venerdì 12 luglio 2019

La somiglianza tra quanto descritto da Orwell e quanto accade oggi è impressionante.

Nell’estate del 1949 il mondo della cultura britannica viene sorpreso dall’uscita di un romanzo il cui titolo è semplicemente una data: 1984. Il romanzo uscito esattamente settant’anni fa ci mostra uno scenario di mondo futuro dominato da un totalitarismo cupo e terribile, che muta il linguaggio e che porta al pensiero unico. La somiglianza tra quanto descritto da Orwell e quanto accade oggi è impressionante. Nella società descritta da Orwell il dominio viene esercitato attraverso la scrittura e soprattutto la riscrittura, la codifica e ri-codifica del linguaggio, fino ad arrivare alla elaborazione di una “neo-lingua”: alcuni termini non devono essere più usati, alcuni significati vengono completamente sconvolti. Come in tutte le utopie, anche in quest’opera letteraria c’è un po’ di preveggenza. Orwell sembra aver profetizzato l’odierna ossessione per il “politicamente corretto” nel linguaggio, che porta spesso a esiti grotteschi. La somiglianza tra quanto descritto da Orwell e quanto accade oggi è impressionante. L’obiettivo del Potere è, in ultima analisi, il completo controllo del pensiero e della coscienza. L’obiettivo è giungere ad un pensiero unico. Uno scenario che aveva lucidamente intravisto anche Guareschi, soprattutto negli ultimi anni della sua vita. Orwell aveva raccontato inoltre ciò che capita a chi non si adegua alla cultura dominante, dove scattano le sanzioni per quello che viene definito psicoreato, ovvero. La colpa di pensare con la propria testa, di usare la propria coscienza anziché quella immateriale, collettiva. Ciò che Guareschi, con il suo umorismo, aveva definito “portare il cervello all’ammasso”. “Chi controlla il passato controlla il futuro, e chi controlla il presente controlla il passato”, recita uno degli slogan del Partito. Un antidoto a questo potere è dunque la memoria. La memoria contro la dimenticanza, che è invece uno degli strumenti del Grande Fratello. Una grande lezione, che dopo settant’anni è più vera e importante che mai. (P.Gulisano)

48 commenti:

Anonimo ha detto...

Va bene, è vero, lo sappiamo. E quindi? Possiamo andare avanti e parlare di cose interessanti?

Anonimo ha detto...

Esplode il Russiagate. Ma ci sono troppe cose che non convincono dello scoop di Buzzfeed. Potrebbe esserci una regia internazionale per incidere e orientare gli equilibri politici del nostro Paese. E l’ascesa di Salvini in questa fase potrebbe scombinare i piani di quanti vogliono mettere le mani su aziende italiane decotte e interessi nazionali di vario tipo.

Anonimo ha detto...

http://lanuovabq.it/it/russiagate-ce-puzza-di-regia-internazionale

mic ha detto...

Va bene, è vero, lo sappiamo. E quindi? Possiamo andare avanti e parlare di cose interessanti?

Se ne fossero consapevoli tutti non ci troveremmo in questa situazione. Per questo credo che sia bene continuare a parlarne.
Perché oltre che critici non essere propositivi? Dunque ci introduca un tema interessante...

Anonimo ha detto...

Progetto allora..oggi attuato, significa che egli aveva udito-visto qualcosa in merito nella sua breve vita piuttosto variegata, nella fattoria degli animali la rivoluzione è capeggiata dai maiali"tutti gli animali sono uguali ma alcuni animali sono più uguali degli altri". Il potere del sangue del potere multinazionale che dirige dietro le quinte ed attraverso un video dirige i cervelli ed occhieggia ovunque. Ma la resistenza cattolica andava estirpata perché renitente ed allora anche un capo visibile ecumenista ci voleva. 1984-1948 dopo 70 anni deve partire la riscossa. Pio XII farà la consacrazione della Russia, da solo, nel 1952, ma sarà tardi ormai, come aveva predetto la Madonna, il comunismo si era ormai diffuso in tutto il mondo, incluso il Vaticano ove un certo Roncalli filocomunista farà sbandierare la bandiera rossa censurando ogni condanna in merito allo stesso.
Accordo di Metz in Francia, vaticano-Mosca.
https://www.lastampa.it/2011/09/21/vaticaninsider/il-comunismo-assente-dal-concilio-t0j8J6h3zbilXTySJ2C52K/pagina.html

Catholicus ha detto...

Bene Mic, parlarne, più che interessante, è necessario, visto come sono state anestetizzate e decerebrate le masse dalla massoneria imperante, politica ed ecclesiastica. Urge sconfiggerli prima possibile, siamo al capolinea della storia.

mic ha detto...

visto come sono state anestetizzate e decerebrate le masse dalla massoneria imperante, politica ed ecclesiastica.

