venerdì 8 marzo 2013

Una cometa sarà visibile a occhio nudo la sera del 12 marzo

Un'altra particolarità, se pensiamo al fulmine sulla cupola di San Pietro nel pomeriggio dello scorso 11 febbraio, forse collegata all'evento che stiamo vivendo, innescato  fin dall' hora vigesima di quello stesso giorno[1].

Proprio dalla sera di martedì 12 marzo, nel nostro emisfero boreale, guardando verso ovest al crepuscolo, diverrà visibile ad occhio nudo la Cometa Panstarrs che, (vedi immagine presa dal Web), è stata fotografata il 1° marzo scorso in Nuova Zelanda. Un po' strano e non comune. Chissà che significato potremo dare a questo segno, ammesso che possa esser considerato tale?

E c'è di più, scopro ora. Un'altra cometa è attesa per il 28 11 (28 novembre) esattamente nove mesi dopo la rinuncia. E la data racchiude specularmente i due numeri chiave 11-28... Ancora curioso, vero?
Il prossimo 28 novembre, la cometa Ison passerà a meno di due milioni di Km dall'astro solare, e tutto lascia pensare che si tratti di una cometa nuova che va copiosamente perdendo il suo materiale, offrendo uno spettacolo magnifico. Dalla sua scoperta circolano le più folli valutazioni, che arrivano a darle uno splendore paragonabile a quello della luna piena e una coda che potrebbe estendersi 90 gradi apparenti sulla volta celeste. Cosa mai vista dal 1680.
In ogni caso, anche in termini metaforici possiamo dire che con l'apertura del conclave sui cieli ci sono due comete: la Chiesa avrà un papa emerito e un papa in carica.
____________________________
1. Piuttosto una curiosità:
su Roma, il pomeriggio dell'11 febbraio c'era un grosso temporale. Il fotografo del celeberrimo fulmine sul cupolone ha dichiarato di avere atteso per 3/4 d'ora prima che si manifestasse, cioè alle 20 spaccate dell'infausto giorno... forse qualcosa in più di una coincidenza

17 commenti:

hpoirot ha detto...

Non so se é un segno ma già mi bastano le scritture...

"Badate che nessuno vi inganni. Prima infatti dovrà avvenire l'apostasia e dovrà esser rivelato l'uomo iniquo, il figlio della perdizione, colui che si contrappone e s'innalza sopra ogni essere che viene detto Dio o è oggetto di culto, fino a sedere nel tempio di Dio, additando se stesso come Dio."

(2 Tessalonicesi 2:3-5)

Speriamo che lo Spirito Santo ci metta una bella pezza...

Anonimo ha detto...

bè...semplice. NESSUNO.

Anonimo ha detto...

Veramente uno che nella liturgia fa uso di crocifissi e altre immagini di Cristo con le proprie fattezze e che raduna in Galilea i successori degli Apostoli esiste gia'....... Felice

Anonimo ha detto...

una cometa con spettacolo luminoso mai visto ecc....


d'accordo, un fenomeno naturale interessante, ma per caso c'è qualche rapporto con la Fede ?
dobbiamo guardare i segni celesti come facevano i pagani, attribuendo loro chissà che messaggi ?
dobbiamo diventare aruspici ?
ma allora diciamo che essi sono interpretabili sempre in DUE MODI, fausti e infausti.
Tutto è opinabile, non ci sono certezze nelle interpretazioni dei movimenti astrali, ne sanno qualcosa gli astrologi, che ne inventano cento e più, di oroscopi, per tutti i gusti e desideri.
La cometa di Betlemme era SICURAMENTE mandata da Dio, per GUIDARE I MAGI alla grotta dov'era nato il Salvatore, e ciò fu confermato dagli Angeli, come dice il Vangelo; ma questa qui riferita chi la manda? non ci sono angeli a spiegarcene il significato, vuol dire tutto e niente. Dobbiamo crearci sopra una fiaba ?
Si tratta di un fenomeno naturale come tanti altri.
Tutte le interpretazioni sono possibili, sia buone che cattive, non ci sono dogmi o qualcuno che dal Cielo ci dica che è un segno di eventi buoni o cattivi.
Ognuno è libero di abbinarci quel che vuole, o proprio NIENTE.

