giovedì 20 luglio 2017

Processione di Riparazione per il 'gay-pride' a Rimini

Aggiornamento: Mons. Negri benedice la processione:
Vi sono accanto con affetto e gratitudine. La vostra testimonianza della verità diviene servizio al bene comune del popolo. Vi benedico.” + Luigi Negri, Arcivescovo Emerito di Ferrara e Comacchio Ferrara, 27 luglio 2017

clicca sull'immagine per ingrandire
Dal punto di vista pratico ci eravamo lasciati lo scorso 3 giugno a Reggio-Emilia, con una Processione che ha certamente lasciato un segno indelebile nella città emiliana. Diremo di più: non solo a Reggio risuona ancora il tintinnio di quel turibolo ondeggiante fra le vie delle città, per mondare e riparare, per pregare ed elevare la giusta lode riparatoria a Dio, ma anche in diverse altre città che, sulla sequela di quanto accaduto lì, si sono rimboccate le maniche per organizzare eventi analoghi. Fra queste spiccano certamente Pavia, Varese, Milano e varie altre città del sud Italia. Il Comitato "Beata Giovanna Scopelli", come sappiamo, nasce a Reggio-Emilia sopra le spoglie dell'omonima Beata, vergine e carmelitana reggiana. La struttura del Comitato, specialmente dopo la Processione di pubblica riparazione al gay pride, non poteva garantire una copertura di portata nazionale, ed è per questo che altri comitati - se vogliamo di portata minore ma animati da grande fede e perseveranza - sono andati via via costituendosi singolarmente, pur non mancando mai l'appoggio del riferimento reggiano.
Tuttavia questo non ha mai implicato la "fine" del nostro Comitato il quale, lasciando la decisione agli oltre 2000 membri facenti parte di esso, ha mantenuto la sua costituzione garantendo l'impegno laddove possibile.

Ecco perché siamo lieti di annunciare a tutti voi, a poco più di un mese trascorso dall'appuntamento in terra reggiana, una nuova Processione di pubblica riparazione allo scandaloso "Summer Pride" di Rimini, previsto per sabato 29 luglio.

Il Comitato "Beata Giovanna Scopelli" invita perciò tutti, come avvenne nel caso di Reggio-Emilia, a prendere parte all'importante Processione che ancora una volta assume un carattere nazionale, invocando l'aiuto e il fervore che in questi mesi ha animato i tanti cattolici di tutta Italia. Ricordiamo inoltre che il gay pride di Rimini avrà un accento ancora più scandaloso per via del contesto balneare, incitando ancor più allo scandalo collettivo e alle brutture tese alla corruttela delle anime.

A questa prima comunicazione generale faranno seguito altri tre o quattro comunicati stampa ufficiali, dove saranno illustrati gli ulteriori dettagli logistici e organizzativi. Per ora invitiamo tutti, particolarmente i membri del Comitato "Beata Giovanna Scopelli" e degli altri comitati amici, ad impegnarsi per la massima diffusione di questo appuntamento, iniziando già ora ad organizzarsi per essere presenti il giorno 29 del mese di luglio, alle ore 10:30.
Tutti siamo chiamati a consolare pubblicamente quel Sacro Cuore trafitto e quella Vergine Santa che piange lacrime amare. Lo dobbiamo come Figli di Dio, lo dobbiamo come membra del Mistico Corpo, lo dobbiamo come cattolici fedeli alla Santa Chiesa.

