mercoledì 12 agosto 2020

Mario Draghi ed i gesuiti - Gianfranco Amato

Cosa può legare Jorge Mario Bergoglio, cui alcuni attribuiscono giovanili simpatie peroniste, con il mondialista Mario Draghi? Cosa possono avere in comune il campione argentino degli ultimi, degli oppressi, dei poveri con il rappresentante italiano in Europa osannato dai poteri forti, dall’oligarchia finanziaria, dalla plutocrazia globalista?
La domanda è più che lecita visto che il Papa in persona ha voluto nominare Draghi membro della Pontifica Accademia delle Scienze Sociali, e visto che lo ha incontrato solo un paio di volte in vita sua.
La prima occasione è stata il 19 ottobre 2013, durante un’udienza personale concessa a Mario Draghi e famiglia, mentre la seconda si è presentata il 6 maggio 2016, quando il Papa ricevette il prestigioso internazionale Premio Carlo Magno – il massimo riconoscimento europeo – nella Sala Regia del Palazzo Apostolico. In quel caso Mario Draghi era seduto tra i massivi livelli politici ed economici dell’Unione, insieme ad Angela Merkel, Jean Claude Junker, Martin Schultz e Donald Tusk. Fu proprio in quell’occasione che Bergoglio, nel discorso di ringraziamento per il premio ricevuto, disse espressamente di «sognare un’Europa capace di dare alla luce un nuovo umanesimo [qui - qui] basato su tre capacità: la capacità di integrare, la capacità di dialogare e la capacità di generare». Chi scrisse il discorso al Papa si dimenticò di citare Gesù Cristo, ma sono molti, ormai, nei Sacri Palazzi a ritenere che il nuovo concetto di “umanesimo” possa anche prescindere dalla figura del Figlio di Dio.

Qual è allora il filo rosso che collega Bergoglio a Draghi. I bene informati lo identificano con un nome e cognome: Antonio Spadaro. Sì, proprio il gesuita direttore di Civiltà Cattolica, l’uomo che sussura al Papa, l’eminenza grigia di Francesco I.

Si dà il caso, infatti, che Mario Draghi si vanti di essere un ex allievo dell’Istituto Massimiliano Massimo, la prestigiosa scuola cattolica romana guidata proprio dai gesuiti.

Non è neppure un caso che il 2 novembre 2019 proprio Civiltà Cattolica, la rivista dei gesuiti diretta da Spadaro, abbia pubblicato un articolo elogiativo nei confronti di Mario Draghi. L’articolo di tredici pagine si intitola Il contributo di Mario Draghi all’Europa, si trova nel quaderno 4065, pag. 220 – 233, Anno 2019, Volume IV, ed è firmato dal gesuita Guido Ruta, dottore di ricerca in Economia presso la New York University. Nel citato articolo Mario Draghi viene considerato «protagonista di una delle fasi più complesse della storia recente d’Europa», e il suo servizio come presidente della Banca centrale europea viene riconosciuto come «decisivo per salvare l’Unione economica e monetaria».

Secondo la rivista dei gesuiti, il prezioso contributo di Draghi oggi potrebbe finalmente rappresentare la «straordinaria opportunità di completare» definitivamente tale unione, archiviando una volta per tutte le «istanze populiste» euroscettiche, e attuando le «necessarie riforme» per compiete la costruzione europea.

Gli elogi per SuperMario da parte del gesuita Ruta si sprecano:«In contesti del tutto inediti, dominati dall’incertezza e dallo scetticismo, Draghi ha saputo prendere decisioni sulla base di analisi rigorose, con audacia e guidato da una visione altissima dell’Europa, unita ben oltre la moneta come nel progetto dei Padri fondatori. Ha creato così le condizioni perché il processo di unione dei nostri Paesi giunga a compimento».

Nell’articolo si arriva persino a chiedere un suo impegno diretto in politica: «Mario Draghi emerge come policy maker di altissima statura: alla gratitudine si aggiunge l’auspicio che il suo modo di procedere senza retorica, con approfondimento e visione, venga assunto in ambiti più ampi della politica sia europea sia italiana». Seguono elogi sperticati all’euro e attacchi contro le «disarticolate istanze populiste di ritorno all’autonomia monetaria», che oggi si registrano in Italia. Se non fosse per la copertina sembrerebbe di legge il Wall Street Journal o il Financial Times. Comunque, ora appare sufficientemente chiaro perché Bergoglio abbia nominato Draghi alla Pontificia Accademia delle Scienze Sociali.

Che, lo ricordiamo dopo essere stato Direttore esecutivo della Banca Mondiale, da Direttore Generale della Banca d’Italia è stato l’artefice delle privatizzazioni delle società pubbliche partecipate. Era sul panfilo Britannia della Regjna Elisabetta al largo di Civitavecchia con i rappresentanti della finanza internazionale per definire il programma di svendita del patrimonio industriale e imprenditoriale italiano, a cominciare dall’Iri, Eni, Telecom, Enel, Comit, Credit. Nel 2002 è stato Vice-Presidente della Goldman Sachs, la più grande Banca d’affari privata al mondo. Nel 2005 è stato Governatore della Banca d’Italia e nel 2011 è stato nominato Presidente della Banca Centrale Europea. Un curriculm stellare di tutto rispetto per delineare il profilo di un “potente”. - Fonte

41 commenti:

Valeria Fusetti ha detto...