È riduttivo e fuorviante chiamare in causa ad ogni piè sospinto la massoneria, che di certo ha le sue responsabilità, ma è solo una delle facce del moloch anticristico che attraversa la storia....

Anonimo ha detto...

A me Orwell sembra molto interessante come argomento di riflessione.

Un nome una garanzia: Carola
http://www.ilgiornale.it/news/cronache/i-francesi-premiano-rackete-scoppia-lira-salvini-1725414.html

Vargas Llosa scrittore peruviano ultraliberista propone la signorina teutonica per il premio Nobel. Se lo hanno dato a lui, perché no?
Sarà una dura lotta tra Greta e Carola.
https://www.liberoquotidiano.it/news/personaggi/13481801/carola-rackete-premio-nobel-proposta-vargas-llosa.html
“Quando le leggi sono irrazionali e disumane, è un dovere morale disobbedire, come ha fatto Carola Rackete. La tedesca ha seguito le migliori tradizioni dell’Occidente democratico e liberale, ai cui antipodi si trova la Lega e il suo leader”. Lo scrittore Mario Vargas LLosa sulle pagine di El Pais vorrebbe dare la candidatura al Nobel per la capitana della Sea Watch.

Anonimo ha detto...

a proposito di massoneria ecclesiastica ormai protestantizzata, agghiacciante vicenda
raccontata da Aldo Maria Valli. Mi chiedo quanti sono i preti e i vescovi che non credono più alla presenza reale?

https://www.aldomariavalli.it/2019/07/12/se-il-parroco-non-crede-alla-presenza-reale-di-cristo-nelleucaristia/

Al centro di numerose tra le testimonianze che stanno arrivando a Duc in altum in merito alla formazione, spesso distorta o parziale, che si riceve nei seminari c’è una questione assolutamente prioritaria per la vita di fede e per la Chiesa stessa: l’Eucaristia. Ciò che emerge dai racconti è che a volte nei seminari prevale una visione più protestante che cattolica, al punto che si arriva a mettere apertamente in discussione la dottrina ufficiale cattolica circa la presenza reale di Cristo nel sacramento eucaristico. Poi i seminaristi diventano preti, diventano cappellani, parroci, vanno in mezzo ai fedeli e…

In proposito ho ricevuto una testimonianza che mi è sembrata significativa. Riguarda una parrocchia del Nord Italia e i fatti che mi sono stati narrati , e che proverò a riassumere, vedono protagonista una fedele (la chiameremo Maria) la quale, partecipando alle Sante Messe, si rende conto che nella liturgia e nella predicazione avvengono alcune stranezze: parole del Vangelo cambiate arbitrariamente, invenzioni nelle preghiere.

Maria ci resta male ma, nella speranza che la situazione migliori, evita di chiedere spiegazioni. Cosa dalla quale però non può esimersi quando, una domenica, nella Messa per il gruppo scout, il cappellano dice: “E ricordate: il pane e il vino che vedete là sull’altare sono per noi un simbolo, una presenza spirituale.”

Un simbolo? Una presenza spirituale? La signora non crede alle proprie orecchie. Chiede agli altri fedeli e riceve conferma: il celebrante ha detto proprio così. Inevitabile, questa volta, è riferire al parroco, il quale però reagisce a muso duro: “Se io faccio l’analisi chimica della particola, quali molecole, quali composti chimici trovo?”.

“Ma, i miracoli eucaristici…” prova a obiettare Maria.

“Oh! Quelli – riprende il parroco – si contano sulle dita di una mano! Tu rispondimi a questo: che molecole trovo?”

“Immagino molecole del pane…”.

“Ecco. Il pane resta pane, ma con la sostanza di Gesù, che ognuno di noi impara a riconoscere grazie alle proprie esperienze di vita. Come un fiore è simbolo dell’amore di un uomo per una donna, così il pane è simbolo dell’amore di Gesù per noi”.

Insomma, in sintesi: niente presenza reale; il pane non diventa Corpo di Cristo, né il vino Sangue del Signore. No: essi sono un simbolo della sua presenza spirituale, della sua sostanza immateriale. Infatti, aggiunge il parroco, “quando si spezza l’ostia, non si spezzano le braccine e le gambine di Gesù.”

La signora è talmente basita da non trovare le parole. Ma allora che fine ha fatto tutto ciò che la Chiesa cattolica ha sempre insegnato? Che fine ha fatto la dottrina secondo cui il pane e il vino, pur mantenendo l’aspetto di pane e di vino, dopo la preghiera eucaristica divengono il corpo e il sangue di Cristo?

Superato lo smarrimento, la signora prova a replicare parlando della transustanziazione e chiedendo se sia ancora un dogma o se qualcosa, per caso, sia cambiato ultimamente, ma il parroco taglia corto: “Transustanziazione è una parola inventata nel Medioevo e che prima non esisteva”.