Iniziammo il nostro cammino con una frase del saggio Gandalf, proseguiamo la nostra umile opera con le parole del prode Aragorn a noi già note:
"Figli di Gondor! Di Rohan! Fratelli miei! Vedo nei vostri occhi la stessa paura che potrebbe afferrare il mio cuore! Ci sarà un giorno, in cui il coraggio degli uomini cederà, in cui abbandoneremo gli amici e spezzeremo ogni legame di fratellanza, ma non è questo il giorno! Ci sarà l'ora dei lupi e degli scudi frantumati quando l'era degli uomini arriverà al crollo, ma non è questo il giorno! Quest'oggi combattiamo! Per tutto ciò che ritenete caro su questa bella terra, v'invito a resistere! Uomini dell'Ovest!" [Il Signore degli Anelli - Il ritorno del re]
In IHS,
Comitato ""Beata Giovanna Scopelli"

21 commenti:

Anonimo ha detto...

http://itresentieri.it/in-francia-i-preti-sono-diventati-una-specie-rara-se-continua-cosi-in-futuro-ci-saranno-solo-quelli-legati-alla-liturgia-tradizionale/
Perche' Dio Onnipotente ci dovrebbe donare Sante Vocazioni visto che dimostriamo di non esserne degni ?!
Da cui la necessita' di riparare in ogni modo e maniera e il piu' possibile .
http://www.stellamatutina.eu/wp-content/uploads/pdf/Novena_a_San_Michele.pdf

Anonimo ha detto...

S.Messa contro l'iniquita' che si vanta .

Anonimo ha detto...

La vedo gnara, S.Giuliano borgo è il regno incontrastato del gaio sindaco, che ivi tiene ristoranti, appartamenti extra lusso venduti a vip et alia......speruma in bén, la gaia sfilata dovrebbe essere al mare, almeno stando alle promesse fatte al vescovo, dato che molti negozianti in centro si erano lamentati in passato per il disgusto generato da cotanto orgoglio...-....vi farò edotti. Lupus et Agnus.

Anonimo ha detto...

http://cordialiter.blogspot.it/2017/07/pensiero-del-giorno-circa-le-missioni.html
Pensiero del giorno - Circa le missioni popolari

Dice in secondo luogo il suo parroco, che con le missioni s'inquietano le coscienze, per ragione dei tanti scrupoli che allora si muovono per mezzo delle prediche. Or questa difficoltà sì che è bella! Dunque sarà meglio per non inquietar le coscienze lasciare i peccatori a dormire nel letargo del peccato con quella pace maledetta che è il sigillo della loro dannazione? S'inquietano le coscienze! Questo è quel che pretende il demonio, che quei miseri suoi schiavi non siano disturbati da quella falsa pace in cui vivono perduti. Ma questa deve esser la cura del pastore, di mandare ad inquietar le pecorelle che dormono in disgrazia di Dio, affinché si sveglino e riparino al pericolo in cui stanno di dannarsi; ed a svegliarle non vi è mezzo migliore della missione.

(Brano tratto dagli scritti di Sant'Alfonso Maria de Liguori, Dottore della Chiesa)

Anonimo ha detto...

Il lassismo anni '70 è al potere nella Chiesa
di Marco Tosatti
http://www.lanuovabq.it/it/articoli-il-lassismo-anni-70-e-al-potere-nella-chiesa-20535.htm

Anonimo ha detto...

http://www.riminitoday.it/cronaca/rimini-summer-pride-2017-gay-omosessuali-processione-riparatrice-per-chiedere-perdono-a-dio-del-gay-pride.html

Anonimo ha detto...

www.riminiduepuntozero.it/il-festival-di-gnassi-il-primo-non-umano-che- canta-ha-fatto-luovo

www.rimininews24.it/news/rimini/0046672-comune-di-rimini-contro-discriminazioni-orientamento-sessuale-e-identita-genere.

Comitato "Beata Giovanna Scopelli" ha detto...

Giunti al secondo giorno dopo l'annuncio della Processione pare opportuno fornire qualche indicazione fondamentale:

1. Il Comitato "Beata Giovanna Scopelli" rimane fondato sulle presenza dei suoi oltre 2000 membri, con la stessa costituzione risalente a Reggio Emilia: non esistono veri e propri responsabili, quanto piuttosto dei portavoce presenti su tutta la Regione Emilia-Romagna, perimetro in cui opera l'omonimo Comitato. A testimonianza di questo vi è il fatto che, nonostante il tutto abbia avuto inizio a Reggio, il Comitato si è reso operativo poco più di un mese dopo anche su Rimini in forza dei suoi membri provenienti da tutta Italia, Rimini per l'appunto compresa.