Mi chiedo, e solo per perfezionare cotanto profilo: Draghi sarà pure massone ? non lo so, ovviamente, ma nel suddetto profilo ci starebbe bene come la classica ciliegina sulla torta. In ogni caso è comprensibile che ogni tanto si parli di Draghi, e se il filo rosso che collega Draghi a Bergoglio è Spadaro, e tutta l'enclave gesuitica che conta, mi sembra anche ipotizzabile che, ogni tanto, si sussurri il nome del "nostro" come successore di Conte. Cosa che ottiene due risultati immediati: richiamare all'ordine il devoto Ciuseppi,caso mai avesse qualche sussulto di indipendenza, ed abituare il volgo ad un nuovo volto che, ammettiamolo, a questo punto pur di levarci l'avvocato del popolo saremmo quasi felici di avere Draghi ! Salvini docet. Un disagio mi pervade, ed è la sensazione che la politica italiana, anzichè decisa secondo le regole che imporrebbe la Costituzione (la più bella del mondo), abbia tutta un'altra regia, che attualmente abita dietro le sacre mura Leonine. Complottismo ? E perchè no ?

Anonimo ha detto...

L'ex premier Mario Monti è stato scelto come presidente della commissione paneuropea istituita per stabilire le priorità di spesa a seguito della pandemia. La sua maggioranza, però, aveva avviato 8 miliardi di tagli alla sanità. E avallato i processi di austerità che soffocano il paese...

Anonimo ha detto...

"Ogni persona libera, ogni giornalista libero, deve essere pronto a riconoscere la verità ovunque essa sia. E se non lo fa è, (nell'ordine): un imbecille, un disonesto, un fanatico. Il fanatismo è il primo nemico della libertà di pensiero. E a questo credo io mi piegherò sempre, per questo credo io pagherò sempre: ignorando orgogliosamente chi non capisce o chi per i suoi interessi e le sue ideologie finge di non capire.“ — Oriana Fallaci

Ireneo ha detto...

Tra i fanatici di cui parla benissimo Oriana Fallaci vi è quella parte amplissima di clero che crede che Gesù è sceso sulla terra non per redimere e salvare le anime (Dio difatti, infinitamente misericordioso salverebbe tutti) ma per migliorare le condizioni di vita dei poveri. Il nuovo umanesimo della Chiesa di Bergoglio, perfettamente coincidente con il credo massonico.

Mario Monti sarebbe d'accordo ha detto...

Matteo Renzi: «Se davvero arriveremo al vaccino contro il Covid questo vaccino dovrà essere obbligatorio per tutti. Obbligatorio, non facoltativo. Obbligatorio!»

In Italia ci sarà un’opposizione capace di opporsi?

http://www.renovatio21.com/vaccino-anti-covid-italia-viva-vuole-lobbligo-per-tutti/

Anonimo ha detto...

La realtà è che ha gettato la maschera il nuovo ordine mondiale targato PD.

Anonimo ha detto...

Abbiamo appreso che l’OMS Europa ha istituito una commissione per rivedere i sistemi sanitari. Il presidente di questa commissione sarà Mario Monti.

Ebbene sì: l’OMS ha scelto Monti come presidente della commissione per rivedere i sistemi sanitari in relazione all’emergenza covid-19.

Cosa significhi mettere Mario Monti a rivedere i sistemi sanitari non è difficile presagirlo: sarà con ogni probabilità una visione in chiave liberista. Revisione che fa rima con taglio.

Monti, euroinomane e uomo dei mercati. Sono sempre gli stessi nomi se ci fate caso, con un mandato democratico inesistente. Decidono sempre loro e non conta nulla l’indice di gradimento popolare. Sono lì in quanto esperti, tecnici. In questo modo viene delegittimata l’idea stessa di una democrazia basata sull’idea di popolo sovrano.

Le decisioni spettano sempre agli esperti e gli esperti guarda caso sono sempre gli adepti del pensiero unico.

Questo è il nuovo ordine liberista imperante. Mario Monti, caro all’ordine dominante, rappresenta a pieno gli interessi delle classi dominanti.

Stesso dicasi a proposito di Draghi

Anonimo ha detto...

Papa Francesco ha nominato nella mattinata di venerdì 10 luglio Mario Draghi membro dell’Accademia delle Scienze Sociali, istituzione nata nel 1994 con lo scopo di fornire alla Chiesa gli elementi da impiegare per lo sviluppo della dottrina sociale e permettere di studiarne gli effetti dell’applicazione nella società contemporanea. L’organismo «consultivo» è presieduto dall’economista Stefano Zamagni mentre il cancelliere è il vescovo argentino Sanchez Sorondo.
Si tratta della prima «carica» – anche se in questo caso non operativa – che l’ex presidente della Bce assume dopo aver lasciato nel novembre scorso il suo incarico di otto anni a Francoforte. Draghi, ex allievo del collegio Massimo di Roma retto da gesuiti, ha incontrato più volte Papa Francesco: nel 2013 – pochi mesi dopo l’elezione a Pontefice - in udienza con la famiglia, nel 2016 in occasione del conferimento a Francesco del Premio Carlo Magno in Vaticano (Draghi era in prima fila accanto a Angela Merkel), ma forse l’ha visto anche in altre occasioni, riservatamente.
....

Anonimo ha detto...


Il nuovo e confuso umanesimo auspicato da Bergoglio, in favore dei poveri, sarebbe conforme al credo massonico?

