sabato 28 gennaio 2017

Il card. Burke premiato dai movimenti pro-vita a Washington

Parlavamo qui della Marcia per la vita di ieri a Washington e del cambio di orientamento intervenuto a livello politico che speriamo si riverberi ovunque. Ricordiamo come i vescovi americani abbiano ringraziato il loro Presidente per l'ordine esecutivo contro l'aborto, sottolineando la differenza con i nostri Pastori il cui silenzio, quando non ambiguità, sui valori non negoziabili non fa certo loro onore.
Nella stessa occasione ricordavamo che il 22 gennaio scorso il Cardinale Burke, a Dallas, nel 44° anniversario della famigerata decisione della Corte Suprema di legalizzare l'aborto negli Stati Uniti, ha celebrato una Messa di riparazione molto partecipata. Ed ora apprendiamo la notizia pubblicata di seguito.

Arcivescovo emerito di Saint Louis (Missouri), Già Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, attualmente Patronus dell'Ordine di Malta in subbuglio, al cardinale statunitense Raymond L. Burke è appena stato assegnato il diritto di Life Achievement Award dai leader delle organizzazioni pro-vita negli Stati membri, riuniti il 26 gennaio a Washington DC per il loro vertice annuale - il Law of Life Summit - alla vigilia della Marcia per la vita, per il suo lavoro in "difesa della fede, della vita e della famiglia".
Trattenuto a Roma per le ragioni che immaginiamo, il cardinale non ha potuto recarsi a Washington per ricevere il suo premio, così simbolico, in quanto si tratta di un quadro contenente una riproduzione del chiodo che ha fissato i piedi di Cristo sulla croce ...
Nella sua allocuzione che annunciava il vincitore di questo quinto premio, John-Henry Westen, co-fondatore di Voice of the Family e di LifeSiteNews, in alcune osservazioni ben calibrate, ha spiegato il motivo per cui il premio è stato assegnato quest'anno al cardinale Burke: "Ha sofferto molto per la causa della vita e della famiglia. Ha serenamente sopportato la sofferenza e le umiliazioni pubbliche ricevute da ogni parte. Ogni volta che parlate con lui, lo sentite esprimere preoccupazioni che non hanno nulla a che fare con se stesso, ma sempre per la fede, per la vita e per la famiglia. Non ha mai fuggito la verità anche se è stato retrocesso, ridicolizzato, trattato come un oggetto, attaccato dai media internazionali e crudelmente calunniato dai suoi fratelli vescovi ".
[Traduzione di Chiesa e post concilio - da Riposte Catholique]

28 commenti:

Alessandro Mirabelli ha detto...

Lunga vita al card. Burke, defensor fidei et familiare nei nostri tempi

Anonimo ha detto...

Il card. Burke ha detto la sua con vigorosa chiarezza non solo sulla famiglia ma anche sulla libertà religiosa, sulla liturgia, sulla piaga dell'immigrazione, sul rischio determinato dall'islam, ecc.

Anonimo ha detto...

Benedictus Deus.
Benedictum Nomen Sanctum eius.
Benedictus Iesus Christus, verus Deus et verus homo.
Benedictum Nomen Iesu.
Benedictum Cor eius sacratissimum.
Benedictus Sanguis Eius pretiosissimus.
Benedictus Iesus in sanctissimo altaris Sacramento.
Benedictus Sanctus Spiritus, Paraclitus.
Benedicta excelsa Mater Dei, Maria Sanctissima.
Benedicta Sancta eius et immaculata Conceptio.
Benedicta eius gloriosa Assumptio.
Benedictum nomen Mariae, Virginis et Matris.
Benedictus Sanctus Ioseph, eius castissimus Sponsus.
Benedictus Deus in Angelis suis, et in Sanctis suis.

Amen.

irina ha detto...

Eminenza, grazie.

Gederson ha detto...

