Come sono giustificabili affermazioni simili su un blog che passa per tradizionalista?

E' quello che ci chiediamo da un pezzo.

Come è giustificabile che, se la redazione non cancella, nessuno intervenga per rettificare?

La maggior parte delle persone che un tempo intervenivano sono state costrette dagli insulti, pesanti volgari incalzanti e continui, ad andarsene.

viandante ha detto...

Il modernismo, penetrato in sordina nella Chiesa, ha sovvertito pian piano l'ordine delle cose.

Ora che molto di ciò che desiderava é stato fatto, vedrete che adagio adagio riemergerà anche l'autorità delle gerarrchie vaticane.
In un primo momento tutte le forme di autorità e di magistero legate alla Chiesa di sempre erano state criticate, ora che i posti chiave sono in mano modernista, vedrete che anche le autorità ecclesiali riprenderanno a governare.

Peccato che lo faranno su presupposti erronei...

Comunque tempi duri in arrivo.
E già si sente: "Se voi tradizionalisti negate il Concilio Vaticano II, che é in continuità con la Tradizione ed il Magistero perenne, vi mettete fuori della Chiesa".

Peccato che lo Spirito Santo illumina chi vuole, e nel frattempo sempre più fedeli si accorgono che questa storiella della continuità del Vaticano II sembra quasi una trasposizione moderna della favola del lupo e dell'agnello...

Per il resto, mi sconcerta vedere che dopo aver "abbandonato" la lettura dei commenti su MiL, ora me li vedo riportati anche qui. Ma lasciato stare sto benedetto SdC, prima si dimentica meglio é...

mic ha detto...

Nel cancellare un mio messaggio doppio mi sono sbagliata e ho cancellato invece quello a cui rispondevo:

----------------
"Personalmente, anche se mi dispiace per le anime concrete coinvolte in questo peccato contro lo Spirito che seguono ciecamente la chiesa lefebvriana, non posso che pensare che ciò sia un’ottima cosa per la Tradizione nella Chiesa: ormai il buon grano, il “popolo Summorum Pontificum” è chiaramente separato dal loglio tradiprotestante."

Come sono giustificabili affermazioni simili su un blog che passa per tradizionalista?

Come è giustificabile che, se la redazione non cancella, nessuno intervenga per rettificare?
---------------

Comunque ha ragione viandante. Una volta espressa l'indignazione, basta con SDC...

UDITE UDITE ........ ha detto...

Vogliate scusare se ho riportato (con molta difficoltà) lo STERCO ESSEdiCIANO, però era mio dovere informare, fino a che livello riesca a MENTIRE E DISINFORMARE, TUTTO QUESTO tranquillamente lasciato passare in certi blog.

Per il resto sono d'accordo con mic e con viandante.

Saluti

mic ha detto...

Ora che molto di ciò che desiderava é stato fatto, vedrete che adagio adagio riemergerà anche l'autorità delle gerarrchie vaticane.
In un primo momento tutte le forme di autorità e di magistero legate alla Chiesa di sempre erano state criticate, ora che i posti chiave sono in mano modernista, vedrete che anche le autorità ecclesiali riprenderanno a governare.

Peccato che lo faranno su presupposti erronei...


Purtroppo le forze moderniste non sono solo nelle gerarchie (sì, è vero, ormai scopertamente tali). Purtroppo l'inquinamento ha raggiunto limiti di guardia.

Temo anch'io comunque ciò che prefigura Viandante.

Ricordiamo la novena a S. Michele Arcangelo e preghiamo..

Luisa ha detto...

Immagino che se mic ha riportato qui le esternazioni di quel acerrimo e caricaturale nemico della FSSPX è anche per sottolineare i placet che ottiene da chi si reclama della Tradizione (non è il suo caso visto che secondo il suo dire ha scoperto la Santa Messa Antica con il SP, ma su internet si puÒ dire di tutto e anche mentire spudoratamente), se i rappresentanti quasi professionisti della Tradizione danno spazio e anche applaudono chi vomita la FSSPX non hanno forse chiaro alla mente che se la Santa Messa di sempre è ancora viva lo devono anche alla FSSPX.
Detto questo è effettivamente preferibile riparmiare a questo spazio, riportandole, le esternazioni compulsive, livorose e prevedibili di quel blogger, chi desidera leggerlo sa dove andare.

don Camillo ha detto...