Ma quando mai la Massoneria ha inserito i "poveri" nel suo credo? I "poveri" li aiuta solo indirettamente, nelle iniziative filantropiche organizzate dalla Setta, che in genere prediligono i Confratelli a tre puntini.
Nel credo massonico ci sono la tolleranza per tutti i culti, la libertà d'espressione, la fratellanza universale, in senso lato, retorico, come l'uguaglianza; la preferenza per la democrazia.
Non c'è una filosofia della povertà, per di più in chiave rivoluzionaria, come quella professata dalla teologia della liberazione e popular, nelle quali si è formato Bergoglio e che si ritrovano nella c.d. "teologia india", da lui pure utilizzata.

Anonimo ha detto...

Nei tg nemmeno l'ombra del gravissimo episodio del Duomo di Milano.

Anonimo ha detto...

Da anni siamo commissariati dal Vaticano, altro che potenze straniere che tramano. 2011 Convegno di Todi di tutti i politicanti cattolici, dopo poco vien fatto cadere il governo Berlusconi-Tremonti e si insedia il tecnico democristiano Monti. Gli succedono il democristiano Letta (fu anche portaborse di Andreatta), il democristiano boy-scout Renzi, il democristiano-verde Gentiloni. Poi vennero le elezioni, non si riuscì a evitare il governo M5S-Lega, teoricamente quanto di più sfuggente a un controllo ecclesiastico. Ed ecco spuntare dal cilindro, come apparente garante equidistante, lo sconosciuto prof. Conte, allevato fra scuole vaticane e la corte del card. Silvestrini, così si dice. Il problema è tutto lì. Oltretevere. Ci vuole lo Imperatore, i ghibellini!!!

Anonimo ha detto...


Ci vogliono i ghibellini

Ci vorrebbe, prima di tutto, un Papa veramente cattolico.
E poi uno Stato governato da una classe dirigente degna di questo nome, che sapesse difendere la giusta autonomia dello Stato, quando è legittima.

Anonimo ha detto...

da Claudio Fauci....In generale il covidiota medio, tutto museruola, distanza sociale, "lo dicono gli esperti " e "tu non sei virologo", ha ormai costruito TUTTA la sua stabilità ed il suo stato ontologico sulla farsa.
Vi siete per caso resi conto che siamo passati dal lockdown per non intasare gli ospedali al lockdown per non ammalarsi? Ora, con la stessa scioltezza, siamo passati dalla conta dei malati alla conta dei contagiati. Differenze ENORMI, passaggi che troppo pochi paiono notare.

Ci dispiace aver avuto ragione, avremmo preferito il contrario, ma vi avevamo avvertito di questo scenario nel lontano febbraio.

Ad ogni modo, ecco la sintesi:

- Sono stati pubblicati i famosi verbali del comitato tecnico-scientifico in una selezione irrisoria dove mancano migliaia di allegati. Ciò che è emerso è che nessuno aveva chiesto il lockdown nazionale, cosa gravissima ma che non stupisce dal momento che è evidente che la questione sanitaria è secondaria rispetto a ben altri interessi ( peraltro fantastiche le pagine in cui si consigliano ai più piccoli come fare colazione e lavarsi i denti, stiamo dando importanza a dei grotteschi nerd, rendetevene conto).

- In Russia Putin ha tirato fuori un vaccino non obbligatorio dicendo di averlo testato sulla figlia (geniale). L’OMS ha immediatamente invitato a diffidare dell'operazione russa. Lo Zar come al solito gioca a scacchi per svincolarsi in un colpo solo di pandemia e dei centri nevralgici del governo globale.

- In Bielorussia Lukashenko vince con più dell'80% di consensi, plebiscito insomma, ma secondo i media trattasi dell' "ultimo dittatore d'Europa" e secondo Enrico Letta bisognerebbe fermarlo subito anche con le armi.

- In Spagna dopo pressioni del ministero della sanità si è scoperto che il comitato tecnico-scientifico in realtà non è mai esistito.

- L'Oms ha scelto Monti per la super commissione sulle politiche sanitarie. C’è anche da commentare?

- Mattarella ha dichiarato che "la pandemia ha rilanciato l'informazione seria, contro le fake news." Sarebbe interessante sapere se Mattarella per "informazione seria" intendeva notizie come quella del finanziere al quale hanno sparato in testa ma che secondo i media morì “di covid”

- Prima dell’apertura delle scuole, guarda caso il grande problema sono diventati i giovani. Ecco che spuntano fuori articoli “scientifici” sui bambini come veicolo di pericolosissimi contagi.
Prosegue difatti la pianificazione per la scuola a settembre, il grande obiettivo per rendere le nuove generazioni ipocondriache e “distanziate”. Avremo intere classi in quarantena già al primo mese, perché basterà che un alunno, o anche solo un suo familiare, risulti per qualche motivo "positivo" per innescare la catena di tamponi ai suoi contatti. Le prove generali sono già state fatte coi centri estivi.

- Osservando il bombardamento mainstream è’ probabile dedurre che ci troveremo a breve imposte chiusure di città, quartieri ed isolati con misure di "contenimento del virus" anche nuove, in un continuo stato d'allerta che porterà le persone più impressionabili che credono alla “pandemia” a stati depressivi e ad un'aggressività crescente verso chi non seguirà le norme.

- Nel frattempo misure di distanziamento e obblighi di mascherine sono state ovviamente prolungate dalla banda Conte.

