mercoledì 1 agosto 2012

Una bella notizia. Messa usus antiquior a Rostov sul Don, in Russia

Riprendiamo da Rorate Caeli. Da Oleg-Michael Martynov di Una Voce della Russia:

Nella città russa di Rostov-on-Don è stata celebrata la Messa Tradizionale in latino, forse per la prima volta dal 1952, quando l'unica parrocchia cattolica romana della città era stata "liquidata" da parte delle autorità comuniste. La sua chiesa era stata fatta saltare in aria.

Quarant'anni più tardi, dopo la caduta del regime sovietico, la parrocchia del Cenacolo è stata rifondata da un giovane prete missionario polacco, p. Jaroslaw Wisniewski che serve ora nella repubblica dell'Asia centrale dell'Uzbekistan. Una chiesa un po' insolita, ma molto stimolante è stata eretta in una zona del parco, insieme ad altre bellissime strutture parrocchiali.

Fr. Wladislaw Kloc, SDB, un altro polacco che ha trascorso molti anni come missionario in Zambia e poi in Russia, Domenica 22 luglio ha celebrato la sua prima Messa usus antiquior. Molta assistenza è stata data da Una Voce della Russia, da parte sia dei suoi membri locali che di coloro che hanno percorso circa 1100 chilometri (oltre 650 miglia) da Mosca per fornire aiuto e consiglio.

Rostov-on-Don è presto dovrebbe diventare il terzo posto della Russia, dopo Mosca e San Pietroburgo, e prima nella diocesi di San Clemente a Saratov, ad aver regolarmente programmato Messe celebrate secondo le norme del Summorum Pontificum.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Deo Gratias!

Ce ne fossero ancor più!

Anonimo ha detto...

Grazie per la vostra pubblicazione degli articoli di Rorate, ne andrebbero ripresi e tradotti di più in italiano, quello è un sito molto importante per ogni fedele tridentino e merita di essere conosciuto anche da chi non ha una buona padronanza dell'inglese.
A parte questi ringraziamenti, poi, vorrei porvi un quesito: cosa sta succedendo all'interno dell'Istituto del Buon Pastore?

Anonimo ha detto...

Un piccolo appunto: in italiano è "Rostov sul Don".