Anonimo ha detto...

un'altra cometa ?
esattamente nove mesi dopo la rinuncia....
chissà che significato dare ?

ah, certo....ecco, nove mesi, quindi indicano una "nascita" di un grand'uomo, chissà chi sarà...?
(oh che stupefacente mistero....proprio "stuzzicante" direi)

annunciata nientemeno che....da una cometa ! caspita, una bella gara con Gesù Bambino, non vi pare ?
qua mi sa che molti quest'anno dimenticheranno Natale e il Presepe di S. Francesco, per attendere il "nuovo piccolo messia" che si è annunciato con tali mirabili segni celesti !
guarda caso, a novembre, tutti gli occhi e telescopi puntati sul cielo, vedrete... e anche il 12 marzo, (invece di fare penitenza per le piaghe di Gesù e del Corpo Mistico, chiedendo perdono per l'apostasia galoppante tra il clero....)
si riempiranno i giornali della notizia astrale....
perchè il Vangelo non ci basta più, è chiaro; beh, andiamo a rileggere là dove Gesù dice:
Ci saranno segni nel sole, nella luna, e nelle stelle. ... le stelle cadranno dal cielo...ecc. (e vedete bene il contesto!....) e certo si avvera in queste comete
ma pure nel meteorite caduto giorni fa, perchè no ?
e sappiamo dagli Apostoli e profeti, che il suo rivale farà grandi portenti, gareggiando con I MIRACOLI DEL SALVATORE: ecco, infatti, già da questa notizia di SEGNO STRAORDINARIO IN CIELO, il "veniente personaggio" sta iniziando a catturare i nostri sguardi -curiosi e AVIDI DI BELLE NOVITA'- per farci pensare che uno preceduto da segni del cielo...
beh, sicuramente è un
"tipo celeste" no ?

per favore, cattolici, non spegniamo la fede appresso alle favole: ricordatevi di S. Paolo:

Non si soppporterà più la sana dottrina, .....ma si volgeranno alle FAVOLE!....ecc.
Piedi per terra, per favore.
Solo il Vangelo è LAMPADA AI NOSTRI PASSI,
senza mutare o togliere uno iota.
La Fede non è creduloneria in sensazionali segni, ma -se ve ne fossero nella realtà visibile- essi possono ANCHE essere opera del nemico di NSGC, il quale può operare portenti e prodigi,
PER INGANNARE LE ANIME, distogliendole dal Salvatore !
esattamente come gli UFO, roba del demonio.
Svegliamoci, per carità.

bt

Anonimo ha detto...

tu sei Pietro, e sopra questa pietra edificherò la mia chiesa, e le porte dell'inferno non prevarrano contro di essa.

hpoirot ha detto...

Le coincidenze 28 11.

Il papa ha annunciato le dimissioni l'11 febbraio, giorno dell'apparizione di Lourdes e della firma dei patti Lateranensi con i quali il papa veniva ufficialmente riconosiuto come sovrano dello Stato Vaticano. Un giornalista francese usa nei suoi libri questa data per contare gli ultimi 7 re (papi) descritti nell'Apocalisse (il che corrisponde alla profezia di San Malachia).

http://www.jovanovic.com/blog.htm


Il papa ha dato le dimissioni il 28 febbraio. Il 28 febbraio 380 l'imperatore Romano Teodosio I° decretava l'editto di Tessalonica che ufficializzava il culto cattolico facendone l'unica religione lecita nell'impero romano. Questa data segna la nascita del cattolicesimo come religione di stato riconosciuta. Nata un 28 febbraio, e lo stesso giorno l'ultimo(?) papa se ne va...

Per quanto possano valere questi tanti piccoli segni, il loro numero comincia a essere significativo

hpoirot ha detto...

La Salette, 1846

Il Vicario di mio Figlio dovrà soffrire molto, perché per un po' la Chiesa sarà soggetta a grandi persecuzioni. Sarà l'ora delle tenebre: la Chiesa passerà una crisi spaventosa ... Il Santo Padre soffrirà molto. Io sarò con lui fino alla fine per ricevere il suo sacrificio.

Non abbiamo mai dubitato che la Madonna restasse, ma non abbiamo mai immaginato nemmeno lontanamente che sarebbe stato il papa a ... non restare.

Anonimo ha detto...