2. La stampa locale ha iniziato ad interessarsi alla vicenda. Anche da Modena arriva il rilancio della notizia sul quotidiano online "La Pressa". È importante notizia dell'ultima ora che anche il "Popolo della Famiglia" di Rimini ha dato appoggio al Comitato "Beata Giovanna Scopelli", invitando tutti a partecipare alla Processione. Ricordiamo a chiunque che per avere informazioni a proposito della Processione si possono prendere contatti attraverso la mail ufficiale: comitatob.scopelli@libero.it
Gli interessati riceveranno risposta quanto prima.

3. Va pure detto che il Comitato non ha bisogno di grosse presentazioni a differenza di quanto accadde a Reggio, dove vigeva la componente della novità: il biglietto da visita è già stato dato nelle due settimane che hanno preceduto la Processione del 3 giugno scorso, con un replicarsi, giorno dopo giorno, di largo spazio all'interno della stampa nazionale e locale; altresì attraverso il supporto di numerosi esponenti del mondo cattolico ( tanto per ricordarne alcuni: il Cardinal Raymond Leo Burke, Mons. Athanasius Schneider e Mons. Antonio Livi ).
Non in ultimo il segnale più grosso è stato dato lo stesso giorno della Processione, dove 500 persone provenienti da tutta Italia hanno pregato, nel silenzio e nella compostezza più assoluta, per il centro della città emiliana.

4. Diverse offese sono già arrivate addosso al Comitato da parte degli organizzatori del "Summer Pride": "talebani religiosi", "ubriachi" capaci di fare solo "discorsi deliranti e interviste sconclusionate". Insomma, il solito grido di civiltà non è mancato ad arrivare dimostrando che i "diritti" ci sono solo per chi la pensa in un determinato modo.
Proprio per questo invitiamo tutti i membri del Comitato e i simpatizzanti di esso a mantenere i nervi saldi, senza mai rispondere alle provocazioni ed alle offese pervenute gratuitamente: il fine del Comitato stesso non è stare a disquisire con il singolo, quanto piuttosto concentrarsi sull'aspetto della riparazione per un peccato manifestamente pubblico, che scandalizza particolarmente i piccoli.

Comitato "Beata Giovanna Scopelli" ha detto...

... segue

5. Si rende noto il percorso ufficiale della Processione, prevista per sabato 29 luglio alle ore 10:30: concentramento in via San Giuliano alle ore 10:15, davanti all'omonima chiesa; la Processione seguirà in viale Tiberio, corso d'Augusto, via Cairoli, via Sigismondo, continuando per via Bertola fino ad arrivare nella piazzetta San Bernardino, ove si concluderà con la recita dell'Atto di Riparazione al Sacro Cuore di Gesù proprio davanti alla chiesa di San Bernardino.
Altre indicazioni e dettagli interessanti seguiranno nei prossimi comunicati.

6. La Processione è di portata nazionale, quindi invitiamo tutti i cattolici ad organizzarsi per essere presenti nonché diffondendo l'invito a quante più persone possibili. Chi ancora non fosse iscritto al gruppo Facebook può farne richiesta cercando il gruppo "Comitato Beata Giovanna Scopelli".

7. Il Comitato si pone ovviamente sotto la protezione della Beata Giovanna Scopelli, monaca carmelitana reggiana vissuta nel XV secolo. Tuttavia, visto che l'atto liturgico a Dio piacendo avrà luogo a Rimini, ci poniamo pure sotto la protezione di San Gaudenzio e di San Marino. Invochiamo perciò sin d'ora questi tre importanti Patroni per il buon esito della Processione e per la maggior Gloria di Dio.
Rimini, 21 luglio 2017
Il Comitato "Beata Giovanna Scopelli"

fabriziogiudici ha detto...

