martedì 27 ottobre 2020

Prima mossa: mantenersi mentalmente liberi - don Elia

Et eduxit me in latitudinem; salvum me fecit, quoniam voluit me […] quia custodivi vias Domini, nec impie gessi a Deo meo (Sal 17, 20.22).

«E mi fece uscire verso un luogo spazioso; mi salvò, poiché mi volle […] perché ho custodito le vie del Signore e non ho agito empiamente allontanandomi dal mio Dio». C’è un privilegio che non dobbiamo assolutamente perdere di vista: il Signore ci ha fatto dono di una fede viva e retta, con la quale possiamo valutare adeguatamente i fatti dell’attualità e preservarci al contempo dal contagio della paura, che sta devastando le anime. Di questi tempi è un favore ben raro, che va attribuito prima di tutto all’insindacabile scelta che la Provvidenza ha operato nei confronti di ognuno di noi: è in virtù di essa che non solo viviamo in grazia, ma siamo pure stati estratti dalla prigione mentale in cui sono rinchiusi tanti nostri contemporanei, ipnotizzati dalla propaganda e succubi del regime. La salvezza eterna, di cui già abbiamo il pegno e alla quale aspiriamo, produce frutti benefici anche nel presente, consentendoci di sfuggire all’ingranaggio psicologico indotto dall’informazione ufficiale. In pari tempo, tale immeritato privilegio richiede la nostra costante corrispondenza mediante un’amorosa osservanza dei Comandamenti e il fermo ripudio di tutto ciò che ci allontana dal Salvatore. 

Il nostro compito più urgente, ora, è quello di conservare il dono ricevuto, resistendo al logoramento causato dalla prolungata prova e senza lasciarci scivolare nell’acquiescenza alle insensate pretese del potere. Ciò che abbiamo pensato sin dall’inizio appare in modo sempre più manifesto: si tratta di un virus prodotto in laboratorio e intenzionalmente diffuso allo scopo di provocare, a livello mondiale, un dissesto socio-politico-economico tale da consentire l’instaurazione del nuovo ordine progettato da secoli dalle società segrete che rendono culto a Lucifero: in realtà, è un’inversione totale dell’ordine naturale stabilito dal Creatore con l’approdo al transumanesimo, programma esplicitamente teorizzato a partire dagli anni Cinquanta del secolo scorso e di cui, a Dio piacendo, ci occuperemo a breve. In queste ultime settimane si sono levate diverse voci a denunciare l’immensa mistificazione con cui ci voglion privare dell’esercizio delle libertà fondamentali: le cifre (per giunta gonfiate) non consentono affatto di classificare la situazione sanitaria come una pandemia, mentre lo spauracchio della seconda ondata si regge unicamente sull’alto numero di positivi, i quali non sono necessariamente in stato di malattia conclamata e non sono quindi contagiosi. 

Rispetto alla primavera scorsa, inoltre, non si può parlare di recrudescenza, visto che il numero di positivi va messo in relazione con il numero considerevolmente più alto di tamponi eseguiti, che sono oltretutto uno strumento inattendibile, non adatto a fini diagnostici. Non c’è quindi un solo virologo indipendente disposto a certificare la tesi ufficiale, mentre gli “esperti” cui si appella il governo sono degli incompetenti oppure dei cultori di discipline non pertinenti. Scienziati di chiara fama stanno smentendo da mesi le vere e proprie fake news con cui l’informazione di regime terrorizza senza posa la popolazione mondiale. I danni economici e sociali sono ormai ingentissimi, per non parlare delle sequele fisiche e psicologiche riportate da bambini e adolescenti costretti a passare buona parte della giornata in scuole ridotte a lazzaretti. È giunto il momento di avviare, come in Germania, una class action contro i criminali del governo, il cui capo ha già incassato una condanna da parte della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, che per una volta ha fatto qualcosa di utile. Occorre mettere in campo ogni mezzo legale per opporsi a questa dittatura camuffata e porre fine all’immotivato stato di emergenza che sta strangolando il Paese. 

È ormai acclarato che l’uso della mascherina, soprattutto all’aperto, è inutile ai fini della prevenzione e dannoso per la salute, sia perché impedisce una corretta respirazione, sia perché diventa ben presto una coltura di germi. Non ha alcun senso estendere a tutto il territorio nazionale il ricorso a un mezzo necessario soltanto nei reparti ospedalieri di malattie infettive. Eppure tutti, come un sol uomo, si sono immediatamente sottomessi a questa assurda disposizione e, di colpo, ci si è ritrovati in una situazione ancor più surreale. È comprensibile che chi già fatica ad arrivare alla fine del mese abbia timore di una multa iniquamente esosa, ma, se tutti i cittadini si rifiutassero concordemente di sottostare alla stupida imposizione, la norma sarebbe semplicemente inapplicabile. Oltretutto essa è contraria al testo unico sulla sicurezza, più volte precisato e confermato dal Parlamento, che proibisce di girare a volto coperto. Dato che un decreto governativo è un dispositivo di legge di grado inferiore, colui al quale sia contestata la contravvenzione può esigere che sia messo a verbale che l’agente, pur essendo stato reso edotto dell’illegalità del suo atto, ha deciso di procedere ugualmente. Comunque vada, non si deve pagare, ma fare ricorso; con i tempi della giustizia, se ne riparlerà verso il 2050… 