Anonimo ha detto...

https://www.aldomariavalli.it/2019/07/12/se-il-parroco-non-crede-alla-presenza-reale-di-cristo-nelleucaristia/

Maria decide allora, sia pure a malincuore, di scrivere al vescovo, chiedendogli di dire una parola chiara, specie sull’Eucaristia. Ma non riceve risposta.

Ho sintetizzato notevolmente il racconto e spero di non averne tradito il senso. Molti altri sono i dettagli che andrebbero messi in evidenza circa la vita di fede in quella parrocchia. Per esempio Maria riferisce di una catechista che ai bambini delle elementari racconta favole con gnomi, fate, elfi e magie varie; di un’altra che spiega ai bambini che il pane e il vino, dopo la consacrazione, “restano pane e vino”; del parroco che raccomanda alle catechiste di non parlare mai del peccato e della colpa, “altrimenti i bambini si spaventano; di un pastore luterano invitato alla Messa e del parroco che gli dà la parola e, per obbligare i fedeli ad ascoltarlo, impartisce la benedizione solo dopo il lungo sermone dell’ospite.

Resta la domanda di fondo: quanto c’è di veramente cattolico in tante comunità che ormai, forse, sono cattoliche solo di nome? E qual è il futuro della Chiesa dal momento che l’Eucaristia (“fonte e culmine di tutta la vita cristiana”, come ricorda il Catechismo) è trattata in questo modo?

irina ha detto...

Da parte della chiesa sarebbe stata necessaria una resistenza maschia, che non c'è stata. Per esempio Ricciotti, che conosco attraverso la sua 'Vita di Gesù', anche solo leggendo avverti il credente, la persona colta ed in particolare l'uomo che ha vinto i tiranni e può, con una sola parola, sorridere delle solite miserie umane.

Stephen Neville ha detto...

Invito chi esorta ad “andare avanti” e a “parlare di cose più interessanti” a:

1. definire le sue strategie di azione per “andare avanti” e combattere il Grande Fratello (ci spieghi come si fa, visto che è così bravo: per quanto mi riguarda, lo ignoro e penso quindi che ne trarrei sicuramente beneficio);

2. definire cosa intende con la vaga espressione “cose più interessanti”. Forse allude alla mistica gnostica, o alla Gazzetta dello Sport, o alla gnocca, o all’attivismo politico, ma finché non ce lo spiega non si capisce a cosa si riferisca.

Sulla massoneria e sul peso della sua infiltrazione dentro la e fuori dalla Chiesa, cara mic, mi permetta di dissentire: per quanto essa sia solo una delle sette teste del mostro dell’Apocalisse e – in fin dei conti – “solo” un burattino del demonio che le sta al di sopra, è pur sempre un potere satanico da non sottovalutare. Sicuramente il controllo della (ormai cosiddetta) informazione e della (cosiddetta) educazione, per esempio, passa attraverso le sue mani. Per non parlare di politica, finanza, lobby episcopali e vescovo di Roma.

mic ha detto...

Sulla massoneria e sul peso della sua infiltrazione dentro la e fuori dalla Chiesa, cara mic, mi permetta di dissentire:

Capisco e accolgo il dissenso. Infatti non intendevo sottovalutarla, ma mettere in risalto che attribuire così genericamente alla massoneria ogni responsabilità non permette di valutare con realismo le cause e gli effetti di tutte le poderose ramificazione del male in questo nostro tempo.

Anonimo ha detto...

Giuliano Guzzo: La Civiltà Cattolica oggi esalta la Bibbia come libro di «storie di migranti», i cui i pionieri sarebbero stati Adamo ed Eva. Se ne dovrebbe dedurre che chi emigra è gravemente peccatore, dato che i nostri progenitori «migrarono» perché cacciati da Dio - rilievo banale ma non contemplato, a quanto pare, da certi cervelloni. A parte questo, rattrista la condizione del pensiero cattolico, che avrebbe tutti i numeri per confrontarsi alla pari con la cultura contemporanea - smascherandone le innumerevoli fallacie -, e invece ne sta diventando sempre più una penosa caricatura.

Anonimo ha detto...

Quando il servilismo raggiunge la bestemmia! (Riccardo Zenobi)

Anonimo ha detto...

Per Carola Rackete, arriva la medaglia d’onore del Comune di Parigi. E potrebbe essere invitata all’Europarlamento. Qualcosa non quadra né in Francia né in Europa...

Japhet ha detto...

Carola viene premiata per aver salvato i migranti che la Francia cacvia a pedate se cercano di oltrepassare Ventimiglia.

Anonimo ha detto...

E anche qui Orwell c'entra.