Serriamo i ranghi e andiamo avanti! restiamo saldi nella vera Fede, questa prova per la Chiesa non durerà ancora molto!

notte ha detto...

non durerà molto, davvero ?
beh vorrei avere anch'io la stessa certezza...ma su quali elementi si basa don Camillo per valutare il tempo rimanente ? per certi versi pare che siamo solo all'inizio della fase più gravosa dello stravolgimento di Fede e Dottrina cattolica, (con persecuzioni massive dei veri cattolici, aderenti o non- alla FSSPX), dal momento che le pecore al 99% hanno preso coscienza solo da poco (grazie ad internet, bisogna dirlo) di ciò che il "Potere" sta combinando sulle nostre povere teste da 50 anni....
a volte vorrei fare come la Notte di Michelangelo:

Caro m'è 'l sonno e più l'esser di sasso
mentre che'l danno e la vergogna dura;
non veder, non sentir n'è gran ventura;
però non mi destar......
.....deh, parla basso !

----------
(vi prego, svegliatemi solo quando sorgerà l'alba sicura del nuovo "giorno" della Chiesa, finalmente purificata e liberata da questo orrendo incubo cinquantennale che sembra non aver fine....
per ora meglio dormire: occhio non vede, cuore non duole !)
:(

mic ha detto...

per ora meglio dormire: occhio non vede, cuore non duole !)

E, invece, stiamo vegliando e pregando, nell'orto degli ulivi, insieme al Signore per non cadere negli inganni...
Ma Lui è Risorto e noi in Lui, anche se "già e non ancora". C'è il camino di purificazione e di fedeltà ancora da compiere.

notte ha detto...

son d'accordo, Mic, sulla purificazione (....infatti ho scritto che devono ancora verificarsi le persecuzioni massive dei cattolici autentici.....);
ma per un attimo ho provato a parlare secondo la mens di coloro che - o per il tedio e lo scoraggiamento protratto, o anche per testardo ottimismo, o per non voler soffrire davanti alla dura realtà, che è proprio "Calvario", (ora e ancora per molto, a mio avviso), preferiscono chiudere gli occhi, sognare che "tutto si aggiusta senza soffrire" o mettersi gli occhiali rosa, con lo stesso intento....)
(ho rappresentato così un diffuso stato d'animo e il tentativo di "fuga nel sonno della ragione", un sistema di auto-illusione a cui ricorrono numerosissimi cattolici odierni, anche convinti di essere disincantati e "preparati a tutto"; la tentazione di fuggire la realtà "dormendo" per attutire dolore, disgusto e/o terrore, è più diffusa di quel che si pensa, e la sperimentarono anche i discepoli in quell'ora di tenebre dell'anno 33; ora tocca alla Chiesa vivere quella stessa ora tenebrosa del suo Fondatore, in una misura senza precedenti...ma la maggior parte dei cattolici nel mondo non se ne rende conto, io temo, e ciò aggrava i contorni della tragica "passio" inedita in 2000 anni....)

un cattolico attento....molto attento ha detto...

hanno preso coscienza solo da poco (grazie ad internet, bisogna dirlo) di ciò che il "Potere" sta combinando sulle nostre povere teste da 50 anni....

******************

Si e spero prendano sempre più coscienza, di quanti blog cosidetti tradizionalisti, in realtà siano gestiti dal "potere" modernista.

Riguardo la FSSPX mi sono fatto l'idea, che è veramente quello che resta della Chiesa Apostolica Romana militante e che da sempre, malgrado le atroci diffamazioni che continua a subire, da conto della propria fede (conservandola e trasmettendola), senza nessun rispetto umano.

Internet è per un certo senso ha reso pubblico, ciò che prima non si poteva sapere. Mi riferisco al primo "accordo" del 1988, quando Mons. Lefebvre era stato preso in giro ancora una volta dai poteri occulti modernisti. Al momento della firma, gli hanno cambiato le carte in tavola, come è successo ora dopo 6 mesi di "colloqui".