L’acquiescenza da schiavi con cui ha reagito il popolo italiano, che pure è storicamente dotato di una consumata destrezza nell’aggirare gli ostacoli di ingiuste imposizioni, si spiega solo con la diabolica abilità con cui i burattinai han pigiato il pulsante del terrore. Dopo sei decenni di erosione della fede causata dalla nuova Pentecoste, gli unici valori cui la maggior parte della gente, anche praticante, è ancora attaccata sono quelli relativi alla salute fisica. I membri del personale ospedaliero sono perciò considerati non semplicemente eroi, bensì una sorta di divinità in carne e ossa. Effettivamente, essi si arrogano ormai il pieno diritto di decidere chi deve essere curato e chi no, chi deve vivere e chi morire – o, come dicono, accompagnato alla morte. I criminali nazisti, oggi, sarebbero rispettati e riveriti da tutti: la mentalità collettiva è stata talmente manipolata, per mezzo di un insieme coerente di finestre di Overton, da far apparire obbligatorio ciò che, fino a pochi anni fa, era assolutamente inaccettabile. Un principio fondamentale della deontologia medica è che tutti vanno curati e che occorre fare ogni sforzo possibile per salvare ogni vita umana; ora invece, dopo decenni di serie televisive con dottori onnipotenti quali protagonisti, il volgo riconosce loro ogni potere di vita e di morte. 

Il culto dell’uomo professato da un papa amletico nel difendere la fede, ma inarrestabile nel prendere decisioni esiziali, ha sostituito il culto di Dio, portando così al potere i servitori di Satana, dentro e fuori la Chiesa. Noi, avendo ricevuto il privilegio inestimabile di poter permanere nella verità, non ne abbiamo affatto paura, ma temiamo piuttosto il Giudice celeste, anche a costo di subire persecuzione: Principes persecuti sunt me gratis, et a verbis tuis formidavit cor meum (I potenti mi han perseguitato senza motivo, ma il mio cuore ha trepidato per le tue parole; Sal 118, 161). La fede ci permette di scommettere sull’esito finale della lotta, che sarà a nostro vantaggio e a perdizione degli empi: «Il Signore sconvolge i disegni dei pagani; biasima i pensieri dei popoli e respinge i disegni dei potenti. Il piano del Signore, invece, rimane in eterno, i pensieri del suo cuore di generazione in generazione. Beata la nazione il cui Dio è il Signore, il popolo che si è scelto in eredità» (Sal 32, 10-12). Questo popolo è tutta la Chiesa, ma la parola sacra si può applicare in particolare alla nazione che il Cristo ha prediletto ponendovi la sede del Suo Vicario in terra. 

Orsù, dunque, abbiate un sussulto di dignità, di fierezza e d’amore per la vostra terra! Non lasciatevi imbavagliare anche nella mente, ma reagite con fiducia in Dio e nelle innate capacità creative che vi ha donato. Vi appiccicheranno i peggiori epiteti, pur di incasellarvi in uno scomparto della loro testa vuota, frammentata da una griglia intellettuale così stretta che non può contenere alcuna idea sensata, ma soltanto le plateali menzogne della propaganda di regime. Che ve ne importa? Temete di esser giudicati da poveri burattini senza cervello manovrati dall’oligarchia luciferiana? Siete disposti a tollerare ancora un rimedio ben peggiore del male (presunto) di un’epidemia programmata da anni, se non da decenni, visto che certa letteratura distopica, redatta da alti iniziati, ha descritto la situazione attuale più di mezzo secolo fa per indicare la via da seguire? Questa è la più colossale frode ordita a danno dell’umanità intera in tutta la sua storia. Perciò fate ogni sforzo per rimanerne mentalmente liberi, con l’aiuto della retta ragione, della fede e della preghiera. 

https://m.facebook.com/BuffonateDiStato/videos/635550097140039/
https://stefano.re/politiche-anti-covid-crimini-contro-lumanita/

32 commenti:

Le piazze italiane ha detto...

Ogni volta che una casa e una famiglia insorgono contro lo Stato e il governo ingiusto, è il diritto naturale che, tramite esse, si oppone al Tiranno.

Anonimo ha detto...

Seconda lettera Tessalonicesi da meditare. Gesù non torna prima che avvenga la grande apostasia e sia rivelato il mistero d' iniquità con la manifestazione dell'uomo iniquo, che arriva a sedere nel tempio di Dio additandosi come dio. Mistero d'iniquità è questo potere occulto o semiocculto che sta dietro ogni guerra e rivoluzione, e pure pandemie da quanto emerge oggi da Wuhan con una scienziata che vi ha lavorato che lo ha denunciato, e pure vaccini dato che il prossimo darà il colpo definitivo al cambio del dna, ed i feti abortiti immessi nei vaccini, come pure quelli di scimmie o animali vari, già producono variazioni anche oncologiche.