“Carola Rackete, Notre Dame de l’Europe”. E dietro lo striscione affisso sul ponte dell'Arcivescovado di Parigi la cattedrale di Notre Dame distrutta dall’incendio. Qui c’è tutta la stupidità francese e la miseria di quel telaio psicologico europeo che è l’umanitarismo che li spinge ad accostare la devastazione di quell’immenso patrimonio cristiano a chi lavora per distruggere la coesione dei paesi europei. È entropia. È una profanazione che incarna l'impetuosa e suicida corsa alla mediocrità, all’egocentrismo, alla futilità, all’infantilismo e alla decadenza dell’Occidente. Notre Dame brucia!
(Giulio Meotti)

Anonimo ha detto...


"La transustanziazione è una parola inventata nel Medio Evo, che prima non esisteva"

E' lo stesso argomento di Lutero. La parola, anzi il concetto che essa contiene, fu adottato perché si vide che spiegava nel migliore dei modi ciò che si era sempre creduto, si intende ciò che si era sempre creduto in senso ortodosso, sin dall'inizio.
Il termine lo usa Innocenzo III in una Epistola del 29 nov 1202 ("quaesivit siquidem quis formae verborum quam ipse Christus expressit, cum in corpus et sanguinem suum panem transsubstantiavit et vinum, [cum] illud in canone Missae, quo Ecclesia utitur generalis, adiecerit, quod nullus Evangelistarum legitur expressisse...).(DS 414/782).
Lo troviamo poi usato in una definizioen dogmatica contro gli errori di Catari e Albigesi, nel IV Concilio Ecumenico Lateranense (11-30 nov 1215), un Concilio molto importante, che condannò anche gli errori di Gioacchino da Fiore, dei Valdesi eretici, e "la superbia dei Greci contro i Latini".
Passo: "Una vero est fidelium universalis Ecclesia, extra quam nullus omnino salvatur, in qua idem ipse sacerdos est sacrificium Iesus Christus, cuius corpus et sanguis in sacramento altaris sub speciebus panis et vini veraciter continentur, transsubstantiatis pane in corpus, et vino in sanguinem potestate divina: ut ad perficiendum mysterium unitatis accipiamus ipsi de suo, quod accepit ipse de nostro..."(DS 430/802)
Il sacerdote che rigetta la transustanziazione, scimmiottando Lutero, si comporta da eretico. Propala eresie e andrebbe corretto e poi evitato, se insiste.
Z.

Anonimo ha detto...

La Botteri al Tg1 ha parlato del sequestro della nave cargo MSC Gayane che trasportava 15 tonnellate di cocaina. Ha omesso un piccolo dettaglio: la nave è della banca d'affari JP Morgan. Gli italiani non devono sapere chi è coinvolto davvero nel traffico di droga.

Japhet ha detto...

Carola Rackete, querele e medaglie oltre ogni ridicolo...

Anonimo ha detto...

...ridicolo? Prima di tutto assurdo!

Anonimo ha detto...

Come stornare l'attenzione dei media dagli orrori di Bibbiano, Forteto dal LGTB E dai sindaci PD collusi, complici?
Rubli-gate...

Anonimo ha detto...

GRAZIE POLONIA
In Svezia due bambine portate via ad una coppia russa perché lei ha avuto un esaurimento e lui ha perso il lavoro.
Gli assistenti sociali svedesi danno in affido le due bambine ad una famiglia mussulmana rigidamente praticante e distante 400 km.
Il padre una volta alla settimana e per sole 6 ore avrebbe potuto vedere le figlie a prezzo di fare 400 km di andata e di ritorno mentre le bambine venivano educate nel clima del fanatismo salafita.
Il padre non si perde d'animo e libera le sue bambine poi scappa verso la Polonia dove chiede asilo come rifugiato. Mai come stavolta un rifugiato autentico.
Ma gli svedesi chiedono l'estradizione del padre affinché possa essere sbattuto in galera e le bambine riportate alla coppia musulmana.
Lieto fine: un giudice a Varsavia nega ovviamente l'estradizione riconosce lo status di rifugiato al padre e gli trova anche un lavoro.

Un valoroso padre russo un giudice giusto a Varsavia: questa è l'Europa che amiamo.

Anonimo ha detto...

