mercoledì 20 novembre 2019

La 'sinodalità mascherata' - George Weigel

Nella nostra traduzione da First Thing il pensiero di George Weigel, biografo e amico di Giovanni Paolo II, sulla 'sinodalità mascherata'. Rimando a questi precedenti [qui - qui]; considerazioni sulla sinodalità recidiva [qui];  Conciliarità sinodalità:: come cambia la Chiesa? [qui].

Durante il Sinodo dei vescovi del 2001, il cardinale Francis George di Chicago, che nel corso degli anni aveva sofferto a causa di molti discorsi sinodali e discussioni in piccoli gruppi, fece un’osservazione incisiva: “Gesù Cristo non voleva che la sua Chiesa fosse governata da una commissione”.
Infatti. 
I meccanismi di consultazione presenti nella Chiesa – dai consigli parrocchiali ai consigli diocesani al Sinodo dei Vescovi – servono a rafforzare il governo della Chiesa da parte dei suoi pastori: i sacerdoti nelle loro parrocchie, i vescovi nelle loro diocesi, il vescovo di Roma per la Chiesa universale. Tuttavia, i Sinodi del 2014, 2015 [qui], 2018 [qui] e 2019 [qui], fanno intuire che il modello di commissione deplorato dal cardinale George si sia trasformato in qualcosa di probabilmente ancora peggiore: il modello della messinscena, in cui un “processo sinodale” del “camminare insieme” fornisce la copertura per realizzare seri cambiamenti nella auto-comprensione e nella prassi cattolica, per i quali non esiste un mandato dottrinale, teologico o pastorale.
Nel Rapporto finale del recente Sinodo amazzonico, questo modello di finzione è descritto con un linguaggio pieno di cliché: 
Per camminare insieme, la Chiesa di oggi ha bisogno di una conversione all’esperienza sinodale. È necessario rafforzare una cultura del dialogo, dell’ascolto reciproco, del discernimento spirituale, del consenso e della comunione per trovare spazi e modalità di decisione comune e rispondere alle sfide pastorali. Ciò favorirà la corresponsabilità nella vita della Chiesa in uno spirito di servizio. È urgente lavorare, proporre e assumere le responsabilità per superare il clericalismo e le imposizioni arbitrarie. La sinodalità è una dimensione costitutiva della Chiesa. Non si può essere Chiesa senza riconoscere l’esercizio effettivo del sensus fidei dell’intero Popolo di Dio.
Tralasciando la questione di come si potrebbe misurare un “senso effettivo... dei fedeli” che coinvolge 1,2 miliardi di cattolici, tanto meno “esercitato”, cosa significa questa cosa incomprensibile? Le confusioni su quel fronte sono state amplificate da un celebrante di spicco del culto della sinodalità, la cui prosa analizza ma la cui comprensione della realtà dei sinodi recenti sembra carente. Così Massimo Faggioli di Villanova, scrivendo su La Croix International, ha recentemente fatto diverse affermazioni sulla sinodalità, nessuna delle quali regge a quello che i tribunali chiamerebbero “severo discernimento” da parte di coloro che sono effettivamente presenti a Roma durante i recenti sinodi:
“... Francesco ha trasformato i sinodi in eventi reali”. Stupidaggini. I sinodi guidati dal cardinale Lorenzo Baldisseri, scelto dal Santo Padre come segretario generale del Sinodo dei vescovi, sono stati orchestrati almeno quanto i precedenti. E dopo che il Segretariato generale del Sinodo-2014 ha subìto una forte opposizione per la manipolazione del Sinodo-2014 da parte del Segretariato generale del Sinodo, per i sinodi del 2015 e del 2018 e per recente Sinodo regionale amazzonico si è prestata maggiore attenzione, ad evitare che emergessero tra i partecipanti le voci potenzialmente di disturbo dei piani di chi gestiva i sinodi.
Essi [i recenti sinodi] sono stati preceduti da una seria consultazione dei fedeli a livello locale”. Davvero? Può lei, gentile lettore, indicare qualcuno nella sua cerchia di amici cattolici che sia stato seriamente consultato sui temi dei sinodi del 2014 e del 2015 (la natura del matrimonio e della disciplina sacramentale)? I responsabili di alcuni dei ministeri giovanili di maggior successo dal punto di vista evangelico negli Stati Uniti sono stati notevolmente assenti dai preparativi per il Sinodo-2018. Secondo alcuni consulenti del Sinodo amazzonico, prima della formulazione dell'Instrumentum laboris del Sinodo, sono state consultate 87.000 persone. Ma come può una Chiesa locale, incapace di dirci quanti cattolici ci sono in Amazzonia, contare in modo credibile il numero esatto di persone “consultate” (tanto meno dirci quanto siano ben catechizzate quelle persone)? E come mai 87mila amazzonici hanno parlato con accenti cattolici tedeschi progressisti, sottolineando “questioni” comunemente agitate nella Biergärten di Monaco di Baviera ma che appaiono lontane dalle sfide pastorali reali della foresta pluviale brasiliana?
Gli incontri sinodali attuali… a Roma hanno manifestato una vera libertà di espressione”. Questo, ne sono certo, sarebbe una novità per i vescovi africani messi in guardia contro la consorteria con i vescovi americani al Sinodo-2018, così come lo sarebbe per i membri dei comitati di redazione della relazione finale al Sinodo-2015 e al Sinodo-2018, che si sono lamentati della manipolazione del processo da parte del segretariato generale del Sinodo.
Una consultazione e collaborazione serie sono essenziali per una leadership pastorale efficace, compresa quella del Vescovo di Roma. Ma negli oltre 50 anni della sua esistenza, nessuno ha capito come far funzionare veramente il Sinodo dei Vescovi. La propaganda sulla “sinodalità” che funge da copertura retorica per l’imposizione dell’agenda cattolica progressista su tutta la Chiesa non costituisce un miglioramento di quanto accaduto in precedenza; è una finzione, dietro la quale c’è un progetto preciso.
[Traduzione a cura di Chiesa e post-concilio]

