venerdì 19 dicembre 2014

La più recente intervista del Cardinal Burke: rimaniamo uniti nel Signore.

Riprendo da Cristianesimo Cattolico by Benoit et moi una recente intervista al Cardinale Raymond Leo Burke, in occasione della consegna, avvenuta il 17 dicembre scorso nel santuario Nostra Signora di Guadalupe di La Crosse nel Winconsin, del libro contenente circa 30.000 firme della «petizione» lanciata un mese fa nel sito LifeSiteNews [qui nel blog]. L'intento, quello di ringraziarlo - nel momento in cui era stato rimosso dal papa dalla carica di prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica - per tutto ciò che ha fatto finora per la Chiesa e per la Fede. Nel ricevere il libro che, insieme a tanti nomi contiene anche il mio, il Card. Burke ha dichiarato:
« Ora dobbiamo andare avanti, rimanere uniti nel Signore Gesù, difendendo la verità della nostra fede, particolarmente per quanto riguarda il matrimonio e la famiglia. Possiamo essere fiduciosi, anche se le cose possono sembrarci piuttosto oscure, che se collaboriamo con la grazia di Dio e se siamo veri difensori della fede e promotori della verità sul matrimonio e sulla famiglia, la grazia di Nostro Signore non ci mancherà ».
Nell'intervista non si parla solo del Sinodo, e dunque di matrimonio e famiglia, ma dei punti nodali della vita ecclesiale del nostro tempo.

L'INTERVISTA

Il Vaticano II


- Eminenza, lei è cresciuto prima del Concilio Vaticano II, come ricorda quel tempo?
- Sono cresciuto in un bellissimo tempo della Chiesa, siamo stati attentamente educati nella fede, sia a casa che presso la scuola cattolica, in particolare con il catechismo di Baltimora. Ricordo la grande bellezza della sacra Liturgia, anche nel nostro piccolo paese rurale, con belle Messe. E sono grato ai miei genitori che mi hanno solidamente educato a vivere come cattolico. Così, sono stati anni buoni.

- Un mio amico che era nato dopo il Concilio ha detto: "Non era tutto bene ai vecchi tempi, ma tutto era meglio." Cosa ne pensa?
- Beh, dobbiamo vivere nel tempo che Dio ci dona. Certo, ho ottimi ricordi del tempo in cui sono cresciuto: 1950 e inizio del 1960. Penso che la cosa più importante sia godersi la natura costitutiva della fede cattolica e apprezzare la tradizione a cui apparteniamo e  attraverso la quale ci è stata trasmessa.

- Ha accolto con entusiasmo i grandi cambiamenti dopo il Concilio?
- Che cosa è successo subito dopo il Concilio  - al tempo ero in seminario e abbiamo seguito quello che stava accadendo in seno al Concilio - ma l'esperienza dopo il Concilio era così forte e in alcuni casi così violenta, che devo dire che anche da giovane cominciavo a chiedermi se ciò fosse davvero intenzione del Concilio, perché ho ​​visto sparire subitaneamente tante cose belle che erano nella chiesa, e non essere più considerate belle. Penso ad esempio alla grande tradizione del canto gregoriano o all'uso del latino nella celebrazione della sacra liturgia. E poi naturalmente, il cosiddetto "spirito del Concilio Vaticano II" ha influenzato anche altri ambiti - per esempio, la vita morale, l'insegnamento della fede - poi abbiamo visto tanti preti abbandonare il sacerdozio, e tanti religiosi abbandonare la vita religiosa. Quindi sicuramente ci sono stati aspetti del periodo post-conciliare tali da sollevare domande.

- È stato ordinato sacerdote nel 1975. Pensa che qualcosa nella chiesa sia andato storto?
 - Sì, penso di sì. In una certa misura, abbiamo perso un forte senso della centralità della Sacra Liturgia e quindi dell'ufficio e del ministero sacerdotale nella Chiesa. Devo dire che sono stato cresciuto così fermamente nella fede, e avevo un così forte senso della vocazione, che non avrei mai potuto rifiutare ciò che chiedeva il Signore. Ma vedevo che c'era qualcosa che era sicuramente andato storto. Come un giovane sacerdote constatavo, per esempio, la vacuità della catechesi. I testi catechetici erano così poveri. E poi ho constatato le sperimentazioni liturgiche - alcune voglio solo dimenticarle - la perdita della vita di devozione, la partecipazione alla Messa domenicale cominciò a diminuire costantemente: erano tutti segnali che qualcosa era andato storto.