Un consiglio a Zangrillo, Bassetti e gli altri: è inutile che perdete tempo a dimostrare che gli ospedali sono vuoti da mesi e non accade nulla. Prendete atto che SE NE USCIRA’ SOLO QUANDO LO DECIDERANNO LORO, NON IN BASE A DATI OGGETTIVI. Dei dati clinici non frega nulla a nessuno, è fumo negli occhi, questa è una pandemia mediatica, vi stanno solo usando.
Salvatore Napolitano

Anonimo ha detto...

Poche parole sul
n e o l i b e r i s m o

"Quando finirà questa dittatura della comunicazione?

Abbiamo più volte chiesto alla RAI di farci vedere un cambiamento, di iniziare a svolgere veramente un servizio pubblico, di realizzare almeno un programma che smascheri l'inganno del N E O L I B E R I S M O, la menzogna di questa non-politica fatta passare come unica politica possibile, per verità matematica.

La rivoluzione democratica dovrà diffondere una nuova visione e una nuova politica, conquistando finalmente la bastiglia della comunicazione, creando degli spazi veramente liberi e aperti al pensiero."

Marco Guzzi, filosofo

Anonimo ha detto...

Ma siamo sicuri che inseguire il vaccino sia la cosa più giusta e veloce? e le cure per minimizzare i sintomi di questa malattia? siamo sicuri che si possa trovare un vaccino per questa bestia? non è che stiamo gettando miliardi in un vicolo cieco distogliendoli dalla ricerca per la cura?
Alberto Lacchini

Anonimo ha detto...

Delatori alla squacquerone

Lo sceriffo Stefano Bonaccini invita i cittadini a «denunciare quando chiunque veda comportamenti irresponsabili». E' la nuova campagna anti movida del governatore emiliano romagnolo. Ed è una barbarie. Una barbarie che abbiamo visto coi capi dei regimi sovietici, le cui foto i predecessori di Bonaccini in Regione Emilia Romagna avevano appese alle pareti.

Poco importa che Bonaccini abbia un mandato valido da parte degli elettori: invitare i cittadini a denunciare altri cittadini si chiama delazione. Non è senso civico, perché il senso civico comporta una responsabilità di fronte all'autorità: se vedo uno che ruba sono il primo a prendermi la briga di segnalarlo e se non è vero pago di persona.

Ma nella dittatura del pandemicamente corretto il senso civico è degenerato in delazione. Chi verifica che il delatore non menta o non millanti? E soprattutto, Bonaccini invita a denunciare, ma a chi? Ai vigili o al bagnino? «Agente, quei due si baciano, vada a verificare se sono congiunti», «signor carabiniere, il signor Sarfatti è entrato in panetteria senza mascherina, controlli: l'ha scordata o vuole fare il furbo?». Accadrà così? Accadrà che l'onere della prova spetterà al malcapitanto che infrange il dogma del distanziamento e al delatore andà una pacca sulla spalla per l'impegno profuso?

Ce lo aspettiamo, visti i precedenti, da un governatore che già aveva detto al cittadino potenziale contagiato, come un Charles Bronson allo squacquerone, «li scoveremo casa per casa» e a un albergatore “adesso fate quello che vi diciamo noi”, che sa tanto di mò ce ripigliamm tutto chell che è o nuost, sì, ce lo aspettamo.

Per di più a capo di una giunta che già aveva ammesso che la caccia ai runner era inutile, ma funzionale a creare il clima di paura, con un commissario all'emergenza che, superbo, non ha nemmeno provato vergogna per essersi pentito di aver criminalizzato le passeggiate di cazzeggio, sì, se lo aspettiamo.

Solo una cosa però resta da capire. Secondo la Treccani il delatore è "chi per lucro, per vendetta personale, per servilismo verso chi comanda o per altri motivi, denuncia segretamente qualcuno presso un’autorità giudiziaria o politica".

Allora, vediamo di capirci. Dato che sono in questa Regione residente, domiciliato e votante, ma non coltivando regolamenti di conti verso chicchessia e men che meno ormai scevro da ambizioni di assoggettamento compiacente verso giunte rosse, mi par che resti solo il vil danaro come incentivo.

Ecco, di grazia potrei sapere qual è la taglia o la ricompensa o anche solo la coccarda - ovviamente al netto delle tasse - che mi verrebbe riconosciuta nello svolgere le mie mansioni da giustiziere della notte?

Così, tanto per sapere se per sputtanare per senso civico, dato che dovremo perdere la faccia, almeno ce ne verrà qualcosa.
La Nuova Bussola Quotidiana

Anonimo ha detto...

http://www.imolaoggi.it/2020/08/13/renzi-vuole-vaccino-obbligatorio-a-produrlo-sara-suo-finanziatore/
Renzi: "per me è scontato che il vaccino dovrà assolutamente obbligatorio." Per lui è scontato, specialmente se a produrlo è uno dei suoi finanziatori, tale Pietro Di Lorenzo. Qualsiasi cosa si scelga nell'urna, il voto andrà sempre al cartello farmaceutico.

fabrizio giudici ha detto...

Draghi: scuole superiori dai gesuiti. Sopra è stato citato Fauci: scuole superiori dai gesuiti. Sembra stia diventando un marcatore anche più importante delle affinità con una qualche entità massonica. Si potrebbe parafrasare il noto detto con "Jesuits are the new Freemasonry".