L'inchiesta sui rubli alla Lega puzza lontano un miglio di marchetta. L'ennesima marchetta che la magistratura italiana sta facendo alla Potenza Occupante. Non si tratta soltanto di colpire la Lega (cosa che a certa magistratura ideologizzata può piacere a prescindere), ma soprattutto di colpire l'ala filorussa (o, per meglio dire, anti-atlantista) della Lega. Occorre colpire chi costruisce ponti con Mosca, neutralizzarlo per "normalizzare" in senso filoamericano il leghismo. Quindi non solo colpire la Lega, ma favorire i suoi "normalizzatori" interni, l'ala americanista.
E' dal 1992 in poi che chi non piace del tutto alla Potenza Occupante paga pegno in tribunale. Che Di Pietro (che poi come politico seppe invece dimostrare un minimo di autonomia sulla questione libica ) si consultasse costantemente con il console americano a Milano non è un'illazione, ma un fatto. La Potenza Occupante, Trump o non Trump cambia poco, non può accettare che il primo partito d'Italia metta in discussione anche lontanamente quell'Alleanza atlantica che ci ha cacciato (tra le altre nequizie) nel baratro libico. Quindi sono stati messi in moto i servizi segreti (anche se non è chiaro se quelli italiani), la stampa (a cominciare da L'Espresso del massone De Benedetti, che per primo sollevò la questione ) e poi la magistratura, per montare il caso del rubli al Carroccio. L'Europa non sarà mai libera se non si sgancerà dagli yankee. Ma loro faranno sempre di tutto per impedirlo.
Martino Mora

Anonimo ha detto...

Come ci vedono oltreoceano:

https://oltrelalinea.news/2019/06/09/la-politicizzazione-della-chiesa-europea/amp/

Da Fb ha detto...

Scrivere su FB che i fatti di Bibbiano sono idealmente accostabili a quelli di Forteto - essendo frutto della medesima logica omosessuale moralmente deviata, pervertita e politicamente protetta dalla sinistra ideologica, i cui devastanti esiti sui soggetti più deboli ed inconsapevoli (quali sono i bambini) vengono sottaciuti dalla stampa allineata con l'ideologia post-sessantottina, post-moderna e neo-pagana, vale 30 giorni di esilio da Facebook e la cancellazione delle considerazioni sopra esposte.

Sappiatelo!!

Anonimo ha detto...

Siamo solo alla fase "radicale" della finestra di Overton. Su alcuni argomenti sono già ben oltre... Ma ci arriveremo.

so' ragazzi...dodicenni ha detto...

Traffico di eroina in chiesa: arrestati sei migranti
Cinque giovani del Gambia e uno del Mali avevano trasformato la chiesa in Torre Angela (Roma) in un quartier generale per nascondere la droga

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/traffico-eroina-chiesa-arrestati-sei-migranti-1724696.html

Rr ha detto...

Anonimo13.56,
la Potenza Occupante o la Potenza che occupa la Potenza Occupante ?
Il “deep state”, lo “ swamp” di Washington, che già ha tentato con Trump, ora ricicla la stessa storia con la Lega. Ci son riusciti con l'FPO austriaco (poco furbi gli Austriaci), sperano ci riescano con la Lega. Ed intanto continuano a martellare i maroni degli Americani, e non solo, col Mueller gate .
E non vorrei che anche le nuove indagini e disastri giudiziari di Epstein (un “affaire” che conosco da tempo) fossero, obliquamente, un mezzo pur arrivare sempre a Trump.
Oppure Epstein, invece di starsene buono buono ed in disparte, ha messo le mani addosso a qualcuna che non si doveva neanche sfiorare. Cfr Weinstein.
RR
PS: Epstein è un altro che avrebbe fatto fortuna con Der Sturmer...

Rr ha detto...

Anni fa venne inaugurato la nuova sede della BBC, e volevano porre uan statua di Orwell, che per anni vi aveva lavorato, davanti all’ingresso principale. I giornalisti non la vollero, perché sec.loro lo scrittore era poco PC, politically correct.
Qualcuno allora commentò che i giornalisti BBC avevano si letto “1984”, ma non come denuncia di un sistema, ma come manuale d’istruzioni per instaurarlo e mantenerlo, essendo ormai la BBC la British Bolshevik Company.
E purtroppo ogni giorno che passa la distonia proferica di George si avvera sempre più. Ed anche per la “Chiesa” 2+2=5.
RR

Silente ha detto...

Riguardo ai presunti, molto presunti finanziamenti russi alla Lega, riguardo ai quali non c'è uno straccio di prova, se non dubbi file audio/video e ancor più dubbie "trascrizioni" (da parte di chi?), voglio essere paradossale: anche se fossero veri (ma ovviamente non lo sono), che male ci sarebbe? Forse che gli USA non hanno finanziato il golpe antirusso in Ucraina e decine di azioni di sovversioni nel mondo? Che male ci sarebbe se la Russia finanziasse le "forze del bene" in Europa?
Poi, voglio ricordare che in Italia c'è un caso di finanziamento conclamato, anzi rivendicato dalle parti: quello del sovversivo internazionale Georges Soros, che ha foraggiato tutta la malvagità possibile al mondo (abortismo, omosessualismo, antirazzismo, antifascismo, immigrazionismo e via disgustando), alla signora Bonino. Duecentomila euri incassati da +Europa, il partitucolo della signora "pompa di bicicletta" (vi ricordate i suoi dichiarati diecimila aborti procurati?). Questo è lo scandalo. Un partito, +Europa appunto, privo di ogni legittimazione popolare, impegnato nella difesa ad oltranza di quella associazione a delinquere che è l'Unione Europea e nella costante aggressione e negazione dell'idea di sovranità nazionale che riceve finanziamenti da un noto corruttore internazionale. Ma per la magistratura rossa nessun problema. Ovviamente non c'è alcun fumus di "corruzione internazionale".
Avremo buona memoria per ricordarcene per i prossimi anni?
Silente

Anonimo ha detto...