* * *
Le due forme della Messa

- Nel 1975 avrebbe mai potuto immaginare che un giorno avrebbe celebrato la Messa nel rito che era stato abbandonato in nome del rinnovamento? 
- No, non l'avrei mai immaginato. Anche se devo dire che lo trovo normalissimo, perché è una rito talmente bello che il fatto che la Chiesa lo abbia recuperato è un segno di buona salute. Ma al momento devo dire che la riforma liturgica, in particolare, è stata molto radicale e, come ho detto, anche violenta, così il pensiero di un restauro non sembrava possibile, davvero. Ma grazie a Dio è successo.

- Legalmente, il Novus Ordo e la Messa tradizionale latina sono lo stesso rito. È questa anche la tua vera esperienza quando celebra una solenne messa pontificale nel nuovo e nel vecchio ordine?
- Sì, mi rendo conto che sono lo stesso rito, e credo che quando il cosiddetto Nuovo Rito o la Forma ordinaria è celebrata con grande cura e una forte consapevolezza che la sacra liturgia è azione di Dio, possiamo vedere più chiaramente l'unità delle due forme dello stesso rito. Spero anche che, con il tempo, alcuni elementi che erano stati incautamente eliminati dal rito della Messa, ormai diventata la forma ordinaria, possano essere ripristinati perché la differenza tra le due forme è impressionante.

- In che senso? 
- La ricca articolazione della forma straordinaria, che mostra sempre il carattere teocentrico della liturgia, è praticamente ridotta al minimo nella forma ordinaria.

* * *
 Il Sinodo 2014 

- Il Sinodo sulla Famiglia è stato uno shock e talvolta anche uno scandalo, soprattutto per le giovani famiglie cattoliche che sono il futuro della Chiesa. Hanno ragione di preoccuparsi?
- Sì. Penso che il rapporto che è stato prodotto a metà della sessione Sinodo, conclusasi il 18 ottobre, è forse il documento pubblico della Chiesa più scandaloso che io possa immaginare. Esso suscita una preoccupazione molto seria ed è particolarmente importante che le buone famiglie cattoliche che vivono la bellezza del sacramento del matrimonio rinnovino il loro consacrarsi ad una vita coniugale solida e che si servano di tutte le occasioni per testimoniare la bellezza della verità sul matrimonio, che sperimentano ogni giorno della loro vita di sposi.

- Prelati di alto rango continuano a dare l'impressione che il "progresso" nella Chiesa consiste nella promozione del l'agenda Gay e dell'ideologia del divorzio. Pensano forse che queste cose porteranno una nuova primavera nella Chiesa?
 - Non so come possano pensare una cosa del genere, perché, ad esempio, il divorzio - che la Costituzione pastorale sulla Chiesa Gaudium e Spes chiama piaga della società - come si pososno promuovere gli atti omosessuali che sono intrinsecamente cattivi - quale potrebbe venire da uno di essi? E in effetti ciò che stiamo vedendo è che le due cose hanno in comune la distruzione della società, un crollo della famiglia, la decomposizione della struttura sociale e, naturalmente, in caso di atti contro natura nella corruzione della sessualità umana, che è destinata principalmente al matrimonio e alla procreazione dei figli.

- Crede che il problema principale in grandi aree della Chiesa sia la mancanza di famiglie cattoliche e soprattutto la mancanza di bambini cattolici? Ciò non sarebbe stato l'attenzione del Sinodo?
- Io sono fermamente convinto. La Chiesa conta su una forte famiglia cattolica e dipende da forti famiglie cattoliche. Penso che quando la Chiesa soffre, anche il matrimonio e la vita familiare ne risentono. Vediamo che quando le coppie di sposi non sono generose nel dare al mondo una nuova vita umana, il loro stesso matrimonio deperisce, e la società stessa. Vediamo in molti paesi che la popolazione locale, che in molti casi sarebbe cristiana, sta scomparendo a causa del basso tasso di natalità. E in alcuni di questi luoghi - ad esempio, dove si trova anche una forte presenza di appartenenti all'Islam - vediamo che la vita musulmana subentra in paesi che in precedenza erano cristiani.