Anonimo ha detto...

Comunque i bonus da 600 euro presi a sbafo dai politici sono serviti a far passare in dimenticatoio la desecretazione dei verbali attestante la tremenda responsabilità del governo nella rovina sanitaria ed economica del Paese. Un’incoscienza che continua imperterrita con l’accoglienza di centinaia di immigrati contagiosi sparsi poi in tutta la penisola.
Meditate, gente, meditate: si chiamano armi di distrazione di massa

Anonimo ha detto...

Mario Monti ha studiato al Leone Xiii di Milano, retto dai gesuiti. Dopo la laurea alla Bocconi,trascorre un anno alla Università Yale negli USA.

Mario Draghi ha studiato al Massimiliano Massimo di Roma, retto dai gesuiti. Dopo la laurea alla Sapienza di Roma, si specializza al MIT (Massachusetts Institute of Technology) negli USA.

Anonimo ha detto...


Putin ha detto che la Russia ha trovato il vaccino, l'ha fatto sperimentare
alla figlia.
Bisogna però esser cauti. Occorrono solide verifiche empiriche, se si
vuole procedere scientificamente. E questo richiede tempo.
Il vaccino, se lo trovano davvero, non dovrebbe comunque essere obbligatorio.

Anonimo ha detto...

Cesare Sacchetti:
Se complottista vuol dire chiedersi che epidemia è quella dove ci sono solo asintomatici sani. Se complottista vuol dire non indossare una mascherina in spiaggia. Se complottista vuol dire usare la ragione. Se complottista vuol dire tutto questo, allora bisogna andarne fieri.

Anonimo ha detto...

Molti, troppi, non hanno ancora capito con che razza di farabutti, al più alto livello mondiale, abbiamo a che fare !!? Non hanno capito che questi stessi farabutti ci vogliono ridurre tutti alla loro mercé, e per molti forse anche tolti di mezzo. Sono le grandi lobbies mondialiste - filantropico-massoniche (massoneria ...deviata). Occorrerebbe un sollevamento popolare di massa, pacifico ovviamente, ma forte e deciso. Ma siamo un popolo di anestetizzati, almeno al 90 % . E questi, farabutti, andranno avanti a vele spiegate !!?

Anonimo ha detto...

Stavo pensando a questa strana rotazione delle stesse persone...ma allora sono pochi!
Bisognerebbe stilare una lista di quanti sono i partecipanti Italiani al giro che conta e confrontarla con i 60.000.000 di Italiani veri.

https://www.youtube.com/watch?v=kMeP8JWs5Vg

Italiano vero Andre Rieu_x264

mic ha detto...

Monti: "Social fanno tremare i politici, ma sono irrilevanti"

https://www.adnkronos.com/fatti/politica/2020/08/13/monti-social-fanno-tremare-politici-sono-irrilevanti_QRi0YJO4Q9xRpFND9LqjLO.html

tralcio ha detto...

Monti afferma che la stessa realtà "che fa tremare i politici" è "irrilevante".
Dunque o lui non è un politico, o è irrilevante solo per quelli come lui.
In ogni caso lui si pone "fuori" dai problemi degli altri politici.
E si chiama fuori da considerazioni "manichee", perché quelli come lui agiscono al bisogno.

In effetti l'agire secondo la situazione è indicativo del modo di pensare che c'è dietro.
E non sentirsi nella stessa condizione di altri attori politici, dice lo status differente.
Lo ricondurrei al binomio rigidamente alternativo tra gnosi e rivelazione e lor credenti.

Per chi crede a Dio, la Sua volontà è solo una, fedelmente in atto. Ogni creatura capace di libero arbitrio ha per vocazione di mettersi in armonia ed abbandonarsi ad essa, in grazia.
La rivelazione pone l'uomo nella condizione di ritornare all'unità perduta. C'è una "totalitas ante partes", perduta per l'opera del divisore e riconsegnata dalla volontà provvidente di Dio mediante l'Incarnazione e la Redenzione: una sapienza timorata di Dio.

Viceversa c'è una totalitas post partes, tecnicistica, ad opera di gnostici, illuminati, capaci di sottrarsi alla rozza ignoranza e superiori ai limiti altrui, per costruire, da artefici, nel contesto, ciò che porta al progresso verso un tutto che ci daremo da soli.
E' quel "e pluribus unum" che caratterizza la sapienza senza timor di Dio.

E' largamente praticata la mentalità gnostica ed è malamente disattesa la fede cristiana.
E' considerato tossico il dogma, facendo soffrire l'anima di Mons. Livi, mentre è considerato detossificante l'adeguamento alla praxis, anche del dato rivelato.

Tutto iniziò con il peccato originale: sfiduciato Dio, l'uomo preferì fidarsi di un altro.
La conoscenza del bene e del male non è pericolosa perché Dio la celi per dispetto, ma perché serve molta obbedienza per non esserne abbagliati e accecati. Lo stesso Salomone, non a caso caro a tutta la genia degli eccelsi parac...elsi in circolazione, partì affascinando tutti per la sapienza chiesta e ricevuta da Dio e finì idolatra e apostata!
Oggi che anche la Chiesa ha rimosso l'adesione al dogma, preferendo il dialogo e una mentalità aperta, che impara dal mondo e il mondo cerca di assecondare, quelli come Monti non potevano che far carriera, sentendosi superiori ai fastidi che pure riguardano i comuni amministratori, che se non hanno il timore di Dio hanno almeno il timore del mondo...

