martedì 5 settembre 2017

Bergoglio dà udienza al giornalista che accusa i Cardinali dei 'dubia' di "rifiuto diabolico"

Il nuovo turiferario non va troppo per il sottile. Ma siamo al solito linguaggio orwelliano: la 'critica' - peraltro rispettosa e argomentata - considerata rifiuto mentre si lanciano accuse ad personam al posto di altrettanto argomentate confutazioni.
"Il rifiuto di molti, inclusi coloro che gestiscono siti web e blog tradizionali, nei confronti del Santo Padre e verso i suoi fedeli, è qualcosa di satanico" (Stephen Walford)
31 agosto 2017 (LifeSiteNews) - Papa Francesco ha recentemente concesso una lunga udienza privata ad uno scrittore cattolico e pianista relativamente poco conosciuto che, il mese scorso ha scritto un articolo di denuncia dei tre (dopo la scomparsa dell'Arcivescovo Meisner ndr qui  - qui) cardinali che hanno messo in discussione [qui] la dottrina di Papa Francesco sul matrimonio nell'esortazione apostolica Amoris Laetitia, sostenendo che questo è un "abuso satanico" del papa.

Stephen Walford e tutta la sua famiglia hanno ricevuto un'udienza durata 45 minuti con Francesco, in cui Walford gli ha offerto doni e ha ricevuto benedizioni, mentre i suoi figli hanno scherzato e si sono "sparati" numerosi selfie con il papa.

Tali incontri privilegiati sono molto rari per i cattolici laici e addirittura per il clero, che normalmente sono in grado di incontrare il papa solo come membri di grandi gruppi attraverso i quali possono scambiare singolarmente alcune brevi parole con il pontefice.

L'articolo di Walford, scritto per il Vatican Insider [il sito dei maggiori turiferari], è presentato come una "lettera aperta" ai tre cardinali che hanno presentato una serie di domande o dubia a Papa Francesco chiedendogli di chiarire le dichiarazioni contenute in Amoris Laetitia, le quali sembrano consentire gli atti di adulterio e permettere a coloro che vivono in unione adultera di ricevere la Santa Comunione.

Ora anche il sedicente teologo ha già avuto il suo lungo colloquio privato con Francesco appena un mese dopo la pubblicazione del suo articolo, mentre i "cardinali dei dubia" al contrario, dopo più di un anno non hanno ancora ricevuto né una riposta né tanto meno un'udienza dal papa per discutere le loro preoccupazioni.

In questa sua lettera aperta, Walford informa i cardinali sulla dottrina cattolica e li rimprovera di essere "modelli da seguire" per i "blog tradizionalisti" che rifiutano l'apparente abbraccio del Papa con la Santa Comunione per gli adulteri. Walford lamenta che esiste "una parte crescente di tradizionalisti e persino di alcuni cattolici conservatori che li vedono come portabandiera per il rifiuto a questo papato", definendo questo un fenomeno "profondamente inquietante".
"Il rifiuto di molti, inclusi coloro che gestiscono siti web e blog tradizionali, nei confronti del Santo Padre e verso i suoi fedeli (n.b. suoi, cioè di Bergoglio, non di Cristo ndr), è qualcosa di satanico", Ha tuonato Walford contro i tre poveri cardinali e non solo.
Egli consiglia ai cardinali dubbiosi di stare al passo con i tempi, sostenendo che:
"dobbiamo renderci conto che nel mondo reale - dove la maggior parte di noi laici vive e lavora - i vecchi modi di conversione non funzionano più.
"Non abbiamo altra scelta che accogliere le persone come sono e lavorare partendo da lì. Non possiamo predicare l'inferno a coloro che considerano l'eternità del cielo noiosa e inutile ... Quello che vedo nel papa è un autentico realismo cristiano."
Walford è autore di due libri su argomenti cattolici per Angelico Press e si definisce "teologo" nel suo articolo su Vatican Insider, anche se non è chiaro se abbia un background accademico in teologia. Sembra che il suo lavoro a tempo pieno sia l'insegnamento del pianoforte a studenti privati.

Il teologo mostra con orgoglio le sue foto con il papa e la sua famiglia sul suo feed Twitter e sulla sua pagina Facebook.
"Congratulazioni!" ha scritto un sacerdote a Walford sulla sua pagina. "Sembra che ti sei guadagnato la curiosità papale ... non tutti se lo possono permettere; Neanche per sogno!"
CONCLUSIONI:
"...si è sviluppata un’indecorosa gazzarra accusatoria e offensiva, con protagonista la fanfara di trombe e tromboni - accompagnata dai collaudati turiferari che sempre incensano il potere (qualsiasi esso sia) – che fanno da scorta sonora alla gioiosa (ma sempre più spesso incupita) macchina da guerra sinodale." (Giuseppe Rusconi per Rosso Porpora) [Fonte]

16 commenti:

Anonimo ha detto...

Beh, almeno tornano a credere nell'esistenza di satana!