Allora la propaganda occulta modernista accusò Mons.Lefebvre di essere colpevole. Oggi GRAZIE a persone corrette e oneste, che hanno seguito sin dall'inizio la causa dei "colloqui" si sono resi conto che ROMA MENTE e sta giocando con la salvezza delle anime.

Alcuni blogger, da tempo hanno capito che molti siti che si nascondono dietro sigle che richiamano alla Tradizione, in realtà altro non sono che inganni del potere modernista.

Non c'è che dire, sono pieni di malizia e alcuni di loro sono gestiti da "sacerdoti" come quello che avevo segnalato tempo fa. Sicuramente appartengono a groppuscoli finti tradizionalisti post conciliari, accordatisi con la menszogna e con gli errori uno fra tutti la FSP che anche io ritengo molto pericolosa, per la conservazione della vera fede e quindi della verità.


Come si fa infatti servire due padroni? Sono "tradizionalisti" ma hanno accettato il concilio vaticano II, che ha distrutto la fede e ci ha portato all'apostasia? Come si fa ad essere credibili? Tutto per essere reintegrati, ma scusate reintegrati da chi e da che cosa, se poi appoggiano l'errore e MAI dico MAI condannano il nefasto CVII? A buon conto, il fedele non è una marionetta e saprà riconoscere.

Alcuni beoti compiacenti e complici, dicono che per aiutare la Chiesa e la lotta contro gli errori, lo si deve fare dentro la Chiesa e non fuori come la FSSPX. A parte il fatto che la FSPX E' parte della vera Chiesa cattolica, non si capisce come in questa terribile situazione dove il potere è in mano ai modernisti, uno da dentro possa fare qualcosa.

Si dimenticano forse i pseudo obbedienti, che il sacerdote deve sottostare al suo superiore? E se questo superiore OBBLIGA a predicare l'errore, come farà il buon sacerdote a salvare le anime? Questo determinerà, un abuso psicologico al buon sacerdote, che avrà molto da soffrire e si vedrà costretto a lasciare se non vorrà ammalarsi di esaurimento nervoso.

Vi ricordate la vicenda di quel sacerdote diocesano che dopo anni di sofferenze in diocesi, per fare il sacerdote ha dovuto abbandonare la sua parrocchia, ed è entrato nella FSSPX?
Ecco, avevo letto che lui si sentiva lacerato dentro e stava per abbandonare il sacrdozio.

Dietro a questi barbatrucchi modernisti,si celano menti che con livore ed inganno pensano a loro volta di ingannare e di distogliere i fedeli dalla realtà, temendo che questi accortosi dell' eresia modernista vaticanosecondista, possano scoprire chi è VERAMENTE la FSSPX, che cosa ci ha preservato della nostra vera Chiesa, e con ciò dare un calcio negli stinchi a questi mentitori e accaniti persecutori dell'unica parte di vera Chiesa rimasta incontaminata dal modernismo, la quale bisogna dirlo, malgrado tutto ciò che ha passato e che prossimamente passerà ha continuato a lottare indomita, contro il dragone infernale del modernismo e dei suoi adepti.

un cattolico attento....molto attento ha detto...

Chi non riesce a cogliere queste realtà più o meno celate, non si è ancora svegliato dal torpore in cui ci hanno costretti.

Il caporalato modernista prima o poi finirà, ma prima che ciò avvenga ci sarà molto da soffrire, in primo luogo per la Fraternità e per cui chiedo ai veri cattolici apostolici romani di ricordarla nelle loro preghiere.

Inoltre pregare tanto che Cristo abbia pietà della sua Chiesa e che ci doni un Successore di Pietro, che possa condannare ed eventualmente scomunicare, come fu in passato predecessori che hanno collaborato e appoggiato errori ed eresie, le quali hanno fatto perdere molte anime.

mic ha detto...

ho rappresentato così un diffuso stato d'animo e il tentativo di "fuga nel sonno della ragione", un sistema di auto-illusione a cui ricorrono numerosissimi cattolici odierni, anche convinti di essere disincantati e "preparati a tutto"; la tentazione di fuggire la realtà "dormendo" per attutire dolore, disgusto e/o terrore, è più diffusa di quel che si pensa

Sì, purtroppo stiamo assistendo anche a questo fenomeno.