Anonimo ha detto...

Il grido di allarme del Questore di Torino: "Troppi violenti tra gli stranieri, i miei agenti sempre più a rischio. Non è questione di razzismo. Oggi i poliziotti vengono aggrediti con estrema facilità. La divisa non viene percepita come un deterrente. Il senso dello Stato è ignorato".
Nel frattempo sbarchi record, porti aperti e il governo SMANTELLA i Decreti sicurezza.
L'Italia al contrario di PD e 5 Stelle.

Anonimo ha detto...

Tornando alle avvisaglie di neopaganesimo

Stiamo andando incontro all'ambientalismo come religione universale. In cui una nuova «teologia ecologica» sembra oramai pronta a sostituire la dottrina sociale della Chiesa.

mic ha detto...

Lo snobismo tipico dei tecnocrati e di certa élite lo si può riscontrare nell'intervista che Mario Monti ha rilasciato al quotidiano La Repubblica: "Questo compito - inatteso, non remunerato, difficile ma credo importante - mi è stato affidato dall'Oms-Regione europea, che rappresenta 53 Stati: non solo quelli della Ue ma tanti altri, dalla Russia alla Turchia a Israele. Questo ci dà l'idea di quanto contano certi social italiani, temuti o cavalcati dai nostri politici: zero". Piuttosto, sottolinea Monti, "sono grato al ministro Speranza che nel rallegrarsi per questo incarico mi ha assicurato l'appoggio suo e del suo team, di cui avrò certo bisogno. Una parte degli italiani, agitata da quei social, mi vede come fautore dell'austerità per partito preso, sempre e comunque. Negli altri Paesi, ricordano semmai il mio governo come quello che ha evitato agli italiani di finire come i greci".

"Governi spendano di più per la sanità"

Secondo mister austerità, i governi devono tornare a spendere di più per la sanità "Quel che è certo" spiega è "che la salute dovrà pesare di più nelle scelte politiche, se vogliamo evitare crisi che - oltre al loro tragico effetto sulle vite delle persone - rischiano di costare un multiplo delle cifre che si potrebbero stanziare per prevenirle o attenuarne la portata devastante. Riflessioni analoghe dovremo fare per il cambiamento climatico in corso, che potrebbe manifestarsi in modi catastrofici in momenti imprevisti, e che secondo alcuni è a sua volta concausa delle pandemie"
https://m.ilgiornale.it/news/politica/oms-mario-monti-snobba-critiche-i-social-non-contano-nulla-1883359.html

Dopo che suoi erano stati i tagli alla sanità per 37 miliardi, una buona scusa per costringerci a prendere il MES...

Anonimo ha detto...

Mentre ci si accapiglia per chi tra i politici ha preso il bonus di 600 euro, una nomina incredibile. Passa sotto silenzio, quella di Mario Monti che avrà l' incarico di presiedere, per conto dell' Oms, una commissione europea per la salute e lo sviluppo sostenibile, con l' obiettivo di ripensare le priorità relative alle politiche del post pandemia. Solo il nostro sen Bagnai ha ricordato in una diretta Fb le politiche di austerità messe in opera dal governo Monti, i tagli pesantissimi alla Sanità pubblica, la contro riforma delle pensioni con i 350.000 esodati.
Gli italiani hanno dato un giudizio definitivo sulle politiche adottate da Monti in varie tornate elettorali, azzerandone di fatto il consenso.Ma il consenso non conta per questi organismi sovranazionali non eletti da nessuno, il processo democratico è di fatto azzerato.Dobbiamo combattere sempre più duramente, mai come ora popolo contro élite

Anonimo ha detto...

Spendere in sanità significa evolverci in transumani temo. Quanto a Draghi potrebbe essere l'ultimo anticristo sulla scena del mondo..che passa?
http://www.radioradicale.it/scheda/559391/tecnologie-dellumano-la-rivoluzione-fisico-telematica
Chiunque ha coscienza MORALE DEVE GUARDARE questo video dal minuto 45, quando parla il nuovo hitler nel 2018 (tizio pelato) davanti a Fico e 5 stelle e viene applaudito...alla camera dei deputati...PER CAPIRE LA MINACCIA ATTUALE CHE NON è LA MORTE MA L'EVOLUZIONE TRANSUMANA FORZATA...

Anonimo ha detto...

Un egiziano stava per sgozzare un vigilante. L'immunità dell'Italia dal terrorismo islamico sta per finire? In autunno scoppierà la bomba sociale e gli immigrati clandestini potrebbero essere la milizia che le élite mondialiste useranno contro gli italiani.
https://lacrunadellago.net/2020/08/14/gli-immigrati-clandestini-e-i-terroristi-islamici-saranno-la-milizia-del-mondialismo-contro-gli-italiani/

Anonimo ha detto...

Monti quando era a Palazzo Chigi ha devastato la Salute. Ora spiega che abbattere la spesa costa più che non farlo. Però bisogna finanziarla con nuove tasse o intervenendo su voci diverse. Perché certi amori non finiscono...

Anonimo ha detto...

Le brutte notizie non finiscono mai. Monti Mario, già pluripensionato, ex Rettore della Bocconi, con 11 case tra Milano, Varese e Bruxelles, con il laticlavio di Senatore italiota a vita, va a presiedere la Commissione Europea sulla nostra salute. In tutta Europa non c'era di meglio. Hanno dovuto richiamare Monti Mario, con studi dai Gesuiti. CHE DIO LA MANDI BUONA A NOI!

