giovedì 8 settembre 2011

Convegno: Pellegrini della Verità verso Assisi


L'Associazione culturale "Catholica Spes" ha organizzato l'incontro "Pellegrini della Verità verso Assisi". Un approfondimento sui passi di Benedetto XVI. L'interesse, l'attualità, ma soprattutto l'importanza delle tematiche che saranno sviluppate, insieme all'autorevolezza dei relatori, ne fanno un evento di grande rilievo.

Chi fosse interessato può scaricarsi qui il manifesto.


Il prossimo 27 ottobre ad Assisi si terrà la giornata di riflessione, dialogo e preghiera per la pace e la giustizia nel mondo, il Santo Padre ha invitato a questo incontro i fratelli cristiani delle diverse confessioni, gli esponenti delle tradizioni religiose del mondo e, più in generale, tutti gli uomini di buona volontà.

Questa giornata prende il volto del pellegrinaggio, perché – così indica il comunicato stampa della Santa Sede - “ogni essere umano è, in fondo, un pellegrino in ricerca della verità e del bene” e così “nella misura in cui il pellegrinaggio della verità è vissuto autenticamente, esso apre al dialogo con l’altro, non esclude nessuno e impegna tutti ad essere costruttori di fraternità e di pace.”

In questo contesto sono ancora attuali alcune domande che il Cardinale Ratizinger poneva all’Académie des Sciences Morales et Politiques a Parigi nel 1997: “Come è possibile l'incontro nella diversità delle religioni e fra i contrasti che proprio oggi assumono spesso forme violente? Che tipo di unità può mai esserci? In quale misura si può almeno tentare di perseguirla?”

L’incontro “Pellegrini della Verità verso Assisi. Un approfondimento sui passi di Benedetto XVI”- proposto dall’Associazione Culturale Catholica Spes l’1 ottobre presso Casa Bonus Pastor a Roma - vuole approfondire queste domande per evitare il rischio sincretistico e relativistico che incontri di questo tipo possono generare. Perché – come ha ricordato il Card. Bertone – “sincretismo e relativismo finiscono per distruggere, anziché valorizzare, la specificità dell'esperienza religiosa”.

Nella relazione del 1997 il Cardinale Ratzinger poneva un’altra domanda importante che riguarda il rapporto tra dialogo e missione. A questo proposito un occasione di approfondimento proviene da una riflessione che risale all’anno 2000: “il dialogo nelle nuove concezioni ideologiche, penetrate purtroppo anche all'interno del mondo cattolico e di certi ambienti teologici e culturali, è l'essenza del "dogma" relativista e l'opposto della "conversione" e della "missione". (…) La stima e il rispetto verso le religioni del mondo, così come per le culture che hanno portato un obiettivo arricchimento alla promozione della dignità dell'uomo e allo sviluppo della civiltà, non diminuisce l'originalità e l'unicità della rivelazione di Gesù Cristo e non limita in alcun modo il compito missionario della Chiesa: "la Chiesa annuncia ed è tenuta ad annunciare, incessantemente Cristo che è la via, la verità e la vita (Gv 14,16) in cui gli uomini trovano la pienezza della vita religiosa e nel quale Dio ha riconciliato a sé tutte le cose" (Nostra Aetate, 2)” (Card. Ratzinger, Osservatore Romano 8/10/2000).

Sui passi di Benedetto XVI si propone quindi un approfondimento verso Assisi 2011 persuasi che “un dialogo interreligioso nel senso stretto della parola non è possibile, mentre urge tanto più il dialogo interculturale che approfondisce le conseguenze culturali della decisione religiosa di fondo” (Lettera di S.S. Benedetto XVI al Sen. Marcello Pera pubblicata in apertura del libro “Perché dobbiamo dirci cristiani”, Mondadori, 2008)

3 commenti:

Memory ha detto...

Ci sarà molto da supplicare Nostro Signore che ci conceda la grande grazia di allontanare dalla Chiesa ad ottobre la gravissima tentazione di Assisi3: in quel caso, se si ripeterà il meeting indifferentista che ha confuso milioni di anime nel 1986 (potrei raccontare molti esempi, di giovani cattolici sbandati da quel raduno....), non si potrà dire che Pietro ci sta confermando nella Fede, se ne rende conto ?
Supplichiamo la SS.ma Vergine che Assisi3 NON si faccia, perchè non è atto gradito al Signore, Unico Vero Dio Trinità, rivelatosi a noi da 2000 anni, Incarnato, Crocifisso, Morto e Risorto per la nostra salvezza .....e con quale coraggio allora andremmo a disconoscerlo, vergognandoci di Lui davanti al mondo incredulo e idolatra ?
Preghiamo che venga il Suo Regno, col Padre Nostro: ."... come in cielo così in terra!" e NON certo il regno degli uomini confusionari, superbi, ignoranti e idolatri, che adorano il dio comune senza nome, (in realtà equivalente agli spiriti di tenebre e menzogna, dominatori dei cuori immersi nel buio del peccato originale.... !): come può la Chiesa di Cristo dimenticare il Suo Sposo e Fondatore, e rifiutare di proclamarne il Santo Nome davanti ai pagani, agli atei e ai cristiani di tutto il mondo ?
Quello sciagurato silenzio sarebbe aborrito da Dio Onnipotente e attirerebbe sulla Chiesa soltanto i suoi castighi, non la sua compiacenza, ricordiamolo !

Un cattolico ha detto...

Io prego perchè il Papa inviti i rappresentanti di tutte le false religioni alla conversione all'UNICO E VERO DIO, e alla VERGINE SANTISSIMA, e, quindi alla nostra santa Religione.

Anonimo ha detto...

una sola obiezione: "Pellegrini della Verità" non si addice a dei cristiani, che vivono della Verità, che è il loro Signore.

Per il resto, ben venga una riflessione che possa aiutare a meglio comprendere questa Assisi3, nella speranza che non ne vengano fuori i prevedibili fraintendimenti...