¿Alianza Vaticano-Partido Demócrata? (Católicos piden a Trump que investigue) http://adelantelafe.com/alianza-vaticano-partido-democrata-catolicos-piden-trump-investigue/

Alessandra Petrucciani ha detto...

Grande uomo, grande principe della Chiesa, Vigoroso difensore della Fede Cattolica,Apostolo di Gesù Cristo Dio mandi il suo Santo Angelo a difenderti affinché i nemici della Santa Chiesa Cattolica, siano confusi e spazzati via.

Anonimo ha detto...

Si avvicina la visita papale e a Milano vogliono fare bella figura...

http://www.lanuovabq.it/it/articoli-se-la-chiesa-di-milanosi-vergogna-della-famiglia-18770.htm

berni/exodus ha detto...

Eminenza grazie, grazie mille volte per tutto quello che stà facendo per la Santa Chiesa Sposa dell'Agnello.

Anonimo ha detto...

Deo gratias

un soffio d'aria pura in questa cappa mefitica

Maria Immcolata, sostenga nella fede, nel coraggio e nella fortezza lui, chi con lui si é esposto e quelli che stanno aspettando il momento giusto per venire allo scoperto, ma che, come dice Burke stesso, lavorano insieme a lui e agli tre, in difesa della Chiesa e della sua fede cattolica.
Il suo esempio possa dare coraggio ai tanti che vacillano, intimoriti.

Che Dio lo benedica

Anna

berni/exodus ha detto...

Cari amici che seguite il blog, recitiamo una o più volte al giorno la preghiera a S.Michele Arcangelo la preghiera di Leone XIII ""Sanctae Michaele Arcangele defende nos in Proelio..... in questo momento ne abbiamo un bisogno infinito - Dio ci ascolterà, e ci difenderà dal demonio che è nascosto in ogni angolo.

Anonimo ha detto...

Concordo, il card. Burke è un paladino della fede, però mi domando come mai i 4 cardinali dei Dubia ora stiano tacendo. Non doveva succedere qualcosa dopo le feste natalizie? Il tempo passa e non si possono sempre aspettare tempi biblici, perchè nel frattempo Bergoglio agisce, eccome! Sarò impaziente, ma non capisco queste esitazioni, cos'altro deve succedere?
In quanto a Milano, beh, l'ultima notizia è che quasi quasi si vergognano di ricordare gli anniversari di matrimonio a quelle latitudini..... A me sembra scandaloso.

Anonimo ha detto...

Complimenti vivissimi a S. E. Rev.ma card. Raymond Leo Burke, con l'augurio di vederlo presto Sommo Pontefice della rinata Chiesa Cattolica, Una, Santa Apostolica, magari dopo la sua cacciata ad opera dell'eretico Bergoglio e dopo un bello scisma che permetta ai "veri" cattolici" di rimanere uniti a pastori non modernisti, non comunisti, non protestanti, non ecumenisti suicidi, in una parola non servi della massoneria che oggi regge le sorti di buona parte degli stati di quello che un tempo fu definito "mondo libero" (in contrapposizione al cd "impero del male", all'epoca rappresentato dall'Urss e stati satelliti, a cui si aggiunsero Cuba, la Cina ed altri stati del sud-est asiatico). Chiudo con una bella invocazione a Nostra signora di La Salette, facilmente reperibile nel Web : "Our Lady of La Salette, restore the Holy Catholic Churc. Amen"

Anonimo ha detto...

E' bene cercare di capire più da vicino che cos’è l’Ordine di Malta.
http://www.aldomariavalli.it/2017/01/28/ordine-di-malta-il-perche-di-uno-scontro/

Anonimo ha detto...

Meglio non commentare le espressioni e i giudizi senza appello di questo articolista .
Preghiamo Dio Padre Onnipotente perche' gli doni la Sapienza .
http://www.farodiroma.it/2017/01/25/non-un-tagliatore-di-teste-ma-un-papa-solo-al-comando-di-fa-grana/

Luigi Rmv ha detto...