Anonimo ha detto...

In relazione all'articolo apparso su Lnbq, riguardo alle dichiarazioni del governatore dell' ER,tranquillizzo coloro che potrebbero aver preso sul serio le sue affermazioni, dopo 5 mesi di stop, figuriamoci se si rispettano regole, distanze,mascherine e quant'altro il suddetto da Ferrara in giù neanche dipinto si fa vedere e ne ha ben d'onde.......lo squacquerone va mangiato a velocità supersonica date le temperature e siccome bisogna fare la fila per entrare in piadineria.........sold out su tutta la costa fino giù alle Marche, almeno fino al 31 agosto, dopo non si sa.......

Anonimo ha detto...

Polizia e migranti in fuga: "L'ordine è di non fermarli" di Chiara Giannini

«Siamo stanchi, siamo qui per niente», è il grido disperato degli agenti di polizia che operano nell'Agrigentino per contenere i migranti in quarantena nei tre centri di accoglienza presenti sul territorio della provincia siciliana. Dall'inizio dell'emergenza Covid centinaia di poliziotti provenienti da tutta Italia sono stati impiegati per questo scopo. Lo Stato ha speso milioni di euro tra stipendi, indennità di ordine pubblico fuori sede (19 euro al giorno), straordinari (visto che la maggior parte i loro fa due turni nell'arco di 24 ore), hotel che ospitano i poliziotti, ristoranti. Ma la cosa più grave, secondo quanto raccontano gli agenti, è che tutto ciò viene fatto per niente.

I migranti, in sostanza, secondo quanto risulta da alcune ordinanze delle varie questure, debbono essere trattati «con umanità» qualora fuggano dai centri e debbono essere «invitati a rientrare». Insomma, tu malato di Covid o meno, tenti la fuga e io poliziotto non posso fermarti perché non ho chiare regole di ingaggio, ma anzi devo «invitarti a rientrare». Clandestini trattati coi guanti bianchi, in sostanza. «Perché la verità che nessuno dice - spiega un agente - è che siccome dal Viminale non sono arrivate regole chiare da seguire e siccome siamo in numero di molto inferiore rispetto agli ospiti dei centri, dalle questure i nostri superiori ci dicono chiaramente di lasciarli andare se dovessimo trovarci in difficoltà. Altrimenti potrebbe accadere come a Vicenza, dove un nostro collega ora si troverà punito per aver fatto il suo lavoro».

https://www.ilgiornale.it/news/politica/polizia-e-migranti-fuga-lordine-non-fermarli-1883598.html

Anonimo ha detto...

"Manica impraticabile". Per fermare i migranti basta copiare Londra di Gian Micalessin

Noi predichiamo l'accoglienza, il Regno Unito ha risolto il problema in sette giorni

A Roma le chiacchiere. A Londra i fatti. E, in mezzo, la comune grana dei migranti. Ma cominciamo dai protagonisti. Al Viminale noi abbiamo Luciana Lamorgese, un ex prefetto di Milano promosso ministro dell'Interno dal governo giallorosso. All'Home Office di Londra Boris Johnson ha messo invece Priti Patel, una 48enne tatcheriana di ferro figlia di una famiglia indiana arrivata a Londra dall'ex-colonia ugandese. Ma le differenze tra le due «ministre» non si fermano qui. La Lamorgese travolta quest'anno dallo sbarco di 15mila migranti, tra cui 6.429 tunisini e 2.338 bengalesi alla ricerca d'una comoda sistemazione italiana - il 29 luglio ha battuto i pugni sul tavolo definendo «inaccettabili» quegli arrivi. L'unico risultato sono stati gli ulteriori 2mila 224 intrusi accomodatisi in Italia nei 15 giorni successivi. Per non parlare del costo delle navi da crociera affittate al prezzo di 4 milioni di euro più Iva al trimestre per gestire la quarantena dei migranti positivi al Coronavirus. Un prezzo che alla fine andrà moltiplicato per molte volte visto che ciascuna delle navi prevede la sistemazione di un massimo di 250 migranti.
E ora andiamo dall'altra parte della Manica. Lì anche la signora Priti Patel deve vedersela con un bel po' di indesiderati in arrivo dalle coste francesi. Dall'inizio dell'anno più di 4mila e 100 «clandestini», come li chiama la ministra di Sua Maestà, hanno raggiunto le bianche scogliere di Dover. Un traffico bruscamente impennatosi ai primi di questo mese quando gli sbarchi hanno toccato quota 650, con una punta massima di 235 arrivi nelle 24 ore il 6 agosto. Poca roba se paragonata agli oltre 7mila arrivi sulle nostre coste nel mese di luglio e ai 1.321 registrati nei primi 13 giorni di questo mese. Ma Priti Patel e il governo di Sua Maestà non la pensano così. Una settimana fa l'omologa della nostra Lamorgese ha convocato Dan O'Mahoney, un ex ufficiale dei Royal Marines, veterano del Kosovo e dell'Iraq, e gli ha conferito la carica di «Comandante per la Minaccia dei Clandestini nella Canale» ordinandogli di rendere «impraticabile» la rotta della Manica.