Novità da Biella:

http://www.marcotosatti.com/2017/07/21/la-bonino-parla-in-chiesa-la-protesta-di-molti-cattolici-ci-sara-un-sit-in-davanti-alla-curia-e-il-vescovo/

Japhet ha detto...

Codice di Diritto Canonico (212.3)
§3. "In modo proporzionato alla scienza, alla competenza e al prestigio di cui godono, essi [i fedeli] hanno il DIRITTO, e anzi talvolta anche il DOVERE, di manifestare ai sacri Pastori il loro pensiero su ciò che riguarda il bene della Chiesa; e di renderlo noto agli altri fedeli, salva restando l'integrità della fede e dei costumi e il rispetto verso i Pastori, tenendo inoltre presente l'utilità comune e la dignità delle persone".

Anonimo ha detto...

Caro Comitato Grazie .
Con questa ulteriore processione dimostrate a tutta Italia di essere veramente Cristiani volendo riparare alla nostra ed altrui
zizzania ed inoltre manifestate a tutti la infinita pazienza di Gesu' che aspetta che la zizzania si trasformi in buon grano .
Da parte mia ho chiesto la celebrazione di una Santa Messa di riparazione per i peccati della nostra nazione e a Dio piacendo vi accompagnero' in comunione di preghiera .
Sia sempre Benedetto e ringraziato Gesu' che col Suo Sangue ci ha salvato ! ( 3 volte )

mic ha detto...

http://www.riminitoday.it/cronaca/gay-summer-pride-a-rimini-si-alzano-i-toni-delle-polemiche-tra-cattolici-e-omosessuali.html

Anonimo ha detto...

Come detto da S.Alfonso nel brano riportato alle 19:oo , toni bassi , non replicare alle provocazioni , lasciar parlare solo e soltanto i portavoce , gli altri , se intervistati , non pecchino di protagonismo e indirizzino cortesemente verso i portavoce .
La spinta propulsiva della processione sia una sola : amare Gesu' anche per chi Lo rifiuta , anche per Chi non Lo ama , lenire la Sua sofferenza e quella della Madre Addolorata .
Si lasci che la stampa scriva quel che vuole , pensiamo a noi , pensiamo a Fatima e al nostro compito : la riparazione per le anime !
Dio vi benedica tutti .
Anche Mons. Zenti ha chiesto preghiere affinche' venga annullato il concerto "malato" .
Ma pare che se i giovani si ammazzano a seguito dell'ascolto di musiche ossessive , droghe , istigazioni al suicidio , sembra non interessare piu' . E' orribile , dai e dai , ci hanno fatto assuefare all'orrore .

Il Papa: "Nella città vivono – o sopravvivono – persone invisibili, che ogni tanto balzano in prima pagina o sui teleschermi, e vengono sfruttate fino all’ultimo, finché la notizia e l’immagine attirano l’attenzione. E’ un meccanismo perverso, al quale purtroppo si stenta a resistere. La città prima nasconde e poi espone al pubblico. Senza pietà, o con una falsa pietà. C’è invece in ogni uomo il desiderio di essere accolto come persona e considerato una realtà sacra, perché ogni storia umana è una storia sacra, e richiede il più grande rispetto" (Atto di Venerazione all'Immacolata, Piazza di Spagna, 8 dicembre 2009)

Anonimo ha detto...

Giampiero Lascaro / Comitato 'Beata Giovanna Scopelli'

RIMINI. Enea Abati di Corriere Romagna:  Marcia anti pride, il parroco prende le distanze. I promotori: «Gay è contro la legge cristiana»/ Uno degli organizzatori della processione di preghiera riparatrice: «A Rimini si fa apologia di un comportamento collettivo dai frutti sconvolgenti. Non è la normalità»

"La nostra processione nasce dal fatto che con il Summer pride si rivendica l’orgoglio pubblico dell’omosessualità"

"Minati alla radice il giudizio e la comprensione di ciò che è umano: donna e uomo sono complementari per natura"