* * *
 La Fraternità San Pio X 

- In molte parti dell'Europa occidentale e degli Stati Uniti, le uniche parrocchie che hanno ancora bambini appartengono alla Fraternità Sacerdotale San Pio X, mentre inrtere diocesi sono deserte. I vescovi sono consapevoli di ciò?
 - Credo di sì. Non ho esperienza diretta di ciò che lei descrive. Al tempo in cui ero vescovo di La Crosse, nel Wisconsin e come arcivescovo di St. Louis, nel Missouri, ho sentito dir questo delle diocesi in alcuni paesi europei in cui esse non sono praticamente più in grado di continuare e dove comunque vi è una forte presenza di coloro che appartengono alla Fraternità San Pio X. Non posso fare a meno di credere che i vescovi di questi luoghi stiano prendendo nota e ci riflettano.

* * *
 I giovani cattolici 

- La maggioranza dei cattolici praticanti in una parrocchia media in Europa occidentale e negli Stati Uniti sono quelli che sono stati battezzati e catechizzati prima del Concilio. La Chiesa in questi paesi vive del suo passato?
- Penso che la mia generazione, per esempio, è stato benedetta di esser cresciuta in un'epoca in cui c'era una forte pratica della fede cattolica, una forte partecipazione alla Messa della Domenica e alla sacra Liturgia, una forte vita di devozione, un solido insegnamento della fede. Ma in qualche modo, credo, purtroppo, lo davamo per scontato e non c'è stata la stessa attenzione nel trasmettere la fede come noi la conoscevamo attraverso la successione delle generazioni. Ora vedo che molti giovani hanno fame e sete - e questo già da un po '- di conoscere la fede cattolica alle radici e di vivere molti aspetti della ricchezza della tradizione della Fede. Quindi penso che ci sia una giusta ripresa proprio di ciò che era stato perso per un certo tempo  o di cui non ci si era più occupati in modo appropriato. Penso che, al momento, questo risveglio è in atto tra i giovani cattolici.

- Il Sinodo sulla Famiglia ha progetti per promuovere il matrimonio e per incoraggiare e sostenere le famiglie con molti figli? 
- Lo spero sinceramente. Non faccio parte della direzione centrale o dei cardinali e vescovi coinvolti nella organizzazione e direzione del Sinodo dei Vescovi. Ma certamente lo spero.

* * *
La proposta Kasper 

- Molte persone temono che alla fine il Sinodo userà un doppio linguaggio. Le ragioni "pastorali" vengono utilizzate per modificare la dottrina de facto. Tali timori sono giustificati?
Sì, lo sono. In effetti, uno degli argomenti più insidiosi utilizzati nel Sinodo per promuovere pratiche contrarie alla dottrina della fede è "noi non tocchiamo la dottrina, noi crediamo nel matrimonio come la Chiesa ha sempre creduto; facciamo solo cambiamenti nella disciplina (ndt: sembra l'argomento usato da Francesco nell'articolo su La Nation e nell'ultima udienza generale della scorsa settimana) ". Ma nella Chiesa cattolica che non può mai essere perché nella Chiesa cattolica  la disciplina è sempre correlata direttamente all'insegnamento In altre parole: la disciplina è al servizio della verità della fede e della vita in generale nella Chiesa cattolica. Quindi non si può dire che si cambia la disciplina e che questo non ha alcun effetto sulla dottrina che essa protegge, salvaguarda o promuove.