20 commenti:

mic ha detto...

Facebook considera offensivo il contenuto di questo articolo e non me lo pubblica...

berni/exodus ha detto...

Cara Maria, FB fa parte del sistema globalista e mondialista governati dal gruppi Soros e compagni, prende ordini dalla Europa massonica e Komunista, da Bergoglio e bergogliani ecc. ecc. - i miliardi di dollari o di euro comandano il mondo..... ormai noi siamo davvero dentro le catacombe come i primi Cristiani dell'impero romano..... dobbiamo scolpircelo nella mente.... pensiero unico o distruzione.....i Cristiani veri devono riguadagnare la libertà col martirio..... forse Cristo non ce l'aveva detto????? ""se odiano me, odieranno anche voi""""".

Aurora ha detto...

Sono arrivati al ridicolo: tollerano le bestemmie, ma non gli articoli Cattolici perché non in linea con bergoglio...

Fiat Voluntas Tua ! ha detto...

Vuol dire che e' gradito a Nostro Signore e a noi che cerchiamo con questi mezzzi di comunicazione ( date le notevoli distanze ) di inseguire la verita' del cristiano e restarne collegati . Padre Pio disse : "Finche' vivo me la vedo io con i diavoli , dopo la mia morte dovete pensarci voi" . Adesso , poiche' la gran parte sono sordomuti incapaci di latrare tocca alle altre sentinelle di dare sempre testimonianza della verita' e di difenderla , di dare ai semplici la mappa delle buche che i malvagi hanno preparato .

"Abbiamo disobbedito al Cielo e meritiamo quello che stiamo passando" Don Dolindo
Dio ci sta provando , con l'aiuto della Sua Santa Madre sta a noi dimostrarGli di essere degni di Lui .

anelante ha detto...

La censura su internet non riguarda solo facebook,è allucinante quante notizie sono state oscurate perché non rispettano la dittatura europea

Anonimo ha detto...

Scriva un commento,forse riesce.

mic ha detto...

Posso commentare col mio nome ma non inserendo i link di chiesa e postoconcilio

E.P. ha detto...