Era a questo che tendevano i regicidi ? ha detto...

Énorme manifestation contre les restrictions sanitaires à #Trieste. Des projectiles sont lancés sur la Préfecture. De grosses manifestations sont en cours dans tout le pays ce soir.
https://twitter.com/AnonymeCitoyen/status/1320788588158701578



Lors de la manifestation de ce soir à #Trieste, les policiers ont enlevé leurs casques en solidarité avec les manifestants.
https://twitter.com/giustoperf/status/1320803027683520514/photo/1

Anonimo ha detto...

Voglio dirvelo molto chiaramente, soprattutto a tutti quelli in buona fede che vorrebbero andare in piazza a sfogare la loro rabbia. NON penso che sia il momento adatto. Non lo è sia per le modalità in cui ci stiamo arrivando sia per le alternative che vedo prepararsi. Sbaglierò.
Claudio Borghi A.

Mariagiovanna Maglie
Gente in piazza in tutta Italia. In mezzo a cittadini esasperati e giustamente disperati ci sono anche dei provocatori e dei violenti. Volete la mia condanna? Scordatevelo #Eraora

Ma voi dell'andate in piazza andate in piazza non li state vedendo quelli mandati dai soliti a scassare le vetrine? Devo spiegarvi come funziona? Non li vedete le immagini da Torino (quelle giuste, girate da chi sa dove guardare)?
Claudio Borghi A.

Cinegiornale leuropeista ha detto...

SPEZZEREMO LE RENI AL VIRUS! - Gli arditi DPCM di Conte

https://www.youtube.com/watch?v=kLYExc0Xs6I
Matteo Brandi
Il Presidentissimo Conte dichiara guerra all'infido virus con arditi DPCM ed esemplare amor di patria. Con competenza e coraggio, il Governo porterà il popolo italico alla vittoria finale!

Anonimo ha detto...

Papa amletico è eresia, o è Papa o antipapa. E se è antipapa, perché la Chiesa è infallibile e inalterabile nella fede e nella morale, come mai non ti chiedi chi sia il Papa è chi l'antipapa. Solo un antipapa può modificare la Dottrina, distruggere il Sacramento dell'ordine con una forma eretica e sacrilega (quella dei Vescovi è poi ridicola pure per i bambini), distruggere il culto divino con un ufficio adatto ai malati idioti, e la Messa offerta spudoratamente al signore dell'universo l'idolo che si adora nelle logge massoniche oltre il 30* livello. Come mai si è così ciechi, proprio come profetizza Isaia. Sveglia ragazzi, finite di essere apostati conclamatati, tornate alla fede cattolica, eliminate gli antipapi che riconoscete falsamente essere Vicario di Cristo. Non sapete che è peccato mortale contro la fede? Se non lo sapete studiate la dottrina e vi renderete conto che finirete così dritti all'inferno. Risorgete e la pandemia sarà distrutta in un attimo, meditate il salmo 80 e capirete. Vi auguro ogni bene in Cristo Re e Maria Regina.

Bah ! ha detto...

NOBILE: CHI SI VERGOGNA DEL CRISTO NON PUÒ ESSERE PAPA.
https://www.marcotosatti.com/2020/10/27/nobile-chi-si-vergogna-del-cristo-non-puo-essere-papa/

Soffermandomi solo sul titolo mi domando se non si configuri questa infedelta' come "adulterio"= violazione della fedelta' = peccato mortale

Anonimo ha detto...


FT finalmente una buona notizia, approvata dal Senato USA la nomina della candidata di
Trump alla Corte Suprema.

Amy Barrett, giudice, proposta da Trump per il posto vacante nella Suprema Corte
americana, è stata finalmente eletta la notte scorsa (ora italiana) dal Senato USA,
52 voti a 48. Una senatrice repubblicana ha votato contro. L'inquisizione di fronte
al Senato è stata lunga e difficile ma alla fine tutto è andato bene. Ora i
conservatori hanno la possiblità di far maggioranza per 6 a 3 alla Suprema Corte
e cancellare il falso "diritto di abortire liberamente". Bando agli ottimismi,
però, la strada è ancora lunga. Uno tra i conservatori nominati da Trump non è
così sicuro sul piano dei valori. Trump ha mantenuto le sue promesse, per ciò che
riguarda la lotta contro l'aborto. Il blocco "evangelico" negli States (settari di tipo
carismatico) conta circa 60 milioni di persone, i suoi rappresentanti, bianchi e neri, hanno detto poco tempo fa che avrebbero chiesto ai loro di votarlo in massa se lui avesse mantenuto il fronte contro l'abortismo. Speriamo, dunque.
Da Domenica una folla di cristiani, cattolici e protestanti, pregava al di fuori del palazzo del Senato USA, a Washington per il successo di Barrett. Molti i giovani. Le loro preghiere sono state esaudite, sulla carta i voti c'erano ma il margine era risicato e non si potevano escludere tradimenti. Inffatti uno c'è stato. Sono state esaudite anche le preghiere di tutti quelli che hanno pregato fuori dagli Stati Uniti.