Anonimo ha detto...

Hanno già avuto la loro ricompensa...

Pietro C. ha detto...

Quando un ambiente ecclesiale si trasforma in macchina di potere, ha inevitabilmente pure i suoi codini...

Anonimo ha detto...


Una cattiva traduzione

"Abuso satanico" suona male in italiano. L'originale deve essere, credo, "a satanic abuse". Ma "abuse" non va reso qui nel senso di "abuso" ma nel senso, che pure ha, di "ingiuria, offesa". Perciò: "un'offesa diabolica", "un'ingiuria demoniaca".
Nel merito, il tizio in questione dà i numeri, evidentemente.
G.

irina ha detto...

"... "Non abbiamo altra scelta che accogliere le persone come sono e lavorare partendo da lì. Non possiamo predicare l'inferno a coloro che considerano l'eternità del cielo noiosa e inutile ..."

Credo che in qualsiasi rapporto si parta da dove si è. Presumo che, anche nel passato, qualsiasi confessore sia partito sempre dal punto del penitente che aveva davanti.Da quale altro punto altrimenti? Che poi i confessori siano di diverso carattere, questo credo non si potrà mutare neanche nel roseo futuro che ci attende. L'inferno non si predica più da un pezzo, forse gran parte dei mali dipendono dal non averlo più predicato e predicato bene. Ma senza andare a scomodare l'eternità, basta buttare l'occhio sulla propria vita e guardare, qui ed ora, gli effetti delle scelte sbagliate, per cominciare a farsi un'idea delle 'conseguenze'dei nostri pensieri, parole, opere ed omissioni. Occorre però forza e coraggio per dirsi la verità, senza buttare la croce dei propri errori addosso al prossimo. Forza e coraggio che oggi mancano anche per rispondere al telefono, ad una lettera, a qualche domanda che non ci sconfinfera.
Coloro che considerano l'eternità noiosa ed inutile evidentemente hanno problemi di noia ed inutilità anche da questo lato. Allora chi ha il compito di guidare deve aiutarli a rimettere in equilibrio i valori del loro quotidiano, della loro vita. Parlando di quelli non negoziabili quali cardini di salute, fisica e mentale, in prima istanza e, visto che è argomento al passo dei tempi, battere sulla salute dell'anima e del corpo; questi infatti sono gli strumenti che abbiamo per conoscere ogni giorno,in modo più approfondito, il Signore, noi stessi e il prossimo.

Marcello ha detto...

Se non sbaglio nella foto ci sono i suoi cinque figli, quindi anche Walford è uno di quelli che, per papa Francesco, fa figli come conigli.

Luisa ha detto...

Jorge Bergoglio ha un`agenda privata e parallela della quale anche la sala stampa è all`oscuro, è oramai chiaro che rifiuta di ricevere chi non è in linea con le sue idee e progetti , che non risponde alle lettere che siano di cardinali, teologi o fedeli che gli domandano di chiarire certi punti oscuri o gli danno informazioni che non coincidono con la linea da lui seguita e imposta.
Questo papa che ci dicono essere così aperto, che a parole ama tanto i ponti e non i muri, ha costruito un muro invalicabile e sprezzante per tenire a distanza chi costituisce ai suoi occhi un ostacolo alla sua rivoluzione.
Non ha ricevuto in udienza privata Padre Manelli e i frati a lui restati fedeli, non ha risposto nè alle lettere nè alle domande di udienza dei cardinali dei Dubia, grazie a Béatrice, leggo sulla Bussola che non ha risposto nemmeno alla lettera che gli ha scritto padre Boulard un suo confratello gesuita che ha vissuto tutta la sua vita in Egitto e che conosce perfettamente l`islam e non condivide affatto la visione angelica che Bergoglio ha dell`islam e dell’università al-Azhar del Cairo, lettera che è stata consegnata nelle mani di Bergoglio ben due volte!


Chi capisce il francese può vedere e ascoltare p. Boulard nel suo "J`accuse" qui:

http://benoit-et-moi.fr/2017/actualite/lamertume-du-p-boulard.html

La sua intervista è stata tradotta da Cultura cattolica qui:

http://www.culturacattolica.it/attualità/in-rilievo/ultime-news/2017/07/25/il-j-accuse-di-padre-henri-boulad-gesuita-egiziano


mic ha detto...

Ringrazio G. per l'osservazione. Ho rettigicato l'espressione.

fabriziogiudici ha detto...

Tosatti segnala un nuovo libro che consolida l'idea di un accordo illegale tra i cardinali prima del conclave del 2013:

http://www.marcotosatti.com/2017/09/05/gran-bretagna-un-libro-rivela-lazione-di-lobbying-per-eleggere-bergoglio-al-soglio-di-pietro/

Così come fu per il libro di Ivereigh, anche questo volume è stato scritto da una cattolica progressista (ex direttore di The Tablet).

Emanuele ha detto...

