venerdì 6 maggio 2016

Venerdì 6 maggio. La Preghiera di Riparazione

Ricordiamo che oggi, venerdì, è il giorno dedicato alla Preghiera di Riparazione. Ecco le consuete preghiere, complete delle Litanie del Sacro Cuore, che [trovate qui].

Altre notizie e avvisi su Riscossa Cristiana [qui]

È ancora vivo il ricordo della bellissime e intense ore vissute assieme domenica 1° maggio a Linarolo. Ringraziamo tutti gli intervenuti, numerosi, attenti, che hanno dedicato la loro giornata al secondo incontro nazionale della Lega per la preghiera di riparazione e ringraziamo anche i molti che hanno scritto in questi giorni in redazione per condividere la gioia e la serenità che hanno portato a casa e per esprimere il loro desiderio che queste occasioni di incontro si rinnovino. Intanto la nostra compagnia continua nella preghiera secondo le intenzioni per le quali è nata la Lega, e con la partecipazione alla S. Messa.

Vi ricordiamo che nell’articolo pubblicato lunedì 2 u.s. potrete vedere una galleria fotografica dell’incontro di domenica. Inoltre tra pochi giorni saranno disponibili, e ne daremo avviso su Riscossa Cristiana, le registrazioni delle conferenze del mattino e il video dell’intrattenimento letterario del pomeriggio.

Per la nostra formazione, leggiamo il VII sermone di San Bernardo di Chiaravalle sul Cantico dei Cantici. Il testo potrà essere scaricato in formato pdf cliccando qui; in tal modo potrete costituire e conservare la vostra biblioteca di letture di formazione.

10 commenti:

Gustate e vedete... ha detto...

http://blog.messainlatino.it/2016/05/sumpont2015-il-film.html

Anonimo ha detto...

In questi giorni ricorreva la festa di San Pio V. Qui la preghiera di dom Prospero Gueranger:

Adesso, Pontefice santo, ascolta i voti della Chiesa militante, i cui destini furono, per qualche tempo, affidati alle tue mani. Anche morendo, implorasti per lei, in nome del Salvatore risuscitato, la protezione contro i pericoli, ai quali era ancora esposta. Vedi come ai nostri giorni in quale stato ha ridotto quasi l'intera cristianità il dilagare dell'errore. Per far fronte a tutti i nemici che l'assediano, la Chiesa non ha più che le promesse del suo divin fondatore; gli appoggi visibili le mancano tutti assieme; non le restano più che i meriti della sofferenza e le risorse della preghiera. Unisci le tue suppliche alle sue, dimostrandoci, così, che sèguiti sempre ad amare il gregge del Maestro. Proteggi a Roma la cattedra del tuo successore, esposta agli attacchi più violenti ed astuti. Prìncipi e popoli cospirano contro il Signore e contro il suo Cristo. Allontana i flagelli che minacciano l'Europa, così ingrata verso la Madre sua, così indifferente agli attentati commessi contro colei a cui tutto deve. Illumina i ciechi, confondi i perversi; ottieni che la fede illumini finalmente tante intelligenze smarrite, che scambiano l'errore per la verità, le tenebre per la luce.

In mezzo a questa notte così buia e così minacciosa, i nostri sguardi, o santo Pontefice, discernono le pecorelle fedeli: benedicile, sostienile e ne accresci il loro numero. Uniscile al tronco dell'albero che non può perire, affinché esse non siano disperse dalla tempesta. Rendile sempre più fedeli verso la fede e le tradizioni della santa Chiesa che è la loro unica forza, in mezzo a questo dilagare dell'errore che minaccia di tutto asportare. Conserva alla Chiesa il sacro Ordine nel quale tu fosti elevato a così alti destini; moltiplica nel suo seno quelle generazioni di uomini potenti in opere e parole, pieni di zelo per la fede e per la santificazione delle anime, quali noi ammiriamo nei suoi Annali, quali noi veneriamo sugli altari. Finalmente ricordati, o Pio, che sei stato il Padre del popolo cristiano, e seguita ad esercitare ancora questa prerogativa sulla terra, per mezzo della tua potente intercessione, fino a che sia completo il numero degli eletti.

Anonimo ha detto...

In questi giorni ricorreva la festa di San Pio V. Qui la preghiera di dom Prospero Gueranger:

Adesso, Pontefice santo, ascolta i voti della Chiesa militante, i cui destini furono, per qualche tempo, affidati alle tue mani. Anche morendo, implorasti per lei, in nome del Salvatore risuscitato, la protezione contro i pericoli, ai quali era ancora esposta. Vedi come ai nostri giorni in quale stato ha ridotto quasi l'intera cristianità il dilagare dell'errore. Per far fronte a tutti i nemici che l'assediano, la Chiesa non ha più che le promesse del suo divin fondatore; gli appoggi visibili le mancano tutti assieme; non le restano più che i meriti della sofferenza e le risorse della preghiera. Unisci le tue suppliche alle sue, dimostrandoci, così, che sèguiti sempre ad amare il gregge del Maestro. Proteggi a Roma la cattedra del tuo successore, esposta agli attacchi più violenti ed astuti. Prìncipi e popoli cospirano contro il Signore e contro il suo Cristo. Allontana i flagelli che minacciano l'Europa, così ingrata verso la Madre sua, così indifferente agli attentati commessi contro colei a cui tutto deve. Illumina i ciechi, confondi i perversi; ottieni che la fede illumini finalmente tante intelligenze smarrite, che scambiano l'errore per la verità, le tenebre per la luce.