Giudice Barrrett, cattolica praticante, ha sette figli, due dei quali adottati tra gli orfani del terremoto nei Caraibi di alcuni anni fa. Uno dei cinque suoi soffre di handicap.
Rappresenta l'antitesi perfetta della scomparsa Gisberg, israelita ultrafemminista e ultraprogressista, morta di cancro, che pare anche abbia qualche volta celebrato c.d. matrimoni fra persone dello stesso sesso.
La nomina di Barrett è una sconfitta anche per Bergoglio. Barrett non è appoggiata dalla maggioranza dei vescovi americani, schierati a favore del politically correct, fieramente ostili a Trump.
Z.

Inno Alla Provvidenza di Dio: Salmo 32 Esultate, o giusti, nel Signore; per gli uomini retti è bella la lode. ha detto...

http://blog.messainlatino.it/2020/10/ibp-erezione-canonica-del-seminario-di.html#more

https://www.seminairesaintvincent.fr/
La vocation de l’Institut du Bon Pasteur est de contribuer à faire vivre, au sein de l’Église, le trésor de la Tradition catholique.
Le Saint-Siège lui a confié, lors de sa fondation en 2006, la mission de participer à la nouvelle évangélisation que les derniers papes ont appelé de leurs vœux, selon les spécificités doctrinales et liturgiques qui sont les siennes.
Fondé la même année à Courtalain, dans le diocèse de Chartres, le séminaire Saint-Vincent-de-Paul forme les futurs prêtres de l’Institut, s’efforçant de susciter en eux les dispositions du Bon Pasteur lui-même, qui “donne sa vie pour ses brebis” (Jean 10, 11).

mic ha detto...

L’offensiva globalista di Francesco. Anche il Catechismo è complottista?
https://www.radioromalibera.org/loffensiva-globalista-di-francesco-anche-il-catechismo-e-complottista/

Anonimo ha detto...

Tra le righe della cronaca di quanto è successo ieri a Torino, apprendiamo che oltre agli ultras c’erano parecchie bande di immigrati di “seconda generazione”. A conferma di quanto vado dicendo da tempo: la Torino “laboratorio di integrazione” è esistita solo nella mente dei sinistri per 20 anni. Quelli necessari perché si formassero i ghetti, le bande, e la rabbia da banlieue che un giorno metterà questa città a ferro e a fuoco. Abbiamo già avuto la tragedia (piazza San Carlo conseguenza di una rapina con lo spray), ora i saccheggi, ma il peggio deve ancora arrivare.

Anonimo ha detto...

Noi qui lo sforzo, che poi neanche è tale, lo facciamo con piacere nella speranza che pensieri onesti girino velocemente.

Ridico cose già dette, il covid, tv o non tv, giornaloni o non giornaloni,si è presentato come 'previsto da anni', costruito in laboratorio piuttosto che da incroci fiabeschi tra bestie, preso sotto gamba prima, poi con e nel panico, condito con questi dcpm che non chiarivano, né indicavano soluzioni, ma CONFONDEVANO. La confusione disorienta. Quando si è disorientati non si sa più da che parte andare e si teme di perdersi, si ha paura. E la paura paralizza mentre la mente si fa vuota. L'altro giorno ho parlato di un pizzico di sadismo, ora scrivo che senza sadismo tutto questo marchingegno non si sarebbe potuto mettere in atto.

Ora il popolo bue quest'aria di fregatura, mascherine o non mascherine, gel o non gel, comitati scientifici o non comitati scientifici, l'ha annusata molto presto. Casualmente a maggio ho dovuto servirmi spesso del taxi per diversi giorni e con i tassisti ho parlato. Per quanto diversi fossero tra loro l'aria dietro il marchingegno l'avevano CHIARISSIMA.

Siccome tutto questo pasticcio nasce dal fatto che verità e menzogna son quasi sovrapponibili...fino ad un certo punto però. Il punto è quella famosa coda che esce dalla veste, quel famoso piede di capro che accidentalmente ci rivela con chi realmente abbiamo a che fare. Questi 'dettagli da niente' il popolo li nota e li nota di nuovo 'a pelle'.

Ora il popolo ha individuato il Malacoda in comando ed ha aspettato quei fatti che NON avrebbero potuto essere in NESSUN MODO divisivi degli ITALIANI:la mascherina e le ore 18. Fatti apolitici unitivi. Nella quasi certezza che ieri sera, insieme a molti ignari di come va il mondo, i centri sociali abbiano avuto l'ordine di scendere in piazza insieme a chi sia sia, cogliendo la palla al balzo che il popolo al momento era unito come un sol uomo.

Ora però bisogna stare molto attenti,perché oltre a sinistra e destra estreme potrebbero essere stati presenti provocatori al soldo dello straniero. Straniero che già sta espropriandoci della nostra ricchezza e potrebbe facilmente porre in modo definitivo il suo stivale sul nostro collo.

Attenzione!

Anonimo ha detto...