Il parroco della chiesa di San Giuliano, don Cristian Squadrani, ieri mattina durante la messa ha preso le distanze dalla “Pr oc essione di riparazione pubblica per il gay pride di Rimini”. «Non è una nostra iniziativa - ha detto dall’altare don Cristian -, non della parrocchia né della Diocesi, né intendiamo incentivarla». La
processione prenderà il via sabato alle 10,30 proprio di fronte alla chiesa di San Giuliano, sfilerà per le vie del centro fino a raggiungere la chiesa di San Bernardino.
«Prendiamo le distanze», taglia corto il sacerdote.
Giampiero Lascaro, 59 anni, componente del Comitato “Beata Giovanna Scopelli”, tra gli organizzatori della processione che intende riparare al “Ri mini summer pride” che si terrà sul lungomare nel pomeriggio, spiega le ragioni di un’iniziativa che ha suscitato l’indignazione dell’Arcigay oltre che la presa di distanza da parte della chiesa di San Giuliano. (...)

Anonimo ha detto...

Mons. Negri ha benedetto l'iniziativa!

fabriziogiudici ha detto...

Mons. Negri ha benedetto l'iniziativa!

http://www.riminiduepuntozero.it/larcivescovo-negri-sta-con-la-processione-testimonianza-alla-verita-per-il-bene-comune-del-popolo/

Bella notizia per un verso, brutta per l'altro, ovvero che sono sempre i soliti che fanno tutto. Ogni tanto piacerebbe leggere qualche altro nome di vescovo.

In compenso, leggete che bello spettacolo a Biella, compreso il cerchiobottismo del vescovo:

http://www.marcotosatti.com/2017/07/27/humanae-vitae-smentita-della-smentita-un-gruppo-di-lavoro-esiste-biella-bonino-in-chiesa-impedito-il-dibattito/

fabriziogiudici ha detto...

Articolo di mons. Negri sull'omoeresia, su La Verità di oggi.

Anonimo ha detto...

http://www.corriereromagna.it/news/rimini/22331/in-duecento-alla-processione-anti-gay-pride.html

RIMINI. Circa duecento persone questa mattina hanno preso parte alla processione di preghiera come forma di riparazione al Rimini Summer Pride che si terrà dalle 18 in piazza Pascoli sul lungomare. "Il gay pride va contro le leggi naturali stabilite da Dio", hanno detto alcuni degli organizzatori del Comitato "Beata Giovanna Scopelli" da cui aveva preso le distante la Diocesi di Rimini. Durante la processione, partita dalla Chiesa di San Giuliano e diretta alla Chiesa di San Nicolò, i manifestanti hanno pregato destando la curiosità dei tanti riminesi e turisti presenti in centro per il mercato

Comitato "Beata Giovanna Scopelli" ha detto...