E poi ci sono la maggioranza di fedeli ignari e di persone ancora non evangelizzate che o non lo saranno mai o lo saranno in maniera sviata e distorta. Questa è la cosa che mi fa più soffrire!

don Camillo ha detto...

non durerà molto, davvero ?
beh vorrei avere anch'io la stessa certezza...ma su quali elementi si basa don Camillo per valutare il tempo rimanente ?


In base alla storia della Chiesa, e all'esperienza che ho nella cura delle anime. Questa prova il Signore l'ha permessa per la salvezza di tutti! Ringraziamo il Signore piuttosto perchè ora sappiamo cosa c'è nel cuore di J. Ratzinger, aspettando di conoscere la sentenza, se ci sarà, di Piero: Benedetto XVI!

Thibaud ha detto...

Alcuni beoti compiacenti e complici, dicono che per aiutare la Chiesa e la lotta contro gli errori, lo si deve fare dentro la Chiesa e non fuori come la FSSPX. A parte il fatto che la FSPX E' parte della vera Chiesa cattolica, non si capisce come in questa terribile situazione dove il potere è in mano ai modernisti, uno da dentro possa fare qualcosa.

**********************++

Caro Cattolico attento, convengo su quanto ha scritto.

In effetti mi chiedo, a quale livello di perversione ed imbeccillità, alcune persone siano cadute.
Non si è mai visto che un luogo assediato dai rapinatori, i quali che tengono in ostaggio, persone legate ed imbavagliate, come queste a loro volta così conciate, possano procedere alla loro liberazione, senza un miracolo o un' irruzione delle Teste di Cuoio che provengono dall'esterno.

Il Papa non mostra segni evidenti di vero cambiamento, tutto procede secondo il progetto di dogmatizzazione idel vaticano II.

Ciò che ha scritto di suo pugno a Mons. Fellay, riguardi agli "accordi" prendere o lasciare, significa che lui come Successore di Pietro, sta collaborando con gli erranti e con gli errori. Solo persone disoneste e truffatori non lo vogliono ammettere. Cercano di nascondere, distruggere le prove di questo delitto alla fede, ma non tutti sono disposti ad accettare questa triste realtà.

Mi è molto piaciuto il commentatore che ha ricordato ciò che S. Bellarmino disse a proposito della VERA UBBIDIENZA, e che è veramente ciò che la FSPX, mette in atto da sempre a quanto pare.....

La nomina di Muller alla Congregazione della Fede è stato un grosso segnale, da parte del Papa, non vi sono dubbi a proposito.

Se fosse ostaggio e se contro la sua volontà, è costretto a fare ciò che non vuole, per l'enorme responsabilità che ricopre, dovrebbe dare dei segnali forti.

Il Papa E'consapevole che il suo Primato e quindi il potere decisionale è stato detronizzato dalla colleggialità, dall'ecumenismo che lui stesso appoggia e che è contenuto nel vaticano II?

Se si, allora non vi sono altri commenti da fare, se non quelli di continuare a DENUNCIARE i nemici della Chiesa che sono al potere e che vanno smascherati senza se e senza ma.

La segnalazione di molti blog criptotradizionalisti, la condivido appieno.

Anonimo ha detto...

Ringraziamo il Signore piuttosto perchè ora sappiamo cosa c'è nel cuore di J. Ratzinger

Una frase, estrapolata da un fantomatica lettera ‘svelata’ in anticipo rispetto al destinatario (e va bè, chi se ne frega), solo quella frase basta a ‘sapere’? Beati voi! Così va il mondo, e così va la chiesa.
g.

Anonimo ha detto...

il g. qua sopra è sicuramente quel poveraccio di gigi su MIl che, ha accusato la FSSPX, essere una setta ereticale. Da che pulpito!!!

Una cosa sola, vergognati e sciacquati la bocca che è piena di detriti mortiferi.

Concordo con Thibaud. Ottimo l'esempio dei rapinatori con gli ostaggi legati ed imbavagliati.

rtm