Dipende dal catechismo. Se è quello si s. PIO X, o quello di S. Roberto Bellarmino, o quello di S. Pietro Canisio, o quello del Concilio di Trento è una cosa, se parli di quello olandese o di quello modernista DEL Vat. II, è l'opposto.

Anonimo ha detto...

Anche gli italiani piu' moderati in queste ore si stanno ponendo delle domande su governo E REGIONI. Perché da maggio solo ora ci si pone il problema dei trasporti? Perché gli ospedali non sono attrezzati e hanno pochi posti letto per i sintomatici gravi? Perché hanno fatto preparare e sanificare gli esercizi commerciali, palestre, le scuole e ora sono un pericolo, mentre non lo sono i mezzi pubblici sovraffollati? A cosa serve ridurre l'orario di apertura? Se le scelte non sono razionali la fiducia vacilla. Che poi le manifestazioni in piazza siano infestate da gentaccia si é capito già dai fatti di Genova, infatti consiglio vivamente di non partecipare per non essere scambiati per quella feccia umana.

Anonimo ha detto...


Ma l'autore dell'articolo è indicato?

INgiusto attaccare il personale sanitario: ci sono stati tanti medici e infermieri che sono morti nella lotta contro il virus. I malati c.d. normali non venivano momentaneamente curati perchè gli ospedali erano invasi dai colpiti dal virus, per semplice mancanza di posti, di spazio, non per altri motivi. In altri Paesi le cliniche private sono state requisite dai Governi, tra le proteste dei medici di queste cliniche, che non potevano più seguire i loro pazienti abituali, diversi dei quali sono morti per mancanza di diagnosi e cure.
Dire infine che l'epidemia era stata programmata "da decenni" dai "poteri occulti" non è serio.
Certamente, la politica del governo è discutibile e bisogna opporsi su diverse cose.
Ma opporsi sulla base dei fatti (pe il mito della mascherina da portare ovunque, anche all'aperto o lo stato di emergenza che si vuol far durare all'infinito) non sulla base di romanzi, di teorie strampalate.

La scienziata cinese nascosta negli USA è stata attaccata sul piano scientifico da studiosi della Johns Hopkins Univ., diceva un articolo de ilGiornale. Però le critiche riportate, a giudizio di un non competente come me, non sembravano entrare nel merito. Si attaccava il suo curriculum, l'uso di certi autori citati in nota, ma non si dimostrava che la ricostruzione delle sequenze DNA fatta dalla studiosa, che dimostrerebbe secondo lei l'origine artificiale del morbo, fosse sbagliata. Questi critici affermavano addirittura che le tesi della cinese, nel frattempo scomparsa, si trovavano già nel sito di Bannon, l'ex collaboratorre di Trump. La JOhns Hopkins è notoriamente un centro ultraprogressista e antiTrump, filocinese. L'insinuazione era che la scienziata non esistesse addirittura.

Comunque, il dibattito resta aperto, ovviamente, sul piano scientifico. Il fatto grave è che la scienza, quella vera, sembra avere ancora poche certezze in relazione a questo virus, che appare piuttosto insidioso e in un certo senso atipico nel suo manifestarsi.

Anonimo ha detto...


La partecipazione dei mussulmani ai vandalismi

I vandalismi e le rapine vistisi a Torino, e forse anche altrove, ricalcano lo schema dei disordini violenti delle città americane (e non solo).
Qui da noi avrebbero però un'etichetta "di destra", date le motivazioni della protesta, che è contro la politica troppo restrittiva del Governo.
La protesta non è in realtà né di destra né di sinistra, la protesta pacifica voglio dire.
Scaturisce da problemi di sopravvivenza estremamente seri, per molti commercianti e lavoratori.
L'infiltrazione dei violenti reclutati tra i figli di immigrati musulmani fa vedere che anche da noi siamo ad una situazione simile a quella francese e ovviamente americana, con i ghetti su base razziale-religiosa nelle grandi città e non solo.

Per i facinorosi musulmani si tratta comunque di una strategia diversa, la strategia tipica di Maometto: creare il caos con tutti i mezzi tra gli "infedeli" al fine di prendere alla fine il potere e sottometterli all'islam. Maometto si autoproclamò "profeta", rimasto suo titolo ufficiale, una volta emigrato (fuggito) a Medina, dove riuscì a imporsi come capo politico e militare, organizzando una sistematica guerriglia contro le carovane dei ricchi mercanti beduini pagani, che non lo potevano soffrire. Alla fine, dopo aver ricevuto via via la sottomissione di molte tribù arabe, attirate dai suoi successi e dai ricchi bottini che venivano spartiti, e dopo aver ridotto al collasso con questa politica l'economia della sua città natale, La Mecca, fu accolto anche in patria come "profeta" e vi rientrò da padrone, dopo complessi negoziati. Fece uccidere alcuni suoi nemici personali.
Questo lo "schema" maomettano, che si ripete puntualmente ove la situazione storica lo renda possibile, al di là di fattori contingenti, quali la disoccupazione giovanile etc.
H.

Anonimo ha detto...