"L'Alleanza Atlantica ci ha cacciato nel disastro libico"

La Germania si tenne fuori dalla Libia, o no? Berlusconi, allora al governo,
all'inizio si tenne correttamente fuori, anche perché avevamo un trattato di amicizia
con la Libia, dopo il famoso scambio di visite tra lui e Gheddafi. Poi però
si lasciò trascinare all'intervento. Perché non resistette?
Bisognava dimostrare di avere delle qualità di uomo di Stato che evidentemente
il Silvio non possedeva.
L'Italia è comunque vaso di coccio, serve da base o da scacchiere aggiunto
per le guerre condotte in prevalenza
da altri (vedi Bosnia, Cossovo, Balcani, M. Oriente) venendo coinvolta senza volerlo.
E' così da secoli. Per impedirlo, ci vorrebbe un'altra classe dirigente.

Aloisius ha detto...

Mi sembra evidente che sia iniziata una vera e propria guerra contro l'Italia.
Non si invade piu' con i carri armati, non si gettano bombe, sono vecchi metodi, oggi non si lavora piu' cosi, si lavora in modo raffinato.

La premiazione della Rackete e la sua prossima audizione al Parlamento europeo lo dimostrano.
Il fatto e' gravissimo, uno schiaffo peggiore di quello datoci dalla politicante di sinistra che, purtroppo, fa il magistrato, che ha giustificato un' inammissibile violazione della legge italiana e della incolumità degli agenti della GdF.

Questa glorificazione di Carola e' un gesto di tracotanza, una beffa, un insulto all'Italia da far ribollire il sangue.
Un'alleanza internazionale guidata dalla arrogante e sempre piu' nemica Francia, con alla base la sinistra "fucsia'" alleata con l'alta finanza, come la definisce correttamente il professore comunista Fusaro.
L'Europa, con questo atto di gloria tributato alla Rackete, manifesta la volontà di imporre all'Italia l'invasione di migranti, pur avendo tutto il diritto di tutelare i confini e regolare i flussi di migranti, soprattutto clandestini.

E' trionfo dell'ipocrisia tipica della sinistra e delle istituzioni europee guidate dalla finanza senza morale e senza regole, istituzioni alle quali abbiamo persino ceduto la nostra sovranità e che guidano l'Europa con un sistema usuraio.
Cravattari che, di fronte a un mezzo governo, che per meta' non vuole piegare la testa, hanno deciso di darci una bella strizzata al collo, come fanno i criminali usurai delle periferie romane, sebbene più brutali e rozzi.

Francia, Spagna, Germania, Olanda, ovviamente, possono chiudere i loro porti, sedare e legare i migranti, superare il nostro confine per buttarli da noi con sommo disprezzo di quei disperati e xell'Italia, o abbandonarli nel bosco.
Basti pensare al socialista spagnolo Sanchez, che sanziona le navi delle ong non autorizzate con multe sino a 900.000,00€, o a Francia, Germania e Olanda, che chiudono i loro porti, invadono i nostri confini, rifiutano di farsi carico di migranti che vogliono imporre a noi e ci insultano con affermazioni e minacce di aumento di spread e rientro di debiti.

Ma Salvini e gli italiani no, loro non possono, perche' l'Italia va saccheggiata e distrutta nell'anima.
Dunque, Carola glorificata per aver violato apertamente la legge italiana e investito volutamente la nave della GdF, mentre Salvini, l'Italia e gli italiani isolati e umiliati.

In più, un bel falso dossier taroccato subito dopo la visita di Putin, preparato dalla stessa ex spia britannica che ha confezionato il falso dossier contro Trunp.

E questo nonostante siano dimostrati i finanziamenti dell'Unione Sovietica al PCI per decenni.
Fanno veramente schifo.

Del resto, se persino un "magistrato" della Repubblica italiana piega la legge che dovrebbe far rispettare alla sua ideologia politica e "corretta", come possono rispettarci le nazioni nemiche che ci hanno dichiarato questa modernissima guerra 4.0?

Stessa sorte toccherà a noi cattolici, traditi dal "papa" e dal clero eretico e apostata, i nostri persecutori verranno premiati. Al momento preferiscono condannare al silenzio le migliaia e migliaia di cristiani ammazzati nel mondo.

irina ha detto...