- Il termine "misericordia" è usato per cambiare la dottrina della Chiesa e anche il Nuovo Testamento per perdonare il peccato. E' quest'uso disonesto del termine "misericordia" che è stgato esposto durante il Sinodo?
- Sì, lo è stato. I Padri sinodali hanno parlato del falso senso di misericordia che non tiene conto della realtà del peccato. Ricordo di un padre sinodale dire: "Il Peccato non esiste più? Non lo riconosciamo più?" Penso che ci sia stata una risposta molto forte da parte di alcuni Padri sinodali. Il pastore luterano tedesco, che morì durante la seconda guerra mondiale, Dietrich Bonhoeffer ha usato un'analogia interessante. Egli parlava di grazia "costosa" e  di grazia "a buon mercato". Quando la vita di Dio ci è data come si deve nella Chiesa, ciò richiede da parte nostra un nuovo modo di vita, una conversione quotidiana a Cristo, e conosciamo la misericordia di Dio, nella misura in cui aderiamo e ci sforziamo sempre di affidarci a Cristo e per vincere i nostri peccati e le nostre debolezze.

- Perché il termine "misericordia" è utilizzato per gli adulteri e non per i pedofili? In altre parole: sono i media che decisono quando la Chiesa può utilizzare la parola "misericordia" e quando non lo può?
- Questo è un altro punto sollevato al Sinodo. La misericordia riguarda la persona che, per qualsiasi ragione, commette un peccato. Dovremmo sempre suscitare in questa persona il bene - in altre parole, chiamare questa persona ad essere quello che lui o lei è : un figlio di Dio. Ma nello stesso tempo, dobbiamo riconoscere i peccati che sono l'adulterio o la pedofilia, o il furto o l'omicidio - quali che siano - come grandi mali, come peccati mortali e quindi a noi contrari. Non possiamo accettarli. La più grande carità, la più grande misericordia che possiamo mostrare al peccatore è riconoscere il male delle azioni che lui o lei sta commettendo e chiamare quella persona alla verità.

* * *
Il potere e l'autorità del Papa 

- Dobbiamo sempre credere che la Bibbia è l'autorità suprema nella Chiesa e non può essere manipolata, neppure dal Papa e dai vescovi?
 - Assolutamente. La parola di Gesù è la verità a cui siamo chiamati a obbedire e, in primo luogo, alla quale il Santo Padre deve obbedire. Durante il Sinodo, è stato talvolta fatto riferimento alla pienezza del potere del Santo Padre, dando la sensazione che il Santo Padre potrebbe anche, per esempio, sciogliere un matrimonio valido è stato consumato. E questo non è vero. La "pienezza del potere" non è assoluta. La "pienezza del potere" è fare ciò che ci comanda Cristo e farlo in obbedienza a Lui. Seguiamo il nostro Signore Gesù Cristo, a cominciare dal Santo Padre.

- Un Arcivescovo recentemente ha detto: "Ovviamente seguiamo l'insegnamento della Chiesa sulla famiglia" e ha aggiunto, "fino a quando il Papa decida altrimenti. " Il Papa ha forse il potere di cambiare la dottrina?
- No, è impossibile. Sappiamo qual è sempre stato l'insegnamento della Chiesa. E 'stato espresso, per esempio, da Papa Pio XI nell'enciclica Casti connubii. E 'stato espresso da Papa Paolo VI nell'Humanae Vitae. E 'stata espressa in modo meraviglioso da Papa Giovanni Paolo II nella Familiaris Consortio. L'insegnamento è immutabile. Il Santo Padre dà il servizio di mantenere questo insegnamento e presentarlo con novità e freschezza, ma non di cambiarlo.

- Si dice che i cardinali si vestono in porpora per significare il sangue dei martiri che sono morti per Cristo. Con l'eccezione di John Fisher, che è stato nominato cardinale quando era già in carcere, nessun cardinale è mai morto per la Fede. Qual è la ragione? 
- Non so, non posso spiegarlo. Alcuni cardinali hanno certamente sofferto molto per la fede. Penso al Cardinale Midszenty (1892-1975), ad esempio, in Ungheria o al Cardinale Stepinac (1898-1960) nella ex Jugoslavia. E pensiamo ad altri cardinali in altri periodi della storia della Chiesa che hanno sofferto molto per difendere la fede. Il martirio può assumere forme diverse da quella del sangue. Stiamo parlando di martirio rosso, ma c'è anche un martirio bianco che verte sul vero insegnamento della verità della fede e la sua difesa, forse per essere mandati in esilio come accaduto ad alcuni cardinali o per soffrire in altri modi. La cosa importante per il cardinale è difendere la Fede iusque ad effusionem sanguinis, fino allo spargimento di sangue. Il cardinale deve fare tutto il possibile per difendere la fede, anche se questo significa spargimento di sangue. Ma anche tutto ciò che viene prima.