#processionerimini2017
Alla Cortese Attenzione delle Redazioni Interessate
Dopo l'evento tenutosi stamattina rendiamo noto quanto segue:
1. La Processione di riparazione è stato un grande trionfo da ogni punto di vista. Al momento della partenza sono stati distribuiti 250 libretti e non sono bastati. Molte persone si sono aggregate durante la Processione, e le stime, aldilà di quello che un certo palese schieramento mediatico vorrebbe far credere, viaggiano sulle 400 persone. Ci aspettavamo 100 persone e ci siamo trovati in 400. Ci fossimo ritrovati anche in 50 saremmo stati fieri ed orgogliosi oltremodo di essere lì. Gesù Cristo non trionfa con e sopra i numeri.
2. La stampa locale, evidentemente schierata, ha tentato di soffocare l'evento sin dal suo annuncio tralasciando tanti particolari e dando meno spazio possibile al Comitato. Anche la notizia di S.E. Mons. Negri, il quale assieme al Card. Raymond Leo Burke ha Benedetto e incoraggiato la Processione, è stata quasi totalmente soffocata nonostante l'importanza dell'atto in sé che ha squalificato una diocesi tiepida, cerchiobottista e incapace di gestire una patata bollente. A proposito della diocesi ribadiamo l'atteggiamento privo di umanità che ha visto dei fedeli cattolici essere trattati come degli appestati. Prendiamo atto e andiamo avanti, fieri di non far parte di coloro i quali preferiscono il mondo a Dio, la pavidità alla Fede.
3. Un dettaglio interessante si è verificato al termine della Processione, giunti davanti alla Chiesa di San Nicolò dove era previsto l'arrivo e la fine del momento di preghiera: terminato un funerale, il parroco avrebbe ordinato di chiudere tutte le porte della chiesa e il rispettivo cancello con molta velocità, ovviamente supportato dalla scusante dell'orario,. Alcuni fedeli, entrati un momento per pregare e visitare la chiesa, sono stati invitati ad uscire rapidamente da un "sagrestano" ( poteva anche essere il prete, ma non ci è dato saperlo ). Evitiamo per carità di popolo di rendere noti i commenti che abbiamo sentito con le nostre orecchie poco prima del nostro arrivo davanti alla chiesa. Questo dimostra tutto quanto detto sopra (vedi punto 2.), le chiese sono aperte a tutti: alle Bonino, alle altre "religioni", a tanti omosessuali pubblicamente dichiarati e fieri della loro omosessualità, di proseguire nell'ideologia omosessualista, ma non ai cattolici che vogliono pregare e manifestare pubblicamente la propria fede.
Lasciamo - seppur con grande dispiacere - le chiese ai feudatari e ai burocrati, proprietari di beni costruiti da chi conservava la Fede nella sua integrità; noi, come questi ultimi, ci temiamo volentieri la Fede.

Comitato "Beata Giovanna Scopelli" ha detto...

... segue

4. Ringraziamo tutti coloro i quali hanno reso possibile questo evento, venendo alla Processione anche da molto lontano e non senza grande sacrificio; sopportando caldo e traffico estivo, si sono fatti viva presenza dell'apostolato cattolico. Un ringraziamento ancora va alla Questura, per l'ottimo lavoro svolto e la grande cordialità dimostrata. Così come i giornalisti presenti all'inizio, i quali non hanno intralciato il corretto svolgimento della Processione continuando il proprio lavoro senza invadenza.
5. Tutto si è svolto nel silenzio più raccolto, nella preghiera fervente e nella contrizione dei cuori rivolti a Dio per chiedere a Lui perdono per i peccati dell'uomo, in particolare quello che viola la natura umana dal Padre Eterno creata.
6. Il Comitato "Beata Giovanna Scopelli" continuerà nel suo operato, garantendo il proprio impegno sulla Regione Emilia-Romagna dove ha ottenuto in poco più di un mese due risultati strepitosi, attirando l'attenzione dei media nazionali. Lasciamo ai commentatori anonimi del "sabato pomeriggio" le critiche e le accuse infondate: con le pantofole ai piedi e le dita che grattano la pancia è facile pontificare, più difficile realizzare qualcosa con determinazione e tentando di concentrare ed unire tutte le forze presenti nel mondo cattolico.
Questa mattina alla Processione c'erano persone di diverse estrazioni (ovviamente tutte cattoliche), felici e fiere di essere presenti lì per portare una forte testimonianza e una piccola consolazione al Sacro Cuore trafitto di Gesù.
7. La Vergine Santissima continui ad intercedere per noi insieme alla grande Patrona del nostro Comitato. Ci aiuti a permanere nella Fede e nella perseveranza fino alla fine. Ci doni infine abbondanti dosi di Grazia come quelle viste stamattina, dove tanti giovani ragazzi e ragazze e tante belle famiglie cattoliche hanno marciato per la Gloria di Gesù Cristo e il trionfo della Sua Immacolata Sposa. Il "sensum fidei" sarà così conservato dai piccoli e, come diceva Mario Palmaro - un cattolico morto da cattolico - "alla fine il buon seme fiorirà".
Viva Cristo Re!
Rimini, 29 luglio 2017