"La cometa di Betlemme era SICURAMENTE mandata da Dio"

Quella "di Betlemme" non era una cometa, ma un "astro" (asteron). Si legga bene il testo di Matteo. Il malinteso sulla cometa è legato forse - nel mondo occidentale - all'iconografia giottesca della Natività raffigurata nella trecentesca cappella degli Scrovegni. In essa, Giotto rappresenta la stella come una cometa perché colpito dal passaggio della cometa di Halley.

E poi, nel Vangelo non è scritto che ci saranno segni nel cielo, nella luna e nelle stelle? Perché parlare di paganesimo?

Anonimo ha detto...

il "veniente personaggio" sta iniziando a catturare i nostri sguardi -curiosi e AVIDI DI BELLE NOVITA'- per farci pensare che uno preceduto da segni del cielo...

Non mi pare affatto che i nostri sguardi siano "curiosi e avidi di belle novità". Ci stiamo semplicemente interrogando su alcune coincidenze significative (chissà?) di eventi astrali che suscitano da sempre l'interesse e la "lettura" che attribuisce significati. Può essere corretto o meno; ma fa parte del guardarsi intorno e cogliere dei dati, anche quelli meno comuni ma che hanno del fascino.

Ovvio che poi si va oltre... ma francamente non possiamo sapere quando il cosiddetto "veniente personaggio" si manifesterà né abbiamo pensato che il 'segno' potesse riferirvisi.

Anonimo ha detto...

A me le due comete in contemporanea (considerata l'eccezionalità dell'evento astronomico) e per di più in coincidenza con date che contengono diretti riferimenti significativi, hanno fatto cogliere la metafora della altrettanto eccezionale compresenza di due Papi sull'orizzonte ecclesiale...
Cosa poi possa significare dovremo ancora vederlo.

Amicus ha detto...

@ Anonimo delle 6.10 che scrive: "per caso c'è qualche rapporto con la Fede ?
dobbiamo guardare i segni celesti come facevano i pagani, attribuendo loro chissà che messaggi ?
dobbiamo diventare aruspici?"

Nostro Signore nel discorso escatologico riportato nei Vangeli sinottici parla di molti segni nel cielo e sulla terra in base ai quali riconoscere la sua seconda Venuta.
Anche a Fatima la Madonna ha invitato a guardare i fenomeni naturali straordinari come messaggi da parte di Dio. Nell'apparizione del 13 luglio 1917, dopo aver mostrato l'Inferno ai tre Veggenti,la Madonna disse quanto segue:
"La guerra sta per finire, ma se non smetteranno di offendere Dio, nel regno di Pio XI ne comincerà un'altra peggiore.
Quando vedrete una notte illuminata da una luce sconosciuta, sappiate che è il grande segnale che Dio vi dà del fatto che si appresta a punire il mondo per i suoi delitti, per mezzo della guerra, della fame e delle persecuzioni alla Chiesa e al Santo Padre.
Per impedire tutto questo, sono venuta a chiedere la Consacrazione della Russia al Mio Cuore Immacolato e la comunione riparatrice nei primi sabati."
E ci fu appunto una straordinaria aurora boreale visibile anche alle nostre latitudini, esattamente nella notte tra il 25 ed il 26 gennaio 1938. Ho conosciuto un sacerdote che l'aveva vista, mi disse che era stato uno spettacolo impressionante.
Meditate, gente, meditate...

Anonimo ha detto...

per chi ripete:
tu sei Pietro, e sopra questa pietra edificherò la mia Chiesa...

benissimo, lo sappiamo, non ce lo scordiamo assolutamente.
ma allora percio' il Pietro deve essere UNO, UNO SOLO, come Cristo ha voluto, NON DUE :
e' precisamente questo il fatto nuovo e terribile, lo vogliamo capire....?

Abonato a Sì, sì, no, no ha detto...

Leggete l'utlimo numero. Si fa un chiao riferimento alla Stella di Betlemme.

Anonimo ha detto...

E chissà se il prossimo papa non che regnerà 9 mesi?
E vedremo Benedetto XVI andare al funerale del suo successore?

Anonimo ha detto...

Dichiarazione di Wuerl a La Stampa, "Il conclave non sarà breve." Interessante.

Anonimo ha detto...

Ma altri cardinali - se non sbaglio Schoenborn - dicono che avremo il nuovo Papa molto presto.
Comunque, i giochi delle dichiarazioni contrapposte fanno propendere appunto per l'ipotesi Wuerl.