"dobbiamo renderci conto che nel mondo reale - dove la maggior parte di noi laici vive e lavora - i vecchi modi di conversione non funzionano più".

Il solito primato della pastorale completamente avulsa dalla dottrina.

"Non abbiamo altra scelta che accogliere le persone come sono e lavorare partendo da lì. Non possiamo predicare l'inferno a coloro che considerano l'eternità del cielo noiosa e inutile".

Il problema non sta nell'accoglierli o meno (la Chiesa mai ha chiuso la porta in faccia a nessuno). Il problema sta in costoro che pretendono di essere perdonati e di poter accedere alla Eucaristia rimanendo in situazione di peccato grave (cioè mortale).

"... Quello che vedo nel papa è un autentico realismo cristiano."

Realismo cristiano? Quindi San Giovanni Paolo II, Benedetto XVI, Il Vangelo (nelle parole di Nostro Signore), il Magistero incluso nel Catechismo della Chiesa Cattolica ed.1994 sono tutti irrealistici????

Ergo 1: per questo signore, per il blog dove è stata pubblicata la lettere, per tutti quelli che sono d'accordo con questa posizione (che è quella della Amoris Laetitia) e che non che non sono dei beceri conservatori farisaici non esiste più una Verità Oggettiva cui far aderire la propria ragione/coscienza ma è Dio che si deve adattare alla soggettività di questi che potrebbe durare sino alla morte.

Ergo 2: il famoso peccato contro lo Spirito Santo che prevede tra le altre cose il morire nella impenitenza finale (cioè in questo caso la persona qui veramente dal cuore indurito che non cerca il perdono in quanto pensa che Dio approvi, contravvenendo a quanto da Lui detto, il suo peccato) sarebbe un vecchio rottame. Eppure il Catechismo in vigore al 1864 è chiaro, basta leggere.

Ergo 3: sento odor di modernismo.


Anonimo ha detto...

"Congratulazioni!" ha scritto un sacerdote a Walford sulla sua pagina. "Sembra che ti sei guadagnato la curiosità papale ... non tutti se lo possono permettere; Neanche per sogno!" Ormai chi desidera essere ricevuto in udienza privata da Bergoglio, sa che "deve guadagnarsela" non riceverla gratuitamente come dono del cielo e tantomeno deve attendersi di ricevere la benedizione papale, ma solo di essersi "guadagnato" la "sua" curiosità. Tutti i termini usati sono completamente opposti a una sana e autentica funzione del ministero petrino, a cominciare da come viene propagandata, proprio mettendo bene in evidenza, la nuova attrazione, stimolata da curiosità, non da sincera conversione, in vista di un guadagno puramente umano e non aperto a tutti, come il Regno dei cieli, anche se poi non tutti ne faranno parte, ma solo per chi se lo può permettere, agli altri, è precluso ogni tentativo: è chiaro che ogni piccola divergenza dalla nuova rotta, non è degna di nessuna considerazione, tanto meno, ricevimento papale o risposta. Dove sta la Carità?

Marcello ha detto...

Papa Francesco: "I comunisti ci hanno rubato la bandiera dei poveri"
Papa Francesco: "I comunisti la pensano come i cristiani"

In Cina il comunismo vieta la messa ai minori e altri abusi di regime.
Qui il link: http://www.lanuovabq.it/mobile/articoli-cina-vietata-la-messa-ai-minori-e-altri-abusi-di-regime-20950.htm#.Wa_agX3OPqB

C'è un'evidente contraddizione, anzi opposizione, tra il ruolo e le dichiarazioni di papa Francesco. E non è cosa da poco. Un regime comunista che vieta ai cattolici di partecipare alla Santa Messa ed il papa dei cattolici che dice che -i comunisti la pensano come i cristiani e ci hanno rubato la bandiera -

Anonimo ha detto...

Io, fossi stato papa, avrei piuttosto ricevuto e fatto i miei complimenti al bimbo che, mostrando un coraggio da leoni, ha salvato i due fratellini più piccoli dal crollo della propria casa durante il recente terremoto di Ischia, o le famiglie dei ragazzi italiani morti per mano omicida a Barcellona...un tempo erano queste le persone che i Papi ricevevano. Qui mi sembra che la frenesia delirante sia arrivata al parossismo...oramai sa benissimo di essersi 'bruciato' con le sue uscite...i suoi manovratori non saranno contenti!!!

Anonimo ha detto...

E' morto il Cardinale Cafarra.
Ora i Cardinali dei dubia sono rimasti in due

Giuseppe

irina ha detto...

Sancte Michael Archangele,
defende nos in proelio;
contra nequitiam et insidias diaboli esto praesidium.
Imperet illi Deus,
supplices deprecamur: tuque,
Princeps militiae caelestis,
Satanas aliosque spiritus malignos,
qui ad perditionem animarum pervagantur in mundo,
divina virtute in infernum detrude.
Amen.

N.C. ha detto...

http://www.marcotosatti.com/