Quando si va contro corrente, i risultati sono questi. Sono certa che molte persone sono state, nel tempo, manipolate, plagiate, tentate e cadute nella tentazione della vanità, del potere. Per loro non posso fare nulla, se non pregare, quando altri affanni prossimi lo consentono.
Quello che mi addolora è la divisione interna e nella parte non divisa l'incertezza dei vertici, sguarniti di un sacro amor patrio. Troppi uomini e donne mancano di una visione coerente della vita, facilmente si illudono e sono illusi, sono troppo figli del loro tempo e molto poco dell'Eterno.

Chi giudica i giudici? ha detto...

Pugno in faccia da un rom dopo una lite: benzinaio in coma, aggressore rilasciato

Imperium Romae invictae ha detto...

Alcune riflessioni sugli eventi di questi giorni
1) ONG e porti chiusi: i migranti sono un'arma impropria usata contro l'Italia da Francia e Germania (che ne limitano duramente il numero ormai). Sotto probabile direzione francese è stato attaccato un campo profughi per favorire la invasione verso l'Italia. Le ong sono spesso finanziate e dirette da servizi o da finanzieri come Soros. La tipica attività di volontariato non è armare navi.
2) L'Italia sotto attacco richiede che ci sia solidarietà nazionale per allestire una difesa della nostra identità e della nostra economia.
3) La Lega costituisce una linea di difesa insieme ad una parte dei grillini che è nell'interesse di alcuni smantellare. Va sostenuta in questa battaglia. Da parte sua occorre che eviti che Salvini sia un uomo solo al comando e quindi troppo facile besaglio e che chieda solidarietà ad altre forze per creare una alleanza per la patria.
4) Finanziamenti. La politica costa. Grillini e PD hanno probabilmente aiuti da altri. Gli scandali sono occasioni per colpi di stato mediatico-giudiziari che non sono utili all'Italia come non lo furono Mani pulite che portò alla liquidazione della nostra industria strategica e la sostituzione di Berlusconi per la sua vicinanza a Putin. Era però anche amico degli USA.

Anonimo ha detto...

Giorgia Meloni:
PAZZESCO! No, non è uno scherzo, quelle che leggete sono le linee guida redatte dalla giunta comunale di Velletri per sensibilizzare i suoi dipendenti contro le disuguaglianze di genere. Nell'ennesimo delirio dettato dal furore ideologico di certa sinistra troviamo disposizioni del tipo "evitare l'uso delle parole uomo o uomini in senso universale" o "evitare di dare precedenza al maschile nell'oppositiva uomo donna". Più che lotta al sessismo, questa è criminalizzazione dell'uomo. E lo dico da donna.

Realtà e narrazioni addomesticate ha detto...

Al Tg2 si sente chiaramente Macron subissato di fischi durante la sfilata sugli champs elysee. Subissato.
Il crornista del TG1 invece così sintetizza la vicenda: "Macron fischiato da una quarantina di gilet gialli".
Martino Mora

Anonimo ha detto...

E INTANTO CONTINUANO I DELITTI IN TUTTA ITALIA DI PREGIUDICATI RIMESSI IN LIBERTA' DALLA MAGISTRATURA.

Anonimo ha detto...

Il Procuratore generale della Cassazione si è dimesso. E non era mai accaduto

Riccardo Fuzio, indagato per rivelazione di segreto d'ufficio nell'inchiesta di Perugia sul caso Palamara, ha lasciato l'incarico prima del pensionamento. E ciò pone un problema inedito per la giustizia italiana

In un Paese con un'informazione libera, sui giornali in prima pagina ci sarebbero le dimissioni senza precedenti del Pg della Cassazione. In un Paese con un'informazione di regime, in prima pagina c'è la bufala dei fondi russi alla Lega.
https://www.agi.it/cronaca/fuzio_procuratore_generale_cassazione_dimesso-5831552/news/2019-07-14/

Anonimo ha detto...

La frontiera abbattuta ovvero la fine dell’Occidente europeo

Con l’Islam un nuovo mondo entra nel bacino del Mediterraneo, dove Roma aveva diffuso il sincretismo della sua civiltà. Sulle rive del Mare nostrum si estendono ormai due civiltà differenti ed ostili; e se ai nostri giorni quella europea ha sottomesso quella asiatica, tuttavia non l’ha potuta assimilare. Il mare, che era stato fino ad allora il centro della Cristianità, ne diviene la frontiera. L’unità mediterranea è abbattuta.

- Henri Pirenne, Maometto e Carlomagno [1937], p. 142-143

Anonimo ha detto...