* * *
Le cose che il cardinale Burke preferisce, i suoi ricordi più belli, e la paura del giudizio.

- Eminenza, alcune osservazioni veloci. Chi è il suo Santo preferito?
 - Beh, la Beata Vergine è ovviamente il preferita per tutti noi.

- Questo non conta! 
- [Ride] Ho una grande devozione per San Giuseppe. Ma un santo che mi ha aiutato molto durante la mia vita, da quando ero bambino e in seminario è Santa Teresa di Lisieux, il Piccolo Fiore. La sua Piccola Via continua ad essere, per me, di grande aiuto nella mia vita spirituale.

- Qual è la sua preghiera preferita?
- Il Rosario.

- Qual è il tuo libro preferito?
- Credo che il catechismo non conti. [Ride]

- No, e nemmeno la Bibbia. 
- Mi piaccciono anche gli scritti del beato Columba Marmion (1858-1923), scritti spirituali, e mi piacciono anche gli scritti di Mons Fulton Sheen (1895-1979 ).

- Qual è il suo momento più importante come sacerdote?
- La mia ordinazione sacerdotale. Io continuo a pensarci e tutto era lì e tutto si è dispiegato da lì. Ciò che ho trovato più bello nel sacerdozio è che nei primi cinque anni come prete, ho fatto un ministero sacerdotale molto intenso in una parrocchia con il Sacramento della Confessione, con molte confessioni e la celebrazione, naturalmente, della Santa Messa, e poi l'insegnamento della fede ai bambini. Questi ricordi - e successivamente, per un breve periodo di tre anni ho insegnato in una scuola cattolica - sono davvero i ricordi più belli del mio sacerdozio.

- Ha paura del giudizio?
- Sì, naturalmente. Si pensi ad esempio a tutte le responsabilità che ho avuto, prima come sacerdote e ancor più come vescovo e cardinale, e ciò mi porta a esaminare la mia coscienza. So che ci sono cose che ho fatto, che avrei potuto fare molto meglio e questo mi fa paura. Ma spero che il Signore sarà misericordioso con me e prego per questo.

Grazie, Eminenza.
[Traduzione a cura di Chiesa e post-concilio]

20 commenti:

mic ha detto...

Rimosso dal papa, promosso dai fedeli...

Rr ha detto...

Semplice, chiaro, diretto, soggetto-predicato-complemnto-farse principale, poi als secondaria...
Per non parlare del contenuto.
Che gran Papa potrebbe essere !
Tra l'altro, tramite Rorate, avevo visto sue foto mentre amministrava la Cresima, e com'era stato paterno, veramente affettuoso, con il fratellino di un cresimando, ancora piccolo, che piangeva per non essere stato cresimato anche lui !
RR

Cattolico romano ha detto...

Grazie per la traduzione.
Il cardinale quando parla esprime in modo semplice completo e chiaro la dottrina.

Flavio B. ha detto...

Dio lo benedica.

ettore ha detto...

Defensor Fidei, preclaro principe della Chiesa. promosso non solo dai fedeli... Rimosso, ma ora ancor più libero di esprimersi con chiarezza e franchezza.
Ben altro spessore rispetto a tanti suoi confratelli, cardinali e vescovi, in carica od in via di promozione, altra fede, altro rigore, altro portamento, altra dignità, altra sapienza, ... e sappiamo quanto fastidio possano suscitare in quell'ambiente le doti, le virtù, i carismi.

sandavi ha detto...

Orgoglioso che su quel libro ci sia anche il mio nome, sono commosso e orgoglioso davvero e anche emozionato.
Un grande uomo, un grande cardinale. Per essere Papa chissà, c'è sempre tempo per un miracolo.

Anonimo ha detto...