Grazie anche da parte (insignificante mia), card. Burke, che Dio la benedica e protegga in questo difficilissimo momento e che la Santissima Vergine Maria le faccia avere tutte le Grazie di cui ha bisogno.

Intanto i vescovi chiedano pietà e ringrazino alle coppie omosessuali:

http://torino.repubblica.it/cronaca/2017/01/28/news/unioni_civili_ai_funerali_di_franco_il_delegato_del_vescovo_si_dovrebbe_chiedervi_scusa_per_le_incomprensioni_della_chies-157059361/?ref=HREC1-8

"La Chiesa dovrebbe chiedervi scusa"
Don Carrega: "Dovrebbe farlo qualcuno più importante di me, io invece vi dico grazie". Piange Gianni Reinetti, compagno di una vita, con il quale ha anche costituito la prima unione civile della città"



Luisa ha detto...

Lasciate perdere Grana e la sua enfasi idolatrica, Grana che considera che
"Francesco ha già portato la Chiesa in un punto di non ritorno", che egli " è un profeta chiamato a scuotere le coscienze", che divide la Chiesa..." perché il suo ritorno alle origini, al Vangelo “sine glossa” spiazza i principi ecclesiastici arroccati sulle certezze di una vita mondana, uomini che si trastullano tra lussuria e simonia." :):)

E qui la profondità del suo pensiero, secondo Grana:

"In modo più o meno velato serpeggia già in maniera forte il desiderio di archiviare questa primavera francescana all’insegna di una restaurazione dei fasti da museo avvolti nella naftalina negli armadi di qualche sagrestia ma mai definitivamente andati in pensione: dai flabelli alla sedia gestatoria, dal plurale maiestatis alla tiara, dalle chiroteche alla messa tridentina liberalizzata da Ratzinger con il nefasto motu proprio Summorum pontificum che ha legittimato, pur non volendo, i negazionisti della Shoah (monsignor Williamson ne è solo un triste esempio) e del Concilio Ecumenico Vaticano II (ignoranti che attentano alla riforma liturgica voluta dalla costituzione Sacrosanctum concilium e attuata con efficacia dal beato Paolo VI).

Sono solo qualche esempi del pensiero di quel vaticanista, allora perchè stupirsi del suo ultimo contributo? Basta ignorarlo.

Anonimo ha detto...

@ Don Carrega: "Dovrebbe farlo qualcuno più importante di me, io invece vi dico grazie"

ah si? grazie per aver tenuto rapporti omosessuali per un'intera vita ? questo insegna oggi la Chiesa (che fu) di Cristo ? si confermano le anime nel peccato, sapendole condannate all'inferno, anziché ammonirle, invitarle al pentimento, al ravvedimento ed al cambiamento di vita ? di questo voi preti dovrete render conto a NSGC; la pena a cui condannate questi poveri fratelli (e sorelle) sarà niente paragonata a quella che toccherà a voi, per aver tradito la missione affidatavi dal Cristo. Misericordiosi sicut Pater nè? misericordia per tutti, purché permangano nel peccato, ovviamente, sull'esempio di quanto insegna il vostro attuale comandante, vedansi i suoi incontri con Scalfari, Pannella, Bonino, ecc., ai quali ha detto apertamente che non intendeva affatto convertirli, incoraggiandoli anzi a proseguire le loro battaglie (per l'aborto, l'eutanasia, le unioni omosex e lesbosex, la perversione dell'infanzia con i libriccini che elogiano le unioni arcobaleno, il gender, ecc.). Ma verrà un giorno, dice Fra' Cristoforo, ci pensino bene tutti i don Carrega dell'attuale chiesa...

tralcio ha detto...

La Chiesa espressione di certi suoi chierici d'oggi sembra dover chiedere scusa a tutti...