Italiani nelle strade.
Non tutto è perduto?

Anonimo ha detto...

A due miei soci oltre che a me è venuto il sospetto che qualcuno voglia distruggere la protesta civile (quella dei vari piccoli imprenditori diretti sul lastrico) infiltandovi quelle personacce.
Vedo con piacere che non siamo soli a ritenere queste misure assurde (uno sarebbe contagioso solo di notte o solo in palestra o in piscina ma non su un autobus?).
Una piccola nota: da una decina d'anni, siamo 7 soci (due accomandatari e cinque accomandanti, la ditta era già una Sas) perchè era diventato impossibile avere dei dipendenti. Naturalmente non sappiamo bene se arriveremo alla prossima dichiarazione dei redditi societari.

Anonimo ha detto...


Italiani nelle strade etc

Se poi nelle strade prevalgono le bande
di tipo criminale allora "tutto è perduto"
o quasi.
Fuor di metafora: il prevalere delle bande
fa il gioco del governo.

Anonimo ha detto...

Le manifestazioni di protesta devono esserci ed anzi sono una grazia di Dio.
Io frequento da anni una palestra ove pratico cultura fisica. Ho pianto, quando ho saputo della chiusura delle palestre e anche degli altri provvedimenti restrittivi.
Per non restare sul vago, dirò come l'esercizio fisico in palestra con i pesi mi sia stato di enorme aiuto durante la malattia della mua adorata mamma (demenza senile di Alzheimer), che ho assistito personalmente per ben quindici anni, accontentandomi per il resto di ripetizioni private.
L'aiuto proveniente dai miei allenamenti è proseguito dopo la sua dipartita, avvenuta nel febbraio del 2017. E prosegue. Essendo celibe, la frequentazione della palestra mi consente di incontrare altre persone e, fra un esercizio e l'altro, di conversare un poco. Ed è precisamente questo che il regime non vuole.
Le mie considerazioni sulla frequentazione di una palestra valgono per tutti gli altri sportivi, di tutte le età.
Il regime invece ci vuole ammalati e isolati per poterci manipolare e schiavizzare completamente.
Il regime vuole eliminare tutto ciò che è per l'uomo - corpo anima spirito - abbellimento dell'esistenza.
Il regime sta manifestando la sua essenza criminale e delinquenziale.
Chiunque sostiene questi regimi (lla situazione è identica in quasi tutte le nazioni) è compartecipe dei loro misfatti. Papa e clero pseudocattolici innanzitutto.
Quanto alle manifestazioni, pretendere che si facciano con le fiaccole e al canto dell'Ave di Lourdes è un po' troppo e, soprattutto, completamente fuori dalla realtà.
Come scrive don Elia nel suo bellissimo articolo, mantenere la mente libera e la serenità è fondamentale e, se chiediamo queste grazie con la fervente preghiera a Gesù e a Maria, certamente saremo esauditi.
Tuttavia, andiamo con la mente libera alle manifestazioni e non nascondiamo i con inutili pretesti, che tanto Gesù Cristo Nostro Signore vede tutto e quindi anche i leoni e i conigli.
Coraggio!
Alla fine, il mio Cuore Immacolato trionferà!
VIVA MARIA!

Anonimo ha detto...

Ore 10,06. Non necessitano tante illazioni prive di uno straccio di prove, Trump stesso lo ha affermato in occasioni plurime che il virus è cinese e pure che non ama la via della seta cinese dei conti e di maio di discendenza sassooniana, coi collegamenti vari goldman sachs,morgan, rotschild,rochefeller,soros, bergogliani, realisti del galles,warburg, gates ecc.. Che siano morti sanitari non è una novità, ne sono sempre morti e si deve fare anche un'autopsia, non cremazioni dato che il virus muore 7-8 minuti della morte dell'individuo che lo ospita. Inoltre i medici seri dicono che il virus non è mai stato isolato,vedasi dott.Scoglio, tanto per cambiare nome, ed allora che recita è? Ci sono 70 o 700 virus isolati diversi?

Anonimo ha detto...

Conte ha detto che la politica non deve soffiare sul fuoco.

Sul fuoco non ha soffiato nessuno. Invece lui per mesi ha ignorato appunti, consigli, richieste che arrivavano da ogni dove a cominciare dal Parlamento, messo in quarantena di mese in mese. Questo ignorare appunti, consigli, richieste, nei fatti, ha ammassato legna sotto la sua seggiola, se ora lui nella sua ostinazione accende la miccia con le 'ore diciotto' e vi getta sopra le sue arie, non deve andar lontano a cercar piromani! Provi tuttavia ad indagare i suoi compagnucci, maestri guastatori in corteo, quando sotto i fumi dei fuochi pirotecnici scassano vetri antisfondamento. Provi, provi a guardare le sue travi e quelle dei suoi compagni di merende. Eviti l'aria del preteso sdegno, perché la possibilità che le persone scendessero in piazza era parte del possibile, nel piano che ella segue. Tant'è che a Trieste la polizia si è tolta il casco, dando un chiaro segnale al popolo. Di seriamente sdegnati, a ragion veduta, l'Italia è piena. E l'Italia è satura ormai della ipocrisia di stato.