Il Mediterraneo, la nostra frontiera

Si ricostituì l'unità quando le potenze europee occuparono tutta la costa del Nord-Africa? Ciò cominciò ad avvenire dopo la spedizione di Napoleone I in Egitto. Fallì perché la flotta inglese distrusse quella francese, isolando il corpo di spedizione. Ma indicò una via.
Cominciò la Francia, iniziando nel 1830 l'occupazione dell'Algeria, sempre covo di pirati, unitamente a Tunisi e Tripoli, da secoli (pirateria e mercato degli schiavi erano le attività piU importanti). La conquista dell'Algeria richiese 17 anni di guerre e guerriglie sanguinose.
Poi gli inglesi si installarono in Egitto, in formale condominio con gli Egiziani. La Turchia manteneva una sovranità solo formale su quella parte del suo impero, che perse definitivamente per mano britannica nel 1918.
Ma il Mediterraneo in mano europea con il controllo del NordAfrica (periodo coloniale, 1830-1945) unì solo in parte. IL nemico musulmano era stato praticamente annientato ma gli Stati europei erano nemici tra di loro. Con Roma antica invece era un unico Stato a possedere la costa nordafricana. E il Mediterraneo diventava parte di uno scacchiere mondiale più grande dopo l'apertura del Canale di Suez, nel 1856 mi pare (cosa che influenzò anche il processo di unificazione dell'Italia). Era lo scacchiere dell'impero britannico (un quinto del globo), cosa che rendeva il Mediterraneo di nuovo frontiera, nel senso di area di comunicazione vitale per quell'impero, area quindi controllata da una forza non mediterranea. L'occupazione nostra della Libia e del Dodecaneso (1911) mandò in bestia gli inglesi, che vi videro una minaccia per la via delle Indie, tanto da avvisarci con tono minaccioso di non impiantare basi navali a Rodi.
La II gm consegnò alla fine il controllo del Med agli americani. Per i 3 anni di guerra, la Regia Marina sbarrò il Mediterraneo Centrale (ma in realtà quasi tutto) agli inglesi, che alla fine vinsero la campagna per via di terra, in NordAfrica, ma solo grazie all'aiuto possente degli Americani. Senza quell'aiuto e il secondo fronte aperto dall' Algeria, le forze dell'Asse, ricevuti gli opportuni rinforzi, avrebbero potuto resistere anche dopo la pesante sconfitta di El Alamein.
Gli americani controllano il Med tramite la Nato e dentro l'infrastruttura Nato noi, se avessimo un governo decente e patriottico, potremmo costruirci la flotta leggera capace di difendere bene le nostre coste. La nostra piaga secolare sono le divisioni e i tradimenti interni.
H.

Anonimo ha detto...

I fondi russi alla Lega non esistono. I fondi di Soros a Più Europa sono veri. Un'informazione libera si indignerebbe contro Più Europa che ha preso soldi da un uomo che attaccò la sovranità dell'Italia. Un'informazione di regime si indigna per dei fondi russi che non esistono.

Japhet ha detto...

La solerte “capitana” Carola, pare non abbia i titoli per governare una nave. Ma non solo la Sea Whatch stessa, la nave battente bandiera olandese, pare non abbia né i titoli per navigare né quelli per esercitare come mezzo di soccorso: e il “soccorso” consisteva, come ben sapete quello di traghettare clandestini paganti dalle coste della Libia all’Italia.
Niente capitana, quindi, niente “nave da soccorso”, ma solo una specie di banda piratesca che porta illegalmente in Italia nigeriani, pachistani e altra feccia senza documenti che scappa da nessuna guerra.
Una volontaria pagata, una capitana che non lo è su di una nave che non ha titoli per esercitare, e che, probabilmente, il 15 agosto prossimo verrà lasciata a terra a seguito di una indagine che parte dall’Olanda.
Ma la "narrazione" della vulgata orwelliana ne fa, schizofrenicamente, un'eroina ignorata quando chiedeva un porto e poi premiata e osannata da Parigi e dall'UE dei tecnocrati.

Anonimo ha detto...

L'avevamo subodorato .

Anonimo ha detto...

Caso Russia-Lega. Dopo giorni, che abbiamo? Mancano i quattrini (zero tracce, e sì che parliamo di 65 milioni di euro), manca il petrolio (zero tracce, e sì che è dura farne sparire 3 milioni di tonnellate), mancano gli audio (delle parti più scottanti, chissà perché, abbiamo solo “trascrizioni”), manca la plausibilità («storia inverosimile», secondo Sergio Romano, ex ambasciatore a Mosca), a meno che non si ritenga realistico che dei russi negozino accordi da miliardi di dollari in un albergo che pure l’ultimo dei moscoviti sa tappezzato di microspie. Fino a prova contraria, lo scoop di BuzzFeed - sito già distintosi per le bufalissime sul Russiagate – ha dunque il sapore del trappolone. Per colpire chi? È l'unica cosa chiara di questa storia.
Giuliano Guzzo

Anonimo ha detto...

https://www.lapressa.it/articoli/politica/cos-il-m5s-appena-un-mese-fa-donava-soldi-alla-onlus-hansel-e-gretel