Ma chiede scusa a Dio o agli uomini?
Chiedesse scusa a Dio ferverebbero liturgie penitenziali e non le dichiarazioni a mezzo stampa.
Dunque la Chiesa che rende culto all'uomo, chiede scusa all'uomo di non pensarla come il mondo.
E questo mentre il paradigma dell'evangelii gaudium mette in guardia dalla mondanità spirituale.
Il paradosso, il testa-coda, l'eterogenesi dei fini, il "ribaltone" e la capriola sono totali.

E di che cosa chiederebbe scusa agli uomini e al mondo la Chiesa?
Chiede scusa di aver annunciato la Verità di Nostro Signore Gesù Cristo?
Chiede scusa di aver amministrato i sacramenti?
Chiede scusa di aver insegnato un catechismo?
Chiede scusa di aver formato uomini e donne capaci di pronunciare dei voti validi a vita?

Sembrerebbe che di questo non debba (ancora) chiedere scusa...
E allora, quali sono le scuse da fare agli uomini a nome della Chiesa?
Di non essere accogliente: però non più verso circa 40 milioni di bimbi abortiti ogni anno.
Di non essere accogliente: però non più verso le vocazioni, crollate del 75% in 50 anni.
Di non essere accogliente: però non più verso la conversione e la penitenza...
Di non essere accogliente: non verso la Verità, ma verso la varietà di opinioni tutte vere.
L'accoglienza mancante di cui chiedere scusa è solo verso chi ha una fede differente.
L'accoglienza fallita di cui chiedere scusa è verso ogni "voglia di amore", come la si vuole.
L'accoglienza non sufficientemente convinta è verso la falsità di ogni cattivo maestro.
L'accoglienza insufficiente è per chi pecca continuando a farlo, nel pieno diritto di farlo.

In fondo questa strana-chiesa è incapace di accogliere solo chi vive la solita-Chiesa.

Non sa nemmeno accogliersi, dato che espelle parte di se stessa, trovandola incompatibile.

L'organismo ecclesiale è molto malato, quasi terminale: le cellule sfuggite all'umiltà e la prudenza del proprio posto, prosciugano voraci il nutrimento alle altre, distruggendo il corpo.
In queste condizioni si è soliti dire che serve un miracolo o un Medico eccezionale.
Serve anche una dieta adeguata: meno zuccherini per la dolce melassa della contro-chiesa.
E l'amaro calice di tanta dolorosa penitenza per le altre cellule, nella speranza di guarire.

Non sarebbe il caso di chiedere scusa di tutti gli intrugli patogeni che dobbiamo trangugiare?
Non sarebbe il caso di chiedere scusa per tutti i medici al soldo di una strana medicina?
Intanto nell'ospedale da campo non si chiede scusa prima di amputare qualcuno...
Ultimamente le amputazioni al corpo ecclesiale mostrano piuttosto un certo sadico gusto...
Le cellule normali, non certo sane perchè malate da questo impazzimento del corpo ecclesiale, possono solo chiedere una grazia speciale per guarire.

Il cristianesimo è innanzitutto una grande guarigione dal peccato che ammorba l'essere creaturale impedendo la comunione con Dio.

In certe riedizioni caricaturali il peccato non è più malattia, così da dichiarare sani tutti quanti, dicendo di amare il Medico, ma rendendolo un disoccupato di lusso: nell'illogicità della chiesa-scusa bisogna accogliere i malati senza guarirli.
Se per caso qualcuno ha meno sintomi, guai a lui se non si contagia del tutto.
Chi ambisca a tentare d'esser sano è un facitore di muri, un triste paziente attento alle prescrizioni, incapace della gioia d'una grande festa nell'ospedale da campo, il torneo di calcio degli zoppi, un torneo di mosca cieca senza bisogno di bendare gli occhi e così via...