TheRemnantVideo 26 ott 2020 ha detto...

Archbishop Viganò Addresses the Catholic Identity Conference 2020 (Francis & the New World Order)
https://www.youtube.com/watch?v=NbO-1jO1LlE

11. Conclusione
L’unico modo per vincere questa battaglia è ritornare a fare ciò che la Chiesa ha sempre fatto, e smettere di fare ciò che l’anti-chiesa ci chiede oggi e che la vera Chiesa ha sempre condannato. Rimettiamo Nostro Signore Gesù Cristo, Re e Sommo Sacerdote, al centro della vita della Chiesa; e prima ancora, al centro della vita delle nostre comunità, delle nostre famiglie, di noi stessi. Restituiamo la corona a Nostra Signora Maria Santissima, Regina e Madre della Chiesa.
Ritorniamo a celebrare la Santa Liturgia e a pregare con le parole dei Santi, e non con gli sproloqui dei modernisti e degli eretici. Ricominciamo a gustare gli scritti dei Padri della Chiesa e dei Mistici, e gettiamo nel fuoco le opere intrise di modernismo e di sentimentalismo immanentista. Diamo appoggio con la preghiera e con l’aiuto materiale ai buoni sacerdoti che rimangono fedeli alla vera Fede, e togliamo qualsiasi appoggio a chi scende a patti con il mondo e le sue menzogne.
E soprattutto – ve lo chiedo nel nome di Dio! – abbandoniamo quel senso di inferiorità che i nostri avversari ci hanno abituato ad accettare: nella guerra del Signore, essi non umiliano noi (che per i nostri peccati meritiamo ogni umiliazione), ma la Maestà di Dio e la Sposa dell’Agnello Immacolato. La Verità che abbracciamo non viene da noi, ma da Dio: lasciarla negare, o accettare che essa debba quasi giustificarsi davanti alle eresie e agli errori dell’anti-chiesa, non è un atto di umiltà, ma di codardia e di pusillanimità. Ispiriamoci all’esempio dei Santi Martiri Maccabei, dinanzi ad un novello Antioco che ci chiede di sacrificare agli idoli e di abbandonare il vero Dio. Rispondiamo con le loro parole, pregando il Signore: «Anche ora, Sovrano del Cielo, manda un angelo buono davanti a noi per incutere paura e tremore. Siano atterriti dalla potenza del tuo braccio coloro che, bestemmiando, sono venuti qui contro il tuo santo tempio» (2Mac 15, 23).
A pochi giorni dal 3 Novembre, invito tutti ad unirsi in una Crociata del Rosario: una specie di assedio di Gerico, in cui non sono le sette trombe di corno di ariete suonate dai sacerdoti, ma le Ave Maria dei piccoli e degli innocenti a far crollare le mura del deep state e della deep church......
Uniamoci ai bambini nella preghiera della Santa Corona, in un Block Rosary Children, implorando la Donna vestita di Sole, affinché la Nostra Signora e Madre sia restaurata nella Sua Signoria, ed sia abbreviato l’eclissi che ci affligge.
E che Dio benedica questi santi propositi.
https://gloria.tv/post/qa7KBrizUfWL4Q1yXPWTXg3QJ

Precisazione opportuna ha detto...

Vorrei ringraziare pubblicamente la signora Costanza Miriano.
Grazie per due motivi, signora Miriano.
Il primo è che a differenza degli Adinolfi, Gandolfini e compagnia cantante Lei ha avuto il coraggio di prendere atto delle dichiarazioni omosessualiste di Bergoglio senza inventare supercazzole a sua giustificazione. Onore al merito.
Il secondo motivo è per aver dimostrato ancora una volta come ragiona un'onesta modernista "conservatrice".
Lei afferma infatti che si era data (soggettivamente e individualisticamente) una linea che Bergoglio mai avrebbe dovuto superare; quella dell'accettazione dell'ideologia omosessualista. E qui, mi perdoni, però casca l'asino.
A me consta infatti che il cattolicesimo non sia soltanto una morale. Ma prima di tutto una fede. La vera fede. Noi non siamo kantiani, ma cristiani. Per noi non è la morale che fonda la religione, ma la religione che fonda la morale. Kant era contro l'adulterio e persino contro la masturbazione. Ma fondava l'esistenza di Dio (come postulato) sulla morale e non viceversa. E qui sta la sua "rivoluzione (sovversione) copernicana". Era un illuminista e un deista. In Cristo non credeva.
Poi la morale non coincide nemmeno col solo sesto comandamento. Anzi, con il sesto comandamento per giunta scarnificato di tutto ciò che non sia rifiuto della sovversione omosessualista.
I comandamenti infatti sono dieci. E i primi tre sono i più importanti. E il primo è il più importante di tutti, perchè fonda tutti gli altri, compreso il sesto.
A Lei risulta che negare l'unicità di Dio andando a firmare documenti relativisti o pregando in moschee e sinagoghe sia meno grave dell' accettare l'omosessualismo? Pachahama è meno grave dell'apertura alle unioni (in)civili? Lei lo pensa, ma un cattolico non dovrebbe.
Ah, lo so, cè'è il magistero di "santo subito" GPII e di Bendetto XVI. O di Paolo VI, che fece di tutto e di più, ma scrisse l'"Humanae Vitae". Mi spiace, ma non basta.
Lei crede davvero che essere pro-Sodoma sia un'offesa maggiore per Cristo di quanto non sia (da Assisi 1986, anzi direi dalla Nostra Aetate) metterlo sullo stesso piano di Shiva, di Kali, di Buddha, di Confucio, di Maometto, del Talmud e della Cabala?
Il cattolicesimo non è soltanto sacrosanta lotta contro la Rivoluzione sessuale, ma contro ogni rivoluzione nel senso di Sovversione. Il cattolico crede in una dottrina di sempre, che si compone di una teologia, di una ecclesiologia e di una morale, nella quale la morale sessuale ha un posto importante. Bergoglio tradisce anche quella. Ma la morale non è, nè può essere, la totalità della dottrina. Il modernista conservatore riduce la dottrina alla morale. Ebbene, siamo già al simulacro di cattolicesimo.
Inoltre, mi permetta, signora Miriano, accettare tutte le sovversioni (protestanti, liberali, dirittiste. ecumeniche, indifferentiste) tranne l'ultima, o la penultima, è già il modo certo per perdere tutto.
Martino Mora