È sempre bello leggere i suoi scritti, sentire le sue parole ricche di verità e dottrina. Orgoglioso di aver firmato la petizione a suo favore
John

Anonimo ha detto...

Rr osi insinuare che qualcun altro non parli bene? How dare you? Burke ha un grosso difetto per l'attuale gerarchia, l'aveva anche prima perché sempre lì stanno i pupari, è lo stesso dei FI, cioè essere cattolici e basta, senza ismi e questo è la classica buccia di banana che ti fa cadere rovinosamente......sapienti pauca.Anonymous.

Anonimo ha detto...

Long live cardinal Burke!
humilitas

Rr ha detto...

Beh, sai, Anonymous, lui e' un ragazzo di campagna, un country folk, un redneck. E tu sai quanto i rednecks sono amati a Wall Street, dal JYT, nelle logge parigine...
Rr

Rr ha detto...

Inoltre, essendo un gringo, non soffre di complessi d' inferiorita' verso altri gringos. E non ha nonne dell' Azione cattolica.
Rr

Josh ha detto...

un piacere leggere il card. Burke.

L'intervista è molto pacata, equilibrata..

la certezza della fede evidentemente in giro dà noia, visto come sono andate le cose.

Rr ha detto...

Da' noia...La certezza dela fede, l' intelligenza, la cultura, specifica ed in generale, la cura nella liturgia, l' essere in prima linea ad ogni manifestazione pro " valori non negoziabili", ecc. In sintesi, l' essere un Principe di Santa Romana Chiesa, pur essendo nato nel profondo Midwest agricolo degli USA
Rr

mic ha detto...

In sintesi, l' essere un Principe di Santa Romana Chiesa, pur essendo nato nel profondo Midwest agricolo degli USA

E' da qui che si riconoscono l'universalità de La Catholica e i frutti della Fede retta...

Rr ha detto...

E mentre si allontana dalla Curia Burke, sono stati promossi elementi come Ricca, Forte, Carballo, ora coinvolto in un bello scandaletto finanziario, scoppiato in Svizzera, ma con ripercussiono "all over the globe".
Eh, la Chiesa povera per i poveri...
Cfr Rorate e Corrispondenza romana.
Rr

Luisa ha detto...

Su Carballo qui:

http://www.corrispondenzaromana.it/notizie-brevi/lo-scandalo-finanziario-dei-frati-minori-mons-rodriguez-carballo-nellocchio-del-ciclone/

Ma papa Bergoglio correrà ai ripari,in effetti, come egli stesso ha detto, quando dà la sua fiducia a qualcuno non la riprende, non lo ha fatto con Ricca, malgrado il suo passato, con ogni probabilità coprirà anche gli "errori" di Carballo, anche se se sono soldoni che dovranno essere versati.
Ancora una volta il pensiero va ai Frati dell`Immacolata accusati e puniti senza diritto alla difesa e senza mai dare l`inizio di una prova.
Due pesi due misure in questa chiesa della misericordia.

Anonimo ha detto...

Rr conosci John Denver, folksinger USA da me amatissimo da ragazzino perché imparavo i sui testi a memoria, beh una delle sue canzoni era Thank God I'm a country boy.....NYT, WS, all those squeamish waspjews post yuppies? Nope.Anonymous.

Miserere ha detto...

Anch'io ho firmato la petizione! Bravi e coraggiosi pastori come il card. Burke ci aiutano a capire che, nonostante la gravissima crisi in cui versa la Chiesa, non dobbiamo perdere la speranza!

Josh ha detto...

naturalmente abbiamo firmato per Burke io stesso, i miei familiari ed altri....

Rr ha detto...

No, Anonymous, non conosco sfortunatamente John Denver, ma capisco il senso del titolo, ed immagino il contenuto, della " song".
Quelli del JYT vedono nei rednecks dei cugini, alla lontana, ma sempre cugini, dei contadini polacchi e russi che, sec.la loro " vulgata", li "pogromizzavano". Dimenticando ovviamente di dire quanto li ubriacavano e riducevano in miseria con la vodka che solo loro potevano produrre e vendere.
Se non altro in USA il contadino e' libero di farsi il suo bourbon...
Rr