Salve, sono uno degli 1,2 miliardi di fedeli. Trovo che il clero trascura di insegnare la retta dottrina e (inevitabile conseguenza) celebra sciattamente. Perché date ascolto non alle mie istanze ma a quelle di idoli scolpiti da mani d'uomo amazzonico?

Anonimo ha detto...

Non c'è più libertà di parola. Tra poco anche di pensiero. La "rara temporum felicitas, ubi sentire quae velis et quae sentias dicere liceat "( per dirla con Tacito ) credo che ormai sia stata uccisa dal politicamente corretto e dalla dittatura del pensiero unico.
Mario Rossi

Anonimo ha detto...

Questa burocrazia non è cristiana. Il Cristianesimo viaggia su altri sentieri. Non mi dilungo, quello che dobbiamo fare è mandarli tutti a casa subito. Vanno mandati via. Adesso. Questi ormai puntano solo sulla loro ostinazione. Bisogna che voi che leggete e loro che non leggono sappiate che più si attende più la piaga diventa infetta ed infetta, di giorno in giorno, la parte sana. Per non trascendere a parole in fine si trascenderà malamente nei fatti. L'andatevene, non è atto ostile ma, atto di premura, di salvaguardia, di difesa fraterna. Andate in pace.

mic ha detto...

Scriva un commento,forse riesce.
Ho inserito questo articolo come commento e lo ha preso. Quando ho provato a inserire il link non ha accettato la modifica. E' il blog che è respinto.
Teniamocelo da conto qui.
E dovrò incrementare il back up dei contenuti più importanti, oltretutto frutto di tanta fatica.

Anonimo ha detto...

In pratica la democrazia (quella vera) e la partecipazione vera ed imparziale non sono ammessi nella Chiesa di Roma. In effetti se ne aveva un leggero sentore...
Rosaria

Valeria Fusetti ha detto...

Ho provato anch'io, la scritta di rifiuto dice che " altri utenti hanno segnalato che questo articolo ha, per loro, contenuti offensivi" . Ovviamente facebook registra e censura senza un vero controllo sulle "offese". Siamo tornati al soggettivismo legale medievale, del diritto romano- barbarico, dove il barbarico prevaleva sul romanico e la legge era interpretata, ed applicata, con una certa qual " libertà" da ogni Signore sulle sue terre, nei riguardi dei suoi servi della gleba. Se prevaleva il senso romano del diritto veniva applicata preventivamente la tortura ( chi si ricorda le vicende di San Paolo ?), se la forma era quella barbarica un bel bagno, legati, nel fiume era d' uso. Ammettiamo che, in questa eclissi delle regole democratiche (che sia colpa degli onorevoli Salvini e Meloni?), non è ancora stata reintrodotta la tortura preventiva (diritto romano) o la sentenza di Dio ( diritto barbarico), ma è pure vero che mentre nel Medio Evo si poteva ricorrere alla " Giustizia del Re" ( pochi temo), oggi quale " Re" può contrastare l' Impero fantasma di Facebook ? Gli " Stati Sovrani", a quanto pare, fanno una certa fatica a farsi pagare le tasse, da questi campioni della "libertà"!

mic ha detto...

Rispondo a Rosaria.
Purtroppo il problema non è solo intraecclesiale; ma va ben oltre!

Anonimo ha detto...

Mic,
trasferisci la pagina su vk, e ti seguiremo li.
vk è il FB russo, molto più libero.
RR

Valeria Fusetti ha detto...