Anonimo ha detto...

Esame perfetto ma accettiamo i pentiti dell'ultima ora, Martino Mora. Anch'io appartengo a quelli che prima del 2013 vedevano le eresie ma non capivano perchè...

Anonimo ha detto...

@ mic:

Vedo che ha dimenticato di indicare che l'articolo è di don Elia.

mic ha detto...

Grazie. Pregate per me! Ho molti motivi per essere deconcentrata.

Anonimo ha detto...

In questo momento lo siamo un po' tutti...altri.enti non saremmo umani.
Grazie per quello che ci comunica con tanto impegno.

No comment ! ha detto...

E'parte di un commento di tal Diodoro estrapolato da internet , lo ri-propongo per ri-dire quanto i Vescovi CEI o non CEI (sembra la sigla di un sindacato) avrebbero dovuto gridare a suo tempo !

Una chiesa, ad esempio, è di per sé "luogo di rifugio e di tregua, di fronte al Signore". Il Concordato lo riconosce, e la basilare civiltà dei popoli cristiani lo dovrebbe considerare ovvio.
Un Vescovo dovrebbe gridare "I Carabinieri vadano fuori dalle chiese! I regimi politici sono legittimi solo nella misura in cui riconoscono i Diritti di Dio!"

Da ultimo :
Non piu' tardi del 24 u.s.ho partecipato ad una catechesi in una grande Chiesa , eravamo in 7 + due preti relatori , tutti mascherati (compresi i 2 preti) e distanziati . Ad un certo punto prendo la parola io , ho la mascherina fin sul naso ma non ho stretto la clip nasale , non l'avessi mai fatto ! Una signora con voce alterata mi apostrofa ad alta voce :"Metta bene quella mascherina !".....

Ho capito perche' nella mia Parrocchia modernista prima dell'inizio della Messa il prete dice : Mettete la mascherina a coprire bene il naso , daro' la comunione solo ed esclusivamente in mano , dovete scambiarvi il segno di pace guardandovi e sorridendovi cogli occhi .

Anonimo ha detto...

Il segno della pace, guardandovi e sorridendo con gli occhi?Non scambiarsi più il segno della pace a messa è l'unica cosa positiva di questo dannatissimo ,diabolico virus. Io vorrei restarmene fermo a guardare l'altare invece c'è sempre qualcuno che si gira con la mano tesa,poi c'è quello a destra e dopo bisogna girarsi pure a sinistra.E' una cosa che mi deconcentra e mi infastidisce tantissimo.

Anonimo ha detto...

Concordo in pieno , ma ,
sembra essere la parte piu' necessaria della Messa NO la ragione per la quale andare a Messa ( per fare capannelli di chiacchiere , parlare ad alta voce , ritrovarsi in clan come nei famosi doni della nuova pentecoste come Sant'Egidio, catecumenali,Case di Maria ,Rinnovamenti varii ed eventuali )

Anonimo ha detto...

https://www.lanuovabq.it/it/negli-attentati-ce-anche-la-responsabilita-dellitalia

TERRORISMO ISLAMISTA
Negli attentati c'è anche la responsabilità dell'Italia
EDITORIALI30-10-2020 Gianangrea Gaiani
Era arrivato a Lampedusa il 20 settembre scorso il tunisino responsabile dell'attentato di Nizza: ordinato di lasciare l'Italia, è poi arrivato in Francia. È l'ennesimo terrorista libero di girare per l'Europa, favorito da chi in Italia vuole aprire porte e porti a tutti i clandestini. E il flop italiano avrà presto gravi conseguenze per il nostro Paese...