In mezzo a questa notte così buia e così minacciosa, i nostri sguardi, o santo Pontefice, discernono le pecorelle fedeli: benedicile, sostienile e ne accresci il loro numero. Uniscile al tronco dell'albero che non può perire, affinché esse non siano disperse dalla tempesta. Rendile sempre più fedeli verso la fede e le tradizioni della santa Chiesa che è la loro unica forza, in mezzo a questo dilagare dell'errore che minaccia di tutto asportare. Conserva alla Chiesa il sacro Ordine nel quale tu fosti elevato a così alti destini; moltiplica nel suo seno quelle generazioni di uomini potenti in opere e parole, pieni di zelo per la fede e per la santificazione delle anime, quali noi ammiriamo nei suoi Annali, quali noi veneriamo sugli altari. Finalmente ricordati, o Pio, che sei stato il Padre del popolo cristiano, e seguita ad esercitare ancora questa prerogativa sulla terra, per mezzo della tua potente intercessione, fino a che sia completo il numero degli eletti.

irina ha detto...

Karl Kraus, Detti e Contraddetti, p.211

A quando il momento in cui,in occasione del censimento, si dovrà indicare il numero degli aborti per ogni casa?

Michele MAcIK Durighello ha detto...

Belli tutti i commenti precedenti, specie quello (doppio) di Anonimo, ma non vedo perchè mettere fretta all'Onnipotente. A tempo debito ne chiederà conto...a noi spetta solo pregare perchè non avvengano e perchè (se siamo chiamati dalla professione) abbiamo la forza di non renderci complici. Padre Pio diceva:"Basterebbe un giorno senza nessun aborto e Dio concederebbe la pace al mondo fino al termine dei giorni.” Soli Deo honor et gloria, semper!

Luigi Rmv ha detto...

Qualora non l'aveste fatto (siete tutti più ferrati di me), vi consiglio di leggete il VII Sermone di San Bernardo da Chiaravalle sul Cantico dei Cantici.

In seguito ad esso sono andato ad approfondire vita, opere e miracoli del grande Santo e in attesa del prossimo approfondimento, annoto la risposta datagli da Gesù alla sua domanda sul maggior dolore corporale patito durante la Sua passione:

"Io ebbi una piaga sulla spalla, profonda tre dita, e tre ossa scoperte per portare la croce. Questa piaga mi ha dato maggior pena e dolore più di tutte le altre e dagli uomini non è conosciuta. Ma tu rivelala ai fedeli cristiani e sappi che qualunque grazia che mi chiederanno in virtù di questa piaga, verrà loro concessa; ed a tutti quelli che per amore di Essa mi onoreranno con tre Padre Nostro, Ave e Gloria al giorno, perdonerò i peccati veniali, non ricorderò più i mortali, non morranno di morte subitanea ed in punto di morte saranno visitati dalla Beata Vergine conseguendo ancora grazia e misericordia".

Queste sono perle preziose del tesoro immenso regalatoci dall'Altissimo tramite i grandi Santi della Chiesa Cattolica Romana, ad ulteriore prova, se ce ne fosse bisogno, che solo essa è la Sua Chiesa. Sia lodato Gesù Cristo.

Ave Maria !.... ha detto...

Abbiamo tanto da imparare anche da questo Santo poco conosciuto innamorato di Maria che recitava il Rosario con le anime purganti . Il suo impegno per la vita : "Amerò Sempre".La storia di San Pompilio Maria Pirrotti
https://www.youtube.com/watch?v=xqvG46xRALw

Consiglio di Padre Pio : ha detto...

I Sabato del mese di Maria :
Madre mia, profondi in me quell'amore che ardeva nel Tuo cuore per Lui , in me che, ricoperto di miserie , ammiro in Te il mistero del Tuo immacolato concepimento , e che ardentemente bramo che per esso Tu mi renda puro il cuore per amare il mio e Tuo Dio , pura la mente per assurgere a Lui e contemplarLo ,adorarLo e servirLo in ispirito e verita', puro il corpo affinche' sia un Suo Tabernacolo meno indegno di possederLo quando si degnera' venire in me nella Santa Comunione ( Epist.IV,p.860)

Ave Maria ! ha detto...

Un pensiero e un proposito al giorno per abbreviare questo "tempo glaciale "che vuole accantonare la Vergine Maria , Avvocata nostra !
http://www.stellamatutina.eu/maggio-mese-di-maria-7-giorno/
FONTE: Maggio mese di Maria, P.Stefano M. Manelli, © 2010 Casa Mariana Editrice, 2010

Simbolo di Sant'Atanasio ha detto...

http://www.unavox.it/Strumenti/Preghiere/Quicumque_vult.htm