Anonimo ha detto...

https://cafebrasil.azureedge.net/wp-content/uploads/cobra.png

manguste intolleranti?

http://www.veritatemincaritate.com/2017/01/stare-uniti-a-difesa-del-tabernacolo/

da ascoltare con attenzione

Silvano M. ha detto...

Apperò chi avrebbe detto 2 mesi fa questo capovolgimento di marcia, queste sono le vere sorprese dello Spirito..

Anonimo ha detto...

In sintesi, mi par di capire - da siti stranieri - che i Cavalieri hanno capitolato su tutta la linea. Confermate?

http://www.onepeterfive.com/knights-malta-grand-masters-resignation-accepted-sovereign-council/

--
Fabrizio Giudici

mic ha detto...

Fabrizio Giudici,
basta leggere il loro comunicato qui:
https://www.orderofmalta.int/it/2017/01/28/il-gran-maestro-fra-matthew-festing-si-e-dimesso/

E come lo legge Rorate Caeli, che ci è andato giù duro:
""Il nuovo scudo araldico, bandiera e logo dei Cavalieri di Malta
Leggendo il vostro comunicato ufficiale di come vi hanno piegati è come leggere il comunicato di una persona abusata mentre è ancora sotto il potere dello stupratore - angosciante e ancora degno di pietà.
Ebbene, Cavalieri di Malta (1099-2017), avevate una bella storia: Riposate in pace. Cavalieri del preservativo (est. 2017), congratulazioni per la vostra fondazione! ...""

E l'immagine è quella di un preservativo...

S. Eutizio ha detto...

Vorrei far giungere i miei complimenti, le mie congratulazioni ed il mio devoto ringraziamento a S.E. Rev.ma Leo Burke. Il Re della Storia sa scegliere i Suoi profeti fedeli e benedice il popolo donde essi provengono, colmandolo di grazie inaspettate ed insperate. Preghiamo anche noi il Signore che mandi in mezzo a noi pastori fedeli e servi inutili.

Anonimo ha detto...

While in Dallas Cardinal Burke also visited Holy Trinity Seminary where he prayed with the seminarians and addressed them about the importance of their vocation to be called to the sacred priesthood. The seminarians were pleased to be able to meet and greet His Eminence while some had him sign books and asked for his blessing.

Anonimo ha detto...

La notizia dalla fonte americana

https://www.lifesitenews.com/news/cardinal-burke-awarded-by-u.s.-pro-life-leaders-for-defending-faith-life-an

Anonimo ha detto...

La cosa spaventosa è che se si arrivasse a uno scisma, avremmo una chiesa eretica in Vaticano e una chiesa cattolica negli USA. E quella in Vaticano godrebbe dei favori della stampa debosciata europea (e putrefatta italiana) ma soprattutto continuerebbe ad essere il referente unico per gli stati (Ambasciatori, relazioni diplomatiche, ...). Roma, insomma, sarebbe come Gerusalemme occupata, in questo caso dai secolaristi, con la semplice differenza che non ci sarebbero i Re europei e i Papi pronti a dichiarare una crociata per liberarla.

mic ha detto...

La cosa spaventosa è che se si arrivasse a uno scisma, avremmo una chiesa eretica in Vaticano e una chiesa cattolica negli USA.

La Curia, così come l'intera cattolicità (quindi non solo USA), non è tutta composta di eretici...

Ave Maria ! ha detto...

Il 22 Febbraio 2017 , alle ore 7:00 a.m., sara' celebrata una Santa Messa in riparazione dei peccati commessi nella nostra nazione Italia , a cominciare dalle leggi anticristiche . Se potete , unitevi spiritualmente con una Ave Maria . Padre Bamonte ci ha ricordato che la Vergine Madre subito accorre non appena pronunciamo " Ave Maria ". Grazie

http://www.marcotosatti.com/2017/01/30/spettacolo-gender-per-i-bambini-di-8-anni-in-provincia-di-bologna-genitori-e-associazioni-manifestano-contro/