Mic, espandendo il mio precedente pensiero : Come dare loro torto ? L' articolo è offensivo, come tutto il blog è offensivo. La Menzogna è sempre offesa dalla Verità. Ricordi il soldato che schiaffeggio' Nostro Signore, il caro mite Agnello legato ? E Lui chiese " Perché mi colpisci ? Se ho parlato male, dimmi il male che ho detto, se ho parlato bene perché mi percuoti ?" Hanno argomentato, in questi anni, i campioni del dialogo ? L' articolo spiega bene qual' è il metodo dei pontieri ecclesiastici: quello della manipolazione. In un rovesciamento della vera Tradizione della Chiesa, inaugurato sin dall' inizio del CVII, quando venne annullato il lavoro di tre anni della Commissione preparatoria. È questo il momento in cui si aprirono le porte al fumo di satana.E purtroppo non sono mai state veramente chiuse. Per cui la Verità viene presa a sputi ed a schiaffi, ancora una volta. Peggio: si ripete una delle follie della Riforma, che è negare la presenza vivificante dello Spirito Santo negli " ultimi" 1700 anni di vita della Chiesa. Che enorme, mastodontica, abissale e bestiale bestemmia, quale diabolico orgoglio,quale stolida mancanza di senso di teologia della Storia ! Prendere a pretesto Costantino per sputare sulla presenza incessante e continua di Santi e Sante, doni preziosi del Signore alla Sua Chiesa, per indicare ai fedeli la potenza ( e gli effetti pratici) della Grazia in un mondo che tende a negarla. O sputare sulla realtà di una vita collettiva che, fecondata dalla Legge di Dio, diventava per tutti più civile, o meglio più evangelica, perché senza Evangelo non c'è vera civiltà. Ed oggi lo vediamo, mentre il mondo scivola sempre più velocemente in una sorta di rinnovata barbarie.Sentiamoci onorati nel ricevere offese e dover superare difficoltà, è il giogo a cui il Signore ha promesso di sottomettersi con chi gli è fedele discepolo. È il giogo che ci rende liberi, è il giogo della Verità che distrugge ogni menzogna, prima di tutto in noi stessi. In cordibus Jesus et Mariae.

Rr ha detto...

MIc,
se il blocco di FB riguarda l’articolo sul Vescovo Cuordileone, potrebbe essere legato a lui, non a te o al sito.
Se il vescovo americano si è per caso espresso contro gli LGBT, il blocco è per questo: è stato segnalato, bannato, ed ogni volta che salta fuori il suo nome, zac, l’articolo, lapagina, il post, sono bloccati.
È in atto da qualche tempo una guerra a tutti coloro che, direttamente o indirettamente, o anche solo di striscio, si sono espressi in modo da “offendere” la lobby.
È di queste ore la notizia che la responsabile UK di CitizenGO, attivista pro family ha avuto negato l'accesso agli USA. Si sospetta che attivisti britannic LGBT l’abbiano accusata, presso l’ambasciata USA a Londra, di essere legata ad estremisti far right.
RR

mic ha detto...

Carissima,
credo che tutto sia partito da lì perché è la prima contestazione; ma poi sono spariti tutti gli articoli pubblicati fino ad oggi....

Anonimo ha detto...

Cara Mic, sono una tua affezionata lettrice da almeno 10 anni. Ti prego, fai di tutto per salvare gli archivi preziosi di questo blog, soprattutto i post degli ultimi 6 anni densi di saggi e post pregevoli e commenti all'attuale pontificato e problematiche annesse. E' difficile trovare sul web qualcosa di pari serietà, affidabilità e completezza analitica.
Sarebbe una perdita irreparabile per me ed altri se non potessimo più attingere a questa miniera di notizie e riflessioni spesso autorevolissime, oltre le tue, come quelle del prof. PP. !
Io da parte mia sto ricorrendo a quei software antichi tipo WEBCOPY, OFFLINE EXPLORER ecc. utili per salvare interi siti e rileggerli offline. Vedi se puoi trasferire tutto altrove e informaci su come proseguire senza rischi. Informateci tutti sul VK di cui state parlando.
Spero che non siamo messi all'angolo così rapidamente da dover parlare solo di previsioni del tempo! e che Dio ci aiuti.

mic ha detto...

Avevo già iniziato a salvare, oltre che meglio sistemare, i contenuti più significativi del blog in un sito costruito da me in maniera artigianale, su un dominio residente su un server in cui mantengo i miei vecchi siti che sono degli archivi importanti a cui ancora attingere. Purtroppo è più di un anno che non lo aggiorno perché proprio non ce la faccio. Ma, se trovo un aiuto e magari qualche risorsa, potrò riprendere questo prezioso lavoro.
Guardate 
http://www.chiesaepostconcilio.eu