Non vogliamo neppure immaginare cosa potrebbe succedere qui da noi se, non Salvini, ma la rispettabilissima Lamorgese convocasse un ex ufficiale dei Marò chiedendogli di bloccare a qualsiasi costo barchini e gommoni in navigazione nel Canale di Sicilia. In Inghilterra dove, stando ai sondaggi, il 50 per cento dei sudditi non prova alcuna simpatia per i migranti non è volata una mosca. E così Priti Patel ha spedito O'Mahoney a Parigi ordinandogli di mettere con le spalle al muro le autorità d'oltremanica e raggiungere un'intesa per fermare i trafficanti d' uomini. Il tutto mentre chiedeva alla Difesa di mettere a punto, in caso di mancato accordo, un'operazione della Royal Navy per bloccare i barchini in partenza da Calais. E per non sbagliare pretendeva l'immediato decollo di un pattugliatore incaricato di individuare le partenze e segnalarle ai funzionari del presidente Emmanuel Macron.

E così mentre in Italia, a dispetto delle dichiarazioni della Lamorgese continuavano gli sbarchi e si moltiplicavano i costi, in Inghilterra già s'intrevvade una soluzione. Dan O'Mahoney rientrato dal Parigi ha annunciato il piano comune per bloccare a Calais i trafficanti mentre la signora Patel ha fatto sapere di esser pronta a rispedire in Francia e Germania 557 dei 4.100 indesiderati approdati quest'anno.

In poco più di una settimana, insomma, ha ottenuto quel che la nostra Lamorgese non è riuscita nemmeno ad abbozzare in oltre 11 mesi.

https://www.ilgiornale.it/news/politica/manica-impraticabile-fermare-i-migranti-basta-copiare-londra-1883415.html

John Bell Hood ha detto...

Se mi dovessero mai fare Papa, a parte che mi farei chiamare Ezov II, ma il giorno dopo l'elezione inizierei il mio governo con due abolizioni: l'omelia e i Gesuiti.

Anonimo ha detto...

Non vi voglio rompere le scatole con la mia voce anche a ferragosto e vi auguro una buona giornata. Mi pare di capire, e vi voglio trasmettere questa mia impressione, che non ci sia tranquillità nel mondo politico governativo per gli avvisi di garanzia nonostante la sporca operazione falsificatrice che si è tentata sfruttando l’assist illegale della procura di Roma che ha trasmesso gli atti al tribunale dei ministri e così permettendo che passasse la notizia falsa della richiesta di archiviazione o addirittura dell’archiviazione. Anche i servi giornalisti non sono stati in grado di eliminare la preoccupazione del potere di fronte a sei o sette avvisi di garanzia. Io immagino l’inizio della istruttoria da parte del tribunale dei ministri, la mia audizione, l’esame di testimoni, l’acquisizione di documenti presso le pubbliche amministrazioni a cominciare da palazzo Chigi e ritengo difficile che tutto ciò non sia destabilizzante vome ritengo difficile che sul piano mediatico tutto ciò possa essere occultato. Insomma credo che tutto converga nel verificarsi di grandi difficoltà per il governo e che se ci sappiamo fare e siamo tutti uniti possiamo riuscire a farlo cadere perché in questo modo soltanto giustizia potrà essere fatta. Anche la peggiore magistratura non potrebbe che fare il suo dovere che fino a questo momento non ha fatto.
Vi voglio far notare una ultima cosa. IL MAGISTRATO CLEMENTINA FORLEO, COMPONENTE DEL TRIBUNALE DEI MINISTRI, SI È FATTA VIVA SUI SOCIAL PER SCONFESSARE LA PROCURA E CONTE DICENDO QUANTO DA ME SUBITO DETTO: LA PROCURA NON PUÒ ARCHIVIARE E NON PUO’ CHIEDERE NESSUNA ARCHIVIAZIONE. MI PARE UNA REAZIONE INTERESSANTE E POLEMICA
Carlo Taormina

Anonimo ha detto...

I poliziotti: «L’accoglienza fa guadagnare tutti»
Poliziotti esasperati che non possono svolgere neanche bene il loro lavoro. «In caso di rissa – dice un altro agente – prima di entrare perdiamo tempo a indossare tute e dispositivi di protezione». Non solo, c’è anche paura di ammalarsi. «C’è e non solo di Covid ma nessuno fa niente e noi stiamo mesi lontani da casa per questa stratosferica presa in giro che mette a rischio le nostre vite con immigrati che alla fine fanno ciò che vogliono. Mantenuti da quegli stessi italiani che ora rischiano di essere infettati». E ci sono tante altre situazioni collaterali di cui nessuno parla. «La verità – dicono molti poliziotti – è che c’è una macchina dell’accoglienza che fa guadagnare i gestori delle strutture, i proprietari dei furgoncini che trasportano il cibo e molta altra gente. Si preferisce guadagnare che risolvere il problema. E noi stiamo a guardare impotenti».
SECOLODITALIA.IT

Anonimo ha detto...

Fusaro parla di un documento apparso sul sito del Partito Democratico, a nome di Emaniele Fiano , il cui titolo è tutto un programma: Per Un Nuovo Ordine Mondiale. Il testo è inquitante proprio a partire dal titolo, perchè chiama ad una prevalenza, ad un dominio dei poteri finanziari forti internazionali, il tutto a causa del Covid-19, che ormai dovrebbe spingere ad un abbandono della democrazia a favore di un governo elitario, mondiale, quindi lontano dal popolo.

https://scenarieconomici.it/fusaro-il-nuovo-ordine-mondiale-del-pd/